acetonemagazine.org
Nuove ricette

Ristorante interno agosto

Ristorante interno agosto


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


In un viaggio per visitare tutti i candidati di quest'anno per il James Beard Outstanding Restaurant Award, ci dirigiamo a New Orleans

Pochi premi significano più per uno chef di un James Beard Foundation Award. Ma può essere particolarmente significativo per quegli chef che sono cresciuti con un ristorante per più di 10 anni - un riconoscimento salvato per l'Outstanding Restaurant Award, presentato da Acqua Panna Natural Spring Water.

I nominati di quest'anno gestiscono lo spettro di location e cucina: agosto a New Orleans; Blue Hill a New York City; Highlands Bar and Grill a Birmingham, Ala.; La porta inclinata a San Francisco; e Spiaggia di Chicago. Abbiamo collaborato con Acqua Panna per andare in ogni ristorante, condividere un pasto e discutere con ogni chef di come i loro ristoranti hanno mantenuto la loro qualità e si sono evoluti continuamente nel corso degli anni.

Dopo le nostre prime soste a Blue Hill e Spiaggia, ci siamo poi diretti a New Orleans per visitare August, il ristorante francese contemporaneo di ispirazione locale di John Besh. Il ristorante è stato una parte essenziale della scena culinaria di New Orleans dal 2001. Besh ha già vinto un James Beard Award come miglior chef del sud-est e August è già stato semifinalista nella categoria Outstanding Restaurant.

Al mio recente pasto sono stato trattato con elementi del menu di agosto che erano sia classici che nuovi, che vanno dagli gnocchi con granchio blu e tartufo nero alle ostriche fritte ispirate alla primavera con aglio verde, aioli al peperoncino e gorgonzola. Ad agosto si sente davvero che ogni ingrediente è celebrato, dall'aragosta alle spugnole.

Ci siamo seduti con Besh per discutere di come è cambiato il ristorante da quando è stato aperto 12 anni fa. Sebbene la maggior parte dei ristoranti si evolva naturalmente nel tempo, Besh ritiene che gli eventi a New Orleans come l'uragano Katrina siano particolarmente cambiati in agosto. Come dice, "Quasi come un atto di sfida, anche la nostra cucina è diventata molto più locale, molto più carica civica se vuoi perché siamo così preoccupati di mantenere la nostra identità... E penso che August abbia fatto un ottimo lavoro nel prendere quella bandiera della cucina di New Orleans e inaugurare questa prossima fase di evoluzione di questa meravigliosa città. I ​​menu sono passati da tutto ciò che doveva contenere foie gras e tartufi ad essere ora così profondamente radicato sul posto. quello di cui sono più orgoglioso".

Per saperne di più su Besh, guarda il video qui sopra! E assicurati di dare un'occhiata la prossima settimana per il nostro viaggio a Birmingham, in Alaska, per visitare l'Highland Bar and Grill di Frank Stitt.


Whoopi Goldberg ci porta nel suo ritrovo preferito di SoHo per un po' di pasta all'aglio

Non capita tutti i giorni di sbirciare in un ristorante e vedere Whoopi Goldberg che spacca gli spicchi d'aglio in cucina. No, non sta facendo ricerche per un film, è nell'amato ritrovo di New York City, il Ballato di Emilio, che impara a preparare il suo piatto preferito: spaghetti con aglio e olio d'oliva. "Vediamo le tue abilità nel tagliare", dice lo chef Emilio Vitolo Jr., porgendole un coltello affilato e un mazzetto di prezzemolo.

"Io non avere abilità di taglio", dice con quella voce inconfondibile che conosciamo dagli schermi sia grandi (Il Colore Viola, Fantasma) e piccolo (La vista). Goldberg insiste sul fatto che non ha abilità culinarie, punto. “no,"dice, scuotendo con enfasi i suoi caratteristici dreadlocks da un lato all'altro. A quanto pare, preferirebbe di gran lunga ospitare. Infatti, a settembre uscirà con un manuale sull'argomento, chiamato Il non qualificato Hostess: Lo faccio a modo mio, così puoi farlo anche tu! Il titolo di Goldberg è ironico, ovviamente, poiché tutti sanno che è un'intrattenitrice consumata che ama riunire ospiti interessanti attorno a vivaci paesaggi da tavola. Per lei è tradizione. "Sono cresciuta in un'epoca in cui le famiglie mangiavano insieme, quindi dovevi sapere come apparecchiare la tavola", dice.

Nel suo libro Goldberg spiega come apparecchiare una tavola con stile. Nel processo questa massimalista riesce a sfoggiare l'eclettico mix di oggetti che ha collezionato nel corso degli anni: porcellane vintage, argento antico, porcellane di Meissen, bambole troll e poggiacoltelli, di cui è una grande sostenitrice. ("Pensa a quante tovaglie si salverebbero se tutti usassero un poggiacoltelli.") Ogni pezzo suscita la gioia approvata da Marie Kondo per Goldberg. "Ho un sacco di cose, ma ho avuto un sacco di vita", dice. "Mi piace la bellezza e mi piace il divertimento, e penso che anche agli altri piaccia".

Tornato in cucina, ormai profumato di aglio rosolato, Vitolo continua la lezione: “Vuoi che l'aglio sia leggermente rosolato. Se lo cuoci troppo, rovini tutto il piatto”. Con la grazia di un ballerino, Vitolo fa saltare in padella prezzemolo, sale e fiocchi di peperoncino tritati, aggiunge degli spaghetti ed emulsiona gli ingredienti con l'acqua della pasta. "C'è qualcosa in un piatto semplice", dice Goldberg. “Fatto bene, ha un sapore squisito.”

Il padre di Vitolo, Emilio Vitolo Sr., acquistò il ristorante SoHo e lo fece proprio nei primi anni '90. Da allora, l'intero clan Vitolo - papà, mamma e tre figli - ha lavorato lì insieme. “È un impegno sette giorni su sette”, dice il giovane Emilio. Quando stava crescendo, la cena della domenica a casa era l'unica volta che suo padre si prendeva una pausa. "Se hai intenzione di fare un ristorante nel modo giusto, devi sempre esserci", dice. “Ma la domenica mio padre non faceva mai il cuoco. Mia madre, che viene dal Perù, ci preparava invece piatti come pollo e riso”.

Quella passione - oltre ad alcune polpette assassine, parme di pollo, linguine alle vongole e così via - attira un impressionante elenco di fan, tra cui Justin Bieber, Rihanna, Bradley Cooper, Lenny Kravitz e gli Obama. Le loro foto, articoli di riviste e copertine di album decorano le pareti patinate della sala da pranzo come foto di famiglia. Lassù c'è anche Goldberg, che da 20 anni è un habitué del Ballato di Emilio. "Venire qui è come entrare in casa di qualcuno", dice. "Ci si sente sempre bene perché è casalingo."

Dopo aver impiattato gli spaghetti, Vitolo prende un po' di Parmigiano-Reggiano da far assaggiare al suo sous chef superstar. Poi i due si siedono a mangiare. "Ho fame", dice Goldberg, scavando nella sua pasta cosparsa di formaggio grattugiato. La hit del 1966 di Frank Sinatra "That's Life" suona in sottofondo, aggiungendo l'atmosfera della vecchia scuola. Goldberg farà mai questo piatto a casa? "Sì", dice, "ma perché dovrei volerlo quando posso venire qui?"

Fotografato da Pernille Loof. I capelli di Whoopi Goldberg: Derick Monroe. Il trucco di Whoopi Goldberg: Karen Dupiche.

Per altre storie come questa, prendi il numero di settembre di InStyle, disponibile in edicola, su Amazon e per download digitale Ora.


Cos'è Pollo Fundido?

Pollo Fundido è un piatto in stile chimichanga che significa esattamente quello che si traduce: “pollo fuso”. Ognuno viene caricato con una miscela di pollo semi-piccante, arrotolato e cotto al forno o fritto, quindi condito con una crema di formaggio jalapeno. L'ultimo passaggio della bontà fusa è una lastra di formaggio cheddar fuso sopra. Questo piatto in particolare è uno dei piatti più popolari del ristorante messicano di Garcia, ed è facile capire perché!

Normalmente questo piatto sarebbe un po' piccante all'interno, ma mi piace renderlo più delicato così i miei bambini lo mangeranno e lo apprezzeranno. Puoi andare dolce, medio o piccante.

Ogni volta che preparo questa ricetta ho sempre abbastanza crema di jalapeno per rifare il piatto. L'abbiamo fatto due domeniche di fila di recente e i miei figli erano in paradiso. È stato così facile poter fare il pollo la seconda volta!

Puoi preparare il pollo in anticipo e conservarlo in frigo fino a quando non vorrai comporre il tuo Pollo Fundidos. Tutto quello che devi fare è scaldare il pollo prima di riempire le tortillas. [inserisci il cinque emoji]


Cosa c'è per cena? 21 ricette settimanali da fare ad agosto

Anche quando arriva la stagione del ritorno a scuola (di persona o virtualmente) e le notti infrasettimanali diventano più affollate, la cena può ancora essere un momento in cui la famiglia si riunisce e si gode un delizioso pasto fatto in casa. In meno di un'ora, puoi preparare una cena per famiglie che sia salutare e gradita a tutti, come le Fajitas di pollo in padella, nella foto qui.

Ad agosto, pianifica di fare scorta di pannocchie, fichi, melanzane di diverse dimensioni, tomatillos, peperoncini e, naturalmente, zucchine. Prenditi qualche minuto della tua giornata per fermarti in uno stand di una fattoria locale per vedere quali scelte fresche puoi acquistare da incorporare in una ciotola di pasta per la notte della settimana o servire alla griglia insieme a pollo o pesce. Presentiamo questi ingredienti in molte delle seguenti ricette per la cena infrasettimanale di agosto.

Le zucchine sono la stella di una pizza in stile mediterraneo, che presenta anche cipolle caramellate, formaggio feta e olive. Troverai anche questa zucca estiva preferita che condivide il palco nel filetto di maiale con cous cous di zucca estiva e zuppa di salmone affumicato estivo. È una buona cosa che le zucchine siano ricche di fibre, potassio e vitamina C perché semplicemente non ne abbiamo mai abbastanza in questo periodo dell'anno.

Non è estate senza un sacco di pesce fresco. Stupisci la tua famiglia con un salmerino alpino glassato al miele di soia di meno di 30 minuti e festeggia il martedì del taco con i nostri tacos di halibut scottato con salsa di pompelmo e avocado. Stai cercando di ridurre i costi e saltare l'asporto? Prepara il nostro Moo-Shu-Pork Stir-Fry. Potresti anche preparare questi impressionanti ravioli con melanzane arrosto, pomodori e capperi (e nessuno saprà che usa i ravioli acquistati in negozio e mdashit è proprio così buono)!

Che tu abbia voglia di pollo o bistecca, pizza o pasta, qui ci sono facili ricette per la cena della settimana per te e la tua famiglia da gustare per tutta l'estate.


La base di curry è il modo in cui i ristoranti indiani possono cucinare su ordinazione

È cucinato su ordinazione ed è fatto usando la base di curry. La base di curry è il cuore della cucina di ogni ristorante indiano. Pentole giganti che stanno ribollendo.

Quando ne ho sentito parlare, ho iniziato a chiedere ai camerieri. Ho incontrato il personale di cucina. Ne ho parlato con uno o due chef. Ero all'interno. Ora sei anche tu…

Mai sentito parlare della base di curry? Non sorprendente. Per molto tempo è stato un segreto gelosamente custodito.

Anche ora, le ricette a base di curry dei ristoranti indiani sono segreti gelosamente custoditi.

Un pizzico di carota – ooohhhh. Un po' di cavolo – aaahhh. Un peperone verde – ssshhhh. Ma è così che si fa.

È un po' ridicolo. Nella sua forma più semplice sono solo un sacco di cipolle bollite con alcune spezie e olio. Sul serio.

Cucinalo e ha il sapore di una zuppa di cipolle al curry debole. Niente. Non particolarmente gustoso.


Dentro il ristorante Ubuntu di Napa Valley

Mi piacciono le verdure, davvero. Ma sono cresciuto nel sud mangiando verdure che erano state cucinate così lontano da essere riconoscibili che una ragazza una volta mi ha accusato di servire la sua salsa di fagiolini piuttosto che i fagiolini veri. Aveva ragione, ovviamente. I cuochi del sud distruggono tutte le verdure che tocchiamo. Li scuotiamo, li affoghiamo nella salsa di panna, li maltrattiamo.

Ho anche attraversato due decenni solidi di incontri femministi dominati da pasti vegetariani e da conferenze radicali che consideravano il mangiare carne un peccato e le verdure una virtù. Non c'è da meravigliarsi se mi sono trovato a disagio con la cucina vegetariana e risentito di un'austerità che fa sembrare ciò che non è nel piatto più grande di ciò che è.

Non importa che ho vissuto in California per 20 anni e ho imparato ad amare lo schiocco croccante dei piselli leggermente saltati in padella. Rimango parziale al sugo di padella e tutto ciò che può essere avvolto nella pancetta. Ma quei pasti, per me, sono sempre accompagnati da quel senso di colpa, una fragilità comune a quelli di noi che si fermavano per un hamburger al fast food tornando a casa dalla cena vegetariana. Se fossi una brava ragazza, ne sono certo, sarei magra e vegetariana. Non sono né l'uno né l'altro, e sono alternativamente fieramente orgoglioso e tristemente dispiaciuto.

Così, quando ho iniziato a sentire parlare di Ubuntu, un fenomeno della Napa Valley che combina un ristorante "vegetale" molto apprezzato con uno studio di yoga, ed è stato elencato come uno dei dieci migliori nuovi ristoranti americani in Il New York Times, con uno chef che è stato nominato per un James Beard Foundation Award 2009: ero sia incuriosito che sconcertato. Ubuntu sarebbe il tipo di posto che uno scettico come me potrebbe visitare comodamente?

Ho deciso di fare una prenotazione e scoprire.

"Non servono carne, ma non ti manca", era quello che avevo sentito da un amico che abitava a valle del ristorante ed era stato lì. "È vegetale, non vegetariano." Avrebbe potuto citare un comunicato stampa, ma non ero ancora chiaro sul concetto.

Ubuntu è un termine Zulu che i sudafricani traducono con "umanità verso gli altri", ma il suo significato più profondo riguarda il concetto di armonia tra la terra e le persone che la condividono. La proprietaria Sandy Lawrence, che ha tenuto conferenze internazionali sugli investimenti prima di fondare il ristorante, ha voluto mettere in pratica questa filosofia attingendo a tutto ciò che rende unica Napa: la lunga stagione di crescita, i meravigliosi vini e gli artigiani che producono tutto da squisiti prodotti locali. tavole in legno a formaggi ricchi e delicati. L'impulso iniziale di aprire il ristorante l'ha colpita una sera dell'agosto 2006. Racconta la storia di come quella sera d'estate, dopo aver tenuto una lezione di yoga nella sua casa di Napa, volesse offrire un pasto rilassante a tutti e ha iniziato a chiamare in giro per ristoranti locali. Alla fine ha trovato uno che prometteva di servire un pasto vegetariano, il che si è rivelato significare che avrebbero offerto un risotto ai gamberetti e "lasciato perdere i gamberi", non è affatto quello che aveva in mente. Quando Lawrence ha aperto Ubuntu, nel 2007, ha deciso che definirlo un ristorante "vegetale" potrebbe aiutare a superare alcuni pregiudizi e malintesi associati al cibo vegetariano.

In un pomeriggio soleggiato, sono salito in macchina con la mia ragazza, Alix, e sono partito per due ore di macchina dalla contea occidentale di Sonoma, dove vivo, al centro di Napa e all'isolato di ristoranti il ​​cui fulcro è l'Ubuntu con le pareti in pietra. . Lungo la strada ho pensato all'orgoglio che provo nel cucinare le mie ricette di famiglia e alla mia vita da mamma mangiatrice di carne e agitatrice di sale che frigge troppe patate nel grasso di pancetta. Forse era ora di qualcosa di nuovo. Forse avevo finalmente vissuto abbastanza a lungo in California da mangiare fette di zucchine saltate come se fossero ali calde. Potrei provare, comunque.

Una volta seduti nella sala da pranzo calda e illuminata dal sole, con un forno in pietra sul retro e collage luminosi appesi alle pareti, ho chiacchierato con Jeremy Fox, lo chef, e sua moglie, Deanie, la pasticcera. Lawrence li aveva assunti lontano da Manresa, un famoso ristorante di Los Gatos, a sud di San Francisco, dove avevano ottenuto molti consensi per le loro creazioni franco-spagnole. Mi sono rincuorato quando mi hanno detto che non sono vegetariani, tranne che nel senso di fatto: sono cuochi impegnati che mangiano nel luogo in cui trascorrono la maggior parte del loro tempo. Né corrono di sopra a fare yoga.

Mentre guardavamo il menu, mi sono ricordato di quello che aveva detto un mio amico che era stato su Ubuntu prima: "Devi provare i loro gnocchi di carote". Gnocchi di carote? Da dove è nata quell'idea?

"Era l'estrusore per la pasta", ha spiegato Jeremy. L'uso dell'apparecchio per fare la sua pasta aveva ispirato Jeremy a sperimentare. Aveva un piatto di mac e formaggio nel menu, ma era pesante con grasso e panna e voleva alleggerirlo. Ha avuto l'idea di usare le carote per fare gli gnocchi e ha deciso di aggiungere il formaggio francese Mimolette perché era arancione come le carote e rendeva gli gnocchi ricchi e luminosi. Quell'incidente di colore ha unito l'intero piatto, quindi ha aggiunto del succo d'arancia fresco per addolcire il formaggio piccante e un po' di dragoncello, solo perché—e presto, aveva un piatto d'autore.

La possibilità di essere creativi in ​​questo modo è stata una parte importante del motivo per cui Jeremy e Deanie hanno firmato con Ubuntu quando Lawrence ha chiamato. Hanno colto al volo la sfida di creare una cucina unica, per far parte di una filosofia che vede la cucina e il cibo come legati a una vita comunitaria più ampia. A Ubuntu, potrebbero anche aiutare a influenzare e sviluppare il crescente movimento verso una cena meno incentrata sulla carne.

Lawrence vive sulla collina di Ubuntu, ed è il suo vasto orto che fornisce la maggior parte dei prodotti del ristorante, il resto proviene da agricoltori locali. Nell'orto biologico di Lawrence, le colture vengono coltivate secondo metodi biodinamici, che trattano le piante come parte di un insieme vivo e autosufficiente. Vengono accuratamente selezionati, disposti in letti adiacenti e ruotati per mantenere sano il terreno. Il personale di cucina lavora nell'orto una mattina alla settimana, portando i prodotti al ristorante per pulirlo, quindi restituendo gli scarti di compost in modo che possano nutrire il terreno.

Jeremy e Deanie mi hanno parlato della costante ispirazione che ricevono dall'essere circondati da frutta e verdura così straordinarie. Ad esempio, cucinano con meno burro e più succhi ed essenze vegetali. E poiché spremere prodotti freschi per le salse lascia così tanta polpa, che di solito viene gettata nel compost, hanno iniziato a disidratare la polpa, riducendola in polvere e, insieme all'olio d'oliva e alle noci tritate, usarla per aromatizzare le salse. Jeremy mi ha detto che gli piace anche servire quella mistura di polpa, che chiama "terreno", in piccoli mucchietti in cui si può intingere una punta di asparagi o arrotolare un boccone di cavolo rapa.

Non è stato fino a quando Alix e io stavamo per iniziare il nostro pasto che mi sono reso conto che, più della vergogna o dell'incertezza, ciò che provavo di più quando contemplavo la cucina con le verdure era la paura. Temevo la mia ignoranza e i miei pregiudizi, e peggio ancora, ciò che i miei appetiti rivelano di me. Non è che mi alzo dal letto per divorare pinte di gelato nel buio della notte, ma sono sicuro che niente di semplice e fresco soddisferà mai la mia fame di base.

Sono arrivati ​​gli antipasti. Mentre mordicchiavo una mandorla spolverata di lavanda, ho guardato in basso su un piatto di asparagi che erano stati tagliati in varie forme e separati con fette chiare di chèvre e piccole fossette verde brillante di salsa nori, che era come una maionese di alghe secche. Il piatto era quasi troppo carino per disturbare ma troppo gustoso per non essere toccato. C'era anche un piatto di ravanelli affettati di vari colori, disposti tra mucchietti di funghi neri tritati che Jeremy chiamava "caviale", che sapevano meno di sale e più dell'orto. Ho preso un boccone di asparagi e ho provato una fetta di ravanello bianco sottilissimo con un po' di chèvre. La luce nella stanza era dorata e rosa, la mia bocca era salata e dolce e la mia lingua sembrava essersi svegliata. Queste erano verdure che riconobbi, ma avevano un sapore che non conoscevo. I sapori erano una sorpresa, una seduzione.

"Potrebbe non mancare troppo la carne", ho iniziato a pensare. Ho assaggiato un altro ravanello viola. Ne avevo mai avuto uno prima? Ho sorseggiato un po' di vino e ho provato più salsa nori. Come è stato realizzato? potrei farla a casa? Potrebbe valere la pena provare. Ho voluto far scorrere la punta delle dita su ogni piatto, per gustare il caviale di funghi con gli asparagi o con l'insalata di pomodori cimelio, profumata di ginepro e basilico, che era appena stata apparecchiata sulla nostra tavola.

Mi sono sempre piaciute le barbabietole, e quelle di Ubuntu erano disponibili in una mezza dozzina di colori, fresche, dolci, con uno schiocco piacevolmente amaro, e tagliate in piccoli quadrati tritati così finemente da formare un mosaico di colore e intensità.

"Non sapevo che le barbabietole potessero avere questo sapore!" L'ho detto alla donna che ha portato il piatto.

Ho iniziato a sognare ad occhi aperti di tornare per il cavolfiore in una pentola di ghisa, una delle specialità di Jeremy, o la focaccia cotta nel forno a pietra di Ubuntu e inondata di rucola e pecorino tartufato.

I dessert hanno eguagliato gli antipasti in complessità e sorpresa: abbiamo avuto un semifreddo al cioccolato bianco intensamente cremoso ravvivato con limone Meyer, una cheesecake alla vaniglia condita con amarene e servita in un barattolo e fragole arrostite abbinate a ghiaccio di anguria, semifreddo al lime e fiori commestibili. Jeremy mi ha detto che i galleggianti vegani di Deanie (intrugli sublimi come il sorbetto alla crema di sorbetto con soda di barbabietola all'ibisco, agrumi e lamponi) sono un grande successo tra gli chef carnivori che vengono al ristorante. Li amano.

Il cibo di Ubuntu deve essere assaporato lentamente, osservato e gustato di nuovo. Questo è cibo che mette la testa indietro e i piedi su, prenditi il ​​tuo tempo e chiudi gli occhi, e questo lo capisco perfettamente.

Ubuntu mi ha convertito? Sono andato a casa a buttare via tutti i libri di cucina del mio amante della carne e ho iniziato a coltivare ravanelli viola in contenitori nel cortile? No. Quello che Ubuntu ha fatto per me è stato lavare via parte del peggio della mia colpa e paura, e lasciarmi iniziare a contemplare l'idea di cucinare un pasto senza carne senza mettermi in imbarazzo. Mi ritrovo a pensare in un modo nuovo alle verdure, molto meno puritano e più avventuroso. Quando vedo qualcosa di misterioso e frondoso al mercato degli agricoltori, non mi allontano. Lo raggiungo. Sperimento—evitando le verdure avvolte nella plastica quasi insipide del supermercato e scegliendo prodotti nuovi, teneri e coltivati ​​lungo la strada.

Ciò che Ubuntu mette in mostra è uno stile di cucina innovativo che accoglie la sperimentazione e il gusto fresco delle verdure non inzuppate di salse o messe da parte come un ripensamento. Questa cottura rallenta il pasto. "Non abbiate fretta", sussurrano questi piatti. "Prenditi il ​​tuo tempo." Questo cibo ti tiene in posizione come un buon allungamento yoga e ti fa sentire parte di qualcosa di più grande dell'appetito. Pensa a cosa stai mangiando e a dove ti trovi. Renditi conto di quanto sia unico questo ravanello pepato, quanto sia sorprendente il contrasto tra tre o quattro tipi di verdure fresche.

Per qualcuno come me che è sempre stato di fretta, troppo spesso in ritardo e troppo incline a ignorare ciò che sta accadendo in questo momento, è come un momento di preghiera, o una ripresa di quel vecchio mantra californiano "Sii qui ora. "


Guarda dentro Palizzi Social, l'unico ristorante per i membri di Filadelfia

Lo chef Joey Baldino fa rivivere un ritrovo italiano della vecchia scuola per una nuova generazione.

Alle 18 precise ogni giovedì fino alla domenica, lettere al neon rosse lampeggiano alla vita sopra la porta di vetro di una casa a schiera senza pretese a South Philadelphia. Questo è il tuo segnale. Suona il campanello d'ottone e mostra la tua tessera per l'ispezione.

Al Palizzi Social Club, questo speakeasy in due fasi non è una sciocchezza, è uno standard dal 1918, quando gli immigrati di Vasto, un villaggio di mare in Abruzzo, fondarono il locale. "Era un locale fumoso dove si poteva giocare a carte e bere", dice Joey Baldino, il cui zio Ernest Mezzaroba ha iniziato a dirigere il club negli anni '50. “Ma era anche un sistema di supporto per la comunità.”

Da bambino, Baldino bazzicava in cucina, vendendo panini con l'arrosto di maiale dopo la messa la domenica. Ha continuato a passare 10 anni al veterano italiano Vetri di Filadelfia prima di aprire il suo ristorante siciliano, Zeppoli, nel tranquillo sobborgo
di Collingswood, New Jersey. Divenne rapidamente un cult tra gli chef locali. Ma Baldino ha sempre mantenuto uno stretto legame con Palizzi, anche quando la cultura dei social club italiani della zona è svanita. “La tradizione stava morendo,” dice Baldino𠅎 anche suo zio. “Quando mi ha chiesto di subentrare, ne sono stato onorato.”

Così, dopo aver dato a Palizzi una sottile rinfrescata del 21° secolo, Baldino lo ha riaperto lo scorso inverno, con un menu ispirato alla cucina casalinga di sua madre e della nonna. Ha scavato a fondo nella scatola delle ricette di famiglia, portando le sue abilità culinarie al servizio di cibi che toccano le corde del cuore: il fritto misto è una trippa leggera come una piuma viene brasata in salsa di pomodoro sfumata alla cannella petali di carciofo sono farciti con ripieno di limone e cosparsi di pecorino salato Romano. Ha riscritto la carta obsoleta di Palizzi per essere più inclusiva. Le tessere associative sono disponibili per l'acquisto alla porta ogni sera ($ 20), e c'è sempre spazio per gli affamati amici del settore di Baldino. In una recente domenica sera, Michael Solomonov di Zahav è arrivato per granchi e spaghetti. In un altro era il talento locale di sushi Jesse Ito di Royal Izakaya. Una notte Questlove si è fermato per un assaggio dei classici stromboli di Baldino. ” Voglio esporre le persone alla mia eredità,” Baldino. “Questo è il mio quartiere. Ecco come sono stato cresciuto.”

A parte lo statuto, Baldino è cambiato molto poco. Ha resuscitato un vecchio distributore di sigarette e ha aggiornato il bar, introducendo cocktail artigianali come un setoso punch al latte Negroni. A causa della sua licenza di club sociale, Palizzi può servire alcolici fino alle 3 del mattino un'ora in più rispetto alla maggior parte dei posti a Philly, raddoppiando la sua popolarità come destinazione post-turno per gli chef. Indugiano fino a tardi, brindando nella stanza rivestita in finto pino, mentre il Boogie Woogie Bugle Boy gorgheggia dagli altoparlanti.

Ma lo spirito di Palizzi è lo stesso di sempre. Caso in questione: Delores Marshall. L'amico di lunga data della famiglia Baldino è un ambasciatore della vecchia guardia. Lavora il pavimento, consegnando piatti di sfingi, ciambelle con zucchero a velo e piantando baci sulle guance dei commensali. Il cibo può essere migliore e le bevande più raffinate, ma al Palizzi, per fortuna, alcune cose non cambiano mai.


Guarda: come realizzare in casa un sambar in stile ristorante (ricetta video all'interno)

Punti salienti

Sambar è uno dei cibi più comuni dell'India meridionale che è un accompagnamento per eccellenza a delizie gustose come idlis, vadas e dosa. Un'umile ciotola di sambar è così ben viaggiata nel sud dell'India che ogni regione del paese ha la sua versione di sambar. Quando stavo viaggiando da Chennai a Kochi, sono stato esposto a due diversi tipi di sambar in questi due posti. Queste due versioni di sambar non erano solo diverse nel loro gusto, ma anche nello stile di renderle diverse. Sebbene non si possa negare che questo curry dell'India meridionale vari entro i confini degli stati meridionali, l'amore per questa delizia dell'India meridionale rimane lo stesso.

Anche se in questo articolo non parleremo della storia e delle diverse versioni di sambar. Impareremo solo l'arte di fare il sambar in casa che troviamo nei ristoranti dell'India meridionale. Per quelli con una forte volontà di cucinare questa fantastica ricetta a casa, ti offriamo una ricetta sambar condivisa dal famoso chef di YouTube Manjula Jain. La ricetta è pubblicata sul suo canale YouTube 'Manjula's Kitchen'.

In questa ricetta, Manjula ha usato toor dal (arhar dal) come base della ricetta. Oltre a questo, ha usato spezie fresche come curcuma, assafetida, peperoncino rosso, semi di senape e semi di cumino con altri ingredienti come semi di fieno greco e foglie di curry. Quindi, senza troppi indugi, impariamo a fare il sambar in stile ristorante a casa.


Guarda un video di questa ricetta:

Ecco come puoi preparare la mia versione di Chicken Masala e, come sempre, commenta qui sotto se ti piace e prova questa ricetta. Inoltre mi piacerebbe vedere i tuoi piatti su Instagram e Facebook, quindi taggami @noreen_picturetherecipe (instagram) e condividili su https://www.facebook.com/PictureTheRecipe/ o semplicemente taggali con #picturetherecipe.


Posizioni delle ricette di Persona 5 Strikers

Se fornisci a Joker una varietà di ricette e ingredienti, può cucinare pasti deliziosi per te. Le ricette in Persona 5 Strikers vengono acquisite in diversi modi:

  • Gli amici possono darti ricette in orari specifici in luoghi specifici.
  • Ricette di premi per la progressione della storia.
  • Le ricette vengono date come ricompense per il completamento delle richieste.
  • Possono anche essere acquistati nei negozi di tutte le città che visiti.

Il luogo in cui si presenta la maggior parte delle ricette è il negozio di Sophie. Ma sono un po' costosi laggiù.

Di seguito elencheremo le posizioni di tutte le ricette importanti da raccogliere. Parleremo anche dei benefici di mangiare dette ricette.

Leblanc Caffè e Curry
Joker conosce entrambe queste ricette per impostazione predefinita. Per fare il caffè, tutto ciò di cui hai bisogno sono dei chicchi di caffè e per il curry avrai bisogno di maiale, cipolla e riso.

Il caffè restituisce 20 SP a un alleato quando lo usi. Anche il Curry fa lo stesso ma per tutti gli alleati.

Jingisukan
Potete ottenere questa ricetta da Sapporo. Vai a parlare con Ann a South Suzushino l'11 agosto (il giorno dopo aver ottenuto i 3 nuclei nella prigione di Sapporo). Sophia ti darà la ricetta.

Gli ingredienti di cui avrai bisogno per questa ricetta sono carne di agnello, cipolla e cavolo. Questa ricetta ripristina 40 HP a tutti gli alleati quando la mangi.

Ramen di miso
Questa ricetta è venduta dal negozio di ramen n. 1 di Sapporo a Suzushino. Costa 850 yen e gli ingredienti richiesti sono farina e miso.

Questa ricetta fornisce 20 HP e aumenta il critico/agilità a tutti gli alleati quando la mangi.

Ciotola di frutti di mare
Questa ricetta è venduta dal ristorante Roe, Urchin e Crab di Suzushino per 1.000 yen. Gli ingredienti necessari per questa ricetta sono tonno, salmone e riso.

Questa ricetta ripristina 20 SP e aumenta la difesa di tutti gli alleati quando la mangi.

ciotola di salmone
Questa ricetta è venduta da Café Blue a Sendai Mt. Aoba Park per 900 yen. Gli ingredienti necessari per questa ricetta sono salmone e riso.

Questa ricetta ripristina 20 HP per tutti gli alleati quando la mangi.

Gyutan
Questa ricetta si trova presso il negozio Gyutan nella stazione di Sendai, a est del Monte. Ingresso al Parco Aoba

Curry di Kyoto
Questa ricetta può essere ottenuta dopo aver completato la Storia fino al 14 agosto

zuppa di capra
Questa ricetta è disponibile ad Okinawa presso il negozio Fukuhara Bento.

Okinawa Soba
Questa ricetta è disponibile ad Okinawa presso lo stand delle bevande nell'area della spiaggia

Goya Chanpuru
Questa ricetta è disponibile ad Okinawa. Devi parlare con Futaba dopo aver terminato la prigione il 18 agosto.

Pentola calda di granchio
Questa ricetta è disponibile a Osaka al ristorante Dotonbori Crab.

Sushi di Osaka
Questa ricetta è disponibile a Osaka presso il ristorante Sushi all'estremo ovest della via dello shopping Dotonbori.

Okonomiyaki
Questa ricetta è disponibile a Osaka presso il negozio Okonomiyaki di Shinsekai.

Kushikatsu
Questa ricetta è disponibile a Osaka. Devi parlare con Yusuke a Shinsekai il 24 agosto prima di entrare in prigione.

Obanzai
Questa ricetta è disponibile a Osaka. Devi seguire la richiesta "Cucinare papà" e fare anche tutte le richieste correlate per ottenere questa ricetta.

Churrasco
Riceverai questa ricetta come ricompensa dalla richiesta "Correzione corso dipendente"

Mastro Curry
Riceverai questa ricetta dopo la partita come ricompensa per la richiesta "Sfida speciale di un ladro".

Caffè Maestro
Riceverai questa ricetta dopo la partita come ricompensa per la richiesta di trovare il desiderio nascosto nel dungeon finale.


Guarda il video: Bergaduh di dalam restoran, habis jahanam brg restoran


Commenti:

  1. John

    Mi sono allontanato da esso la domanda

  2. Arashikree

    Giusto, parteciperò.

  3. Prewitt

    Bravo, che parole ..., idea brillante

  4. Gorlois

    wonderfully, very valuable message

  5. Pepe

    Messaggio meraviglioso, ottimo

  6. Baigh

    Capisco questa domanda. Considereremo.



Scrivi un messaggio