acetonemagazine.org
Nuove ricette

L'attacco dell'Oktoberfest porta un turista americano in tribunale

L'attacco dell'Oktoberfest porta un turista americano in tribunale


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Un turista americano ha morso il labbro inferiore di un uomo durante il festival

Una donna americana è stata condannata ieri dopo aver mutilato un uomo in una rissa all'Oktoberfest di Monaco di quest'anno.

Una donna americana che ha mutilato un altro turista all'Oktoberfest di Monaco quest'anno ha detto ai tribunali tedeschi che non poteva davvero spiegare le sue azioni.

Secondo The Local, la donna americana di 30 anni stava bevendo alla tenda Hofbräu all'Oktoberfest quando ha messo il gomito in faccia a un altro turista, il che ha scatenato una rissa tra lei e il gruppo di amici di quella persona. Durante il conseguente alterco, ha morso il labbro inferiore di un turista australiano di 23 anni e lo ha strappato.

"Mi ha preso il labbro tra i denti e ha morso sempre più forte", ha detto. "Ho cercato di staccarmi. Ha girato la testa e mi ha strappato il labbro. Il mio labbro giaceva sul pavimento. Pensavo di essere privo di sensi".

I medici di Monaco hanno tentato di riattaccare il labbro dell'uomo quel giorno, ma l'operazione non ha avuto successo e il labbro è morto.

"Ho dovuto imparare di nuovo a parlare", ha detto l'uomo delle sue ferite. "Non posso più baciare."

"Trovo difficile spiegare perché l'ho fatto", ha detto la donna in tribunale.

Oltre a pagare all'uomo 11.000 euro, ovvero circa 15.000 dollari, a titolo di risarcimento per le lesioni, la donna è stata condannata ieri a un anno e nove mesi con la condizionale.

La donna è in carcere in Germania dall'attentato del 27 settembre. Ora che è stata condannata, dovrebbe tornare negli Stati Uniti oggi.


Tutto si riferisce all'occupazione militare di mezzo secolo di Israele e alla sua presa sempre più profonda sulla vita palestinese. La rabbia che si era accumulata da tempo è esplosa perché una serie di eventi sono confluiti tutti in una volta, raggiungendo il culmine lunedì.

Sulla scia dei passi compiuti dall'amministrazione Trump e da Israele per cementare il controllo della contea sui territori palestinesi, la speranza di una soluzione alla crisi decennale è al minimo.

La decisione di Mahmoud Abbas, l'ottantacinquenne leader dell'impopolare Autorità palestinese semi-autonoma, di rinviare le elezioni programmate ha aggiunto frustrazione per i palestinesi, il cui ultimo scrutinio parlamentare è stato nel 2006.

Nel frattempo, le elezioni israeliane di marzo hanno ulteriormente incoraggiato l'estrema destra israeliana, portando in parlamento un partito di ultranazionalisti ebrei alleato del primo ministro, Benjamin Netanyahu.


L'uomo si arrende a New York con l'accusa relativa alla violenta rivolta al Campidoglio degli Stati Uniti

Un portavoce dell'ufficio dell'FBI di New York ha detto che Thomas Webster si è arreso lunedì presso l'ufficio dell'FBI della Hudson Valley con le accuse presentate alla corte federale di Washington, DC, relative agli eventi al Capitol Building il 6 gennaio.

Un portavoce dell'ufficio del procuratore degli Stati Uniti ha detto che Webster comparirà davanti alla corte federale di White Plains martedì.

Ulteriori informazioni, incluso se Webster avesse ingaggiato un avvocato in grado di commentare a suo nome, non sono state immediatamente note.

12 feriti in una sparatoria di massa all'enorme festa in casa di NJ, almeno 2 morti

Procuratore federale tra i 2 colpiti da proiettili vaganti fuori dal ristorante di Brooklyn

Quest'ultimo sviluppo segue una miriade di arresti e accuse contro un certo numero di residenti in tre stati in relazione agli eventi violenti che si sono verificati all'inizio del mese scorso quando una folla di sostenitori dell'ex presidente Donald Trump ha preso d'assalto il Campidoglio degli Stati Uniti.

Quasi due mesi dopo l'assedio, l'FBI continua ad effettuare arresti in tutto il paese. Dopo la violenta rivolta, un certo numero di residenti in tre stati sono stati arrestati e accusati di vari crimini in relazione all'evento mortale, tra cui un addetto alla nettezza urbana di New York, il fratello di un ufficiale in pensione della polizia di New York, un lavoratore dell'MTA e un cittadino dell'Upper West. Leader della comunità laterale.


Il colonnello George Custer massacra Cheyenne sul fiume Washita

Senza preoccuparsi di identificare il villaggio o fare alcuna ricognizione, il tenente colonnello George Armstrong Custer guida un attacco mattutino a una banda di pacifici Cheyenne che vivono con il capo Black Kettle.

Condannato per diserzione e maltrattamento di soldati all'inizio di quell'anno in un tribunale militare, il governo aveva sospeso Custer dal grado e dal comando per un anno. Dieci mesi dopo la sua punizione, nel settembre 1868, il generale Philip Sheridan ripristinò Custer per condurre una campagna contro gli indiani Cheyenne che avevano fatto incursioni in Kansas e Oklahoma quell'estate. Sheridan era frustrato dall'incapacità degli altri suoi ufficiali di trovare e ingaggiare il nemico, e nonostante la sua scarsa reputazione e l'impopolarità con gli uomini del 7° Cavalleria, Custer era un buon combattente.

Sheridan decise che una campagna invernale avrebbe potuto rivelarsi più efficace, dal momento che gli indiani potevano essere colti alla sprovvista mentre erano nei loro campi permanenti. Il 26 novembre, Custer localizzò un grande villaggio di Cheyenne accampato vicino al fiume Washita, appena fuori dall'attuale Cheyenne, in Oklahoma. Custer non tentò di identificare quale gruppo di Cheyenne fosse nel villaggio, né di fare una ricognizione anche superficiale della situazione. Se l'avesse fatto, Custer avrebbe scoperto che erano persone pacifiche e il villaggio si trovava sul suolo della riserva, dove il comandante di Fort Cobb aveva garantito loro la sicurezza. C'era persino una bandiera bianca che sventolava da una delle abitazioni principali, indicando che la tribù stava attivamente evitando il conflitto.

Avendo circondato il villaggio la notte prima, all'alba Custer chiamò la banda del reggimento per suonare "Garry Owen", che segnalava a quattro colonne di soldati di caricare nel villaggio addormentato. In inferiorità numerica e colti alla sprovvista, decine di Cheyenne sono stati uccisi nei primi 15 minuti della "battaglia", anche se un piccolo numero di guerrieri è riuscito a fuggire sugli alberi e a rispondere al fuoco. Nel giro di poche ore, il villaggio fu distrutto, i soldati avevano ucciso 103 Cheyenne, tra cui il pacifico Black Kettle e molte donne e bambini.

Salutata come la prima sostanziale vittoria americana nelle guerre indiane, la battaglia di Washita ha contribuito a ripristinare la reputazione di Custer ed è riuscita a convincere molti Cheyenne a trasferirsi nella riserva. Tuttavia, l'abitudine di Custer di caricare accampamenti di nativi americani di forza sconosciuta lo avrebbe portato alla morte nella battaglia di Little Bighorn.


Trump, in una causa federale, cerca di bloccare i casinò indiani

Donald J. Trump, proprietario di tre casinò ad Atlantic City, ha citato in giudizio il governo federale, sostenendo che consentire alle tribù indiane di aprire casinò lo discrimina.

La causa Trump, depositata venerdì presso la Corte distrettuale federale di Newark, dà voce legale ai timori che la crescita del gioco d'azzardo legalizzato minacci il monopolio dei casinò del New Jersey sulla costa orientale.

La motivazione della causa è che la legge federale che consente i casinò indiani, l'Indian Gaming Regulatory Act del 1988, viola il decimo emendamento della Costituzione, che riserva agli stati tutti i diritti non espressamente concessi al governo federale. La causa sostiene che la legge dia un vantaggio a "una classe molto ristretta di cittadini", gli indiani d'America, a spese di altri cittadini. Risultato di ⟊sino Nights'

In causa, Trump ha preso di mira operazioni come il Foxwoods Casino del Connecticut, che ha avuto un enorme successo, che ha attirato folle di persone sin dalla sua apertura lo scorso anno.

I Mashantucket Pequots, una piccola e oscura tribù del Connecticut, hanno ottenuto il diritto di istituire giochi d'azzardo da casinò nella loro riserva a Ledyard sulla base in parte di una disposizione della legge federale del 1988 secondo cui qualsiasi forma di gioco d'azzardo altrimenti consentita nello stato deve essere consentita su una riserva .

Dal momento che il Connecticut consentiva alle chiese e ai gruppi civici di tenere le cosiddette "serate da casinò" in cui si svolgeva il gioco d'azzardo di tipo casinò, la tribù sosteneva e i tribunali erano d'accordo, la tribù poteva costruire e gestire un vero e proprio casinò sulle sue terre.

Sulla scia della decisione, che è stata infine confermata dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, altre tribù si sono affrettate a entrare nel mondo del gioco d'azzardo. Al momento, almeno 61 tribù in 18 stati hanno aperto 100 casinò. Solo tre settimane fa, il governatore di New York, Mario M. Cuomo, ha dato l'approvazione alla tribù Oneida per aprire un casinò da 10 milioni di dollari che sta costruendo a 30 miglia a est di Siracusa.

A livello nazionale, le imprese indiane di gioco d'azzardo, incluso il bingo, guadagnano 6 miliardi di dollari all'anno, il doppio del totale dei casinò di Atlantic City. Concorso di montaggio

Di fronte a una concorrenza così crescente, Atlantic City e Mr. Trump, il suo più grande giocatore, sono diventati sempre più preoccupati e la nuova causa è considerata una prova di tale preoccupazione.

Mr. Trump, la sua organizzazione con sede a New York e i suoi tre casinò di Atlantic City - Trump Castle, Trump Plaza e Trump Taj Mahal - sono elencati come querelanti. Il Segretario degli Interni, Bruce Babbitt, e il presidente della Indian Gaming Commission, Charles Keechi, sono elencati come imputati.

La causa Trump rileva che gli indiani Ramapough del New Jersey stanno cercando di ottenere un riconoscimento formale da Mr. Babbitt e dalla commissione, un passo preliminare necessario affinché la tribù stipuli un accordo di gioco con lo stato.

John Barry dello studio legale di Newark di Clapp and Eisenberg, che rappresenta il signor Trump nel contenzioso, ha affermato di ritenere che la causa abbia valore nonostante una storia di contenziosi in cui il governo e, per associazione, le tribù indiane, hanno prevalso.

"I nativi americani hanno ovviamente uno status particolare, non c'è dubbio", ha detto Barry. Ma ha affermato di ritenere che i casi precedenti non abbiano adeguatamente esplorato la riserva di poteri agli stati ai sensi del decimo emendamento.

In un'intervista con l'Associated Press, George Schneider, un avvocato che rappresenta 2.000 Ramapough nel nord del New Jersey e New York, ha detto di Mr. Trump: "Questo ragazzo è incredibile. Suo padre gli consegna un impero multimilionario. Gli indiani nativi americani sono fortunati se possono dare ai loro figli cibo, vestiti e un tetto sopra la testa."


Jair Bolsonaro ha elogiato il genocidio degli indigeni. Ora sta incoraggiando gli aggressori delle comunità amazzoniche brasiliane.

“La cavalleria brasiliana era molto incompetente. Competente, sì, era la cavalleria americana che in passato ha decimato i suoi indiani e oggi non ha questo problema nel loro paese.” Questa è l'opinione del presidente brasiliano di estrema destra Jair Bolsonaro, espressa al Congresso nel 1998. Le sue opinioni sembrano essere cambiate poco da allora in un videomessaggio ai sostenitori 18 anni dopo, ha promesso di revocare lo status protetto di riserva indigena nel 2019 e nel respiro successivo ha aggiunto: "Daremo un fucile e un portare il permesso a ogni agricoltore”.

La protezione delle terre indigene è garantita dalla costituzione brasiliana per preservare i diritti e le culture di gruppi perseguitati da secoli. Il Brasile ospita circa 900.000 cittadini indigeni di 305 tribù, la maggior parte dei quali vive nelle riserve, ma più della metà delle località rivendicate dai gruppi indigeni non ha ancora ricevuto il riconoscimento del governo. Bolsonaro, coerentemente con la sua posizione anti-indigena durante la sua carriera, ha detto in un'intervista televisiva poco dopo la sua elezione che se dipendesse da lui, "non ci saranno più demarcazioni della terra indigena".

Qualsiasi riduzione delle protezioni per le terre indigene rappresenterebbe una terribile minaccia per la foresta pluviale amazzonica, che viene rapidamente abbattuta da allevatori, agricoltori e industrie estrattive.

L'atteggiamento di Bolsonaro nei confronti degli indigeni brasiliani e delle loro terre è simile a quello della dittatura militare che ha governato il paese dal 1964 al 1985, durante il quale migliaia di indigeni furono uccisi e altre migliaia furono cacciati dalle loro terre per far posto a grandi progetti infrastrutturali e aziende agricole.

Nelle elezioni dello scorso anno, Bolsonaro ha fatto una dura campagna per i tagli ai finanziamenti governativi per i servizi indigeni e il congelamento dell'espansione delle riserve protette a livello federale. Si è subito mosso per mantenere queste promesse dopo il suo insediamento il mese scorso.

Nel frattempo, bande armate di accaparratori di terre, note come “grileirosSecondo i leader e gli alleati indigeni intervistati per questo articolo, hanno organizzato attacchi alle comunità indigene, un modello di violenza che è aumentato sulla scia dell'elezione di Bolsonaro. "Con Bolsonaro, gli invasori si sentono più a loro agio", ha detto per telefono a The Intercept Bitete Uru-Eu-Wau-Wau, che vive in una riserva indigena.

Si riferiva agli invasori come "peoni" inviati da potenti capi per abbattere alberi, bruciare il sottobosco e piantare erba per il pascolo del bestiame - la prima fase dell'impresa criminale molto redditizia dell'accaparramento di terre in Amazzonia. Da lì, le terre vengono spesso vendute più volte sul mercato nero, il che significa che gli stati poveri perdono le entrate fiscali tanto necessarie.

I pubblici ministeri hanno lanciato l'allarme su quattro territori che hanno subito, o sono in grave pericolo di invasione o attacco, mentre i gruppi di difesa affermano che il numero è di almeno sei territori e temono che debbano ancora venire giorni più bui. Un'indagine pubblicata questa settimana dall'ONG Repórter Brasil ha rilevato che almeno 14 territori indigeni completamente protetti sono attualmente sotto attacco.

Brasiliani indigeni nel territorio di Uru-Eu-Wau-Wau a seguito di un'invasione da parte di sospetti accaparratori di terre a gennaio.

Sotto attacco

Il mese scorso, l'immagine di una targa di metallo crivellata di proiettili con la scritta "Fondazione nazionale indigena, territorio protetto" ha fatto il giro su WhatsApp, l'app di messaggistica più popolare del Brasile. Il cartello segna l'ingresso a uno dei numerosi villaggi della vasta riserva indigena di Uru-Eu-Wau-Wau, in una regione senza legge dello stato amazzonico di Rondônia, vicino al confine boliviano.

I leader di Uru-Eu-Wau-Wau e i gruppi di difesa locali hanno condiviso la solenne fotografia con un messaggio audio di accompagnamento spiegando che gli spari erano freschi, l'ultimo attacco in una "invasione" in corso da parte di gruppi di grileiros.

La tribù teme che sia imminente un violento conflitto con estranei armati. Di recente, armati di arco e frecce, sono riusciti a espellere un gruppo di grileiros dalla riserva e hanno filmato lo scontro. I trasgressori hanno promesso di tornare.

"Vogliono prendere la terra, dividerla in lotti e allevare bestiame", ha detto Bitete Uru-Eu-Wau-Wau. "Si stanno avvicinando molto". Gli Uru-Eu-Wau-Wau non sono soli.

Nel suo primo giorno da presidente, Bolsonaro ha trasferito l'autorità per proteggere le terre indigene dalla Fondazione nazionale indiana del Brasile, o FUNAI, un ente governativo incaricato della protezione delle comunità indigene, al Ministero dell'Agricoltura, consegnando una vittoria al potente settore agroalimentare che ha sostenuto la sua campagna e ha gli occhi su ampi tratti di foresta incontaminata. Sydney Possuelo, un veterano osservatore indigeno ed ex presidente del FUNAI, ha descritto la mossa come "la morte" del FUNAI, in un'intervista al quotidiano Folha de São Paulo.

Ministero dell'Agricoltura del Brasile, ora guidato da Tereza Cristina Dias, ex membro del Congresso dei potenti "ruralista” caucus agricolo, non ha risposto alle domande di The Intercept sul fatto che la demarcazione delle terre indigene sarebbe continuata.

Giorni dopo aver firmato il decreto, Bolsonaro ha twittato un videoclip di un altro dei suoi ministri che ha sostenuto in un'intervista via cavo che molte delle riserve indigene esistenti sono state istituite utilizzando documenti fraudolenti e ha chiamato la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni e #8220spurio” e “tradimento.”

La Camera dei Popoli Indigeni e delle Comunità Tradizionali della Procura del Brasile ha inviato una nota urgente al ministro della Giustizia avvertendo che l'Uru-Eu-Wau-Wau e altre tre comunità erano in pericolo. Il Consiglio Missionario Indigeno, o CIMI, un gruppo di aiuto cattolico, ha registrato attacchi e minacce in cinque stati.

“Quello a cui stiamo assistendo è una nuova fase di occupazioni illegali delle terre indigene”, ha affermato Cleber Buzatto, segretario esecutivo del CIMI.

Un'analisi di gennaio del Consiglio missionario indigeno ha rilevato che, nelle prime settimane del 2019, otto comunità indigene in cinque stati brasiliani sono state attaccate o hanno subito gravi minacce di invasione da parte dei grileiros.

Mappa: Rodrigo Bento per The Intercept

L'effetto Bolsonaro

Secondo Daniel Azevedo Lôbo, un pubblico ministero di Rondônia, la regione che circonda il territorio di Uru-Eu-Wau-Wau è piena di gruppi criminali che cercano costantemente di sfruttare illegalmente i territori indigeni o le unità di conservazione delle foreste. A gennaio, ha affermato che dozzine di sospetti grileiros stavano pianificando una grande invasione e un'altra era già avvenuta quest'anno. La polizia federale ha arrestato un sospetto, mentre gli altri sono fuggiti nella foresta.

I Grileiros si considerano lavoratori e produttori, ma sono criminali", ha detto Lôbo a The Intercept. Ha detto che gli accaparratori di terre in Rondônia probabilmente si sono sentiti incoraggiati dalla nuova amministrazione. "Cercano sempre un modo per legittimare le loro azioni illegali", ha detto. "Il governo potrebbe essere cambiato, ma la legge no".

La riserva di 7.200 miglia quadrate di Uru-Eu-Wau-Wau è più grande degli stati statunitensi del Connecticut e del Rhode Island messi insieme. Circa 200 tribù di diversi sottogruppi indigeni vivono in villaggi ai margini e un numero imprecisato di indigeni "isolati" che non hanno contatti diretti con il mondo esterno risiede più in profondità all'interno dei confini.

Utilizzando immagini satellitari, il Social Environmental Institute brasiliano ha concluso che solo il 2% della riserva è deforestato, rispetto al 70% nell'area circostante.

Le riserve indigene protette a livello federale coprono il 12% del territorio brasiliano e sono tra le difese più importanti dell'Amazzonia contro la dilagante deforestazione.I confini tra territori protetti e non protetti in luoghi come Uru-Eu-Wau-Wau a Rondônia e Araribóia a Maranhão sono facilmente distinguibili nelle immagini satellitari. Immagini: Google Maps

Rondônia è uno degli stati più deforestati dell'Amazzonia brasiliana e gran parte della giungla rimanente si trova nelle terre indigene e nelle unità federali di conservazione, il che li rende bersagli popolari per le bande criminali. Non a caso, nel 2017 lo stato ha registrato 17 omicidi legati a conflitti per la terra, uno dei tassi peggiori della nazione.

L'anno scorso, Bolsonaro ha vinto in Rondônia con un ampio margine ed è stato eletto governatore un ufficiale di polizia militare in pensione del Partito Social Liberale di Bolsonaro.

Il territorio indigeno di Karipuna, anch'esso in Rondônia, è allo stesso modo sotto attacco da parte di accaparratori di terre. L'unità di giornalismo investigativo di Greenpeace, Unearthed, ha riferito dal territorio nel 2017 dopo che i pubblici ministeri avevano affermato che la tribù - con meno di 60 membri che vivevano nel sito - era a rischio di "genocidio". "Sono vicini al villaggio ora", ha detto recentemente Adriano Karipuna a The Intercept. L'anno scorso ha visitato la sede delle Nazioni Unite a New York per denunciare un possibile "massacro" contro il suo popolo.

Da allora la polizia federale ha sequestrato trattori e altri macchinari pesanti della vicina comunità di União Bandeirantes e sta indagando su tre sospetti in relazione al disboscamento illegale. Il Pubblico Ministero, con il supporto della Polizia Federale e del FUNAI, dovrebbe richiedere alle truppe della Guardia Nazionale di difendere la riserva.

Il nuovo presidente del FUNAI, Franklimberg de Freitas - un generale di riserva dell'esercito che è attualmente l'obiettivo di un'indagine etica del governo per conflitto di interessi riguardo al suo precedente lavoro di consulenza per la società mineraria canadese Belo Sun - ha visitato Rondônia alla fine del mese scorso dopo le recenti invasioni.

Accanto, nello stato del Mato Grosso, i pubblici ministeri hanno avvertito che avrebbero affrontato qualsiasi invasione della riserva Marãiwatsédé del popolo Xavante con una "risposta energica". Nel 2012, gli agricoltori che occupavano illegalmente la terra sono stati espulsi per ordine del tribunale. Il quotidiano brasiliano O Globo ha riferito che Nelson Barbudo - noto anche come "Bearded Nelson" - il membro del Congresso più popolare dello stato e alleato di Bolsonaro, aveva incoraggiato l'invasione, definendo la loro rimozione "un crimine contro i produttori".

Milleduecento miglia a sud, nello stato di Rio Grande do Sul, i pubblici ministeri locali hanno aperto un'inchiesta su un incidente segnalato in cui due uomini incappucciati hanno minacciato e aperto il fuoco contro un piccolo accampamento Mbyá-Guarani nella capitale, Porto Alegre.

Nello stato di Maranhão, Claudio da Silva, che guida una guardia forestale locale nel territorio indigeno di Caru, ha detto a The Intercept che un gruppo di agricoltori che è stato rimosso nel 2014 a seguito di una decisione del tribunale stava minacciando di tornare. "Con le proposte di Bolsonaro, si stanno organizzando per tornare nel territorio degli Awá", ha detto. "Non possiamo semplicemente incrociare le braccia".

Membri della tribù indigena Karipuna nel 2017. I Grileiros hanno invaso illegalmente il territorio di Karipuna protetto a livello federale nel 2019 nella speranza di impadronirsi e sfruttare la terra per scopi commerciali.

Di male in peggio

Circa lo 0,4 per cento della popolazione brasiliana vive su terre indigene protette a livello federale, che coprono circa il 13 per cento del territorio nazionale e contengono alcune delle foreste meglio mantenute della nazione. Gli scienziati del clima considerano l'empowerment delle popolazioni indigene e delle loro terre come un'arma importante nella lotta contro il cambiamento climatico. Ma indipendentemente da chi governa la nazione, nel corso della storia recente, queste preoccupazioni sono state sublimate agli interessi economici a breve termine delle principali industrie.

Prima di Bolsonaro, la situazione era già sempre più grave per le comunità indigene del Brasile poiché la lobby dell'agrobusiness è diventata più potente nelle capitali statali e nei corridoi del potere a Brasilia. Nel 2017, sotto il presidente Michel Temer, il budget del FUNAI è stato tagliato di quasi la metà ed è stata approvata una legge che di fatto ha concesso l'amnistia agli accaparratori di terre che avevano occupato ininterrottamente terre da prima del 2011. Una misura simile era già stata approvata nel 2004.

Iscriviti alla nostra newsletter

Segnalazione originale. Giornalismo senza paura. Consegnato a te.

Le invasioni delle terre indigene sono passate da 59 nel 2016 a 96 nel 2017, secondo il rapporto annuale del CIMI "Violenza contro le popolazioni indigene in Brasile". Lo studio ha evidenziato che "si può vedere un aumento significativo delle invasioni, furto di risorse naturali come legname e minerali, caccia e pesca illegali del suolo e contaminazione dell'acqua da pesticidi e incendi, tra le altre azioni criminali". È stato anche uno degli anni più sanguinosi mai registrati in Brasile per la violenza legata alle controversie sulla terra, con almeno 70 omicidi, secondo l'organismo di vigilanza sulla violenza rurale Comissão Pastoral da Terra.

Prima di Temer, l'amministrazione del presidente Dilma Rousseff ha riconosciuto pochissime terre indigene, dicono gli esperti, per placare gli alleati del Congresso che rappresentavano i principali interessi agricoli.

Durante il suo mandato ha anche inaugurato la controversa diga idroelettrica di Belo Monte. Prima dell'inizio della costruzione nel 2011, gli ambientalisti avevano avvertito, correttamente, che avrebbe causato enormi danni e la successiva deforestazione nella regione.

Ma sotto Bolsonaro, i leader indigeni della regione credono che le azioni di taglialegna e accaparratori di terre senza scrupoli potranno solo peggiorare.

Leo Xipaya, leader indigeno che ha combattuto per anni contro Belo Monte, non ha dubbi al riguardo: “I piani di Bolsonaro mettono a rischio gli indigeni”.


Amministratore IT con l'ascia da macinare mandato in prigione per aver cancellato gli account utente di Microsoft

Le operazioni della società vittima si sono bloccate dopo l'attacco.

Di Charlie Osborne per Zero Day | 23 marzo 2021 -- 09:02 GMT (02:02 PDT) | Argomento: Sicurezza

Un ex appaltatore IT con rancore è stato condannato dopo aver cancellato in massa la maggior parte degli account Microsoft di un'azienda.

Sicurezza

Deepanshu Kher è stato condannato a due anni di carcere per aver violato la rete di un'azienda con sede a Carlsbad, in California, dopo essere stato licenziato potenzialmente in relazione a un lavoro di consulenza per il quale l'azienda lo aveva assunto.

Kher ha lavorato per una società di consulenza IT dal 2017 a maggio 2018. Questa società è stata reclutata per aiutare un cliente nella migrazione a un ambiente Microsoft Office 365 e Kher è stata selezionata per assisterla.

Il cliente non era soddisfatto delle prestazioni di Kher e una volta che questo feedback ha raggiunto la sede centrale, l'amministratore IT è stato licenziato. Un mese dopo essere stato licenziato, nel giugno 2018, Kher è tornato in India.

Tuttavia, due mesi dopo, Kher ha deciso di vendicarsi dell'azienda californiana, secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DoJ). Il 32enne si è infiltrato nei server dell'azienda al di fuori degli Stati Uniti e ha cancellato oltre l'80% degli account Microsoft Office 365 dei dipendenti, con oltre 1.200 su 1.500 cancellati in totale.

Poiché i membri del personale non sono stati improvvisamente in grado di accedere a e-mail, contatti, calendari, documenti archiviati e alla piattaforma di gestione remota di Microsoft Virtual Teams, non sono stati in grado di lavorare.

L'intera attività dell'azienda si è fermata per due giorni. Il vicepresidente dell'IT ha dichiarato: "Nei miei oltre 30 anni come professionista IT, non sono mai stato parte di una situazione lavorativa più difficile e impegnativa".

I problemi informatici sono persistiti per altri tre mesi dopo l'attacco informatico e l'FBI è stata informata.

Kher è stato arrestato mentre volava dall'India agli Stati Uniti l'11 gennaio, "a conoscenza del mandato di arresto in sospeso", affermano i pubblici ministeri statunitensi.

Il giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti Marilyn Huff ha accusato la residente di Delhi, in India, di aver danneggiato intenzionalmente un computer protetto, un crimine che può portare fino a 10 anni di carcere e una multa di 250.000 dollari.

Kher dovrà affrontare due anni dietro le sbarre e tre anni di libertà vigilata, ma dovrà anche pagare $ 567.084 di danni, il conto che la sua organizzazione vittima ha dovuto sostenere per ripristinare i suoi sistemi.

"La rapida notifica della società vittima e la cooperazione con l'FBI hanno contribuito notevolmente al successo", ha commentato Suzanne Turner, agente speciale responsabile dell'ufficio dell'FBI a San Diego. "Vivendo in un mondo digitale, è importante anticipare le minacce, essere proattivi e predittivi nel modo in cui affrontiamo la sicurezza informatica".

Copertura precedente e relativa

Hai un consiglio? Mettiti in contatto in modo sicuro tramite WhatsApp | Segnale al +447713 025 499, o tramite Keybase: charlie0

Argomenti correlati:

Di Charlie Osborne per Zero Day | 23 marzo 2021 -- 09:02 GMT (02:02 PDT) | Argomento: Sicurezza


'Il mio quartiere viene distrutto per pacificare i suoi sostenitori: la corsa per completare il muro di Trump

Al Sierra Vista Ranch in Arizona, vicino al confine con il Messico, Troy McDaniel sta riscaldando il suo elicottero. McDaniel, alto e magro con una tuta marrone chiaro, ha iniziato a prendere lezioni di volo negli anni '80 e da allora ha registrato 2.000 ore di volo. L'elicottero, un accogliente Robinson R22 Alpha a due posti è considerato un veicolo da lavoro e utilizzato per monitorare il ranch di 640 acri, ma è chiaro che apprezza ogni opportunità di volare. "Non ci divertiremo affatto", dice impassibile.

McDaniel e sua moglie, Melissa Owen, hanno acquistato il loro ranch e la casa di adobe centenaria che lo accompagnava nel 2003. Anni prima, Owen ha iniziato a fare volontariato presso il vicino rifugio nazionale della fauna selvatica di Buenos Aires e si è innamorato della bellezza e diversità naturale della zona, così come la quiete della loro piccola città. Tutto è cambiato lo scorso luglio, quando i veicoli da cantiere e i macchinari di grandi dimensioni hanno iniziato a "sbarrare la strada statale a due corsie", afferma Owen.

Una volta iniziati i lavori sul muro di confine del presidente Donald Trump, la costruzione è stata rapida. Sasabe, una sonnolenta cittadina di confine, situata a più di un'ora dalla città più vicina di Tucson, è stata trasformata in un cantiere edile. "Non credo che potresti trovare una sola persona in Sasabe che sia favorevole a questo muro", dice Owen.

Lo scopo del nostro viaggio in elicottero di oggi è vedere i lavori di costruzione affrettati che si verificano appena a sud della casa della coppia, mentre gli appaltatori corrono per finire le sezioni del muro di confine prima che Trump lasci l'ufficio. Vista dall'alto del deserto dell'Arizona, nella bolla senza vento della cabina di pilotaggio, questa nuova sezione di muro si estende attraverso il paesaggio come una cicatrice color ruggine. McDaniel ci guida dolcemente sulle colline e scende nei canyon, osservando la bellezza del paesaggio. Qui, come su gran parte del confine, la barriera di 30 piedi non la aggira, va oltre, solcando ostinatamente le scogliere, i ripidi pendii delle montagne e tra le comunità un tempo collegate.

Le squadre di costruzione lavorano sul muro di confine tra Stati Uniti e Messico a Jacumba, California, 1 dicembre 2020. Fotografia: Sandy Huffaker/Getty Images

"Era già una barriera abbastanza buona", dice McDaniel della scogliera ripida e inscalabile di fronte a noi. Il sentiero spianato del muro di Trump si insinua sul lato ovest della montagna, ma dall'altra parte della scogliera non c'è nessun muro, solo un grande vuoto. Come in molte aree di confine, qui il muro viene costruito in modo frammentario. Secondo l'US Army Corps of Engineers, ci sono 37 progetti in corso, di cui solo tre dovrebbero essere completati questo mese, altri hanno date di completamento lontane nel giugno 2022.

Ad agosto, in una conferenza stampa virtuale con l'Associazione nazionale dei giornalisti ispanici, Joe Biden ha detto ai giornalisti che "non ci sarà un altro metro di muro costruito sulla mia amministrazione". I 37 cantieri esistenti, in varie fasi di completamento, rischiano di essere chiusi.

Eppure dovrà formulare una politica più complessa della semplice sospensione. Molti degli appaltatori privati ​​che costruiscono il muro hanno clausole nei loro contratti che attiveranno grandi pagamenti se il governo semplicemente interrompe la costruzione. Ci sono anche cause legali in corso intentate da proprietari terrieri privati ​​a cui il governo ha sequestrato la terra. L'esatta natura di questi obblighi potrebbe essere chiara a Biden solo una volta entrato in carica.

Nel frattempo, Trump ha accelerato la costruzione sulla scia delle elezioni, con squadre che lavorano a pieno ritmo, fino a tarda notte. Per tutto dicembre e fino a gennaio, i fianchi delle montagne sono stati esplosi con la dinamite e grandi porzioni di deserto sono state demolite, per far posto a un muro che potrebbe non essere terminato in tempo.

Negli ultimi quattro anni ho vissuto nel New Mexico, viaggiando nelle terre di confine e documentando l'impatto continuo del muro sulle comunità e sull'ambiente.

"Hanno iniziato a lavorare di notte sei settimane fa", afferma il fotografo John Kurc, che ha documentato la costruzione nel remoto Guadalupe Canyon in Arizona dall'ottobre dello scorso anno. "Da allora è stato senza sosta."

Verlon Jose, ex vicepresidente della Native American Tohono O'odham Nation, mi dice di aver visto il muro solcare la sua patria ancestrale. “Siamo custodi di questa terra. Siamo responsabili di queste cose. Qualcuno ha mai chiesto il permesso alla gente del posto per fare la costruzione? Si tratta del presidente Donald Trump. Non si tratta di proteggere l'America. Si tratta di proteggere i propri interessi".

Quando la costruzione si fermerà, ci saranno grandi lacune nel nuovo muro. In alcuni punti si unirà alle vecchie barriere che l'amministrazione Trump ha ritenuto inadeguate in altri finirà bruscamente. "Lavorano il più velocemente possibile per costruire muri che finiranno", dice McDaniel, mentre il suo elicottero torna indietro verso la loro proprietà su colline costellate di saguaro appena a nord del confine messicano. Scendiamo di quota e ci avviciniamo alla pista di atterraggio – una macchia di terra appena fuori strada – sollevando una piccola tempesta di polvere mentre tocchiamo il suolo.

Dopo quattro anni di scandali quotidiani e le scene scioccanti a Washington DC la scorsa settimana, è facile dimenticare che Donald Trump è stato eletto nel 2016 con una politica unica: costruire un muro. Questa era la chiamata echeggiata ai suoi raduni, l'incarnazione dell'approccio intransigente di Trump all'immigrazione e la sua presunta ideologia "America First". Trump ha affermato che il muro avrebbe affrontato un'invasione di migranti indesiderati, "bad hombres", una retorica nazionalista che risuonava con la sua base. Durante la sua prima settimana in carica, Trump ha firmato un ordine esecutivo che includeva una politica per "l'immediata costruzione di un muro fisico al confine meridionale".

Il presidente Donald Trump autografa una sezione del muro durante un tour a San Luis, Arizona, 23 giugno 2020. Fotografia: Evan Vucci/AP

La costruzione è iniziata nel 2019, sostituendo principalmente le recinzioni esistenti, le barriere per i veicoli e altre strutture di confine, nonché sezioni di confine non murate. Il muro del dissuasore, la barriera scelta da Trump, è costituito da una serie di pali verticali in acciaio incastonati nel cemento, con piccoli spazi intermedi. Mentre in alcuni punti raggiunge un'altezza di 30 piedi, è meno un muro e più un'imponente recinzione metallica.

Secondo Kenneth Madsen, professore associato nel dipartimento di geografia dell'Ohio State University, il Department of Homeland Security (DHS) ha rinunciato a 84 leggi e statuti, molti dei quali emanati appositamente per proteggere i siti culturali ed ecologici più preziosi della nazione, al fine di accelerare la costruzione.

Decine di leggi ambientali e di salute pubblica sono state ignorate per costruire muri attraverso parchi e aree faunistiche, tra cui l'Organ Pipe Cactus National Monument, il Cabeza Prieta National Wildlife Refuge, il San Bernardino National Wildlife Refuge e il Coronado National Memorial. "Ha portato devastazione all'ambiente e alle comunità delle terre di confine", afferma Scott Nicol, autore di un rapporto del 2018 per l'American Civil Liberties Union (ACLU) sull'impatto del muro e residente nella valle del Rio Grande in Texas.

Nicol crede che il percorso tracciato del muro sia stato determinato dalla facilità piuttosto che dall'efficacia. La costruzione è stata molto più impegnata su terreni di proprietà federale, non perché è lì che è probabile che ci siano più valichi di frontiera, ma perché costruire su proprietà private è un processo lungo. "Il Texas ha il maggior numero di confini ma il minor chilometraggio del muro fino ad oggi perché le terre di confine del Texas sono per lo più in mani private", afferma Nicol.

Secondo l'agenzia US Customs and Border Protection (CBP), sotto l'amministrazione Trump sono state costruite 452 miglia di muro di confine, per un costo stimato di $ 15 miliardi, uno dei progetti infrastrutturali più costosi della storia degli Stati Uniti. Nel settembre 2019, Trump ha promesso di costruire tra 450 e 500 miglia di muro, quindi ha raggiunto questo obiettivo, anche se la stragrande maggioranza sta sostituendo le barriere esistenti.

Martedì, pochi giorni dopo la violenta insurrezione alla Casa Bianca, Trump ha compiuto un'ultima visita al confine in Texas per festeggiare il raggiungimento di questo obiettivo. Durante un breve discorso, ha evitato ogni responsabilità per l'assedio della capitale, e ha invece rimarcato i suoi successi nel fermare l'immigrazione illegale e nel mettere in sicurezza il confine.

"Quando sono entrato in carica, abbiamo ereditato un confine rotto, disfunzionale e aperto", ha detto. "Abbiamo riformato il nostro sistema di immigrazione e raggiunto il confine meridionale più sicuro nella storia degli Stati Uniti".

Ha avuto un impatto sull'immigrazione? Secondo l'avvocato David Donatti, dell'ACLU del Texas, la risposta è no. Negli ultimi mesi, secondo i dati del CBP, il numero di persone che cercano di attraversare è aumentato. "È improbabile che il muro nel suo insieme abbia un impatto visibile", afferma Donatti. "In una corsa alla costruzione, l'amministrazione sta costruendo dove è Più facile al contrario di dove la maggior parte delle persone attraversa.”

E mentre il muro può essere una barriera impressionante, è tutt'altro che inespugnabile. Subito dopo Natale, Nicol ha visitato una nuova sezione nella valle del Rio Grande tra il Texas e il Messico e ha trovato numerose scale sparse per terra. "Puoi sempre andare oltre", dice.

Puoi anche passare. John Kurc ha iniziato a utilizzare i droni per fotografare e riprendere la costruzione del muro. L'ultima volta che è stato nella città di confine di Sonoyta, in Messico, ha visto due giovani con "smerigliatrici angolari manuali gialle" che tagliavano il muro mentre una vedetta con una radio controllava la Border Patrol. "Rimontavano la sezione con uno speciale agente legante e poi usavano una vernice che ossida lo stesso colore dei dissuasori", afferma Kurc. "Poi entrano ed escono".

Gil Kerlikowske, l'ex commissario del CBP nominato da Obama, afferma che non esiste una soluzione valida per tutti per la sicurezza delle frontiere: “Ci sono luoghi in cui l'ambiente è difficile e così remoto che non c'è bisogno di alcuna barriera a Tutti." In queste aree, le tecnologie di sorveglianza e rilevamento sarebbero più utili ed efficienti in termini di costi, sostiene. “È un problema così incredibilmente complesso.Quando qualcuno propone una soluzione semplice a un problema complesso, puoi star certo che è la soluzione sbagliata".

Il muro taglia tra gli edifici al confine tra Stati Uniti e Messico, Nogales, in Arizona. Fotografia: Mark Power/Magnum Photos

Questo non vuol dire che il muro di Trump non abbia avuto alcun impatto. Al ranch, le telecamere installate da Melissa Owen hanno catturato la fauna selvatica di passaggio: leoni di montagna e javelina, mammiferi simili a maiali, i cui teschi si possono trovare anche in giro per casa. "Non c'erano indagini ambientali, nessuna indagine sulle acque sotterranee, niente di tutto questo", dice Owen. Una volta che gli appaltatori sono arrivati ​​in città la scorsa estate, hanno iniziato a "pompare enormi quantità di acqua dal terreno" per mescolare il calcestruzzo per le fondamenta del muro di confine.

I residenti di Sasabe hanno iniziato a lamentarsi della ridotta pressione dell'acqua. Al San Bernardino National Wildlife Refuge, il pompaggio delle acque sotterranee per il calcestruzzo ha iniziato a drenare una zona umida cruciale ea mettere in pericolo quattro specie di pesci minacciati. Preoccupazioni simili sono state sollevate quando le sorgenti di Quitobaquito presso l'Organ Pipe Cactus National Monument, sede del cucciolo di pesce del deserto in via di estinzione, hanno iniziato a prosciugarsi mentre gli appaltatori pompavano acqua dall'antica falda acquifera che la alimentava. "Questa è la nostra acqua, è da questo che dipendiamo", dice Owen, guardando verso un ranch arido che soffre di una lunga siccità.

Myles Traphagen, coordinatore delle zone di confine del gruppo di conservazione di Wildlands Network, ha definito il muro di Trump il "progetto più dannoso" per l'ecologia della regione montuosa delle Isole del cielo e per gli animali che la chiamano casa, in particolare il giaguaro, che ha fatto un notevole ritorno negli Stati Uniti dopo essere stato cacciato fino all'estinzione alla fine degli anni '60.

"Abbiamo avuto tre diversi giaguari nel 2015 e nel 2016, cosa che non accadeva dagli anni '30", afferma Chris Bugbee, ricercatore senior presso Conservation CATalyst, un'organizzazione dedicata alle 38 specie di gatti selvatici del mondo.

"Se questo muro di confine non fosse iniziato, ci aspettavamo che alla fine arrivasse una femmina e facesse di nuovo allevamento di giaguari", aggiunge Aletris Neils, direttore esecutivo di Conservation CATalyst.

Il giaguaro è una delle numerose specie - come l'ocelot in via di estinzione e il lupo grigio messicano - che si trovano in una regione che si estende dal New Mexico sudoccidentale all'Arizona occidentale e fino al Messico. Se l'attuale costruzione del muro di confine sarà completata, afferma Traphagen, "il 93% dell'habitat del giaguaro sarà stato recintato".

Solo i maschi sono stati visti negli Stati Uniti dagli anni '60. Hanno vaste gamme e alcuni viaggiano a nord dove c'è molto da mangiare, prima di tornare a sud per trovare un compagno. Attualmente c'è un giaguaro (la cui posizione non può essere condivisa a causa di problemi di bracconaggio) dalla parte degli Stati Uniti, tagliata fuori dal Messico a causa del muro.

Bugbee ha trascorso anni sulle tracce del famoso giaguaro "El Jefe", uno dei pochi avvistati di recente negli Stati Uniti, con il suo cane Mayke. "Non abbiamo visto segni di giaguari da quando è iniziata la costruzione", mi dice quando ci incontriamo alla foresta nazionale di Coronado, dove in precedenza aveva rintracciato il gatto. A circa un miglio di distanza, gli operai edili hanno fatto esplodere e demolire il ripido Passo di Montezuma, dove un tempo vagava un altro giaguaro, noto come Yo'oko.

Owen e McDaniel sono tutt'altro che liberali di frontiera aperta. L'ingresso al loro ranch ha un cartello che recita: "Border Patrol sempre benvenuta". I due cavalli di Owen, Rocker e Kiowa, sono cavalli di pattuglia di frontiera in pensione - "i migliori", dice del loro temperamento. Nei suoi primi anni nel ranch, dice Owen, migranti e trafficanti senza documenti stavano attraversando il confine in gran numero. Incontrava spesso migranti nella sua proprietà. Una mattina qualcuno ha fatto irruzione in casa sua. "Non voglio che si torni a allora", dice, ma aggiunge che la crisi economica del 2008 ha rallentato notevolmente l'immigrazione. "Nessuno vuole un confine sicuro più di me", dice. “Ma una barriera alta 30 piedi e mal costruita non è la risposta. È un espediente della campagna. Il mio quartiere viene distrutto perché un megalomane vuole pacificare i suoi sostenitori».

Durante la sua campagna elettorale, Trump ha affermato che il Messico avrebbe pagato per il muro. Una volta in carica, il Congresso ha fornito circa 1,37 miliardi di dollari all'anno per la costruzione, ma ogni anno il presidente ha chiesto di più, dichiarando infine un'emergenza nazionale per deviare i fondi militari per pagare il muro. È stimato dal Corpo degli ingegneri dell'esercito degli Stati Uniti che Biden risparmierà circa $ 2,6 miliardi se interromperà la costruzione del muro di confine nel suo primo giorno in carica.

Trump, e alcuni all'interno del CBP, hanno sostenuto che il muro è un mezzo cruciale per fermare il contrabbando. “Le attività illegali di traffico di droga e di esseri umani sono diminuite nelle aree in cui vengono dispiegate le barriere. Anche il traffico illegale transfrontaliero si è spostato in aree con barriere legacy inferiori o prive di barriere", ha affermato un portavoce del DHS in una recente e-mail al Guardian.

Kerlikowske, che è stato anche direttore dell'Office of National Drug Control Policy tra il 2009 e il 2014, ammette che il traffico di droga è un problema. Tuttavia, sottolinea che la stragrande maggioranza delle sostanze illecite, come il fentanil, la cocaina e l'eroina, viene contrabbandata attraverso porti di ingresso legali dove esistono già elaborati muri e sistemi di sicurezza. “Durante il mio periodo come commissario, ho incontrato centinaia di agenti di pattuglia di frontiera. Nessuno nella pattuglia di confine dice che abbiamo davvero bisogno di un muro", dice.

Donatti dell'ACLU del Texas afferma che ci sono poche prove che i muri scoraggiano la droga o l'immigrazione irregolare, che è guidata principalmente dai cosiddetti fattori di spinta (guerra, povertà, disperazione) in altri paesi. "Il governo federale degli Stati Uniti ha cercato di studiarlo diverse volte e non ha mai trovato supporto sul fatto che un muro di confine arresti il ​​flusso di immigrazione irregolare", afferma.

Una cosa per cui i muri di confine sono efficaci è aumentare il numero di morti di migranti. Poiché gli Stati Uniti hanno murato più confine, il rischio per i migranti che attraversano illegalmente è aumentato. Dal 1998, circa 7.000 persone sono morte lungo il confine tra Stati Uniti e Messico, la maggior parte nei deserti rurali dell'Arizona e, negli ultimi anni, nella valle del Rio Grande. "Mentre continui a costruire, continui a spingere le persone in aree più remote e pericolose", afferma Donatti.

"È un disastro umanitario", concorda Eddie Canales, del South Texas Human Rights Center, che ha trascorso l'ultimo decennio a gestire centinaia di stazioni idriche nella valle del Rio Grande in Texas per salvare i migranti. "Facciamo quello che possiamo", ha detto Canales al Guardian all'inizio del 2020. "Ma le persone continuano a morire". Il muro incanala le persone in punti di attraversamento più pericolosi, dove non esistono ancora barriere fisiche. Le temperature estive nel deserto dell'Arizona sono brutali Il 2020 è diventato l'anno più mortale dal 2010 per coloro che hanno attraversato il confine lì.

“È difficile per le persone capire cosa significhi per noi, come O'odham e nativi americani. Cosa significa per noi come popolazioni indigene originarie di questa terra", afferma Verlon Jose.

Vicino a Nogales al confine con l'Arizona. Fotografia: Kevin Cooley/Redux/Eyevine

Quando visito Organ Pipe Cactus National Monument, un tratto incontaminato del deserto di Sonora, all'inizio di quest'anno, gli appaltatori sono impegnati a far saltare Monument Hill, una montagna sacra e luogo di sepoltura per il popolo Tohono O'odham. I saguari sradicati, gli enormi cactus simili ad alberi sacri alla tribù, punteggiano il percorso del muro. "Era tipo, 'Dimmi dove vivono i tuoi nonni e ci metterò un muro'", dice Jose.

"In alcune aree, non saremo in grado di continuare le nostre pratiche tradizionali", afferma Jose, i cui membri tribali si estendono su entrambi i lati del confine. “Abbiamo speso miliardi di dollari per il muro. Perché non lo investiamo nelle nostre città e paesi di confine?"

Secondo Norma Herrera, residente al confine di McAllen, in Texas, il prezzo di 15 miliardi di dollari del muro è un insulto a una delle regioni più povere della contea, dove spesso mancano infrastrutture critiche. Questo problema è stato messo a nudo durante la pandemia, quando luoghi come la valle del Rio Grande in Texas, un centro di costruzione del muro di confine, sono stati devastati dal Covid. Gli ospedali hanno raggiunto la capacità massima, i decessi sono aumentati e, nel frattempo, il muro ha continuato a salire.

"Abbiamo avuto più morti nella regione che nell'intero stato", afferma Herrera, organizzatore della comunità presso il Rio Grande Valley Equal Voice Network, che sostiene i gruppi emarginati nell'area. "Vedere il muro che si alza, vedere le risorse usate su acciaio e cemento inutili, è insensato".

Il muro invade la vecchia base militare di Fort Bliss, costruita nel 1850 e classificata come in via di estinzione. Fotografia: Mark Power/Magnum Photos

Secondo Donatti, i cui genitori erano originariamente emigrati dall'Argentina negli Stati Uniti, il muro dovrebbe essere visto nel contesto di più ampie politiche di esclusione – come il programma Remain in Mexico varato da Trump, in base al quale i richiedenti asilo che arrivano ai porti di ingresso vengono restituiti a Messico ad aspettare i loro procedimenti di immigrazione negli Stati Uniti. "È questa l'idea che ci sia un'americanità fondamentale, e o sei dentro o sei fuori", dice.

Quell'idea era evidente alla fine del 2019, quando ho visitato un rifugio a Tijuana. L'edificio a due piani nel quartiere di Benito Juárez era pieno di famiglie, con materassi sparsi su ogni centimetro di pavimento aperto. A quel tempo a Tijuana, quasi 10.000 richiedenti asilo stavano aspettando le loro udienze sull'immigrazione dopo essere stati respinti al confine e inviati in una delle città più pericolose del Messico.

Molti sperano che sotto l'amministrazione Biden l'approccio ai migranti e alle terre di confine cambierà, in modo che politiche come Remain in Mexico vengano annullate e persino che sezioni del muro di confine vengano rimosse. Una settimana dopo il giorno dell'inaugurazione, una coalizione di gruppi attraverso le terre di confine avvierà un progetto di monitoraggio per valutare i danni e vedere cosa deve essere fatto. Alcuni sperano che alcune sezioni possano essere rimosse per ricollegare habitat e comunità critici.

Verlon Jose della Tohono O'odham ha una "scheggia di speranza" che alcuni dei muri cadranno. "Credo che Biden non costruirà un altro pollice", aggiunge.

Altri non sono così sicuri. "Ottimismo? No”, dice Donatti della prospettiva della caduta del muro. “Non si è impegnato tanto. Ma c'è una forte coalizione lungo il confine che combatterà per questo".

John Kurc, che ha passato migliaia di ore a guardare la distruzione del Guadalupe Canyon, vede la portata della sfida. "L'amministrazione Trump ha causato così tanti danni a questi ambienti", dice, sbirciando attraverso un binocolo mentre una gru solleva una sezione isolata di muro, con enormi spazi vuoti su ciascun lato. "Abbiamo molto lavoro da fare".

Questo articolo è stato modificato il 18 gennaio 2021. Troy McDaniel aveva registrato 2.000 ore come pilota, non 2.000 miglia come affermato in una versione precedente.


Il ministro elogia la polizia

Il ministro della polizia Mark Ryan ha affermato che il comportamento è del tutto inaccettabile.

"Quelle persone dovrebbero affrontare la piena forza della legge e dovrebbero essere arrestate e in custodia", ha detto.

"Negli ultimi anni abbiamo aumentato le risorse qui a Townsville di oltre 100 ufficiali: alle ultime elezioni ci siamo impegnati a far arrivare altri 150 nella regione settentrionale.

"So che la polizia qui a Townsville e in tutto lo stato impegna tutta la sua determinazione e tutte le sue risorse per garantire che chiunque abbia commesso un crimine sia arrestato il più rapidamente possibile."


Contenuti

Nato al palazzo di Nymphenburg [4] (situato in quella che oggi fa parte del centro di Monaco), era il figlio maggiore di Massimiliano II di Baviera e Maria di Prussia, principe ereditario e principessa di Baviera, che divenne re e regina nel 1848 dopo la abdicazione del padre del primo, Ludwig I, durante la Rivoluzione tedesca. I suoi genitori intendevano chiamarlo Otto, ma suo nonno ha insistito affinché suo nipote portasse il suo nome, poiché il loro compleanno comune, il 25 agosto, è il giorno della festa di San Luigi IX di Francia, patrono della Baviera (con "Ludwig" come il Forma tedesca di "Louis"). Il suo nome completo era Ludwig Otto Friedrich Wilhelm Inglese: Louis Otto Frederick William. Suo fratello minore, nato tre anni dopo, si chiamava Otto.

Come molti giovani eredi in un'epoca in cui i re governavano la maggior parte dell'Europa, a Ludwig veniva continuamente ricordato il suo status di re. Re Massimiliano voleva istruire entrambi i suoi figli sugli oneri del dovere reale fin dalla tenera età. [5] Ludovico era sia estremamente indulgente che severamente controllato dai suoi tutori e sottoposto a un rigido regime di studio ed esercizio. Alcuni indicano questi stress di crescere in una famiglia reale come le cause di gran parte del suo strano comportamento da adulto.

Ludwig non era vicino a nessuno dei suoi genitori. [6] I consiglieri di re Massimiliano avevano suggerito che nelle sue passeggiate quotidiane gli sarebbe piaciuto, a volte, essere accompagnato dal suo futuro successore. Il re rispose: "Ma cosa gli devo dire? Dopotutto, mio ​​figlio non si interessa a quello che gli dicono gli altri". [7] In seguito, Ludwig si riferirà a sua madre come "la consorte del mio predecessore". [7] Era molto più vicino a suo nonno, il deposto e famigerato re Ludwig I.

Gli anni dell'infanzia di Ludwig hanno avuto momenti felici. Ha vissuto per gran parte del tempo al castello di Hohenschwangau, un castello di fantasia che suo padre aveva costruito vicino all'Alpsee (Lago delle Alpi) vicino a Füssen. Era decorato in stile neogotico con molti affreschi raffiguranti eroiche saghe tedesche, in particolare immagini del Lohengrin, il cavaliere dei cigni. La famiglia ha anche visitato il lago di Starnberg. Da adolescente, Ludwig divenne amico intimo del suo aiutante di campo, il principe Paul, membro della ricca famiglia bavarese dei Thurn und Taxis. I due giovani cavalcavano insieme, leggevano poesie ad alta voce e mettevano in scena scene delle opere romantiche di Richard Wagner. L'amicizia terminò quando Paul si fidanzò nel 1866 con un cittadino comune. Durante la sua giovinezza, Ludovico avviò anche un'amicizia per tutta la vita con sua cugina la duchessa Elisabetta in Baviera, in seguito imperatrice d'Austria. [6]

Il principe ereditario Ludwig aveva 19 anni quando suo padre morì dopo una malattia di tre giorni e salì al trono bavarese. [7] Sebbene non fosse preparato per le alte cariche, la sua giovinezza e il suo bell'aspetto lo resero popolare in Baviera e altrove. [6] Ha continuato le politiche statali di suo padre e ha mantenuto i suoi ministri.

I suoi veri interessi erano l'arte, la musica e l'architettura. Uno dei primi atti del suo regno, pochi mesi dopo la sua ascesa, fu quello di convocare Wagner alla sua corte. [6] [8] Sempre nel 1864 pose la prima pietra di un nuovo Teatro di Corte, ora il Staatstheater am Gärtnerplatz (Gärtnerplatz-Teatro).

Ludwig era particolarmente eccentrico in modi che rendevano problematico servire come capo di stato della Baviera. Non amava le grandi funzioni pubbliche ed evitava gli eventi sociali formali quando possibile, preferendo una vita di isolamento che perseguiva con vari progetti creativi. Ha ispezionato per l'ultima volta una parata militare il 22 agosto 1875 e l'ultima volta ha dato un banchetto di corte il 10 febbraio 1876. [9] Sua madre aveva previsto difficoltà per Ludwig quando ha registrato la sua preoccupazione per il figlio estremamente introverso e creativo che trascorreva molto tempo a fantasticare . Queste idiosincrasie, combinate con il fatto che Ludovico evitava Monaco e partecipava al governo lì a tutti i costi, causarono notevoli tensioni con i ministri del governo del re, ma non gli costarono popolarità tra i cittadini della Baviera. Il re amava viaggiare nella campagna bavarese e chiacchierare con contadini e braccianti che incontrava lungo la strada. Si dilettava anche nel premiare coloro che gli erano stati ospitali durante i suoi viaggi con doni sontuosi. È ancora ricordato in Baviera come Unser Kini ("il nostro caro re" in dialetto bavarese). [ citazione necessaria ]

L'unificazione con la Prussia fu al centro della scena dal 1866. Nella guerra austro-prussiana, iniziata in agosto, Ludovico sostenne l'Austria contro la Prussia. [6] Austria e Baviera furono sconfitte e la Baviera fu costretta a firmare un trattato di mutua difesa con la Prussia. Quando scoppiò la guerra franco-prussiana nel 1870, la Baviera fu costretta a combattere a fianco della Prussia. Dopo la vittoria prussiana sulla Francia, Bismarck si trasferì per completare l'unificazione della Germania.

Nel novembre 1870 la Baviera entrò a far parte della Confederazione della Germania settentrionale, perdendo così il suo status di regno indipendente. Tuttavia, la delegazione bavarese sotto il ministro-presidente conte Otto von Bray-Steinburg assicurò uno status privilegiato per la Baviera all'interno dell'impero (Prenotazione). La Baviera mantenne un proprio corpo diplomatico e un proprio esercito, che sarebbe passato sotto il comando prussiano solo in tempo di guerra.

Nel dicembre 1870, Bismarck utilizzò concessioni finanziarie per indurre Ludwig con il sostegno dello scudiero del re Maximilian conte von Holnstein a scrivere il cosiddetto Kaiserbrief, una lettera che approva la creazione dell'impero tedesco con il re Guglielmo I di Prussia come imperatore. Tuttavia, Ludwig si pentì della perdita dell'indipendenza della Baviera e rifiutò di partecipare alla proclamazione del 18 gennaio di Guglielmo come imperatore tedesco nel Palazzo di Versailles. [10] Andarono invece il fratello di Ludwig, il principe Otto e suo zio Luitpold. [11] [12] Otto ha criticato la celebrazione come ostentata e spietata in una lettera a suo fratello.

Nella nuova Costituzione imperiale il Regno di Baviera poté assicurarsi ampi diritti, in particolare per quanto riguarda la sovranità militare. Non solo l'esercito reale bavarese mantenne, come i regni di Sassonia e Württemberg, le proprie truppe, il ministero della guerra e il sistema di giustizia militare, ma fu anche escluso dalla rinumerazione reggimentale dei reggimenti dell'esercito e sarebbe venuto solo sotto il controllo imperiale in tempo di guerra. Anche la Baviera mantenne le sue uniformi azzurre di fanteria, le Raupenhelm (fino al 1886), la Cavalleria Leggera e alcune altre peculiarità. Gli ufficiali e gli uomini dell'esercito bavarese continuarono a prestare giuramento al re di Baviera e non all'imperatore tedesco. Tuttavia, il taglio dell'uniforme, l'equipaggiamento e l'addestramento furono standardizzati sul modello prussiano. Quando furono introdotte le uniformi grigio-campo, solo la coccarda e una losanga blu e bianca sul colletto distinguevano le unità bavaresi.

Il più grande stress del primo regno di Ludwig fu la pressione per produrre un erede. Questo problema venne alla ribalta nel 1867. Ludovico si fidanzò con la duchessa Sofia in Baviera, sua cugina e sorella minore della sua cara amica, l'imperatrice Elisabetta d'Austria. [6] Condividevano un profondo interesse per le opere di Wagner.Il fidanzamento era stato annunciato il 22 gennaio 1867 pochi giorni prima, Ludwig aveva scritto a Sophie: "La sostanza principale della nostra relazione è sempre stata... il destino straordinario e profondamente commovente di Richard Wagner". [13]

Tuttavia, Ludwig rinviò ripetutamente la data del matrimonio e alla fine annullò il fidanzamento in ottobre. Dopo la rottura del fidanzamento, Ludwig scrisse alla sua ex fidanzata: "Mia amata Elsa! Il tuo crudele padre ci ha fatto a pezzi. Eternamente tuo, Heinrich". (I nomi Elsa e Heinrich derivano da personaggi dell'opera di Wagner Lohengrin.) [13] Sophie in seguito sposò il principe Ferdinando, duca di Alençon, nipote del re di Francia Luigi Filippo I, al castello di Possenhofen al quale Ludovico II partecipò inaspettatamente al ricevimento.

Ludwig non si sposò mai né ebbe amanti conosciuti. È noto dal suo diario (iniziato nel 1860), lettere private e altri documenti personali sopravvissuti che aveva forti desideri omosessuali. [14] Ha lottato per tutta la vita per sopprimere quei desideri e rimanere fedele agli insegnamenti della Chiesa cattolica. [15] L'omosessualità non era punibile in Baviera dal 1813, [16] ma l'Unità della Germania nel 1871 istituì il paragrafo 175, che criminalizzava gli atti omosessuali tra maschi sotto l'egemonia prussiana. Nella Baviera del XIX secolo, intensamente cattolica e socialmente conservatrice, lo scandalo di un monarca omosessuale sarebbe stato intollerabile.

Durante il suo regno, Ludwig ebbe una serie di strette amicizie con uomini, tra cui il suo capo scudiero e maestro di cavalli, Richard Hornig (1841-1911), [17] il principe bavarese Paul von Thurn und Taxis, [18] il teatro ungherese l'attore Josef Kainz e il suo cortigiano Alfons Weber (n. 1862).

I diari originali di Ludwig dal 1869 in poi andarono persi durante la seconda guerra mondiale, e tutto ciò che rimane oggi sono copie di annotazioni fatte durante il complotto del 1886 per deporlo. Alcuni diari precedenti sono sopravvissuti nel Geheimes Hausarchiv ("archivi segreti") a Monaco di Baviera, e estratti a partire dal 1858 furono pubblicati da Evers nel 1986. [19]

Dopo il 1871, Ludwig si ritirò in gran parte dalla politica e si dedicò ai suoi progetti creativi personali, soprattutto i suoi castelli, per i quali approvò personalmente ogni dettaglio dell'architettura, della decorazione e dell'arredamento.

Ludwig e Wagner Modifica

Ludwig era intensamente interessato alle opere di Richard Wagner. Questo interesse iniziò quando Ludwig vide per la prima volta Lohengrin all'età impressionabile di 15 anni, seguito da Tannhäuser dieci mesi dopo. Le opere di Wagner facevano appello all'immaginazione piena di fantasia del re.

Wagner aveva una famigerata reputazione di radicale politico e donnaiolo, ed era costantemente in fuga dai creditori. [6] Tuttavia, il 4 maggio 1864, il 51enne Wagner ricevette un'udienza senza precedenti di 1 ora e mezza con Ludwig nel Palazzo Reale di Monaco di Baviera. Più tardi, il compositore scrisse del suo primo incontro con Ludwig: "Ahimè, è così bello e saggio, pieno di sentimento e adorabile, che temo che la sua vita debba dissolversi in questo mondo volgare come un fugace sogno degli dei". [6] [8] Ludwig fu probabilmente il salvatore della carriera di Wagner. Senza Ludwig, è improbabile che le ultime opere di Wagner siano state composte, tanto meno in anteprima al prestigioso Teatro di corte reale di Monaco (ora l'Opera di Stato bavarese).

Un anno dopo aver incontrato il Re, Wagner ha presentato il suo ultimo lavoro, Tristano e Isotta, a Monaco di Baviera con grande successo. Tuttavia, il comportamento stravagante e scandaloso del compositore nella capitale era inquietante per il popolo conservatore della Baviera, e il re fu costretto a chiedere a Wagner di lasciare la città sei mesi dopo, nel dicembre 1865. Ludwig pensò di abdicare per seguire Wagner, ma Wagner lo convinse a restare.

Ludwig fornì la residenza Tribschen a Wagner in Svizzera. Wagner completato I Maestri Cantori lì fu rappresentata per la prima volta a Monaco di Baviera nel 1868. Quando Wagner tornò al suo "Ciclo dell'Anello", Ludwig chiese "anteprime speciali" delle prime due opere (Das Rheingold e Die Walküre) a Monaco di Baviera nel 1869 e nel 1870. [20]

Wagner, tuttavia, stava ora progettando il suo grande teatro d'opera personale a Bayreuth. Ludwig inizialmente si rifiutò di sostenere il grandioso progetto. Tuttavia, quando Wagner esaurì tutte le altre fonti, fece appello a Ludwig, che gli prestò 100.000 talleri per completare l'opera. [21] [22] Ludwig pagò anche la villa Wahnfried per far risiedere Wagner e la sua famiglia, costruita nel 1872-1874. Nel 1876, Ludwig partecipò alla prova generale e alla terza rappresentazione pubblica del ciclo completo dell'anello al Festspielhaus.

Teatro Modifica

L'interesse di Ludwig per il teatro non era affatto limitato a Wagner. Nel 1867 nominò Karl von Perfall direttore del suo nuovo teatro di corte. Ludwig desiderava introdurre i frequentatori di teatro di Monaco al meglio del dramma europeo. Perfall, sotto la supervisione di Ludwig, li presentò a Shakespeare, Calderón, Mozart, Gluck, Ibsen, Weber e molti altri. Ha anche alzato il livello dell'interpretazione di Schiller, Molière e Corneille. [23]

Tra il 1872 e il 1885, il re tenne 209 spettacoli privati ​​(Separatvorstellungen) dato per se stesso o con un ospite, nei due teatri di corte, comprendente 44 opere (28 rappresentazioni di opere di Wagner di cui otto di Parsifal), 11 balletti e 154 commedie (il tema principale è la Francia borbonica) al costo di 97.300 marchi. [24] Ciò non era dovuto tanto alla misantropia, ma come il Re si lamentò con l'attore-direttore teatrale Ernst Possart: "Non riesco a percepire alcun senso di illusione a teatro finché la gente continua a fissarmi e segue ogni mia espressione attraverso i loro binocoli. Voglio guardare me stesso, non essere uno spettacolo per le masse".

Castelli Modifica

Ludwig usò la sua fortuna personale (integrata ogni anno dal 1873 da 270.000 marchi dal Welfenfonds [25] ) per finanziare la costruzione di una serie di elaborati castelli. Nel 1867 visitò l'opera di Eugène Viollet-le-Duc a Pierrefonds e il Palazzo di Versailles in Francia, così come il Wartburg vicino a Eisenach in Turingia, che influenzò ampiamente lo stile della sua costruzione. Nelle sue lettere, Ludwig si meravigliava di come i francesi avessero magnificamente costruito e glorificato la loro cultura (ad esempio, architettura, arte e musica) e quanto miseramente carente fosse la Baviera in confronto. Il suo sogno è diventato quello di realizzare lo stesso per la Baviera. Questi progetti fornirono lavoro a molte centinaia di lavoratori e artigiani locali e portarono un considerevole flusso di denaro nelle regioni relativamente povere dove furono costruiti i suoi castelli. Nel 1968 sono state pubblicate le cifre dei costi complessivi tra il 1869 e il 1886 per la costruzione e l'equipaggiamento di ciascun castello: Schloß Neuschwanstein 6.180.047 marchi Schloß Linderhof 8.460.937 marchi (una gran parte viene spesa per la Grotta di Venere) Schloß Herrenchiemsee (dal 1873) 16.579.674 marchi [ 26] Per dare un equivalente per l'epoca, la sterlina britannica, essendo l'egemonia monetaria dell'epoca, aveva un tasso di cambio fisso (basato sul gold standard) a £ 1 = 20,43 Goldmark.

Nel 1868, Ludwig commissionò i primi disegni per i suoi edifici, a partire da Neuschwanstein e Herrenchiemsee, anche se i lavori su quest'ultimo non iniziarono fino al 1878.

Neuschwanstein Modifica

Schloss Neuschwanstein ("New Swanstone Castle") è una drammatica fortezza romanica con svettanti torri da favola. Si trova su una rupe alpina sopra la casa d'infanzia di Ludwig, il castello di Hohenschwangau ("Palazzo della contea di Upper Swan"). Hohenschwangau era un castello di cavalieri medievali che i suoi genitori avevano acquistato. Si dice che Ludwig avesse visto il luogo e avesse pensato di costruire un castello lì mentre era ancora un ragazzo.

Nel 1869, Ludwig ha supervisionato la posa della prima pietra per Schloss Neuschwanstein su un sito di montagna mozzafiato. Le pareti di Neuschwanstein sono decorate con affreschi raffiguranti scene delle leggende usate nelle opere di Wagner, tra cui Tannhäuser, Tristano e Isotta, Lohengrin, Parsifal, e un po' meno che mistico I Maestri Cantori. [27]

Linderhof Modifica

Nel 1878 fu completata la costruzione dello Schloss Linderhof di Ludwig, un palazzo ornato in stile neo-rococò francese, con bei giardini formali. Il terreno conteneva una grotta di Venere illuminata dall'elettricità, dove Ludwig veniva remato su una barca a forma di conchiglia. Dopo aver visto gli spettacoli di Bayreuth, Ludwig costruì Hundinghütte ("Capanna di Hunding", basato sulla scenografia del primo atto di Wagner's Die Walküre) nella foresta vicino a Linderhof, con tanto di albero artificiale e una spada incastonata in esso. (Nel Die Walküre, Siegmund estrae la spada dall'albero.) La capanna di Hunding fu distrutta nel 1945, ma una replica fu costruita a Linderhof nel 1990. Nel 1877, Ludwig aveva Einsiedlei des Gurnemanz (un piccolo eremo, come si vede nel terzo atto di Parsifal) eretta nei pressi di Hunding's Hut, con un prato di fiori primaverili. Il re si sarebbe ritirato a leggere. (Una replica realizzata nel 2000 può ora essere vista nel parco del Linderhof.) Nelle vicinanze una casa marocchina, acquistata all'Esposizione Universale di Parigi nel 1878, è stata eretta lungo la strada di montagna. Venduto nel 1891 e portato a Oberammergau, fu acquistato dal governo nel 1980 e ricostruito nel parco del Linderhof dopo un lungo restauro. All'interno del palazzo, l'iconografia rifletteva il fascino di Ludwig per il governo assolutista di antico regime Francia. Ludwig si considerava il "Re Luna", un'ombra romantica del precedente "Re Sole", Luigi XIV di Francia. Da Linderhof, Ludwig si godette le gite in slitta al chiaro di luna in un'elaborata slitta del XVIII secolo, completa di valletti nella livrea del XVIII secolo.

Herrenchiemsee Modifica

Nel 1878 iniziò la costruzione di Herrenchiemsee, una replica parziale del palazzo di Versailles, situata sull'Herreninsel nel Chiemsee. Fu costruito come tributo di Ludwig a Luigi XIV di Francia, il magnifico "Re Sole". Fu costruita solo la parte centrale del palazzo, tutta la costruzione fu interrotta alla morte di Ludwig. Ciò che esiste di Herrenchiemsee comprende 8.366 metri quadrati (90.050 piedi quadrati), una "copia in miniatura" rispetto ai 551.112 piedi quadrati di Versailles.

Appartamento reale del Residenz Palace di Monaco Modifica

L'anno successivo, Ludwig terminò la costruzione dell'appartamento reale nel Palazzo della Residenz a Monaco di Baviera, a cui aveva aggiunto un opulento giardino d'inverno o giardino d'inverno sul tetto del palazzo. Fu iniziata nel 1867 come una struttura piuttosto piccola, ma dopo gli ampliamenti nel 1868 e nel 1871, le dimensioni raggiunsero i 69,5 x 17,2 x 9,5 m. Presentava un lago ornamentale completo di skiff, un panorama dipinto dell'Himalaya come sfondo, una capanna di bambù di pescatori indiani, un chiosco moresco e una tenda esotica. Il tetto era una costruzione in metallo e vetro tecnicamente avanzata. Il giardino d'inverno fu chiuso nel giugno 1886, in parte smantellato l'anno successivo, e demolito nel 1897. [28] [nota 1]

Progetti successivi Modifica

Nel 1880, Ludwig continuò i suoi elaborati schemi.

Progettò la costruzione di un nuovo castello a Falkenstein ("Falcon Rock") vicino a Pfronten nell'Algovia (un luogo che conosceva bene: un diario del 16 ottobre 1867 recita "Falkenstein selvaggio, romantico"). [29] Il primo progetto fu uno schizzo di Christian Jank nel 1883 "molto simile al municipio di Liegi". [30] I progetti successivi mostravano una modesta villa con una torre quadrata [31] e un piccolo castello gotico. [32] [33] [nota 2] Nel 1885, a Falkenstein erano state fornite una strada e l'approvvigionamento idrico, ma le antiche rovine rimasero intatte. [34]

Ludwig propose anche un palazzo bizantino nella Graswangtal e un palazzo estivo cinese sul Plansee in Tirolo. Questi progetti non sono mai andati oltre i piani iniziali.

Per il castello di Berg, Ludwig fece costruire una quinta torre chiamata "Isolde" e usò spesso il castello come sua residenza estiva. Quando l'imperatrice Maria Alexandrovna di Russia visitò Berg nel 1868, fece decorare magnificamente il castello per tutta la durata del suo soggiorno, altrimenti, per i suoi standard, era arredato in modo modesto.

Sebbene il re avesse pagato i suoi progetti preferiti con i propri fondi e non con le casse statali, ciò non risparmiò necessariamente la Baviera dalle ricadute finanziarie. [35] Nel 1885, il re aveva un debito di 14 milioni di marchi, aveva preso in prestito pesantemente dalla sua famiglia, e invece di risparmiare, come gli consigliarono i suoi ministri finanziari, pianificò senza sosta ulteriori progetti opulenti. Ha chiesto che i prestiti fossero richiesti da tutti i reali d'Europa, e rimase in disparte dalle questioni di stato. Sentendosi molestato e irritato dai suoi ministri, prese in considerazione l'idea di licenziare l'intero governo e sostituirlo con facce nuove. Il governo ha deciso di agire per primo.

Cercando una causa per deporre Ludwig con mezzi costituzionali, i ministri ribelli decisero sulla base della logica che era malato di mente e incapace di governare. Chiesero allo zio di Ludwig, il principe Luitpold, di occupare il posto reale vacante una volta deposto Ludwig. Luitpold acconsentì, a condizione che i cospiratori fornissero prove affidabili che il re era, in effetti, follemente pazzo.

Tra gennaio e marzo 1886, i congiurati radunarono il rztliches Gutachten o Rapporto medico, sull'idoneità di Ludwig a governare. La maggior parte dei dettagli nel rapporto sono stati compilati da Maximilian conte von Holnstein, che era deluso da Ludwig e cercò attivamente la sua rovina. Holnstein usò la corruzione e il suo alto rango per estrarre una lunga lista di lamentele, resoconti e pettegolezzi su Ludwig tra i servitori del re. La litania di presunti comportamenti bizzarri includeva la sua timidezza patologica, il suo evitare gli affari di stato, i suoi complessi e costosi voli di fantasia, cenare all'aperto quando fa freddo e indossare pesanti cappotti in estate, maniere sciatte e infantili a tavola, mandare i domestici a lunghe e viaggi costosi alla ricerca di dettagli architettonici in terre straniere e minacce abusive e violente ai suoi servi.

Il grado in cui queste accuse erano accurate potrebbe non essere mai conosciuto. I cospiratori si avvicinarono a Bismarck, che dubitava della veridicità del rapporto, definendolo "rastrellamento dal cestino della carta straccia e dagli armadi del re". [36] Bismarck ha commentato dopo aver letto il rapporto che "i ministri desiderano sacrificare il re, altrimenti non hanno alcuna possibilità di salvarsi". Suggerì che la questione fosse portata davanti alla Dieta bavarese e discussa lì, ma non impedì ai ministri di realizzare il loro piano. [37]

All'inizio di giugno, il rapporto è stato finalizzato e firmato da un gruppo di quattro psichiatri: il Dr. Bernhard von Gudden, il capo dell'asilo di Monaco Dr. Hubert von Grashey (che era il genero di Gudden) e i loro colleghi, il Dr. Friedrich Wilhelm Hagen e il dottor Max Hubrich. Il rapporto dichiarava nelle sue ultime sentenze che il re soffriva di paranoia, e concludeva: "Soffrendo di un tale disordine, la libertà di azione non può più essere consentita e Vostra Maestà è dichiarata incapace di governare, incapacità che sarà non solo per un anno durata, ma per la durata della vita di Vostra Maestà". Gli uomini non avevano mai incontrato il re, tranne Gudden, solo una volta, 12 anni prima, e nessuno lo aveva mai esaminato. [6] Le domande sulla mancanza di diagnosi medica rendono controversa la legalità della deposizione. Alla controversia si aggiungono le misteriose circostanze in cui morì il re Ludwig. (Oggi, l'affermazione di paranoia non è considerata corretta, il comportamento di Ludwig è piuttosto interpretato come un disturbo schizotipico della personalità e potrebbe anche aver sofferto della malattia di Pick durante i suoi ultimi anni, un'ipotesi supportata da una degenerazione lobare frontotemporale menzionata nel rapporto dell'autopsia.) [38]

L'unico fratello minore e successore di Ludwig, Otto, era considerato pazzo, [39] fornendo una base conveniente per la pretesa di pazzia ereditaria.

Alle 4 del mattino del 10 giugno 1886, una commissione governativa comprendente Holnstein e Gudden arrivò a Neuschwanstein per consegnare formalmente il documento di deposizione al re e metterlo in custodia. Avvisato un'ora o due prima da un fedele servitore, il suo cocchiere Fritz Osterholzer, Ludwig ordinò alla polizia locale di proteggerlo, e i commissari furono respinti dal cancello del castello sotto tiro. In un famigerato baraccone, i commissari furono attaccati dalla baronessa Spera von Truchseß, 47 anni, [40] per lealtà al re, che agitò gli uomini con il suo ombrello e poi si precipitò negli appartamenti del re per identificare i cospiratori . Ludwig fece quindi arrestare i commissari, ma dopo averli tenuti prigionieri per diverse ore, li rilasciò. Il principe Ludovico Ferdinando era l'unico membro della famiglia reale bavarese che rimase sempre in rapporti amichevoli con la cugina (con l'eccezione di Elisabetta, imperatrice d'Austria), così Ludovico II gli scrisse un telegramma quest'ultimo intendeva subito seguire questa chiamata, ma gli fu impedito di lasciare il palazzo di Nymphenburg da suo zio Luitpold, che stava per assumere il governo come principe reggente al potere.

Quello stesso giorno, il governo sotto il ministro-presidente Johann von Lutz proclamò pubblicamente Luitpold principe reggente. Gli amici e gli alleati del re lo esortarono a fuggire, o a mostrarsi a Monaco, e così riguadagnare l'appoggio del popolo. Ludwig esitò, invece di rilasciare una dichiarazione, presumibilmente redatta dal suo aiutante di campo conte Alfred Dürckheim, che fu pubblicata da un giornale di Bamberg l'11 giugno:

Il principe Luitpold intende, contro la mia volontà, ascendere alla reggenza della mia terra, e il mio precedente ministero, attraverso false accuse riguardanti il ​​mio stato di salute, ha ingannato il mio amato popolo e si prepara a commettere atti di alto tradimento. [. ] Invito ogni fedele bavarese a radunarsi attorno ai miei leali sostenitori per sventare il previsto tradimento contro il re e la patria.

Il governo è riuscito a sopprimere la dichiarazione sequestrando la maggior parte delle copie del giornale e dei volantini. La biografia pittorica del re di Anton Sailer contiene una fotografia di questo raro documento. L'autenticità della proclamazione reale è tuttavia dubbia, poiché è datata 9 giugno, prima dell'arrivo della commissione, utilizza "I" invece del "Noi" reale e sono inclusi errori ortografici. Mentre il re esitava, il suo sostegno scemava. I contadini che si erano radunati per la sua causa furono dispersi e la polizia che sorvegliava il suo castello fu sostituita da un distaccamento di polizia di 36 uomini che sigillarono tutti gli ingressi al castello.

Alla fine, il re decise che avrebbe tentato di fuggire, ma era troppo tardi. Nelle prime ore del 12 giugno è arrivata una seconda commissione.Il re fu catturato poco dopo la mezzanotte e alle 4 del mattino fu portato in una carrozza in attesa. Chiese al dottor Gudden: "Come puoi dichiararmi pazzo? Dopotutto, non mi hai mai visto o esaminato prima", solo per sentirsi dire che "non era necessario che le prove documentali [i rapporti della servitù] siano molto copiose e completamente comprovato. È travolgente." [41] Ludwig fu trasportato al castello di Berg sulle rive del lago di Starnberg, a sud di Monaco.

Il pomeriggio del giorno successivo, 13 giugno 1886, il dottor Gudden accompagnò Ludwig in una passeggiata nel parco del castello di Berg. Sono stati scortati da due assistenti. Al loro ritorno, Gudden espresse ottimismo ad altri medici riguardo al trattamento del suo paziente reale. Dopo cena, intorno alle 18, Ludwig chiese a Gudden di accompagnarlo in un'altra passeggiata, questa volta attraverso il parco Schloß Berg lungo la riva del lago di Starnberg. Gudden ha convenuto che la passeggiata potrebbe anche essere stata un suo suggerimento, e ha detto agli aiutanti di non unirsi a loro. Le sue parole erano ambigue (Es darf kein Pfleger mitgehen, "Nessun addetto può venire con [noi]") e non è chiaro se fossero destinati a seguirci a discreta distanza. I due uomini sono stati visti l'ultima volta intorno alle 18:30, dovevano tornare alle 20:00, ma non sono mai tornati. Dopo più di due ore di ricerche da parte dell'intero personale del castello durante una tempesta di pioggia battente, alle 22:30 di quella notte, i corpi sia del re che di von Gudden furono trovati, a testa e spalle sopra l'acqua poco profonda vicino al costa. L'orologio del re si era fermato alle 6:54. I gendarmi che pattugliavano il parco non avevano né visto né sentito nulla di insolito.

La morte di Ludwig è stata ufficialmente dichiarata suicidio per annegamento, ma il rapporto ufficiale dell'autopsia ha indicato che non è stata trovata acqua nei suoi polmoni. [42] [43] Ludwig era un nuotatore molto forte nella sua giovinezza, l'acqua era all'incirca alla cintola dove è stato trovato il suo corpo, e non aveva espresso sentimenti suicidi durante la crisi. [42] [44] Il corpo di Gudden mostrava colpi alla testa e al collo e segni di strangolamento, portando al sospetto che fosse stato strangolato, anche se non sono state trovate altre prove per dimostrarlo. [6]

Teoria dell'omicidio Modifica

Si ipotizza che Ludwig sia stato assassinato dai suoi nemici mentre tentava di fuggire da Berg. Un resoconto suggerisce che il re fu fucilato. [42] Il pescatore personale del re, Jakob Lidl (1864–1933), dichiarò: "Tre anni dopo la morte del re mi fu fatto giurare che non avrei mai detto certe cose - non a mia moglie, non sul letto di morte, e non a nessun prete... Lo stato si è impegnato a prendersi cura della mia famiglia se mi dovesse succedere qualcosa in tempo di pace o di guerra". Lidl ha mantenuto il suo giuramento, almeno oralmente, ma ha lasciato note che sono state trovate dopo la sua morte. Secondo Lidl, si era nascosto dietro i cespugli con la sua barca, in attesa di incontrare il re, per remarlo nel lago, dove i lealisti lo stavano aspettando per aiutarlo a fuggire. "Quando il re si avvicinò alla sua barca e vi mise un piede, uno sparo risuonò dalla riva, apparentemente uccidendolo sul posto, perché il re cadde attraverso la prua della barca". [42] [45] Tuttavia, il rapporto dell'autopsia indica che non sono state trovate cicatrici o ferite sul corpo del re morto, d'altra parte, molti anni dopo, la contessa Josephine von Wrba-Kaunitz avrebbe mostrato ai suoi ospiti del tè pomeridiano un cappotto di Loden grigio con due fori di proiettile nella parte posteriore, affermando che era quello che indossava Ludwig. [46] Un'altra teoria suggerisce che Ludwig sia morto per cause naturali (come un attacco di cuore o un ictus) causate dall'acqua fresca (12 °C) del lago durante un tentativo di fuga. [42]

Modifica funebre

Le spoglie di Ludovico erano vestite con le insegne dell'Ordine di Sant'Uberto e giacevano nella cappella reale del Palazzo della Residenza di Monaco. Nella mano destra teneva un mazzo di gelsomino bianco raccolto per lui da sua cugina, l'imperatrice Elisabetta d'Austria. [47] Dopo un elaborato funerale il 19 giugno 1886, i resti di Ludwig furono sepolti nella cripta della Michaelskirche a Monaco di Baviera. Il suo cuore, tuttavia, non giace con il resto del suo corpo. La tradizione bavarese prevedeva che il cuore del re fosse posto in un'urna d'argento e inviato al Gnadenkapelle (Cappella della Misericordia) ad Altötting, dove fu collocata accanto a quelle del padre e del nonno.

Tre anni dopo la sua morte, fu costruita una piccola cappella commemorativa che domina il sito e fu eretta una croce nel lago. Ogni anno, il 13 giugno, vi si tiene una cerimonia di commemorazione.

Modifica della successione

Al re successe il fratello Otto, ma poiché Otto era considerato incapace di malattia mentale a causa di una diagnosi del dottor Gudden ed era sotto controllo medico dal 1883, lo zio del re Luitpold rimase reggente. Luitpold mantenne la reggenza fino alla sua morte nel 1912 all'età di 91 anni. Gli successe come reggente il figlio maggiore, anch'egli di nome Ludwig. La reggenza durò per altri 13 mesi fino al novembre 1913, quando il reggente Ludovico depose il re Ottone ancora in vita, ma ancora istituzionalizzato, e si dichiarò re Ludovico III di Baviera. Il suo regno durò fino alla fine della prima guerra mondiale, quando la monarchia in tutta la Germania finì.

Sebbene molti considerassero Ludwig peculiare, la questione della follia clinica rimane irrisolta. [48] ​​L'eminente ricercatore tedesco sul cervello Heinz Häfner non è d'accordo con la tesi secondo cui esistevano prove chiare della pazzia di Ludwig. [6] Altri credono che possa aver sofferto degli effetti del cloroformio usato nel tentativo di controllare il mal di denti cronico piuttosto che qualsiasi disturbo psicologico. Sua cugina e amica, l'imperatrice Elisabetta, sosteneva che: "Il re non era pazzo, era solo un eccentrico che viveva in un mondo di sogni. Avrebbero potuto trattarlo più gentilmente, e quindi forse gli avrebbero risparmiato una fine così terribile". [49]

Uno dei detti più citati di Ludwig era: "Desidero rimanere un eterno enigma per me stesso e per gli altri". [50]

Oggi i visitatori rendono omaggio al re Ludwig visitando la sua tomba e i suoi castelli. Ironia della sorte, gli stessi castelli che stavano causando la rovina finanziaria del re sono diventati oggi attrazioni turistiche estremamente redditizie per lo stato bavarese. I palazzi, donati alla Baviera dal principe ereditario Rupprecht, figlio di Ludovico III, nel 1923, [51] si sono ripagati molte volte e attirano ogni anno in Germania milioni di turisti da tutto il mondo.

Edifici Modifica

Non sorprende che Ludovico II avesse un grande interesse per la costruzione. Suo nonno paterno, re Ludovico I, aveva in gran parte ricostruito Monaco di Baviera. Era conosciuta come "Atene sull'Isar". Anche suo padre, il re Massimiliano II, aveva continuato con ulteriori costruzioni a Monaco, così come la costruzione del castello di Hohenschwangau, la casa d'infanzia di Ludovico II, vicino al futuro castello di Neuschwanstein di Ludovico II. Ludovico II aveva progettato di costruire un grande teatro dell'opera sulle rive del fiume Isar a Monaco di Baviera. Questo piano è stato posto il veto dal governo bavarese. [52] Utilizzando piani simili, un teatro del festival fu costruito più tardi durante il suo regno dalle finanze personali di Ludwig a Bayreuth.

    , Residenz Palace, Monaco di Baviera, un elaborato giardino d'inverno costruito sul tetto del Residenz Palace di Monaco di Baviera. Presentava un lago ornamentale con giardini e affreschi dipinti. È stato coperto utilizzando una costruzione in metallo e vetro tecnicamente avanzata. [28] Dopo la morte di Ludovico II, fu smantellato nel 1897 a causa di perdite d'acqua dal laghetto ornamentale attraverso il soffitto delle stanze sottostanti. Fotografie e schizzi registrano ancora questa incredibile creazione che includeva una grotta, un chiosco moresco, una tenda reale indiana, un arcobaleno illuminato artificialmente e una luce lunare intermittente. [28][53]
    , [nota 3] o "New Swan Stone Castle", una drammatica fortezza romanica con interni bizantini, romanici e gotici, che fu costruita in alto sopra il castello di suo padre: Hohenschwangau. Numerosi dipinti murali raffigurano scene delle leggende usate da Wagner nelle sue opere. La gloria cristiana e l'amore casto figurano prevalentemente nell'iconografia, e potrebbero essere stati destinati ad aiutare Ludwig a vivere secondo i suoi ideali religiosi, ma la decorazione della camera da letto raffigura l'amore illecito di Tristano e Isotta (dopo il poema di Gottfried von Strasbourg). Il castello non fu terminato alla morte di Ludwig, il Kemenate fu completato nel 1892, ma la torre di guardia e la cappella erano solo nella fase di fondazione nel 1886 e non furono mai costruite. [55] I quartieri della residenza del re – che occupò per la prima volta nel maggio 1884 [56] – sono visitabili insieme alle stanze della servitù, alle cucine e alla monumentale sala del trono. Sfortunatamente il trono non fu mai completato, anche se gli schizzi mostrano come avrebbe potuto apparire al termine. [57]
    Il castello di Neuschwanstein è un punto di riferimento ben noto a molti non tedeschi ed è stato utilizzato da Walt Disney nel ventesimo secolo come ispirazione per i castelli della bella addormentata nei parchi Disney di tutto il mondo. Il castello ha avuto oltre 50 milioni di visitatori da quando è stato aperto al pubblico il 1° agosto 1886, di cui 1,3 milioni solo nel 2008. [58]
    Castle, un palazzo decorato in stile neo-rococò francese, con bei giardini formali. Appena a nord del palazzo, ai piedi dell'Hennenkopf, il parco contiene una grotta di Venere dove Ludwig fu remato su una barca simile a una conchiglia su un lago sotterraneo illuminato con effetti di rosso, verde o blu "Capri" dall'elettricità, una novità a quel tempo, fornito da uno dei primi impianti di generazione in Baviera. [59] Le storie di esecuzioni musicali private qui sono probabilmente apocrife, non si sa per certo. [60] Nella foresta vicina fu costruita anche una romantica capanna alberata intorno a un albero artificiale (vedi Hundinghütte sopra). All'interno del palazzo, l'iconografia riflette il fascino di Ludwig per il governo assolutista dell'Ancien Régime France. Ludwig si considerava il "Re Luna", un'ombra romantica del precedente "Re Sole", Luigi XIV di Francia. Da Linderhof, Ludwig si godette le gite in slitta al chiaro di luna in un'elaborata slitta del XVIII secolo, completa di valletti in livrea del XVIII secolo. Era noto per fermarsi a visitare i contadini rurali durante le giostre, aggiungendo alla sua leggenda e popolarità. La slitta può oggi essere vista con altre carrozze reali e slitte al Museo delle Carrozze (Marstallmusem) al Palazzo di Nymphenburg a Monaco di Baviera. La sua lanterna era illuminata dall'elettricità fornita da una batteria. [61] C'è anche un padiglione moresco nel parco di Schloß Linderhof. [62]
    , una replica (sebbene sia stata mai costruita solo la sezione centrale) del Palazzo di Versailles di Luigi XIV di Francia, in Francia, che doveva superare il suo predecessore in dimensioni e opulenza - ad esempio, a 98 metri la Sala degli Specchi e le sue sale adiacenti di Guerra e Pace è leggermente più lungo dell'originale. Il palazzo si trova sull'isola di Herren nel mezzo del lago Chiemsee. La maggior parte del palazzo non fu mai completata una volta che il re finì i soldi, e Ludwig visse lì per soli 10 giorni nell'ottobre 1885, meno di un anno prima della sua misteriosa morte. [56] I turisti vengono dalla Francia per vedere la ricreazione della famosa Scala degli Ambasciatori. L'originale Scala degli Ambasciatori a Versailles fu demolita nel 1752. [63]
  • Ludwig ha anche dotato la casa del re di Schachen di interni in stile orientale straordinariamente decorativi, tra cui una replica del famoso trono del pavone.
  • Il Bayreuth Festspielhaus è stato costruito per e sotto la supervisione di Richard Wagner, con il finanziamento fornito dal re Ludwig, come vetrina per le opere di Wagner. , un "castello del barone brigante" progettato, ma mai eseguito, in stile gotico. Un dipinto di Christian Jank mostra l'edificio proposto come una versione ancora più fiabesca di Neuschwanstein, arroccato su una scogliera rocciosa in alto sopra il castello di Neuschwanstein.

Ludovico II ha lasciato una vasta collezione di piani e progetti per altri castelli che non furono mai costruiti, nonché piani per ulteriori stanze nei suoi edifici completati. Molti di questi progetti sono oggi ospitati nel Museo del re Ludovico II al castello di Herrenchiemsee. Questi progetti di edifici risalgono all'ultima parte del regno del re, a partire dal 1883 circa. Poiché i soldi stavano iniziando a esaurirsi, gli artisti sapevano che i loro progetti non sarebbero mai stati eseguiti. I disegni divennero più stravaganti e numerosi quando gli artisti si resero conto che non c'era bisogno di preoccuparsi dell'economia o della praticità.

Ludwig e le arti Modifica

È stato detto che la tarda carriera di Richard Wagner fa parte dell'eredità di Ludwig, dal momento che quasi certamente non sarebbe stato in grado di completare il suo ciclo d'opera Der Ring des Nibelungen o per scrivere la sua opera finale, Parsifal, senza l'appoggio del re.

Ludwig ha anche sponsorizzato le prime di Tristano e Isotta, Die Meistersinger von Nürnberg, e, attraverso il suo sostegno finanziario al Festival di Bayreuth, quelli di Der Ring des Nibelungen e Parsifal. [64]

Ludwig fornì a Monaco il suo teatro dell'opera, lo Staatstheater am Gärtnerplatz, stabilendo una lunga tradizione di teatro musicale comico e romantico noto come Singspiele, nonché operette prodotte per il pubblico bavarese.

Si dice anche che il cosiddetto "Re dei cigni" abbia ispirato la storia dietro il balletto classico Il lago dei cigni del compositore russo Tchaikovsky. Questo potrebbe essere riferito ai giorni della sua infanzia, quando trascorse gran parte della sua giovinezza in un castello chiamato Hohenschwangau ("alta regione del cigno") nelle Alpi bavaresi. Ludwig è cresciuto lì tra immagini e icone di cigni, e il vicino Schwansee ("Lago dei cigni"). [ citazione necessaria ]

Giochi da tavolo Modifica

  • Tra due castelli del folle re Ludwig (2018) – Rilasciato da Stonemaier Games e progettato da Matthew O'Malley e Ben Rosset [65]
  • Castelli del folle re Ludwig (2014) – Rilasciato da Bézier Games e disegnato da Ted Alspach [66]
  • Il palazzo del re pazzo Ludwig (2017) – Rilasciato da Bézier Games e disegnato da Ted Alspach [67]
  • Castello Falkenstein (1994) - Un gioco di ruolo da tavolo di avventura fantasy vittoriano pubblicato da R. Talsorian Games presenta Ludwig II di Baviera come un personaggio non giocante fondamentale nell'ambientazione.

Modifica della letteratura

  • Requiem del principe del cigno[1] di A.R. Valeson è una novella dark fantasy che segue il viaggio di Ludwig attraverso un surreale mondo dell'aldilà ispirato al folklore medievale e alle visioni teatrali di Wagner.
  • Ludwig è il personaggio centrale del romanzo Ricordati di me (1957) dell'americano David Stacton (1923–1968). [68] Il romanzo, parte di un trittico che tratta di "The Invincible Questions", [69] si concentra sulla psicologia di Ludwig, compresa la sua nozione di regalità, le sue relazioni omoerotiche e le sue ragioni per costruire Stacton rappresentano la morte di Ludwig come un suicidio.
  • Ludwig è un personaggio importante nella serie di Alex Alice [fr] Castle in the Stars [fr] .
  • The Swan King: A Historical Fairy Tale di Nina Clare è vagamente basato sugli ultimi due anni della sua vita.

Cinema Modifica

  • Ludovico II, re di Baviera (1929), regia di William Dieterle
  • Ludwig II: Glanz und Ende eines Königs (1955) film con O.W. Fischer come Ludwig II
  • Fuoco magico (1955), diretto da William Dieterle
  • Ludwig: Requiem per un re vergine (1972), diretto dal film di Hans-Jürgen Syberberg Ludwig (1973) racconta il suo regno.
  • Flash reale (1975) diretto da Richard Lester
  • Ludwig è uno dei principali personaggi di supporto in Tony Palmer's Wagner (1983)
  • Ludovico II (2012) diretto da Peter Sehr e Marie Noelle
  • Nel Bullyparade – Der Film (2017), diretto da Michael Herbig, Ludwig II ha una breve apparizione.

Videogiochi Modifica

Una versione semi-romanzata della storia di Ludwig II è fortemente presente nel gioco per computer del 1995 La bestia interiore: un mistero di Gabriel Knight.


The Hill's 12:30 Report - Presentato da ExxonMobil - La Corte Suprema respinge il caso Twitter di Trump

The Hill's 12:30 Report: La Corte Suprema archivia il caso su Trump che blocca i critici su Twitter | La grande scommessa di Biden con l'aumento delle tasse | Linee di battaglia tracciate sul piano delle infrastrutture | L'elicottero atterra al Campidoglio degli Stati Uniti durante l'attacco di venerdì | Il processo a Derek Chauvin continua | Sei takeaway della settimana 1 | La media dei vaccini negli Stati Uniti supera i 3 milioni al giorno | Giornata nazionale del caramello!

Via The Hill's John Kruzel, “Lunedì la Corte Suprema ha annullato una sentenza che ha stabilito che l'ex Presidente briscola ha violato il Primo Emendamento bloccando i suoi critici su Twitter, con i giudici che hanno respinto il caso come discutibile. https://bit.ly/39Gt2Q4

Storia indietro: "La causa è nata nel 2017 dopo che l'account sui social media di Trump ha bloccato sette persone che avevano twittato critiche al presidente nei thread di commenti collegati al suo account Twitter @realDonaldTrump, che da allora è stato bandito sulla piattaforma ... I tribunali federali inferiori hanno scoperto che l'account Twitter di Trump , dove spesso ha pesato su questioni ufficiali, costituisce un forum pubblico e che bloccare i suoi detrattori ha violato le loro protezioni costituzionali della libertà di parola”.

Leggi l'opinione di 12 pagine: https://bit.ly/3fM9tcK

La MLB ha annunciato che la prima partita della stagione dei Washington Nationals si svolgerà domani tra le infezioni da COVID-19. https://bit.ly/3mn6pF7

Dalla MLB: “L'ultimo round di risultati dei test del personale dei Nazionali non ha incluso nuovi positivi. Tutto il personale idoneo (di Washington) potrà partecipare alle attività di baseball al Nationals Park lunedì”.

Storia indietro: “La partita di apertura dei Nationals contro i Mets giovedì scorso è stata rinviata dopo che un giocatore è risultato positivo al virus. L'Associated Press ha riferito che quattro giocatori dei Nationals si stanno isolando dopo essere risultati positivi al COVID-19 la scorsa settimana. Altri sette giocatori e due membri dello staff sono in quarantena a causa della possibile esposizione. Nessuno dei giocatori o dei membri dello staff è stato identificato, secondo l'AP".

È lunedì! Sono Cate Martel con un rapido riassunto della mattinata e di cosa sta per succedere. Invia commenti, idee per storie ed eventi per il nostro radar a [email protected] e seguici su Twitter @CateMartel e Facebook.

Qualcuno te l'ha inoltrato? Vuoi la tua copia? Iscriviti qui per ricevere il rapporto delle 12:30 di The Hill nella tua casella di posta ogni giorno: http://bit.ly/2kjMNnn

UN MESSAGGIO DI EXXONMOBIL

ExxonMobil – riduzione delle emissioni e cattura del carbonio

ExxonMobil Low Carbon Solutions sta lavorando per far progredire tecnologie innovative, tra cui la cattura e lo stoccaggio del carbonio, l'idrogeno e altre tecnologie, dal nostro ampio portafoglio di ricerca e sviluppo leader del settore.

Via The Hill's Marty Johnson, “Il processo per omicidio dell'ex ufficiale di polizia di Minneapolis Derek Chauvin ha ripreso lunedì mattina con una breve udienza che coinvolgeva possibili illeciti della giuria”. https://bit.ly/3dzKhDI

Cosa sappiamo dell'udienza per cattiva condotta della giuria: Il presidente ha spiegato: "Ho appena condotto un'"udienza Schwartz" con i giurati. La corte conclude che non vi è stata cattiva condotta della giuria e che i giurati sono stati credibili nelle loro risposte e, di conseguenza, non verrà intrapresa alcuna azione".

Come guardare il processo: ecco il livestream di oggi: https://bit.ly/3dD4o3F

6 TAKEAWAY DALLA PROVA FINORA:

Tramite il New York Times Will Wright:

  1. "Gli avvocati hanno delineato le loro strategie opposte".
  2. “I testimoni hanno rivelato un senso di trauma condiviso”.
  3. "Il fatidico arresto è stato ripetuto da ogni angolazione".
  4. "La questione cruciale del consumo di droga è affrontata direttamente".
  5. "Sulla scena non c'erano segni di vita".
  6. "Una tattica che è stata chiamata 'forza letale'".

Contesto e dettagli per ciascuno: https://nyti.ms/3fK5WM6

Via The Hill's Niall Stanage, “ Presidente Biden Joe Biden Rep. Dingell ricoverato in ospedale per intervento chirurgico su ulcera perforata L'amministrazione di Biden rinnova lo status di protezione temporanea per Haiti Amash avverte di trasformare legislatori come Cheney in "eroi" ALTRO e i Democratici stanno facendo una grande scommessa sul fatto che la politica della tassazione sia cambiata". https://bit.ly/3mlYGrd

Cosa sperano i Democratici: "A loro avviso, il pubblico americano, frustrato dall'impatto economico del COVID-19 e da anni di stagnazione per la classe media, è disposto a tollerare tasse più elevate, almeno sulle società e sui ricchi".

Il rischio biggggg: "Il presidente e il suo partito scommettono anche che qualsiasi proposta di spostamento della tassazione non indebolirà la ripresa post-pandemia... Se si sbaglia, i risultati potrebbero essere politicamente disastrosi".

Come potrebbe andare a finire?: https://bit.ly/3mlYGrd

LINEE DI BATTAGLIA DISEGNATE SUL PIANO INFRASTRUTTURALE DI BIDEN:

Via The Hill's John Bowden: https://bit.ly/3wsyOOT

IN CHE MODO "IL PROSSIMO GRANDE BILL DI BIDEN POTREBBE RAVVICINARE - O SEPPURRE - IL SUO MARCHIO BIPARTISAN":

Via Politico Burgess Everett e Marianne Levine: https://politi.co/31Ky0H7

ULTIME CON IL CORONAVIRUS

Via The Hill's Max Greenwood, "I repubblicani stanno sfruttando l'intensificarsi del dibattito sui passaporti per la vaccinazione contro il coronavirus come parte della loro strategia per riprendere il controllo del Congresso nel 2022". https://bit.ly/3wsCAro

A che punto è il dibattito sui passaporti: "L'idea dei passaporti per i vaccini ha attirato una crescente attenzione nelle ultime settimane poiché l'ammissibilità alle vaccinazioni COVID-19 si è rapidamente ampliata e gli americani iniziano a vedere i riflessi di una normalità post-pandemia all'orizzonte. La Casa Bianca ha indicato che pubblicherà linee guida di base per tali programmi, sebbene abbia anche affermato che non ha intenzione di creare un requisito federale centralizzato".

Le implicazioni: “Nelle interviste e nelle conversazioni con The Hill, gli strateghi e gli operatori del GOP hanno riconosciuto il crescente desiderio tra gli americani di essere vaccinati contro il COVID-19. Ma molti scommettono anche che i dibattiti emergenti sui cosiddetti passaporti vaccinali li aiuteranno a giocare sui timori degli elettori di un'eccessiva portata del governo e delle violazioni della privacy”.

Come potrebbe andare a finire?: https://bit.ly/3wsCAro

NUMERI DI CASO:

Casi di coronavirus negli Stati Uniti: 30,709,016

bilancio delle vittime negli Stati Uniti: 555,035

Ripartizione dei numeri: https://cnn.it/2UAgW3y

NUMERI DI VACCINAZIONE:

Numero totale di vaccinazioni somministrate negli Stati Uniti: sono stati dati 165 milioni di scatti.

Media su sette giorni delle dosi somministrate: Una media di 3,08 milioni di dosi — abbiamo raggiunto 3 milioni.

Per contesto: La popolazione degli Stati Uniti è di circa 331 milioni.

Ripartizione dei numeri: https://bloom.bg/3iVTPLH

UN MESSAGGIO DI EXXONMOBIL

ExxonMobil – riduzione delle emissioni e cattura del carbonio

ExxonMobil Low Carbon Solutions sta lavorando per far progredire tecnologie innovative, tra cui la cattura e lo stoccaggio del carbonio, l'idrogeno e altre tecnologie, dal nostro ampio portafoglio di ricerca e sviluppo leader del settore.

Questo è successo venerdì pomeriggio dopo che un sospetto è entrato in una barricata della polizia venerdì. Cosa sappiamo dell'incidente: https://cnn.it/3dASG9R

Ed ecco il video dell'elicottero che lascia il Campidoglio degli Stati Uniti: https://bit.ly/3fFdxvq

L'UFFICIALE DI POLIZIA DEL CAPITOL USA WILLIAM 'BILLY' EVANS È MORTO NELL'ALTERCAZIONE:

Ottenere trazione - Questo ragazzo ha la spazzatura che parla:

Questo video ha più di 1,3 milioni di visualizzazioni.

Wow, il suono del crack del pipistrello è incredibile:

La Camera e il Senato sono fuori. Presidente Biden è a Washington, DC Vicepresidente Harris è in California.

11:30 EDT: Presidente Biden tornato alla Casa Bianca.

11:40 EDT: Vicepresidente Harris ha lasciato Los Angeles ed è in viaggio per Oakland. A Oakland, visiterà una struttura per sostenere il piano infrastrutturale e terrà una sessione di ascolto.

Mezzogiorno: Presidente Biden ricevuto il Daily Brief del Presidente.

17:25 EDT: Vicepresidente Harris torna a Los Angeles.

11:00 EDT: Il COVID Response Team della Casa Bianca ha tenuto una conferenza stampa. Trasmissione in diretta: https://bit.ly/2R6UWhE

1 pm. EDT: Presidente Biden pronuncia il discorso pasquale alla Casa Bianca. First Lady Jill Biden Jill BidenBiden assegna la prima medaglia d'onore della presidenza al veterano della guerra di Corea The Hill's Morning Report - Presentato da Facebook - Il cessate il fuoco Israele-Hamas in corso Biden elogia la tregua "incondizionata" Bidens incontra i vincitori del Kennedy Center, una tradizione ignorata da Trump ALTRO frequenta. Trasmissione in diretta: https://bit.ly/3wshwl0

13:30 EDT: addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki Jen PsakiCosa c'è da sapere sulle opzioni per pagare le infrastrutture La famiglia di George Floyd visiterà la Casa Bianca martedì On The Money: la Casa Bianca si oppone a una proposta di infrastruttura da 0,7 trilioni, GOP non è stato impressionato | L'USDA avvia la cancellazione del prestito per migliaia di agricoltori di minoranza ALTRO tiene una conferenza stampa. Trasmissione in diretta: https://bit.ly/3fHjE2g

Oggi è Giornata nazionale del caramello! È anche Giornata nazionale della pizza al piatto profondo!


Guarda il video: 10 scene incredibili successe in tribunale


Commenti:

  1. Pinochos

    E come in questo caso dovrebbe essere fatto?

  2. Zulutaxe

    In tutta sicurezza, prova a trovare la risposta alla tua domanda su google.com

  3. Abdul-Malik

    Confermo. Sono d'accordo con tutto quanto sopra per detto. Esamineremo questa domanda.

  4. Yozshule

    Ah, cool!

  5. Faeshakar

    Niente del calcolo uniforme.

  6. Allard

    Questo argomento è semplicemente fantastico :), mi piace)))



Scrivi un messaggio