acetonemagazine.org
Nuove ricette

Alzando l'asticella: Sam Ross

Alzando l'asticella: Sam Ross


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Per i fan della cultura dei cocktail di New York, 134 Eldridge Street è un luogo consacrato. È stato qui, nel 2000, che Milk & Honey di Sasha Petraske ha presentato per la prima volta a molti di noi i bianchi d'uovo, sciroppo di miele, jumbo ice e il moderno speakeasy. E negli ultimi sette anni, l'affascinante e talentuoso barista australiano Sam Ross ha gestito l'abbeveratoio.

Si è fatto le ossa nel cocktail bar seminale Ginger di Melbourne, che ha aperto con sua madre e sua sorella. Dopo tre anni, arrivò a New York e si unì al fiorente impero di Petraske, aiutando ad avviare Little Branch e l'East Side Company Bar. Allo stesso tempo, faceva i turni anche al Pegu Club, il leggendario stabilimento di Audrey Saunders.

Anche dopo essersi trasferito a Milk & Honey, Ross è riuscito a creare programmi di bevande presso Comme Ça a Los Angeles e Las Vegas, assistendo anche al lancio di Noble Experiment a San Diego. E i suoi sforzi sono stati riconosciuti con una serie di I racconti del cocktail Nomination allo Spirited Award e il premio 2011 per American Bartender of the Year.

Ross impone rispetto per la sua padronanza e dedizione alle ricette classiche. Chiedigli di prepararti un drink e probabilmente otterrai un Manhattan, Negroni o Daiquiri - molto probabilmente il migliore che tu abbia mai assaggiato. "Non hai nessun posto dove nasconderti quando si tratta di cocktail classici", dice. "Con le bevande a tre ingredienti, è lampante se la bevanda non è stata eseguita correttamente".

Con Milk & Honey che si prepara a trasferirsi nella 23rd Street entro la fine dell'anno, 134 Eldridge sarà ristrutturato da Ross e dal socio in affari Michael McIlroy, ampliando lo spazio notoriamente piccolo per ospitare due baristi. Anche se il nome cambierà in Attaboy, il menu non scritto e la devozione agli standard rimarranno.

"Abbiamo raffinato e plasmato queste bevande insieme per otto anni e questo posto significa molto per molte persone", afferma Ross. "I cocktail classici sono la nostra borsa."

Clicca qui per la ricetta Penicillan di Sam Ross.

Questa storia è stata originariamente pubblicata su Raising the Bar: Sam Ross. Per altre storie come questa, iscriviti a Liquor.com per il meglio di tutti i cocktail e gli alcolici.


Come l'aereo di carta è diventato un classico moderno

Se ti è capitato di frequentare The Violet Hour di Chicago durante l'estate del 2008 e ti sei procurato un menu, potresti avere un raro oggetto da collezione tra le mani. Lì, sotto la sezione whisky, c'è una bevanda con bourbon, succo di limone, Amaro Nonino e Campari. Si chiamava L'aeroplano di carta.

Se quella specifica ti ricorda una bevanda più nota chiamata Paper Plane, fatta con Aperol invece di Campari, c'è una ragione.

Toby Maloney, che ha contribuito all'apertura di The Violet Hour, ha chiesto al barista Sam Ross, con cui aveva lavorato al Milk & Honey di New York, di creare un cocktail originale per il bar di Chicago. Ross ha inventato un drink che ha chiamato Paper Plane, dopo una canzone di M.I.A. (Il nome della melodia è in realtà "Paper Planes".) Ross, che vive a New York, ha trasmesso la sua ricetta tramite un "messaggio vocale delle 3 del mattino leggermente ronzante". Quando Maloney ha riprodotto il messaggio, ha sentito male il nome come "The Paper Airplane".

La bevanda servita per la prima volta al The Violet Hour conteneva Campari che era non un fraintendimento. L'aperitivo italiano era originale della bevanda che Ross concepì come un riff in parti uguali di Last Word, il cocktail pre-proibizionismo che fu resuscitato negli anni dal barista di Seattle Murray Stenson. Ross ha combinato il Campari con succo di limone come elemento agrumato, bourbon come spirito e Amaro Nonino, che Ross aveva scoperto di recente, come parte erbacea dell'equazione. Ma due giorni dopo, stava avendo dei ripensamenti.

"L'ho provato di nuovo e la bevanda non era del tutto equilibrata", ricorda Ross. “Era leggermente troppo amaro e la dolcezza non c'era. Mi sono subabbonato ad Aperol e sono stato subito soddisfatto del risultato”.

Così è nata l'aranciata brillante che ha conquistato il mondo (e una città canadese in particolare) ispirando i suoi riff, una maglietta e persino il nome di un bar.

The Paper Plane ha ottenuto il suo vantaggio iniziale perché è stato promosso contemporaneamente in importanti cocktail bar in due città. A The Violet Hour, è diventato rapidamente uno dei preferiti. "La gente lo ordina ancora oggi", dice Maloney, "alcuni anche con il Campari originale". (Per la cronaca, Maloney preferisce la versione originale di Campari, che considera "una partita di football australiana trasformata in un cocktail: caotica, ma strutturata".) Nel frattempo, Ross ha iniziato subito a servirla al Milk & Honey e al Little Branch di New York. .

Ben presto, Toronto si è unita al fan club.

Ricetta correlata

Aereo di carta

Il classico moderno in parti uguali di Sam Ross.

"La maggior parte dei baristi di cocktail in Canada ha sicuramente notato il Paper Plane tra il 2009 e il 2012", afferma Robin Goodfellow, che ha lavorato al Czehoski di Toronto quando ha mescolato per la prima volta il drink nel 2010. Nel giro di pochi anni, ha fatto il salto ai ristoranti. Secondo Goodfellow, le persone che avevano familiarità con la bevanda per reputazione hanno iniziato a ordinarla, senza nemmeno sapere cosa contenesse. "Chi non vorrebbe un Cosmo bourbon?" chiede Goodfellow, riferendosi alla tonalità rosata della bevanda.

Ross ha scoperto l'affetto del Canada per la bevanda nel 2014, quando usciva con una donna di Toronto. "Ogni volta che venivano ordinate le scelte del barista", ricorda, "uscivano aerei di carta".

Che l'aereo di carta prendesse il volo era prevedibile. Ross lo ha creato con questo scopo in parte in mente. Voleva inventare una bevanda che non fosse solo equilibrata e deliziosa, ma anche semplice, basata su quattro ingredienti facilmente reperibili e che non richiedessero sciroppi o infusi speciali. In altre parole, un cocktail che potrebbe essere preparato in qualsiasi posto con un backbar decente oa casa. La bevanda non ha nemmeno una guarnizione. (Per quanto riguarda il più oscuro dei quattro ingredienti, l'Amaro Nonino, il Paper Plane ha contribuito a renderlo noto. "Grazie a Sam Ross, ora l'Amaro Nonino è un must in ogni cocktail bar", afferma Elisabetta Nonino.)

Proprio come The Last Word ha ispirato un centinaio di riff, il Paper Plane ha generato la sua quota di sour in parti uguali, tra cui l'Amen Corner di Nick Brown (bourbon, Aperol, Amaro Nonino e menta) e, forse il più famoso, Naked and Mint di Joaquín Simó Famoso (mezcal, Chartreuse gialla, Aperol e succo di lime), che è diventato un cocktail classico moderno a sé stante.

Simó stava già armeggiando con una variazione dell'Ultima Parola quando ha provato per la prima volta un Paper Plane al Milk & Honey. "Provare l'aeroplano di carta per la prima volta mi ha fatto ripensare ai possibili candidati per un sostituto del maraschino, poiché ero rimasto bloccato in un solco iniziale di liquori monogusto: curaçao, genziana, eccetera", spiega Simó. “Ho rivolto la mia attenzione a liquori più complessi come Aperol, Campari, Pimm's, Cynar e Montenegro. Il matrimonio Chartreuse giallo-Aperol è stato un grande successo e da lì è stato solo trovare il mezcal giusto.

Le variazioni sono tutte buone e buone, ma sai che il tuo drink ha davvero raggiunto il successo quando un bar prende il nome da esso. Ciò è accaduto quando i partner George Lahlouh, Dan Phan e Johnny Wang hanno aperto Paper Plane a San Jose nel 2014. L'ispirazione è arrivata durante un viaggio di ricognizione di un bar a New York, che includeva un giro di Paper Planes al cocktail bar di Manhattan Raines Law Room.

"Abbiamo tutti adorato il cocktail", ha detto Lahlouh, "e il nome si addiceva al fatto di essere oscuro, foneticamente divertente da dire e con un po' di eleganza". Inoltre, era una maniglia adatta per un bar che intendeva concentrarsi sui cocktail classici moderni.

Attaboy, il bar del Lower East Side che si è evoluto da Milk & Honey, è andato oltre la miscelazione della bevanda per rafforzare la notorietà del cocktail. Nel 2019, il bar ha collaborato con il produttore di abbigliamento ambsn per produrre una maglietta Paper Plane. Il risultato – maniche corte, rosa, con un design fatto di piccoli cocktail e aeroplanini di carta – è stato offerto tramite l'account Instagram di Attaboy durante le prime settimane della pandemia. Lo stock è andato esaurito in una settimana.

Oggi, l'aereo di carta ha raggiunto un tale livello di popolarità che, 13 anni dopo la sua creazione, ha iniziato a sollevare la domanda: è ora Di più popolare dell'altro cocktail classico moderno di Ross, la Penicillina?

"Penso ancora che la penicillina sia più popolare, ma in realtà sono più orgoglioso dell'aeroplano di carta per la sua semplicità, prelibatezza e unicità", afferma Ross. "Non avevo mai avuto niente che avesse un sapore simile prima di questo drink."


La ricetta di stasera: penicillina. (Sì, come nel cocktail.)

La Penicillina è un classico moderno creato dal barista Sam Ross. Fa il suo con whisky single-malt e blended in questo giro casalingo, sto chiedendo qualunque whisky tu abbia. Anche se fare uno sciroppo può sembrare complicato, ci vogliono solo pochi minuti. Una volta che hai lo sciroppo di zenzero e miele in frigo, puoi fare le variazioni analcoliche di seguito per una dose di benessere in qualsiasi forma, in qualsiasi momento.

I bar sono chiusi durante le restrizioni del coronavirus, ma puoi preparare cocktail a casa usando l'attrezzatura da cucina di base per mescolare le bevande. Continua a leggere per i nostri suggerimenti.


Alzando l'asticella: Sam Ross - Ricette

Nuova musica da Rapporto Randy Clean Bandit preferito con Julia Michaels, "I Miss You".

La sofisticata vulnerabilità di Julia Michaels alla voce (e alla scrittura dei testi) si adatta perfettamente alla brillante produzione di Clean Bandit.

Clean Bandit ha anche annunciato le date del tour 2018 con l'uscita di "I Miss You". Trova le date del tour e altro qui.

Raccolta delle notizie: 30 ottobre 2017

(tramite Instagram)

Alcune notizie che potresti esserti perso:

• Woofy Alex Abramov e i suoi amici ti augurano un Halloween spaventoso da orsetto (sopra). E quelle sono delle sculture di zucca davvero fantastiche, no?

• Poche ore dopo Star Trek: Scoperta la star Anthony Rapp accusata Castello di carte star Kevin Spacey di avance sessuali indesiderate quando Rapp aveva 14 anni nel 1986, Netflix ha annunciato la cancellazione di Castello di carte dopo l'imminente sesta stagione a metà del 2018.

• Colton Haynes sta condividendo le foto del suo matrimonio del fine settimana con lo stilista Jeff Leatham tramite Instagram (sotto).

Colton Haynes e Jeff Leatham

• La polizia egiziana sta usando Grindr per attirare uomini gay negli hotel e arrestarli.

• Kenneth-in-the-212 dimostra cosa rende buone le linee "di testa".

• I legislatori conservatori in Australia affermano che potrebbero tentare di ritardare la legalizzazione dell'uguaglianza matrimoniale se la parte del "sì" dovesse vincere come previsto.

• A quanto pare, Thor: Ragnarok la star Chris Hemsworth "vuole essere Chris Pratt". Penso che siamo fortunati ad avere sia Chris che Pine ed Evans :)

Hong Kong scelta per ospitare i giochi gay del 2022

Hong Kong sarà la prima città asiatica ad ospitare i Gay Games avendo vinto il diritto di presentare l'undicesima edizione dell'evento atletico LGBT nel 2022.

Hong Kong è stata una delle tre città finaliste, insieme a Guadalajara, Messico e Washington D.C.

È la seconda volta che una città al di fuori del Nord America e dell'Europa ospiterà l'evento quadriennale e la prima volta che una città dell'Asia è stata selezionata come ospite. La FGG si è impegnata per la diversità e l'espansione al di fuori del Nord America e dell'Europa con fondi di borse di studio e altri sforzi. La selezione della città cinese rafforza questo impegno.

I Gay Games sono iniziati nel 1982 a San Francisco da un'idea dell'ex olimpionico Tom Waddell, che stava cercando di colmare il divario tra la comunità LGBT e il mondo dello sport. Le città ospitanti in passato sono state Vancouver, New York, Amsterdam, Sydney, Chicago, Colonia e Cleveland.

Gay Games X si svolgerà a Parigi il prossimo agosto. Gli organizzatori si aspettano circa 10.000 partecipanti in 36 sport. Se sei interessato a partecipare, visita il sito Web di Parigi 2018.

Sondaggio Gallup: il rating di approvazione di Trump precipita a un nuovo minimo

Clicca sull'immagine per ingrandirla
Non è una bella giornata a Trump Land.

Oltre a tre consiglieri di Donald Trump incriminati dall'indagine del consigliere speciale Robert Mueller e al divieto proposto da Trump di bloccare i membri del servizio militare transgender da un giudice federale, ci sono altre cattive notizie per Trumpster poiché il sondaggio Gallup Tracking mostra che il presidente ha colpito un minimo storico nel suo indice di gradimento nel sondaggio.

I risultati di oggi mostrano che Trump con un triste indice di approvazione del 33%, il suo indice di disapprovazione è salito al 62%.

In questo giorno del 2009, il primo anno del presidente Obama alla Casa Bianca, il suo indice di gradimento era del 55% con solo il 40% di disapprovazione.

Il giudice federale blocca il divieto di Trump ai membri del servizio militare transgender

Un giudice federale ha effettivamente bloccato la proposta di divieto di Donald Trump sui membri del servizio militare transgender nell'esercito affermando che il divieto era "guidato dal desiderio di esprimere disapprovazione nei confronti delle persone transgender in generale".

Il 26 luglio Trump ha rilasciato una dichiarazione via Twitter annunciando che "il governo degli Stati Uniti non accetterà o consentirà a persone transgender di prestare servizio a qualsiasi titolo nelle forze armate statunitensi". autorizzandone il discarico entro il 23 marzo 2018.

In un caso federale, un giudice ha affermato in un parere del 30 ottobre che le direttive del presidente non sono genuinamente basate su legittime preoccupazioni relative all'efficacia militare o ai vincoli di bilancio, ma sono invece guidati dal desiderio di esprimere disapprovazione nei confronti delle persone transgender in generale.

Prima del memorandum presidenziale del 25 agosto, il Dipartimento della Difesa aveva annunciato che gli individui apertamente transgender sarebbero stati autorizzati ad arruolarsi nell'esercito, a partire dal 1 gennaio 2018, e aveva vietato il congedo dei membri del servizio basato esclusivamente sulla loro identità di genere, il corte riassunta.

L'annuncio originale di Trump sul divieto per le persone trans è arrivato tramite Twitter quest'estate:

Anthony Rapp: Kevin Spacey ha fatto progressi sessuali verso di me all'età di 14 anni

Kevin Spacey (sinistra) Anthony Rapp (destra)
Anthony Rapp, star di Broadway AFFITTO e attualmente CBS All Access' Star Trek: Scoperta, ha condiviso una storia vecchia di decenni secondo cui l'attore Kevin Spacey una volta ha cercato di sedurre Rapp quando aveva 14 anni.

I due attori apparivano entrambi a Broadway in quel momento, Spacey in Il lungo viaggio di un giorno nella notte e Rapp in Preziosi Figli.

Spacey, all'epoca di 26 anni, aveva incontrato Rapp in diverse celebrazioni post-spettacolo all'inizio della stagione dei premi e aveva invitato Rapp a una festa a casa sua.

Rapp è andato alla festa da solo, ma dopo aver realizzato che non c'erano altre persone della sua età presenti, si è ritrovato da solo a guardare la TV in una camera da letto.

Buzzfeed ha il seguente account di Rapp:

Ad un certo punto, Rapp ha detto che si è girato e ha visto Spacey in piedi davanti alla porta della camera da letto. E fu allora che si rese conto per la prima volta che tutti gli altri avevano lasciato la festa. Erano soli.

“Il mio ricordo era che pensavo, oh, se ne sono andati tutti. Be', sì, forse dovrei andare a casa», disse Rapp. Spacey, ha ricordato, "stava in piedi sulla soglia, come ondeggiando. La mia impressione quando è entrato nella stanza è stata che fosse ubriaco.” Rapp non ricorda che Spacey gli abbia detto niente. Invece, ha detto Rapp, “Mi ha preso in braccio come uno sposo prende la sposa oltre la soglia. Ma all'inizio non mi contorco, perché sono tipo, 'Cosa sta succedendo?' E poi si sdraia sopra di me

“Stava cercando di sedurmi,” Rapp. “Non so se avrei usato quella lingua. Ma ero consapevole che stava cercando di ottenere con me sessualmente

Rapp ha ricordato tutto ciò che è accaduto: Spacey è apparso alla porta, è entrato nella stanza, lo ha preso in braccio e lo ha messo sul letto in un'azione goffa, con Spacey che atterrava leggermente inclinato sopra di lui. Ha detto che Spacey "stava tipo premendo contro di me," e che ricorda che Spacey "stringeva le braccia". è stato in grado di “contorcersi” via dopo un breve periodo.

"È stato un momento congelato", ha detto Rapp dell'intero incontro, con un profondo sospiro esasperato. “In termini di lotta o fuga o congelamento, tendo a congelarmi.”

Dopo aver allontanato Spacey da lui, Rapp si ricordò di essere riuscito a entrare in bagno e chiudere la porta. "Ero tipo, 'Cosa sta succedendo?'”, ha detto. “Ho visto sul bancone accanto al lavandino una foto di lui con un braccio attorno a un uomo. Quindi penso che a un certo livello ero tipo, oh . È gay. Immagino. Poi ho aperto la porta e ho pensato: "Ok, ora vado a casa". Mi ha seguito fino alla porta d'ingresso dell'appartamento, e quando ho aperto la porta per andarmene, era appoggiato alla porta d'ingresso [frame]. E mi ha detto, 'Sei sicuro di voler andare?' Ho detto: 'Sì, buonanotte', e poi me ne sono andato".

Mentre tornava a casa, "Mi girava la testa", ha detto Rapp. “Ricordo di essermi voltato e [pensando], che cos'era? Cosa dovrei fare con esso? Cosa significa?”

Rapp afferma che alla luce delle recenti accuse di molestie sessuali sul produttore Harvey Weinstein, si è sentito incoraggiato a parlare della sua esperienza anni fa.

Alcune ore dopo, Spacey ha risposto all'accusa via Twitter in cui ha affermato di non ricordare l'incontro, ma si è scusato con Rapp. Nello stesso messaggio, Spacey, che ha ballato a lungo sulle voci gay, ha scelto questo come il momento per uscire allo scoperto.

"Ma se mi sono comportato come lui descrive, gli devo le più sincere scuse per quello che sarebbe stato un comportamento da ubriaco profondamente inappropriato", ha scritto Spacey.

"Questa storia mi ha incoraggiato ad affrontare altre cose sulla mia vita. So che ci sono altre storie su di me e che alcune sono state alimentate dal fatto che sono stato così protettivo nei confronti della mia privacy", ha continuato. Ha anche riconosciuto pubblicamente per la prima volta che "ora scelgo di vivere da gay".

Il Twitterverse ha trovato oltre il disprezzo che Spacey avrebbe tentato di confondere la storia facendo coming out:

No alla dichiarazione di Kevin Spacey. No. Non c'è nessuna quantità di ubriachi o chiusi che giustifichi o spieghi l'aggressione a un bambino di 14 anni.

&mdash Dan Savage (@fakedansavage) 30 ottobre 2017

Anthony Rapp: "Kevin Spacey ha cercato di violentarmi".

Media: "Kevin come rispondi?"

Spacey: "uuh. uuhh. Ehi a tutti sono gay!" pic.twitter.com/6LAEfsyRtF

Il presidente della campagna Trump Paul Manafort e il suo associato accusati di 12 capi di imputazione tra cui cospirazione contro gli Stati Uniti e riciclaggio di denaro

L'ex presidente della campagna di Trump Paul Manafort

L'ex consigliere per la politica estera della campagna di Trump, George Papadopoulos, si è dichiarato colpevole di aver mentito all'FBI sulle interazioni con agenti stranieri a stretto contatto con il governo russo.

Inoltre, l'ex presidente della campagna elettorale di Trump Paul Manafort e il suo socio di lunga data Rick Gates sono stati accusati di 12 capi di imputazione dal consigliere speciale Robert Mueller.

Nei documenti del tribunale non sigillati lunedì, l'FBI ha affermato che George Papadopoulos "ha falsamente descritto le sue interazioni con un certo contatto straniero che ha discusso di "sporcizie" relative alle e-mail" riguardanti Hillary Clinton.

Inoltre, l'ex presidente della campagna di Trump Paul Manafort e l'ex funzionario della campagna di Trump Rick Gates si sono arresi lunedì al consigliere speciale del Dipartimento di Giustizia Robert Mueller.

Gates, 45 anni, è un socio in affari di lunga data di Manafort, 68 anni, avendo lavorato insieme dalla metà degli anni 2000, ed è stato il suo vice nella campagna. I due sono stati incriminati venerdì sotto sigillo, ha detto una fonte con conoscenza diretta della questione.

Le accuse contro Manafort e Gates non sono correlate alla campagna di Trump, ma la dichiarazione di colpevolezza di Papadopoulos porta l'indagine Mueller in azioni avvenute durante la campagna del 2016.

Papadopoulos ha mentito agli agenti dell'FBI "sulla tempistica, l'estensione e la natura delle sue relazioni e interazioni con alcuni cittadini stranieri che sapeva avere stretti legami con alti funzionari del governo russo", secondo la denuncia. Mueller ha firmato una dichiarazione di 14 pagine in merito al reato di Papadopoulos, che espone i fatti del caso.

L'accusa contro Manafort e Gates contiene 12 capi d'imputazione: cospirazione contro gli Stati Uniti, associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio di denaro, agente non registrato di un mandante straniero, dichiarazioni false e fuorvianti dell'US Foreign Agents Registration Act (FARA), false dichiarazioni e sette capi di imputazione per omessa archiviare segnalazioni di conti bancari e finanziari esteri.

Le spese non coprono alcuna attività relativa alla campagna, anche se è possibile che Mueller possa aggiungere ulteriori spese.

Nota: Papadopoulos è stato arrestato il 27 luglio 2017 e ne sentiamo parlare solo ora. Mentre la Casa Bianca ha tonnellate di fughe di informazioni in corso, l'indagine di Robert Mueller è serrata e bloccata. Nessuna fuga di notizie dalla sua squadra.

Donald Trump ha risposto alle accuse via Twitter dicendo che le azioni annotate nelle accuse di Manafort


Pronto a padroneggiare il tuo bar di casa? Sam Ross ti mostra come

Hai mai desiderato creare il tuo programma di cocktail da urlo? E ti senti come se fossi proprio lì con maestri di cocktail come Julian Cox di Los Angeles (Rivera, Bestia) e Marcos Tello (1886, Invention)? Il barista newyorkese Sam Ross (Attaboy, Milk & Honey) è l'uomo dietro il programma bar “classic cocktail with some tweaks” di Comme Ça che ha preceduto la maggior parte delle nuove e nuove creazioni di Cox, Tello e altri, fornendo loro gli strumenti e la know-how per inventare alcuni dei tuoi drink e bar preferiti in città.

Quindi, mentre Sam era in città questa settimana, ha dato una versione condensata della lezione che fa con i suoi nuovi baristi. Rispetta queste regole e creerai i tuoi classici moderni in pochissimo tempo.

1. Ogni cocktail può essere suddiviso in cinque o sei famiglie di cocktail, proprio come le salse madri francesi. E memorizzare i componenti di base di questi può tradursi in centinaia di bevande. Poiché i bar di Sam di solito non hanno menu di cocktail, è più facile per i suoi baristi ricordare i componenti di base di questi cocktail, come "È un Gin Sour ma con miele anziché zucchero". Un Gin Sour può tradursi in un drink Tom Collins (lungo sul ghiaccio con un po' di soda club) o le 2 once di gin possono essere sostituite con qualsiasi altro spirito per una bevanda diversa.

2. Meno è di più. "Se stai usando un buon alcol, agrumi freschi e buoni modificatori, non è necessario iniziare a fare sei, sette o otto ingredienti in un drink. Sono sicuro che puoi fare una bevanda che ha un buon sapore con così tanti ingredienti. Ma poi non ti stai impegnando abbastanza perché puoi farlo con tre o quattro ingredienti. Con più di otto ingredienti, la bevanda inizierà a essere confusa, "non tutte quelle cose saranno pronunciate".

3. Dì "sì" agli albumi. Le persone normalmente sono schizzinose sull'uso di questo ingrediente, ma conferisce a un cocktail una "consistenza bella, liscia come la seta ed è un agente legante che elimina l'acido e porta tutto in allineamento un po' meglio". Un acido tradizionale contiene albume d'uovo. Non tradizionale è senza. Quindi un "acido non tradizionale con miele" sarebbe un cocktail Bee's Knees.

4. La diluizione è un aspetto molto importante ma spesso trascurato della tua bevanda. Dopo aver agitato o mescolato, aggiungi circa il 30-35% di acqua nella tua bevanda. “Non costruiamo mai bevande sul ghiaccio. Mettiamo il ghiaccio alla fine. Lo stesso vale per l'aggiunta di ingredienti in uno shaker o nel mixing glass. Non appena aggiungi il ghiaccio, inizi quel processo di diluizione e non ne hai più il controllo. Puoi sempre aggiungere acqua a una bevanda, non puoi mai toglierla.”

5. Il fattore 007, o a proposito di mescolato contro scosso. Se riesci a vedere attraverso la miscela di ingredienti (fondamentalmente spirito su spirito come Manhattan e Martini), mescola il cocktail. Bevande come queste dovrebbero essere "grandi e pesanti e avvolgere la lingua, mentre qualcosa come un daiquiri non lo stai solo raffreddando e diluendo, ma lo stai aerando". Quella testa schiumosa di cristalli di ghiaccio e bolle d'aria suona è il "cocktail che ti sorride" e suona sulla tua lingua. Ma non lo vuoi sulla tua Manhattan, che dovrebbe essere un pesante sipper. Agitare solo quando si utilizzano modificatori come albumi d'uovo, panna o succhi di agrumi.

6. Frullato giapponese? Non così tanto. Questa tecnica di agitazione giapponese colpisce tre punti nello shaker all-in-one e si dice che ottenga una bevanda più fredda ma con meno diluizione. "Per me, tremare con un grosso pezzo di ghiaccio e andare bene, il muscolo americano vecchio stile lo fa altrettanto freddo." Sam ha detto che non è mai arrivato al punto di testare le differenze di temperatura prodotte dai due stili, ma sono praticamente simili e non è mai stato abbastanza sbalordito da convincerlo a perfezionare quel frullato giapponese.

7. Non rendere le cose più difficili di quanto dovrebbero essere. "Molte di queste nuove cose sulla mixologia molecolare mi irritano, ma alcune si sono dimostrate utili", ha detto Sam. “Mi piace l'uso dell'azoto liquido. Penso che sia una tecnica davvero efficace, specialmente visivamente è così attraente quando raffreddano una coupé con azoto liquido sulla parte superiore del bar. Ma chiarire gli agrumi e questo genere di cose? Amico, è bello vedere un daiquiri che è perfettamente chiaro ma ha ancora lo stesso sapore. Quindi è un po' una perdita di tempo".

8. Usa una grande roccia per rallentare la diluizione. “Quando il liquido è in contatto con la superficie del ghiaccio, lo sta sciogliendo. Quindi una grande roccia ha molta meno superficie con cui il liquido è in contatto rispetto, ad esempio, a molti pezzi di ghiaccio più piccoli”.

9. Un Old Fashioned dovrebbe essere servito "caldo", significa sottostimato e il primo sorso sarà molto forte. Il cocktail è un sipper che richiede tempo per essere gustato e ha bisogno di addolcirsi. Non mescolarlo con ghiaccio in un mixing glass e poi filtrarlo con ghiaccio in un bicchiere: "Quando lo prendi, sarà fantastico ma poi non avrai abbastanza tempo per gustarlo alla sua velocità di diluizione ottimale .”

10. Lascia che la bevanda attacchi le tue narici. Pensa agli amari in un Old Fashioned, alla cannella su un Pisco Sour o a una nebulizzazione di Islay sul cocktail Penicillin di Sam. "L'80% del palato proviene dal naso e questo è fondamentalmente l'aromatico seduto in cima alla roccia". Ecco perché in un Old Fashioned Sam ama esprimere gli oli (spremere la buccia) sulla bevanda, "Mi piace molto la luminosità. La combustione degli oli è un bel trucco, caramella quell'olio. Ma le bucce di agrumi in cima all'Old Fashioned vogliono essere un contrasto tra la pesantezza che è il whisky. Vuoi una contraddizione con il resto della bevanda come prima nota che senti”.

Bonus:
Ecco la ricetta del cocktail di Sam per un nuovo drink che gli piace gustare con un hamburger. È perfetto per l'estate.
Stinger di mezzanotte
di Sam Ross di Comme Ça/Hinoki & The Bird
● oz limone
● oz sciroppo semplice
● 1 oncia di bourbon
● 30 g di Fernet Branca
Aggiungere gli ingredienti in un mixer. Versare su un bicchiere colmo di ghiaccio tritato. Guarnire con un rametto di menta.

Per ulteriori informazioni sulle tecniche di Sam Ross, dai un'occhiata alla sua app per iPhone / iPad chiamata Bartender's Choice ($ 2,99)


Nuove uscite indie crime: settimana del 2 giugno

Danny Zelko, 13 anni e 14 anni, ha bisogno di liberarsi del fidanzato di sua madre, Harry. Il ragazzo è un cretino. Beve troppo, chiude Danny fuori di casa, entra in faccia a Danny e lo chiama Danielle.

Ovviamente tutti danno la colpa a Danny. È colpa sua se a scuola fa a botte. È colpa sua se non riesce a controllare la sua rabbia. È colpa sua se Harry è un tale idiota. Danny non è un bambino così cattivo, ha il suo giardino, prepara la sua cena, porta anche fuori la spazzatura e chiude la casa senza che gli venga chiesto. Tutto ciò che vuole è che sua madre sia come era una vera madre che si comportava come tale. Perché Harry la rende stupida. Quando lo circonda, si dimentica dei suoi figli. Scompare con lui, non difende il proprio figlio. E la prospettiva di passare un altro giorno con quest'uomo fa sentire Danny impotente e distrutto.

Così, quando la sorella di Danny, Lisa, rivela che Harry e la loro mamma si stanno per sposare, Danny, che non si fa mai tremare, decide di fare qualcosa. Esatto, in un modo o nell'altro, si libererà di Harry.

Ambientato nel 1983, nel New Jersey, Sette modi per sbarazzarsi di Harry è pieno di amici e nemici di Danny, alcune scazzottate, crepacuore e furia, e anche un po' di umorismo.

Elogio per SETTE MODI PER ELIMINARE HARRY:

“Seven Ways to Get Rid of Harry è un viaggio nostalgico commovente verso i tredici anni negli anni '80 che ha anche un morso tagliente. Tira le corde del tuo cuore mentre ti fa ridere ad alta voce. Il tentativo di sbarazzarsi del ragazzo malvagio di tua madre non è mai stato ritratto in modo così affascinante. Assolutamente da leggere!” –Lee Matthew Goldberg, autore della serie The Mentor and the Desire Card

“Jen Conley mi ha riportato alla mia infanzia con questo avvincente debutto. Danny Zelko combatte con il fidanzato violento di sua madre tra l'impotenza, la confusione e le amicizie tumultuose della sua tredicesima estate formativa. A volte straziante, spesso divertente, questa è una lettura fantastica e necessaria per chiunque voglia capire com'è per i ragazzi in quella fase liminale, di fronte alla sfida di un cattivo modello.” –Thomas Pluck, autore di Bad Boy Boogie

“Pochissimi scrittori possono fare quello che fa Jen Conley, trovando il perfetto equilibrio tra voce, personaggio e ambientazione. Ma la competenza tecnica non è ciò che rende il libro così speciale. La sua storia di un ragazzino incasinato che impara a vivere senza suo padre è straziante, pieno di speranza, a volte esilarante, ma soprattutto potente. Questo libro sarà inserito nella sezione YA, ma è molto di più. Forse è perché, con questo libro ambientato nel 1983, Danny Zelko sarebbe nato lo stesso anno in cui sono nato io. Forse è perché anche io ho avuto problemi con l'autorità, mi sono adattato e ho amato tutte le cose dei Pink Floyd. Tutto quello che so è che non riuscivo a mettere giù il libro. La storia e i dialoghi sono sorprendentemente autentici e la prosa scorre veloce. Per lo più, però, volevo solo abbracciare il ragazzo e dirgli che, sì, tredici fa schifo e, no, non mentirò, non necessariamente migliorerà. Ma quei bastardi non riusciranno sempre a tenerti giù. Finché continui a combattere, ragazzo.” –Joe Clifford, autore dei thriller di Jay Porter

“Sette modi per sbarazzarsi di Harry è un romanzo oscuro, sincero e difficile da sminuire. La prosa cruda e realistica di Conley trasporta i lettori in un'epoca e in un luogo in cui avevamo tutti e 13 anni e ne avevamo 14, e crea il tipo di storia YA che sembra estremamente reale e unica con una sana dose di noir. Sette modi per sbarazzarsi di Harry è il tipo di libro che ti entra nel cervello e non se ne va mai.” –Alex Segura, autore di Dangerous Ends e Blackout

Rag and Bone
di Joe Clifford
(Editoria con vista sull'oceano)

Perfetto per i fan di Dennis Lehane

Dopo aver trascorso dieci mesi in fuga dopo essere stato incastrato per l'omicidio di un socio di sgombero immobiliare, il tuttofare Jay Porter torna nella sua città natale di Ashton, nel New Hampshire. Durante il suo periodo da latitante, ha cercato un disco rigido, una prova che avrebbe messo dietro le sbarre i suoi nemici di lunga data Adam e Michael Lombardi. Ma si è presentato a mani vuote.

Non ha niente. Nessun disco rigido, nessuna speranza. Non parla con la sua ex moglie e figlio da quasi un anno ed è al verde. With his reputation tarnished and employment opportunities nonexistent, Jay takes a charity assignment from old friend/flame Alison Rodgers and learns of a fire at Alison’s former rehab farm. Jay is convinced that the Lombardis started a fire as a scare tactic to pressure Alison to sell. As Jay begins to look into the origins of the fire, he hopes he will finally be able to put away his enemies. But he soon discovers that evil isn’t so easy to define, and that sometimes we need to take the law into our own hands if we want justice.

Mr. Zero
by Mark Slade
(Close to the Bone)

Barry London is a Fixer by trade, lent out by his boss to other crime lords. He is sent to his hometown of Geneva, New Jersey to deal with corrupt cops at war with each other over a missing video, dealing with an ex-girlfriend who happens to be a cop, the wife of a good friend who also wants to sleep with him, both looking to tame the wild and rough London. On top of all that, London finds himself looking several murders and Firebug who torched a nightclub. The key to it all is cracking the mystery of Mr. Zero.

Worst Laid Plans
by Aidan Thorn
(Fahrenheit Press)

Fresh out of prison, Sam is back home and determined to turn his life around. Be the man his family needs him to be. But it’s not so easy going straight when you’re friends with Jonno.

Drawn into a drugs deal involving petty local gangs, things quickly take a turn for the worse when he discovers the notorious Nolan brothers are involved.

With simmering rivalries coming to the fore, Sam has to decide between new and old loyalties. And with old sores over his brother’s death being picked at, it’s not so simple. Especially when you have a gun in your pocket.

Vinnie Travers, lead singer with The Down & Outs literally doesn’t know what’s hit him when his path crosses with four young lads on a night out in a borrowed Mercedes.

Andy Dickson, home alone while his parents are on holiday, is left trying to figure out how a simple night out with some mates ended with a dead body flung hastily into the backseat of his dad’s car.

But it’s not until the next morning that the fun really begins…

“Crime fiction hasn’t been this cool for decades. There’s something so irresistible about a Tête-bêche in your hands, flipping it over and over. A book with two covers, always beginning. This is pulp publishing at its most seductive.” – Chris Black, Senior Editor, Fahrenheit 13.”

Ain’t Worth a Shit
by Robert Essig & Jack Bantry
(Sinister Grin Press)

From Jack Bantry, editor of Splatterpunk Zine and author of The Lucky Ones Died First and Robert Essig, author of Death Obsessed, In Black and People of the Ethereal Realm comes a story of gut-wrenching noir.

Issy has become used to her new life in the UK, away from poverty in her native land. New beginnings weren’t without struggle, and sometimes the past comes back when you least expect it.

Mark dealt a little weed on the side, just enough to get him a few bucks and provide some for personal use. No big deal. Not until he makes a little mistake. Sometimes even the smallest error can turn into a dire situation.

There’s another world under the veneer of city streets in London’s Leicester Square, streets people walk every day without suspicion. Issy and Matt find out about this world in the worst ways imaginable, and they must fight for their lives to get out.

In this underworld, people Ain’t Worth A Shit!

Unamerica
by Cody Goodfellow
(King Shot Press / Broken River Books)

Buried half a mile beneath the desert sands of the US-Mexico border, exists a secret city that holds the promise of everything that draws refugees and immigrants to America––liberty, luxury and excess. . .

In this Terminal Autonomous Zone, two prophets will rise—one, a reckless seeker who believes the psychedelic mushrooms he’s discovered will spur a revolution in human consciousness the other, a fire-and-brimstone preacher endowed by strange angels with a power that heals the sick and raises the dead—and as rival factions emerge around them, a march toward war begins . . .

“Unamerica is madness. Timely, familiar, brilliant—but most of all, terrifying—madness.” —ROB HART, author of The Warehouse

“Goodfellow satirizes the excesses of capitalism, religion, and drug culture in this macabre dystopian fantasy… a wild, trippy journey through a horrifying nightmare version of America.” —PUBLISHERS WEEKLY

A BROKEN RIVER BOOKS X KING SHOT PRESS COLLAB

Killer Impact
by Linden Chase
(Fahrenheit Press)

As Tranquility comes to terms with the bloody repercussions of the events documented in Killer Intent, Zane King reluctantly sets off on a mission to finally find out the truth about the island.

Accompanied by self-acknowledged psychopath Travis and amoral mercenary Blaine, it’s fair to say Zane doesn’t rate his chances of success very highly.

And as expected, things don’t go smoothly, anything but.

Will Zane finally confront the shadowy forces behind the Tranquility experiment?

Will he find the answers he needs?

Will anyone live to tell the tale?

In this thrilling conclusion nothing is as it seems, and nothing can be taken for granted as The Tranquility Trilogy stabs, shoots, strangles and gouges its’ way to a bloody and wholly satisfying conclusion.

Here’s what readers have to say about The Tranquility Trilogy

“A gut-wrenching thriller that keeps the reader on edge throughout.”

“It is gripping, bloody, violent and exciting and I’m looking forward to seeing what happens next.”

“Not for the faint hearted…”

“A terrifying glimpse into the heart of darkness…”

“Gripping to the very last page…”

“The Beach meets Lord of the Flies…”

“This thrilling trilogy is galloping towards a climatic finale…”

“Bloody and Brilliant. Or just Bloody Brilliant. Both work…”

When Tasha witnesses a stabbing at the train station in Luton, she is compelled to give evidence in court that leads to Dean Rigby being convicted. But when Lewis, Dean’s brother, vows revenge, Tasha is afraid and no longer feels safe in her own home.

Tasha’s partner, Reuben, hopes to marry her and start a family soon. But Reuben is concerned about Tasha’s state of mind and urges her to see a doctor

When Tasha is left a derelict country house by her birth father, she sees an opportunity to escape Luton and start a new life. After visiting Black Hollow Hall she sees it as the perfect opportunity to live a life without fear.

At first Tasha feels liberated from her troubles. The gardener, William, who is partially paralysed but employed to maintain the grounds of Black Hollow Hall, is welcoming.

But soon Tasha realises the Hall is not quite the idyll she imagined.

When she discovers that a woman jumped to her death there years ago following the murder of her husband, strange events begin to take place and Tasha fears for her safety.

Have the Rigby family found her?

Is someone trying to scare her into selling the house?

Or is she suffering from paranoia as Reuben suggests?

As Tasha’s sanity is put under pressure she begins to wonder if Black Hollow Hall is going to be her salvation or her undoing…

Kerena Swan is also the author of the unmissable psychological thriller Dying to See You. Scared to Breathe is a compelling thriller which will appeal to fans of authors like Clare Mackintosh, Cara Hunter and Shalini Boland.

The hotly anticipated sequel to The Dark Lake, this is perfect for fans of The Dry, police procedurals, and classy, clever crime fiction.

Senior Detective Gemma Woodstock is a small-town policewoman working on the biggest homicide cases in Melbourne. When an up-and-coming movie star is stabbed to death while the cameras are rolling on his new blockbuster, Gemma, eager to prove herself, is assigned to the case.

With the whole thing caught from multiple angles, how hard can it be to catch the crazed culprit? And who would want to hurt Australia’s adored boy-next-door? As Gemma uncovers the deadly underside of fame, her investigation turns into a dangerous game against those with money, power and everything to lose…

From the author of The Angel’s Mark, a Walter Scott Prize Academy Recommended Read 2019

‘S.W. Perry’s ingeniously plotted novels have become my favourite historical crime series.’ S G MacLean

‘A rattling good read.’ William Ryan

Treason sleeps for no man…

London, 1591. Nicholas Shelby, physician and reluctant spy, returns to his old haunts on London’s lawless Bankside. But, when spymaster Robert Cecil asks him to investigate the dubious practices of a mysterious doctor from Switzerland, Nicholas is soon embroiled in a conspiracy that threatens not just the life of an innocent young patient, but the overthrow of Queen Elizabeth herself.

With fellow healer and mistress of the Jackdaw tavern, Bianca Merton, again at his side, Nicholas is drawn into a sinister world of zealots, charlatans and dangerous fanatics…

DISCOVER THE NEW STANDALONE MYSTERY FROM BEST-SELLING AUTHOR JANICE FROST

SHE WILL RISK HER LIFE TO FIND THE TRUTHThe body of Moira Mackie, a St Andrews University student, is found on a clifftop path. Her ex-boyfriend is found days later, hanged in his uncle’s garage with a suicide note confessing that he killed her. The case is abruptly closed.

Thirty years later, Ros Maitland has seemingly moved on from the horrific murder of her housemate Moira. Then her daughter takes up a place at the same university, and old demons reawaken.

Was Moira murdered in a lover’s quarrel? Or was her death part of something far larger, uglier and more calculated?

WHAT REALLY HAPPENED THAT TERRIBLE NIGHT?

Policeman, Innes Nevin, investigated Moira’s death and has been haunted by it ever since. It was his first murder case, and he knew it had been closed too soon.

Innes and Ros must delve back into the painful past to finally bring the truth to light.

THEN COMES A BRUTAL TURN OF EVENTS. SOMEONE WANTS THEIR INVESTIGATION STOPPED AT ALL COSTS.

In an electrifying standoff, Ros must risk everything she cares about.

CAN SHE FIND THE TRUTH ABOUT THE DEATH AND ESCAPE WITH HER LIFE?

A rising talent of crime fiction, perfect for fans of Angela Marsons, Rachel Abbott, Ruth Rendell, Or Mark Billingham

PRAISE FOR JANICE FROST’S ‘DEAD SECRET’
“A brilliant new detective writer who will have you reading all night. ” Chris Child

“I couldn’t put this story down the amount of intrigue was breathtaking.” Karen

“Excellent twists and turns plus a few moments where I was completely gobsmacked” Jaffa

A soldier and a spy, an officer but not quite a gentleman, Captain Harry Walsh is SOE’s secret weapon.

Loathed by his own commanding officer, haunted by the death of his closest friend and trapped in a loveless marriage, Harry Walsh is close to burnout when he is ordered to assassinate the man behind the ME 163 Komet, Hitler’s miracle jet fighter. If Walsh fails, there is no prospect of allied victory in Europe.

Harry Walsh is ruthless, unorthodox and ungentlemanly. He is about to wreak havoc…

Praise for Howard Linskey

‘One of the single most dramatic events of the Second World War, Linskey makes the mission of Jan Kubis and Joseph Gabcik impossible to put down’ – Northern Echo

‘Linskey delivers a flawless feel for time and place, snappy down to earth dialect dialogue mixed in with unrelenting violence and pace’ – Times

This masterful collection of seventeen classic mystery stories, dating from 1837 to 1914, traces the earliest history of popular detective fiction.

Today, the figure of Sherlock Holmes towers over detective fiction like a colossus―but it was not always so. Edgar Allan Poe’s French detective Dupin, the hero of “The Murders in the Rue Morgue,” anticipated Holmes’ deductive reasoning by more than forty years with his “tales of ratiocination.” In A Study in Scarlet, the first of Holmes’ adventures, Doyle acknowledged his debt to Poe―and to Émile Gaboriau, whose thief-turned-detective Monsieur Lecoq debuted in France twenty years earlier.

If “Rue Morgue” was the first true detective story in English, the title of the first full-length detective novel is more hotly contested. Two books by Wilkie Collins―The Woman in White (1859) and The Moonstone (1868)―are often given that honor, with the latter showing many of the features that came to identify the genre: a locked-room murder in an English country house bungling local detectives outmatched by a brilliant amateur detective a large cast of suspects and a plethora of red herrings and a final twist before the truth is revealed. Others point to Mary Elizabeth Braddon’s The Trail of the Serpent (1861) or Aurora Floyd (1862), and others still to The Notting Hill Mystery (1862-3) by the pseudonymous “Charles Felix.”

Assassin of Shadows
by Lawrence Goldstone
(Pegasus Books)

The latest historical thriller by New York Times Notable mystery author Lawrence Goldstone plunges readers into the dramatic events surrounding the assassination of President William McKinley.

Just after 4 p.m. on September 6, 1901, twenty-eight year old anarchist Leon Czolgosz pumped two shots into the chest and abdomen of President William McKinley. Czolgosz had been on a receiving line waiting to shake the president’s hand, his revolver concealed in an oversized bandage covering his right hand and wrist. McKinley had two Secret Service agents by his side, but neither made a move to stop the assailant. After he was apprehended, Czolgosz said simply, “I done my duty.”

Both law enforcement and the press insisted that Czolgosz was merely the tip of a vast and murderous conspiracy, likely instigated by the “high priestess of anarchy,” Emma Goldman. To untangle its threads and bring the remaining conspirators to justice, the president’s most senior advisors choose two other Secret Service agents, Walter George and Harry Swayne. What they uncover will not only absolve the anarchists, but also expose a plot that will threaten the foundations of American democracy, and likely cost them their lives.

As in his other brilliant novels combining history and fiction, Lawrence Goldstone creates a remarkable and chilling tableau, filled with suspense and unexpected turns of fate, detailing events that actually might have happened. As Publishers Weekly observed in its starred review of the “exceptional thriller,” Deadly Cure, “Goldstone again blends fact and fiction seamlessly.”

Shamus Award–winner John Straley returns to his critically acclaimed Cecil Younger detective series, set in Sitka, Alaska, a land of perfect beauty and not-so-perfect locals.

Criminal defense investigator Cecil Younger spends his days coaching would-be felons on how to avoid incriminating themselves. He even likes most of the rough characters who seek his services. So when Sherrie, a returning client, asks him to track down some evidence to clear her of a domestic violence charge, Cecil agrees. Maybe he’ll find something that will get her abusive boyfriend locked up for good.

Cecil treks out to the shady apartment complex only to discover the “evidence” is a large pile of cash—fifty thousand dollars, to be exact. That is how Cecil finds himself in violation of one of his own maxims: Nothing good comes of walking around with a lot of someone else’s money.

In this case, “nothing good” turns out to be a deep freeze full of drug-stuffed fish, a murder witnessed at close range, and a kidnapping—his teenage daughter, Blossom, is snatched as collateral for his cooperation. The reluctant, deeply unlucky investigator turns to an unlikely source for help: the misfit gang of clients he’s helped to defend over the years. Together, they devise a plan to free Blossom and restore order to Sitka. But when your only hope for justice lies in the hands of a group of criminals, things don’t always go according to plan.

Cara Black’s riveting 19th installment in her New York Times bestselling Parisian detective series entangles private investigator Aimée Leduc in a dangerous web of international spycraft, post-colonial Franco-African politics, and neighborhood secrets in Paris’s 12th arrondissement.

Parisian private investigator Aimée Leduc is about to go onstage to deliver the keynote address at a tech conference that is sure to secure Leduc Detective some much-needed business contracts when she gets an emergency phone call from her daughter’s playgroup: Aimée’s own mother, who was supposed to pick Chloe up, never showed. Abandoning her hard-won speaking gig, Aimée rushes to get Chloe, annoyed that her mother has let her down yet again.

But as Aimée and Chloe are leaving the playground, Aimée witnesses the body of a homeless woman being wheeled away from the neighboring convent, where nuns run a soup kitchen. The last person anyone saw the dead woman talking to was Aimée’s mother, who has vanished. Trying to figure out what happened to Sydney Leduc, Aimée tracks down the dead woman’s possessions, which include a huge amount of cash. What did Sydney stumble into? Is she in trouble?

Book 3 in de Giovanni’s bestselling “Bastards of Pizzofalcone” series is set in contemporary Naples during season of cold winds, political hijinks, and murder.

A heinous, double murder in a squalid apartment on the wrong side of town pits Inspector Lojacono, Di Nardo and the rest of the motley collection of cops known as the “bastards” of the Pizzofalcone precinct against their superiors, the press, and the local political hierarchy. Only by bringing the killer to justice can they save their reputations and the department.

De Giovanni is one of the most versatile, prolific, and successful Eurpean mystery in Europe. His award-winning and bestselling novels, all set in Naples, offer a brilliant vision of the criminal underworld and the lives of the cops in Europe’s most fabled, atmospheric, dangerous, and lustful city.


This "Party Barn" Hosts Some Seriously Epic Backyard Bashes

Step aside, she-sheds. This Wilmington, Delaware, backyard boasts the ultimate in recreational retreats.

Barn envy is real. Kathryn O'Connor says she experienced it every time she took a road trip. "I became obsessed with them," she says. But wanting one and raising one are two very different things. The family of four lives in a suburban Wilmington, Delaware, neighborhood, so the whole endeavor seemed like a dream. Still, it was always top of mind, especially because Kathryn, an artist, and husband David, a drummer in a neighborhood band, craved spaces where they could pursue their individual hobbies.

And then one day in 2014, while antiquing with youngest daughter Ellie, Kathryn laid eyes on an old locker. "I happened to mention, 'If we ever build a qualcosa, I'm going to get that locker,'" she says. Ellie got the message. That Christmas, she presented her parents with that very locker and attached a note that said, "Do it." So they did.

Six months after breaking ground, the 1,000-square-foot space&mdashnicknamed the "Suburbarn"&mdashwas ready to be filled, and Kathryn's design scheme for the place was simple: barn on the outside, camp on the inside. Thanks to the cozy, collected decor, the barn is now il gathering space for friends, family, and curious neighbors. It's also become a dream spot for both Kathryn's painting and David's drumming. ("We don't do those two things simultaneously," she says.) "I'm so grateful that we had the guts to build it," says Kathryn. "I always tell people that when it was all finished, I went through a little 'post-barnum' depression."

A metal porch glider, a pair of retro chairs, and a table that doubles as a two-seater bench easily accommodate a half-dozen guests, all of whom can take in one heck of a preshow before the band takes stage: fireflies that light up the night sky. The barn doors are painted Heritage Red by Benjamin Moore.

Get the look: Plaid cotton denim area rug (from $25 wayfair.com), Outdoor metal seating set ($259 hayneedle.com)

Plush seating&mdashincluding a pair of plaid chairs found for $35 a piece&mdashencourages kicking back, as does a clever side table that's sure to drum up conversation.

Get the look: Sofa cover ($149 ikea.com), Star-crossed hooked wool rug (garnethill.com), Blue plaid lumbar pillow ($11 potterybarn.com), Walker pieced plaid pillow ($28 potterybarn.com)

Even when not populated with partygoers, the barn is packed with colorful characters in the form of Kathryn's collectibles. Other fill-the-shelves favorites include camp lanterns, bowling pins, and Etch A Sketch games. Kathryn found her whole stash of 1950s board games on a single trip to Wilmington's The Zeppelin & The Unicorn Antique Shop.

Kathryn likes pastoral paintings because "they're reflections of where I wish my barn really was."

The best seats in the house? The ones around the large antique table, where guests often feast on food prepared in the main house (shuttled to the barn via red wagon!) while listening to David's band, Chester and the Bedfords, known for their rousing covers of "Mustang Sally" and "Brown Eyed Girl." When the band is on break, Sam Hunt, Diana Ross, and Zac Brown Band (among others) keep the energy up.

Get the look: Blue and red Bikaner Dhurrie ($1,250 madelineweinrib.com)

Kathryn's husband, David, is the Suburbarn's resident bartender. "He announces the drink of the week every Friday via text," she says. (The Turbinado is a recent favorite.) And while he was skeptical of her color choice for the painted bar (Pool Blue by Sherwin-Williams), he's come around to the "divey" hue.

Get the look: Window treatments (prices vary homedepot.com), Metal drink dispenser ($30 potterybarn.com)

This particular obsession predates the barn. "I never pay more than $10," she says. "When dealers warn me about cracks, I say, 'Perfect! I'm not drinking out of them!'"

Kathryn paints farm animals in acrylic. Her supplies sit on top of a nonworking stove.

A wood-burning stove offers plenty of heat in the winter months.

Get the look: EPA-certified wood-burning stove ($751 homedepot.com)

The phrase uttered by many a bartender&mdash"You don't have to go home but you can't stay here"&mdashdoesn't apply in the loft. Thanks to a twin bed complete with a pillow sporting Teddy Roosevelt's mug. During construction, a dying tree on the property required removal, so the O'Connors crafted a rustic bedside table from the stump.

Family and guests crash here, too. The double bed and twin sleeps three comfortably, including Kathryn and David. "We like to spend weekends here when the weather is nice," she says. (They run back to the main house when nature calls.)


The World's 50 Best Bars for 2014 Announced

For the sixth year, Drinks International magazine announced the world's 50 best bars for 2014 this week in London. Determined by a voting body of 334 top-notch bartenders and industry experts from around the world, London and New York swept this year's top ten.

1. The Artesian, London: For three straight years, this wildly adorned hotel bar has topped the list. Known for pushing the boundaries when it comes to both décor and menu items, visitors next summer can anticipate a mind-blowing surrealism theme that the owner plans to incorporate by July 2015.

The Artesian. Photo: World's 50 Best Bars

2. Dead Rabbit, New York: Named after an Irish-American gang from the mid-19th century, the ground floor of this establishment has a relatively casual vibe: beer on tap, whiskey and lunch fare. Upstairs, the parlor menu is full of creativity, with detailed décor and first-class service to complement.

Dead Rabbit. Photo: World's 50 Best Bars

3. Nightjar, London: This Art Deco-themed speakeasy features swing, Prohibition drinks and twenties glamour. Nightjar’s live music is some of the best in London, as are the drinks, thanks to cocktail queen Marian Beke.

Nightjar. Photo: World's 50 Best Bars

4. Attaboy, New York: Formerly Milk & Honey, Attaboy is more spacious and welcoming thanks to owners Sam Ross and Michael McIlroy, who had a vision for change. Set in the edgy Lower East Side, this romantically lit speakeasy is home to unique, custom-tailored cocktails.

Attaboy. Photo: World's 50 Best Bars

5. Employees Only, New York: Established by cocktail master Dushan Zaric, Employees Only features sleek and curvaceous lines with Art Deco-inspired fixtures and fittings. Set in the city that never sleeps, this bar is bustling every night of the week.

Employees Only. Photo: World's 50 Best Bars

6. Canon, Seattle: Like a museum, Canon displays its collection of 3,300 spirit bottles. "It’s a nod to the origins of the British pub," says owner Jamie Boudreau.

Canon. Photo: World's 50 Best Bars

7. The Baxter Inn, Sydney: The biggest draw here is the unbelievable whisky (and whiskey) selection. It’s like a whisk(e)y library. When asked how many whiskies there are on the shelves, innkeeper Lewis Jaffrey said, "currently sitting on 630."

The Baxter Inn. Photo: World's 50 Best Bars

8. American Bar at The Savoy, London: At 125 years old, the American Bar at The Savoy is the oldest and most iconic "American" cocktail establishment in London. One of its earliest bartenders was Ada Coleman, inventor of the Hanky Panky drink. Peter Dorelli also began his career here. It is one of the most history-rich bars in the world.

American Bar. Photo: World's 50 Best Bars

9. High Five, Tokyo: Hidetsugu Ueno, High Five's bartender, is arguably Japan’s most revered. And he doesn't believe in cocktail menus every mixed drink Ueno serves is tailor-made.

High Five. Photo: 50 Best Bars

10. 28 Hong Kong Street, Singapore: This world-class bar--completely inconspicuous from the street--turns three years old on Halloween. And starting this November, David Cordoba, currently the global ambassador for Bacardi, will be bartending at 28HKS on a weekly basis.

A drink from 28HKS. Photo: 50 Best Bars

I cover all things luxurious and eye-catching for ForbesLife, with a special interest in designs that are both practical and beautiful--though I wouldn't turn down an…


Norm Peterson

One of the only characters to appear in every episode of the show, Norm Peterson, was one of the bar’s best customers. Every time he walks into the bar, he’s greeted by name.

When Norm isn’t busy drinking and talking to friends at Cheers, he’s at The Hungry Heifer, where he knows the servers by name. Wendt earned six Emmy nominations in a row for his role on the show.


Skyfall Lounge Arrow

A James Bond-inspired futuristic space with one of the best views of Vegas in the city. The bar snacks, from Alain Ducasse’s outpost next door, is topped only by the complex beverage selection. Ranging from the lightweight to the intense, it offers something for everyone, no matter what kind of night you're trying to have. Weɽ recommend starting your night here, to see the sun set over the desert from 64 floors up.

Condé Nast Traveler does not provide medical advice, diagnosis, or treatment. Any information published by Condé Nast Traveler is not intended as a substitute for medical advice, and you should not take any action before consulting with a healthcare professional.

© 2021 Condé Nast. Tutti i diritti riservati. L'uso di questo sito implica l'accettazione del nostro Accordo con l'utente e della Politica sulla privacy e della Dichiarazione sui cookie e dei diritti sulla privacy della California. Condé Nast Traveler può guadagnare una parte delle vendite dai prodotti acquistati tramite il nostro sito nell'ambito delle nostre partnership di affiliazione con i rivenditori. Il materiale di questo sito non può essere riprodotto, distribuito, trasmesso, memorizzato nella cache o utilizzato in altro modo, salvo previa autorizzazione scritta di Condé Nast. Scelte degli annunci


Guarda il video: Lockdown. Keys to Break Free Live Church