acetonemagazine.org
Nuove ricette

José Andrés consiglierà la serie TV Hannibal

José Andrés consiglierà la serie TV Hannibal


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Sì, anche gli chef stanno conquistando Hollywood

Oltre a creare un Curriculum spagnolo per l'International Culinary Center, Apparentemente José Andrés ha mangiato molti piatti polmonari, facendo ricerche per il sviluppo di uno show televisivo di Hannibal Lecter su NBC.

Il Washington Post riporta che Bryan Fuller, l'uomo dietro Spingendo le margherite, sta lavorando a uno spettacolo sullo psichiatra cannibale, e Fuller ha scelto Andrés per essere la mente dietro il cibo.

Allora, qual è il lavoro di Andrés? Per arricchire il "sofisticato culinario" dietro Lecter. Fuller ha in programma di mostrare il personaggio che cucina, invece di uccidere, e ha detto all'attore Mads Mikkelsen: "Non leggere nessun libro di serial killer. Guarda i libri di cucina".

Alcune influenze di Andrés nelle scene future: un piatto di lonza con mele arrostite e salsa Cumberland, un modo "interessante" di preparare i funghi in una scena di festa e un riferimento allo chef francese Auguste Escoffier. Ma ovviamente, poiché il naso alla coda è la tendenza ora, Andrés assicura al Post che "ogni singola parte del corpo" sarà utilizzata nello spettacolo.

"Questo va oltre il cannibalismo", ha detto Andrés. "Si tratta di persone che hanno lati oscuri e storie oscure".

Per quanto riguarda la perdita di clienti per questo raccapricciante progetto? "Questa è la televisione!" ha detto. "Perderò clienti facendo questo? Non credo." Nessuna parola su quando aspettarsi la messa in onda della serie, ma considerando il lavoro passato di Fuller e la deliziosa cucina di Andrés, è destinato a lasciare perplessi moralmente.


Incontra il consulente alimentare dietro ‘Hannibal’

Ci vuole uno stomaco forte per assumere un "consulente alimentare" per uno show televisivo sul cannibalismo.

Ma una delle parti più deliziose della prossima versione televisiva di "Annibale” – la serie basata sul thriller del 1991 di Anthony Hopkins per il grande schermo “Silence of the Lambs” – è che rende la cucina un personaggio importante nel dramma.

"Hannibal" debutterà giovedì sera (22:00, capitolo 4).

Ma quando la scorsa settimana sono arrivate le copie di recensione della nuova serie, si è scoperto che il famoso chef spagnolo José Andrés - proprietario del famoso The Bazaar a Los Angeles e Minibar a Washington, DC - era elencato nei titoli di coda come "consulente alimentare".

La serie è incentrata su un profiler criminale molto teso di nome Will Graham (interpretato da Hugh Dancy) che viene assunto per aiutare l'FBI (Laurence Fishburne interpreta l'agente) per aiutare a rintracciare un astuto assassino.

Per chiedere aiuto, Graham consulta uno strizzacervelli esperto, Hannibal Lecter (Mads Mikkelsen). Naturalmente, nessuno nello show si rende conto che Lecter è in realtà l'assassino.

Il maestro manipolatore Lecter incanta i poliziotti con... che altro? — Cucina elegante e vini pregiati.

Il trucco: sono parti delle sue vittime.

È qui che entra in gioco Andrés.

Lo chef spagnolo afferma che la sua cucina nativa include alcune parti del corpo a cui gli americani potrebbero non essere abituati - come polmone o rene - così come il lombo più riconoscibile e l'arrosto di costolette.

La NBC prevede per inciso di pubblicare le ricette di Andrés dallo show online dopo ogni episodio, utilizzando tagli di carne più facilmente reperibili nel supermercato locale.


Jack e Will ricevono una telefonata su un'altra possibile uccisione dello Squartatore di Chesapeake. Un uomo giace morto nel bagno del suo hotel. Will chiude gli occhi ed entra nella mente dell'assassino. Dall'ingresso, Will immagina la vittima che barcolla, ancora stordita per il fallimento dell'anestesia, cercando di aprire le sue suture. Quando la vittima nota Will, reagisce violentemente per legittima difesa e Will lo lancia con forza nella vasca da bagno.

Tornando al presente, Will dice a Jack che non è stato brutale, ma goffo: il chirurgo che stanno cercando ha cercato di mantenere in vita la sua vittima. Jack e Brian Zeller notano tutte le somiglianze tra questo caso e gli omicidi associati allo Squartatore di Chesapeake, ma Will lo sa meglio. L'ultimo omicidio dello Squartatore consisteva in una lingua insanguinata depositata nelle pagine di una Bibbia da banco in chiesa. Jack vuole disperatamente trovare e arrestare lo Squartatore prima che muoiano altre persone, ma Will predica la pazienza.

In un elegante museo d'arte, uno spettacolo operistico fa piangere il dottor Hannibal Lecter. Dopo lo spettacolo, mentre Hannibal conversa con un vecchio amico, Franklyn Froidevaux lo interrompe, desideroso di presentare il suo compagno Tobias Budge al dottor Lecter. Franklyn è uno di

I pazienti di Annibale ed è al limite dell'ossessione per il genio del suo medico.

Alla loro prossima sessione di terapia, Franklyn ammette che il suo incontro casuale con Hannibal all'opera non è stato del tutto casuale. Franklyn pensa che lui e il dottor Lecter potrebbero essere grandi amici fuori dal suo ufficio e si lamenta di come debba pagare per uscire con lui. Annibale afferma il suo ruolo di terapeuta di Franklyn e nient'altro.

Accompagnando l'uomo fuori dal suo ufficio, Hannibal si prepara per il suo prossimo appuntamento con Will Graham. Will sta tentando di riprendersi dal trauma che circonda il suo ruolo nell'orfana di Abigail Hobbs. Hannibal entra in empatia con Will e arriva persino a suggerire che in un certo senso sono entrambi i genitori della ragazza. Il dottor Lecter dice a Will di aver sentito parlare dell'ultimo "presunto" omicidio di Chesapeake Ripper, ma Will insiste che non è lo stesso tipo. Lecter si chiede se qualcuno degli omicidi sia stato "la stessa persona". Il collegamento tra ogni crimine è l'accurata estrazione e prelievo di organi. Forse Jack sta cercando un serial killer solitario che non esiste. Will accetta di tenere a mente la teoria di Lecter per andare avanti. Diciotto mesi prima, Andrew Caldwell - un medico legale indipendente - preleva il sangue dal braccio di Hannibal Lecter e lo rilascia in una fiala per i test successivi. Andrew chiede al dottore se è a conoscenza di altre infezioni nel suo corpo

al momento e incoraggia Lecter a dire la verità, dal momento che lo scoprirà comunque e mentire non fa che aumentare i suoi pagamenti assicurativi. Annibale chiede il biglietto da visita dell'uomo.

Mesi dopo, nel presente, Andrew guida lungo una strada desolata quando il suo serbatoio di benzina perde ed è costretto a fermarsi. Improvvisamente, Hannibal Lecter si ferma accanto a lui e gli offre assistenza. Nei giorni seguenti, il corpo reciso di Caldwell si presenta in uno scuolabus vuoto, mentre Hannibal archivia meticolosamente la carne rossa nel suo frigorifero.

Più tardi, nella sala delle autopsie dell'FBI, Will Graham esamina il cadavere insanguinato di Andrew Caldwell, il cuore e il fegato della vittima sono scomparsi. Chiunque stia commettendo questi crimini è meticoloso riguardo al proprio lavoro e al proprio mestiere. Beverly Katz vede questo psicopatico come un artista, anche se la sua tela è ovviamente non convenzionale. Will si preoccupa, consapevole che un artista non si ispira solo a chi lo ha preceduto, ma è capace di ispirare chi lo segue.

Nell'appartamento di Hannibal, Alana Bloom fa da sous-chef del dottore mentre preparano un pasto a più portate. Mentre Alana affetta le verdure, Lecter tenta di curiosare nella sua relazione con Will Graham, così come la sua conoscenza del caso in corso per catturare lo Squartatore di Chesapeake. Alana è volutamente vaga, citando il suo desiderio di mantenere le cose con Will completamente platoniche e separate dal loro lavoro. Alana desidera solo che tutti lascino Will in pace,

ma mentre Hannibal riflette sul commento, sa che è più facile a dirsi che a farsi.  Più tardi, quando è solo, Annibale fa riferimento a un enorme registro nella sua cucina pieno di biglietti da visita di persone, allegati a ricette di carne pregiata. Con ogni carta selezionata, Annibale mette un altro pezzo di carne nel suo frigorifero.

Mentre Hannibal Lecter preme un organo attraverso un produttore di salsicce, la squadra di autopsie dell'FBI informa Will e Jack della varietà di parti del corpo mancanti in ciascuna delle loro recenti vittime. Chiunque sia questo assassino, dopotutto sta facendo qualcosa con gli organi diversi dai trapianti: chi riceve un trapianto di milza? Will è convinto che abbiano a che fare con due assassini: il chirurgo che ha ucciso l'uomo in hotel e la persona che Will presume sia lo Squartatore di Chesapeake: quello che uccide gli altri per i loro organi. Will sa che gli assassini sono a conoscenza l'uno dell'altro, tramite contatto diretto o dal blog di Freddie Lounds. La loro migliore possibilità di catturare lo Squartatore. è se il "chirurgo dell'hotel" li conduce a lui.

Altrove, Annibale si impegna in un'altra terapia

sessione con Franklyn Froidevaux. Franklin menziona come ha visto di nuovo Hannibal fuori dal suo ufficio, questa volta al supermercato, ma ha scelto di non avvicinarlo, seguendo la reazione del dottor Lecter al loro ultimo incontro informale. Franklyn è preoccupato di essere solo nella vita - presume che tutti la pensino allo stesso modo. Quando Franklyn se ne va, Lecter apre la porta per il prossimo paziente, ma nella sala d'attesa non c'è nessuno. Hannibal torna alla sua scrivania e guarda il suo telefono, aspettandosi che squilli.

Hannibal trova Will Graham nella sua classe, immerso in una pila di fotografie della scena del crimine che ritraggono omicidi recenti forse commessi dallo Squartatore di Chesapeake. Lecter offre il suo aiuto analizzando le informazioni. Il primo motivo che nota è quello dell'intimità: gli omicidi sono personali. Hannibal chiede a Will dell'ex tirocinante di Jack, Miriam. Will sa che lo Squartatore l'ha uccisa. Ma dov'è il suo corpo? Hannibal si chiede se lo Squartatore stia provocando Jack non mostrando le "opere d'arte" della Miriam assassinata. Will sa che questa è un'ipotesi valida e il dottor Lecter porta la teoria un passo avanti prevedendo che Jack avrà notizie direttamente dallo Squartatore, e presto.

Beverly Katz si avvicina a Jack con un'importante rivelazione: le telecamere di sicurezza dell'hotel mostrano un'ambulanza privata che si allontana dalla scena proprio mentre arrivano i primi soccorritori. Se l'assassino volesse eseguire un intervento chirurgico nel suo veicolo, un'ambulanza è il tipo migliore da avere, e poiché si integra così bene con un'emergenza, nessuno ci penserebbe due volte vedendola sulla scena. Jack si precipita nell'aula di Will e chiede l'aiuto di Graham e Lecter per catturare lo Squartatore.

Dopo aver contattato la compagnia di ambulanze private, la squadra dell'FBI rintraccia il veicolo scomparso

utilizzando il GPS e, insieme a una squadra SWAT, si avvicina al veicolo, che è parcheggiato in una posizione remota. Jack trova Devon Silvestri nel bel mezzo di un intervento chirurgico, cercando di estrarre il rene della sua ultima vittima. Jack ordina a Devon di mettergli le mani sulla testa, ma il chirurgo avverte Jack che così facendo ucciderà la vittima. Crawford chiama Hannibal per occuparsi dell'operazione e fermare l'emorragia, cosa che il dottor Lecter fa senza problemi. Con la vittima stabilizzata, la squadra SWAT estrae Silvestri dal veicolo e lo pone agli arresti.

Dopo l'arresto, Will fa visita ad Hannibal e lo ringrazia per aver salvato la vita della vittima in quell'ambulanza. Will chiede ad Hannibal perché ha smesso di fare interventi chirurgici, e Lecter rivela di aver perso la passione dopo aver perso un paziente sul tavolo operatorio d'emergenza. Da allora, si è dedicato alla terapia psicologica, dove non ha mai visto morire un paziente. Will si scusa, dato che ha un "appuntamento con lo Squartatore di Chesapeake". Anche se catturare Silvestri è stato un successo, il vero assassino è

ancora là fuori, e Will è diventato così ossessionato che non si fermerà finché non lo avrà catturato.

Mentre Hannibal organizza una sontuosa cena con una pletora di corsi non vegetariani, Will Graham torna nella sua classe ed esamina meticolosamente le foto della scena del crimine appartenenti alle "opere d'arte" dello Squartatore di Chesapeake.


13 deliziosi fatti su Annibale

Nel 2013, la produttrice Martha De Laurentiis, lo scrittore Bryan Fuller e un cast e una troupe di talento hanno iniziato a creare una nuova versione della storia di Hannibal Lecter. È stata una proposta audace dopo che il personaggio e il suo mondo erano stati così chiaramente definiti dalla rappresentazione del personaggio di Sir Anthony Hopkins e dalla presenza di Annibale in quattro romanzi e cinque lungometraggi, ma Fuller aveva un'idea che nessun altro si era ancora avvicinato. Voleva raccontare la storia dello psichiatra cannibale e del profiler empatico che alla fine lo ha catturato come la storia di due vite legate da una reciproca follia. Il pubblico non avrebbe potuto vederlo arrivare, ma quello che hanno ottenuto è stato uno degli spettacoli horror più eleganti, visivamente accattivanti e psicologicamente complessi che siano mai arrivati ​​in televisione.

Annibale è durato solo tre stagioni, ma nel suo breve periodo in onda ha accumulato un sacco di consensi di critica e una famelica base di fan conosciuta come "Fannibals", molti dei quali stanno ancora nutrendo speranze per il ritorno dello show. Con l'influenza e l'impatto dello spettacolo ancora freschi nella nostra immaginazione a più di cinque anni dal suo debutto, ecco 13 fatti sulla realizzazione di Annibale.

1. BRYAN FULLER HA OTTENUTO IL LAVORO A CAUSA DI UN FATICO GIRO IN AEREO.

Bryan Fuller è un fan dell'horror da una vita e un fan di vecchia data dei romanzi di Hannibal Lecter di Thomas Harris, ma non si è proposto di accaparrarsi il Annibale lavoro. In effetti, non era nemmeno necessariamente a conoscenza del lavoro fino a quando non lo trovò, su un volo per New York City, dove si trovava seduto vicino a una vecchia amica: Katie O'Connell, che era l'allora nuovo CEO della Divisione televisiva statunitense della Gaumont Film Company. O'Connell ha detto a Fuller che stava sviluppando una serie di Hannibal e gli ha chiesto se pensava che ci fosse uno spettacolo lì, non per offrirgli il lavoro, ma solo per ottenere il suo feedback. In risposta, Fuller ha chiesto se Gaumont avesse i diritti su Will Graham, il protagonista del romanzo di Harris Drago rosso, perché era affascinato da una riga di quel romanzo che indicava una relazione molto più profonda tra Graham e Lecter che il pubblico e i lettori non avevano mai visto.

“Poiché avevo letto i libri, sapevo quanto Will Graham sia psicologicamente più complesso nella letteratura di quanto non lo sia nel film. Ho pensato, Wow, c'è una grande opportunità da offrire su quella linea da Drago rosso che Hannibal Lecter dice, che è: "Mi hai catturato perché sei pazzo quanto me". C'è un intero mondo in cui esplora la loro amicizia ", ha detto Fuller. “Se abbiamo a che fare con Hannibal Lecter che è uno psichiatra praticante e un cannibale praticante, allora è allo scoperto in mezzo a noi, un lupo travestito da psichiatra, e non sarebbe una cosa così terrificante per qualcuno come Will Graham, che è particolarmente vulnerabile alla sua stessa psicologia, ad avere qualcuno lì con accesso ai pulsanti della sua mente.

I pensieri di Fuller su Hannibal e Will Graham hanno messo in moto un'idea per una sorta di Drago rosso prequel che servirebbe anche come un mash-up di tutti gli scritti di Harris sul personaggio. Ciò a sua volta ha portato a un incontro con Martha De Laurentiis della Dino De Laurentiis Company, che a sua volta ha portato a un incontro alla NBC che ha dato il via libera allo spettacolo.

2. LA SERIE È INIZIATA COME UNA STORIA DI CLARICE STARLING CON MGM.

Brooke Palme, NBCUniversal Media

Prima che Bryan Fuller entrasse in scena, e anche prima che la Gaumont Television iniziasse a lavorare allo sviluppo della serie, Martha De Laurentiis stava considerando una sorta di nuovo progetto di Hannibal Lecter, ma non era interessata a realizzare un altro film basato sulle opere di Thomas Harris. Mentre il concetto di Fuller alla fine si è agganciato alla dinamica tra Lecter e Graham, De Laurentiis ha affermato che prima che ciò accadesse c'era l'idea di rivisitare Il Il silenzio degli innocenti coppia di Lecter e l'agente dell'FBI Clarice Starling.

"In realtà stavamo giocando con l'idea, con la MGM, che ha il personaggio di Clarice, dalla libreria di Orion Pictures che ha fatto Il silenzio degli innocenti-e stavamo parlando di fare qualcosa con Clarice e Hannibal nel periodo successivo Il silenzio degli innocenti, ma in realtà non siamo andati molto lontano", ha detto De Laurentiis. "In effetti, ho sentito che forse Hannibal sarebbe stato un personaggio molto, molto minore e poi forse sarebbe semplicemente scomparso, e non sentivo che fosse giusto per il personaggio di Hannibal Lecter".

Quindi, lavorando con Katie O'Connell alla Gaumont, De Laurentiis è entrato in contatto con Fuller e la collaborazione che ci avrebbe portato Annibale iniziò.

3. FULLER HA ORIGINARIAMENTE SVILUPPATO UN PIANO DI SETTE STAGIONI.

Benchè Drago rosso è stata una grande ispirazione per la direzione dello spettacolo a causa della sua rappresentazione della dinamica Lecter/Graham, Fuller e il set della compagnia Annibale negli anni precedenti a quella storia per mostrare al pubblico com'era Lecter come "uno psichiatra praticante e un cannibale praticante", come disse Fuller. Ciò significava leggere tra le righe del romanzo di Harris per sviluppare la relazione che alla fine avrebbe portato i due personaggi lungo il percorso di... Drago rosso, e conduci Hannibal come personaggio nella sua vita, come documentato da Harris, quando era un serial killer catturato e poi un fuggitivo. Alla fine, la qualità del mash-up della serie ha permesso a Fuller di giocare con molti di quegli elementi della vita di Lecter al di fuori della cronologia di Harris, ma mentre la serie stava prendendo forma, Fuller ha immaginato un piano di sette stagioni che alla fine avrebbe adattato quello di Harris. primi tre romanzi di Lecter per poi superarli.

“Beh, quando entri nella quarta stagione, entri nella letteratura. E così sarebbe la quarta stagione Drago rosso, la quinta stagione sarebbe Il silenzio degli agnelli epoca, la sesta stagione sarebbe la Annibale era, e quindi la settima stagione sarebbe stata una soluzione per la fine di quel libro", ha detto Fuller. "Annibale finisce con un cliffhanger. Hannibal Lecter ha legato con Clarice Starling e le ha fatto il lavaggio del cervello e ora sono quasi amanti e fuggitivi, e quindi questo è un cliffhanger. Potrebbe essere interessante risolverlo in qualche modo e riportare Will Graham in scena. Quindi una volta che avremo altre due stagioni, diciamo, dello show televisivo, quelle sono le storie non romanzate, e poi entreremo nelle espansioni dei romanzi dopo e useremo i romanzi come spina dorsale per gli archi stagionali che sarebbe quindi in qualche modo migliorato.”

Naturalmente, i piani cambiano e l'adattamento di Drago rosso alla fine è arrivato nella seconda metà della terza stagione dello show, ma è chiaro che Fuller aveva grandi ambizioni per tracciare l'intero corso della carriera criminale di Annibale.

4. UN VERO CHEF HA PROGETTATO TUTTE QUESTE RICETTE CANNIBALI.

NBCUniversal Media

Hannibal Lecter non è solo un cannibale: è un cannibale gourmand e buongustaio, un amante delle cose belle che non vuole solo mangiare carne umana, ma prepararla in modi squisiti e raffinati. Fuller lo sapeva, e ha anche capito immediatamente che aveva bisogno di qualcuno con una straordinaria esperienza alimentare che lo aiutasse a realizzare la serie. Così si è rivolto a uno chef di cui era già un fan: José Andrés, titolare del ristorante The Bazaar a Beverly Hills.

"Ho una conoscenza limitata della cucina. E Hannibal Lecter deve essere più intelligente di me in cucina", ha detto Fuller. "José dà un'idea della sua esperienza, è onnipresente in ogni scena gastronomica".

Quando sono iniziati i lavori sulla serie, Fuller e Andrés hanno iniziato una serie di conversazioni in cui lo chef ha spiegato che ogni parte del corpo umano è in qualche modo commestibile, fino alle ossa, che possono essere macinate e utilizzate come addensanti. Con questo in mente, Fuller ha cercato non solo di scrivere scene in cui Annibale cucina parti del corpo umano, ma di creare metafore elaborate in ogni scena della cena (ad esempio, la scena in cui serve "lingua di agnello" al dottor Frederick Chilton) , su cui ha consultato pesantemente Andrés durante il processo di scrittura. Andrés avrebbe sviluppato una ricetta, che la food stylist Janice Poon avrebbe poi preparato e sistemato sul set, completa di elaborati paesaggi della tavola che hanno dominato gran parte del look dello spettacolo. Il "food porn" su cui Fuller ha insistito è diventato così popolare tra i fan che Poon ha iniziato un blog sul processo e alla fine ha anche prodotto un libro di cucina.

5. DIVERSI RUOLI SONO STATI INVERTITI DI RAZZA E GENERE.

Per iscritto Annibale, Fuller considerò la scrittura di Harris, in particolare Drago rosso– per essere una sorta di Bibbia guida, ma questo non significa che non si prendesse delle libertà. Ha invecchiato il personaggio del titolo, che tra le altre cose rimuove dalla considerazione le esperienze traumatiche dell'infanzia di Lecter durante la seconda guerra mondiale, ma forse i cambiamenti più notevoli sono arrivati ​​nel casting. Diversi ruoli chiave nella serie sono stati infine assegnati ad attori di razze e persino generi diversi da quelli precedentemente rappresentati, nel tentativo di aumentare la diversità del cast. Così, Annibale ci ha dato attori neri nei ruoli dei personaggi precedentemente bianchi Jack Crawford (Laurence Fishburne) e Reba McClane (Rutina Wesley), e i personaggi precedentemente maschili Alan Bloom e Freddy Lounds sono diventati Alana Bloom (Caroline Dhavernas) e Freddie Lounds (Lara Jean Chorostecki) .

“Perché è una rappresentazione più accurata del mondo, e se solo lo facessimo Drago rosso di nuovo, sarebbe una festa con salsicce con un gruppo di ragazzi bianchi ", ha detto Fuller a Bloody Disgusting. “Voglio dire, quando ho iniziato a scrivere, le mie protagoniste erano sempre giovani donne, e c'è qualcosa in quel punto di vista. puoi fare alcune cose con un personaggio femminile che non puoi fare con un personaggio maschile. Ad esempio, penso sempre che rendere femminile un personaggio ti dia molte più opportunità di espressione".

6. DAVID TENNANT HA QUASI GIOCATO HANNIBAL.

Myles Aronowitz, Netflix

Hugh Dancy è stato il primo cast stellare della serie, unendosi a Annibale come Will Graham nella primavera del 2012, ma il casting per il ruolo del protagonista ha richiesto un po' più di tempo. Dopotutto, come si fa a rifondere una parte che Anthony Hopkins ha sostanzialmente posseduto grazie a tre film e un Oscar? Alla fine, l'attore danese Mads Mikkelsen ha vinto il ruolo, ma non era l'unica star considerata. Ad un certo punto, Fuller si è incontrato con Dottor chi e Jessica Jones star David Tennant sul ruolo.

"Ho incontrato [Annibale produttore esecutivo] Bryan Fuller un paio di volte e ne abbiamo parlato", ha detto Tennant Intrattenimento settimanale. "Ma penso che abbiano scelto abbastanza saggiamente Mads Mikkelsen, penso che sia stata una scelta perfetta per questo, e penso che abbia fatto cose con quel personaggio che non sarei riuscito a gestire, quindi penso che l'uomo giusto abbia avuto il lavoro."

7. I CENSORI SONO STATI COINVOLTI ATTIVAMENTE NEL PROCESSO CREATIVO.

Per uno spettacolo come Annibale, scene del crimine elaborate piene di corpi mutilati avrebbero sempre fatto parte del processo, il che aggiunge ancora più credito all'idea che una serie del genere potrebbe essere più adatta al cavo che a una rete di trasmissione. Alla NBC, tuttavia, Fuller ha adottato un approccio molto pratico per creare i vari raccapriccianti omicidi con l'aiuto del dipartimento degli standard e delle pratiche della rete. Piuttosto che scrivere o girare qualcosa e poi litigare con i censori della rete su ciò che non poteva mostrare, Fuller avrebbe prima contattato direttamente le sue idee, e poi avrebbe lavorato con loro per rappresentare la migliore versione possibile della scena compatibile con la NBC . Di conseguenza, ha imparato alcuni trucchi per aggirare i limiti di violenza delle trasmissioni televisive.

"Più il sangue è rosso e più luminoso, meno si può mostrare", ha detto. "Quindi, se scurisci il sangue e lo getti nell'ombra, puoi essere molto più grafico di quanto saresti normalmente in grado di fare".

Si dà il caso che il sangue scuro oscuro combacia Annibalel'estetica complessiva di questo è perfettamente, quindi quella nota particolare ha funzionato per tutti.

8. UN EPISODIO MAI ANDATO IN ONDA SU NBC.

Non è mai stato un segreto che Annibale sarebbe il tipo di spettacolo che si occupava di crimini grafici ed efferati. I suoi due personaggi principali sono un serial killer e un uomo che dà la caccia ai serial killer, dopotutto. Tuttavia, anche Fuller ha i suoi limiti, e dopo alcuni mesi particolarmente violenti in America tra la fine del 2012 e l'inizio del 2013, ha chiesto alla NBC di ritirare il quarto episodio della prima stagione dello show. "Oeuf", l'episodio in questione, coinvolgeva una donna (Molly Shannon) che faceva il lavaggio del cervello ai bambini per uccidere le loro stesse famiglie. Fuller ha ritenuto che "dato il clima culturale in questo momento negli Stati Uniti, penso che non dovremmo mandare in onda l'episodio nella sua interezza", e ha citato in particolare la sparatoria alla scuola di Sandy Hook e l'attentato alla maratona di Boston come esempi. "Oeuf" è stato ancora preso in giro tramite una serie di clip rilasciate sul sito Web della NBC e l'episodio è ora disponibile su Blu-ray e tramite servizi di streaming.

9. C'È STATO UN OMICIDIO ELABORATO CHE LO SHOW NON È STATO PERMESSO DI FILMARE.

Nonostante lavori a stretto contatto con gli standard e le pratiche della rete per mostrare il più possibile entro i limiti della trasmissione televisiva, Annibale era ancora una serie in onda su una delle quattro grandi reti di trasmissione, e non via cavo. Ciò significava che le limitazioni erano sempre inevitabili, e ad un certo punto Fuller e l'immaginazione degli scrittori arrivarono oltre quanto la NBC fosse disposta a consentire.

Quindi, qual è l'unica grande scena del delitto a cui la NBC ha detto di no? Secondo Fuller, sarebbe arrivato nell'episodio "Roti" della prima stagione, in cui Graham sta inseguendo l'assassino in fuga Dr. Abel Gideon (guest star Eddie Izzard). La scena avrebbe coinvolto Lounds che veniva attirato in una stanza dove una delle vittime di Gideon stava aspettando, ancora viva, con una fessura nello stomaco. Lounds avrebbe quindi attivato un interruttore che ha attivato un ventilatore da soffitto, e sarebbe stato rivelato che il ventilatore era effettivamente attaccato all'intestino dell'uomo attraverso il taglio nel suo stomaco. Quando il ventaglio ha iniziato a girare, lo avrebbe sventrato.

"Era l'unico in cui la NBC era tipo, 'Non so come lo farai'", ha detto Fuller. "Ci saremmo rifiutati se non ci fosse stato detto che finanziariamente non sapevamo come potevamo permetterci di produrre un tale bavaglio, perché hai l'intestino che oscilla intorno a un ventilatore a soffitto", aggiunge.

10. LA PI GRANDE SCENA DEL CRIMINE DELLO SPETTACOLO UTILIZZA CORPI UMANI REALI (VIVENTI).

NBCUniversal Media

Il primo caso di Annibalela seconda stagione di "The Muralist", un serial killer che ha rapito e ucciso varie persone di diverse etnie, ha preservato i loro corpi con silicone e resina, e poi li ha cuciti insieme in un modello massiccio e intricato sul fondo di un silo per formano la forma di un occhio umano (le vittime con la pelle più chiara costituivano il bianco, mentre le vittime con la pelle più scura erano la pupilla). È un visual intenso e accattivante anche da Annibale's, e mentre la produzione ha utilizzato un programma per computer chiamato Form Z per progettare in anticipo il layout dei corpi, quando è arrivato il momento di filmare effettivamente la scena non c'era alcun sostituto per la cosa reale. Sono state impiegate diverse dozzine di artisti dello sfondo e gli è stato chiesto di sdraiarsi in uno schema elaborato sul pavimento del set per due giorni di riprese, di solito quasi nude.

«Più di quaranta corpi umani. Hanno riscaldato il fondo del pavimento per gli artisti degli sfondi in modo che non soccombessero al freddo", ha ricordato Fishburne. "E entri in quella stanza e sei colpito immediatamente da tutto l'odore della carne umana e dai feromoni che escono da tutti e tutto ciò che vuoi fare è sdraiarti e andare a dormire con loro."

11. INCLUDE A MERAVIGLIE INCROCIO.

È un po' una tradizione tra le serie TV di Bryan Fuller che si stabilisca un tessuto connettivo tra qualunque sia la serie attuale e gli spettacoli che l'hanno preceduta, stabilendo ciò che i fan chiamano il "Fullerverse". Questo portato in Annibale, che condivide una connessione molto breve con la serie Fox di una sola stagione di Fuller meraviglie. Nel AnnibaleNel secondo episodio, "Amuse-Bouche", una donna di nome Gretchen Speck (Chelan Simmons) va in farmacia per prendere la sua insulina, momento in cui viene rivelato che in precedenza era Gretchen Speck-Horowitz, ma da allora ha divorziato. Speck è una delle potenziali vittime del serial killer di quell'episodio, un farmacista che dà ai pazienti diabetici il farmaco sbagliato per metterli in coma, poi li seppellisce a metà e usa i loro corpi come fattorie di funghi nella foresta. Speck doveva essere la sua prossima vittima, ma lei è stata salvata prima che potesse portare a termine il suo piano. Gretchen Speck-Horowitz era una delle meravigliepersonaggi ricorrenti, e perché è riuscita a sfuggire alla morte in Annibale, è ancora in giro per un'altra serie di Bryan Fuller.

12. DAVID BOWIE ERA QUASI UNA GUEST STAR.

Stephen Luff via Flickr // CC BY 2.0

Oltre a un cast principale stellare, Annibale era anche sempre pieno di guest star interessanti, da Eddie Izzard a Gillian Anderson a Lance Henriksen. Una guest star in particolare, però, era sempre appena fuori portata per la serie. Per la seconda stagione, Fuller ha offerto il ruolo dello zio di Hannibal, Robert Lecter, al leggendario musicista e attore David Bowie, ma Bowie non era disponibile e il ruolo non è stato scelto, anche se non senza la speranza che Bowie potesse finalmente trovare il tempo per la serie.

"Ci è stato detto dal suo personale, quando abbiamo ricevuto il pick-up per la terza stagione, di assicurarci di chiedere nuovamente la sua disponibilità", ha detto Fuller. “Quindi, una volta che avremo le nostre date, chiederemo di nuovo. Penso che l'uomo cammini sull'acqua, quindi mi piacerebbe essere nella sua orbita, in qualche modo.

Bowie, ovviamente, non ce l'ha mai fatta Annibale, e ora sappiamo che ha trascorso gli ultimi 18 mesi della sua vita combattendo contro il cancro al fegato e lavorando ai suoi ultimi progetti musicali prima di morire il 10 gennaio 2016.

13. UN RISVEGLIO INCENTRATO SU IL SILENZIO DEGLI AGNELLI È ANCORA POSSIBILE.

Annibale è stato cancellato nel giugno del 2015, poche settimane dopo l'inizio della terza stagione, dopo tre anni di acclamazioni di critica ma ascolti costantemente bassi. "Fannibals" ha immediatamente iniziato a richiedere che la serie continuasse altrove e Fuller ha preso in giro discussioni con vari servizi di streaming per farlo. A un certo punto, sembrava che un accordo per portare la serie su Amazon per una quarta stagione fosse vicino, ma la timeline ha finito per non funzionare a causa in parte dell'impegno di Fuller per la serie Starz. divinità americane. Tre anni dopo, non abbiamo ancora visto più Annibale.

Ciò non significa che non accadrà mai, però. Fuller ha costantemente affrontato la possibilità di una quarta stagione o addirittura di una miniserie per riunire il cast dello show, e sia Mikkelsen che Dancy hanno espresso interesse a tornare. Se lo spettacolo tornasse, Fuller mirerebbe a concentrarsi su una qualche forma di Il silenzio degli innocenti trama, dopo essersi adattato Drago rosso nella terza stagione, risolvendo anche il letterale cliffhanger alla fine della serie NBC.

Allora, quando potrebbe succedere? L'anno scorso, Fuller ha affermato che i diritti sono finalmente tornati a De Laurentiis, che ha iniziato "conversazioni" sul futuro del franchise. Non abbiamo ancora idea di cosa riserva quel futuro, ma anche tre anni dopo, i fannibali non lasciano andare il loro cannibale preferito.

Fonti aggiuntive:
Featurette di “Hannibal Reborn”, 2013
Featurette di “A Taste for Killing”, 2013
L'arte e la realizzazione di Annibale la serie televisiva di Jesse McLean, 2015


Nuove norme igienico-sanitarie

Quando si tratta di sanificare efficacemente i ristoranti, Andrés ha chiesto a Fauci se i proprietari dovrebbero esplorare nuove tecnologie come le luci UV che potrebbero aggiungere ulteriori livelli di igiene.

Mentre alcuni studi hanno dimostrato che le luci UV sono efficaci nell'uccidere il virus, Fauci ha affermato che non pensa che ogni ristorante debba installarle. Il modo più efficace per uccidere il virus è molto più semplice ed economico di così.

"Questo virus è molto sensibile in particolare ai detergenti a base di alcol", ha detto. “Una buona pulizia è importante perché sappiamo che il virus può vivere per periodi di tempo differenziati su cromo, acciaio, stoffa e legno. E varia davvero. Funziona meglio su superfici molto dure e molto meno bene su superfici porose. Quindi l'idea di pulire a intermittenza, abbastanza spesso da essere efficace, le cose che le persone toccano intorno alle sedie, alle maniglie delle porte, entrando nei bagni delle donne e degli uomini ti consiglio vivamente di farlo. … Fare quel tipo di buona pulizia funzionerà.”

What you need to know about coronavirus

In addition to continuously sanitizing surfaces in restaurants, Fauci said employees should also constantly wash their hands and use hand sanitizer themselves.

“Your staff should do it until they’re tired of it,” he told Andrés.

Providing sanitizer for customers is just as important. It’s best to do as soon as customers walk in the door, but it wouldn’t hurt to also have hand sanitizer on the tables for customers. If anything, Fauci said, providing that extra sanitizing option would bring comfort to customers.

Guidelines laid out by the Texas Restaurant Association and Abbott’s reopening plan also encourage restaurants not to leave utensils, cups or condiments on tables and to use disposable menus only as an added layer of precaution.

Testing, training and polite policing: How one Dallas restaurant is preparing to reopen the safest way possible


Jose Andrés

World Central Kitchen is now the biggest feeding operation in Guatemala. What goes into a meal?

#ChefsForGuatemala Activates

José and the World Central Kitchen team are on the ground in Guatemala following the deadly volcano

José and Team Announce Mercado Little Spain

Now introducing José's Spanish Food Hall!

José Receives Honorary Doctorate from Tufts University

This is his second honorary doctorate

Fast Company Features José

José gets the profile treatment

An Update From Puerto Rico

World Central Kitchen and the #ChefsForPuertoRico have been staying busy in Puerto Rico

José Named Humanitarian of the Year

The James Beard Foundation names José Humanitarian of the Year for 2018

José Featured on ླྀ Minutes'

José tells Anderson Cooper how food can be "an agent of change," one plate at a time

Close Out 2017 and Start 2018 on a High Note!

Oh what fun it is to enjoy a clementine festival, celebrate New Years Eve, and more with José and ThinkFoodGroup!

José Shares Thanksgiving Thoughts and Recipes

This year, José will be celebrating Thanksgiving with friends in Puerto Rico

José & Team Cook Their Culture at StarChefs

José, minibar's Chef Ruben, and Somni's Chef Aitor talk about their past, present, and future

#ChefsforPuertoRico Scales Down Efforts

After serving more than 2 million meals to hurricane-affected communities, José and team have scaled down their operations.

José & WCK Reach 1 Million Meals Served in Puerto Rico

José, World Central Kitchen, and #ChefsforPuertoRico announce their one millionth meal served

What's Coming Up This Fall?

It's a full calendar this fall for José and ThinkFoodGroup!

Eat Spain Up! Mostra

Eat your way through Spain in Washington, D.C.!

José Cooks a Taste of Spain on the Today Show

In front of a crowd, José prepares a Spanish feast on the streets of New York!

José and Team Say Thanks for Houston Contributions

With generous contributions from supporters and partners, José and his team were able to cook 1,000 meals a day for people in need throughout Houston

World Central Kitchen Project Puts Fishermen First

A new project from World Central Kitchen in Haiti helps fishermen in Jacmel

José: Guest Editor of Food & Wine Magazine

The Food & Wine September issue is dedicated to all things Spain

Upcoming Events in the World of José and TFG

What's happening in José's world as summer turns to fall?

José Tells Us to Have an Olive Day!

José becomes a spokesman for olives from Spain

José and Friends “Jamón the Bass” in Napa

José joined legendary musicians for an on-stage jam session . with ham!

What's on the Calendar this Summer?

What's on the Calendar for José & ThinkFoodGroup this summer?

José to Open a Spanish Dining and Market Destination in NYC

José to Open a Spanish Dining and Market Destination in New York&rsquos Hudson Yards in Late 2018

Jaleo to Debut at Disney Springs

José is proud to announce the newest Jaleo location at Disney Springs!

Springtime is for golf, cherry blossoms, soccer, and more!

What's happening this spring in José's world?

José Wows at South Beach Wine and Food Festival

"I believe that food can be an agent of change &ndash and now more than ever we need to be making change in the world!" said José

World Central Kitchen Launches Coffee Roasting Project in Nicaragua

WCK has invested in new coffee roasting equipment to support good jobs and fresh coffee in Nicaragua!

José's Favorite Things

What are a few of José's favorite things?

José and Jorge Ramos Talk Success in America

Superstar Mexican-American reporter Jorge Ramos visits José and his DC restaurants

What's In Store for 2017?

José and his team always have a lot going on. Ecco alcuni punti salienti.

Help Me Save the Monarchs

by José Andrés Do you know why I named my Mexican restaurant Oyamel?

Hurricane Relief in Haiti

When disaster struck in Haiti, José and World Central Kitchen mobilized to help out.

Minibar Receives Two Michelin Stars

Michelin finally arrived in Washington, DC, producing its first ever guide for the nation&rsquos capital in 2016, and awarded minibar by José Andrés two coveted stars.

José Receives the National Humanities Medal

On September 22nd, José received the National Humanities Medal during a special ceremony at the White House.

José on Emeril Lagasse’s Eat the World

José Andrés Delivers Bethesda-Chevy Chase High School Commencement Address

Start Doing: José's Inspiring Message At Latino Talks

By the time José finished telling his story to the sold-out Latino Talks event, the audience was star-struck.

José Makes Paella With A Purpose

The crowd lines downtown Washington DC&rsquos Woodrow Wilson Plaza. Suddenly, the energy in the packed square shifts. José Andrés has arrived.

José Co-Hosts Street Fight Chef Challenge on Rodeo Drive

Rodeo Drive never had it this delicious.

Spain and José, Together Again

It&rsquos nighttime in Spain&rsquos rainy province of Asturias, and Chef José Andrés is wandering the streets of the capital, Oviedo. He's happened upon a statue that looks familiar.

José's Instagram Photo Of The Month

What's on José's Instagram? You have to follow him to find out.

Five Times You Wish You Tagged Along With José

What do paella, a veggie bowl, and a Cuban cigar have in common? José, of course. Here are five times you wish you&rsquod been at the party.

José Gives A Cooking Demo At The White House Easter Egg Roll

José Andrés brought the power of vegetables to the 2016 White House Easter Egg Roll, the annual tradition that presidents and first ladies have hosted for 138 years running.

José Andrés Joins President Obama's Historic Cuba Visit

José made the most of a historic trip to Cuba this week, spending time with everyone from Cuban chefs and entrepreneurs to President Barack Obama himself.

Miami Devours Jose’s Paella By The Pool At South Beach Wine & Food Festival

José hosted a sold-out Paella and Tapas by the Pool Party at the 15th annual South Beach Wine & Food Festival in Miami.

José Speaks About U.S. Citizenship

In a video that premiered on the White House&rsquos YouTube page, José talked about his own story of immigration to the U.S.

The Daily Meal Names José One Of America’s 50 Most Powerful People In Food 2016

&ldquoCeaselessly energetic&rdquo José is ranked #28 on the list.

Grilling With José

A day of grilling with José is anything but your average barbecue.

José Named EY Master Entrepreneur of the Year

&ldquoI am so honored to be a part of this talented group of entrepreneurs,&rdquo José told the crowd at the EY Awards Gala this past June as he accepted the EY Master Entrepreneur of the Year award for the Greater Washington area.

4 Things to Look for at Your Local Farmers’ Market

What&rsquos better than going to your local farmers&rsquo market at the peak of summer?

James Beard Award-Winner Adam Danforth & José Take on Ferdinand the Bull

This past month, José welcomed slaughtering and butchering extraordinaire Adam Danforth to his home for a very special event courtesy of Chapel Hill Farms from the Shenandoah Valley: a tasting of a six year-old Randall Lineback cow and a three month-old Randall Lineback calf.

You’re Invited: A Culinary Getaway in Puerto Rico with José

Pack your bathing suit and join José at the first annual Dorado Beach Culinary Getaway, hosted at Dorado Beach, a Ritz-Carlton Reserve.

Where in the World is José?

From Mexico to DC to New York City and national television, José is on the move this coming fall. Here are his latest events.

José Joins President Obama at The Global Entrepreneurship Summit in Nairobi, Kenya

On July 25, José spoke to a group of African chefs about hunger, the hazards of cookstoves, and the world of culinary entrepreneurship at the Global Entrepreneurship Summit in Nairobi, Kenya.

José Joins The 2015 Milan Universal Exposition

The 2015 Milan Universal Exposition kicked off May 1st 2015, and José recently visited to speak on his role as the Culinary Ambassador for the Global Alliance for Clean Cookstoves in order to educate a broad international audience on the benefits of clean cookstoves and fuels.

José to Bring The Bazaar to New York City

Eater NY has announced that José will be opening his world-class Bazaar in the upcoming SLS Hotel in New York City.

José Named One of The Daily Meal's 60 Coolest People in Food & Drink

The Daily Meal has named José as one of 2015&rsquos coolest people in food and drink for his passion for culinary excellence.

José Will Curate Food Court at Landmark Music Festival

This September, José will be the curator for the food at the Landmark Music Festival.

José Discusses Food Security and Gastrodiplomacy at the Italian Embassy

José recently engaged in a panel discussion at the private residence of Italian Ambassador Claudio Bisogniero to highlight the challenges of feeding a growing population in a safe and sustainable way by preserving cultures and traditions.

Rob Wilder & José Win RAMMYs 2015 Restaurateur of the Year Award

ThinkFoodGroup is proud to announce that Chef José Andrés and Rob Wilder were named the 2015 Restaurateurs of the year.

The Man with 100 Birthday Cakes

Chef, author, father Jacques Pépin is considered the culinary master of French cuisine.

Beefsteak’s Universe of Vegetables

For José, there&rsquos more to vegetables than meets the eye.

Survey Says: Answers From Our R&D Team

Each ThinkFoodNews issue we'll be surveying our team of cutting edge chefs from the ranks of José Andrés.

Food and Technology Meet to Feed the World

José will join the best and the brightest from the world of culinary and technology for the inaugural BITE Conference in Silicon Valley.

#VegetablesUnleashed

They&rsquore powerful, beautiful and sexy. They&rsquore vegetables, and they&rsquore being unleashed in Washington, D.C. at our newest restaurant concept, Beefsteak.

Pwason Beni: World Central Kitchen's Sustainable Seafood Restaurant in Haiti

We are proud to share World Central Kitchen's most recent endeavor, the Pwason Beni Kitchen in Croix des Boquettes, Haiti.

José Takes Miami at the Annual South Beach Wine and Food Festival

This month, José and a roster of culinary greats turn up the heat in Miami at the renowned South Beach Wine and Food Festival.

José's Latest on National Geographic: A Spanish American Food Connection

In José's latest contribution to National Geographic's food blog, The Plate, he discusses the deeps ties between America and Spain, and how food ties it all together.

The Washington Post, "José Andrés' China Chilcano Previewed"

The Post's food critic Tom Sietsema writes an early review of José's new Peruvian spot in Washington, D.C.

José Talks Vegetables & Beefsteak with The Washington Post

José tells The Washington Post why he'd like everyone to consider the vegetable.

José Joins Food Tank at their 1st Annual Food Tank Summit

In anticipation of Food Tank's 2nd Anniversary Celebration, they ask José five important questions in relation to their 1st Annual Food Tank Summit from January 21-22, 2015.

China Chilcano Debuts in Washington DC’s Penn Quarter

Chef José Andrés Opens Contemporary Peruvian Restaurant in the Heart of Downtown DC.

Tasting Peru with José Andrés and Team

José and his research and development team explore Peru's diverse culinary landscape to prepare for the opening of his newest restaurant in Washington, D.C., China Chilcano.

Step Inside the World of José

Here's what happens when José goes to the market.

Stock Up on Holiday Favorites From José

The holidays and entertaining lots of family and friends are upon us, so make sure you have José Andrés Foods in your kitchen.

José and Deschutes Brewery Introduce Zarabanda

We&rsquore proud to announce the release of Zarabanda, a new José Andrés-inspired, saison style beer from Deschutes Brewery.

Cooking Up Sexy Vegetables from Beefsteak with Ellen

José appeared on the Ellen DeGeneres Show last month to debut his new fast-casual concept, Beefsteak.

Welcome to the José Andrés Newsletter

Just in time for the holidays, José and team bring you our first ThinkFood newsletter.

What Happens When José Goes to the Market?

A typical day at the market with José is anything but.

José and Nobu Matsuhisa Team Up to Support the TOMODACHI Initiative

José and Nobu joined forces in Japan last month to host a charity dinner.

José Awarded Outstanding American Citizen by President Obama

On July 4th, 2014, José received Outstanding American by Choice Award from President Barack Obama.

José Andrés Foods Nominated for Best Product Line of 2014

José Andrés Foods has been nominated as a finalist for Best Product Line of 2014 by the Sofi Awards for Specialty Foods.

José Discusses Small Farming and the Future of Food for National Geographic

For his second post on National Geographic&rsquos food blog, The Plate, José discusses the farmers&rsquo market movement in America and why connecting with our world&rsquos small farmers is important both here and abroad.

José Joins National Geographic to Discuss Food and Our World Today

José is honored to be a part of National Geographic&rsquos new web portal, NatGeoFood.com.

SLS Las Vegas to Open Labor Day Weekend

As Culinary Director for sbe Hotel Group's SLS Hotels, José Andrés and his team are excited to join sbe in announcing the opening of SLS Las Vegas this Labor Day Weekend!

José Andrés to Host Celebrity Chef Charity Golf Tournament

José will join special guest Chi Chi Rodriguez out on the course this year at the Food Network South Beach Wine & Food Festival

Jose Weighs in on the Immigration Debate

The first time I saw America was from my perch on the mast of a Spanish naval ship, where I could spot the Statue of Liberty reaching proudly into the open, endless American sky. At night, I would often wonder whether that sky was the explanation for the stars on the American flag &mdash put there so the world would know that this is a place of limitless possibility, where anyone from anywhere can strive for a better life.

Jose Shares His American Dream Story on the Today Show

José Andrés, chef, entrepreneur, husband, and father is also now an American Citizen! He shares his story of his 23 year journey to becoming an American and his thoughts on the current debate on immigration reform in America in a special segment in the Today Show!

José Andrés Brings the Wonders of China and Peru to the Nation’s Capital

Jose expands his family of restaurants in Penn Quarter!

José Andrés Foods Available at Whole Foods Markets

Renowned celebrity chef brings the best Spanish products to stores throughout DC, Maryland and Virginia

José Andrés Becomes the First Chef in History to Receive the Hispanic Heritage Award

José Andrés became the first chef in the history of the Hispanic Heritage Awards to be recognized for his outstanding achievements and leadership in promoting Latino heritage.

José Andrés to Receive Hispanic Heritage Award

On September 5th Chef José Andrés will be among the recipients of the 26th Annual Hispanic Heritage Awards.

José Andrés Foods Launches

José brings some of the finest foods from Spain directly into American home kitchens.

11 Chefs Changing the Food Scene

Chefs are now seen as arbiters of change - they can introduce their patrons to local farms, local ingredients and fresh, sustainable food. Huffington Post honors José and ten other amazing chefs.

José Inducted into the 2013 Menu Masters Hall of Fame by Nation's Restaurant News

The always-ideating chef prioritizes philanthropy, sustainability

Wall Street Journal's Slow Food Fast

José Andrés provides recipes for a 4-part Wall Street Journal article

José Andrés Named Honorary Spanish Ambassador

José Andrés Named Honorary Ambassador of Marca España and Receives Award from Prince of Asturias

Inside José Andrés' ThinkFoodTank with Home & Design

José Andrés and his team go interactive in their new corporate headquarters.

Food & Wine Introduces the Chefs Make Change Coalition

José Andrés has added to his job description as a chef: philanthropist visionary.

2012 Chef of the Year by The Daily Meal

For The Daily Meal, one chef in the US stands higher above the rest this year.

José named 2012 Downtown Person of the Year

Washington DC's Downtown Business Improvement District named José their Downtown Person of the Year for contributing to the economic and social vitality of Downtown DC.

The Call of the Tall Ship

José speaks with the Wall Street Journal and recalls his time on a tall ship serving in the Spanish Navy.

Fodor's Travel Tastemaker: Chef Extraordinaire José Andrés

Let us count the ways we love José Andrés. This international culinary powerhouse, a 2011 James Beard "Outstanding Chef," seems to be everywhere these days.

Thinking Food With José Andrés

FoodsFromSpain.com review a busy week of appearances on US media for José Andrés.

Delta's Sky Magazine Takes a Llook at José's Favorite Street

José guides you along Downtown DC's 7th Street NW for Delta Airline's Sky magazine

Celebrity Chefs Join Oxfam to Fight Hunger on World Food Day

World renowned chefs create recipes, promote Oxfam America&rsquos GROW Method

The next role for José, consultant to NBC's Hannibal - The Washington Post

Add yet another line to the epic resume of celebrity chef José Andrés: culinary consultant for the NBC series "Hannibal", based on the fictional serial killer Hannibal Lecter.

Putting Spain Back in Spanish Food with José Andrés

José Andrés becomes the Dean of Spanish Studies at the International Culinary Center in Manhattan.

José Joins State Department Culinary Partnership

As part of the US State Department's Diplomatic Culinary Partnership, chefs from across the country serve as resources for the State Department by preparing meals for foreign leaders and participating in public diplomacy programs.

Not Just Spices on His Shelves

The New York Times talks books-his personal library and collection-with José Andrés

The International Culinary Center Announces José Andrés as Newest Dean

José Andrés joins the ICC to design an exclusive course on Spanish Culinary Arts.

José Selected for Time Magazine's 100 Most Influential People in the World

José is profiled by Anthony Bourdain in the TIME 100.

Condé Nast Traveler Names José "Hot Restaurateur"

José Andrés is named "Hot Restaurateur" of 2011 for his China Poblano and Jaleo in The Cosmopolitan of Las Vegas.

DC's RAMW honor Jose with the Duke Zeibert Capital Achievement Award

Celebrated Chef José Andrés is named the 2011 Duke Zeibert Capital Achievement Award Honoree by the Restaurant Association of Metropolitan Washington.

Wall Street Journal: José Wants to Feed the World (and you)

The whirling dervish of a chef is an entrepreneur (13 restaurants), teacher (Harvard), TV star (in three countries) and activist (a volunteer and head of his own nonprofit) who hopes to solve the problems of hunger with good food.

My favorite Mistake: Chef José Andrés On Getting Kicked Out of the kitchen

Learn how a simple mistake helps bring José to America

José Andrés named Culinary Ambassador to the Global Alliance for Clean Cookstoves

Chef Jose Andres joins the Global Alliance for Clean Cookstoves as &ldquoCulinary Ambassador,&rdquo helping to raise awareness of an issue that causes nearly two million deaths each year: toxic smoke from traditional cooking stoves.

José named "Outstanding Chef" at the 2011 James Beard Awards

José Andrés named "Outstanding Chef" in 2011 by the James Beard Foundation at their annual awards gala in New York.

José Awarded the 2011 Innovation Award by UCLA Extension Restaurant Industry Conference

Read about the presentation of the 2011 Innovation Award to José Andrés, chef and owner of the ThinkFoodGroup.

GQ Names José Andrés one of Washington's 50 Most Powerful People in 2011

"It happens rarely that a city of any size is so fully identified with one chef," says ubiquitous New York restaurateur Danny Meyer. "But you cannot think about Washington-slash-food without the next slash being José Andrés."

José Andrés & Rob Wilder Awarded the Richard Melman Award by Restaurant Hospitality

Architects of Change José and Rob are awarded the Richard Melman Award for their efforts to create exciting and relevant concepts.

Spain to Honor DC's Celebrity Chef José Andrés

For the first time, a chef is being awarded one of Spain's highest culture honors.

Chef José Andrés Decorated with the Order of Arts and Letters of Spain

Spain's Ministry of Culture awards the Order of Arts and Letters to José Andrés, the first chef to receive the prestigious honor.

60 Minutes: The Culinary Miracles of José Andrés

Pioneering Chef José Andrés takes Anderson Cooper's taste buds on a savory tour of his culinary laboratory, featuring his avant-garde cooking technique, molecular gastronomy.

Jose Wins Culinary Arts Prize in 2010, Washington Post

Just when you thought that José Andrés had won every culinary award out there &ndash the James Beard Best Mid-Atlantic chef, Bon Appetit Chef of the Year, Food & Wine's 35 under 35 &ndash here comes another one.

José Honored as a Culinary Innovator by the Vilcek Foundation

The Vilcek Prize for the Arts is awarded to celebrated Spanish-born culinary pioneer José Andrés, credited with bringing Spanish culture to the forefront of American cuisine.


Come? How Does She… How?!

“I can either rely on my feeble understanding of anatomy or I can ask ‘Dr. Google’ what the dimensions are, what the skeletal structure is, just the general appearance and then I think, okay, what in the grocery store looks like what I’m looking for,” Poon says, explaining her choice of meats and portions. “It doesn’t always have to be meat, sometimes an eggplant will look like what you’re looking for, like a wrist or something. Then you have to know the bone structure. It’s got a tibia, but I need a fibula, or maybe it’s the other way around.” Whoa! As if the ‘food stylist’ title didn’t already smother us!

Poon says preparing for an episode usually involves getting a simple rundown from series show runner Bryan Fuller and receiving input from celebrity chef Jose Andres. “A lot of times, I’ll get a late night email from Bryan saying ‘we need a recipe for a leg, what can we do with this leg?'” She adds that it’s not always easy to convince the show runners that her ideas will work. She once had to send a photo to show runner Bryan Fuller to get the go ahead. “I remember there was some doubt as to whether this shank that I was preparing would actually look like a cow’s leg, so I put a sock on it and a shoe, put it up against my leg and took a picture and emailed Bryan, and they bought it,” Poon said.


Food Secrets Of NBC's "Hannibal"

The food is never what it appears to be, at all — but it's especially not people. The show's creator and food stylist explain how they do it.

When NBC ordered 13 episodes of a show about cannibalistic serial killer Hannibal Lecter, the show's creator, Bryan Fuller, had a difficult task: He needed to find a borderline crazy team to make the show's food — which is supposed to be human flesh. Oh, and Hannibal is also a gourmet cook.

Hannibal the TV show is a prequel to Drago rosso e Silence of the Lambs — that is, before Lecter is found out. So the villain is creepy but cheerful, a show-off cook — braising and garnishing parts of human bodies like he's Thomas Keller, then serving them to ignorant dining companions with a nice glass of Chianti. which means elaborate meals would be part of nearly every episode.

"One of the fantastic things about working with a character as established as Hannibal is that consumption, whether it be gourmand or something a little more nefarious, is always going to be a part of the occasion," Fuller says. "Hannibal's motto is 'eat the rude.' He refers to his victims as 'free-range rude.' This is a killer who's not so much someone wearing a hockey mask or hiding in the bushes — this is a gentlemen dandy who sees eating you as an appropriate response to your behavior."

Fuller needed to put together a team who could find humanlike body parts and turn them into delicious-yet-horrifying gourmet meals. So he turned to world-famous chef José Andrés. "The moment I mentioned I was working on Hannibal, [José's] eyes lit up, and he did the tube-sucking Chianti sound. He was very passionate and enthusiastic about the characters and the idea of a gourmand who's a serial killer, some reverence for his villainy that's appealing to a chef." Andrés joined the show as a culinary consultant, but they needed someone on the ground in Toronto who could physically prepare the food and help Lecter appear as a sophisticated gourmet.


The next role for Jose Andres: culinary advisor for “Hannibal,” a future NBC series


Remember this guy? Celebrity chef-about-town Jose Andres will be lending his culinary smarts to NBC’s upcoming “Hannibal.” (Phil Bray/MGM)

You remember Lecter. He’s the mad man from “Silence of the Lambs” who professed a fondness for human liver “with some fava beans and a nice chianti [insert scary tongue noise here].”

Andres says he was tapped by producer and screenwriter Bryan Fuller to flesh out the character, so to speak, by showing what a culinary sophisticate the cannibalistic psychiatrist was, pre-incarceration. There will be references to French chef Auguste Escoffier and fine wines, says the chef, and a scene featuring loin — but not pork or beef loin — with roasted apples and Cumberland sauce. Eventually, “every single body part” will factor into the show, says Andres, who adds that his research included eating “a lot of lung dishes this summer.” (Lung, from animals, is popular in Italy and Spain.)


(Sarah L. Voisin/The Washington Post)

Andres was eager to accept the assignment from Fuller, who won an Emmy Award for his work on “Pushing Daisies.” “This is beyond cannibalism,” says the chef. “It’s about people who have dark sides and dark stories.” His restaurant team had initial doubts about the project. “This is TV!” he told them. “I’m going to lose customers doing this? I don’t think so.”

Andres hesitates to share too much about his work on the series, which has not been given an air date yet. Some of his ideas might end up on the cutting room floor, he explains. But the chef suggests viewers watch for a party scene with food prepared by Lecter and also an “interesting” new way to prepare a Fuller favorite, mushrooms.

“I want Hannibal to have the same passion as Jose Andres has,” says Fuller, the creator of the 13 episode show, which is currently shooting in Toronto and stars Mads Mikkelsen as the cannibalistic psychiatrist before prison. (His advice to the actor: “Do not read any serial killer books. Look at cookbooks.”)

While the series will show Hannibal “at his most peacock and expansive,” Fuller says, the character will be seen cooking, rather than sourcing his main ingredients, to “make him more relatable and less a villain.”

Lecter is no garden variety flesh eater, says Fuller. The character thinks
of his victims like this: “You are a pig of a human being and you deserve
to become someone’s bacon.”


What’s on the menu at ‘Hannibal’?

In case you’re wondering, human flesh doesn’t taste like chicken. It tastes like veal.

This food “factoid,” dating back to adventurer and journalist William Buehler Seabrook’s 1931 book, “Jungle Ways,” is uppermost on the mind of the A-list culinary team assembled to create the dishes for prime time TV’s “chefiest” show ever: “Hannibal.”

NBC’s new series is a prequel to “Silence of the Lambs,” which takes us back to when the younger Hannibal “The Cannibal” Lecter (Mads Mikkelsen) was a brilliant psychiatrist employed by the FBI.

Lecter’s job is to help master criminal profiler Will Graham (Hugh Dancy) see into the minds of serial killers and periodically avoid the food at the government cafeteria.

On this show, yesterday’s autopsy is secretly today’s lunch.

The sick joke, for those who’ve never seen the movies or read the books, is that Lecter makes many of his “gourmet” meals from the humans he kills.

Graham and the other people who Lecter feeds are unaware of how the sausage was really made.

In order to create a culinary profile for a deranged serial killer — with a true gift for creating impeccable haute cuisine out of human beings — the show’s creator, Bryan Fuller (“Spingendo le margherite" e "Morto come me”) has recruited superstar chef José Andrés as culinary adviser.

(In 2012, Andrés was on Time magazine’s “Time 100” list of the most influential people in the world.)

Andrés has had a great time riffing on darker side of what we eat: “Food is at the heart of who we are in the good moments, and the bad moments,” he says.

Janice Poon, the show’s food stylist, scours Toronto (where the show is shot) in search of assorted vital organs and edible food that the actors can actually eat under the glare of the camera and through repeated takes. Poon has found that pig organs are usually the closest match for humans.

Poon credits her Chinese heritage for the fact that she doesn’t tend to be squeamish around organ meats — and for her ability to scour the Asian food markets with the same dexterity as the Kardashians shopping on Rodeo Drive.

When there is enough time, Poon orders from an abattoir (a k a slaughterhouse) to get the animal parts with the most photogenic flesh.

The show likes those “money shots” of tissue being meticulously sliced away to reveal a heart.

Poon also has to develop dishes that the actors are comfortable with eating. Poon says that Mikkelsen, who has been incredibly game about eating everything, was a bit thrown when she disguised mortadella as pieces of liver.

Soppressata (dried Italian sausage) has doubled for lung and kibbe (Middle Eastern meatballs) has passed for tongue.

Poon marvels at the special effects team’s ability to make a mangled leg and thigh look like a leg of finely aged prosciutto.

The hardest thing to fake: human eyeballs.

Move over Giada and Ina, NBC is also planning to post recipes from the show.


Guarda il video: ASMR hannibal lecter cooking


Commenti:

  1. Kajigami

    Secondo me ti sbagli. Discutiamolo. Scrivimi in PM, parleremo.

  2. Devereau

    Come mai?

  3. Bran

    Questa condizionalità, non più, niente di meno

  4. Laidly

    Condivido pienamente il suo punto di vista. Penso che questa sia un'ottima idea. Sono d'accordo con te.



Scrivi un messaggio