acetonemagazine.org
Nuove ricette

Cucinare con Cultura

Cucinare con Cultura


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Trasforma lo yogurt in piatti ingannevolmente deliziosi.

Quando apri il frigorifero alla ricerca di una colazione veloce o di uno spuntino di metà pomeriggio, ci sono buone probabilità che tu possa raggiungere un cartone di yogurt. Il prodotto caseario non è mai stato così popolare. E tutto quello che devi fare è visitare la corsia dei latticini al supermercato locale per vedere che lo yogurt ha fatto molta strada dagli anni '70, quando la confezione di latte fermentato ha goduto della sua prima ondata di popolarità negli Stati Uniti.

Il fascino dello yogurt va oltre la convenienza. È una buona fonte di proteine, calcio, vitamine del gruppo B e altri nutrienti. E a causa delle colture batteriche vive utilizzate per trasformare il latte in yogurt, "è in realtà più facilmente digeribile del latte. I batteri buoni usati per produrre lo yogurt abbattono anche il lattosio, lo zucchero del latte che alcune persone non riescono a gestire", afferma Miriam Nelson, Ph. .D., professore associato, Friedman School of Nutrition Science and Policy presso la Tufts University e autore di Le donne forti mangiano bene.

Mangiare sano dovrebbe comunque essere delizioso.

Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana per altri fantastici articoli e ricette gustose e salutari.

Il consumo di yogurt è stato a lungo associato alla buona salute e alla vita. Gli antichi assiri lo chiamavano lebene (vita), e oggi gli scienziati dell'alimentazione considerano lo yogurt un alimento probiotico. (Probiotici è il termine per una categoria di alimenti coltivati ​​che contengono batteri benefici.)

Lo yogurt è sempre stato un alimento base nella cucina mediterranea e indiana. La raita di cetrioli è un gusto rinfrescante allo yogurt che accompagna quasi tutti i pasti indiani. "Trovo lo yogurt più utile come rimedio per il troppo caldo del Cile", afferma Anne Willan, autrice di Buon cibo, senza fronzoli?. "Un cucchiaio veloce di raita di cetriolo e quella bruciatura infuocata si calma immediatamente."

Ma "lo yogurt è roba divertente in cucina", dice Willan. "Se lo riscaldi, si separa." Il suo consiglio: Mescolare lo yogurt nei piatti caldi all'ultimo minuto, dopo averli tolti dal forno o dai fornelli. Inoltre, il calore uccide le culture vive e attive nello yogurt, quindi una ricetta per pollo alla griglia marinato con yogurt e cumino potrebbe avere un ottimo sapore e vantare proteine, calcio e vitamine del gruppo B, ma non avrà benefici per la salute probiotici. Se vuoi incorporare lo yogurt nei pasti e mantenere le sue qualità probiotiche, usalo in piatti freddi, come zuppe fredde, salse o condimenti per insalate. Lo yogurt è ottimo anche come guarnizione di un dessert cremoso.

Preparati a cucinare. Di seguito sono riportate le ricette che incorporano lo yogurt.


Le nostre ricette preferite

    - I gente non c'è nessun paese più di questo. Adoro quelle frattaglie e le fauci di maiale. - Una vecchia ricetta della zuppa di coda di bue con verdure e coda di bue fresche o surgelate. - Vuoi delle ossa del collo e del riso da leccarsi le labbra? Questa ricetta funziona bene per le ossa del collo di maiale e per le ossa del collo di manzo. - Se pensi che i piedi di maiale bolliti siano deliziosi, ho solo la ricetta per te. Prova i piedi di maiale alla griglia. - Sei stanco del pollo fritto croccante e duro? Se, quindi, prova questa ricetta di pollo fritto del sud e cuoci il pollo che si scioglie in bocca. - La ricetta prevede farina di mais giallo e zucchero. Unisciti al resto del sud e servi pane di mais stasera. - Questa è un'ottima ricetta per completare il pasto. La gente adora questa ricetta tradizionale del cavolo in stile meridionale. - Preparati a cucinare il cavolo bollito con questi dettagli importanti e la ricetta gratuita. Impara come cucinare il cavolo che sa di nonna - Mangia i fagioli con l'occhio e porta fortuna alla tua famiglia tutto l'anno. Questo preferito degli afroamericani di capodanno può essere mangiato tutto l'anno. - Questa ricetta di fagioli di Lima vecchio stile è sia sana che nutriente. Servi i fagioli di Lima con riso integrale per un pasto ricco di proteine ​​di alta qualità. - Cerchi un buon cibo per l'anima che sia anche salutare? Cuocere fagioli borlotti e riso per un contorno essenzialmente senza grassi ricco di proteine. - Vai avanti e prova questo facile dessert del sud preferito. Vuoi essere deluso, sarai sorpreso. - Prova la torta di noci pecan se ti piacciono i dolci con le noci. Questo irresistibile dessert è il mio preferito. - Mangia il budino alla banana, lo spuntino salutare in qualsiasi momento, amato da adulti e bambini. Vai avanti e prova questa ricetta facile da seguire oggi.

Siamo sicuri che apprezzerai questa raccolta di ricette afroamericane per molti anni a venire. Detto questo, non tenere segreta questa ricetta nera tutta per te. Quindi assicurati di condividere questa pagina con la tua famiglia e i tuoi amici.


In Asia, con amore: ricette asiatiche quotidiane e storie dal cuore di Hetty McKinnon

Inserisci gli spaghetti shawarma. La ricetta è nata per puro caso: un barattolo aperto della spezia shawarma di New York Shuk mi tentava mentre preparavo i Singapore noodles di mia madre. Colpito dalle sue spezie calde di cumino, coriandolo e paprika, un desiderio improvviso mi ha visto scuotere impulsivamente lo shawarma sui vermicelli di riso nel mio wok al posto del curry in polvere. Il risultato è stato un trionfo.

È facile classificare la cucina della terza cultura come semplice fusione, ma farlo cancella quanto questi piatti siano profondamente connessi alle persone, al luogo e al tempo. Svincolato dalla certezza geografica, questa sensazione di sradicamento è esattamente ciò che rende il cibo della terza cultura così confortante per i bambini che sono cresciuti in bilico tra due o più culture. L'esistenza in una terza cultura spesso non si sente né qui né là, ma nel cibo possiamo capire meglio la confluenza dell'identità: come possiamo essere una miscela di molte cose, come possiamo ancora esistere in armonia.


Cucinare dalle ricette di Georgia O'Keeffe

Sono cresciuto ad Albuquerque, nel New Mexico, il che significa che sono cresciuto anche con Georgia O'Keeffe. Un suo dipinto, di una petunia viola gonfia e ingrandita, era appeso sopra il mio letto, completando perfettamente le mie pareti color lavanda e il motivo floreale in stile Laura Ashley. Non l'ho scelto io - i miei genitori l'hanno decorato quando ero ancora giovane - ma ho iniziato a sentirmi confortato dai petali gonfi, grandi e viola, come orecchie di elefante. I miei genitori avevano anche altre stampe di O'Keeffe: teschi di mucca e mesa vuote, spirali di conchiglie di nautilo e porte nere nelle case di mattoni. Queste immagini hanno popolato la nostra casa di stucco e sono diventate il mood board a basso ronzio che ha formato le mie prime idee sulla bellezza. Il modo in cui O'Keeffe guardava le piante, con l'occhio di un botanico per la struttura e la stranezza, ha influenzato le mie interazioni con i fichi d'India nel nostro cortile. Mi sedevo e studiavo le palette appuntite e i frutti rosa polverosi che proteggevano, decidendo quali colori avrei usato per dipingerle. Purtroppo non ho sviluppato un'attitudine artistica. Il più vicino che abbia mai avuto a emulare O'Keeffe è stato nelle mie lunghe gare di sguardi con le piante grasse.

Ma poi sono diventato adulto, mi sono trasferito a New York City e ho imparato a cucinare. Anche O'Keeffe, che ha fatto la migrazione opposta (ha iniziato a visitare il New Mexico alla fine degli anni '20, mentre viveva ancora a Manhattan, e si è trasferita definitivamente nel 1949), ha trascorso molto tempo nella sua cucina. Disse a Margaret Wood, che divenne la sua assistente nel 1977, quando O'Keeffe aveva novant'anni, che il motivo principale per cui aveva acquistato la sua casa nel ranch ad Abiquiu, dove si era trasferita nel 1949, era che aveva un giardino: era stanca di percorrendo le settanta miglia di strada sterrata da Ghost Ranch a Santa Fe per verdure fresche. Wood, che aveva ventiquattro anni quando iniziò a lavorare per O'Keeffe, cucinava spesso per l'artista, che era troppo vecchio per passare tutto quel tempo a tagliare e inscatolare. Ma Wood seguiva ancora le antiche ricette di O'Keeffe. "Il cibo servito in casa O'Keeffe era sempre nutriente, gustoso e semplicemente ma ben presentato", ha scritto Wood, nell'introduzione al suo libro di cucina del 1997, "A Painter's Kitchen: Recipes from the Kitchen of Georgia O'Keeffe."La signorina O'Keeffe si chiedeva spesso ad alta voce: 'Pensi che gli altri mangino come noi?'"

Ho ricevuto una copia di "A Painter's Kitchen" quando avevo poco più di vent'anni, come regalo di Natale da mio zio, un veterinario in pensione che trascorre i suoi pomeriggi come docente al Georgia O'Keeffe Museum di Santa Fe. Era il suo modo per incoraggiarmi a ricordare da dove vengo, ma quando ho sfogliato il libro ho scoperto subito che le sue ricette non erano esattamente per la cucina tradizionale del New Mexico. Sebbene ci siano alcuni riferimenti al sud-ovest, come le enchiladas di pollo al peperoncino verde e i fiori fritti, la maggior parte delle ricette del libro di Wood sembrano più simili alla cucina hippie californiana. C'è zuppa di avocado, insalata di ricotta e arancia e un cosciotto di agnello arrosto con salsa di miele e menta. A O'Keeffe piacevano i suoi cibi freschi, naturali e semplici. Mangiava un raccolto regolare di prodotti che qualsiasi acquirente di Whole Foods considererebbe di base - barbabietole arrosto, cavoli, tarassaco - ma che, per una donna che viveva nel deserto a metà del ventesimo secolo, erano decisamente eccentrici. Quando ho iniziato a cucinare come O'Keeffe, la mia dieta è diventata immediatamente più sana. Ho arrostito la zucca di ghiande. Ho brasato la bietola. Alcune delle ricette sono quasi beffarde nella loro semplicità. La preparazione del libro per i broccoli, adattata da una tecnica che O'Keeffe ha imparato dalla famosa nutrizionista degli anni Quaranta Adelle Davis, consiste semplicemente nel cuocerli a vapore e poi aggiungere il sale.

Eppure le interpretazioni di Wood delle ricette di O'Keeffe sembrano barocche rispetto alle cose reali, che di recente ho avuto l'opportunità di frugare da Sotheby's, nell'Upper East Side. (Il file delle ricette è solo un piccolo lotto in un'asta molto più grande, con oggetti dalla collezione di Juan Hamilton, ex assistente di studio di O'Keeffe, che ha ereditato la maggior parte della sua proprietà, incluso un album di fotografie di Ghost Ranch, diversi vestiti e una serie di pastelli tedeschi.) Il file delle ricette di O'Keeffe, che mantenne diligentemente dagli anni '50 agli anni '70, è una piccola scatola di schede multicolori, molte con istruzioni scritte nello scarabocchiato corsivo di O'Keeffe . Le carte sono apparentemente organizzate in ordine alfabetico, ma il sistema è imperfetto: le carte "B" e "C" sono messe al centro della pila, e se stai cercando "Sour Cream Dressing" (un ciuffo di panna con dragoncello, paprika, pepe ed erba cipollina) devi cercare sotto “D” e non “S”. Molte delle ricette sono dattiloscritte, trascritte da un devoto assistente. Alcuni sono lunghi solo poche righe e assomigliano alla poesia minimalista. Una ricetta per "Foglie di menta" recita semplicemente "Terre, verdi e secche. Passare nell'albume leggermente sbattuto, poi nello zucchero semolato. Asciugare in una buona corrente d'aria. Conservare in un barattolo asciutto. PROVA anche con le foglie di rosa.” Alcuni dei piatti, come "Floating Island", "Crabmeat Thermidor" e "Tomato Aspic", sono deliziosamente retrò. Ma la maggior parte delle ricette di O'Keeffe sono pratiche e austere: pane di segale, torte alla piastra, zuppa di farina d'avena, pollo arrosto. Si concedeva solo qualche indulgenza, come lime canditi o gelato alla vaniglia fresco fatto con tuorli d'uovo. Altrimenti, mangiava per fortificarsi, non per indulgere, il che sembra averle fatto bene: O'Keeffe visse fino a novantotto anni.

Giovedì, il giorno dell'asta, Sotheby's ha annunciato che il file della carta sarebbe andato alla Beinecke Rare Book and Manuscript Library, presso la Yale University, dove gli studiosi potranno visitarli. (La casa d'aste ha tenuto riservata la cifra finale, ma ha stimato le ricette tra i sei e gli ottomila dollari.) Ciò significa che saranno mantenute intatte per le generazioni future. E, sebbene sia confortante sapere che le ricette saranno a disposizione del pubblico e non nascoste nel caveau di un collezionista, è anche un po' triste rendersi conto che potrebbero non essere mai più vicino a una cucina. Molte delle schede delle ricette e dei fogli sciolti nella latta di O'Keeffe hanno macchie di cibo, incluso un manuale di istruzioni degli anni Cinquanta per una pentola a pressione. L'aspetto più incoraggiante di tenere in mano le ricette di O'Keeffe è stato vedere quanto fossero sbrindellate e ammorbidite, da dita unte. Mi piaceva sapere che cucinava mentre dipingeva: con vigore, affascinata dalla generosità della terra.

Se non sarai presto alla Biblioteca Beinecke, il libro di Wood è un degno sostituto. La mia copia si è trasferita con me in cinque appartamenti, in due città. Non ci cucino più troppo (tranne quando voglio fare una pentola grande di posole), ma mi piace ancora leggere le introduzioni di ogni ricetta, in cui Wood offre un ricordo dell'approccio cordiale e pragmatico del suo datore di lavoro la cucina. In "Brown Rice with Ginger", racconta una storia che racconterebbe O'Keeffe, sul soggiorno in un grande ranch nella valle del Rio Grande, negli anni Trenta. La padrona di casa stava preparando una casseruola e O'Keeffe notò l'acqua che gocciolava dal soffitto nella padella. "Miss O'Keeffe è salita sul tetto e ha trovato una grande pozzanghera proprio sopra la cucina", ha scritto Wood. "È stato presto spazzato via e la casseruola è stata mangiata nonostante le gocce".


Biscotti all'erba cipollina cheddar dello chef Lamar

Tempo totale

Servi

  • 2 1/4 tazze di farina per tutti gli usi
  • 2 1/2 cucchiaini di lievito per dolci
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 1/2 tazza di burro freddo, brandello leggermente congelato sulla grattugia a cassetta
  • 1 tazza di formaggio cheddar grattugiato
  • 3 cucchiai di erba cipollina fresca tritata
  • 1 tazza di latticello
  • 1 vasca Lloyd's ® Stagionato & Triturato di Maiale in Salsa BBQ Originale

Istruzioni

Preriscaldare il forno a 425°F. In una ciotola capiente, sbatti i primi cinque ingredienti. Tagliare il burro fino a ottenere un composto simile a briciole grossolane, aggiungere il formaggio e l'erba cipollina. Aggiungi il latticello mescolando fino a quando non si inumidisce. Capovolgere su un piano leggermente infarinato impastare delicatamente 8-10 volte.

Pat o arrotolare l'impasto a 3/4 pollici. spessore tagliato con un infarinato 2-1/2-in. tagliabiscotti. Mettere 2 pollici di distanza su una teglia unta. Cuocere 10-12 minuti o fino a doratura.

Scaldare una vasca di Lloyd's ® barbecue secondo le indicazioni sulla confezione. Tagliare a fette i biscotti e farcire con il barbeque. Servire caldo.

Il cibo è conforto ed è amore.

Lo chef Lamar Moore

Mais messicano di strada dello chef Lamar

Tempo totale

  • 1/4 tazza di maionese
  • 1/4 tazza di crema messicana
  • 1 tazza a dadini Applegate Naturals ® Monterey Jack Cheese
  • 1 cucchiaio di peperoncino ancho in polvere
  • 1 cucchiaio di aglio tritato
  • 2 mazzi di coriandolo, tritato
  • 4 spighe di mais sgusciate
  • 1 lime, tagliato a spicchi

Istruzioni

Preriscaldare la griglia sul fornello, ricoprire con burro fuso. Unire la maionese, la crema, l'aglio nel boccale e mettere da parte.

Metti il ​​mais direttamente sul lato caldo della griglia e cuoci, ruotando di tanto in tanto finché non sarà cotto e carbonizzato in punti su tutti i lati, per circa 8 minuti in totale.

Trasferire il mais in una ciotola con la miscela di maionese, formaggio e peperoncino in polvere. Usa un cucchiaio grande per ricoprire uniformemente il mais su tutti i lati con la miscela. Guarnire con coriandolo tritato e servire subito con spicchi di lime.

Poutine del Ringraziamento dello chef Lamar

Tempo totale

  • 3 cucchiai di amido di mais
  • 2 cucchiai di acqua
  • 6 cucchiai di burro non salato
  • 1/4 tazza di farina per tutti gli usi non sbiancata
  • 20 once di brodo di manzo
  • 10 once di brodo di pollo
  • 10 once di tacchino a dadini
  • assaporare il pepe
  • 2 libbre di patate Kennebec
  • per coprire l'olio di arachidi o altro per friggere
  • Da 1 a 1 1/2 tazze di cagliata di formaggio cheddar bianco

Istruzioni

Sugo di carne

In una piccola ciotola, sciogliere l'amido di mais nell'acqua e mettere da parte.

In una casseruola capiente, sciogliere il burro e aggiungere la farina, mescolando regolarmente, per circa 5 minuti, finché il composto non diventa dorato. Aggiungere il brodo di manzo e di pollo e portare a bollore mescolando con una frusta. Incorporare l'amido di mais sciolto e cuocere a fuoco lento per 3-5 minuti o fino a quando la salsa si addensa. Condire con pepe. Assaggiare e aggiungere altro sale, se necessario, a piacere. Preparare in anticipo e riscaldare o tenere al caldo fino a quando le patatine non sono pronte.

Patatine Fritte

Preparate le patate e tagliatele a bastoncini spessi 1/2 pollice. Mettere in una ciotola capiente e coprire completamente con acqua fredda. Lasciare riposare almeno un'ora o diverse ore. Quando sei pronto per cucinare, scalda l'olio nella friggitrice o in una pentola grande, larga e pesante a 300° F.

Togliete le patate dall'acqua e mettetele su un foglio di carta assorbente. Tamponare per rimuovere quanta più umidità in eccesso possibile.

Aggiungi le tue patatine fritte all'olio a 300 ° F e cuoci per 5-8 minuti, solo fino a quando le patate iniziano a cuocere ma non sono ancora dorate. Togliere le patate dall'olio e cospargerle su una gratella. Aumentare la temperatura dell'olio a 375°F e rimettere le patate nella friggitrice per cuocere finché le patate non saranno dorate. Trasferire in una ciotola foderata di carta assorbente.

Poutine

Aggiungi le tue patatine fritte o al forno in una ciotola grande e pulita. Condite leggermente con sale mentre sono ancora calde. Aggiungere un mestolo di salsa di poutine calda nella ciotola. Condisci le patatine e il tacchino con le pinze nel sugo. Aggiungi altro sugo, se necessario, per ricoprire maggiormente le patatine. Aggiungere la cagliata di formaggio e mescolare con le patatine calde e il sugo. Servire subito con pepe macinato fresco.


Colonizzazione

Più tardi, nel XVI secolo, quando gli spagnoli colonizzarono le Filippine e imposero il cattolicesimo alle masse, introdussero anche i loro sapori nella cucina filippina, tra cui olio d'oliva, paprika, zafferano, formaggio, prosciutto e salsicce stagionate. La paella spagnola o il riso fritto, ad esempio, è diventato un piatto festivo nelle Filippine ed è stato adattato localmente per includere molti degli abbondanti frutti di mare come gamberetti, granchi, calamari e pesce, con cui le Filippine sono benedette.

Nel 1889, gli Stati Uniti colonizzarono le Filippine, che lasciarono in eredità l'uso diffuso della lingua inglese e la cucina conveniente: cottura a pressione, congelamento, precottura, panini, insalate, hamburger e pollo fritto, che sono tutti venuti far parte dell'arsenale del cuoco filippino.


Cucinare in tutto il mondo Studi

  • Fatti sul paese
  • Fatti divertenti sul cibo di campagna
  • Una frase nella lingua madre (se possibile)
  • Mappa del paese, bandiera o immagini del paese
  • Ricette internazionali per bambini da provare

Cucinare ricette internazionali è un ottimo modo per coinvolgere i tuoi figli e conoscere altre culture in tutto il mondo. Rendilo una tradizione di famiglia e organizza una notte internazionale ogni mese. Puoi vestirti per l'occasione, creare cibo etnico e fare un viaggio senza uscire di casa.



Cucinare con la Bibbia

Se ti sei mai chiesto, cosa mangerebbe Gesù?—o Mosè o Esaù, del resto—allora il libro di cucina con testo ermeneutico Cucinare con la Bibbia: cibo biblico, feste e tradizioni ti illuminerà, o almeno ti offrirà un'ipotesi informata.

Scritto da Rayner W. Hesse, Jr., sacerdote episcopale, e Anthony F. Chiffolo, editore di libri con un master in classici della civiltà occidentale, il libro e il sito Web del 2006 offrono 18 menu con ricette basate su storie in entrambi l'Antico e il Nuovo Testamento.

Sebbene le descrizioni dei pasti e di vari cibi compaiano in tutta la Bibbia, le scritture tendono ad essere lunghe nelle lezioni di vita e brevi nelle istruzioni esplicite di cucina. Così Hesse e Chiffolo hanno ideato ricette utilizzando ingredienti comuni al Medio Oriente migliaia di anni fa, tra cui agnello, lenticchie, datteri e miele, adattati alle moderne tecniche di preparazione dei cibi. Come spiegano gli autori, "Nei tempi biblici, la maggior parte dei cibi veniva sbollentata in calderoni o cotta in pentole di terracotta su un fuoco aperto, fritta su pietre calde o terra dura con sopra dei carboni, o cotta in forni improvvisati. Ma abbiamo non sono previsti piani di costruzione per un barbecue a cielo aperto! Piuttosto, abbiamo sviluppato ricette che possono essere preparate nella maggior parte delle cucine di casa."

Alcune ricette richiedono un po' più di lavoro di gambe rispetto, ad esempio, I pasti di dieci minuti di Rachael Ray, ma potrebbe attrarre il cuoco con uno yen per l'autenticità o il simbolismo. Ad esempio, la torta dell'amicizia, ispirata al legame tra Ruth e Naomi nel Libro di Ruth, richiede 10 giorni per la preparazione, anche se la maggior parte del tempo viene spesa lasciando che una miscela di lievito si sieda e faccia il suo dovere. E il menu di "A Meal in the Wilderness" include zuppa di locuste, perché la storia di Giovanni Battista, come narrata nel Vangelo di Matteo, descrive la sua dieta nel deserto di locuste e miele selvatico. Se si preferisce l'altra possibile interpretazione, che stava mangiando una carruba, il frutto della robinia, gli autori forniscono anche ricette per i Brownies al miele e carrube di Salomè e la torta di carrube di Elizabeth.

Dato che ci sono due grandi festività bibliche questa settimana—Pasqua e Pasqua—e poiché la mia famiglia comprende entrambe le tradizioni, alcuni giorni fa ho deciso di assaggiare le ricette di diversi menu nel libro. Ho iniziato con la malva fresca con vinaigrette al melograno, sostituendo gli spinaci con la malva comune, che sono abbastanza sicuro che il mio Price Chopper locale non porti (anche se forse avrei potuto procurarmelo). Questa insalata proviene dal menu "Il ritorno del figliol prodigo", basato sulla parabola parlata da Gesù nel Vangelo di Luca, in cui un padre ordina un sontuoso banchetto preparato al ritorno del figlio errante.

Da "Dai numeri", un menu basato sul Libro dei Numeri e sulla sua descrizione della vita degli israeliti nel deserto dopo che Mosè li condusse fuori dall'Egitto, ho preparato il pesce persico al forno con Tahini. Il piatto di pesce, che era piuttosto gustoso, rappresenta il tipo di cibo che gli israeliti mancavano dal loro tempo in Egitto, nonostante la loro esperienza altrimenti miserabile lì.

Infine, ho realizzato Riso di Beersheeba, da "All for a Father's Blessing", ispirato alla storia dei fratelli Esaù e Giacobbe. Giacobbe, il fratello minore, porta al padre, Isacco, un pasto delizioso per ingannarlo nel dare la sua benedizione a Giacobbe invece che a Esaù.

La parte affascinante del libro, credo, è che mostra quale ruolo importante ha giocato la preparazione e la condivisione del cibo in queste storie che sono sopravvissute attraverso i secoli. Il cibo potrebbe significare rispetto, amore, desiderio o fede, più o meno allo stesso modo in cui continua ai giorni nostri.


Caratteristiche

Per i corsi di Cucina Regionale Americana o Cucina Americana.

Ricco di ricette colorate e informazioni complete sulla cultura e la storia del cibo americano, questo libro offre una panoramica di Cucine regionali americane: cultura e cucina del cibo. Con oltre 300 ricette principali, esamina la cultura, i prodotti e la cucina di quindici regioni culinarie, dal New England alle Hawaii, e le micro cucine che esistono all'interno di ciascuna regione. Pensate per lo chef che lavora, le sue ricette offrono un formato ideale basato su come i professionisti cucinano effettivamente nei ristoranti. Il background educativo e di ristorazione degli autori conferisce al libro le conoscenze accademiche e l'esperienza professionale necessarie per renderlo un riferimento autentico che soddisfi le esigenze degli studenti di cucina di oggi.

Identifica quindici regioni culinarie americane distinte—ei cinque fattori che contribuiscono allo sviluppo di una cucina regionale.

· Utilizza criteri storici, sociologici e scientifici per differenziare tra quindici regioni culinarie americane.

· Presenta una visione più contemporanea delle regioni culinarie americane che esistono e si muove oltre i cinque o sei confini geopolitici a cui si fa riferimento in molti testi concorrenti.

Esplora varie micro cucine—trovato in tutti gli Stati Uniti.

· Discute il concetto di microcucina e fornisce esempi come le microcucina della Carolina Lowcountry, della Pennsylvania Dutch, dei Southwestern Native Americans e altre ancora!

· Aiuta gli studenti di cucina a soddisfare le richieste dei consumatori dei ristoranti per menu più interessanti e autentici.

Offre un formato di ricetta da ristorante—progettato specificamente per lo chef professionista.

· Enfatizza un formato di preparazione, attesa e affluenza che riflette il processo di à la carte operazioni di ristorazione.

· Offre versioni separate di ricette per à la carte e operazioni di banchetto/buffet in modo che gli studenti possano preparare facilmente le rese corrette.

Contiene oltre 300 ricette principali—completo di fotografie a colori.

· Offre una raccolta di piatti genuini che presentano sia le ricette sussidiarie che quelle master/turn-out.

· Guida gli studenti attraverso le fasi di preparazione in modo logico, inclusi potenziali problemi o insidie, e la presentazione del piatto finito.

Fornisce un elenco completo degli ingredienti—per ogni capitolo della ricetta.

· Identifica i prodotti che sono indigeni in quell'area o regione.

· Mostra ai lettori come e perché determinate tecniche di cottura e piatti si sono evoluti in determinate località.


Guarda il video: PRANK PAKAI BAHASA INGGRIS DI WARUNG KOPI 5!!


Commenti:

  1. Etan

    Sono sicuro che tu abbia ingannato.

  2. Gabrian

    la completa insapore

  3. Dudal

    Secondo me, ti sbagli. Posso difendere la mia posizione. Inviami un'e -mail a PM, discuteremo.



Scrivi un messaggio