acetonemagazine.org
Nuove ricette

Una guida per principianti al Nebbiolo, uno dei grandi vitigni d'Italia

Una guida per principianti al Nebbiolo, uno dei grandi vitigni d'Italia


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


L'uva da vino rosso più famosa del Nord Italia è il classico nebbiolo, che produce vini corposi e selvaggiamente invecchiati. I più conoscono quest'uva delle due famose regioni del Barolo e del Barbaresco, entrambi paesi collinari del Piemonte. (Come per molti vini del Vecchio Mondo, sull'etichetta compare il nome del luogo e non il nome dell'uva.)

Nonostante il potenziale di invecchiamento e la notevole complessità del barbaresco e del barolo, il nebbiolo può essere un'uva difficile da coltivare. Ha bucce relativamente sottili (che lo rendono soggetto a malattie e parassiti) ed è un'uva a maturazione tardiva (tipicamente raccolta a metà ottobre), quindi può essere difficile portarla a piena maturazione nei climi settentrionali, specialmente negli anni più freddi. Il nome stesso dell'uva suggerisce questo: deriva da nebbia, italiano per "nebbia" - appropriato perché la nebbia ricopre i vigneti del Piemonte per gran parte dell'anno, spesso prolungando il tempo di maturazione di questa schizzinosa uva.

Quelle bucce sottili significano che i vini che produce sono generalmente di colore notevolmente più chiaro di quanto molti anticipano. Gli aromi possono anche essere sorprendentemente attenuati, con frutta a bacca rossa brillante, fiori che tendono pesantemente ai petali di rosa schiacciati e talvolta spezie calde alla cannella. La prima impressione può essere un'illusione. Una volta sorseggiati buoni esempi di vino a base di nebbiolo, però, si viene introdotti a tannini che non si lasciano mai andare, acidità scattante e sapori di ciliegia brillante che vengono amplificati solo da note di cuoio e terra.

Barbaresco e barolo sono vini da cibo fenomenali, a condizione che vengano serviti con il cibo giusto. La cucina piemontese (come quella della maggior parte del nord Italia) si rivolge a carnivori irriducibili. Pensa al bollito misto (una presentazione di carne e pollo bolliti), ossobuco (stinco di vitello brasato), salsiccia, selvaggina e piatti ultra ricchi come il risotto a base di burro condito con salumi e tartufo bianco. L'alto contenuto di grassi e proteine ​​interagiscono con e sottomettono l'alto contenuto di tannino dei vini e giocano straordinariamente bene con l'acidità innata dell'uva.

Il Barolo è un vino rosso intenso, secco, potente, con una notevole acidità, tannini accesi e un'elevata gradazione alcolica. I produttori sono tenuti a invecchiare il barolo per un minimo di 38 mesi prima della commercializzazione (i risevas devono invecchiare 62 mesi), e tradizionalmente questi vini si mostrano meglio quando viene concesso un periodo di cantina significativo, per aiutare a domare i tannini, prima di stappare il tappo.

Il Barbaresco, che deve essere invecchiato almeno 26 mesi prima della commercializzazione, è spesso visto come leggermente più accessibile del barolo, mostrando un po' meno forza davanti e un po' più eleganza.

Piemonte significa letteralmente "piede delle montagne", il nome è un cenno alle vicine Alpi. La regione ospita la maggior parte dei vigneti DOC e DOCG in Italia, con Barbaresco e Barolo che sono le zone di produzione più importanti a base di nebbiolo.

Le sottozone chiave della produzione del Barolo includono la stessa città del Barolo insieme a Castiglione Falletto, La Morra, Monforte d'Alba e Serralunga d'Alba, ognuna delle quali dà il proprio tocco distintivo al nebbiolo. Alcuni mostrano sfumature fruttate brillanti, altri offrono i classici aromi di "catrame e rose", ma tutti condividono un colore rubino brillante in gioventù (che diventa granato aranciato più profondo con l'età) con tannini decisi, livelli elevati di acidità e alta gradazione alcolica.

Il Barbaresco è situato a nord di Alba sulla sponda orientale del fiume Tanaro, i vitigni di nebbiolo di Barbaresco scavano in profondità in terreni calcarei e marnosi su pendii ripidi, soleggiati ed esposti a sud. La regione del Barbaresco è un po' più calda e secca del vicino Barolo, rendendo più facile la maturazione anticipata delle uve. Questo a sua volta può tradursi in livelli leggermente inferiori di tannino, che in molti casi rendono un vino che può essere avvicinabile in età più precoce rispetto a molti Barolo (anche se abbondano molte deliziose eccezioni).

I produttori consigliati di Barolo e Barbaresco includono Bruno Giacosa, Ceretto, Fontanafredda, Gaja, Michele Chiarlo, Marchesi di Barolo, Produttori del Barbaresco, Sandrone e Vietti.

Mentre Barbaresco e Barolo sono i luoghi più famosi per il nebbiolo, ci sono dozzine di altre zone ben consolidate che producono nebbiolo di alta qualità.

In Piemonte, questi includono:

Langhe, che è il nome generale della regione che comprende Barbaresco e Barolo, oltre al Roero (vedi sotto). I vini che portano questa denominazione regionale più ampia offrono spesso un eccellente rapporto qualità-prezzo.

Roero, direttamente di fronte al Tanaro dal Barbaresco, una regione i cui terreni sabbiosi possono produrre uno stile di nebbiolo di prima scelta, sebbene i vini mantengano un forte senso di struttura e intensità varietale. (Il Roero è noto anche per i suoi vini bianchi a base di uva arneis.)

Gattinara e Ghemme si trovano nel Piemonte settentrionale, dove il nebbiolo è chiamato “spanna” e le viti crescono su terreni ricchi di ferro ea base di ghiaia. I vini possono essere miscelati con uve locali, ma devono contenere almeno il 90% di spanna (nebbiolo). A livello locale, questi vini sono celebrati per la loro estrema capacità di invecchiamento.

C'è anche molto nebbiolo coltivato nella regione Lombardia, ad est del Piemonte, e in particolare in Valtellina. Questa è una regione di coltivazione subalpina i cui vini a base di nebbiolo (il nome locale dell'uva è "chiavennasca") propendono più per l'eleganza raffinata che per la potenza a tutto gas. Mostrando spesso aromi di fiori appassiti, con frutta rossa matura al palato, insieme a una solida acidità e tannini più docili rispetto ai loro omologhi piemontesi, questi vini sono vini da cibo estremamente versatili. Oltre agli altri suoi rossi, la regione produce anche un vino ricco e concentrato in stile amarone chiamato Sfurzato o Sfursat, ottenuto da uve nebbiolo che sono state appassite per tre mesi prima della vinificazione. (I nebbioli valtellinesi devono contenere almeno il 90% di quell'uva.)

La stessa Valtellina è una gemma nascosta, con le rive del Lago di Como a ovest e le spettacolari pendici delle Alpi svizzere che formano il suo lato orientale. Lentamente scavata nei secoli dal fiume Adda, la valle si estende per 132 miglia su un soleggiato asse est-ovest. La principale regione vinicola della Valtellina, tuttavia, si estende per soli 30 miglia. La maggior parte dei vigneti qui sono piuttosto piccoli e sono costruiti su pendii ripidi e fortemente terrazzati. In alcuni vigneti particolarmente ripidi la vendemmia viene effettuata in elicottero, in quanto raggiungerli a piedi richiede una seria escursione. Uno dei produttori più antichi e più grandi della regione, Nino Negri, ha aperto la strada a questo approccio high-tech per far decollare l'uva e portarla in cantina il più rapidamente possibile. Ciò che normalmente richiederebbe 10 uomini 10 giorni per raccogliere, il trinciapaglia completa in 90 minuti e con un enorme risparmio sui costi per l'avvio.

I produttori consigliati di vini valtellinesi sono: Nino Negri, Conti Sertoli, Rainoldi e Ar.Pe.Pe.

Sia il Piemonte che la Valtellina sono produttori stellari di vini a base di nebbiolo, in una gamma di stili che va da robuste centrali elettriche che richiedono tempo significativo per stabilirsi a bottiglie accessibili da tenute di montagna che mostrano una prima eleganza e raffinatezza. Indipendentemente da dove viene coltivata l'uva, però, aspettatevi un colore dal rubino chiaro al granato sorprendentemente chiaro, elevata acidità, tannini intensi e molto alcol, con carattere di frutta rossa, note floreali (da fresche a appassite) e la capacità di invecchiare bene . I vini a base di Nebbiolo celebrano le loro radici e invitano a condividere il loro senso del luogo.


Nebbiolo in breve

Se ti piacciono i tuoi vini grandi, audaci e rossi, il Nebbiolo deve essere sul tuo radar. Proveniente dalla regione piemontese del nord Italia, quest'uva è nota per la produzione di vini potenti, corposi e spietatamente tannici, il tutto mentre sembra pallido come il Pinot Nero! La cosa più famosa è che è l'uva che entra nel Barolo e nel Barbaresco, due dei vini più venerati (e più costosi) del mondo. Anche se, come scoprirai presto, il Nebbiolo si trova anche in una serie di stili di vino entry-level più convenienti dall'Italia e oltre.

Quindi, che sia la prima volta che lo provi o che tu stia cercando qualche informazione in più su un vino che ti ha appassionato, questa guida ti dirà tutto ciò che devi sapere sul Nebbiolo. Cominciamo!


Nebbiolo in breve

Se ti piacciono i tuoi vini grandi, audaci e rossi, il Nebbiolo deve essere sul tuo radar. Proveniente dalla regione piemontese del nord Italia, quest'uva è nota per la produzione di vini potenti, corposi e spietatamente tannici, il tutto mentre sembra pallido come il Pinot Nero! La cosa più famosa è che è l'uva che entra nel Barolo e nel Barbaresco, due dei vini più venerati (e più costosi) del mondo. Anche se, come scoprirai presto, il Nebbiolo si trova anche in una serie di stili di vino entry-level più convenienti dall'Italia e oltre.

Quindi, che sia la prima volta che lo provi o che tu stia cercando qualche informazione in più su un vino che ti ha appassionato, questa guida ti dirà tutto ciò che devi sapere sul Nebbiolo. Cominciamo!


Nebbiolo in breve

Se ti piacciono i tuoi vini grandi, audaci e rossi, il Nebbiolo deve essere sul tuo radar. Proveniente dalla regione piemontese del nord Italia, quest'uva è nota per la produzione di vini potenti, corposi e spietatamente tannici, il tutto mentre sembra pallido come il Pinot Nero! La cosa più famosa è che è l'uva che entra nel Barolo e nel Barbaresco, due dei vini più venerati (e più costosi) del mondo. Anche se, come scoprirai presto, il Nebbiolo si trova anche in una serie di stili di vino entry-level più convenienti dall'Italia e oltre.

Quindi, che sia la prima volta che lo provi o che tu stia cercando qualche informazione in più su un vino che ti ha appassionato, questa guida ti dirà tutto ciò che devi sapere sul Nebbiolo. Cominciamo!


Nebbiolo in breve

Se ti piacciono i tuoi vini grandi, audaci e rossi, il Nebbiolo deve essere sul tuo radar. Proveniente dalla regione piemontese del nord Italia, quest'uva è nota per la produzione di vini potenti, corposi e spietatamente tannici, il tutto mentre sembra pallido come il Pinot Nero! La cosa più famosa è che è l'uva che entra nel Barolo e nel Barbaresco, due dei vini più venerati (e più costosi) del mondo. Anche se, come scoprirai presto, il Nebbiolo si trova anche in una serie di stili di vino entry-level più convenienti dall'Italia e oltre.

Quindi, che sia la prima volta che lo provi o che tu stia cercando qualche informazione in più su un vino che ti ha appassionato, questa guida ti dirà tutto ciò che devi sapere sul Nebbiolo. Cominciamo!


Nebbiolo in breve

Se ti piacciono i tuoi vini grandi, audaci e rossi, il Nebbiolo deve essere sul tuo radar. Proveniente dalla regione piemontese del nord Italia, quest'uva è nota per la produzione di vini potenti, corposi e spietatamente tannici, il tutto mentre sembra pallido come il Pinot Nero! La cosa più famosa è che è l'uva che entra nel Barolo e nel Barbaresco, due dei vini più venerati (e più costosi) del mondo. Anche se, come scoprirai presto, il Nebbiolo si trova anche in una serie di stili di vino entry-level più convenienti dall'Italia e oltre.

Quindi, che sia la prima volta che lo provi o che tu stia cercando qualche informazione in più su un vino che ti ha appassionato, questa guida ti dirà tutto ciò che devi sapere sul Nebbiolo. Cominciamo!


Nebbiolo in breve

Se ti piacciono i tuoi vini grandi, audaci e rossi, il Nebbiolo deve essere sul tuo radar. Proveniente dalla regione piemontese del nord Italia, quest'uva è nota per la produzione di vini potenti, corposi e spietatamente tannici, il tutto mentre sembra pallido come il Pinot Nero! La cosa più famosa è che è l'uva che entra nel Barolo e nel Barbaresco, due dei vini più venerati (e più costosi) del mondo. Anche se, come scoprirai presto, il Nebbiolo si trova anche in una serie di stili di vino entry-level più convenienti dall'Italia e oltre.

Quindi, che sia la prima volta che lo provi o che tu stia cercando qualche informazione in più su un vino che ti ha appassionato, questa guida ti dirà tutto ciò che devi sapere sul Nebbiolo. Cominciamo!


Nebbiolo in breve

Se ti piacciono i tuoi vini grandi, audaci e rossi, il Nebbiolo deve essere sul tuo radar. Proveniente dalla regione piemontese del nord Italia, quest'uva è nota per la produzione di vini potenti, corposi e spietatamente tannici, il tutto mentre sembra pallido come il Pinot Nero! La cosa più famosa è che è l'uva che entra nel Barolo e nel Barbaresco, due dei vini più venerati (e più costosi) del mondo. Anche se, come scoprirai presto, il Nebbiolo si trova anche in una serie di stili di vino entry-level più convenienti dall'Italia e oltre.

Quindi, che sia la prima volta che lo provi o che tu stia cercando qualche informazione in più su un vino che ti ha appassionato, questa guida ti dirà tutto ciò che devi sapere sul Nebbiolo. Cominciamo!


Nebbiolo in breve

Se ti piacciono i tuoi vini grandi, audaci e rossi, il Nebbiolo deve essere sul tuo radar. Proveniente dalla regione piemontese del nord Italia, quest'uva è nota per la produzione di vini potenti, corposi e spietatamente tannici, il tutto mentre sembra pallido come il Pinot Nero! La cosa più famosa è che è l'uva che entra nel Barolo e nel Barbaresco, due dei vini più venerati (e più costosi) del mondo. Anche se, come scoprirai presto, il Nebbiolo si trova anche in una serie di stili di vino entry-level più convenienti dall'Italia e oltre.

Quindi, che sia la prima volta che lo provi o che tu stia cercando qualche informazione in più su un vino che ti ha appassionato, questa guida ti dirà tutto ciò che devi sapere sul Nebbiolo. Cominciamo!


Nebbiolo in breve

Se ti piacciono i tuoi vini grandi, audaci e rossi, il Nebbiolo deve essere sul tuo radar. Proveniente dalla regione piemontese del nord Italia, quest'uva è nota per la produzione di vini potenti, corposi e spietatamente tannici, il tutto mentre sembra pallido come il Pinot Nero! La cosa più famosa è che è l'uva che entra nel Barolo e nel Barbaresco, due dei vini più venerati (e più costosi) del mondo. Anche se, come scoprirai presto, il Nebbiolo si trova anche in una serie di stili di vino entry-level più convenienti dall'Italia e oltre.

Quindi, che sia la prima volta che lo provi o che tu stia cercando qualche informazione in più su un vino che ti ha appassionato, questa guida ti dirà tutto ciò che devi sapere sul Nebbiolo. Cominciamo!


Nebbiolo in breve

Se ti piacciono i tuoi vini grandi, audaci e rossi, il Nebbiolo deve essere sul tuo radar. Proveniente dalla regione piemontese del nord Italia, quest'uva è nota per la produzione di vini potenti, corposi e spietatamente tannici, il tutto mentre sembra pallido come il Pinot Nero! La cosa più famosa è che è l'uva che entra nel Barolo e nel Barbaresco, due dei vini più venerati (e più costosi) del mondo. Anche se, come scoprirai presto, il Nebbiolo si trova anche in una serie di stili di vino entry-level più convenienti dall'Italia e oltre.

Quindi, che sia la prima volta che lo provi o che tu stia cercando qualche informazione in più su un vino che ti ha appassionato, questa guida ti dirà tutto ciò che devi sapere sul Nebbiolo. Cominciamo!


Guarda il video: DENGAN 3 CARA INI.! ANGGUR CEPAT BERBUAH DAN LEBAT. puncak grape.


Commenti:

  1. Shaktiktilar

    Chiaramente, ringrazio per le informazioni.

  2. Voll

    Scusa ma secondo me ti sbagli. Abbiamo bisogno di discutere. Scrivimi in PM, parla.

  3. Wallis

    How should you assess your question?

  4. Lysander

    Posso suggerire di venire sul sito, su cui ci sono molte informazioni su questo problema.

  5. Doune

    Giusto! Penso, qual è la buona idea.

  6. Borden

    Leggi, ovviamente, lontano dal mio argomento. Ma, tuttavia, è possibile collaborare con te. Come ti senti per la gestione della fiducia?

  7. Anyon

    Pensiero giusto



Scrivi un messaggio