acetonemagazine.org
Nuove ricette

212 Cocktail

212 Cocktail


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Il 212 Cocktail è un mix sensuale di tequila reposado, un po' di Aperol e pompelmo

Il 212 Cocktail è un mix sensuale di reposado tequila, un po' di Aperol e pompelmo, consigliato da Ryan Fitzgerald, barista del New York City's ABV. Suggeriamo di abbinarlo a una pizza semplice, come una Margherita.

Ingredienti

  • 2 parti di un reposado tequila
  • 1 parte di Aperolo
  • 1 parte di pompelmo

Indicazioni

Unire tutti gli ingredienti in uno shaker.

Mescolare bene e versare nel bicchiere.

Fatti nutrizionali

Porzioni1

Calorie per porzione265

Folato equivalente (totale)25µg6%


Come fare un Manhattan

Questo è un cocktail classico che ogni bevitore di whisky dovrebbe conoscere a memoria.

  1. Mescolare bene il whisky, il vermouth e il bitter con ghiaccio tritato in un mixing glass finché non si saranno raffreddati.
  2. Filtrare in una coppetta da cocktail ben fredda.
  3. Guarnire con un twist e/o una ciliegina da cocktail.

Il Manhattan esige rispetto. È sfacciato: una colata pesante di segale o bourbon, vermouth dolce e amari aromatici. È ricco, con sapori forti sia più speziati che più dolci. È forte. Lo fai con cura, e poi lo sorseggi lentamente, perché è una bevanda che ti guadagni da una dura giornata di lavoro. Dal momento che l'atto stesso di emergere da sotto un piumone e affrontare un altro giorno della tua vita è più che qualificabile come un duro lavoro dopo l'anno che abbiamo avuto, ci sono un bel po' di ben meritati Manhattan che ti vengono incontro.

Negli annali della produzione di cocktail, il Manhattan è un campione dei pesi massimi a tutto tondo. C'è un certo dibattito sulla segale contro il bourbon (la segale colpisce bruscamente, quindi tendiamo a preferirla), la ciliegia da cocktail contro il twist di limone o entrambi. È un drink che si presta al riff se sei dell'umore giusto. Puoi armeggiare con il tuo whisky e vermouth e persino il rapporto tra a due (entro limiti ragionevoli) fino a quando non emerge la ricetta su cui punterai sempre. Mentre 2 once di whisky a 1 oncia di vermouth dolce sono lo standard, andare con 2,5 once di segale può creare una bevanda trascendente. Sentiti libero di sostituire gli amari con la varietà, ma ti ritroverai a tornare a casa ad Angostura il 97% delle volte. E un espresso twist di limone porterà la bevanda in una pianura più alta. Considera che sapere come realizzare la tua Manhattan è come sapere come stringere la mano correttamente. Nessun polso debole per la stretta di mano. Niente ghiaccio nel cocktail. Avere a esso.

Un po' di sfondo

Volete sapere perché Manhattan si chiama Manhattan? Perché è uno dei migliori dannati cocktail mai registrati, quindi l'hanno chiamato come la migliore dannata città del mondo. Beh, forse la sua storia di origine non è così sciovinista, ma è vicina. Le origini del cocktail Manhattan sono comunemente fatte risalire al Manhattan Club, a Manhattan, nella seconda metà del 19° secolo, dove è stato realizzato per una festa organizzata dalla madre di Winston Churchill. Come sottolinea lo storico delle bevande David Wondrich, questo è un carico di toro Lady Randolph Churchill era incinta in Inghilterra al tempo di questa festa che si dice.

Ma il Manhattan Club accumulava segale molto vecchia e serviva un cocktail Manhattan, anche se la sua ricetta era diversa all'epoca. Le cose si sono evolute da lì. Durante il proibizionismo, i Manhattan dovevano essere serviti con whisky canadese e mdash, l'unico whisky su cui le persone potevano mettere le mani. E, nonostante gli anni, la Manhattan si gode ancora a New York e in tutte le altre grandi metropoli. È così buono.

Iscriviti a Esquire Select

Se ti piace, prova questi

L'altro cocktail di whisky molto buono e molto classico fatto con segale o bourbon è l'Old Fashioned. Sai quello. Prova anche un Whisky Sour con la segale. Il Sazerac è un altro cocktail di whisky di segale ricco di storia che ti piacerà. Se le tue preferenze di gusto vanno oltre l'Atlantico, prova un Rob Roy, che è un Manhattan fatto con lo scotch. E questo è bello: il Manhattan ha un vicino di quartiere di New York, il cocktail Brooklyn, fatto con segale, vermouth secco, liquore al maraschino e Amer Picon.

Come nota d'addio, ti diamo una formula per assemblare il tuo Manhattan in modo da poterne conservare una brocca prefabbricata nel congelatore. Perché mentre una Manhattan è bella, una fornitura settimanale di Manhattan è pura efficienza.


Come fare un Manhattan

Questo è un cocktail classico che ogni bevitore di whisky dovrebbe conoscere a memoria.

  1. Mescolare bene il whisky, il vermouth e il bitter con ghiaccio tritato in un mixing glass finché non si saranno raffreddati.
  2. Filtrare in una coppetta da cocktail ben fredda.
  3. Guarnire con un twist e/o una ciliegina da cocktail.

Il Manhattan esige rispetto. È sfacciato: una colata pesante di segale o bourbon, vermouth dolce e amari aromatici. È ricco, con sapori forti sia più speziati che più dolci. È forte. Lo fai con cura, e poi lo sorseggi lentamente, perché è una bevanda che ti guadagni da una dura giornata di lavoro. Dal momento che l'atto stesso di emergere da sotto un piumone e affrontare un altro giorno della tua vita è più che qualificabile come un duro lavoro dopo l'anno che abbiamo avuto, ci sono un bel po' di ben meritati Manhattan che ti vengono incontro.

Negli annali della produzione di cocktail, il Manhattan è un campione dei pesi massimi a tutto tondo. C'è un certo dibattito sulla segale contro il bourbon (la segale colpisce bruscamente, quindi tendiamo a preferirla), la ciliegia da cocktail contro il twist di limone o entrambi. È un drink che si presta al riff se sei dell'umore giusto. Puoi armeggiare con il tuo whisky e vermouth e persino il rapporto tra a due (entro limiti ragionevoli) fino a quando non emerge la ricetta su cui punterai sempre. Mentre 2 once di whisky a 1 oncia di vermouth dolce sono lo standard, andare con 2,5 once di segale può creare una bevanda trascendente. Sentiti libero di sostituire gli amari con la varietà, ma ti ritroverai a tornare a casa ad Angostura il 97% delle volte. E un espresso twist di limone porterà la bevanda in una pianura più alta. Considera che sapere come realizzare la tua Manhattan è come sapere come stringere la mano correttamente. Nessun polso debole per la stretta di mano. Niente ghiaccio nel cocktail. Avere a esso.

Un po' di sfondo

Volete sapere perché Manhattan si chiama Manhattan? Perché è uno dei migliori dannati cocktail mai registrati, quindi l'hanno chiamato come la migliore dannata città del mondo. Beh, forse la sua storia di origine non è così sciovinista, ma è vicina. Le origini del cocktail Manhattan sono comunemente fatte risalire al Manhattan Club, a Manhattan, nella seconda metà del 19° secolo, dove è stato realizzato per una festa organizzata dalla madre di Winston Churchill. Come sottolinea lo storico delle bevande David Wondrich, questo è un carico di toro Lady Randolph Churchill era incinta in Inghilterra al tempo di questa festa che si dice.

Ma il Manhattan Club accumulava segale molto vecchia e serviva un cocktail Manhattan, anche se la sua ricetta era diversa all'epoca. Le cose si sono evolute da lì. Durante il proibizionismo, i Manhattan dovevano essere serviti con whisky canadese e mdash, l'unico whisky su cui le persone potevano mettere le mani. E, nonostante gli anni, la Manhattan si gode ancora a New York e in tutte le altre grandi metropoli. È così buono.

Iscriviti a Esquire Seleziona

Se ti piace, prova questi

L'altro cocktail di whisky molto buono e molto classico fatto con segale o bourbon è l'Old Fashioned. Sai quello. Prova anche un Whisky Sour con la segale. Il Sazerac è un altro cocktail di whisky di segale ricco di storia che ti piacerà. Se le tue preferenze di gusto vanno oltre l'Atlantico, prova un Rob Roy, che è un Manhattan fatto con lo scotch. E questo è bello: il Manhattan ha un vicino di quartiere di New York, il cocktail Brooklyn, fatto con segale, vermouth secco, liquore al maraschino e Amer Picon.

Come nota d'addio, ti diamo una formula per assemblare il tuo Manhattan in modo da poterne conservare una brocca prefabbricata nel congelatore. Perché mentre una Manhattan è bella, una fornitura settimanale di Manhattan è pura efficienza.


Come fare un Manhattan

Questo è un cocktail classico che ogni bevitore di whisky dovrebbe conoscere a memoria.

  1. Mescolare bene il whisky, il vermouth e il bitter con ghiaccio tritato in un mixing glass finché non si saranno raffreddati.
  2. Filtrare in una coppetta da cocktail ben fredda.
  3. Guarnire con un twist e/o una ciliegina da cocktail.

Il Manhattan esige rispetto. È sfacciato: una colata pesante di segale o bourbon, vermouth dolce e amari aromatici. È ricco, con sapori forti sia più speziati che più dolci. È forte. Lo fai con cura, e poi lo sorseggi lentamente, perché è una bevanda che ti guadagni da una dura giornata di lavoro. Dal momento che l'atto stesso di emergere da sotto un piumone e affrontare un altro giorno della tua vita è più che qualificabile come un duro lavoro dopo l'anno che abbiamo avuto, ci sono un bel po' di ben meritati Manhattan che ti vengono incontro.

Negli annali della produzione di cocktail, il Manhattan è un campione dei pesi massimi a tutto tondo. C'è un certo dibattito sulla segale contro il bourbon (la segale colpisce bruscamente, quindi tendiamo a preferirla), la ciliegia da cocktail contro il twist di limone o entrambi. È un drink che si presta al riff se sei dell'umore giusto. Puoi armeggiare con il tuo whisky e vermouth e persino il rapporto tra a due (entro limiti ragionevoli) fino a quando non emerge la ricetta su cui punterai sempre. Mentre 2 once di whisky a 1 oncia di vermouth dolce sono lo standard, andare con 2,5 once di segale può creare una bevanda trascendente. Sentiti libero di sostituire gli amari con la varietà, ma ti ritroverai a tornare a casa ad Angostura il 97% delle volte. E un espresso twist di limone porterà la bevanda in una pianura più alta. Considera che sapere come realizzare la tua Manhattan è come sapere come stringere la mano correttamente. Nessun polso debole per la stretta di mano. Niente ghiaccio nel cocktail. Avere a esso.

Un po' di sfondo

Volete sapere perché Manhattan si chiama Manhattan? Perché è uno dei migliori dannati cocktail mai registrati, quindi l'hanno chiamato come la migliore dannata città del mondo. Beh, forse la sua storia di origine non è così sciovinista, ma è vicina. Le origini del cocktail Manhattan sono comunemente fatte risalire al Manhattan Club, a Manhattan, nella seconda metà del 19° secolo, dove è stato realizzato per una festa organizzata dalla madre di Winston Churchill. Come sottolinea lo storico delle bevande David Wondrich, questo è un carico di toro Lady Randolph Churchill era incinta in Inghilterra al tempo di questa festa che si dice.

Ma il Manhattan Club accumulava segale molto vecchia e serviva un cocktail Manhattan, anche se la sua ricetta era diversa all'epoca. Le cose si sono evolute da lì. Durante il proibizionismo, i Manhattan dovevano essere serviti con whisky canadese e mdash, l'unico whisky su cui le persone potevano mettere le mani. E, nonostante gli anni, la Manhattan si gode ancora a New York e in tutte le altre grandi metropoli. È così buono.

Iscriviti a Esquire Select

Se ti piace, prova questi

L'altro cocktail di whisky molto buono e molto classico fatto con segale o bourbon è l'Old Fashioned. Sai quello. Prova anche un Whisky Sour con la segale. Il Sazerac è un altro cocktail di whisky di segale ricco di storia che ti piacerà. Se le tue preferenze di gusto vanno oltre l'Atlantico, prova un Rob Roy, che è un Manhattan fatto con lo scotch. E questo è bello: il Manhattan ha un vicino di quartiere di New York, il cocktail Brooklyn, fatto con segale, vermouth secco, liquore al maraschino e Amer Picon.

Come nota d'addio, ti diamo una formula per assemblare il tuo Manhattan in modo da poterne conservare una brocca prefabbricata nel congelatore. Perché mentre una Manhattan è bella, una fornitura settimanale di Manhattan è pura efficienza.


Come fare un Manhattan

Questo è un cocktail classico che ogni bevitore di whisky dovrebbe conoscere a memoria.

  1. Mescolare bene il whisky, il vermouth e il bitter con ghiaccio tritato in un mixing glass finché non si saranno raffreddati.
  2. Filtrare in una coppetta da cocktail ben fredda.
  3. Guarnire con un twist e/o una ciliegina da cocktail.

Il Manhattan esige rispetto. È sfacciato: una colata pesante di segale o bourbon, vermouth dolce e amari aromatici. È ricco, con sapori forti sia più speziati che più dolci. È forte. Lo fai con cura, e poi lo sorseggi lentamente, perché è una bevanda che ti guadagni da una dura giornata di lavoro. Dal momento che l'atto stesso di emergere da sotto un piumone e affrontare un altro giorno della tua vita è più che qualificabile come un duro lavoro dopo l'anno che abbiamo avuto, ci sono un bel po' di ben meritati Manhattan che ti vengono incontro.

Negli annali della produzione di cocktail, il Manhattan è un campione dei pesi massimi a tutto tondo. C'è un certo dibattito sulla segale contro il bourbon (la segale colpisce bruscamente, quindi tendiamo a preferirla), la ciliegia da cocktail contro il twist di limone o entrambi. È un drink che si presta al riff se sei dell'umore giusto. Puoi armeggiare con il tuo whisky e vermouth e persino il rapporto tra a due (entro limiti ragionevoli) fino a quando non emerge la ricetta su cui punterai sempre. Mentre 2 once di whisky a 1 oncia di vermouth dolce sono lo standard, andare con 2,5 once di segale può creare una bevanda trascendente. Sentiti libero di sostituire gli amari con la varietà, ma ti ritroverai a tornare a casa ad Angostura il 97% delle volte. E un espresso twist di limone porterà la bevanda in una pianura più alta. Considera che sapere come realizzare la tua Manhattan è come sapere come stringere la mano correttamente. Nessun polso debole per la stretta di mano. Niente ghiaccio nel cocktail. Avere a esso.

Un po' di sfondo

Volete sapere perché Manhattan si chiama Manhattan? Perché è uno dei migliori dannati cocktail mai registrati, quindi l'hanno chiamato come la migliore dannata città del mondo. Beh, forse la sua storia di origine non è così sciovinista, ma è vicina. Le origini del cocktail Manhattan sono comunemente fatte risalire al Manhattan Club, a Manhattan, nella seconda metà del 19° secolo, dove è stato realizzato per una festa organizzata dalla madre di Winston Churchill. Come sottolinea lo storico delle bevande David Wondrich, questo è un carico di toro Lady Randolph Churchill era incinta in Inghilterra al tempo di questa festa che si dice.

Ma il Manhattan Club accumulava segale molto vecchia e serviva un cocktail Manhattan, anche se la sua ricetta era diversa all'epoca. Le cose si sono evolute da lì. Durante il proibizionismo, i Manhattan dovevano essere serviti con whisky canadese e mdash, l'unico whisky su cui le persone potevano mettere le mani. E, nonostante gli anni, la Manhattan si gode ancora a New York e in tutte le altre grandi metropoli. È così buono.

Iscriviti a Esquire Select

Se ti piace, prova questi

L'altro cocktail di whisky molto buono e molto classico fatto con segale o bourbon è l'Old Fashioned. Sai quello. Prova anche un Whisky Sour con la segale. Il Sazerac è un altro cocktail di whisky di segale ricco di storia che ti piacerà. Se le tue preferenze di gusto vanno oltre l'Atlantico, prova un Rob Roy, che è un Manhattan fatto con lo scotch. E questo è bello: il Manhattan ha un vicino di quartiere di New York, il cocktail Brooklyn, fatto con segale, vermouth secco, liquore al maraschino e Amer Picon.

Come nota d'addio, ti diamo una formula per assemblare il tuo Manhattan in modo da poterne conservare una brocca prefabbricata nel congelatore. Perché mentre una Manhattan è bella, una fornitura settimanale di Manhattan è pura efficienza.


Come fare un Manhattan

Questo è un cocktail classico che ogni bevitore di whisky dovrebbe conoscere a memoria.

  1. Mescolare bene il whisky, il vermouth e il bitter con ghiaccio tritato in un mixing glass finché non si saranno raffreddati.
  2. Filtrare in una coppetta da cocktail ben fredda.
  3. Guarnire con un twist e/o una ciliegina da cocktail.

Il Manhattan esige rispetto. È sfacciato: una colata pesante di segale o bourbon, vermouth dolce e amari aromatici. È ricco, con sapori forti sia più speziati che più dolci. È forte. Lo fai con cura, e poi lo sorseggi lentamente, perché è una bevanda che ti guadagni da una dura giornata di lavoro. Dal momento che l'atto stesso di emergere da sotto un piumone e affrontare un altro giorno della tua vita è più che qualificabile come un duro lavoro dopo l'anno che abbiamo avuto, ci sono un bel po' di ben meritati Manhattan che ti vengono incontro.

Negli annali della produzione di cocktail, il Manhattan è un campione dei pesi massimi a tutto tondo. C'è un certo dibattito sulla segale contro il bourbon (la segale colpisce bruscamente, quindi tendiamo a preferirla), la ciliegia da cocktail contro il twist di limone o entrambi. È un drink che si presta al riff se sei dell'umore giusto. Puoi armeggiare con il tuo whisky e vermouth e persino il rapporto tra a due (entro limiti ragionevoli) fino a quando non emerge la ricetta su cui punterai sempre. Mentre 2 once di whisky a 1 oncia di vermouth dolce sono lo standard, andare con 2,5 once di segale può creare una bevanda trascendente. Sentiti libero di sostituire gli amari con la varietà, ma ti ritroverai a tornare a casa ad Angostura il 97% delle volte. E un espresso twist di limone porterà la bevanda in una pianura più alta. Considera che sapere come realizzare la tua Manhattan è come sapere come stringere la mano correttamente. Nessun polso debole per la stretta di mano. Niente ghiaccio nel cocktail. Avere a esso.

Un po' di sfondo

Volete sapere perché Manhattan si chiama Manhattan? Perché è uno dei migliori dannati cocktail mai registrati, quindi l'hanno chiamato come la migliore dannata città del mondo. Beh, forse la sua storia di origine non è così sciovinista, ma è vicina. Le origini del cocktail Manhattan sono comunemente fatte risalire al Manhattan Club, a Manhattan, nella seconda metà del 19° secolo, dove è stato realizzato per una festa organizzata dalla madre di Winston Churchill. Come sottolinea lo storico delle bevande David Wondrich, questo è un carico di toro Lady Randolph Churchill era incinta in Inghilterra al tempo di questa festa che si dice.

Ma il Manhattan Club accumulava segale molto vecchia e serviva un cocktail Manhattan, anche se la sua ricetta era diversa all'epoca. Le cose si sono evolute da lì. Durante il proibizionismo, i Manhattan dovevano essere serviti con whisky canadese e mdash, l'unico whisky su cui le persone potevano mettere le mani. E, nonostante gli anni, la Manhattan si gode ancora a New York e in tutte le altre grandi metropoli. È così buono.

Iscriviti a Esquire Select

Se ti piace, prova questi

L'altro cocktail di whisky molto buono e molto classico fatto con segale o bourbon è l'Old Fashioned. Sai quello. Prova anche un Whisky Sour con la segale. Il Sazerac è un altro cocktail di whisky di segale ricco di storia che ti piacerà. Se le tue preferenze di gusto vanno oltre l'Atlantico, prova un Rob Roy, che è un Manhattan fatto con lo scotch. E questo è bello: il Manhattan ha un vicino di quartiere di New York, il cocktail Brooklyn, fatto con segale, vermouth secco, liquore al maraschino e Amer Picon.

Come nota d'addio, ti diamo una formula per assemblare il tuo Manhattan in modo da poterne conservare una brocca prefabbricata nel congelatore. Perché mentre una Manhattan è bella, una fornitura settimanale di Manhattan è pura efficienza.


Come fare un Manhattan

Questo è un cocktail classico che ogni bevitore di whisky dovrebbe conoscere a memoria.

  1. Mescolare bene il whisky, il vermouth e il bitter con ghiaccio tritato in un mixing glass finché non si saranno raffreddati.
  2. Filtrare in una coppetta da cocktail ben fredda.
  3. Guarnire con un twist e/o una ciliegina da cocktail.

Il Manhattan esige rispetto. È sfacciato: una colata pesante di segale o bourbon, vermouth dolce e amari aromatici. È ricco, con sapori forti sia più speziati che più dolci. È forte. Lo fai con cura, e poi lo sorseggi lentamente, perché è una bevanda che ti guadagni da una dura giornata di lavoro. Dal momento che l'atto stesso di emergere da sotto un piumone e affrontare un altro giorno della tua vita è più che qualificabile come un duro lavoro dopo l'anno che abbiamo avuto, ci sono un bel po' di ben meritati Manhattan che ti vengono incontro.

Negli annali della produzione di cocktail, il Manhattan è un campione dei pesi massimi a tutto tondo. C'è un certo dibattito sulla segale contro il bourbon (la segale colpisce bruscamente, quindi tendiamo a preferirla), la ciliegia da cocktail contro il twist di limone o entrambi. È un drink che si presta al riff se sei dell'umore giusto. Puoi armeggiare con il tuo whisky e vermouth e persino il rapporto tra a due (entro limiti ragionevoli) fino a quando non emerge la ricetta su cui punterai sempre. Mentre 2 once di whisky a 1 oncia di vermouth dolce sono lo standard, andare con 2,5 once di segale può creare una bevanda trascendente. Sentiti libero di sostituire gli amari con la varietà, ma ti ritroverai a tornare a casa ad Angostura il 97% delle volte. E un espresso twist di limone porterà la bevanda in una pianura più alta. Considera che sapere come realizzare la tua Manhattan è come sapere come stringere la mano correttamente. Nessun polso debole per la stretta di mano. Niente ghiaccio nel cocktail. Avere a esso.

Un po' di sfondo

Volete sapere perché Manhattan si chiama Manhattan? Perché è uno dei migliori dannati cocktail mai registrati, quindi l'hanno chiamato come la migliore dannata città del mondo. Beh, forse la sua storia di origine non è così sciovinista, ma è vicina. Le origini del cocktail Manhattan sono comunemente fatte risalire al Manhattan Club, a Manhattan, nella seconda metà del 19° secolo, dove è stato realizzato per una festa organizzata dalla madre di Winston Churchill. Come sottolinea lo storico delle bevande David Wondrich, questo è un carico di toro Lady Randolph Churchill era incinta in Inghilterra al tempo di questa festa che si dice.

Ma il Manhattan Club accumulava segale molto vecchia e serviva un cocktail Manhattan, anche se la sua ricetta era diversa all'epoca. Le cose si sono evolute da lì. Durante il proibizionismo, i Manhattan dovevano essere serviti con whisky canadese e mdash, l'unico whisky su cui le persone potevano mettere le mani. E, nonostante gli anni, la Manhattan si gode ancora a New York e in tutte le altre grandi metropoli. È così buono.

Iscriviti a Esquire Seleziona

Se ti piace, prova questi

L'altro cocktail di whisky molto buono e molto classico fatto con segale o bourbon è l'Old Fashioned. Sai quello. Prova anche un Whisky Sour con la segale. Il Sazerac è un altro cocktail di whisky di segale ricco di storia che ti piacerà. Se le tue preferenze di gusto vanno oltre l'Atlantico, prova un Rob Roy, che è un Manhattan fatto con lo scotch. E questo è bello: il Manhattan ha un vicino di quartiere di New York, il cocktail Brooklyn, fatto con segale, vermouth secco, liquore al maraschino e Amer Picon.

Come nota d'addio, ti diamo una formula per assemblare il tuo Manhattan in modo da poterne conservare una brocca prefabbricata nel congelatore. Perché mentre una Manhattan è bella, una fornitura settimanale di Manhattan è pura efficienza.


Come fare un Manhattan

Questo è un cocktail classico che ogni bevitore di whisky dovrebbe conoscere a memoria.

  1. Mescolare bene il whisky, il vermouth e il bitter con ghiaccio tritato in un mixing glass finché non si saranno raffreddati.
  2. Filtrare in una coppetta da cocktail ben fredda.
  3. Guarnire con un twist e/o una ciliegina da cocktail.

Il Manhattan esige rispetto. È sfacciato: una colata pesante di segale o bourbon, vermouth dolce e amari aromatici. È ricco, con sapori forti sia più speziati che più dolci. È forte. Lo fai con cura, e poi lo sorseggi lentamente, perché è una bevanda che ti guadagni da una dura giornata di lavoro. Dal momento che l'atto stesso di emergere da sotto un piumone e affrontare un altro giorno della tua vita è più che qualificabile come un duro lavoro dopo l'anno che abbiamo avuto, ci sono un bel po' di ben meritati Manhattan che ti vengono incontro.

Negli annali della produzione di cocktail, il Manhattan è un campione dei pesi massimi a tutto tondo. C'è un certo dibattito sulla segale contro il bourbon (la segale colpisce bruscamente, quindi tendiamo a preferirla), la ciliegia da cocktail contro il twist di limone o entrambi. È un drink che si presta al riff se sei dell'umore giusto. Puoi armeggiare con il tuo whisky e vermouth e persino il rapporto tra a due (entro limiti ragionevoli) fino a quando non emerge la ricetta su cui punterai sempre. Mentre 2 once di whisky a 1 oncia di vermouth dolce sono lo standard, andare con 2,5 once di segale può creare una bevanda trascendente. Sentiti libero di sostituire gli amari con la varietà, ma ti ritroverai a tornare a casa ad Angostura il 97% delle volte. E un espresso twist di limone porterà la bevanda in una pianura più alta. Considera che sapere come realizzare la tua Manhattan è come sapere come stringere la mano correttamente. Nessun polso debole per la stretta di mano. Niente ghiaccio nel cocktail. Avere a esso.

Un po' di sfondo

Volete sapere perché Manhattan si chiama Manhattan? Perché è uno dei migliori dannati cocktail mai registrati, quindi l'hanno chiamato come la migliore dannata città del mondo. Beh, forse la sua storia di origine non è così sciovinista, ma è vicina. Le origini del cocktail Manhattan sono comunemente fatte risalire al Manhattan Club, a Manhattan, nella seconda metà del 19° secolo, dove è stato realizzato per una festa organizzata dalla madre di Winston Churchill. Come sottolinea lo storico delle bevande David Wondrich, questo è un carico di toro Lady Randolph Churchill era incinta in Inghilterra al tempo di questa festa che si dice.

Ma il Manhattan Club accumulava segale molto vecchia e serviva un cocktail Manhattan, anche se la sua ricetta era diversa all'epoca. Le cose si sono evolute da lì. Durante il proibizionismo, i Manhattan dovevano essere serviti con whisky canadese e mdash, l'unico whisky su cui le persone potevano mettere le mani. E, nonostante gli anni, la Manhattan si gode ancora a New York e in tutte le altre grandi metropoli. È così buono.

Iscriviti a Esquire Select

Se ti piace, prova questi

L'altro cocktail di whisky molto buono e molto classico fatto con segale o bourbon è l'Old Fashioned. Sai quello. Prova anche un Whisky Sour con la segale. Il Sazerac è un altro cocktail di whisky di segale ricco di storia che ti piacerà. Se le tue preferenze di gusto vanno oltre l'Atlantico, prova un Rob Roy, che è un Manhattan fatto con lo scotch. E questo è bello: il Manhattan ha un vicino di quartiere di New York, il cocktail Brooklyn, fatto con segale, vermouth secco, liquore al maraschino e Amer Picon.

Come nota d'addio, ti diamo una formula per assemblare il tuo Manhattan in modo da poterne conservare una brocca prefabbricata nel congelatore. Perché mentre una Manhattan è bella, una fornitura settimanale di Manhattan è pura efficienza.


Come fare un Manhattan

Questo è un cocktail classico che ogni bevitore di whisky dovrebbe conoscere a memoria.

  1. Mescolare bene il whisky, il vermouth e il bitter con ghiaccio tritato in un mixing glass finché non si saranno raffreddati.
  2. Filtrare in una coppetta da cocktail ben fredda.
  3. Guarnire con un twist e/o una ciliegina da cocktail.

Il Manhattan esige rispetto. È sfacciato: una colata pesante di segale o bourbon, vermouth dolce e amari aromatici. È ricco, con sapori forti sia più speziati che più dolci. È forte. Lo fai con cura, e poi lo sorseggi lentamente, perché è una bevanda che ti guadagni da una dura giornata di lavoro. Dal momento che l'atto stesso di emergere da sotto un piumone e affrontare un altro giorno della tua vita è più che qualificabile come un duro lavoro dopo l'anno che abbiamo avuto, ci sono un bel po' di ben meritati Manhattan che ti vengono incontro.

Negli annali della produzione di cocktail, il Manhattan è un campione dei pesi massimi a tutto tondo. C'è un certo dibattito sulla segale contro il bourbon (la segale colpisce bruscamente, quindi tendiamo a preferirla), la ciliegia da cocktail contro il twist di limone o entrambi. È un drink che si presta al riff se sei dell'umore giusto. Puoi armeggiare con il tuo whisky e vermouth e persino il rapporto tra a due (entro limiti ragionevoli) fino a quando non emerge la ricetta su cui punterai sempre. Mentre 2 once di whisky a 1 oncia di vermouth dolce sono lo standard, andare con 2,5 once di segale può creare una bevanda trascendente. Sentiti libero di sostituire gli amari con la varietà, ma ti ritroverai a tornare a casa ad Angostura il 97% delle volte. E un espresso twist di limone porterà la bevanda in una pianura più alta. Considera che sapere come realizzare la tua Manhattan è come sapere come stringere la mano correttamente. Nessun polso debole per la stretta di mano. Niente ghiaccio nel cocktail. Avere a esso.

Un po' di sfondo

Volete sapere perché Manhattan si chiama Manhattan? Perché è uno dei migliori dannati cocktail mai registrati, quindi l'hanno chiamato come la migliore dannata città del mondo. Beh, forse la sua storia di origine non è così sciovinista, ma è vicina. Le origini del cocktail Manhattan sono comunemente fatte risalire al Manhattan Club, a Manhattan, nella seconda metà del 19° secolo, dove è stato realizzato per una festa organizzata dalla madre di Winston Churchill. Come sottolinea lo storico delle bevande David Wondrich, questo è un carico di toro Lady Randolph Churchill era incinta in Inghilterra al tempo di questa festa che si dice.

Ma il Manhattan Club accumulava segale molto vecchia e serviva un cocktail Manhattan, anche se la sua ricetta era diversa all'epoca. Le cose si sono evolute da lì. Durante il proibizionismo, i Manhattan dovevano essere serviti con whisky canadese e mdash, l'unico whisky su cui le persone potevano mettere le mani. E, nonostante gli anni, la Manhattan si gode ancora a New York e in tutte le altre grandi metropoli. È così buono.

Iscriviti a Esquire Select

Se ti piace, prova questi

L'altro cocktail di whisky molto buono e molto classico fatto con segale o bourbon è l'Old Fashioned. Sai quello. Prova anche un Whisky Sour con la segale. Il Sazerac è un altro cocktail di whisky di segale ricco di storia che ti piacerà. Se le tue preferenze di gusto vanno oltre l'Atlantico, prova un Rob Roy, che è un Manhattan fatto con lo scotch. E questo è bello: il Manhattan ha un vicino di quartiere di New York, il cocktail Brooklyn, fatto con segale, vermouth secco, liquore al maraschino e Amer Picon.

Come nota d'addio, ti diamo una formula per assemblare il tuo Manhattan in modo da poterne conservare una brocca prefabbricata nel congelatore. Perché mentre una Manhattan è bella, una fornitura settimanale di Manhattan è pura efficienza.


Come fare un Manhattan

Questo è un cocktail classico che ogni bevitore di whisky dovrebbe conoscere a memoria.

  1. Mescolare bene il whisky, il vermouth e il bitter con ghiaccio tritato in un mixing glass finché non si saranno raffreddati.
  2. Filtrare in una coppetta da cocktail ben fredda.
  3. Guarnire con un twist e/o una ciliegina da cocktail.

Il Manhattan esige rispetto. È sfacciato: una colata pesante di segale o bourbon, vermouth dolce e amari aromatici. È ricco, con sapori forti sia più speziati che più dolci. È forte. Lo fai con cura, e poi lo sorseggi lentamente, perché è una bevanda che ti guadagni da una dura giornata di lavoro. Dal momento che l'atto stesso di emergere da sotto un piumone e affrontare un altro giorno della tua vita è più che qualificabile come un duro lavoro dopo l'anno che abbiamo avuto, ci sono un bel po' di ben meritati Manhattan che ti vengono incontro.

Negli annali della produzione di cocktail, il Manhattan è un campione dei pesi massimi a tutto tondo. C'è un certo dibattito sulla segale contro il bourbon (la segale colpisce bruscamente, quindi tendiamo a preferirla), la ciliegia da cocktail contro il twist di limone o entrambi. È un drink che si presta al riff se sei dell'umore giusto. Puoi armeggiare con il tuo whisky e vermouth e persino il rapporto tra a due (entro limiti ragionevoli) fino a quando non emerge la ricetta su cui punterai sempre. Mentre 2 once di whisky a 1 oncia di vermouth dolce sono lo standard, andare con 2,5 once di segale può creare una bevanda trascendente. Sentiti libero di sostituire gli amari con la varietà, ma ti ritroverai a tornare a casa ad Angostura il 97% delle volte. E un espresso twist di limone porterà la bevanda in una pianura più alta. Considera che sapere come realizzare la tua Manhattan è come sapere come stringere la mano correttamente. Nessun polso debole per la stretta di mano. Niente ghiaccio nel cocktail. Avere a esso.

Un po' di sfondo

Volete sapere perché Manhattan si chiama Manhattan? Perché è uno dei migliori dannati cocktail mai registrati, quindi l'hanno chiamato come la migliore dannata città del mondo. Beh, forse la sua storia di origine non è così sciovinista, ma è vicina. Le origini del cocktail Manhattan sono comunemente fatte risalire al Manhattan Club, a Manhattan, nella seconda metà del 19° secolo, dove è stato realizzato per una festa organizzata dalla madre di Winston Churchill. Come sottolinea lo storico delle bevande David Wondrich, questo è un carico di toro Lady Randolph Churchill era incinta in Inghilterra al tempo di questa festa che si dice.

Ma il Manhattan Club accumulava segale molto vecchia e serviva un cocktail Manhattan, anche se la sua ricetta era diversa all'epoca. Le cose si sono evolute da lì. Durante il proibizionismo, i Manhattan dovevano essere serviti con whisky canadese e mdash, l'unico whisky su cui le persone potevano mettere le mani. E, nonostante gli anni, la Manhattan si gode ancora a New York e in tutte le altre grandi metropoli. È così buono.

Iscriviti a Esquire Select

Se ti piace, prova questi

L'altro cocktail di whisky molto buono e molto classico fatto con segale o bourbon è l'Old Fashioned. Sai quello. Prova anche un Whisky Sour con la segale. Il Sazerac è un altro cocktail di whisky di segale ricco di storia che ti piacerà. Se le tue preferenze di gusto vanno oltre l'Atlantico, prova un Rob Roy, che è un Manhattan fatto con lo scotch. E questo è bello: il Manhattan ha un vicino di quartiere di New York, il cocktail Brooklyn, fatto con segale, vermouth secco, liquore al maraschino e Amer Picon.

On a parting note, we give you a formula to batch your Manhattan so you can keep a premade jug of it in the freezer. Because while one Manhattan is nice, a weeklong supply of Manhattans is pure efficiency.


How to Make a Manhattan

This is a classic cocktail that any whiskey drinker ought to know by heart.

  1. Stir the whiskey, vermouth, and bitters well with cracked ice in a mixing glass until chilled.
  2. Filtrare in una coppetta da cocktail ben fredda.
  3. Garnish with a twist and/or a cocktail cherry.

The Manhattan demands respect. It is brazen: a heavy pour of rye or bourbon, sweet vermouth, and aromatic bitters. It is rich, with strong flavors both spicier and sweeter. It is strong. You make it carefully, and then you sip it slowly, because it is a drink that you earn from a hard day's work. Since the very act of emerging from underneath a duvet and facing another day in your life more than qualifies as hard labor after the year we've had, that's quite a few well-earned Manhattans coming your way.

In the annals of cocktail-making, the Manhattan is an all-around heavyweight champion. There's some debate over rye versus bourbon (rye jabs sharply, so we tend to prefer it), cocktail cherry versus lemon twist or both. It's a drink that lends itself to riffing should you be in the mood. You can tinker with your whiskey and vermouth and even the ratio between to two (within reason) until the recipe you'll always place your bets on emerges. While 2 ounces of whiskey to 1 ounce of sweet vermouth is the standard, going with 2.5 ounces of rye can make for a transcendent drink. Feel free to swap out bitters for variety, but you'll find yourself coming home to Angostura 97% of the time. And an expressed lemon twist will take the drink to a higher plain. Consider knowing how to make your Manhattan is like knowing how to properly shake hands. No weak wrists for the handshake. No ice in the cocktail. Have at it.

Un po' di sfondo

You want to know why the Manhattan is called the Manhattan? Because it is one of the best damn cocktails on record, so they named it for the best damn city in the world. Well, perhaps its origin story is not quite so jingoistic, but it's close. The Manhattan cocktail's origins are commonly traced back to the Manhattan Club, in Manhattan, in the latter half of the 19th Century, where it was crafted for a party thrown by Winston Churchill's mother. As drinks historian David Wondrich points out, that's a load of bull Lady Randolph Churchill was pregnant in England at the time of this rumored party.

But the Manhattan Club did hoard very old rye, and it did serve a Manhattan cocktail, though its recipe was different at the time. Things evolved from there. During Prohibition, Manhattans had to be served with Canadian whisky&mdashthe only whisky people could get their hand on. And, despite the years, the Manhattan is still being enjoyed in New York and all the other great metropolises. È così buono.

Join Esquire Select

Se ti piace, prova questi

The other very good, very classic whiskey cocktail that is made with rye or bourbon is the Old Fashioned. You know that one. Try a Whiskey Sour with rye, too. The Sazerac is another rye whiskey cocktail rich with history that you'll like. If your flavor preferences veer across the Atlantic, try a Rob Roy, which is a Manhattan made with scotch. And this is cool: the Manhattan has a New York borough neighbor, the Brooklyn cocktail, that's made with rye, dry vermouth, maraschino liqueur, and Amer Picon.

On a parting note, we give you a formula to batch your Manhattan so you can keep a premade jug of it in the freezer. Because while one Manhattan is nice, a weeklong supply of Manhattans is pure efficiency.


Guarda il video: How to make Cocktails by bartender Level 212 shorts


Commenti:

  1. Nalar

    la risposta ideale

  2. Airavata

    Insieme. E con questo mi sono imbattuto. Discuteremo questa domanda.

  3. Jeffry

    L'ho già visto, non mi è piaciuto, mi asterrò

  4. Yerik

    Hai torto. Inviami un'e -mail a PM.

  5. Yazid

    Che parole...



Scrivi un messaggio