acetonemagazine.org
Nuove ricette

Marilyn Hagerty è tornata, ciao

Marilyn Hagerty è tornata, ciao


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


La nonna preferita da tutti del mondo del cibo è tornata; Marilyn Hagerty ha pubblicato una nuova recensione dell'Olive Garden che l'ha resa famosa, le ha fatto vincere un contratto per un libro e un viaggio a New York. Siamo super gelosi, ma lei è adorabile quindi vince.

Hagerty rivisitato il Grand Forks Olive Garden e ha rinnovato la sua recensione genuina un anno dopo (la recensione originale, vista qui, è stato pubblicato il 7 marzo 2012). Un paio di cose sono cambiate, in particolare: "Non è più una novità a Grand Forks, l'Olive Garden si è ambientato", scrive Hagerty.

Ma cos'altro ha notato? Facciamo un confronto e un contrasto.

Sullo speciale pranzo di Olive Garden:

2012: "C'è un pranzo fatto in casa con zuppa, insalata e grissini disponibile tutti i giorni fino alle 16:00 per $ 6,95."

2013: "Il pranzo, e nello specifico la zuppa e l'insalata, sono una delle grandi attrattive. La scorsa settimana ho scelto il minestrone a base di verdure fresche, fagioli e pasta in brodo di pomodoro. Era preceduto in tavola da una generosa scodella di insalata croccante con un condimento dal gusto deciso. E c'erano grissini caldi, appena sfornati, in un cestino... Tutto questo per $ 5,50 è un ottimo acquisto. È un buon acquisto anche a $ 6,95, che paghi se ottieni ricariche."

Sull'insalata di Olive Garden:

2012: "Per prima cosa mi ha portato la familiare insalatiera Olive Garden con verdure croccanti, peperoni, anelli di cipolla e sì, diverse olive nere. Insieme ad essa è arrivato un piatto con due grissini lunghi e caldi".

2013: "Pro e contro: il cibo è prevedibile, fino alle quattro o cinque olive nere che trovi nell'insalatiera".

Sulla pasta di Olive Garden:

2012: "Il pollo Alfredo ($ 10,95) era caldo e confortante in una giornata fredda. La porzione era generosa. Il mio server era pronto con parmigiano."

2013: "I frutti di mare c'erano [nelle penne di mare], ma un po' difficili da trovare. C'era più pasta di quanta potessi mangiare".

Nel complesso, è una recensione piuttosto solida, poiché Hagerty prova persino il dessert, una torta di mousse al cioccolato che ritiene "eccellente. Non troppo dolce. Non troppo ricca e sormontata da un sottile strato di glassa al cioccolato". Ci stiamo preparando per il suo libro, in uscita questa estate.


La critica gastronomica di Olive Garden Marilyn Hagerty torna con un'altra recensione 8 anni dopo essere diventata virale

È passato molto tempo, ma la critica gastronomica virale Marilyn Hagerty sta finalmente allietando i suoi fan con un'altra allettante recensione.

Questa settimana, la 93enne di Grand Forks, nel North Dakota, è tornata sull'argomento della sua prima recensione virale nel 2012 —'s Olive Garden della città.

In un nuovo articolo per il Grande araldo delle forchette, Hagerty riporta gli spettatori a “otto anni fa, a febbraio”, quando visitò per la prima volta l'Olive Garden ed era ingenua sul fatto che la sua recensione sarebbe stata un successo.

“L Non potrei immaginare che mi porterebbe a New York City e una visita al New York Times redazione, ha scritto, urlando anche al compianto Anthony Bourdain per aver notato il suo lavoro.

Il critico ha ricordato la sua prima visita al ristorante quando ha ordinato una fettuccina Alfredo, su consiglio del suo cameriere, e ha continuato a recensire il suo ultimo viaggio allo stabilimento.

𠇌on un forte ricordo, sono tornato questa settimana per recensire l'Olive Garden. Ho fatto lo stesso ordine, ha scritto, condividendo con i lettori che il suo piatto di pasta era di $ 12,99 e 1010 calorie.

La sua recensione seria continuò, spiegando che l'insalata era ben fredda ma mancava di olive nere. “I ha chiesto di più,” ha assicurato ai suoi fan.

Hagerty ha condiviso che il suo cameriere era uno studente di aviazione all'Università del North Dakota e che il ristorante ha un'atmosfera accogliente e attira persone della zona che fanno acquisti a Grand Forks.

Durante la sua visita, Hagerty ha incontrato i frequentatori di Olive Garden Glen e Nancy Weber di Starkweather, North Dakota. “Stavano gustando ravioli al formaggio e lasagne classiche,” ha scritto dei suoi nuovi amici.

Hagerty ha descritto il ristorante come �n progettato” con un camino che aggiunge calore e accoglienza.”

“Il menu comprende antipasti, zuppa fatta in casa, piatti di pasta preferiti,” ha scritto. 𠇌i sono gusti del Mediterraneo tra cui salmone e gamberi insieme a pollo, manzo e antipasti di pesce.”

Ciascuna delle sue recensioni termina con una “report card” che riassume la sua esperienza. Per la sua seconda recensione del Grand Forks Olive Garden, Hagerty ha applaudito ancora una volta il ristorante. “La qualità del cibo è coerente,” ha osservato.

È anche entusiasta del fatto che il menu sia ordinato, breve e di facile lettura e che il personale sia eccezionalmente cordiale.

Mentre le sue recensioni su Olive Garden sono ciò che ha portato Hagerty sotto i riflettori, sembrava essere più eccitata da altri ristoranti della catena.

La sua recensione del 2014, "Buffalo Wild Wings offre un'atmosfera vivace e divertente", è molto più positiva, a differenza del suo precedente resoconto così così di Applebee.

Voglio dire, questo posto stava saltando, ha scritto. “ C'era un plotone di agili servitori tutti con indosso camicie dorate e nere. C'erano dozzine di giochi sugli schermi in tutto il ristorante e il bar.”

Nel complesso, è rimasta colpita dal cibo, ad eccezione delle patatine fritte, che ha descritto come 𠇊verage.” In seguito ha appreso dal vicedirettore che le ali disossate del barbecue al miele sono “hands down preferiti.”

L'unico problema di Hagerty riguardava il ritmo del servizio del ristorante, ma l'aspetto negativo è che il cibo a volte sembra troppo frettoloso e sembra un fast food piuttosto che un ristorante dove sedersi.


La recensione di Olive Garden Marilyn Hagerty è tornata con un nuovo libro e un po' di cinismo

È passato un anno da quando la sua recensione originale è apparsa sul Grand Forks Herald del North Dakotoa, creando scalpore su Internet. E che anno ha avuto Hagerty.

L'editorialista 86enne, dopo 30 anni passati a sfornare copie di cibo da camionisti e fast food in relativa oscurità, è stato catapultato alla fama di critico gastronomico. Ha giudicato un episodio di "Top Chef", ha ricevuto l'Al Neuharth Award per l'eccellenza nel giornalismo, ha cenato con lo chef royalty al Le Bernardin e ha ottenuto un contratto per un libro da Harper Collins sotto l'impronta di Anthony Bourdain, Ecco.

Ora quel libro, intitolato Grand Forks: A History of American Dining in 100 Reviews, uscirà ad agosto.

Hagerty ha detto al Daily News di New York che le recensioni dei ristoranti erano la cosa più lontana dalla sua mente quando ha iniziato a scriverle.

"Iniziare una recensione di un ristorante nella sezione lifestyle, di cui ero editore, mi è sembrato un buon modo per attirare lettori di sesso maschile che di solito si dedicano prima allo sport e buttano il resto del giornale in un mucchio".

Hagerty afferma di aver scoperto che la sua celebrità gastronomica le ha dato una nuova visione del cibo all'Olive Garden e del mondo dei media in generale. Per commemorare il primo anniversario del suo articolo, pubblicato sul Grand Forks Herald, Hagerty ha scritto:

"Il cibo è prevedibile, fino alle quattro o cinque olive nere che trovi nell'insalatiera. La zuppa di verdure è abbondante e soddisfacente. I bambini sono ben trattati con pastelli colorati e scelte tra cui una tazzina di uva come contorno piatti."

Aggiunge: "Non è più una novità a Grand Forks, l'Olive Garden si è ambientato".


Sensazione virale Marilyn Hagerty ha avuto un'esperienza meravigliosa ad Applebee&rsquos

Marilyn Hagerty è tornata! Nel caso in cui ti fossi perso la bellezza della sua prima apparizione online, Marilyn è l'editorialista che è diventata virale nel 2012 con la sua seria recensione di Olive Garden in una piccola città. Ed è tornata ancora una volta alle sue radici casual-dining: all'inizio di questa settimana, ha liberato la sua opinione su Applebee.

A questo punto l'88enne Hagerty, che scrive per il Grande araldo delle forchette a Grand Forks, nel Nord Dakota, è famosa per il suo stile schietto, un toccante ritorno a quando l'accuratezza dei fatti era più interessante dell'estro supponente (e delle battute super divertenti!).

Inutile dire che la sua interpretazione è stata piacevole e casualmente positiva. Lei e un'amica si sono godute entrambe un'insalata di pollo orientale di mezza grandezza, ovviamente. Puoi ottenere una dimensione intera per $ 9,99, ma non ne hai bisogno. Dovresti anche sapere che, sebbene Applebee sia un buon posto per il pranzo, più tardi durante la giornata, offre bevande, stuzzichini e cena. Se non lo sapevi, ora lo sai.

Marilyn ha concluso il suo pasto dividendo un dessert da 1,99 dollari che ha chiamato “just right.”

In un mondo di sarcasmo e sarcasmo, è sempre piacevole ascoltare qualcuno che si gode le cose semplici della vita.


La recensione di Olive Garden di Marilyn Hagerty per "Grand Forks Herald" diventa virale

Una recensione seria della nuova posizione di Olive Garden a Grand Forks, ND è diventata virale questa settimana, con grande sorpresa del ristorante e del suo scrittore, da molto tempo Grande araldo delle forchette editorialista Marilyn Hagerty.

La recensione ha attirato l'attenzione per l'entusiasmo sfrenato di Hagerty per il ristorante. Ordina solo pollo Alfredo ("confortante in una giornata fredda") e acqua, ma riesce comunque a diventare rapsodico. È particolarmente colpita dall'arredamento "impressionante" dell'Olive Garden. "Tutto sommato, è il ristorante più grande e più bello che ora opera a Grand Forks", scrive.

Il suo pezzo sembra essere stato scelto per la prima volta da The Denver Omelette, un blog di cucina di un nativo del Nord Dakota. Da lì, è arrivato al Guyism, che lo ha descritto come "inconsapevolmente esilarante, e City Pages, che lo ha definito la "più grande recensione di un ristorante mai scritta".

Secondo il Grande araldo delle forchette, la recensione ha raccolto oltre 100.000 visite dalla sua pubblicazione lunedì. È 20 volte il suo concorrente più vicino al giornale.

Hagerty, da parte sua, sembra relativamente impassibile per il calvario. lei ha detto a Voce del villaggio, "Non capisco." Ha spiegato: "Non ho tempo per sedermi qui e pensare se a qualche sedicente esperto di cibo piace o non piace la mia rubrica".

HuffPost Food ha chiamato la filiale locale di Olive Garden per valutare la reazione dei lavoratori a tutta l'attenzione. La direttrice culinaria della filiale, Amanda (che si è rifiutata di darci il suo cognome), ha detto che non aveva ancora avuto la possibilità di leggere la recensione, ma era contenta che la location fosse stata notata.

"So che lo volevano da molto tempo, ma è eccellente che lo stiamo ottenendo ora", ha detto.

Ha anche notato, tuttavia, che la revisione non ha avuto un impatto notevole sul business. Il ristorante è quasi pieno, ha detto, dall'apertura alla fine di gennaio. Poiché è solo la quarta località dello stato, le persone sono venute in auto da tutta la regione per assaggiare la pasta del ramo e grissini illimitati.

Non che il Grand Forks Olive Garden stia riposando sugli allori. Quando abbiamo chiesto di parlare con il direttore generale della location, Donald Szutenbach, ci è stato detto che si trovava in Italia, per una formazione presso il Culinary Institute of Tuscany del marchio.


Condividere Tutte le opzioni di condivisione per: Le 11 migliori linee dalla recensione di Marilyn Hagerty's Olive Garden Breadstick Sandwich

Il Grand Forks Herald's la stimata critica di ristoranti / esperta di mance Marilyn Hagerty - che è diventata un fenomeno mondiale del cibo con la sua recensione rivoluzionaria di un Olive Garden - ha presentato di nuovo Olive Garden. Questa volta, affronta la loro nuova creazione acrobatica, il panino con grissini, che presenta una versione leggermente più corta e più ampia del loro famoso antipasto.

Nel complesso, sembra che le piaccia la nuova voce di menu, ma alla fine della giornata preferisce i normali grissini (o "panini di grissini magri", come le piace chiamarli) che vengono con i panini. Nella recensione, formattata come una lettera a sua sorella Shirley, riflette anche sulla sua fama legata a Olive Garden. Di seguito, le 11 migliori righe:

Sul food truck promozionale del panino con grissini di Olive Garden: "Quindi uno di questi giorni di giugno, penso che dovresti appollaiarti da qualche parte e poi seguire un camion Olive Garden."

Sul perché ha deciso di provare i panini: "Ero curioso perché ho ricevuto chiamate da persone dei media alla CBC in Canada e Fox News."

Sulla sua fama: "Sanno che sono diventato virale tre anni fa dopo aver recensito l'Olive Garden che allora era nuovo in Grand Forks."

Sulla sua etica: "[Il manager di Olive Garden] mi avrebbe offerto le nuove creazioni questa settimana, ma ha capito quando gli ho spiegato che come giornalista non accetto cibo gratis".

Sul panino con grissini all'italiana: "C'è molto da mangiare."

Sul panino con grissini alla parmigiana di pollo: "Penso che potrebbe piacermi di più quella versione."

Sulle sue preferenze: "I nuovi panini possono essere migliori, ma sono un po' grandi. Mi piace la versione originale, più sottile."

Sul futuro di Olive Garden: "Ci saranno persone che continueranno a divorare i panini più magri illimitati. Probabilmente ci saranno persone che opteranno per i nuovi panini con panini più grassi".

Sulla sua fama, seconda parte: "Nessuno all'Olive Garden mi ha mai chiesto cosa ne pensassi. Ho appena scritto alcune osservazioni tre anni fa e sono finito in programmi televisivi nazionali".

Su un mondo di panini con grissini: "Questo è un mondo pazzo in cui viviamo."

Su cosa vuole veramente che Olive Garden serva: "Ora se Olive Garden iniziasse a servire Mr. Goodbars per dessert, farebbe un gran successo con me."


La critica alimentare virale Marilyn Hagerty è tornata con una recensione di McDonald's

Marilyn Hagerty, una critica gastronomica per il Grand Forks Herald, ha guadagnato fama mondiale per la sua seria recensione del suo ristorante locale Olive Garden. E due anni dopo, l'88enne è ancora lì.

Mercoledì, Hagerty ha pubblicato una recensione di quattro McDonald's locali nell'area metropolitana di Grand Forks, nell'area del North Dakota. La parte migliore della sua scrittura è la sua insistenza nel prendere sul serio ogni ristorante, che si tratti di un bistrot elegante o di un fast food, e Hagerty questa volta non ha deluso.

Durante i suoi quattro viaggi, non discute molto del cibo e perché dovresti, dal momento che la maggior parte delle persone sa che sapore ha McDonald's? Una volta ha preso un caffè e un McMuffin, un'altra un latte magro di medie dimensioni e un'altra volta il suo "peccato segreto" di un Big Mac. Diventa un po' irritabile riguardo alle caffettiere malfunzionanti:

"I caffelatte costano meno di quelli che mi piacciono da Starbucks. Ma sono degni. L'unico problema è che a volte uno dei ristoranti ti dirà che la loro macchina non funziona.

"Non funziona?" Penso. Quasi mi viene la schiuma in bocca per il disgusto, ma cerco di essere gentile.

Ma la sua recensione si concentra maggiormente su come le persone usano il McDonald's locale, che sia per discutere le notizie del giorno davanti a un caffè, intrattenere i bambini al parco giochi o godersi la "pseudo privacy" in uno dei punti vendita più lussuosi della città.

Dà alcune notizie importanti: One Grand Forks McDonald's offre Chicken McNuggets al prezzo della temperatura esterna, a patto che tu compri un panino con loro. Ciò significa che in un giorno a zero gradi erano assolutamente gratuiti. E se questa non è una recensione entusiastica, niente lo è.


Marilyn Hagerty apparsa nella storia del New York Times

Marilyn Hagerty, editorialista di lunga data del Grand Forks Herald, è abituata a fare domande e intervistare altre persone, ma quando il telefono ha squillato questa settimana, è rimasta sorpresa di sapere che qualcuno voleva intervistarla.

"È un po' strano quando si tratta di te, perché non scrivo di me, scrivo di altre persone", ha detto Hagerty.

Hagerty è apparso sul New York Times, pubblicato online giovedì 10 dicembre, nella sezione alimentare del giornale.

La storia descrive in dettaglio ciò che Hagerty ha fatto durante la pandemia e si tuffa di nuovo nella sua rubrica virale Olive Garden da 2012. Per ora ha limitato la sua ristorazione professionale all'asporto e alla consegna, secondo quanto riportato dal Times.

Ma l'intera storia e le foto di accompagnamento sono state una sorpresa per Hagerty.


L'Olive Garden è aperto, ma Marilyn Hagerty non ci mangia

A 94 anni, l'autore di una recensione di un ristorante del North Dakota che è diventata una sensazione su Internet è ancora al lavoro. Nella pandemia, tuttavia, ha dovuto apportare alcune modifiche.

Il critico di ristoranti più famoso del Nord Dakota ha mangiato a casa ultimamente. Non è che non ci sia nessun posto dove andare a Grand Forks, dove vive e scrive. Il suo governatore, Doug Burgum, ha permesso a ristoranti e bar di rimanere aperti anche se lo stato ha avuto il terzo più alto tasso di mortalità per Covid-19 nell'ultima settimana.

Non è nemmeno che Marilyn Hagerty sia a corto di energia a 94 anni. Archivia tre colonne per The Grand Forks Herald ogni settimana, anche se si è ufficialmente ritirata dal giornale "due o tre volte", come dice lei. Era già in pensione da almeno due decenni quando, nel 2012, ha scritto una colonna che raccontava l'arrivo del primo Olive Garden della sua città.

Il resoconto della signora Hagerty, scritto nel suo solito stile di valutazione dei dati di fatto al di sopra della valutazione critica, ha mandato in crisi Internet. Una sensazione durante la notte nei suoi 80 anni, è apparsa due volte nel talk show sindacato di Anderson Cooper e ha firmato un contratto per un libro con l'impronta di Anthony Bourdain.

Oggi lei chiama questo periodo vorticoso "il tempo in cui ero virale". Tuttavia, quest'anno ha un suono diverso, ed è ciò che l'ha portata a pensarci due volte sulla saggezza di attenersi al suo solito fitto calendario dei pasti.

La signora Hagerty vive da sola dalla morte nel 1997 di suo marito, Jack Hagerty, che era stato direttore dell'Herald. "Stava andando avanti normalmente", ha detto suo figlio, James R. Hagerty, fino a circa un mese fa, quando gli ha detto durante una telefonata che era andata a un'area di sosta per camion per colazione. Era il periodo in cui l'epidemia di Covid-19 nel Nord Dakota stava diventando la peggiore del paese.

"Sai, probabilmente non è una buona idea", ricorda di aver detto.

"Beh, indossavamo tutti maschere", ha detto.

"Ma dovevi toglierti le maschere per mangiare, giusto?"

Dopo un po' di avanti e indietro in famiglia, la signora Hagerty ha deciso di limitare la sua ristorazione professionale all'asporto e alla consegna a domicilio fino a quando uscire a Grand Forks non sarà più sicuro.

Per un critico di ristoranti di New York, ascoltare l'esperienza della signora Hagerty nel 2020 può essere come intravedere una realtà alternativa. Centinaia di ristoranti di New York hanno cessato l'attività quest'anno, da locali di fama nazionale come Blue Smoke e Uncle Boons a trasandati caffè di quartiere che sembravano poter tornare fino al giorno in cui è apparso un cartello "Affittasi" in vetrina.

Dentro e intorno a Grand Forks, però, la signora Hagerty non riusciva a pensare a nessun ristorante ucciso dalla pandemia. Ne sapeva uno che era stato temporaneamente chiuso.

"Il Ramada Inn ha un caffè dove servono una colazione domenicale molto buona ed è chiuso, ma il bar del Ramada Inn è aperto", ha detto. "Stanno servendo la cena lì dentro."

Naturalmente, Grand Forks, una città di circa 50.000 abitanti, aveva meno ristoranti per cominciare. Un risultato di questo è che la signora Hagerty torna a scrivere di luoghi che ha già recensito più frequentemente di quanto sia tipico per i suoi colleghi professionisti nelle città più grandi. È tornata più volte a misurare la temperatura dell'Olive Garden, l'ultima a febbraio, quando ha ordinato lo stesso pasto che aveva immortalato otto anni prima.

"Le fettuccine Alfredo hanno 1.010 calorie e costano $ 12,99", ha scritto. “L'insalata era ben fredda. Ma poiché c'erano solo due olive nere da trovare, ho chiesto di più. " Nella sua recensione originale, la signora Hagerty aveva notato che l'insalata conteneva "diverse" olive, il che sembrava soddisfarla.

Il suo ultimo pasto al ristorante al coperto, prima che accettasse di rimanere a casa per un po', è stato anche un impegno di ritorno: The Blue Moose Bar & Grill, un pub dall'altra parte del Red River a East Grand Forks, Minnesota.

Cosa cucinare in questo momento

Sam Sifton ha suggerimenti di menu per i prossimi giorni. Ci sono migliaia di idee su cosa cucinare che ti aspettano sul New York Times Cooking.

    • Non perdetevi gli incredibili soba noodles di Yotam Ottolenghi con brodo di zenzero e zenzero croccante. per i funghi è una delizia, e si abbina magnificamente al dentice fritto con salsa creola.
    • Prova la pizza con insalata di Ali Slagle con fagioli bianchi, rucola e peperoni sott'aceto, ispirata a un classico della California Pizza Kitchen.
    • La versione moderna di Alexa Weibel sull'insalata di maccheroni, ravvivata da limone ed erbe aromatiche, si abbina molto bene al pollo fritto al forno.
    • Un ciuffo di burrata fa il lavoro pesante nella semplice ricetta di Sarah Copeland per gli spaghetti con aglio e olio al peperoncino.

    Nathan Sheppard, uno dei proprietari, ha detto che quando la signora Hagerty si presenta senza preavviso allo stand dell'ospite, ogni 12-18 mesi circa, non provoca il tipo di scalpore che potresti aver visto in TV o in un film .

    "Di solito uno dei responsabili del piano torna e mi dice: 'Ehi, Marilyn è qui'", ha detto il signor Sheppard. "Se vede qualcosa di negativo, lo menziona educatamente, ma non lo dice Gordon Ram e inizia a lanciare piatti in giro e a dire: 'Questa ratatouille è spazzatura.'"

    L'aggiornamento di Blue Moose della signora Hagerty ha notato con approvazione la coerenza della cottura nel tempo, ma anche la sicurezza era chiaramente nella sua mente. Le coperture per il viso sono richieste in tutti gli spazi pubblici interni del Minnesota e la signora Hagerty ha riferito che il ristorante offriva maschere ai clienti che avevano dimenticato le loro. Attenzione anche al distanziamento sociale. "The Moose opera con cautela", ha scritto.

    Alcuni clienti di Blue Moose hanno chiesto se dovevano davvero indossare una maschera, ha detto Sheppard, ma non molti, soprattutto ora che il Covid è una presenza familiare nella zona. "A marzo hai ancora sentito persone parlare se questo sia reale o meno, perché non conoscono nessuno che ce l'ha", ha detto. "Ora tutti conoscono qualcuno nella loro vita personale che ce l'ha".

    Alcuni proprietari di ristoranti nel Nord Dakota hanno resistito alle maschere fino a circa un mese fa, quando il governatore Burgum ha annunciato un ordine di un mese che imponeva i rivestimenti per il viso nelle attività al chiuso. La signora Hagerty ha ricordato di essere andata in una taverna di Grand Forks per hamburger poco prima dell'azione del governatore e di essere preoccupata per il numero di clienti smascherati che si aggiravano intorno al bar. Lei e i suoi compagni di cena indossavano maschere.

    "Ero con due delle mie amiche, e non siamo polli primaverili", ha detto. “Ci hanno guardato in modo strano, ma questo non mi preoccupa. Vado ovunque».

    Mentre è meglio conosciuta dagli estranei per aver scritto delle catene nazionali che svolgono un ruolo importante nella scena gastronomica locale, la signora Hagerty ha anche scritto di posti che servono cucina tailandese, vietnamita e somala.


    Anonimo, schnonny

    La donna al centro di questa foto è Marilyn Hagerty, 85 anni. Alla sua sinistra c'è Kevin Tibbles della NBC. Sono al nuovo ristorante Olive Garden a Grand Forks, N.D.

    Hagerty scrive recensioni di ristoranti e altri articoli sui giornali nei Dakota da 65 anni. Una recensione che ha scritto su Olive Garden per il Grand Forks Herald (che mostra la sua foto accanto alla sua rubrica!) è diventata virale. Molti pensavano fosse una parodia.

    Mentre suo figlio, James, racconta la storia al Wall Street Journal, lei gli ha chiesto: "Potresti dirmi cosa significa virale?" Ha anche detto che non le piace parlare male di un ristorante. Ecco la sua storia ed ecco la sua recensione nella sua rubrica Eatbeat.

    Quando James le ha detto che aveva migliaia di commenti su Twitter e Facebook, sembrava tranquilla. "Sto lavorando alla mia rubrica domenicale e questo pomeriggio giocherò a bridge, quindi non ho tempo per leggere tutte queste stronzate".



Commenti:

  1. Franz

    .Raramente. Puoi dire questa eccezione :) dalle regole

  2. Thoraldtun

    È notevole, il pezzo utile

  3. Gillean

    Sei serio?

  4. Dunos

    Bravo, quali sono le parole giuste... ottimo pensiero

  5. Carlson

    Considero che tu commetta un errore. Discutiamolo. Scrivimi in PM, parleremo.



Scrivi un messaggio