acetonemagazine.org
Nuove ricette

Quando è il giorno di San Patrizio 2018?

Quando è il giorno di San Patrizio 2018?



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Sei fortunato: abbiamo tutto il necessario per pianificare la tua festa

istockphoto.com

Buon giorno di San Patrizio, ragazzi!

Il giorno di San Patrizio, sembra che tutti improvvisamente dicano di essere almeno un po' irlandesi. Non è solo birra verde e cocktail. La tradizione irlandese impone, ad esempio, alcuni cibi che vengono tipicamente serviti durante le vacanze. Altri paesi ospitano celebrazioni turbolente e uniche.

Non importa come festeggi, questa è una vacanza da non perdere. Ma con tutta l'eccitazione della primavera e l'impeto del clima più caldo, potresti dimenticare che il giorno sta arrivando; la festa del bere e del ballare potrebbe facilmente sgattaiolare su di te.

Ogni anno, il giorno di San Patrizio cade il 17 marzo. Questo perché il 17 marzo è l'anniversario della morte di San Patrizio, il principale santo patrono d'Irlanda. Quest'anno, però, tutti hanno avuto un po' di fortuna in più: il giorno di San Patrizio cade di sabato nel 2018. Quindi, con l'arrivo della primavera, è tempo di iniziare a pianificare.

Ma non preoccuparti. The Daily Meal ha tutte le risorse di cui hai bisogno per ospitare o partecipare a qualsiasi festività desideri.

Se stai cercando una celebrazione più tradizionale del giorno di San Patrizio, impara a cucinare alcuni dei piatti irlandesi più tradizionali serviti durante le vacanze. Usa alcune di queste ricette appositamente realizzate per mangiare come un vero irlandese. E per dessert, servi un delizioso dolcetto o due ai tuoi ospiti desiderosi usando queste semplici ricette.

Per cucinare qualcosa di un po' più stravagante e divertente, leggi alcuni dei cibi più folli che siano mai stati tinti di verde. Prepara dei dolcetti adorabili usando i cereali di Lucky Charm; queste ricette sembrano così buone, sono l'unica sorpresa che vorrai trovare alla fine dell'arcobaleno. Tuttavia, non tutto della tua festa deve essere indulgente. Le verdure a foglia verde possono essere utilizzate in alcune ricette festive per contribuire al tuo sano e felice giorno di San Patrizio.

Naturalmente, non puoi dimenticare la parte più entusiasta delle celebrazioni del giorno di San Patrizio, storicamente: l'alcol. Se hai più di 21 anni, ci sono buone probabilità che la tua festa implichi dell'alcol, tinto di verde o meno. Diversifica il tuo menu di bevande con alcune birre irlandesi che non sono Guinness (anche se la Guinness potrebbe essere la scelta più salutare). Vivilo in uno dei migliori pub irlandesi d'America. Soprattutto, però, questa vacanza va al sicuro. Proteggi il tuo fegato con queste 4 semplici tattiche e ordina del cibo irlandese abbondante e delizioso per assorbire tutto l'alcol.

Dai consigli sui drink alle guide di hosting, ti abbiamo coperto. Trova tutto questo e molto altro nella pagina del giorno di San Patrizio di The Daily Meal.


Ricette per il giorno di San Patrizio di un famoso chef stellato Michelin

WASHINGTON — Un piatto di uova verdi e prosciutto può essere bastato per una festa di San Patrizio quando eri bambino, ma man mano che sei cresciuto, anche il tuo palato è cresciuto.

Se stai cercando di festeggiare il 17 marzo con un menu più raffinato, Patrick O'Connell, chef e proprietario di The Inn at Little Washington, ha alcune idee - e nessuna di queste prevede coloranti alimentari verdi.

Il suo primo consiglio: approfitta della tavolozza dei colori di Madre Natura. In questo periodo dell'anno, le verdure primaverili sono più facilmente disponibili e possono aggiungere un tocco di verde a qualsiasi piatto ordinario.

Nel suo ristorante con due stelle Michelin, a O'Connell piace preparare una purea di prezzemolo italiano a foglia piatta. Fa sbollentare velocemente un grosso mazzo in acqua bollente, poi fa cadere le foglie in acqua ghiacciata. Dopo aver tolto i gambi, mette le erbe in un frullatore, insieme a un po' di brodo. Il prodotto finale è una purea liquida verde brillante.

Galleria correlata

Dolce e salato: ecco 16 ricette di torte.

O'Connell incorpora la purea di prezzemolo nelle patate montate burrose, che serve insieme all'agnello.

"E diventa questa brillante macchia di verde brillante sul piatto che mette davvero in risalto il piatto perfettamente", ha detto.

Consiglia anche di usare la purea in un risotto alle spugnole, o anche sugli gnocchi.

Un altro preferito di O'Connell's, che è facile da padroneggiare per lo chef di casa, è quello che lui chiama "una crostata intricata di verdure". La ricetta (vedi sotto) si abbina perfettamente a quasi tutte le carni o può stare da sola come insalata invernale.

O'Connell descrive il piatto come una miscela di cavolo affettato, cotto con un po' di cipolla e pancetta, e poi condito con aceto, un pizzico di zucchero e "tanti, tanti semi di senape".

"È leggermente appassito e poi puoi usarlo con l'arrosto di maiale, puoi usarlo con il pesce, lo serviamo anche con un granchio dal guscio morbido", ha detto O'Connell.

"È un accompagnamento meravigliosamente versatile: un ortaggio pre-primaverile che è meravigliosamente croccante e meravigliosamente verde. E all'ultimo minuto ci metti dentro alcune foglie di crescione”.

Notizie correlate

Il cavolo è un alimento base nella maggior parte delle celebrazioni del giorno di San Patrizio, specialmente se servito con carne in scatola. Non sorprende che O'Connell abbia un modo per vestire il verde frondoso.

In una padella fa cuocere un po' di cipolla e pancetta, poi aggiunge fettine sottili di verza, che secondo lo chef è tenera e cuoce meglio del normale cavolo cappuccio. Versa lo Champagne nel composto e lascia cuocere. Quindi, aggiunge la crema.

"Ed è un accompagnamento molto lussuoso e meraviglioso", ha detto O'Connell.

Naturalmente, la cucina irlandese non si limita a carne in scatola e verdure. O'Connell ha detto che un altro modo per incorporare la cucina tradizionale irlandese è con un tè pomeridiano, o anche a colazione con una ciotola di farina d'avena.

"E, naturalmente, gli irlandesi adorano la loro farina d'avena", ha detto.

Al The Inn at Little Washington, O'Connell serve un tipo unico di farina d'avena, uno "senza il quale le persone non possono vivere". Insaporisce l'avena irlandese con un po' di vaniglia e sciroppo d'acero e crea un soufflé.

Il suo consiglio? Mettere una cucchiaiata di farina d'avena cotta sul fondo di una pirofila imburrata, quindi montare gli albumi e incorporarli a un altro cucchiaio di farina d'avena.

"Lo metti sopra e lo cuoci per circa 7 o 8 minuti fino a quando non si gonfia, ed è un mondo completamente diverso", ha detto O'Connell.

"La farina d'avena non è mai stata così elegante."

O'Connell ha pensato molto alla cucina irlandese ultimamente, e non solo per il giorno di San Patrizio. Questo aprile, lo chef con sede in Virginia si recherà in Irlanda per cucinare nel premiato hotel di campagna Ballyfin.

Il menu degustazione di sei portate di O'Connell includerà piatti come il napoleone croccante di aragosta del Maine refrigerata con caviale Royal Oscietra e il petto di pollo della fattoria di Kilkenny ripieno di tartufo su cavolo verza, brasato allo champagne. Questo evento è solo uno dei tanti in programma per celebrare i 40 anni dell'Inn at Little Washington e i biglietti sono ancora disponibili.

"Ci sono molti modi per aggiornare e perfezionare i sapori classici della cucina irlandese... e chiunque abbia trascorso del tempo in Irlanda si rende conto con quali ottimi prodotti ha sempre dovuto lavorare", ha affermato O'Connell.

"Penso che se le persone pensano in modo diverso ai sapori dell'Irlanda, come abbiamo sempre avuto a che fare con i sapori della cucina americana, diventi un po' creativo nel modo in cui li presenti".

Questo giorno di San Patrizio, prova la purea di prezzemolo di O'Connell nelle tue "uova verdi". Potresti semplicemente imbatterti in un modo più autentico e delizioso per celebrare la festa.

Ricetta: un groviglio di torta di verdure

Per gentile concessione di Patrick O’Connell, The Inn at Little Washington

  • ½ testa di verza
  • 1 striscia di pancetta spessa o 2 strisce sottili, a dadini
  • ½ cipolla rossa grande, affettata sottilmente
  • 1 cucchiaio di semi di senape
  • 2 cucchiai di zucchero
  • bicchiere di aceto di vino bianco
  • ½ mazzo di crescione, i gambi grossolani rimossi
  • Pepe appena macinato a piacere
  1. Sbucciare e sminuzzare grossolanamente il cavolo con un coltello affilato o una mandolina.
  2. In una padella da 10 pollici, rosolare la pancetta a fuoco medio fino a doratura. Aggiungere la cipolla e il cavolo e soffriggere fino a quando il cavolo inizia ad appassire. Aggiungere i semi di senape, lo zucchero e l'aceto e cuocere finché il cavolo non sarà tenero ma ancora croccante.
  3. Rimuovi la padella dal fuoco. Unire il crescione e condire con il pepe. Servire caldo.

Ulteriori ricette sopra menzionate possono essere trovate nei libri di cucina di O’Connell, “Patrick O’Connell’s Refined American Cuisine” e “The Inn at Little Washington Cookbook.”


Ricette per il giorno di San Patrizio di un famoso chef stellato Michelin

WASHINGTON — Un piatto di uova verdi e prosciutto può essere bastato per una festa di San Patrizio quando eri bambino, ma man mano che sei cresciuto, anche il tuo palato è cresciuto.

Se stai cercando di festeggiare il 17 marzo con un menu più raffinato, Patrick O'Connell, chef e proprietario di The Inn at Little Washington, ha alcune idee - e nessuna di queste prevede coloranti alimentari verdi.

Il suo primo consiglio: approfitta della tavolozza dei colori di Madre Natura. In questo periodo dell'anno, le verdure primaverili sono più facilmente disponibili e possono aggiungere un tocco di verde a qualsiasi piatto ordinario.

Nel suo ristorante con due stelle Michelin, a O'Connell piace preparare una purea di prezzemolo italiano a foglia piatta. Fa sbollentare velocemente un grosso mazzo in acqua bollente, poi fa cadere le foglie in acqua ghiacciata. Dopo aver tolto i gambi, mette le erbe in un frullatore, insieme a un po' di brodo. Il prodotto finale è una purea liquida verde brillante.

Galleria correlata

Dolce e salato: ecco 16 ricette di torte.

O'Connell incorpora la purea di prezzemolo nelle patate montate burrose, che serve insieme all'agnello.

"E diventa questa brillante macchia verde brillante sul piatto che mette davvero in risalto il piatto perfettamente", ha detto.

Consiglia anche di usare la purea in un risotto alle spugnole, o anche sugli gnocchi.

Un altro preferito di O'Connell's, che è facile da padroneggiare per lo chef di casa, è quello che lui chiama "una crostata intricata di verdure". La ricetta (vedi sotto) si abbina perfettamente a quasi tutte le carni o può stare da sola come insalata invernale.

O'Connell descrive il piatto come una miscela di cavolo affettato, cotto con un po' di cipolla e pancetta, e poi condito con aceto, un pizzico di zucchero e "tanti, tanti semi di senape".

"È leggermente appassito e poi puoi usarlo con l'arrosto di maiale, puoi usarlo con il pesce, lo serviamo anche con un granchio dal guscio morbido", ha detto O'Connell.

"È un accompagnamento meravigliosamente versatile: un ortaggio pre-primaverile che è meravigliosamente croccante e meravigliosamente verde. E all'ultimo minuto ci metti dentro alcune foglie di crescione”.

Notizie correlate

Il cavolo è un alimento base nella maggior parte delle celebrazioni del giorno di San Patrizio, specialmente se servito con carne in scatola. Non sorprende che O'Connell abbia un modo per vestire il verde frondoso.

In una padella fa cuocere un po' di cipolla e pancetta, poi aggiunge fettine sottili di verza, che secondo lo chef è tenera e cuoce meglio del normale cavolo cappuccio. Versa lo Champagne nella miscela e lascia cuocere. Quindi, aggiunge la crema.

"Ed è un accompagnamento molto lussuoso e meraviglioso", ha detto O'Connell.

Naturalmente, la cucina irlandese non si limita a carne in scatola e verdure. O'Connell ha detto che un altro modo per incorporare la cucina tradizionale irlandese è con un tè pomeridiano, o anche a colazione con una ciotola di farina d'avena.

"E, naturalmente, gli irlandesi amano la loro farina d'avena", ha detto.

Al The Inn at Little Washington, O'Connell serve un tipo unico di farina d'avena, uno "senza il quale le persone non possono vivere". Insaporisce l'avena irlandese con un po' di vaniglia e sciroppo d'acero e crea un soufflé.

Il suo consiglio? Mettere una cucchiaiata di farina d'avena cotta sul fondo di un piatto da soufflé imburrato, quindi montare gli albumi e incorporarli a un altro cucchiaio di farina d'avena.

"Lo metti sopra e lo cuoci per circa 7 o 8 minuti fino a quando non si gonfia, ed è un mondo completamente diverso", ha detto O'Connell.

"La farina d'avena non è mai stata così elegante."

O'Connell ha pensato molto alla cucina irlandese ultimamente, e non solo per il giorno di San Patrizio. Questo aprile, lo chef con sede in Virginia si recherà in Irlanda per cucinare nel premiato hotel di campagna Ballyfin.

Il menu degustazione di sei portate di O'Connell includerà piatti come il napoleone croccante di aragosta del Maine refrigerata con caviale Royal Oscietra e il petto di pollo della fattoria di Kilkenny ripieno di tartufo su cavolo verza, brasato allo champagne. Questo evento è solo uno dei tanti in programma per celebrare i 40 anni dell'Inn at Little Washington e i biglietti sono ancora disponibili.

"Ci sono molti modi per aggiornare e perfezionare i sapori classici della cucina irlandese... e chiunque abbia trascorso del tempo in Irlanda si rende conto con quali ottimi prodotti ha sempre dovuto lavorare", ha affermato O'Connell.

"Penso che se le persone pensano in modo diverso ai sapori dell'Irlanda, come abbiamo sempre avuto a che fare con i sapori della cucina americana, diventi un po' creativo nel modo in cui li presenti".

Questo giorno di San Patrizio, prova la purea di prezzemolo di O'Connell nelle tue "uova verdi". Potresti semplicemente imbatterti in un modo più autentico e delizioso per celebrare la festa.

Ricetta: un groviglio di torta di verdure

Per gentile concessione di Patrick O’Connell, The Inn at Little Washington

  • ½ testa di verza
  • 1 striscia di pancetta spessa o 2 strisce sottili, a dadini
  • ½ cipolla rossa grande, affettata sottilmente
  • 1 cucchiaio di semi di senape
  • 2 cucchiai di zucchero
  • bicchiere di aceto di vino bianco
  • ½ mazzo di crescione, i gambi grossolani rimossi
  • Pepe appena macinato a piacere
  1. Sbucciare e sminuzzare grossolanamente il cavolo con un coltello affilato o una mandolina.
  2. In una padella da 10 pollici, rosolare la pancetta a fuoco medio fino a doratura. Aggiungere la cipolla e il cavolo e soffriggere fino a quando il cavolo inizia ad appassire. Aggiungere i semi di senape, lo zucchero e l'aceto e cuocere finché il cavolo non sarà tenero ma ancora croccante.
  3. Rimuovi la padella dal fuoco. Unire il crescione e condire con il pepe. Servire caldo.

Ulteriori ricette sopra menzionate possono essere trovate nei libri di cucina di O’Connell’s, “Patrick O’Connell’s Refined American Cuisine” e “The Inn at Little Washington Cookbook.”


Ricette per il giorno di San Patrizio di un famoso chef stellato Michelin

WASHINGTON — Un piatto di uova verdi e prosciutto può essere bastato per una festa di San Patrizio quando eri bambino, ma man mano che sei cresciuto, anche il tuo palato è cresciuto.

Se stai cercando di festeggiare il 17 marzo con un menu più raffinato, Patrick O'Connell, chef e proprietario di The Inn at Little Washington, ha alcune idee - e nessuna di queste prevede coloranti alimentari verdi.

Il suo primo consiglio: approfitta della tavolozza dei colori di Madre Natura. In questo periodo dell'anno, le verdure primaverili sono più facilmente disponibili e possono aggiungere un tocco di verde a qualsiasi piatto ordinario.

Nel suo ristorante con due stelle Michelin, a O'Connell piace preparare una purea di prezzemolo italiano a foglia piatta. Fa sbollentare velocemente un grosso mazzo in acqua bollente, poi fa cadere le foglie in acqua ghiacciata. Dopo aver tolto i gambi, mette le erbe in un frullatore, insieme a un po' di brodo. Il prodotto finale è una purea liquida verde brillante.

Galleria correlata

Dolce e salato: ecco 16 ricette di torte.

O'Connell incorpora la purea di prezzemolo nelle patate montate burrose, che serve insieme all'agnello.

"E diventa questa brillante macchia verde brillante sul piatto che mette davvero in risalto il piatto perfettamente", ha detto.

Consiglia anche di usare la purea in un risotto alle spugnole, o anche sugli gnocchi.

Un altro preferito di O'Connell, che è facile da padroneggiare per lo chef di casa, è quello che lui chiama "una crostata di verdure". La ricetta (vedi sotto) si abbina perfettamente a quasi tutte le carni o può stare da sola come insalata invernale.

O'Connell descrive il piatto come una miscela di cavolo affettato, cotto con un po' di cipolla e pancetta, e poi condito con aceto, un pizzico di zucchero e "tanti, tanti semi di senape".

"È leggermente appassito e poi puoi usarlo con l'arrosto di maiale, puoi usarlo con il pesce, lo serviamo anche con un granchio dal guscio morbido", ha detto O'Connell.

"È un accompagnamento meravigliosamente versatile: un ortaggio pre-primaverile che è meravigliosamente croccante e meravigliosamente verde. E all'ultimo minuto ci metti dentro alcune foglie di crescione”.

Notizie correlate

Il cavolo è un alimento base nella maggior parte delle celebrazioni del giorno di San Patrizio, specialmente se servito con carne in scatola. Non sorprende che O'Connell abbia un modo per vestire il verde frondoso.

In una padella fa cuocere un po' di cipolla e pancetta, poi aggiunge fettine sottili di verza, che secondo lo chef è tenera e cuoce meglio del normale cavolo cappuccio. Versa lo Champagne nel composto e lascia cuocere. Quindi, aggiunge la crema.

"Ed è un accompagnamento molto lussuoso e meraviglioso", ha detto O'Connell.

Naturalmente, la cucina irlandese non si limita a carne in scatola e verdure. O'Connell ha detto che un altro modo per incorporare la cucina tradizionale irlandese è con un tè pomeridiano, o anche a colazione con una ciotola di farina d'avena.

"E, naturalmente, gli irlandesi amano la loro farina d'avena", ha detto.

Al The Inn at Little Washington, O'Connell serve un tipo unico di farina d'avena, uno "senza il quale le persone non possono vivere". Insaporisce l'avena irlandese con un po' di vaniglia e sciroppo d'acero e crea un soufflé.

Il suo consiglio? Mettere una cucchiaiata di farina d'avena cotta sul fondo di una pirofila imburrata, quindi montare gli albumi e incorporarli a un altro cucchiaio di farina d'avena.

"Lo metti sopra e lo cuoci per circa 7 o 8 minuti fino a quando non si gonfia, ed è un mondo completamente diverso", ha detto O'Connell.

"La farina d'avena non è mai stata così elegante."

O'Connell ha pensato molto alla cucina irlandese ultimamente, e non solo per il giorno di San Patrizio. Questo aprile, lo chef con sede in Virginia si recherà in Irlanda per cucinare nel premiato hotel di campagna Ballyfin.

Il menu degustazione di sei portate di O'Connell includerà piatti come il napoleone croccante di aragosta del Maine refrigerata con caviale Royal Oscietra e il petto di pollo della fattoria di Kilkenny ripieno di tartufo su cavolo verza, brasato allo champagne. Questo evento è solo uno dei tanti in programma per celebrare i 40 anni dell'Inn at Little Washington e i biglietti sono ancora disponibili.

"Ci sono molti modi per aggiornare e perfezionare i sapori classici della cucina irlandese... e chiunque abbia trascorso del tempo in Irlanda si rende conto con quali ottimi prodotti ha sempre dovuto lavorare", ha affermato O'Connell.

"Penso che se le persone pensano in modo diverso ai sapori dell'Irlanda, come abbiamo sempre avuto a che fare con i sapori della cucina americana, diventi un po' creativo nel modo in cui li presenti".

Questo giorno di San Patrizio, prova la purea di prezzemolo di O'Connell nelle tue "uova verdi". Potresti semplicemente imbatterti in un modo più autentico e delizioso per celebrare la festa.

Ricetta: un groviglio di torta di verdure

Per gentile concessione di Patrick O’Connell, The Inn at Little Washington

  • ½ testa di verza
  • 1 striscia di pancetta spessa o 2 strisce sottili, a dadini
  • ½ cipolla rossa grande, affettata sottilmente
  • 1 cucchiaio di semi di senape
  • 2 cucchiai di zucchero
  • bicchiere di aceto di vino bianco
  • ½ mazzo di crescione, i gambi grossolani rimossi
  • Pepe appena macinato a piacere
  1. Sbucciare e sminuzzare grossolanamente il cavolo con un coltello affilato o una mandolina.
  2. In una padella da 10 pollici, rosolare la pancetta a fuoco medio fino a doratura. Aggiungere la cipolla e il cavolo e soffriggere fino a quando il cavolo inizia ad appassire. Aggiungere i semi di senape, lo zucchero e l'aceto e cuocere finché il cavolo non sarà tenero ma ancora croccante.
  3. Rimuovi la padella dal fuoco. Unire il crescione e condire con il pepe. Servire caldo.

Ulteriori ricette sopra menzionate possono essere trovate nei libri di cucina di O’Connell, “Patrick O’Connell’s Refined American Cuisine” e “The Inn at Little Washington Cookbook.”


Ricette per il giorno di San Patrizio di un famoso chef stellato Michelin

WASHINGTON — Un piatto di uova verdi e prosciutto può essere bastato per una festa di San Patrizio quando eri bambino, ma man mano che sei cresciuto, anche il tuo palato è cresciuto.

Se stai cercando di festeggiare il 17 marzo con un menu più raffinato, Patrick O'Connell, chef e proprietario di The Inn at Little Washington, ha alcune idee - e nessuna di queste prevede coloranti alimentari verdi.

Il suo primo consiglio: approfitta della tavolozza dei colori di Madre Natura. In questo periodo dell'anno, le verdure primaverili sono più facilmente disponibili e possono aggiungere un tocco di verde a qualsiasi piatto ordinario.

Nel suo ristorante con due stelle Michelin, a O'Connell piace preparare una purea di prezzemolo italiano a foglia piatta. Fa sbollentare velocemente un grosso mazzo in acqua bollente, poi fa cadere le foglie in acqua ghiacciata. Dopo aver tolto i gambi, mette le erbe in un frullatore, insieme a un po' di brodo. Il prodotto finale è una purea liquida verde brillante.

Galleria correlata

Dolce e salato: ecco 16 ricette di torte.

O'Connell incorpora la purea di prezzemolo nelle patate montate burrose, che serve insieme all'agnello.

"E diventa questa brillante macchia verde brillante sul piatto che mette davvero in risalto il piatto perfettamente", ha detto.

Consiglia anche di usare la purea in un risotto alle spugnole, o anche sugli gnocchi.

Un altro preferito di O'Connell's, che è facile da padroneggiare per lo chef di casa, è quello che lui chiama "una crostata intricata di verdure". La ricetta (vedi sotto) si abbina perfettamente a quasi tutte le carni o può stare da sola come insalata invernale.

O'Connell descrive il piatto come una miscela di cavolo affettato, cotto con un po' di cipolla e pancetta, e poi condito con aceto, un pizzico di zucchero e "tanti, tanti semi di senape".

"È leggermente appassito e poi puoi usarlo con l'arrosto di maiale, puoi usarlo con il pesce, lo serviamo anche con un granchio dal guscio morbido", ha detto O'Connell.

"È un accompagnamento meravigliosamente versatile: un ortaggio pre-primaverile che è meravigliosamente croccante e meravigliosamente verde. E all'ultimo minuto ci metti dentro alcune foglie di crescione”.

Notizie correlate

Il cavolo è un alimento base nella maggior parte delle celebrazioni del giorno di San Patrizio, specialmente se servito con carne in scatola. Non sorprende che O'Connell abbia un modo per vestire il verde frondoso.

In una padella fa cuocere un po' di cipolla e pancetta, poi aggiunge fettine sottili di verza, che secondo lo chef è tenera e cuoce meglio del normale cavolo cappuccio. Versa lo Champagne nel composto e lascia cuocere. Quindi, aggiunge la crema.

"Ed è un accompagnamento molto lussuoso e meraviglioso", ha detto O'Connell.

Naturalmente, la cucina irlandese non si limita a carne in scatola e verdure. O'Connell ha detto che un altro modo per incorporare la cucina tradizionale irlandese è con un tè pomeridiano, o anche a colazione con una ciotola di farina d'avena.

"E, naturalmente, gli irlandesi adorano la loro farina d'avena", ha detto.

Al The Inn at Little Washington, O'Connell serve un tipo unico di farina d'avena, uno "senza il quale le persone non possono vivere". Insaporisce l'avena irlandese con un po' di vaniglia e sciroppo d'acero e crea un soufflé.

Il suo consiglio? Mettere una cucchiaiata di farina d'avena cotta sul fondo di un piatto da soufflé imburrato, quindi montare gli albumi e incorporarli a un altro cucchiaio di farina d'avena.

"Lo metti sopra e lo cuoci per circa 7 o 8 minuti fino a quando non si gonfia, ed è un mondo completamente diverso", ha detto O'Connell.

"La farina d'avena non è mai stata così elegante."

O'Connell ha pensato molto alla cucina irlandese ultimamente, e non solo per il giorno di San Patrizio. Questo aprile, lo chef con sede in Virginia si recherà in Irlanda per cucinare nel premiato hotel di campagna Ballyfin.

Il menu degustazione di sei portate di O'Connell includerà piatti come il napoleone croccante di aragosta del Maine refrigerata con caviale Royal Oscietra e il petto di pollo della fattoria di Kilkenny ripieno di tartufo su cavolo verza, brasato allo champagne. Questo evento è solo uno dei tanti in programma per celebrare i 40 anni dell'Inn at Little Washington e i biglietti sono ancora disponibili.

"Ci sono molti modi per aggiornare e perfezionare i sapori classici della cucina irlandese... e chiunque abbia trascorso del tempo in Irlanda si rende conto con quali ottimi prodotti ha sempre dovuto lavorare", ha affermato O'Connell.

"Penso che se le persone pensano in modo diverso ai sapori dell'Irlanda, come abbiamo sempre avuto a che fare con i sapori della cucina americana, diventi un po' creativo nel modo in cui li presenti".

Questo giorno di San Patrizio, prova la purea di prezzemolo di O'Connell nelle tue "uova verdi". Potresti semplicemente imbatterti in un modo più autentico e delizioso per celebrare la festa.

Ricetta: un groviglio di torta di verdure

Per gentile concessione di Patrick O’Connell, The Inn at Little Washington

  • ½ testa di verza
  • 1 striscia di pancetta spessa o 2 strisce sottili, a dadini
  • ½ cipolla rossa grande, affettata sottilmente
  • 1 cucchiaio di semi di senape
  • 2 cucchiai di zucchero
  • bicchiere di aceto di vino bianco
  • ½ mazzo di crescione, i gambi grossolani rimossi
  • Pepe appena macinato a piacere
  1. Sbucciare e sminuzzare grossolanamente il cavolo con un coltello affilato o una mandolina.
  2. In una padella da 10 pollici, rosolare la pancetta a fuoco medio fino a doratura. Aggiungere la cipolla e il cavolo e soffriggere fino a quando il cavolo inizia ad appassire. Aggiungere i semi di senape, lo zucchero e l'aceto e cuocere finché il cavolo non sarà tenero ma ancora croccante.
  3. Rimuovi la padella dal fuoco. Unire il crescione e condire con il pepe. Servire caldo.

Ulteriori ricette sopra menzionate possono essere trovate nei libri di cucina di O’Connell’s, “Patrick O’Connell’s Refined American Cuisine” e “The Inn at Little Washington Cookbook.”


Ricette per il giorno di San Patrizio di un famoso chef stellato Michelin

WASHINGTON — Un piatto di uova verdi e prosciutto può essere bastato per una festa di San Patrizio quando eri bambino, ma man mano che sei cresciuto, anche il tuo palato è cresciuto.

Se stai cercando di festeggiare il 17 marzo con un menu più raffinato, Patrick O'Connell, chef e proprietario di The Inn at Little Washington, ha alcune idee - e nessuna di queste prevede coloranti alimentari verdi.

Il suo primo consiglio: approfitta della tavolozza dei colori di Madre Natura. In questo periodo dell'anno, le verdure primaverili sono più facilmente disponibili e possono aggiungere un tocco di verde a qualsiasi piatto ordinario.

Nel suo ristorante con due stelle Michelin, a O'Connell piace preparare una purea di prezzemolo italiano a foglia piatta. Fa sbollentare velocemente un grosso mazzo in acqua bollente, poi fa cadere le foglie in acqua ghiacciata. Dopo aver tolto i gambi, mette le erbe in un frullatore, insieme a un po' di brodo. Il prodotto finale è una purea liquida verde brillante.

Galleria correlata

Dolce e salato: ecco 16 ricette di torte.

O'Connell incorpora la purea di prezzemolo nelle patate montate burrose, che serve insieme all'agnello.

"E diventa questa brillante macchia di verde brillante sul piatto che mette davvero in risalto il piatto perfettamente", ha detto.

Consiglia anche di usare la purea in un risotto alle spugnole, o anche sugli gnocchi.

Un altro preferito di O'Connell, che è facile da padroneggiare per lo chef di casa, è quello che lui chiama "una crostata di verdure". La ricetta (vedi sotto) si abbina perfettamente a quasi tutte le carni o può stare da sola come insalata invernale.

O'Connell descrive il piatto come una miscela di cavolo affettato, cotto con un po' di cipolla e pancetta, e poi condito con aceto, un pizzico di zucchero e "tanti, tanti semi di senape".

"È leggermente appassito e poi puoi usarlo con l'arrosto di maiale, puoi usarlo con il pesce, lo serviamo anche con un granchio dal guscio morbido", ha detto O'Connell.

"È un accompagnamento meravigliosamente versatile: un ortaggio pre-primaverile che è meravigliosamente croccante e meravigliosamente verde. E all'ultimo minuto ci metti dentro alcune foglie di crescione”.

Notizie correlate

Il cavolo è un alimento base nella maggior parte delle celebrazioni del giorno di San Patrizio, specialmente se servito con carne in scatola. Non sorprende che O'Connell abbia un modo per vestire il verde frondoso.

In una padella fa cuocere un po' di cipolla e pancetta, poi aggiunge fettine sottili di verza, che secondo lo chef è tenera e cuoce meglio del normale cavolo cappuccio. Versa lo Champagne nel composto e lascia cuocere. Quindi, aggiunge la crema.

"Ed è un accompagnamento molto lussuoso e meraviglioso", ha detto O'Connell.

Naturalmente, la cucina irlandese non si limita a carne in scatola e verdure. O'Connell ha detto che un altro modo per incorporare la cucina tradizionale irlandese è con un tè pomeridiano, o anche a colazione con una ciotola di farina d'avena.

"E, naturalmente, gli irlandesi adorano la loro farina d'avena", ha detto.

Al The Inn at Little Washington, O'Connell serve un tipo unico di farina d'avena, uno "senza il quale le persone non possono vivere". Insaporisce l'avena irlandese con un po' di vaniglia e sciroppo d'acero e crea un soufflé.

Il suo consiglio? Mettere una cucchiaiata di farina d'avena cotta sul fondo di una pirofila imburrata, quindi montare gli albumi e incorporarli a un altro cucchiaio di farina d'avena.

"Lo metti sopra e lo cuoci per circa 7 o 8 minuti fino a quando non si gonfia, ed è un mondo completamente diverso", ha detto O'Connell.

"La farina d'avena non è mai stata così elegante."

O'Connell ha pensato molto alla cucina irlandese ultimamente, e non solo per il giorno di San Patrizio. Questo aprile, lo chef con sede in Virginia si recherà in Irlanda per cucinare nel premiato hotel di campagna Ballyfin.

Il menu degustazione di sei portate di O'Connell includerà piatti come il napoleone croccante di aragosta del Maine refrigerata con caviale Royal Oscietra e il petto di pollo della fattoria di Kilkenny ripieno di tartufo su cavolo verza, brasato allo champagne. Questo evento è solo uno dei tanti in programma per celebrare i 40 anni dell'Inn at Little Washington e i biglietti sono ancora disponibili.

"Ci sono molti modi per aggiornare e perfezionare i sapori classici della cucina irlandese... e chiunque abbia trascorso del tempo in Irlanda si rende conto con quali ottimi prodotti ha sempre dovuto lavorare", ha affermato O'Connell.

"Penso che se le persone pensano in modo diverso ai sapori dell'Irlanda, come abbiamo sempre avuto a che fare con i sapori della cucina americana, diventi un po' creativo nel modo in cui li presenti".

Questo giorno di San Patrizio, prova la purea di prezzemolo di O'Connell nelle tue "uova verdi". Potresti semplicemente imbatterti in un modo più autentico e delizioso per celebrare la festa.

Ricetta: un groviglio di torta di verdure

Per gentile concessione di Patrick O’Connell, The Inn at Little Washington

  • ½ testa di verza
  • 1 striscia di pancetta spessa o 2 strisce sottili, a dadini
  • ½ cipolla rossa grande, affettata sottilmente
  • 1 cucchiaio di semi di senape
  • 2 cucchiai di zucchero
  • bicchiere di aceto di vino bianco
  • ½ mazzo di crescione, senza gambi grossolani
  • Pepe appena macinato a piacere
  1. Sbucciare e sminuzzare grossolanamente il cavolo con un coltello affilato o una mandolina.
  2. In una padella da 10 pollici, rosolare la pancetta a fuoco medio fino a doratura. Aggiungere la cipolla e il cavolo e soffriggere fino a quando il cavolo inizia ad appassire. Aggiungere i semi di senape, lo zucchero e l'aceto e cuocere finché il cavolo non sarà tenero ma ancora croccante.
  3. Rimuovi la padella dal fuoco. Unire il crescione e condire con il pepe. Servire caldo.

Ulteriori ricette sopra menzionate possono essere trovate nei libri di cucina di O’Connell’s, “Patrick O’Connell’s Refined American Cuisine” e “The Inn at Little Washington Cookbook.”


Ricette per il giorno di San Patrizio di un famoso chef stellato Michelin

WASHINGTON — Un piatto di uova verdi e prosciutto può essere bastato per una festa di San Patrizio quando eri bambino, ma man mano che sei cresciuto, anche il tuo palato è cresciuto.

Se stai cercando di festeggiare il 17 marzo con un menu più raffinato, Patrick O'Connell, chef e proprietario di The Inn at Little Washington, ha alcune idee - e nessuna di queste prevede coloranti alimentari verdi.

Il suo primo consiglio: approfitta della tavolozza dei colori di Madre Natura. This time of year, early spring vegetables are more readily available, and they can add a pop of green to any ordinary dish.

At his two-Michelin star restaurant, O’Connell likes to make a puree of Italian flat-leaf parsley. He quickly blanches a big bunch in boiling water, then drops the leaves into ice water. After removing the stems, he puts the herbs into a blender, along with some stock. The end product is a bright green liquid puree.

Related Gallery

Sweet and savory: Here are 16 pie recipes.

O’Connell incorporates the parsley puree into buttery whipped potatoes, which he serves alongside lamb.

“And it becomes this brilliant bright blob of green on the plate that really sets the dish off perfectly,” he said.

He also recommends using the puree in a risotto with morel mushrooms, or even over gnocchi.

Another favorite of O’Connell’s, which is easy for the home chef to master, is what he calls “a tangle tart of greens.” The recipe (see below) pairs perfectly with almost any meat, or can stand by itself as a winter salad.

O’Connell describes the dish as a mixture of sliced cabbage, cooked with a little onion and bacon, and then dressed with vinegar, a pinch of sugar and “lots and lots of mustard seed.”

“It’s wilted down lightly and then you can use that with roast pork, you can use that with fish, we even serve it with a soft shell crab,” O’Connell said.

“It’s a wonderfully versatile accompaniment — a pre-spring vegetable that’s wonderfully crunchy and beautifully green. And at the last minute, you whip into it some leaves of watercress.”

Notizie correlate

Cabbage is a staple at most St. Patrick’s Day celebrations, especially when served with corned beef. Unsurprisingly, O’Connell has a way to dress up the leafy green.

He cooks a little onion and bacon in a pan, and then adds thin slices of savoy cabbage, which the chef said is tender and cooks better than standard cabbage. He pours Champagne into the mixture and lets it cook down. Then, he adds cream.

“And it is a very luxurious, gorgeous accompaniment,” O’Connell said.

Of course, Irish cooking isn’t limited to corned beef and greens. O’Connell said another way to incorporate traditional Irish cuisine is with an afternoon tea, or even at the breakfast table with a bowl of oatmeal.

“And of course, the Irish love their oatmeal,” he said.

At The Inn at Little Washington, O’Connell serves a unique type of oatmeal — one “that people can’t live without.” He flavors Irish oats with a little vanilla and maple syrup, and creates a soufflé.

His advice? Place a dollop of the cooked oatmeal in the bottom of a buttered soufflé dish, and then whip egg whites and fold that into another spoonful of the oatmeal.

“You place that on top and you bake it for about 7 or 8 minutes until it’s puffed, and it’s a whole different world,” O’Connell said.

“Oatmeal has never tasted so elegant.”

O’Connell’s been thinking a lot about Irish cuisine lately — and not just because of St. Patrick’s Day. This April, the Virginia-based chef is traveling to Ireland to cook at the award-winning country house hotel, Ballyfin.

O’Connell’s six-course tasting menu will include dishes such as crispy napoleon of chilled Maine lobster with Royal Oscietra caviar, and truffle-stuffed breast of Kilkenny Farm Chicken on savoy cabbage, braised in Champagne. This event is just one of many planned for 40 years of celebrating the Inn at Little Washington, and tickets are still available.

“There are many ways to update and refine the classic flavors of Irish cuisine … and anyone who’s spent time in Ireland realizes what great products they’ve always had to work with,” O’Connell said.

“I think if people just think differently about the flavors of Ireland, as we’ve always had to do with the flavors of American cuisine, you just become a little creative in how you present them.”

This St. Patrick’s Day, test out O’Connell’s parsley puree in your “green eggs.” You may just stumble on a more authentic and delicious way to celebrate the holiday.

Recipe: A Tangle Tart of Greens

Courtesy Patrick O’Connell, The Inn at Little Washington

  • ½ head savoy cabbage
  • 1 strip thick bacon or 2 strips thin, diced
  • ½ large red onion, thinly sliced
  • 1 tablespoon mustard seeds
  • 2 cucchiai di zucchero
  • bicchiere di aceto di vino bianco
  • ½ bunch watercress, coarse stems removed
  • Freshly ground pepper to taste
  1. Core and coarsely shred the cabbage with a sharp knife or mandoline.
  2. In a 10-inch skillet, sauté the bacon over medium heat until lightly browned. Add the onion and cabbage and sauté until the cabbage begins to wilt. Add the mustard seeds, sugar, and vinegar and cook until the cabbage is tender but still crisp.
  3. Rimuovi la padella dal fuoco. Toss in the watercress and season with pepper. Servire caldo.

Additional recipes mentioned above can be found in O’Connell’s cookbooks, “Patrick O’Connell’s Refined American Cuisine” and “The Inn at Little Washington Cookbook.”


St. Patrick’s Day recipes from a famous Michelin-star chef

WASHINGTON — A plate of green eggs and ham may have sufficed for a St. Patrick’s Day feast when you were a child, but as you’ve grown, so has your palate.

If you’re looking to celebrate March 17 with a more refined menu, Patrick O’Connell, chef and proprietor of The Inn at Little Washington, has some ideas — and none of them involve green food coloring.

His first tip: Take advantage of Mother Nature’s color palette. This time of year, early spring vegetables are more readily available, and they can add a pop of green to any ordinary dish.

At his two-Michelin star restaurant, O’Connell likes to make a puree of Italian flat-leaf parsley. He quickly blanches a big bunch in boiling water, then drops the leaves into ice water. After removing the stems, he puts the herbs into a blender, along with some stock. The end product is a bright green liquid puree.

Related Gallery

Sweet and savory: Here are 16 pie recipes.

O’Connell incorporates the parsley puree into buttery whipped potatoes, which he serves alongside lamb.

“And it becomes this brilliant bright blob of green on the plate that really sets the dish off perfectly,” he said.

He also recommends using the puree in a risotto with morel mushrooms, or even over gnocchi.

Another favorite of O’Connell’s, which is easy for the home chef to master, is what he calls “a tangle tart of greens.” The recipe (see below) pairs perfectly with almost any meat, or can stand by itself as a winter salad.

O’Connell describes the dish as a mixture of sliced cabbage, cooked with a little onion and bacon, and then dressed with vinegar, a pinch of sugar and “lots and lots of mustard seed.”

“It’s wilted down lightly and then you can use that with roast pork, you can use that with fish, we even serve it with a soft shell crab,” O’Connell said.

“It’s a wonderfully versatile accompaniment — a pre-spring vegetable that’s wonderfully crunchy and beautifully green. And at the last minute, you whip into it some leaves of watercress.”

Notizie correlate

Cabbage is a staple at most St. Patrick’s Day celebrations, especially when served with corned beef. Unsurprisingly, O’Connell has a way to dress up the leafy green.

He cooks a little onion and bacon in a pan, and then adds thin slices of savoy cabbage, which the chef said is tender and cooks better than standard cabbage. He pours Champagne into the mixture and lets it cook down. Then, he adds cream.

“And it is a very luxurious, gorgeous accompaniment,” O’Connell said.

Of course, Irish cooking isn’t limited to corned beef and greens. O’Connell said another way to incorporate traditional Irish cuisine is with an afternoon tea, or even at the breakfast table with a bowl of oatmeal.

“And of course, the Irish love their oatmeal,” he said.

At The Inn at Little Washington, O’Connell serves a unique type of oatmeal — one “that people can’t live without.” He flavors Irish oats with a little vanilla and maple syrup, and creates a soufflé.

His advice? Place a dollop of the cooked oatmeal in the bottom of a buttered soufflé dish, and then whip egg whites and fold that into another spoonful of the oatmeal.

“You place that on top and you bake it for about 7 or 8 minutes until it’s puffed, and it’s a whole different world,” O’Connell said.

“Oatmeal has never tasted so elegant.”

O’Connell’s been thinking a lot about Irish cuisine lately — and not just because of St. Patrick’s Day. This April, the Virginia-based chef is traveling to Ireland to cook at the award-winning country house hotel, Ballyfin.

O’Connell’s six-course tasting menu will include dishes such as crispy napoleon of chilled Maine lobster with Royal Oscietra caviar, and truffle-stuffed breast of Kilkenny Farm Chicken on savoy cabbage, braised in Champagne. This event is just one of many planned for 40 years of celebrating the Inn at Little Washington, and tickets are still available.

“There are many ways to update and refine the classic flavors of Irish cuisine … and anyone who’s spent time in Ireland realizes what great products they’ve always had to work with,” O’Connell said.

“I think if people just think differently about the flavors of Ireland, as we’ve always had to do with the flavors of American cuisine, you just become a little creative in how you present them.”

This St. Patrick’s Day, test out O’Connell’s parsley puree in your “green eggs.” You may just stumble on a more authentic and delicious way to celebrate the holiday.

Recipe: A Tangle Tart of Greens

Courtesy Patrick O’Connell, The Inn at Little Washington

  • ½ head savoy cabbage
  • 1 strip thick bacon or 2 strips thin, diced
  • ½ large red onion, thinly sliced
  • 1 tablespoon mustard seeds
  • 2 cucchiai di zucchero
  • bicchiere di aceto di vino bianco
  • ½ bunch watercress, coarse stems removed
  • Freshly ground pepper to taste
  1. Core and coarsely shred the cabbage with a sharp knife or mandoline.
  2. In a 10-inch skillet, sauté the bacon over medium heat until lightly browned. Add the onion and cabbage and sauté until the cabbage begins to wilt. Add the mustard seeds, sugar, and vinegar and cook until the cabbage is tender but still crisp.
  3. Rimuovi la padella dal fuoco. Toss in the watercress and season with pepper. Servire caldo.

Additional recipes mentioned above can be found in O’Connell’s cookbooks, “Patrick O’Connell’s Refined American Cuisine” and “The Inn at Little Washington Cookbook.”


St. Patrick’s Day recipes from a famous Michelin-star chef

WASHINGTON — A plate of green eggs and ham may have sufficed for a St. Patrick’s Day feast when you were a child, but as you’ve grown, so has your palate.

If you’re looking to celebrate March 17 with a more refined menu, Patrick O’Connell, chef and proprietor of The Inn at Little Washington, has some ideas — and none of them involve green food coloring.

His first tip: Take advantage of Mother Nature’s color palette. This time of year, early spring vegetables are more readily available, and they can add a pop of green to any ordinary dish.

At his two-Michelin star restaurant, O’Connell likes to make a puree of Italian flat-leaf parsley. He quickly blanches a big bunch in boiling water, then drops the leaves into ice water. After removing the stems, he puts the herbs into a blender, along with some stock. The end product is a bright green liquid puree.

Related Gallery

Sweet and savory: Here are 16 pie recipes.

O’Connell incorporates the parsley puree into buttery whipped potatoes, which he serves alongside lamb.

“And it becomes this brilliant bright blob of green on the plate that really sets the dish off perfectly,” he said.

He also recommends using the puree in a risotto with morel mushrooms, or even over gnocchi.

Another favorite of O’Connell’s, which is easy for the home chef to master, is what he calls “a tangle tart of greens.” The recipe (see below) pairs perfectly with almost any meat, or can stand by itself as a winter salad.

O’Connell describes the dish as a mixture of sliced cabbage, cooked with a little onion and bacon, and then dressed with vinegar, a pinch of sugar and “lots and lots of mustard seed.”

“It’s wilted down lightly and then you can use that with roast pork, you can use that with fish, we even serve it with a soft shell crab,” O’Connell said.

“It’s a wonderfully versatile accompaniment — a pre-spring vegetable that’s wonderfully crunchy and beautifully green. And at the last minute, you whip into it some leaves of watercress.”

Notizie correlate

Cabbage is a staple at most St. Patrick’s Day celebrations, especially when served with corned beef. Unsurprisingly, O’Connell has a way to dress up the leafy green.

He cooks a little onion and bacon in a pan, and then adds thin slices of savoy cabbage, which the chef said is tender and cooks better than standard cabbage. He pours Champagne into the mixture and lets it cook down. Then, he adds cream.

“And it is a very luxurious, gorgeous accompaniment,” O’Connell said.

Of course, Irish cooking isn’t limited to corned beef and greens. O’Connell said another way to incorporate traditional Irish cuisine is with an afternoon tea, or even at the breakfast table with a bowl of oatmeal.

“And of course, the Irish love their oatmeal,” he said.

At The Inn at Little Washington, O’Connell serves a unique type of oatmeal — one “that people can’t live without.” He flavors Irish oats with a little vanilla and maple syrup, and creates a soufflé.

His advice? Place a dollop of the cooked oatmeal in the bottom of a buttered soufflé dish, and then whip egg whites and fold that into another spoonful of the oatmeal.

“You place that on top and you bake it for about 7 or 8 minutes until it’s puffed, and it’s a whole different world,” O’Connell said.

“Oatmeal has never tasted so elegant.”

O’Connell’s been thinking a lot about Irish cuisine lately — and not just because of St. Patrick’s Day. This April, the Virginia-based chef is traveling to Ireland to cook at the award-winning country house hotel, Ballyfin.

O’Connell’s six-course tasting menu will include dishes such as crispy napoleon of chilled Maine lobster with Royal Oscietra caviar, and truffle-stuffed breast of Kilkenny Farm Chicken on savoy cabbage, braised in Champagne. This event is just one of many planned for 40 years of celebrating the Inn at Little Washington, and tickets are still available.

“There are many ways to update and refine the classic flavors of Irish cuisine … and anyone who’s spent time in Ireland realizes what great products they’ve always had to work with,” O’Connell said.

“I think if people just think differently about the flavors of Ireland, as we’ve always had to do with the flavors of American cuisine, you just become a little creative in how you present them.”

This St. Patrick’s Day, test out O’Connell’s parsley puree in your “green eggs.” You may just stumble on a more authentic and delicious way to celebrate the holiday.

Recipe: A Tangle Tart of Greens

Courtesy Patrick O’Connell, The Inn at Little Washington

  • ½ head savoy cabbage
  • 1 strip thick bacon or 2 strips thin, diced
  • ½ large red onion, thinly sliced
  • 1 tablespoon mustard seeds
  • 2 cucchiai di zucchero
  • bicchiere di aceto di vino bianco
  • ½ bunch watercress, coarse stems removed
  • Freshly ground pepper to taste
  1. Core and coarsely shred the cabbage with a sharp knife or mandoline.
  2. In a 10-inch skillet, sauté the bacon over medium heat until lightly browned. Add the onion and cabbage and sauté until the cabbage begins to wilt. Add the mustard seeds, sugar, and vinegar and cook until the cabbage is tender but still crisp.
  3. Rimuovi la padella dal fuoco. Toss in the watercress and season with pepper. Servire caldo.

Additional recipes mentioned above can be found in O’Connell’s cookbooks, “Patrick O’Connell’s Refined American Cuisine” and “The Inn at Little Washington Cookbook.”


St. Patrick’s Day recipes from a famous Michelin-star chef

WASHINGTON — A plate of green eggs and ham may have sufficed for a St. Patrick’s Day feast when you were a child, but as you’ve grown, so has your palate.

If you’re looking to celebrate March 17 with a more refined menu, Patrick O’Connell, chef and proprietor of The Inn at Little Washington, has some ideas — and none of them involve green food coloring.

His first tip: Take advantage of Mother Nature’s color palette. This time of year, early spring vegetables are more readily available, and they can add a pop of green to any ordinary dish.

At his two-Michelin star restaurant, O’Connell likes to make a puree of Italian flat-leaf parsley. He quickly blanches a big bunch in boiling water, then drops the leaves into ice water. After removing the stems, he puts the herbs into a blender, along with some stock. The end product is a bright green liquid puree.

Related Gallery

Sweet and savory: Here are 16 pie recipes.

O’Connell incorporates the parsley puree into buttery whipped potatoes, which he serves alongside lamb.

“And it becomes this brilliant bright blob of green on the plate that really sets the dish off perfectly,” he said.

He also recommends using the puree in a risotto with morel mushrooms, or even over gnocchi.

Another favorite of O’Connell’s, which is easy for the home chef to master, is what he calls “a tangle tart of greens.” The recipe (see below) pairs perfectly with almost any meat, or can stand by itself as a winter salad.

O’Connell describes the dish as a mixture of sliced cabbage, cooked with a little onion and bacon, and then dressed with vinegar, a pinch of sugar and “lots and lots of mustard seed.”

“It’s wilted down lightly and then you can use that with roast pork, you can use that with fish, we even serve it with a soft shell crab,” O’Connell said.

“It’s a wonderfully versatile accompaniment — a pre-spring vegetable that’s wonderfully crunchy and beautifully green. And at the last minute, you whip into it some leaves of watercress.”

Notizie correlate

Cabbage is a staple at most St. Patrick’s Day celebrations, especially when served with corned beef. Unsurprisingly, O’Connell has a way to dress up the leafy green.

He cooks a little onion and bacon in a pan, and then adds thin slices of savoy cabbage, which the chef said is tender and cooks better than standard cabbage. He pours Champagne into the mixture and lets it cook down. Then, he adds cream.

“And it is a very luxurious, gorgeous accompaniment,” O’Connell said.

Of course, Irish cooking isn’t limited to corned beef and greens. O’Connell said another way to incorporate traditional Irish cuisine is with an afternoon tea, or even at the breakfast table with a bowl of oatmeal.

“And of course, the Irish love their oatmeal,” he said.

At The Inn at Little Washington, O’Connell serves a unique type of oatmeal — one “that people can’t live without.” He flavors Irish oats with a little vanilla and maple syrup, and creates a soufflé.

His advice? Place a dollop of the cooked oatmeal in the bottom of a buttered soufflé dish, and then whip egg whites and fold that into another spoonful of the oatmeal.

“You place that on top and you bake it for about 7 or 8 minutes until it’s puffed, and it’s a whole different world,” O’Connell said.

“Oatmeal has never tasted so elegant.”

O’Connell’s been thinking a lot about Irish cuisine lately — and not just because of St. Patrick’s Day. This April, the Virginia-based chef is traveling to Ireland to cook at the award-winning country house hotel, Ballyfin.

O’Connell’s six-course tasting menu will include dishes such as crispy napoleon of chilled Maine lobster with Royal Oscietra caviar, and truffle-stuffed breast of Kilkenny Farm Chicken on savoy cabbage, braised in Champagne. This event is just one of many planned for 40 years of celebrating the Inn at Little Washington, and tickets are still available.

“There are many ways to update and refine the classic flavors of Irish cuisine … and anyone who’s spent time in Ireland realizes what great products they’ve always had to work with,” O’Connell said.

“I think if people just think differently about the flavors of Ireland, as we’ve always had to do with the flavors of American cuisine, you just become a little creative in how you present them.”

This St. Patrick’s Day, test out O’Connell’s parsley puree in your “green eggs.” You may just stumble on a more authentic and delicious way to celebrate the holiday.

Recipe: A Tangle Tart of Greens

Courtesy Patrick O’Connell, The Inn at Little Washington

  • ½ head savoy cabbage
  • 1 strip thick bacon or 2 strips thin, diced
  • ½ large red onion, thinly sliced
  • 1 tablespoon mustard seeds
  • 2 cucchiai di zucchero
  • bicchiere di aceto di vino bianco
  • ½ bunch watercress, coarse stems removed
  • Freshly ground pepper to taste
  1. Core and coarsely shred the cabbage with a sharp knife or mandoline.
  2. In a 10-inch skillet, sauté the bacon over medium heat until lightly browned. Add the onion and cabbage and sauté until the cabbage begins to wilt. Add the mustard seeds, sugar, and vinegar and cook until the cabbage is tender but still crisp.
  3. Rimuovi la padella dal fuoco. Toss in the watercress and season with pepper. Servire caldo.

Additional recipes mentioned above can be found in O’Connell’s cookbooks, “Patrick O’Connell’s Refined American Cuisine” and “The Inn at Little Washington Cookbook.”


St. Patrick’s Day recipes from a famous Michelin-star chef

WASHINGTON — A plate of green eggs and ham may have sufficed for a St. Patrick’s Day feast when you were a child, but as you’ve grown, so has your palate.

If you’re looking to celebrate March 17 with a more refined menu, Patrick O’Connell, chef and proprietor of The Inn at Little Washington, has some ideas — and none of them involve green food coloring.

His first tip: Take advantage of Mother Nature’s color palette. This time of year, early spring vegetables are more readily available, and they can add a pop of green to any ordinary dish.

At his two-Michelin star restaurant, O’Connell likes to make a puree of Italian flat-leaf parsley. He quickly blanches a big bunch in boiling water, then drops the leaves into ice water. After removing the stems, he puts the herbs into a blender, along with some stock. The end product is a bright green liquid puree.

Related Gallery

Sweet and savory: Here are 16 pie recipes.

O’Connell incorporates the parsley puree into buttery whipped potatoes, which he serves alongside lamb.

“And it becomes this brilliant bright blob of green on the plate that really sets the dish off perfectly,” he said.

He also recommends using the puree in a risotto with morel mushrooms, or even over gnocchi.

Another favorite of O’Connell’s, which is easy for the home chef to master, is what he calls “a tangle tart of greens.” The recipe (see below) pairs perfectly with almost any meat, or can stand by itself as a winter salad.

O’Connell describes the dish as a mixture of sliced cabbage, cooked with a little onion and bacon, and then dressed with vinegar, a pinch of sugar and “lots and lots of mustard seed.”

“It’s wilted down lightly and then you can use that with roast pork, you can use that with fish, we even serve it with a soft shell crab,” O’Connell said.

“It’s a wonderfully versatile accompaniment — a pre-spring vegetable that’s wonderfully crunchy and beautifully green. And at the last minute, you whip into it some leaves of watercress.”

Notizie correlate

Cabbage is a staple at most St. Patrick’s Day celebrations, especially when served with corned beef. Unsurprisingly, O’Connell has a way to dress up the leafy green.

He cooks a little onion and bacon in a pan, and then adds thin slices of savoy cabbage, which the chef said is tender and cooks better than standard cabbage. He pours Champagne into the mixture and lets it cook down. Then, he adds cream.

“And it is a very luxurious, gorgeous accompaniment,” O’Connell said.

Of course, Irish cooking isn’t limited to corned beef and greens. O’Connell said another way to incorporate traditional Irish cuisine is with an afternoon tea, or even at the breakfast table with a bowl of oatmeal.

“And of course, the Irish love their oatmeal,” he said.

At The Inn at Little Washington, O’Connell serves a unique type of oatmeal — one “that people can’t live without.” He flavors Irish oats with a little vanilla and maple syrup, and creates a soufflé.

His advice? Place a dollop of the cooked oatmeal in the bottom of a buttered soufflé dish, and then whip egg whites and fold that into another spoonful of the oatmeal.

“You place that on top and you bake it for about 7 or 8 minutes until it’s puffed, and it’s a whole different world,” O’Connell said.

“Oatmeal has never tasted so elegant.”

O’Connell’s been thinking a lot about Irish cuisine lately — and not just because of St. Patrick’s Day. This April, the Virginia-based chef is traveling to Ireland to cook at the award-winning country house hotel, Ballyfin.

O’Connell’s six-course tasting menu will include dishes such as crispy napoleon of chilled Maine lobster with Royal Oscietra caviar, and truffle-stuffed breast of Kilkenny Farm Chicken on savoy cabbage, braised in Champagne. This event is just one of many planned for 40 years of celebrating the Inn at Little Washington, and tickets are still available.

“There are many ways to update and refine the classic flavors of Irish cuisine … and anyone who’s spent time in Ireland realizes what great products they’ve always had to work with,” O’Connell said.

“I think if people just think differently about the flavors of Ireland, as we’ve always had to do with the flavors of American cuisine, you just become a little creative in how you present them.”

This St. Patrick’s Day, test out O’Connell’s parsley puree in your “green eggs.” You may just stumble on a more authentic and delicious way to celebrate the holiday.

Recipe: A Tangle Tart of Greens

Courtesy Patrick O’Connell, The Inn at Little Washington

  • ½ head savoy cabbage
  • 1 strip thick bacon or 2 strips thin, diced
  • ½ large red onion, thinly sliced
  • 1 tablespoon mustard seeds
  • 2 cucchiai di zucchero
  • bicchiere di aceto di vino bianco
  • ½ bunch watercress, coarse stems removed
  • Freshly ground pepper to taste
  1. Core and coarsely shred the cabbage with a sharp knife or mandoline.
  2. In a 10-inch skillet, sauté the bacon over medium heat until lightly browned. Add the onion and cabbage and sauté until the cabbage begins to wilt. Add the mustard seeds, sugar, and vinegar and cook until the cabbage is tender but still crisp.
  3. Rimuovi la padella dal fuoco. Toss in the watercress and season with pepper. Servire caldo.

Additional recipes mentioned above can be found in O’Connell’s cookbooks, “Patrick O’Connell’s Refined American Cuisine” and “The Inn at Little Washington Cookbook.”


Guarda il video: Skoll - Pioggia dIrlanda audio ufficiale - official audio