acetonemagazine.org
Nuove ricette

Tessuto David Burke festeggia il primo compleanno con un menu speciale

Tessuto David Burke festeggia il primo compleanno con un menu speciale



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


La panna cotta all'avocado di David Burke Fabrik dal loro menu attuale.

È ora di dire "Buon compleanno" a David Burke Fabrick.

In onore del loro primo anniversario, da giovedì 28 maggio a sabato 30 maggio, ai commensali verrà presentato il menu a prezzo fisso di quattro portate ($ 80) "David Burke fabrick's Greatest Hits: Old vs. New.

Ogni portata sarà caratterizzata da una scelta tra un piatto popolare dal menu di apertura del ristorante o qualcosa di nuovo dal menu attuale.

Ti verrà risparmiato il processo decisionale per iniziare e goderti semplicemente un assaggio di ceviche di fortuna. Dopodiché, però, dovrai prendere una serie di decisioni rapide: panna cotta all'avocado o rotolo di soba nori? Tacos di polpo o pancetta candita? Costolette di agnello Vindaloo o panini al vapore "BLT" di aragosta?

Dal momento che ovviamente non andrai da solo, è altamente raccomandato dividere le tue scelte e condividerle con il tuo compagno di tavola.

Per dessert, ogni commensale riceverà una torta di compleanno individuale, e non so quale non vedo l'ora di più: la torta o l'"abito da festa di compleanno" che lo staff è impostato per sfoggiare. In ogni caso, l'executive chef Adin Langille è sicuro che sarà un vero spasso.

"Sarà molto divertente ripensare ai nostri vecchi piatti preferiti e a come il menu si è evoluto nel tempo", ci ha detto.

"Io e il mio team possiamo ricordare la creazione dei piatti, cosa hanno significato per noi, e forse anche riportarne alcuni nel menu. So anche che i nostri ospiti, che hanno fatto questo viaggio con noi, lo faranno divertiti a condividere con noi gli stessi sentimenti.”


Sul fronte della cultura: la cena (ROSSA), la radice proibita, gli Yes Men e altro

In una sera umida dell'ultima notte di maggio sotto due grandi tende bianche allestite sul molo 26, mi sono seduto con una folla di persone a un tavolo infinito per l'ambiziosa (ROSSA) Cena. Ospitato da Mario Batali a sostegno dell'influente organizzazione contro l'AIDS, il pasto di quattro portate è stato preparato da una moltitudine dei migliori chef della città. La mia sezione è stata trattata con pizza alla griglia assortita e porzioni in stile familiare di quaglie, aragoste, vitello e manzo dagli chef Elizabeth Falkner e Mark Ladner. Il clou è stata un'insalata di fusilli al pesto che ha tradotto i complessi sapori di Del Posto in una brezza estiva. È stato un peccato che l'estate non fosse ancora arrivata, ma i Roots hanno suonato un breve set di apertura – pensa un sonico antipasto – che ha acceso l'evento con un'atmosfera festosa.

Qualche sera prima, ho celebrato il primo anniversario di Fabrick di David Burke, che ha unito in egual misura la giocosità e l'abilità su cui ha costruito la sua reputazione. La panna cotta all'avocado (pensa al guac vestito) è allo stesso tempo sottile e ricca. Potrei mangiarlo tutta la notte se non fossero rimaste altre tre portate. La pancetta candita seguì e fu presentata in modo stravagante come su uncini da carne in un mattatoio, penzolando con aria di sfida dal suo trespolo. Una sorpresa speciale per il menu dell'anniversario includeva una torta di compleanno individuale, cilindri abbastanza grandi di perfezione a strati. Sono il tipo di ragazzo che sceglierà sempre la torta al posto della torta, quindi sono piuttosto sorpreso di come questo sia rimasto nella mia mente. Lo ordinerei di nuovo in un baleno se si facesse strada nel menu normale.

Il menu di Minton's è la roba dei sogni di comfort del sud. L'estasi dei loro biscotti serviti con burro di sorgo è accompagnata dalla ricchezza delle loro penne mac e formaggio. Sono stato stupito per la prima volta qualche mese fa, ma sono stato richiamato dal sassofonista JD Allen che ha suonato due travolgenti set di bebop la scorsa notte evocando i fantasmi del passato del bebop. Mi sono seduto di fronte a una foto incorniciata di Thelonious Monk che si è fatto le ossa sullo stesso palco. Questa volta ho provato il salmone skuna bay arrosto in padella, che è arrivato con una fetta decadente di avocado fritto. Non è un'esagerazione dire che Minton è un terreno scavato o che Allen è la reincarnazione di Coltrane. Suona con una tale fluidità e padronanza della struttura che ogni nota, anche durante assoli vigorosi e allungati, sembra essenziale. Nel corso dei due set, ha suonato quasi tutte le canzoni del suo nuovo album, "Graffiti", accompagnato dall'incomparabile Gregg August e Rudy Royston rispettivamente al basso e alla batteria. Come l'MC ha annunciato per tutta la serata, questo è un trio che non ha bisogno di un pianoforte.

Giù in una zona alberata di Bed Stuy che definirei grinta bucolica, ho mangiato una ciotola di gumbo ben speziata mentre guardavo il pianista NOLA Jon Cleary ucciderlo da solo sul piccolo palco del Bar LunAtico, un bar robusto e chic caldo come il musicista, che ha mantenuto un ampio sorriso durante un paio di set da battere chiave che includevano una resa particolarmente vivace di "Blueberry Hill".

Sul fronte del teatro, ho assistito alla magica messa in scena di "Il re e io" di Bartlett Sher, che sembrava un Technicolor dal vivo. Ogni movimento, respiro e azione è amplificato e potenziato, il che si fonde perfettamente con le emozioni fuori misura dei musical di Broadway vecchio stile. Kelli O'Hara è una delizia come sempre, giocosa e appassionata mentre canta "I Whistle a Happy Tune" o rimprovera il re per il suo regale distacco. Ken Watanabe comanda la presenza sul palco come leader di un paese non così libero, e la produzione ha sottili echi della politica globale.

Chris Noth assume il ruolo del protagonista nel "Doctor Faustus" di Christopher Marlowe, ma la sua presenza non si sente quasi mai. L'incantata arroganza di Mr. Big e Peter Florick che sembrerebbe essere la linfa vitale dell'ego sfrenato del dottore condannato è quasi assente, e invece fluttua passivamente da una scena all'altra. Al contrario, Zach Grenier nei panni del braccio destro di satana, Mefistofele, è un uomo che sa di aver perso la sua anima e piange per questo mentre assapora la presa degli altri. Ha un buon senso dell'umorismo macabro come spesso fanno gli uomini condannati, e la produzione occasionalmente deliziosa ed emozionante di Andrei Belgrader dà il meglio di sé quando abbraccia questa sensibilità.

Dio si è impadronito del corpo di Jim Parsons o almeno questa è la premessa nel one-man show di David Javerbaum, moderatamente divertente e ispirato a intermittenza, An Act of God. Il set tutto bianco giocosamente drammatico di Scott Pask sembra aprirsi direttamente al cielo e conferisce allo spettacolo una bella gravità contrastante mentre Parson risponde alle domande false del pubblico e aggiorna i Dieci Comandamenti. Inizia come un viaggio estatico, ma la gioia della sua novità svanisce verso la metà e inizia a sembrare più una lezione biblica poiché Dio è d'accordo con i comandamenti che ha decretato molto tempo fa. In un certo senso, però, questo ripaga nel finale, che sovverte abilmente le aspettative e offre una svolta stimolante che ricontestualizza i novanta minuti precedenti. Solo per questo e per il tempismo tagliente di Parsons, vale la pena dare un'occhiata.

I cocktail party sul tetto e i film all'aperto sono due classici segni di un'estate newyorkese, quindi ha senso che il Rooftop Film Club e Yotel con sede a Londra li combinino nell'ampio spazio all'aperto dell'hotel che si trova tranquillamente nascosto in cima alla vivace 42a strada. Con tacos, slider, sushi e un bicchiere di sangria apparentemente senza fondo, ho guardato una proiezione di "Top Gun". Il suono viene trasmesso in stile discoteca silenziosa attraverso le singole cuffie in modo da poter chattare liberamente con i tuoi amici senza disturbare nessuno. Proietteranno classici nostalgici come "The Breakfast Club", "Pretty Woman" e "Stand by Me" per tutta l'estate.

Una nuova fabbrica di birra, Forbidden Root, mi ha entusiasmato all'inaugurazione questa settimana nel villaggio. Seduto su uno sgabello nel seminterrato di Redfarm, ho provato un IPA (in realtà WPA) che ha dato un significato completamente nuovo al descrittore floreale spesso usato poiché è realizzato con veri fiori di campo. È una birra perfettamente beverina per l'estate, che si beve facilmente con il massimo del sapore. Il fondatore Robert Finkel ha viaggiato in tutto il mondo, raccogliendo i migliori ingredienti per le sue miscele davvero uniche. Il Sublime Ginger è fatto con miele sudafricano insieme allo zenzero asiatico, mentre la loro birra omonima contiene balsamo del Perù e ha il sapore di una gustosa birra alla radice. La serata si è conclusa Divine Mud, una imperial stout con un 9,2% vol e caratterizzata da cioccolato monorigine dell'Africa occidentale e fiori di magnolia.

La sensibilità degli Yes Men per gli scherzi socialmente consapevoli è in piena mostra nel loro ultimo film, "The Yes Men sono rivoltanti". Affrontare il cambiamento climatico e documentare i profondi cambiamenti di vita del duo di attivisti crea una potente dualità che spinge il film in avanti. Jacques Servin e Igor Vamos tolgono la maschera ai loro rispettivi alter ego, Andy Bichlbaum e Mike Bonanno, e la co-regista Laura Nix ci riporta alle loro case d'infanzia e in tutto il mondo mentre mettono in scena scherzi sempre più intricati che fanno luce sulle ingiustizie .


Tessuto David Burke festeggia il primo compleanno con un menu speciale - Ricette

Tacos a colazione (ricetta sotto), tacos a pranzo, tacos a cena, tacos per dessert. Ma prima:


UNA BREVE STORIA DEL TACO

Sorprendentemente, gli Aztechi non hanno inventato il taco né nessun altro, fino al XVIII secolo.

Secondo il professor Jeffrey M. Pilcher, autore di Planet Taco: A Global History of Mexican Food, i tacos sono non un cibo antico

Piuttosto, come discute in un articolo su Smithsonian Magazine, i minatori d'argento messicani nel XVIII secolo probabilmente inventarono il taco come cibo pronto da tenere in mano, seguito da carrelli di taco e taquerías nei quartieri della classe operaia.

Man mano che il taco si diffondeva in tutto il Messico, ogni regione aggiungeva i propri tocchi: carne, spezie, salse, contorni.

I messicani americani nel sud-ovest lo hanno reinventato. Ancora negli anni '60, i tacos erano praticamente sconosciuti al di fuori del Messico e del sud-ovest americano.

Nel 1962, l'uomo d'affari Glen Bell fondò Taco Bell come drive-up con alcuni tavoli all'aperto. È diventato una potenza di marketing di massa, servendo una versione anglosassone con un guscio duro nei ristoranti a servizio rapido a livello nazionale.

Questo guscio di tortilla di mais prefritto (foto n. 2) non è autentico. Come il burrito, una tortilla di farina di frumento più grande, nasce negli U.S.A.

Eppure nel giro di 50 anni gli Stati Uniti avevano spedito i loro gusci di tacos duri in tutto il mondo, dall'Australia alla Mongolia, ridefinendo il taco agli occhi di milioni, se non miliardi.

E Taco martedì?

Questo evento americano è stato avviato nel 1982 come promozione di successo di Taco John's. Ha incoraggiato le persone a uscire per i tacos il martedì sera e ha offerto speciali come tacos di pesce da $ 1.


[1] Un taco di lusso nello stampo classico. Questo include manzo brasato e salsa di talpa, con ricotta Ecco la ricetta (foto © McCormick).

Mentre Taco John ha registrato il nome, il marchio non viene più applicato. Ora è il Taco Tuesdays per tutti!


TACOS OLTRE IL PROVATO E VERO

Potresti pensare che il National Taco Day sia un giorno per celebrare i classici, ma mentre lo fai, indossa il tuo cappello pensante e invade la prossima grande combinazione di taco che puoi creare.


[4] Un allestimento fai-da-te di David Burke a Fabrick | New York (foto © David Burke).

C'è una lotta tra Austin e San Antonio sull'origine del taco per la colazione.

All'inizio era una colazione fatta in casa: uova, salsiccia o altro maiale e formaggio, arrotolate in una tortilla calda. Nelle cucine messicane, le tortillas sono un alimento base, come una pagnotta.

Il concetto è poi migrato verso i chioschi per la colazione e i ristoranti, già negli anni '50.

Grazie a IMUSA USA, un produttore di utensili da cucina per ricette globali, per questa ricetta di taco per la colazione. Puoi trovare altre ricette sul loro sito web.

ingredienti


Preparazione

1. MESCOLARE la panna acida, il succo di lime e il sale in una ciotola messa da parte.

2. Abbrustolire le tortillas su una fiamma a gas o direttamente su un fornello elettrico fino a che non si anneriscono in punti, girandole con delle pinze. Mettere in uno scalda tortilla o un foglio di alluminio e mettere da parte.

3. Aggiungere l'olio d'oliva in una padella antiaderente e portare a fuoco medio-alto. Soffriggere le cipolle per circa un minuto e aggiungere il chorizo ​​tagliato a dadini. Cuocere per 5-6 minuti fino a quando il chorizo ​​è dorato.

5. AGGIUNGI metà del coriandolo e tutto il chorizo ​​cotto alle uova sbattute. Frullare e versare nella padella. Cuocere a fuoco lento, mescolando di tanto in tanto.

6. METTERE le uova cotte, il cheddar, i pomodori e il coriandolo rimanente in ciotole separate e disporli su tutto il tavolo con le tortillas calde. Lascia che ognuno costruisca il proprio.


Hotel Archer

Fino a poco tempo, prenotare un hotel nel Garment District di New York City era particolarmente attraente per il viaggiatore esperto, l'appassionato di design, l'epicureo o praticamente chiunque fosse impegnato nella cultura e nell'estetica. Ma l'Archer Hotel, una struttura boutique di 22 piani con 180 camere, sta cambiando tutto introducendo un tanto necessario colpo di nuova energia nel quartiere.

New York City è la prima sede - si parla di ramificazioni a Napa e Austin - del marchio di proprietà di LodgeWorks Partners, L.P., e Archer Hotel si concentra prima di tutto sull'offerta di servizi e vantaggi senza pari. In un'epoca in cui anche gli hotel più prestigiosi riescono a fatturare cose che i viaggiatori danno per scontate a casa - pensa a Internet wireless, acqua in bottiglia e una palestra - Archer prende una strada diversa e crea un vero senso di casa e comfort in tutta la proprietà .

All'arrivo, ad esempio, gli ospiti ricevono una carta Joker. Del valore di $10, può essere utilizzato al ristorante, al bar o al mini bar. E man mano che il portfolio di Archer si espande, gli ospiti possono raccogliere le carte Joker da ogni proprietà per costruire un "Archer Flush", buono per una notte gratuita in qualsiasi luogo.

Grazie al lavoro di Peter Poon e del team di architetti PPA e con il design degli interni di Glen Coben di Glen and Company, l'intero hotel, dal bar sul tetto alla hall, trasmette l'eleganza industriale, con elementi come mattoni e acciaio giustapposti da colori incisivi e tessuti lussureggianti, molti dei quali sono di provenienza locale. Anche se le camere degli ospiti sono accoglienti, sono arredate in modo così accurato - sei accolto con un vassoio d'argento di acqua gratuita e caramelle salate fatte a mano - che non ti dispiacerà un po '. I letti sono incredibilmente lussuosi, con lussuose lenzuola in cotone a 300 fili e cuscini e trapunte in piuma. Internet wireless gratuito e televisori a schermo piatto da 42 pollici consentono di lavorare e rilassarsi, mentre i prodotti da bagno forniti da Malin+Goetz ricordano allegramente la città natale dell'hotel. Anche il servizio di couverture qui sorprende, con una rotazione di otto prelibatezze diverse, che vanno dai cupcakes Baked by Melissa alle fragole ricoperte di cioccolato.

Fabrick e SpyGlass, il ristorante e il bar sul tetto dell'hotel, sono sofisticati ma invitanti, proprio come il resto della proprietà. Sebbene aperti di recente, entrambi sono diventati rapidamente punti di riferimento per gli ospiti e la gente del posto. Sviluppati dal celebre chef David Burke, i menu di cibo e cocktail di entrambi i locali sono piacevoli alla vista quanto al palato. In breve, ogni boccone e sorso è allo stesso tempo gustoso e divertente.

Situato al piano terra, il Fabrick dispone di una cucina a vista e di una stufa a legna, che fungono da punto focale visivo del ristorante. Lo spazio sembra arioso e alto con soffitti alti e lucernari, ma mantiene un'atmosfera vivace con un lampadario a gabbia per uccelli, sedie rosso ciliegia e selezioni d'arte curate. Tutti i piatti sono pensati per essere condivisi per un'esperienza culinaria conviviale. La loro pancetta candita fa un ottimo lavoro per stuzzicare l'appetito - tre strisce di pancetta a fette sono laccate con una glassa appiccicosa di acero al pepe e appese giocosamente a un mini stendibiancheria - ma le preparazioni di pesce crudo sono un modo leggero e brillante per iniziare, pure. Un ceviche di dentice rosso mette in mostra scaglie incontaminate del delicato pesce bianco, pompelmo dolce e piccante e delicate chips di piantaggine. Gli appetiti più forti dovrebbero concedersi il loro spettacolo &ldquoPork Shoulder Baked Can O Rigatoni,&rdquo dove pasta al forno, maiale brasato, abbondante salsa di pomodoro, ricotta fresca e foglie di basilico fritte sono presentati in quella che sembra una scatola di biscotti vecchio stile.

Dopo cena, prendi l'ascensore per SpyGlass. Anche se non mancano i bar sul tetto a New York City, questo sembra speciale e un po' più intimo, come un segreto ben custodito. Invece di folle chiassose e baristi pretenziosi, scoprirai adulti che cercano un cocktail impressionante per abbinare le viste altrettanto impressionanti dell'Empire State e del Chrysler Building. Una delle libagioni domestiche più popolari, giustamente chiamata "Top of the World", è una miscela ventilata ed estiva di aperol, anguria e prosecco. Se sei dell'umore giusto per qualcosa di un po' più vivace, però, non esitare a chiedere a uno dei baristi una piccola guida. Sono probabilmente l'equipaggio più caloroso, amichevole e disponibile della città.


PRENDI FORCHETTA E COLTELLO CON JORDAN ANDINO

Questo mese, ci siamo concentrati sui cibi e sulla raccolta festiva mentre iniziamo ad andare verso le festività natalizie. La nostra copertina di novembre è onorata da Celebrity Chef e proprietario diFlipSigi, La Taqueria Filippina Originale,Giordano Andino. Oltre a gestire i suoi due ristoranti fast casual sull'UES e nel suo fiore all'occhiello, il West Village, la Giordania è un uomo in movimento! È stato nominato 30 Hottest Chefs Under 30 di Zagat è stato notato come uno degli chef più sexy di People Magazine che ospita la sua seconda stagione diLate Nite Eats di The Cooking Channel ha avuto numerose apparizioni in spettacoli tra cui: Chopped, Beat Bobby Flay, Rachel Ray, Worst Cooks in America e altro ancora. Jordan fonde perfettamente il suo mondo di chef, personaggio televisivo e imprenditore.

Ci siamo presi un po' di tempo dal suo programma fitto di appuntamenti (solo questa settimana ha incluso una festa di lancio per il suo ristorante pop-up a Brooklyn e una cena che sta preparando insieme a James Beard) per parlare della sua carriera e, naturalmente, del grande abbigliamento maschile che è in linea con la sua vibrante personalità.

RIVISTA ATLEISURE: Quando hai capito che volevi fare lo chef?

ANDINO GIORDANIA: Ho iniziato a cucinare in cucina da quando avevo 9 anni con mio padre, perché quello era il modo migliore per poter stare con lui perché era sempre lì da quando era uno chef professionista. Ricordo un giorno quando avevo circa 12 anni in piedi accanto a lui ed era un uomo di poche parole, ma indicò le altre persone in cucina che erano tra i 20 e i 30 anni e disse: "Jordan, allora sei meglio nessuno di loro!” Sono rimasto sorpreso, ma mi è rimasto davvero impresso quando l'ha detto. In quel momento ho capito che questo era quello che volevo fare!

SONO: Raccontaci del tuo viaggio culinario e di quali chef/ristoranti hai fatto parte mentre ti avviavi verso il lancio del tuo ristorante.

GIA: Sono stato davvero fortunato ad apprendere l'attività e le tecniche da mio padre. Uno degli chef formati da mio padre alla fine è passato a Jean Georges. Grazie ai miei contatti lì, ho potuto lavorare lì e poi andare a Spago con Wolfgang Puck a Spago a Los Angeles. Ho anche continuato a lavorare con Thomas Keller alla French Laundry a Napa.

SONO: Come definiresti il ​​tuo stile di cucina?

GIA: Direi che il mio stile di cucina è sicuramente mediterraneo con influenze francesi.

SONO: Parlaci di FlipSigi. Quando ha aperto, qual era la tua visione dietro questo ristorante?

GIA: Volevo davvero introdurre il cibo filippino a New York attraverso le ricette di mia nonna e dare loro un assaggio del cibo che amo e mantenerlo familiare includendolo in hamburger, burritos e ciotole di riso. Volevo portare la mia personalità nei ristoranti potendo ascoltare musica divertente e energetica, un murale vibrante e una personalità ad alta energia. Volevo davvero dare il via alla nostra prima location nel West Village per dimostrare che questo stile di cibo sarebbe andato bene qui ed è quello che ho deciso di fare!

SONO: Ci sono differenze tra Flip Sigi del West Village e quello dell'UES e c'è un significato dietro il nome?

GIA: No, i menu e l'esperienza sono gli stessi in entrambe le sedi. Bene, è piuttosto semplice, Flip è lo slang per filippino e Sigi significa "Vai", quindi essenzialmente significa "Vai filippino".

SONO: Sappiamo che stai aprendo un nuovo ristorante che sarà un pop up. Raccontaci questo e quanto durerà il pop up?


L'ARTE DELLA MERENDA | JUNGSIK

L'arte della merenda di questo mese ci porta da TribecaJungsik che è conosciuta come un'esperienza culinaria quando si cena in questo?Michelin Nuovo ristorante coreano a 2 stelle. Abbiamo parlato conExecutive Chef Suyoung Park eIl pasticcere Eunji Lee, 2 donne che continuano a guidare questa esperienza attraverso il loro menu. Parlano del ristorante, dei piatti d'autore, dei cocktail e dei dolci che dovremmo gustare quando siamo lì.

RIVISTA ATLEISURE: Prima di addentrarci in Jungsik, a cui abbiamo avuto il piacere di partecipare a un evento editoriale per Sweet Seoul all'inizio dell'anno scorso, come definisci la nuova cucina coreana?

EXECUTIVE CHEF SUYOUNG PARK: La definizione della nuova cucina coreana è la seguente: si basa sul cibo tradizionale coreano ma combinato con vari ingredienti e tecniche del mondo. Vorremmo introdurre gusti diversi e una varietà di nuova cucina coreana.

SONO: Jungsik è un ristorante con 2 stelle Michelin. Cosa significa avere questa distinzione e questo influenza il modo in cui si opera quando si ha questo?

CE SP: L'autorità di Michelin è ben riconosciuta nel mondo. Grazie al grado Michelin, le persone vengono a visitare il nostro ristorante perché si aspettano un gusto e un servizio costanti. E anche alcune persone vengono ad assaggiare il nostro cibo grazie al grado di Michelin. Quindi immagino che il grado della Michelin abbia avuto un effetto positivo su di noi. E soprattutto quando si tratta di New York, 2 stelle Michelin valgono di più. In tal senso, abbiamo maggiori responsabilità nel mantenere il gusto e la qualità.

SONO: Cosa possono aspettarsi gli ospiti quando vengono a cenare da Jungsik?

CE SP: Jungsik di New York è stato valutato come un ristorante con 2 stelle Michelin dal 2013. Immagino che le persone vengano al nostro ristorante perché si aspettano i nostri sforzi costanti, il gusto invariato e il nostro modo di offrire un buon servizio.

SONO: Quando abbiamo partecipato all'evento dell'editor di Sweet Seoul, ci siamo goduti i cocktail e la gamma di soju offerti. Quali sono i 3 cocktail che dovremmo provare quando visitiamo?

CE SP: Al momento, stiamo per lanciare un nuovo cocktail, "Busanhaeng". (Calvados, assenzio, Ango, Porto/Omita Melasse) una variazione aggiornata del nostro Su-Jeong-Gwa vecchio stile con scotch Islay, segale e uno sciroppo speziato (Su-Jeong-Gwa). L'ultimo deve ancora essere nominato, ma sarà un cocktail in stile Tom Collins con Damsol (pino) soju, vino di quina, calamansi e soda.

SONO: A causa della pandemia, i ristoranti hanno cambiato le loro operazioni per adattarsi al modo in cui interagiscono con gli ospiti. In che modo Jungsik, che è davvero un'esperienza quando puoi mangiare lì, è stato in grado di servire gli ospiti in termini di cene al coperto e come hai integrato il ritiro e la consegna?

CE SP: Offriamo ai nostri ospiti tre diverse modalità di servizio ora. Servizio interno, esterno e consegne a domicilio. Quando forniamo ai nostri ospiti il ​​servizio al coperto, manteniamo i tavoli separati l'uno dall'altro di 6 piedi. E tutto il nostro personale indossa sempre mascherine e guanti quando lavora al ristorante. Offriamo ai nostri ospiti posate imbustate separatamente, disinfettante per le mani e il menu del codice QR a causa del Corona Virus. Jungsik ha costruito alcune sale private all'aperto e stiamo facendo del nostro meglio per offrire ai nostri ospiti una cena raffinata e sicura. Abbiamo iniziato a offrire la consegna ai nostri clienti in modo che possano usufruire del nostro servizio di cucina raffinata a casa loro. Si compone di tre portate, a partire dall'insalata, possono avere riso, un piatto principale, dessert e Petit four all'interno dei loro luoghi privati.

SONO: Prima di venire a New York, hai fatto l'apprendista sotto lo stesso Jungsik a Seoul. Com'è stato lavorare con lui e come ha influito sul modo in cui operi oggi?

CE SP: Chef Yimi è uno chef molto creativo, e mi ha portato nel mondo della buona tavola come allievo. Grazie a lui sono diventato uno chef. Ho imparato molte cose da lui. Mi ha insegnato la leadership e come creare nuove tecniche di cucina coreana.

SONO: Raccontaci del tuo background culinario e di come sei arrivato a Jungsik.

CE SP: In realtà ho iniziato a lavorare nell'industria alimentare studiando Food Styling e lavorando come Food Stylist a Seoul, in Corea. Ho scoperto che non si adattava alla mia mente creativa e ho iniziato come stagista presso il Millennium Hilton Hotel a Seul, in Corea. Ho affinato le mie capacità in hotel e ho iniziato a cercare altre cucine più ambiziose, e ho trovato un posto da Jungsik Seoul nel 2013. Per i successivi quattro anni, ho ampliato le mie competenze e sono passato dalla posizione di cuoco di linea a Sottocuoco. Per approfondire la mia conoscenza ed esperienza, nel 2017 ho lavorato all'estero presso Sig.ra G's, un rinomato ristorante Two-Hat a Sydney, in Australia. Qui ho ampliato le mie conoscenze su tutti i tipi di cucina asiatica, in particolare del sud-est asiatico. Nel 2018, sono venuto negli Stati Uniti per lavorare a ATOBOY, Chef Junghyun Park's prima impresa di ristorazione. Dopo aver viaggiato per il mondo e acquisito preziose esperienze in diverse città metropolitane, sono tornato alla sede di Jungsik New York come Chef de Cuisine nel 2019.

PASTICCERE EUNJI LEE: Mi sono trasferito in Francia nel 2006 per panificazione e pasticceria, INBP (Istituto nazionale francese di panificazione e pasticceria) e École Ferrandi. Poi ho lavorato per 3 anni in Ze Kitchen Galerie, un ristorante con una stella Michelin a Parigi sotto Chef Williame Ledeuil, a 4 anni in Hotel Le Meurice un ristorante tre stelle Michelin in quel periodo (ora 2 stelle) sotto Lo chef Alain Ducasse e Cedric Grolet. E ho ricevuto un'offerta dallo chef Jungsik Yim, quindi sono finalmente arrivato a New York come pasticcere esecutivo presso Jungsik nel 2016.

SONO: Nel 2019 sei stato nominato astro nascente di New York daStarChef e hai vinto il Premio Arte della Presentazione, perché sei stato attratto dal lavorare con la pasticceria?

PC EL: Ho sempre amato l'arte e il mangiare, e penso che la pasticceria sia un'arte commestibile. E mi piace vedere la faccia delle persone mentre assaggiano i miei dolci. Mi rende felice. Personalmente cerco i dolci quando sono triste o stressato, quindi il motivo per cui amo il mio lavoro è riuscire a diffondere la felicità nel mondo attraverso i miei dolci non solo visivamente ma anche con il sapore, nelle nostre vite non così facili .

SONO: Come definisci il tuo stile di cucina?

CE SP: Il mio principio in cucina è quello di attenersi alle basi e realizzare piatti coerenti.

PC EL: Tecniche francesi di eredità coreana e acclimatate a New York.

SONO: Quando crei il menu, puoi dirci da dove viene l'ispirazione per i tuoi piatti?

CE SP: Tutta la mia ispirazione viene dagli ingredienti e dai piatti che mi piacciono. Diventiamo tutti creativi quando facciamo il miglior uso della memoria passata. Tutti i migliori menu iniziano da ciò che ci piace o ci piace. Guadagneranno popolarità o riconoscimento se faremo del nostro meglio con ciò che ci piace e ciò che siamo in grado di fare.

PC EL: Mi ispiro ovunque, in qualsiasi momento, da qualsiasi cosa. A volte da frutta e ingredienti di stagione, a volte da oggetti visivi, a volte dalla cultura e dal cibo coreani, e a volte traggo ispirazione da uno strano sapore o ingrediente che non ho mai usato, quindi è stimolante ed eccitante.

SONO: Quali sono 3 antipasti che suggerisci?

CE SP: Il nostro antipasto d'autore sarebbe ostriche fritte con aioli di alghe. In secondo luogo, sarebbe il nostro polpo brasato di polpo con salsa Gochujang. In terzo luogo, sarebbe la tartare di manzo coreana. Gli ospiti amano i nostri piatti per il loro stile e gusto coreani distinti.

SONO: Quali sono i 3 piatti d'autore che dovremmo ordinare?

CE SP: Abbiamo i menu di 5 e 7 portate come nostra firma. In particolare, come accennato in precedenza, Octopus, Crispy Kimbap e Wagyu Galbi sono il nostro menu rappresentativo.

SONO: Ci sono piatti vegani e vegetariani?

CE SP: Offriamo anche un menu vegano o vegetariano. Le verdure Jeon e il kimbap vegetariano croccante sarebbero la loro scelta migliore.

SONO: Quali sono i 3 dessert che dovremmo provare da Jungsik?

PC EL: La baby banana, il nostro dessert d'autore. È cremeux di banana, mousse di dulcey e torta di banana baileys. Il NY-Seoul, che è uno dei miei dolci preferiti perché esprime esattamente la mia identità mista, è crema di riso integrale coreano, choux di pasta sfoglia francese e pasta per biscotti di mais in stile americano. Il nostro cono al tartufo è un altro dessert stagionale esclusivo per la stagione del tartufo, realizzato con gelato al tartufo nero e crema, in un cono di cialda al cioccolato.

SONO: Qual è il tuo processo quando lavori insieme?

CE SP: Condividiamo sempre le nostre opinioni quando proviamo a creare un nuovo menu. Lo chef Eunji mi aiuta molto e partecipa aiutandomi a prendere decisioni per il ristorante. Lo chef Eunji mi tira sempre su di morale e mi dà forza.

PC EL: Discutiamo degli ingredienti che vorremmo utilizzare e delle idee per il menu, poi assaggiamo i piatti e condividiamo le idee insieme.


MRM News Bites: chef caritatevoli e menu digitali semplificati sul piatto di questa settimana&#

Ogni settimana, la rivista Modern Restaurant Management raccoglie i titoli del settore della ristorazione in MRM News Bites. Questa settimana, presentiamo chef che si impegnano a sostenere grandi cause, nuove tecnologie di ristorazione e aperture di ristoranti. Invia articoli di interesse all'editore esecutivo Barbara Castiglia a [email protected]

Cucinare dal vivo! per la portata della famiglia

Ospitato dal presidente del comitato consultivo nazionale di Family Reach, Lo chef Ming Tsai, Cucina dal vivo! ha riunito alcuni dei migliori chef famosi della nazione per una serata all'insegna del vino e della cena. Gli ospiti hanno guardato da vicino mentre gli chef davano dimostrazioni di cucina dal vivo prima di servire un pasto di cinque portate a New York City. Ogni piatto è stato ispirato da ospiti speciali della serata: Le famiglie che combattono il cancro che Family Reach ha sostenuto Family Reach Foundation è un'ancora di salvezza finanziaria per le famiglie che combattono il cancro.

Iron Chef Morimoto, al centro a sinistra, e il veterano dell'emittente Bryant Gumbel, al centro a destra, con lo chef Ming Tsai, a destra, e l'ospite Christine Rogers, a sinistra, preparano un piatto al Cooking Live di Family Reach! evento di beneficenza, lunedì 14 novembre 2016 al Ritz-Carlton di New York, Battery Park. L'evento raccoglie fondi per aiutare le famiglie che affrontano il costo quotidiano del cancro. (Foto di Diane Bondareff/Invision for Family Reach/AP Images) Lo chef Todd English, il cantante Daya e lo chef Ming Tsai, da sinistra a destra, con le gemelle Sabrina e Olivia Lorusso, davanti, festeggiano al Cooking Live di Family Reach! evento di beneficenza, lunedì 14 novembre 2016 al Ritz-Carlton di New York, Battery Park. L'evento raccoglie fondi per aiutare le famiglie che affrontano il costo quotidiano del cancro. (Foto di Diane Bondareff/Invision for Family Reach/AP Images)

Per più di un decennio, Family Reach ha aiutato le famiglie con un figlio malato o un genitore a pagare le semplici bollette quotidiane che possono farli fallire rapidamente.

Family Reach è un'organizzazione nazionale senza scopo di lucro dedicata all'eliminazione dell'onere finanziario del cancro per i pazienti e le loro famiglie. Lavorando in stretta collaborazione con oltre 165 ospedali e centri oncologici a livello nazionale, l'organizzazione fornisce assistenza finanziaria immediata, istruzione e assistenza alle famiglie qualificate bisognose. Per più di due decenni, Family Reach ha aiutato le famiglie con il cancro a gestire le schiaccianti barriere finanziarie ed emotive della malattia in modo che non debbano scegliere tra i bisogni umani fondamentali: acquistano generi alimentari o pagano per le cure? Pagare l'affitto o la bolletta elettrica? Family Reach è un'ancora di salvezza finanziaria per tutti coloro che servono.

Family Reach fornisce assistenza alle famiglie in diversi modi. Ad oggi, la maggior parte del loro sostegno è stata erogata tramite sovvenzioni che aiutano a coprire costi come pagamenti di mutui o affitti, trasporti, utenze, spese mediche scoperte e spese quotidiane come la spesa. Family Reach fornisce anche un manuale educativo che aiuta i pazienti con nuova diagnosi a conoscere le potenziali sfide finanziarie, come identificare i blocchi stradali e dove e come cercare aiuto finanziario.

L'organizzazione sta anche lanciando il Progetto di trattamento finanziario, un programma innovativo che affronterà la salute finanziaria dell'intera famiglia attraverso coaching finanziario, navigazione e istruzione, nonché assistenza monetaria diretta e in natura. Il progetto di trattamento finanziario prenderà il via come pilota presso la Seattle Cancer Care Alliance e il Tufts Medical Center.

Lo chef Tsai è rimasto profondamente commosso dopo aver incontrato un beneficiario di una sovvenzione di Family Reach e da allora ha dedicato il suo tempo ad aiutare le famiglie che combattono il cancro, esibendo generosamente dimostrazioni di cucina negli ospedali partner di Family Reach e ospitando numerose raccolte di fondi per Family Reach. Per ulteriori informazioni sull'evento, visitare www.familyreach.org.

Nella foto in alto, Bryant Gumbel, a sinistra, lo chef Ming Tsai, seconda a sinistra, presidente del comitato consultivo nazionale di Family Reach, Carla Tardif, al centro, CEO, Family Reach, con le gemelle Olivia e Sabrina Lorusso, a destra. (Foto di Diane Bondareff/Invision for Family Reach/AP Images)

NYSPCC presenta Gramercy Tavern Chef

La Società di New York per la prevenzione della crudeltà sui bambini (The NYSPCC) ha ospitato il suo annuale Food & Wine Gala con Lo chef Michael Anthony di Gramercy Tavern e Untitled al Whitney Museum of American Art che ha progettato un menu unico per più di 200 ospiti. Il cibo squisito - in particolare, la lasagna ai funghi firmata dallo chef Michael - è stato abbinato a una selezione di vini di Tournesol e Caymus Vineyards.

Il NYSPCC è stato grato di avere partecipanti meravigliosi al gala di quest'anno. Il presentatore e l'analista di Fox News Kimberly Guilfoyle hanno partecipato come presentatore, l'editore capo della rivista Bon Appétit Adam Rapoport è stato l'ospite d'onore e la famosa banditrice d'asta di Christie's, Lydia Fenet, ha guidato l'asta al contrario del gala. Il gala di quest'anno ha raccolto un totale di quasi 600k per finanziare il Trauma Recovery Program del NYSPCC, che offre un programma terapeutico specializzato per bambini di età compresa tra 5 e 18 anni, che hanno subito abusi fisici o sessuali, negligenza, lutti traumatici o che hanno assistito a violenze familiari.

Michele Antonio
©Patrick McMullan Foto di Jared Siskin/PMC

"Questo [The NYSPCC] è un'agenzia che fa un lavoro che cambia la vita", ha condiviso Kimberly Guilfoyle, che è membro del Children's Council del NYSPCC. “Tante volte mi viene chiesto di essere coinvolto in diverse organizzazioni e cause di beneficenza, e molte volte cerco di fare del mio meglio per prestare la mia voce e il mio sostegno perché voglio sicuramente essere in grado di restituire, ma questo è uno che scelto». Kimberly ha anche parlato dei suoi anni di lavoro come procuratore presso l'ufficio del procuratore distrettuale di Los Angeles e San Francisco e di come ha rafforzato la sua determinazione a salvare i bambini in via di estinzione.

The New York Society for the Prevention of Cruelty to Children (NYSPCC) – Food & Wine Gala
©Patrick McMullan Foto di Jared Siskin/PMC

Il NYSPCC tiene il suo evento di raccolta fondi Food & Wine Gala ogni anno per raccogliere fondi vitali per l'agenzia. Il lavoro unico del NYSPCC funge da modello per le agenzie di assistenza all'infanzia in tutta la nazione. Dalla sua fondazione, il NYSPCC ha indagato su oltre 650.000 casi per conto di oltre due milioni di bambini e ha istruito oltre 46.000 professionisti su come identificare e segnalare abusi e abbandono di minori.

"Siamo l'agenzia di riferimento per New York City", ha affermato la dott.ssa Mary L. Pulido, direttrice esecutiva del NYSPCC, che ha pronunciato un sentito discorso sulla necessità di proteggere i bambini dall'abuso o dall'abbandono. “Quando si sente parlare di una storia orribile nei media, siamo chiamati ad aiutare. Quando un bambino subisce abusi indescrivibili, siamo chiamati a fornire consulenza nel nostro programma di recupero dai traumi”.

La scuola Escoffier nomina nuovi discepoli

Scuola di Arti Culinarie Escoffier ha annunciato le ultime aggiunte ai suoi Disciples d'Escoffier, una società globale focalizzata sulla promozione e la conservazione dell'eccellenza in cucina, educazione culinaria, cultura del vino, liquori e ospitalità. I nuovi discepoli includono alcuni dei migliori leader culinari della zona: lo chef Curtis Duffy, chef e proprietario del ristorante tre stelle Michelin Grace Duffy, ispirazione di Grace Duffy ed ex insegnante di economia domestica, educatrice culinaria Ruth Snider e dottori Robert e Sonat Birnecker, fondatori e proprietari di Distilleria KOVAL. Escoffier ha anche annunciato una partnership con Duffy per promuovere l'importanza dell'educazione culinaria per aspiranti culinari attraverso una serie di presentazioni ed eventi che coinvolgono la scuola, nonché un programma di borse di studio Curtis Duffy da $ 25.000.

Da sinistra a destra: Jeremy Wheaton, Jeff Larson, Sarah Larson, lo chef Curtis Duffy, Glenn McManus, Jack Larson e Randall Sansom

I discepoli saranno premiati con una cena di sette portate e una cerimonia di investitura a Grace il 21 novembre. Il Disciples d'Escoffier International è una società gastronomica di prim'ordine con oltre 20.000 membri in tutto il mondo. L'obiettivo dei Disciples d'Escoffier International è onorare la memoria dello chef, ristoratore e scrittore culinario francese Auguste Escoffier, promuovendo e preservando il suo lavoro e mantenendo le grandi tradizioni culinarie da cui ha avuto origine. Sarà presente dalla Francia Michel Escoffier, pronipote del celebre chef e presidente della Fondazione e del Museo Auguste Escoffier.

"Gli stimati Disciples d'Escoffier promuovono l'educazione e l'apprendistato culinario ed è stato progettato per ispirare e incoraggiare gli altri a continuare a perseguire i più alti standard", ha affermato Jeremy Wheaton, Presidente e CEO della Escoffier School of Culinary Arts. "I nostri quattro nuovi assunti esemplificano al meglio la cucina locale e personificano veramente questa missione nel loro lavoro".

Curtis Duffy ha superato un'infanzia difficile e una tragedia familiare per diventare uno degli chef più acclamati di Chicago, ricevendo numerosi riconoscimenti nel corso della sua carriera culinaria. Inoltre, Duffy è stato recentemente il soggetto del documentario For Grace, un film candidato al James Beard Award. Il film racconta lo straordinario viaggio dello chef nell'aprire il suo ristorante, Grace. L'insegnante di Duffy, Ruth Snider, ha suscitato il suo interesse iniziale per la cucina e rimane uno dei sistemi di supporto più forti della sua carriera. I due saranno affiancati nel Disciples d'Escoffier dal Dr. Robert Birnecker, uno dei massimi esperti di distillazione d'America, e dal Dr. Sonat Birnecker, co-fondatore e presidente della KOVAL Distillery, che produce da zero whisky, liquori e distillati biologici , abbracciando una mentalità dal grano alla bottiglia.

"Sono davvero onorato di essere stato inserito nei Disciples d’Escoffier", ha detto Curtis Duffy. “Questo è uno dei grandi onori che uno chef può ricevere e sono onorato di poterlo condividere con la mia fantastica amica e insegnante Ruth Snider. Un tale onore…”

Per saperne di più sulla Escoffier School of Culinary Arts, visita www.escoffier.edu.

Semplificazione dei menu digitali

Ricerca DT, che progetta e produce soluzioni informatiche appositamente progettate per i mercati verticali, ha affermato che i suoi dispositivi multischermo della serie MA ora includono un Media Wizard per applicazioni pubblicitarie che supporta più zone di visualizzazione con risoluzioni LED personalizzate. I ristoranti possono ora riprodurre e tenere traccia di pubblicità e promozioni ad alta definizione con playlist impostate e scadenza programmata utilizzando DT Research MA Multi Screen Appliances.

Il Menu Labeling Requirement Act della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, che entrerà in vigore il 5 maggio 2017, richiede che qualsiasi operazione di servizio di ristorazione con 20 o più sedi abbia il conteggio delle calorie e altre informazioni nutrizionali incluse nei loro menu. Mentre ristoranti e altri stabilimenti alimentari si preparano a soddisfare il nuovo requisito, il sistema DT Research è progettato per semplificare le modifiche alle voci di menu attraverso l'integrazione con database e sistemi di punti vendita.

"Ci impegniamo ad aiutare i ristoranti a massimizzare i menu digitali per migliorare e semplificare la loro attività", ha affermato Daw Tsai Sc.D., presidente di DT Research. "Queste nuove funzionalità possono aiutare le aziende alimentari a generare entrate pubblicitarie utilizzando schede di menu digitali e facilitare la conformità con l'imminente requisito di etichettatura dei menu della FDA".

I nuovi miglioramenti al sistema Multi Screen Appliance della serie DT Research MA includono:

Procedura guidata multimediale per applicazioni pubblicitarieNota: gli utenti della scheda del menu digitale di DT Research possono riprodurre annunci pubblicitari e promozioni in una zona specifica della scheda del menu digitale utilizzando un nuovo Media Wizard per applicazioni pubblicitarie. Gli utenti possono utilizzare questa procedura guidata per importare file multimediali esistenti in ciascuna zona. La procedura guidata guiderà l'utente attraverso i file multimediali utilizzando un file Excel (.xls, .xlsx e .txt) a ciascuna zona, che applicherà l'ordine dei media, la durata e gli attributi (durata della transazione).

Integrazione con database o API POS: L'editor della scheda del menu di DT Research ora fornisce un modo semplice per connettersi a un database per visualizzare facilmente le informazioni sugli articoli. Il database supporta MySQL, Oracle, Microsoft SQL Server, PostgreSQL e file CSV remoti. La scheda del menu può anche essere personalizzata con un'API Web di terze parti per sfruttare un sistema POS (Point-of-Sale) esistente.

Risoluzione personalizzata: I ristoranti possono visualizzare annunci pubblicitari e le proprie promozioni in alta definizione. Gli utenti scelgono semplicemente una risoluzione personalizzata nel Web Content Manager (WCM) per le applicazioni pubblicitarie LED tra 80 x 80 e 8000 x 8000 o utilizzano la risoluzione predefinita, che è 1920 x 1080.

Scadenza supporto: I ristoranti possono programmare promozioni e annunci pubblicitari e controllare il numero di volte in cui giocano durante un determinato periodo di tempo, ad esempio entro un periodo di 24 ore o una volta alla settimana. Gli utenti possono impostare un'ora di inizio e un'ora di fine come attributo multimediale nella playlist o impostare la modalità Loop, che riprodurrà i media ripetutamente all'interno dell'intervallo disponibile. Sulla base della playlist, gli utenti possono tenere traccia delle vendite fino al momento in cui l'annuncio è stato riprodotto per misurare l'impatto.

EMV senza contatto Disponibile negli Stati Uniti

Gemalto, una società di sicurezza digitale, porta la prossima ondata nella tecnologia di pagamento: Contactless EMV negli Stati Uniti. Contactless EMV offre lo stesso elevato livello di sicurezza delle carte contact EMV, combinato con una funzione tap-and-pay che accelera notevolmente le transazioni, a vantaggio di emittenti, commercianti e titolari di carte.

Le carte contactless possono già essere utilizzate ovunque siano accettati i pagamenti mobili, come Apple Pay™, inclusi i principali rivenditori, supermercati e fast food in tutti gli Stati Uniti. Più di 1,2 miliardi di tali carte consegnate in tutto il mondo nel 2015. Gemalto ha consegnato più di 1 miliardo di quelle a livello globale negli ultimi cinque anni. Le carte contactless di Gemalto sono ora in 77 paesi in tutto il mondo, inclusi Stati Uniti, Australia, Cina, Regno Unito, Canada e Brasile.

"Forniamo un portafoglio completo di carte e opzioni EMV indossabili per gli emittenti", ha affermato Bertrand Knopf, Vicepresidente senior per le transazioni sicure di Gemalto. "I consumatori hanno già carte EMV contactless nei loro portafogli di diverse grandi banche e ora possono toccare per pagare in molti dei luoghi in cui fanno acquisti più spesso".

I pagamenti contactless coesistono insieme alle principali opzioni di pagamento mobile come Apple Pay™, Android Pay™ e Samsung Pay™ e i consumatori possono richiedere carte contactless a molti grandi emittenti.

Il portafoglio contactless Gemalto è immediatamente disponibile ed è completamente certificato EMV.

Due nuove aperture al Prudential Center

Gruppo di ospitalità desiderabile, il gruppo di ristoranti dietro a concetti come fabrick, David Burke Kitchen e JIMMY a New York City, Primehouse di David Burke a Chicago e molti altri, ha presentato due nuove offerte al Prudential Center di Newark, NJ: Fat Belly Clam Shack di Skully e Caputo Pizzeria. I due nuovi punti di ristoro si uniscono al Bacon Bar e all'Handwich Shop di Craveable Hospitality Group, attualmente situati nell'arena.

Involtino di aragosta allo Skully's Fat Belly Clam Shack

Skully's Fat Belly Clam Shack è un classico concetto di pesce in stile New England che serve frutti di mare dell'Atlantico e locali, mentre Caputo Pizzeria celebra i piatti italiani preferiti come la pizza croccante e un assortimento di antipasti. Entrambi i menu sono stati sviluppati dal Culinary Council del Craveable Hospitality Group guidato dal Culinary Director Matt O'Neill.

"Completare l'intrattenimento superiore al Prudential Center con le migliori opzioni di ristorazione, risultando in una serata o un pomeriggio completo, è esattamente il tipo di esperienza che miriamo a fornire ai nostri ospiti", afferma Stephen Goglia, presidente e CEO di Craveable Hospitality Group. "Siamo entusiasti di collaborare con Legends Hospitality per far parte del continuo impegno dell'arena per diversificare le offerte culinarie con le aperture di Skully's Fat Belly Clam Shack e Caputo Pizzeria".

Pizza Margherita alla Pizzeria Caputo

Skully's Fat Belly Clam Shack è disponibile nel Jeep Frontier Club del Prudential Center e Caputo Pizzeria è disponibile nel Club Lounge East, entrambi situati nell'atrio principale dell'arena.

I concetti attuali di Craveable Hospitality Group includono David Burke Kitchen (New York, NY), JIMMY (New York, NY), David Burke da Bloomingdale's (New York, NY), David Burke fabrick (New York, NY), Spyglass Rooftop Bar (New York, NY), Burke in the Box at McCarran Airport (Las Vegas, NV), David Burke Primehouse (Chicago, IL), David Burke Prime (Foxwoods Casino, CT), Skully's Fat Belly Clam Shack, Caputo Pizzeria, Bacon Bar e Handwich Shop al Prudential Center (Newark, NJ) e Trilogy al Silverspot Cinemas. Diversi altri progetti sono in corso. Inaugurato nell'ottobre 2007, l'arena all'avanguardia del Prudential Center è la sede dei New Jersey Devils, tre volte campioni della Stanley Cup della National Hockey League (NHL), del programma di basket maschile della Divisione I della Seton Hall University e di più di 175 concerti, spettacoli per famiglie ed eventi speciali accolgono 1,75 milioni di ospiti ogni anno.

Wagamama apre a New York City

Famoso ristorante londinese wagamama ha aperto la sua prima sede a New York al 210 della Fifth Avenue sulla 26th Street.

Un menu di cibo asiatico ispirato ai sapori del Giappone include audaci donburi e teppanyaki, ramen appaganti, curry colorati, gyoza e panini al vapore. Tutti i piatti sono preparati in una cucina aperta nel cuore del ristorante e vengono serviti non appena sono pronti, una pratica consolidata di wagamama.

Le firme includono calamari al peperoncino, conditi con sette spezie shichimi, katsu di pollo in una fragrante salsa al curry su riso appiccicoso e wagamama ramen, una specialità della casa sin dall'inizio del wagamama. I noodles, una ricetta brevettata wagamama perfezionata in 24 anni, sono importati dal Regno Unito. Un elenco di succhi freschi, vengono anche spremuti, macinati e versati su ordinazione e includono scelte come super verde con mela, menta, sedano e lime e succo crudo con carota, cetriolo, pomodoro, arancia e mela.

L'apertura di Manhattan segna diversi primati per wagamama, tra cui il debutto di un brunch del fine settimana di ispirazione asiatica e una lista completa di bar e cocktail creati pensando ai newyorkesi. Le bevande sono versioni wagamama di cocktail classici come il whisky sawa con whisky giapponese Iwai e liquore lapsang souchong e lo yuzu mojito fatto con rum Tanduay e liquore yuzu, oltre a una vasta gamma di birre artigianali asiatiche.

Il wagamama preferito di Londra porta i suoi curry, ramen e teppanyaki a New York.

L'ampio ristorante su due livelli, con ingressi sia sulla Fifth Avenue che su Broadway, è elegante e moderno con pareti in mattoni a vista, lampade a sospensione e ricchi accenti di legno. Gli sgabelli minimalisti in legno e metallo offrono posti a sedere ai tavoli individuali in tutto, mentre i tavoli comuni, un altro principio fondante del wagamama, possono ospitare fino a 18 persone su lunghe panche e stabilire un senso di uguaglianza tra i commensali. Ulteriori posti a sedere sono disponibili in un lungo bar in marmo e su un ampio soppalco che si affaccia sulla sala da pranzo principale.

“La nostra posizione sulla Fifth Avenue è davvero speciale, con vista su Madison Square Park. L'intera area NoMad/Flatiron è così vibrante e si sta evolvendo rapidamente in un importante centro gastronomico di New York. New York è sempre stata nella nostra lista dei desideri, e nella mia mente, insieme a Londra, è una delle due migliori città del mondo, ha detto il CEO di Wagamama David Campbell. “Siamo molto grati per il caloroso benvenuto che i newyorkesi ci hanno già dato e siamo tranquillamente fiduciosi che wagamama diventerà uno dei locali preferiti.”

wagamama è stata fondata nel quartiere londinese di Bloomsbury nel 1992 con uno scopo chiaro: creare un luogo per mangiare positivo dove il cibo soddisfa i sensi e l'anima. L'azienda è vista come un pioniere della tavola comune, della cucina aperta e del menu personalizzabile e su ordinazione, supervisionato dall'executive chef Steve Mangleshot. Questo ethos è rimasto per più di due decenni, concentrandosi su positività, freschezza e miglioramento continuo. Kaizen, una parola giapponese che significa "buon cambiamento", è una filosofia guida del wagamama. Si tratta di non fermarsi mai nella ricerca di essere migliori, e wagamama ha praticato il kaizen sin dall'inizio. wagamama si è espansa in più di 160 sedi in tutto il mondo e prevede di aprire in altri quartieri di New York in futuro.

Apre la cucina e il bar Foxwoods di Guy Fieri

Inaugurati Chef Guy Fieri e Big Night Entertainment Group Cucina + Bar Foxwoods di Guy Fieri al livello del casinò della Grand Pequot Tower of Fowxoods.

L'estetica del locale di 9.800 piedi quadrati è concepita da Peter Niemitz di Niemitz Design Group ed è garantito per stupire gli ospiti con la sua "cucina aperta con grandi travi in ​​legno del soffitto, finestre dal pavimento al soffitto, mobili personalizzati in pelle marrone e pelle scamosciata e lampadari in ferro fatti a mano in metallo che creano un'atmosfera rustica moderna. Un bar superiore in legno da 42 piedi progettato con vetro temperato si affaccia sul casinò e due schermi televisivi da 90 pollici siedono sopra il bar per consentire agli ospiti di visualizzare i loro eventi sportivi preferiti. Un'aquila simbolica presiede la panca centrale del ristorante e un tavolo da otto chef situato accanto alla cucina offre un'esperienza culinaria onnicomprensiva.

"Siamo entusiasti di dare il benvenuto a Guy e al suo incredibile team nelle famiglie Foxwoods e Big Night", ha dichiarato Ed Kane, Principal di Big Night Entertainment Group. "La sua esperienza culinaria combinata con i profili aromatici completi dei suoi piatti d'autore sono diversi da qualsiasi cosa offerta in tutta l'area."

Lo chef Fieri porta la sua tipica cucina in stile americano alla gente di Foxwoods con sapori robusti e audaci con punti salienti del menu come i suoi famosi nachos Trash Can, BBQ Bahn Mi, Bacon Mac-N-Cheese Burger e Lobster Agra Diavolo, oltre come un'abbondante selezione di panini, hamburger, antipasti forchetta + coltello e dessert appetitosi come la torta al whisky al cioccolato fondente a sette strati.

Inoltre, il ristorante da 258 posti dispone di un bar premium completo con una vasta selezione di liquori, vini, birre in bottiglia e alla spina. Il menu di cocktail creativo dello chef Fieri comprende sciroppi fatti in casa e cocktail artigianali con sapori audaci e bevande d'autore come il Caliente Margarita, il Tattooed Mojito e il Freaky Tiki di Guido.

"Portare il mio ristorante a Foxwoods è una grande opportunità per me", ha detto Guy Fieri. “Lavorare con Big Night Entertainment, la tribù Mashantucket Pequot e il team di Foxwoods è stato entusiasmante perché si tratta di persone che sanno come offrire ai propri ospiti una grande esperienza. Da Guy's ci occupiamo di cibo fatto con i graffi, cocktail fantastici e divertimento".

Pollo Santo! Si apre

Il regista Morgan Spurlock ha aperto un ristorante fast-food Pollo Santo! a Columbus, OH questo mese.

Il regista Morgan Spurlock partecipa all'inaugurazione del suo nuovo ristorante Holy Chicken! Foto di Jeff Vespa/WireImage

Holy Chicken!, è un fast food "Chicken Experience" in cui gli ospiti avranno l'opportunità di assaggiare selezioni dal menu "fast food con integrità". I piatti includono il piatto tipico di Holy Chicken! "The Grilled Crispy Chicken Sandwich", uno speciale menu per bambini che evidenzia i "Lil' Cluckers Chicken Tenders", realizzati con polli ruspanti naturali al 100% e bevande di provenienza locale e prodotte localmente.

La grigliata coreana di Suji riapre come servizio completo

Il Suji's Korean Grill ha riaperto dopo aver subito cambiamenti significativi che riflettono un concetto in evoluzione guidato da consumatori desiderosi di sperimentare la cucina coreana più tradizionale in un ambiente a servizio completo.

Il mese scorso, la ristoratrice Suji Park ha chiuso il suo ristorante fast-casual di tre mesi per ridisegnare completamente il concetto e riaprire come un elegante ristorante a servizio completo, con barbecue coreano al tavolo. Il cambiamento arriva dopo il feedback al suo ristorante di recente apertura, dove i commensali hanno espresso il loro desiderio di esplorare la cucina della patria di Suji in un ambiente a servizio completo.

"Abbiamo completamente riprogettato il nostro concetto di ristorante e apportato molte modifiche, inclusa l'aggiunta di griglie a ogni tavolo", ha spiegato Suji Park, Chief Inspirational Officer di Suji's Korean Grill. “E sono lieto di annunciare che stiamo introducendo un nuovissimo team culinario da New York City e Seoul.

Il nuovo design presenta griglie da tavolo, così i commensali possono godersi il barbecue coreano composto da carni scottate e marinate cotte direttamente al tavolo. Oltre a piatti come il galbi grigliato al tavolo, il nuovo menu offre specialità coreane tra cui costolette di manzo alla griglia marinate in una miscela di condimenti tradizionali coreani, bulgogi di manzo, fette ultrasottili e leggermente marinate di ribeye di Angus naturale di Omaha e sam- gyeop-sal, una pancetta di maiale affettata sottile servita con salsa di sesamo. Il menu comprende anche stufati e piatti di riso e noodle e il bibimbap, un pasto a base di carne, verdure e riso condito con un uovo, servito in tradizionali ciotole di pietra calda. Suji's offre anche una varietà di birre artigianali locali e gustosi cocktail coreani di soju per accompagnare ogni pasto.

Il Suji's Korean Grill si trova in uno spazio commerciale privilegiato presso l'Aksarben Center al 1303 South 72nd Street a Omaha. Il ristorante è il primo di una catena proposta con il marchio Suji's, che sta già introducendo gli americani a piatti, antipasti e salse coreani preparati con l'etichetta Suji's Korean Cuisine presso rivenditori tra cui Costco, Whole Foods, Target e H.E.B Grocers.

Secondo Park, mentre l'attenzione in questo momento è fermamente sul ristorante Omaha, sono già in cantiere i piani per aprire un ristorante con sede a Seattle nel prossimo anno. "Abbiamo esplorato la possibilità di aprire il nostro secondo ristorante in diverse città, tra cui New York", ha detto. “Ci siamo stabiliti a Seattle, che ha una forte comunità di amanti del cibo internazionale e una familiarità con la cucina asiatica. Siamo ansiosi di aprire le porte lì e presentare alla città il nostro entusiasmante menu coreano”.

Il Suji's Korean Grill è un ristorante a servizio completo con sede a Omaha, NE, che serve i sapori autentici del cibo coreano completamente naturale. Il ristorante è stato fondato da Suji Park, che gestisce ristoranti a tema americano in Corea del Sud e Giappone. L'attività è un'espansione del marchio "Suji's" negli Stati Uniti, dove Park ha stabilito pasti, antipasti e salse al dettaglio e di ristorazione coreani. L'azienda è stata fondata nel 2013 dall'imprenditore internazionale Suji Park, noto per aver portato la gastronomia americana in stile newyorkese in Corea e Tokyo.

Blue Dahlia Bistro si espande

Blue Dahlia Bistro, con sedi nell'East Side di Austin e a Westlake, aprirà la sua terza sede nel gennaio 2017, nella storica piazza del centro di San Marcos, hanno annunciato oggi i proprietari Amy e Sam Ramirez. La risposta di Austin alla cucina europea informale e ai ristoranti di quartiere da quasi dieci anni, il Blue Dahlia Bistro offre cibo fresco e semplice in un'atmosfera rilassata e accogliente.

Il Blue Dahlia Bistro fornirà al mercato di San Marcos un'opzione casual per coloro che cercano piatti da bistrot europei freschi e semplici serviti in un ambiente caldo e accogliente. "La nostra missione è sempre stata quella di creare un ristorante che fungesse da destinazione per la ristorazione, ma fungesse anche da punto di riferimento per la comunità in cui amici e vicini potessero incontrarsi, rilassarsi e godersi un pasto piacevole", ha commentato la co-proprietaria Amy Ramirez. "Blue Dahlia è la nostra risposta ai bistrot informali che fungono da centri comunitari nei piccoli villaggi e nelle città di campagna di tutta Europa".

Originario del Maine, Ramirez si è trasferito ad Austin nel 1998 e ha sviluppato il concetto di Blue Dahlia Bistro nel 2007 dopo lunghi viaggi in tutta Europa. Ha sposato Sam, uno dei primi investitori nel ristorante e residente di lunga data di San Marcos, nel 2008 e da allora i due hanno diviso il loro tempo tra San Marcos e Austin.

Situato all'angolo tra Hopkins e North Guadalupe Street a San Marcos, lo spazio di 2.000 piedi quadrati si trova in un edificio storico del XVIII secolo che originariamente si pensava fosse la casa e lo studio di un fabbro. I Ramirez sono dedicati a mostrare la storia dell'edificio, esponendo dettagli originali come soffitti in lamiera pressata e pareti in pietra calcarea da 18 pollici. Come le altre location del Blue Dahlia Bistro, il ristorante San Marcos sarà caratterizzato da tavoli privati ​​e comuni, con posti a sedere al coperto e all'aperto, tra cui un patio anteriore e un giardino sul retro.

"L'apertura di Blue Dahlia a San Marcos è sicuramente un progetto di passione per noi", ha commentato il comproprietario Sam Ramirez. “È stato un onore e un piacere crescere la mia famiglia a San Marcos e siamo entusiasti di portare nuovi affari in questa città in crescita e offrire una nuova destinazione culinaria per la nostra meravigliosa comunità.”

Il menu di apertura includerà i classici da bistrot per i quali il Blue Dahlia Bistro è diventato famoso, tra cui: Salade Niçoise, Goat Cheese, Mozzarella e Mesclun Greens insalate Tartine che vanno dal prosciutto e gruyère all'hummus, all'uovo biologico, al formaggio di capra francese e ai tradizionali antipasti francesi come il manzo alla bourguignon, le cozze alla provenzale, la ratatouille e il coq au vin blanc. Il menù della colazione, che viene servito tutto il giorno, comprende croissant, frittate, uova alla coque, crêpe francesi, panini parigini e altro ancora. La carta dei vini includerà una selezione internazionale di vini bianchi, rossi, rosati e spumanti, oltre a birre locali di Live Oak, 512 Brewery e Hops & Grain. Blue Dahlia Bistro utilizza ingredienti locali e biologici quando possibile e sempre il miglior prodotto di qualità disponibile.

Rubbermaid Commercial aggiunge una linea codificata a colori

Prodotti commerciali Rubbermaid® (RCP) ha lanciato il suo sistema di servizio alimentare con codice colore, un sistema di preparazione e conservazione degli alimenti di prima qualità progettato per aiutare le cucine commerciali a ridurre le malattie di origine alimentare e la contaminazione incrociata. La nuova linea di prodotti è ora disponibile a livello nazionale e ha recentemente ricevuto il sigillo di approvazione dell'American Culinary Federation (ACF).

La linea con codice colore copre tutto, dagli strumenti di preparazione allo stoccaggio, inclusi taglieri, un porta taglieri, pinze, spatole ad alta temperatura, contenitori quadrati con coperchi e contenitori rotondi con coperchi. Sette opzioni di colore sono progettate per facilitare la manipolazione sicura di carne cruda, pollame, latticini, frutti di mare, carne cotta, prodotti agricoli e potenziali allergeni da parte dei professionisti della ristorazione.

Le cucine commerciali possono scegliere tra otto diverse soluzioni di kit di partenza, che forniscono tutto il necessario per avviare un sistema di codifica a colori. Le opzioni includono kit di partenza a 1 colore, 3 colori, 5 colori e 7 colori. Per aiutare a formare il personale, ogni kit iniziale con codice colore include anche una guida all'implementazione e un poster.

"Il cibo contaminato causa quasi 48 milioni di malattie all'anno negli Stati Uniti1 e la sicurezza alimentare continua a essere una delle principali preoccupazioni per le cucine commerciali e l'industria alimentare in generale", ha affermato Kristine Sickels, vicepresidente senior del marketing di RCP. “Con la nostra nuova linea di prodotti, possiamo aiutare i professionisti della ristorazione a mantenere condizioni più sicure in ogni fase del processo di preparazione, fondamentale per fornire un servizio di qualità ai clienti.”

Il sistema di servizio alimentare con codice colore fornisce una soluzione semplice per facilitare la manipolazione sicura degli alimenti ed è costruito per resistere all'ambiente della cucina commerciale. Tutti i prodotti sono lavabili in lavastoviglie. Le spatole ad alta temperatura sono costruite per resistere a temperature fino a 500º F e le pinze sono dotate di impugnature in gomma per consentire un migliore controllo e maneggevolezza.

A novembre, il sistema di servizio alimentare con codice colore ha ricevuto il sigillo di approvazione ACF dall'American Culinary Federation (ACF), la più grande organizzazione di chef professionisti del Nord America. I prodotti sono stati testati utilizzando più criteri e l'accreditamento è ampiamente considerato un punto di riferimento dell'eccellenza culinaria. Il sigillo di approvazione dimostra l'impegno di RCP per prodotti di qualità nel settore della ristorazione.

L'ACF Seal of Approval Task Force ha applicato i rigorosi criteri di test dell'organizzazione al sistema di servizio di ristorazione con codice colore che è stato testato utilizzando molti metodi di cottura, preparazione e conservazione, tra cui bollitura, frittura, soffriggere, cuocere al forno, conservare e refrigerare. La task force ha valutato le prestazioni fisiche, la coerenza, l'adattabilità e l'accuratezza delle etichette e delle dichiarazioni di marketing dei prodotti.

Il programma ACF Seal of Approval offre ai produttori di servizi di ristorazione l'opportunità di avere prodotti approvati dalla principale organizzazione di chef professionisti negli Stati Uniti. A differenza di altre entità, il Seal of Approval ACF richiede test e valutazioni approfondite del prodotto.


Sopravvivere in un business difficile e farlo con brio

SE i suoi capelli non fossero così bianchi e il suo accento lussureggiante e straniero, l'uomo che ci saluta all'ingresso di Fromagerie potrebbe non farla franca con la sua barzelletta sulla composizione della nostra festa. (Siamo tre donne e un uomo, occhiolino, occhiolino.) Ma penso che Markus Peter potrebbe dire qualsiasi cosa e mi affiderei alle sue cure per una serata.

Per più di 8.000 serate, lui e suo fratello Hubert hanno coccolato i clienti con uno stile di ospitalità raramente incontrato in America. Certamente non è più in voga a Manhattan, dove uomini e donne con accenti europei e mondi di esperienza sono quasi scomparsi. Se non sei nato ieri, non conti.

Ma il signor Peter e suo fratello ti fanno sentire come se fossi importante, molto, motivo per cui i lettori della rivista Gourmet hanno recentemente nominato Fromagerie il loro ristorante preferito nel New Jersey.

I ristoranti aprono e chiudono con sorprendente rapidità. Pensa al tuo ristorante preferito. Era qui 20 anni fa? Sarà qui tra 20 anni? I Peters non erano sicuri che Fromagerie sarebbe durata così a lungo, e più a lungo, quando servirono la loro prima cena nel dicembre 1972. ''Non fu un disastro, ma fu un grande produttore di ansia,'' ha detto Markus Peter, che gestisce la parte anteriore della casa e il vino. (La provincia di Hubert è la cucina.) La folla era due volte più numerosa di quanto i nuovi proprietari avevano previsto, e i forni erano due volte più lenti.

''Siamo andati a casa e ci siamo subito resi conto che avevamo bisogno di attrezzature migliori se volevamo fare questo tipo di volume,'' Markus Peter. Ma lui e Hubert erano anche d'accordo sul fatto che avevano bisogno di qualcos'altro, qualcosa di così speciale da distinguerli dagli altri ottimi ristoranti della zona. La risposta, decisero, era un buon pane, ma non riuscivano a trovarne a livello locale. È così che Fromagerie è diventato noto come il ristorante all'uscita 109 della Garden State Parkway che volava in baguette da Parigi.

Nel corso degli anni, Fromagerie ha acquisito un seguito per altri motivi, in particolare per la sua selezione di vini. Più Markus Peter imparava sull'argomento, più ampliava la sua collezione, che ora include ottimi bordeaux (uno Chateau Clinet per $ 395), esuberanti chardonnay (un Newton 1993 per $ 65) e tutto eccellente tranne gli affari.

I cambiamenti in cucina sono stati altrettanto radicali. '𧪻iamo iniziato con Escoffier e siamo stati influenzati da Alice Waters,'','', ha detto Markus Peter, riferendosi alla Julia Child di Berkeley, in California, che ha sostenuto l'uso di prodotti biologici e coltivati ​​localmente. Fromagerie non è mai stato così serio riguardo alle verdure - dopotutto, i Peters provengono da una lunga stirpe di salumieri bavaresi - ma il menu ha subito la sua rivoluzione, esiliando quiche, crepes e fondute a favore di piatti più minimalisti come il sashimi di tonno e il granchio torte circondate da una coulis di peperoni rossi che James Rosenbauer, il nuovo chef, ha alleggerito e portato al di qua del glorioso.

''In realtà mi piacciono il burro e la panna,'' Mr. Rosenbauer ammette. Che paradosso che dovrebbe lavorare in un ristorante un tempo noto per la zuppa di formaggio.

Un aspetto di Fromagerie che non è cambiato è la sua base di clienti. Era e rimane abbagliante. Bruce Springsteen e Jon Bon Jovi si sono presentati occasionalmente, così come celebrità più conosciute da una generazione più anziana: George Hamilton E. G. Marshall Vic Damone e Diahann Carroll, persino l'ammiraglio Chester W. Nimitz.

'ɺlbert veniva regolarmente, scudiando donne adorabili e ordinando bellissime bottiglie di Dom Perignon,'' Markus Peter, riferendosi all'attore Albert Finney. Lui e John Huston erano visitatori costanti quando il signor Finney recitava e Huston stava dirigendo il film 'ɺnnie'' al vicino Monmouth College.

''Mr. Huston ha comprato alcune bottiglie di un Mouton Rothschild del 1959, che lui e il signor Finney hanno bevuto, e questo mi ha spinto a comprare e tenere questo tipo di vino nella mia lista, ha detto Peter.

David Burke, l'executive chef del Park Avenue Cafe di Manhattan, è stato assunto come consulente e gli chef ospiti, come Henry Haller, ex della Casa Bianca, sono stati spesso invitati a cucinare pasti speciali. Due dei piatti del signor Haller, ''Mrs. La zuppa fredda al curry'' di Reagan e i tournedos saltati di manzo e vitello del presidente Nixon'' sono stati i momenti salienti della cena che ha preparato a Fromagerie nel 1988, uno dei tanti eventi speciali nel corso degli anni che ha alzato il profilo del ristorante. Se il buon vino e il buon cibo venivano serviti per una buona causa (il Polo Match Charity Benefit, ad esempio), è probabile che Fromagerie lo abbia fornito.

Non che la vita quotidiana al ristorante fosse noiosa. I ricchi venivano a cena e tutti gli altri per festeggiare compleanni, anniversari, persino un mercato rialzista. E quando improvvisamente è diventato ribassista, si sono fermati perché la cena da Fromagerie è sempre stata costosa, anche senza Mouton Rothschild.

Ne valeva la pena allora, e ne vale la pena adesso, ti chiedi? Ancora più importante, i cambiamenti di questi 24 anni hanno portato il ristorante nella modernità? La risposta all'ultima domanda è no, e questo è un vantaggio. Entrambi i fratelli sono ancora a disposizione per disarmare i visitatori con il proprio marchio di galanteria (i due si alternano) e l'interno, nonostante molti cambiamenti, ricorda ancora un castello francese addobbato per una festa. Tutto brilla.

Il cibo, come sempre, è grandioso quando vuole esserlo. La zuppa di aragosta viene servita con caviale e il salmone affumicato con crema di rafano e blini più leggeri dell'aria. Ma la cucina non è mai stata perfetta e soffre ancora di errori, molti dei quali ispirati dal cliente. Alla vecchia guardia piaceva il salmone troppo cotto, ed è così che viene. Il vitello ricoperto di funghi porcini è insopportabilmente salato.

Ma il signor Rosenbauer ha già fatto una differenza percettibile. La sua insalata è più giovane di anni ha sostituito la lattuga romana con varietà più delicate frisee, radicchio e foglie rosse. E le salse sono più leggere e vibranti. L'unico piatto del menu attuale che è interamente suo è lo stinco di agnello, e se è un'indicazione, Fromagerie dovrebbe essere un ristorante ancora migliore per il suo 25° compleanno.

L'ex grande Lutece di Manhattan ha perso la sua quarta stella quando Andre Soltner, il proprietario, ha ceduto le redini. Ma i fratelli Peter non allentano la presa su nulla, anche se non importano più il loro pane da Parigi. (Il prodotto locale ha fatto molta strada, piccola.) In effetti, in questi giorni, sono più impegnati che mai, sorseggiando, assaggiando e pianificando il primo di numerosi eventi per celebrare il primo quarto di secolo di Fromagerie. La proprietaria di Chateau Margaux in Francia ha già detto che sarebbe venuta, e senza dubbio centinaia di clienti abituali si uniranno a lei.


Maglia del nord

Andre's Lakeside Dining

In cui si: 112 Tomahawk Trail, Sparta
Dettagli: Questa fusione asiatica e francese si trova a soli 20 piedi dal lago Seneca. Troverai sedie da pranzo all'aperto nel patio, nell'erba e nella veranda coperta. Da Andre’s, puoi ordinare da un menu a prezzo fisso con componenti aggiuntivi opzionali. Tieni presente che è un BYOB, ma servono bevande analcoliche a base di frutta ed erbe del loro giardino.
Ulteriori informazioni: Fare clic qui per visitare il sito Web o fare clic qui per chiamarli.

Battello

In cui si: 502 Washington Boulevard, Jersey City
Dettagli: Al Battello si mangia e si beve in uno spazio dal design industriale e lussuoso. Potrai anche ammirare la vista dello skyline di Manhattan mentre ti godi un menu italiano e frutti di mare grazie al guru culinario Chef Ryan DePersio.
Ulteriori informazioni: Clicca qui per visitare il sito web o clicca qui per chiamarli.

Bloomfield Steak & Seafood House

In cui si: 409 Franklin St, Bloomfield
Dettagli: Questo locale a conduzione familiare è specializzato in bistecche, frutti di mare e hamburger. Goditi un filetto mignon da 10 once o un carré di costolette nel patio, oppure prova i tacos di pesce arrabbiato tre tortillas di farina che confezionano con passera piccante, cipolla rossa, lattuga sminuzzata e salsa aioli in scaglie di peperoncino. Offrono pasti all'aperto tutto l'anno grazie alle bolle riscaldate, oltre al loro spazio nel patio.
Ulteriori informazioni: Clicca qui per visitare il sito web oppure puoi cliccare qui per chiamarli .

Cafe Chameleon

In cui si: 60 Main St, Bloomingdale
Dettagli: Gustate un menu estivo nel patio del Café Chameleon, che fornisce prodotti locali, carne e frutti di mare. Troverai opzioni di menu come la bistecca, le capesante Barnegat Light, il black bass Point Pleasant e altro ancora. Servono anche cocktail e vino da abbinare a quella brezza estiva.
Ulteriori informazioni: Cercali online per saperne di più.

Café Matisse

In cui si: 167 Park Ave, Rutherford
Dettagli: Prenota un tavolo per un pasto nel loro delizioso giardino all'aperto, ma assicurati di pianificare un'esperienza culinaria di due ore. Lo chef/proprietario Peter Loria aggiorna frequentemente le voci del menu locale e stagionale che preparano ogni sera. Ciò significa che ogni viaggio al Café Matisse può offrire qualcosa di nuovo.
Ulteriori informazioni: Cercali online per saperne di più.

Casa Bella

In cui si: 300 US Highway 46, Denville
Dettagli: Il ponte Casa Bella offre un'oasi di relax, grazie alla vista sul lago, alle luci bianche e alle piante fiorite. Questa azienda familiare utilizza ricette tramandate da madri, zii, zie, fratelli e cugini, di generazione in generazione. Il menu comprende versioni moderne e originali di pasta fatta a mano, frutti di mare, vitello, pollame, bistecche e carni bovine di prima qualità.
Ulteriori informazioni: Fare clic qui per visitare il sito Web o fare clic qui per chiamarli.

Ristorante Haven Riverfront

In cui si: 2 Main Street, Edgewater
Dettagli: Haven si trova sulle rive del fiume Hudson, offrendo viste mozzafiato dello skyline. In effetti, Haven è "uno dei 16 ristoranti sul lungomare più spettacolari del mondo" secondo Riassunto architettonico. Oltre alla vista, Haven vanta un ampio patio moderno a soli 20 piedi dal fiume.
Ulteriori informazioni: Fare clic qui per visitare il sito Web o fare clic qui per chiamarli.

Bistrot di Mattar

In cui si: 1115 County Rd 517, comune di Allamuchy
Dettagli: Aperto dal 1984, questo menu propone una moderna cucina americana con un'enfasi sui prodotti freschi e locali. Servono pasti all'aperto su una graziosa veranda che avvolge l'edificio. L'ampio menu spazia da calamari e sushi (provate il rotolo piccante di salmone) a insalate d'autore e pizza al forno a legna.
Ulteriori informazioni: Cercali online per saperne di più.

Molo 115

In cui si: 115 River Road, Edgewater
Dettagli: Pier 115 offre viste di classe mondiale dalla riva occidentale del fiume Hudson. Inoltre, questo moderno gastro pub americano vanta 115 birre alla spina e in bottiglia oltre a un forno a legna per la pizza e una cucina a servizio completo. Tuttavia, tieni presente che il servizio è attualmente in lista d'attesa solo se hanno intenzione di riprendere a prendere le prenotazioni una volta riaperti i pasti al coperto.
Ulteriori informazioni: Fare clic qui per visitare il sito Web o fare clic qui per chiamarli.

Figlio cubano

In cui si: 40-4 Riverwalk Place, New York ovest
Dettagli: Son Cubano si sforza di fornire un servizio eccellente in un'atmosfera glamour. È un modo unico per godersi il cibo, i panorami e i suoni dello stile di vita cubano. Sgranocchiare ottimi piatti cubani mentre ammiri le splendide viste di New York dall'ampio patio di Son Cubano. I fan adorano la loro firma “Ropa Nueva” e i loro piatti di paella e aragosta “Reyes”. Tuttavia, tieni presente il codice di abbigliamento “Smart Casual” prima del tuo arrivo.
Ulteriori informazioni: Cercali online per saperne di più.

Ristorante VENTANAS & Lounge

In cui si: 200 Park Ave, Fort Lee
Dettagli: Troverai Ventanas annidato all'interno dei lussuosi appartamenti a molti piani conosciuti come “The Modern” a Fort Lee. Con un menu ideato dal pioniere culinario e famoso chef David Burke, Ventanas fonde cucina americana, asiatica e cubana. Goditi i piatti preferiti del menu come il filet mignon e l'anatra arrosto al miele mentre ceni fuori nello splendido patio. Ventanas aderisce anche a un codice di abbigliamento “Smart Casual”.
Ulteriori informazioni: Cercali online per saperne di più.

Il verricello

In cui si: 45 Nolans Point Park Rd, Lago Hopatcong
Dettagli: Ammira un tramonto sull'ampio patio fornito da The Windlass. (La metà dei quali offre una copertura per proteggere dalla pioggia o dal caldo.) Richiedono la prenotazione, ma lo sforzo extra vale il menu. Ad esempio, le loro ali di verricello sono accompagnate da zenzero teriyaki o salsa piccante di bufalo. Per quanto riguarda le bevande, i preferiti dell'estate includono sangria, martini e margarita.
Ulteriori informazioni: Cercali online per saperne di più.


Mangiare sano a New York City

Ciao! Quindi, se non lo sapevi già, il mese scorso ho festeggiato il mio 30esimo compleanno a New York, e oltre a voler condividere la notizia con te tutto quello che mi sono fidanzato (evviva!! – scorri verso il basso per una foto di Oliver il mio fidanzato!) volevo condividere con voi cosa ho mangiato e bevuto, e in particolare i ristoranti e le trattorie che personalmente consiglio.

New York è onestamente la città più incredibile che ho visitato, ma all'inizio può sembrare un po' opprimente. Dopo aver chiesto molteplici suggerimenti su dove mangiare e vedere, ho fatto la mia scelta e ho ristretto i miei preferiti per te in questo post sul blog.

Il mio ‘stile alimentare’ è la regola 80/20 in cui, sebbene mangio sano la maggior parte del tempo, mi piacciono anche le mie indulgenze (con moderazione!)! Ho indossato il mio Misfit mentre ero a New York e camminavo per circa 10 miglia al giorno senza provarci (nel nostro giorno migliore abbiamo fatto 30.000 passi!!) per questo sono riuscito a bruciare le calorie extra provenienti da vino, cocktail e torte ( abbiamo festeggiato tantissimo!!) e sono tornato lo stesso peso di quando sono andato bonus!!

Quindi, se sei interessato a sentirmi parlare del mio viaggio a New York, dai un'occhiata al mio nuovo video, o continua a scorrere per tutti i miei suggerimenti.. da dove mangiare e bere a dove stare e vedere anche! Spero davvero che tu possa trovare utile questo post sul blog!

DOVE MANGIARE E BERE

COLAZIONI PER OCCASIONI SPECIALI

  • Mandarin Oriental – Asiate (Ho pronunciato MOLTO male in questo video!) – Abbiamo mangiato qui per il mio compleanno ed è stata davvero la colazione più incredibile che abbia mai fatto. Avevamo una vista incredibile su Central Park (35 piani in su!) Mentre mangiavo la mia deliziosa ciotola di semi di chia con frutta e sorseggiavo un succo verde e una tazza di tè verde. Il personale era semplicemente eccezionale. Oliver aveva le uova Benedict e ci hanno regalato una torta al cioccolato per dessert per il mio compleanno.
  • Sarabeth’s – In realtà siamo andati a pranzo da Sarabeth, ma lo consiglio vivamente per la colazione o il brunch se invece cercate una colazione più tradizionale "americana". I nostri buoni amici hanno mangiato qui durante la loro visita e il loro cibo sembrava incredibile!

COLAZIONI PI CONVENIENTI

  • Hale & Hearty – Questo negozio di zuppe e panini era vicino al nostro hotel e in una mattina piovigginosa abbiamo prelevato entrambi mentre andavamo al museo di storia naturale. Entrambi erano deliziosi e pieni di ingredienti sani!
  • Starbucks – Non credo di dover introdurre questo. Starbucks è famoso in tutto il mondo e New York li ha praticamente ad ogni angolo (!). Sono una buona opzione per un caffè a prezzi ragionevoli e opzioni per la colazione da portare in giro, tra cui frutta fresca e barrette a base di frutta secca (oh e anche acqua!). Ho bevuto la mia giusta dose di latte macchiato mentre ero lì, te lo assicuro (il jet lag è stato un killer nei primi 2 giorni!).

OCCASIONE SPECIALE PRANZO

  • Loeb Boathouse – Il giorno del mio compleanno siamo andati al Loeb Boathouse a Central Park ed è stato fantastico. La vista sul lago era perfetta e ho gustato un'insalata di tonno con patate blu! Ho bevuto un bicchiere di spumante e per finire una tazza di tisana e una torta al cioccolato in omaggio (sì, la seconda della giornata!) – era deliziosa!!
  • Sarabeth’s Abbiamo visitato Sarabeth's vicino a Central Park per pranzo un giorno e sebbene abbiano una buona gamma di opzioni alimentari (e il cibo era delizioso!) Non sono rimasto molto colpito dal personale forse abbiamo visitato in un brutto momento ma il prezzo del pranzo non sembrava corrispondere al servizio, il che è stato un peccato! Vorrei anche sottolineare che è suggerito di dare una mancia del 15-20% del conto in America.

PRANZO PI CONVENIENTE

  • Negozio di uova – Se visiti Soho, devi visitare Egg Shop. Ho avuto lo Spandex una ciotola di quinoa condita con verdure e un uovo. Ho optato per un uovo in camicia extra, un tè verde e acqua per lavarlo. È davvero un negozio così carino!
  • La figlia del macellaio – La figlia del macellaio si trova vicino al negozio di uova e ha un menu così delizioso e salutare. Anche se sfortunatamente non ho avuto l'opportunità di mangiare qui, sicuramente la prossima volta ci andrò dritta!
  • Pizzeria della Georgia – Quindi lo ammetto, non mi aspettavo di godermi questo locale dopo che Oliver ha richiesto una ‘pizza americana tradizionale per pranzo’, ma sono rimasto piacevolmente sorpreso! Ho ordinato un'enorme insalata di pollo alla griglia e mi sono goduto ogni boccone. Il posto era pieno di lavoratori della città e potrei dire perché ottimo cibo a prezzi convenienti.
  • Starbucks – Ancora una volta, non c'è bisogno di presentazioni. Starbucks vende le solite opzioni per il pranzo che fanno nel Regno Unito, come nella foto sotto –, ottimo per gli spostamenti mentre si visita il sito!

PASTI SERALI INCREDIBILI

  • Buddakan – Potresti riconoscere questo ristorante dal film Sex in the City (dove Carrie ha cenato prima del matrimonio!). Serviva il cibo più delizioso e sano e il servizio al tavolo era eccezionale. Ho ordinato quello che mi ha suggerito e ho preso il pesce per il mio antipasto e il mio principale.
  • Bellezza ed Essex – Questo ristorante del proibizionismo mi è stato consigliato più volte e di certo non ha deluso. Serve cocktail e cibo fantastici e ha un'atmosfera così divertente e vivace. Questo era il mio posto preferito per mangiare e bere durante il viaggio (guarda il mio video qui sopra per saperne di più!).
  • Tessuto David Burke – Situato in fondo all'hotel Archer, questo ristorante è stato consigliato e prenotato dal nostro concierge e ci siamo goduti un'incredibile salsa di avocado di 3 portate, insalata di pollo alla griglia e una torta di fragole alta (il miglior dessert che abbia mai mangiato!).

PASTI SERALI PI ECONOMICI

  • Shake Shack – Questo è stato l'unico ‘burger joint’ che ho visitato a New York, ma è stato davvero buono. Ho avuto un "hotdog da giardino" e un "hamburger ai funghi" (opzione vegetariana) ed entrambi erano deliziosi. Puoi servirti dell'acqua fresca tramite i rubinetti forniti mentre ti siedi nell'area salotto alla moda. Abbiamo mangiato vicino al ponte di Brooklyn dopo aver visitato Brooklyn Heights.

  • Spia di vetro – Il bar Spy Glass è situato in cima al boutique hotel Archer e le viste sono incredibili. Una parola di nota però, se sembri avere meno di 40 anni, ricordati di portare il tuo documento d'identità!
  • Stanza sul retro di New York – Un bar di divieto originale degli anni '20 e '8217 e assolutamente da vedere. Abbiamo preso un cocktail qui (servito in una tradizionale tazza da tè!) Prima di andare al Beauty & Essex e mi sono goduto ogni sorso. Trovare il bar è già di per sé un'avventura, non rovinerò la sorpresa!!

  • Starbucks – Per la terza e ultima volta menzionerò questa famosa caffetteria! Per gli spuntini era l'ideale, mi piaceva il cioccolato fondente e le patatine di cavolo riccio da qui (entrambi descritti di seguito)
  • Negozi più piccoli – Ovunque ti giri sembra che ci sia un altro negozio da scoprire e da un punto di vista gastronomico mi è piaciuto lo yogurt gelato (ne ho presi due in realtà durante il mio viaggio!) e più bar Quest che erano più costosi di quanto pensassi fossero essere!

DOVE ALLOGGIARE

Dopo un sacco di ricerche online ci siamo imbattuti in Chambers Hotel che era in una posizione perfetta appena fuori dalla 5th avenue, a 5 minuti a piedi da Central Park ea 10 minuti a piedi da Times Square! Il personale qui era semplicemente incredibile e le camere erano incantevoli con viste fantastiche sul paesaggio urbano.

Ogni giorno i nostri letti venivano rifatti e acqua fresca e una cioccolata lasciata per noi c'erano tè e caffè nel soppalco e su richiesta si poteva avere anche un bollitore in camera. Questo hotel deve essere l'hotel più alla moda in cui sia mai stato! Abbiamo alloggiato in un king deluxe FYI.

DOVE VISITARE

POSTI DA VEDERE

  • Times Square Surreale e sorprendente.
  • Top of the Rock – Ottimi panorami di Manhattan.
  • Central Park – Il parco più bello che abbia mai visto (e dove Oliver ha proposto!)
  • Highline – Una linea tranviaria in disuso e grandi opportunità fotografiche.

  • Mercato del Chelsea – Un brillante mercato coperto per lo shopping
  • 5th Avenue – Negozi, negozi e ancora negozi!
  • Grand Central – La stazione ferroviaria più bella che abbia mai visto.
  • Biblioteca pubblica – La libreria più bella che abbia mai visto.
  • Wall Street – Il distretto finanziario (presente in molti film!).
  • 911 memoriale – Nessuna parola può descrivere questo.
  • Ponte di Brooklyn – Uno spettacolo incredibile e una passeggiata sia di giorno che di notte.
  • Brooklyn Heights – Ottimi panorami e case meravigliose.

uff! Spero davvero che trovi questo post sul blog utile/interessante. Mi piacerebbe sapere se vai a New York e dove finisci per mangiare, quindi non dimenticare di commentare qui sotto o di entrare in contatto attraverso i miei social media (basta cercare nicsnutrition)! Buona settimana. Nic x


Guarda il video: pesta ulang tahun juyyputriidilamar novan AS