acetonemagazine.org
Nuove ricette

20 cose che non sapevi su Chuck E. Cheese

20 cose che non sapevi su Chuck E. Cheese


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Questa famosa catena festeggia i suoi 40 anni di attività

Chuck E. Cheese's

Il primo Chuck E. Cheese è stato aperto a San Jose, in California, nel 1977.

Da bambino, un invito a una festa di compleanno da Chuck E. Cheese era di per sé motivo di festa. Ci aspettavano giochi, pizza e quei leggendari personaggi animatronici, oltre alla promessa di pile di biglietti e un paio di divertenti premi. Ma scommettiamo che ci sono molte cose che non sapevi su questa famosa catena e, se non la visiti da un po', scoprirai che molto è cambiato.

20 cose che non sapevi su Chuck E. Cheese (Slideshow)

Il primo Chuck E. Cheese aprì 40 anni fa, il 17 maggio 1977, a San Jose, in California. In realtà è stato il primo ristorante di famiglia a incorporare giochi arcade nell'esperienza; prima che arrivasse Chuck E., i giochi arcade si trovavano più comunemente in luoghi per adulti come le sale da biliardo. L'approccio incentrato sui bambini è stato un successo immediato (con un piccolo aiuto da quegli stravaganti animatronici) e i diritti di franchising sono stati venduti nel 1979.

Oggi ci sono circa 523 sedi di Chuck E. Cheese, e mentre quegli animatronics hanno preso un po' di posto in secondo piano, il cibo è venuto in primo piano. Lo chef Gregory Casale è stato assunto per rinnovare il menu e renderlo più adatto agli adulti nel 2015, e focacce, pizze speciali, involtini, "biscotti per pizza caldi giganti", pizze ripiene e altre nuove offerte si stanno facendo strada nel tuo locale menu, e la catena è decisamente cambiata con i tempi anche in altri modi. Quindi clicca qui per 20 fatti su questa catena leggendaria!


Chuck E. Cheese era un orfano che non sapeva il suo compleanno

Molte persone hanno bei ricordi d'infanzia di festeggiare i compleanni da Chuck E. Cheese. I giochi! La pizza! I premi!

E mentre molti ex ragazzi potrebbero pensare di sapere tutto sul famoso ristorante arcade e sul suo omonimo roditore, ti sei mai fermato a riflettere su come fosse veramente Chuck da bambino? Si scopre che questo allegro topo ha nascosto un passato segreto molto deprimente.

Ormai, probabilmente saprai che Chuck E. Cheese è un animale che ama cantare e divertirsi. Ma non era sempre pizza e premi per questo topo amante della musica.

Apparentemente Chuck E. Cheese è un orfano che organizza feste di compleanno per bambini perché non ha mai conosciuto il proprio compleanno e sta cercando disperatamente di compensare un'infanzia perduta. Questa è la tradizione ufficiale della compagnia. Ragazzi completamente scuri. https://t.co/xTUve3TDga

— Julian Sanchez (@normative) 19 agosto 2019

Qualcuno su Twitter ha recentemente fatto luce sulla storia di Mr. Cheese, rivelando che è cresciuto in un orfanotrofio. Triste. Ma ancora più triste? Il giovane Chuck adorava festeggiare Altro i compleanni dei bambini che crescono perché — prepara i fazzoletti — non ha mai conosciuto il suo.

BuzzFeed ha poi confermato che la storia è davvero vera e ha portato alla luce una copia digitale di un libro per bambini intitolato "The Story of Chuck E. Cheese" sul sito web del ristorante. Un rappresentante di Chuck E. Cheese ha successivamente confermato a TODAY Food che il marchio ha pubblicato per la prima volta la storia sul suo sito Web intorno al 2012, quindi non esisteva dall'inizio della catena alla fine degli anni '70.

La storia si apre spiegando che un giovane topo di nome Chuck è cresciuto in un orfanotrofio chiamato St. Marinara's, ponendo così le basi per lo sviluppo della sua personalità amante della pizza. I lettori apprendono anche che Chuck E. Cheese - il cui secondo nome è in realtà Entertainment - ha sempre amato la canzone "Happy Birthday", ma non l'ha mai sentita cantare per se stesso.

Tuttavia, con così tanti bambini in giro per l'orfanotrofio, il topolino ha avuto molte opportunità di festeggiare con altri bambini e ha iniziato ad amare davvero le feste di compleanno.

Poi Chuck E. Cheese è cresciuto e ha dovuto lasciare l'orfanotrofio perché gli adulti non possono vivere con i bambini. Più tristezza. Si è trasferito a New York per stare con molte persone, ma si sentiva ancora "solo". Per ravvivare le cose, ha iniziato a vivere segretamente in una pizzeria. Amava la musica e il delizioso aroma della pizza, ma non poteva nascondersi a lungo.

Presto il proprietario, un uomo di nome Pasqually, trovò Chuck E. Cheese e cercò di scacciarlo.

Nervoso, il topo iniziò a cantare e, ecco, la sua voce angelica spazzò via il proprietario.

"Un topo che sa cantare? Il mio ristorante è salvo! Ti farò diventare una star!" ha detto Pasquale. Fu così ispirato da Chuck che cambiò il nome del suo ristorante in "Chuck E. Cheese's, casa del famoso topo cantante".

Ma c'era ancora più tristezza a venire.

Durante la prima esibizione di Chuck, il pubblico lo ha fischiato! Ma quando alla fine ha cantato "Happy Birthday" a un bambino solitario tra il pubblico, la folla si è rianimata e il resto è storia.

Il topo felice ha continuato a cantare con diversi amici e ha convinto Pasqually a incorporare giochi nel ristorante.

Relazionato

Cibo Chuck E. Cheese's ricicla la pizza avanzata? La catena a misura di bambino risponde al mito

Mentre stavamo tutti facendo il nostro gioco e mangiando la pizza, si scopre che Chuck E. Cheese nascondeva una storia personale piuttosto oscura.

Ma tutto è bene quel che finisce bene, ed è chiaro che le avversità di Chuck lo hanno reso una persona migliore, ehm, l'uomo topo.

"Oggi Chuck E. ama ancora le feste di compleanno, la pizza e la musica!" ha detto un rappresentante di Chuck E. Cheese.


Chuck E. Cheese era un orfano che non sapeva il suo compleanno

Molte persone hanno bei ricordi d'infanzia di festeggiare i compleanni da Chuck E. Cheese. I giochi! La pizza! I premi!

E mentre molti ex ragazzi potrebbero pensare di sapere tutto sul famoso ristorante arcade e sul suo omonimo roditore, ti sei mai fermato a riflettere su come fosse veramente Chuck da bambino? Si scopre che questo allegro topo ha nascosto un passato segreto molto deprimente.

Ormai, probabilmente saprai che Chuck E. Cheese è un animale che ama cantare e divertirsi. Ma non era sempre pizza e premi per questo topo amante della musica.

Apparentemente Chuck E. Cheese è un orfano che organizza feste di compleanno per bambini perché non ha mai conosciuto il proprio compleanno e sta cercando disperatamente di compensare un'infanzia perduta. Questa è la tradizione ufficiale della compagnia. Ragazzi completamente scuri. https://t.co/xTUve3TDga

— Julian Sanchez (@normative) 19 agosto 2019

Qualcuno su Twitter ha recentemente fatto luce sulla storia di Mr. Cheese, rivelando che è cresciuto in un orfanotrofio. Triste. Ma ancora più triste? Il giovane Chuck adorava festeggiare Altro i compleanni dei bambini che crescono perché — prepara i fazzoletti — non ha mai conosciuto il suo.

BuzzFeed ha poi confermato che la storia è davvero vera e ha portato alla luce una copia digitale di un libro per bambini intitolato "The Story of Chuck E. Cheese" sul sito web del ristorante. Un rappresentante di Chuck E. Cheese ha successivamente confermato a TODAY Food che il marchio ha pubblicato per la prima volta la storia sul suo sito Web intorno al 2012, quindi non esisteva dall'inizio della catena alla fine degli anni '70.

La storia si apre spiegando che un giovane topo di nome Chuck è cresciuto in un orfanotrofio chiamato St. Marinara's, ponendo così le basi per lo sviluppo della sua personalità amante della pizza. I lettori apprendono anche che Chuck E. Cheese - il cui secondo nome è in realtà Entertainment - ha sempre amato la canzone "Happy Birthday", ma non l'ha mai sentita cantare per se stesso.

Tuttavia, con così tanti bambini in giro per l'orfanotrofio, il topolino ha avuto molte opportunità di festeggiare con altri bambini e ha iniziato ad amare davvero le feste di compleanno.

Poi Chuck E. Cheese è cresciuto e ha dovuto lasciare l'orfanotrofio perché gli adulti non possono vivere con i bambini. Più tristezza. Si è trasferito a New York per stare con molte persone, ma si sentiva ancora "solo". Per ravvivare le cose, ha iniziato a vivere segretamente in una pizzeria. Amava la musica e il delizioso aroma della pizza, ma non poteva nascondersi a lungo.

Presto il proprietario, un uomo di nome Pasqually, trovò Chuck E. Cheese e cercò di scacciarlo.

Nervoso, il topo iniziò a cantare e, ecco, la sua voce angelica spazzò via il proprietario.

"Un topo che sa cantare? Il mio ristorante è salvo! Ti farò diventare una star!" ha detto Pasquale. Fu così ispirato da Chuck che cambiò il nome del suo ristorante in "Chuck E. Cheese's, casa del famoso topo cantante".

Ma c'era ancora più tristezza a venire.

Durante la prima esibizione di Chuck, il pubblico lo ha fischiato! Ma quando alla fine ha cantato "Happy Birthday" a un bambino solitario tra il pubblico, la folla si è rianimata e il resto è storia.

Il topo felice ha continuato a cantare con diversi amici e ha convinto Pasqually a incorporare giochi nel ristorante.

Relazionato

Cibo Chuck E. Cheese's ricicla la pizza avanzata? La catena a misura di bambino risponde al mito

Mentre stavamo tutti facendo il nostro gioco e mangiando la pizza, si scopre che Chuck E. Cheese nascondeva una storia personale piuttosto oscura.

Ma tutto è bene quel che finisce bene, ed è chiaro che le avversità di Chuck lo hanno reso una persona migliore, ehm, l'uomo topo.

"Oggi Chuck E. ama ancora le feste di compleanno, la pizza e la musica!" ha detto un rappresentante di Chuck E. Cheese.


Chuck E. Cheese era un orfano che non sapeva il suo compleanno

Molte persone hanno bei ricordi d'infanzia di festeggiare i compleanni da Chuck E. Cheese. I giochi! La pizza! I premi!

E mentre molti ex ragazzi potrebbero pensare di sapere tutto sul famoso ristorante arcade e sul suo omonimo roditore, ti sei mai fermato a riflettere su come fosse veramente Chuck da bambino? Si scopre che questo allegro topo ha nascosto un passato segreto molto deprimente.

Ormai, probabilmente saprai che Chuck E. Cheese è un animale che ama cantare e divertirsi. Ma non era sempre pizza e premi per questo topo amante della musica.

Apparentemente Chuck E. Cheese è un orfano che organizza feste di compleanno per bambini perché non ha mai conosciuto il proprio compleanno e sta cercando disperatamente di compensare un'infanzia perduta. Questa è la tradizione ufficiale della compagnia. Ragazzi completamente scuri. https://t.co/xTUve3TDga

— Julian Sanchez (@normative) 19 agosto 2019

Qualcuno su Twitter ha recentemente fatto luce sulla storia di Mr. Cheese, rivelando che è cresciuto in un orfanotrofio. Triste. Ma ancora più triste? Il giovane Chuck adorava festeggiare Altro i compleanni dei bambini che crescono perché — prepara i fazzoletti — non ha mai conosciuto il suo.

BuzzFeed ha poi confermato che la storia è davvero vera e ha portato alla luce una copia digitale di un libro per bambini intitolato "The Story of Chuck E. Cheese" sul sito web del ristorante. Un rappresentante di Chuck E. Cheese ha successivamente confermato a TODAY Food che il marchio ha pubblicato per la prima volta la storia sul suo sito Web intorno al 2012, quindi non esisteva dall'inizio della catena alla fine degli anni '70.

La storia si apre spiegando che un giovane topo di nome Chuck è cresciuto in un orfanotrofio chiamato St. Marinara's, ponendo così le basi per lo sviluppo della sua personalità amante della pizza. I lettori apprendono anche che Chuck E. Cheese - il cui secondo nome è in realtà Entertainment - ha sempre amato la canzone "Happy Birthday", ma non l'ha mai sentita cantare per se stesso.

Tuttavia, con così tanti bambini in giro per l'orfanotrofio, il topolino ha avuto molte opportunità di festeggiare con altri bambini e ha iniziato ad amare davvero le feste di compleanno.

Poi Chuck E. Cheese è cresciuto e ha dovuto lasciare l'orfanotrofio perché gli adulti non possono vivere con i bambini. Più tristezza. Si è trasferito a New York per stare con molte persone, ma si sentiva ancora "solo". Per ravvivare le cose, ha iniziato a vivere segretamente in una pizzeria. Amava la musica e il delizioso aroma della pizza, ma non poteva nascondersi a lungo.

Presto il proprietario, un uomo di nome Pasqually, trovò Chuck E. Cheese e cercò di scacciarlo.

Nervoso, il topo iniziò a cantare e, ecco, la sua voce angelica spazzò via il proprietario.

"Un topo che sa cantare? Il mio ristorante è salvo! Ti farò diventare una star!" ha detto Pasquale. Fu così ispirato da Chuck che cambiò il nome del suo ristorante in "Chuck E. Cheese's, casa del famoso topo cantante".

Ma c'era ancora più tristezza a venire.

Durante la prima esibizione di Chuck, il pubblico lo ha fischiato! Ma quando alla fine ha cantato "Happy Birthday" a un bambino solitario tra il pubblico, la folla si è rianimata e il resto è storia.

Il topo felice ha continuato a cantare con diversi amici e ha convinto Pasqually a incorporare giochi nel ristorante.

Relazionato

Cibo Chuck E. Cheese's ricicla la pizza avanzata? La catena a misura di bambino risponde al mito

Mentre stavamo tutti facendo il nostro gioco e mangiando la pizza, si scopre che Chuck E. Cheese nascondeva una storia personale piuttosto oscura.

Ma tutto è bene quel che finisce bene, ed è chiaro che le avversità di Chuck lo hanno reso una persona migliore, ehm, l'uomo topo.

"Oggi Chuck E. ama ancora le feste di compleanno, la pizza e la musica!" ha detto un rappresentante di Chuck E. Cheese.


Chuck E. Cheese era un orfano che non sapeva il suo compleanno

Molte persone hanno bei ricordi d'infanzia di festeggiare i compleanni da Chuck E. Cheese. I giochi! La pizza! I premi!

E mentre molti ex ragazzi potrebbero pensare di sapere tutto sul famoso ristorante arcade e sul suo omonimo roditore, ti sei mai fermato a riflettere su come fosse veramente Chuck da bambino? Si scopre che questo allegro topo ha nascosto un passato segreto molto deprimente.

Ormai, probabilmente saprai che Chuck E. Cheese è un animale che ama cantare e divertirsi. Ma non era sempre pizza e premi per questo topo amante della musica.

Apparentemente Chuck E. Cheese è un orfano che organizza feste di compleanno per bambini perché non ha mai conosciuto il proprio compleanno e sta cercando disperatamente di compensare un'infanzia perduta. Questa è la tradizione ufficiale della compagnia. Ragazzi completamente scuri. https://t.co/xTUve3TDga

— Julian Sanchez (@normative) 19 agosto 2019

Qualcuno su Twitter ha recentemente fatto luce sulla storia di Mr. Cheese, rivelando che è cresciuto in un orfanotrofio. Triste. Ma ancora più triste? Il giovane Chuck adorava festeggiare Altro i compleanni dei bambini che crescono perché — prepara i fazzoletti — non ha mai conosciuto il suo.

BuzzFeed ha poi confermato che la storia è davvero vera e ha portato alla luce una copia digitale di un libro per bambini intitolato "The Story of Chuck E. Cheese" sul sito web del ristorante. Un rappresentante di Chuck E. Cheese ha successivamente confermato a TODAY Food che il marchio ha pubblicato per la prima volta la storia sul suo sito Web intorno al 2012, quindi non esisteva dall'inizio della catena alla fine degli anni '70.

La storia si apre spiegando che un giovane topo di nome Chuck è cresciuto in un orfanotrofio chiamato St. Marinara's, ponendo così le basi per lo sviluppo della sua personalità amante della pizza. I lettori apprendono anche che Chuck E. Cheese - il cui secondo nome è in realtà Entertainment - ha sempre amato la canzone "Happy Birthday", ma non l'ha mai sentita cantare per se stesso.

Tuttavia, con così tanti bambini in giro per l'orfanotrofio, il topolino ha avuto molte opportunità di festeggiare con altri bambini e ha iniziato ad amare davvero le feste di compleanno.

Poi Chuck E. Cheese è cresciuto e ha dovuto lasciare l'orfanotrofio perché gli adulti non possono vivere con i bambini. Più tristezza. Si è trasferito a New York per stare con molte persone, ma si sentiva ancora "solo". Per ravvivare le cose, ha iniziato a vivere segretamente in una pizzeria. Amava la musica e il delizioso aroma della pizza, ma non poteva nascondersi a lungo.

Presto il proprietario, un uomo di nome Pasqually, trovò Chuck E. Cheese e cercò di scacciarlo.

Nervoso, il topo iniziò a cantare e, ecco, la sua voce angelica spazzò via il proprietario.

"Un topo che sa cantare? Il mio ristorante è salvo! Ti farò diventare una star!" ha detto Pasquale. Fu così ispirato da Chuck che cambiò il nome del suo ristorante in "Chuck E. Cheese's, casa del famoso topo cantante".

Ma c'era ancora più tristezza a venire.

Durante la prima esibizione di Chuck, il pubblico lo ha fischiato! Ma quando alla fine ha cantato "Happy Birthday" a un bambino solitario tra il pubblico, la folla si è rianimata e il resto è storia.

Il topo felice ha continuato a cantare con diversi amici e ha convinto Pasqually a incorporare giochi nel ristorante.

Relazionato

Cibo Chuck E. Cheese's ricicla la pizza avanzata? La catena a misura di bambino risponde al mito

Mentre stavamo tutti facendo il nostro gioco e mangiando la pizza, si scopre che Chuck E. Cheese nascondeva una storia personale piuttosto oscura.

Ma tutto è bene quel che finisce bene, ed è chiaro che le avversità di Chuck lo hanno reso una persona migliore, ehm, l'uomo topo.

"Oggi Chuck E. ama ancora le feste di compleanno, la pizza e la musica!" ha detto un rappresentante di Chuck E. Cheese.


Chuck E. Cheese era un orfano che non sapeva il suo compleanno

Molte persone hanno bei ricordi d'infanzia di festeggiare i compleanni da Chuck E. Cheese. I giochi! La pizza! I premi!

E mentre molti ex ragazzi potrebbero pensare di sapere tutto sul famoso ristorante arcade e sul suo omonimo roditore, ti sei mai fermato a riflettere su come fosse veramente Chuck da bambino? Si scopre che questo allegro topo ha nascosto un passato segreto molto deprimente.

Ormai, probabilmente saprai che Chuck E. Cheese è un animale che ama cantare e divertirsi. Ma non era sempre pizza e premi per questo topo amante della musica.

Apparentemente Chuck E. Cheese è un orfano che organizza feste di compleanno per bambini perché non ha mai conosciuto il proprio compleanno e sta cercando disperatamente di compensare un'infanzia perduta. Questa è la tradizione ufficiale della compagnia. Ragazzi completamente scuri. https://t.co/xTUve3TDga

— Julian Sanchez (@normative) 19 agosto 2019

Qualcuno su Twitter ha recentemente fatto luce sulla storia di Mr. Cheese, rivelando che è cresciuto in un orfanotrofio. Triste. Ma ancora più triste? Il giovane Chuck adorava festeggiare Altro i compleanni dei bambini che crescono perché — prepara i fazzoletti — non ha mai conosciuto il suo.

BuzzFeed ha poi confermato che la storia è davvero vera e ha portato alla luce una copia digitale di un libro per bambini intitolato "The Story of Chuck E. Cheese" sul sito web del ristorante. Un rappresentante di Chuck E. Cheese ha successivamente confermato a TODAY Food che il marchio ha pubblicato per la prima volta la storia sul suo sito Web intorno al 2012, quindi non esisteva dall'inizio della catena alla fine degli anni '70.

La storia si apre spiegando che un giovane topo di nome Chuck è cresciuto in un orfanotrofio chiamato St. Marinara's, ponendo così le basi per lo sviluppo della sua personalità amante della pizza. I lettori apprendono anche che Chuck E. Cheese - il cui secondo nome è in realtà Entertainment - ha sempre amato la canzone "Happy Birthday", ma non l'ha mai sentita cantare per se stesso.

Tuttavia, con così tanti bambini in giro per l'orfanotrofio, il topolino ha avuto molte opportunità di festeggiare con altri bambini e ha iniziato ad amare davvero le feste di compleanno.

Poi Chuck E. Cheese è cresciuto e ha dovuto lasciare l'orfanotrofio perché gli adulti non possono vivere con i bambini. Più tristezza. Si è trasferito a New York per stare con molte persone, ma si sentiva ancora "solo". Per ravvivare le cose, ha iniziato a vivere segretamente in una pizzeria. Amava la musica e il delizioso aroma della pizza, ma non poteva nascondersi a lungo.

Presto il proprietario, un uomo di nome Pasqually, trovò Chuck E. Cheese e cercò di scacciarlo.

Nervoso, il topo iniziò a cantare e, ecco, la sua voce angelica spazzò via il proprietario.

"Un topo che sa cantare? Il mio ristorante è salvo! Ti farò diventare una star!" ha detto Pasquale. Fu così ispirato da Chuck che cambiò il nome del suo ristorante in "Chuck E. Cheese's, casa del famoso topo cantante".

Ma c'era ancora più tristezza a venire.

Durante la prima esibizione di Chuck, il pubblico lo ha fischiato! Ma quando alla fine ha cantato "Happy Birthday" a un bambino solitario tra il pubblico, la folla si è rianimata e il resto è storia.

Il topo felice ha continuato a cantare con diversi amici e ha convinto Pasqually a incorporare giochi nel ristorante.

Relazionato

Cibo Chuck E. Cheese's ricicla la pizza avanzata? La catena a misura di bambino risponde al mito

Mentre stavamo tutti facendo il nostro gioco e mangiando la pizza, si scopre che Chuck E. Cheese nascondeva una storia personale piuttosto oscura.

Ma tutto è bene quel che finisce bene, ed è chiaro che le avversità di Chuck lo hanno reso una persona migliore, ehm, l'uomo topo.

"Oggi Chuck E. ama ancora le feste di compleanno, la pizza e la musica!" ha detto un rappresentante di Chuck E. Cheese.


Chuck E. Cheese era un orfano che non sapeva il suo compleanno

Molte persone hanno bei ricordi d'infanzia di festeggiare i compleanni da Chuck E. Cheese. I giochi! La pizza! I premi!

E mentre molti ex ragazzi potrebbero pensare di sapere tutto sul famoso ristorante arcade e sul suo omonimo roditore, ti sei mai fermato a riflettere su come fosse veramente Chuck da bambino? Si scopre che questo allegro topo ha nascosto un passato segreto molto deprimente.

Ormai, probabilmente saprai che Chuck E. Cheese è un animale che ama cantare e divertirsi. Ma non era sempre pizza e premi per questo topo amante della musica.

Apparentemente Chuck E. Cheese è un orfano che organizza feste di compleanno per bambini perché non ha mai conosciuto il proprio compleanno e sta cercando disperatamente di compensare un'infanzia perduta. Questa è la tradizione ufficiale della compagnia. Ragazzi completamente scuri. https://t.co/xTUve3TDga

— Julian Sanchez (@normative) 19 agosto 2019

Qualcuno su Twitter ha recentemente fatto luce sulla storia di Mr. Cheese, rivelando che è cresciuto in un orfanotrofio. Triste. Ma ancora più triste? Il giovane Chuck adorava festeggiare Altro i compleanni dei bambini che crescono perché — prepara i fazzoletti — non ha mai conosciuto il suo.

BuzzFeed ha poi confermato che la storia è davvero vera e ha portato alla luce una copia digitale di un libro per bambini intitolato "The Story of Chuck E. Cheese" sul sito web del ristorante. Un rappresentante di Chuck E. Cheese ha successivamente confermato a TODAY Food che il marchio ha pubblicato per la prima volta la storia sul suo sito Web intorno al 2012, quindi non esisteva dall'inizio della catena alla fine degli anni '70.

La storia si apre spiegando che un giovane topo di nome Chuck è cresciuto in un orfanotrofio chiamato St. Marinara's, ponendo così le basi per lo sviluppo della sua personalità amante della pizza. I lettori apprendono anche che Chuck E. Cheese - il cui secondo nome è in realtà Entertainment - ha sempre amato la canzone "Happy Birthday", ma non l'ha mai sentita cantare per se stesso.

Tuttavia, con così tanti bambini in giro per l'orfanotrofio, il topolino ha avuto molte opportunità di festeggiare con altri bambini e ha iniziato ad amare davvero le feste di compleanno.

Poi Chuck E. Cheese è cresciuto e ha dovuto lasciare l'orfanotrofio perché gli adulti non possono vivere con i bambini. Più tristezza. Si è trasferito a New York per stare con molte persone, ma si sentiva ancora "solo". Per ravvivare le cose, ha iniziato a vivere segretamente in una pizzeria. Amava la musica e il delizioso aroma della pizza, ma non poteva nascondersi a lungo.

Presto il proprietario, un uomo di nome Pasqually, trovò Chuck E. Cheese e cercò di scacciarlo.

Nervoso, il topo iniziò a cantare e, ecco, la sua voce angelica spazzò via il proprietario.

"Un topo che sa cantare? Il mio ristorante è salvo! Ti farò diventare una star!" ha detto Pasquale. Fu così ispirato da Chuck che cambiò il nome del suo ristorante in "Chuck E. Cheese's, casa del famoso topo cantante".

Ma c'era ancora più tristezza a venire.

Durante la prima esibizione di Chuck, il pubblico lo ha fischiato! Ma quando alla fine ha cantato "Happy Birthday" a un bambino solitario tra il pubblico, la folla si è rianimata e il resto è storia.

Il topo felice ha continuato a cantare con diversi amici e ha convinto Pasqually a incorporare giochi nel ristorante.

Relazionato

Cibo Chuck E. Cheese's ricicla la pizza avanzata? La catena a misura di bambino risponde al mito

Mentre stavamo tutti facendo il nostro gioco e mangiando la pizza, si scopre che Chuck E. Cheese nascondeva una storia personale piuttosto oscura.

Ma tutto è bene quel che finisce bene, ed è chiaro che le avversità di Chuck lo hanno reso una persona migliore, ehm, l'uomo topo.

"Oggi Chuck E. ama ancora le feste di compleanno, la pizza e la musica!" ha detto un rappresentante di Chuck E. Cheese.


Chuck E. Cheese era un orfano che non sapeva il suo compleanno

Molte persone hanno bei ricordi d'infanzia di festeggiare i compleanni da Chuck E. Cheese. I giochi! La pizza! I premi!

E mentre molti ex ragazzi potrebbero pensare di sapere tutto sul famoso ristorante arcade e sul suo omonimo roditore, ti sei mai fermato a riflettere su come fosse veramente Chuck da bambino? Si scopre che questo allegro topo ha nascosto un passato segreto molto deprimente.

Ormai, probabilmente saprai che Chuck E. Cheese è un animale che ama cantare e divertirsi. Ma non era sempre pizza e premi per questo topo amante della musica.

Apparentemente Chuck E. Cheese è un orfano che organizza feste di compleanno per bambini perché non ha mai conosciuto il proprio compleanno e sta cercando disperatamente di compensare un'infanzia perduta. Questa è la tradizione ufficiale della compagnia. Ragazzi completamente scuri. https://t.co/xTUve3TDga

— Julian Sanchez (@normative) 19 agosto 2019

Qualcuno su Twitter ha recentemente fatto luce sulla storia di Mr. Cheese, rivelando che è cresciuto in un orfanotrofio. Triste. Ma ancora più triste? Il giovane Chuck adorava festeggiare Altro i compleanni dei bambini che crescono perché — prepara i fazzoletti — non ha mai conosciuto il suo.

BuzzFeed ha poi confermato che la storia è davvero vera e ha portato alla luce una copia digitale di un libro per bambini intitolato "The Story of Chuck E. Cheese" sul sito web del ristorante. Un rappresentante di Chuck E. Cheese ha successivamente confermato a TODAY Food che il marchio ha pubblicato per la prima volta la storia sul suo sito Web intorno al 2012, quindi non esisteva dall'inizio della catena alla fine degli anni '70.

La storia si apre spiegando che un giovane topo di nome Chuck è cresciuto in un orfanotrofio chiamato St. Marinara's, ponendo così le basi per lo sviluppo della sua personalità amante della pizza. I lettori apprendono anche che Chuck E. Cheese - il cui secondo nome è in realtà Entertainment - ha sempre amato la canzone "Happy Birthday", ma non l'ha mai sentita cantare per se stesso.

Tuttavia, con così tanti bambini in giro per l'orfanotrofio, il topolino ha avuto molte opportunità di festeggiare con altri bambini e ha iniziato ad amare davvero le feste di compleanno.

Poi Chuck E. Cheese è cresciuto e ha dovuto lasciare l'orfanotrofio perché gli adulti non possono vivere con i bambini. Più tristezza. Si è trasferito a New York per stare con molte persone, ma si sentiva ancora "solo". Per ravvivare le cose, ha iniziato a vivere segretamente in una pizzeria. Amava la musica e il delizioso aroma della pizza, ma non poteva nascondersi a lungo.

Presto il proprietario, un uomo di nome Pasqually, trovò Chuck E. Cheese e cercò di scacciarlo.

Nervoso, il topo iniziò a cantare e, ecco, la sua voce angelica spazzò via il proprietario.

"Un topo che sa cantare? Il mio ristorante è salvo! Ti farò diventare una star!" ha detto Pasquale. Fu così ispirato da Chuck che cambiò il nome del suo ristorante in "Chuck E. Cheese's, casa del famoso topo cantante".

Ma c'era ancora più tristezza a venire.

Durante la prima esibizione di Chuck, il pubblico lo ha fischiato! Ma quando alla fine ha cantato "Happy Birthday" a un bambino solitario tra il pubblico, la folla si è rianimata e il resto è storia.

Il topo felice ha continuato a cantare con diversi amici e ha convinto Pasqually a incorporare giochi nel ristorante.

Relazionato

Cibo Chuck E. Cheese's ricicla la pizza avanzata? La catena a misura di bambino risponde al mito

Mentre stavamo tutti facendo il nostro gioco e mangiando la pizza, si scopre che Chuck E. Cheese nascondeva una storia personale piuttosto oscura.

Ma tutto è bene quel che finisce bene, ed è chiaro che le avversità di Chuck lo hanno reso una persona migliore, ehm, l'uomo topo.

"Oggi Chuck E. ama ancora le feste di compleanno, la pizza e la musica!" ha detto un rappresentante di Chuck E. Cheese.


Chuck E. Cheese era un orfano che non sapeva il suo compleanno

Molte persone hanno bei ricordi d'infanzia di festeggiare i compleanni da Chuck E. Cheese. I giochi! La pizza! I premi!

E mentre molti ex ragazzi potrebbero pensare di sapere tutto sul famoso ristorante arcade e sul suo omonimo roditore, ti sei mai fermato a riflettere su come fosse veramente Chuck da bambino? Si scopre che questo allegro topo ha nascosto un passato segreto molto deprimente.

Ormai, probabilmente saprai che Chuck E. Cheese è un animale che ama cantare e divertirsi. Ma non era sempre pizza e premi per questo topo amante della musica.

Apparentemente Chuck E. Cheese è un orfano che organizza feste di compleanno per bambini perché non ha mai conosciuto il proprio compleanno e sta cercando disperatamente di compensare un'infanzia perduta. Questa è la tradizione ufficiale della compagnia. Ragazzi completamente scuri. https://t.co/xTUve3TDga

— Julian Sanchez (@normative) 19 agosto 2019

Qualcuno su Twitter ha recentemente fatto luce sulla storia di Mr. Cheese, rivelando che è cresciuto in un orfanotrofio. Triste. Ma ancora più triste? Il giovane Chuck adorava festeggiare Altro i compleanni dei bambini che crescono perché — prepara i fazzoletti — non ha mai conosciuto il suo.

BuzzFeed ha poi confermato che la storia è davvero vera e ha portato alla luce una copia digitale di un libro per bambini intitolato "The Story of Chuck E. Cheese" sul sito web del ristorante. Un rappresentante di Chuck E. Cheese ha successivamente confermato a TODAY Food che il marchio ha pubblicato per la prima volta la storia sul suo sito Web intorno al 2012, quindi non esisteva dall'inizio della catena alla fine degli anni '70.

La storia si apre spiegando che un giovane topo di nome Chuck è cresciuto in un orfanotrofio chiamato St. Marinara's, ponendo così le basi per lo sviluppo della sua personalità amante della pizza. I lettori apprendono anche che Chuck E. Cheese - il cui secondo nome è in realtà Entertainment - ha sempre amato la canzone "Happy Birthday", ma non l'ha mai sentita cantare per se stesso.

Tuttavia, con così tanti bambini in giro per l'orfanotrofio, il topolino ha avuto molte opportunità di festeggiare con altri bambini e ha iniziato ad amare davvero le feste di compleanno.

Poi Chuck E. Cheese è cresciuto e ha dovuto lasciare l'orfanotrofio perché gli adulti non possono vivere con i bambini. Più tristezza. Si è trasferito a New York per stare con molte persone, ma si sentiva ancora "solo". Per ravvivare le cose, ha iniziato a vivere segretamente in una pizzeria. Amava la musica e il delizioso aroma della pizza, ma non poteva nascondersi a lungo.

Presto il proprietario, un uomo di nome Pasqually, trovò Chuck E. Cheese e cercò di scacciarlo.

Nervoso, il topo iniziò a cantare e, ecco, la sua voce angelica spazzò via il proprietario.

"Un topo che sa cantare? Il mio ristorante è salvo! Ti farò diventare una star!" ha detto Pasquale. Fu così ispirato da Chuck che cambiò il nome del suo ristorante in "Chuck E. Cheese's, casa del famoso topo cantante".

Ma c'era ancora più tristezza a venire.

Durante la prima esibizione di Chuck, il pubblico lo ha fischiato! Ma quando alla fine ha cantato "Happy Birthday" a un bambino solitario tra il pubblico, la folla si è rianimata e il resto è storia.

Il topo felice ha continuato a cantare con diversi amici e ha convinto Pasqually a inserire dei giochi nel ristorante.

Relazionato

Cibo Chuck E. Cheese's ricicla la pizza avanzata? La catena a misura di bambino risponde al mito

Mentre stavamo tutti facendo il nostro gioco e mangiando la pizza, si scopre che Chuck E. Cheese nascondeva una storia personale piuttosto oscura.

Ma tutto è bene quel che finisce bene, ed è chiaro che le avversità di Chuck lo hanno reso una persona migliore, ehm, l'uomo topo.

"Oggi Chuck E. ama ancora le feste di compleanno, la pizza e la musica!" ha detto un rappresentante di Chuck E. Cheese.


Chuck E. Cheese was an orphan who didn't know his birthday

Many people have fond childhood memories of celebrating birthdays at Chuck E. Cheese. The games! The pizza! The prizes!

And while a lot of former kids may think they know everything about the popular arcade-restaurant and its namesake rodent, did you ever stop to ponder what Chuck was really like as a child? It turns out that this cheerful mouse has been hiding a very depressing secret past.

By now, you likely know that Chuck E. Cheese is an animal who loves to sing and have a good time. But it wasn't always pizza and prizes for this music-loving mouse.

Apparently Chuck E. Cheese is an orphan who hosts birthday parties for children because he never knew his own birthday and is desperately seeking to compensate for a lost childhood. This is the official company lore. Full dark guys. https://t.co/xTUve3TDga

— Julian Sanchez (@normative) August 19, 2019

Someone on Twitter recently shed some light on Mr. Cheese's history, revealing that he grew up in an orphanage. Triste. But even sadder? Young Chuck loved celebrating Altro kids' birthdays growing up because — get the tissues ready — he never knew his own.

BuzzFeed later confirmed that the story is indeed true, and unearthed a digital copy of a children's book called "The Story of Chuck E. Cheese" on the restaurant's website. A Chuck E. Cheese representative later confirmed to TODAY Food that the brand first published the story to its website around 2012, so it hasn't been around since the chain's inception in the late 1970s.

The story opens by explaining that a young mouse named Chuck grew up in an orphanage called St. Marinara's, thus setting the stage for his pizza-loving personality to develop. Readers also learn that Chuck E. Cheese — whose middle name is actually Entertainment — always loved the song "Happy Birthday," yet he had never heard it sung to himself.

However, with so many kids around the orphanage, the little mouse had a lot of opportunities to celebrate with other kids, and he came to truly love birthday parties.

Then Chuck E. Cheese grew up and had to leave the orphanage because adults can't live with kids. More sadness. He moved to New York City to be around a lot of people but he still "felt lonely." To spice things up, he started secretly living in a pizza parlor. He loved the music and the delicious aroma of pizza, but couldn't hide for long.

Soon the owner, a man named Pasqually, found Chuck E. Cheese and tried to chase him away.

Nervous, the mouse began to sing and, lo and behold, his angelic voice blew the owner away.

"A mouse that can sing? My restaurant is saved! I'm a-gonna make you a star!" Pasqually said. He was so inspired by Chuck that he changed the name of his restaurant to "Chuck E. Cheese's, home of the world-famous singing mouse."

But there was still more sadness to come.

During Chuck's first performance, the audience booed him! But when he finally sang "Happy Birthday" to a lone child in the audience, the crowd perked up, and the rest is history.

The happy mouse went on to sing with several friends and he convinced Pasqually to incorporate games into the restaurant.

Relazionato

Food Does Chuck E. Cheese's recycle leftover pizza? Kid-friendly chain responds to myth

While we were all getting our game on and noshing on pizza, it turns out Chuck E. Cheese was hiding a pretty dark back personal story.

But all's well that ends well, and it's clear that Chuck's adversity just made him a better person, er, mouse-man.

"Today, Chuck E. Still loves birthday parties, pizza and music!" a Chuck E. Cheese representative said.


Chuck E. Cheese was an orphan who didn't know his birthday

Many people have fond childhood memories of celebrating birthdays at Chuck E. Cheese. The games! The pizza! The prizes!

And while a lot of former kids may think they know everything about the popular arcade-restaurant and its namesake rodent, did you ever stop to ponder what Chuck was really like as a child? It turns out that this cheerful mouse has been hiding a very depressing secret past.

By now, you likely know that Chuck E. Cheese is an animal who loves to sing and have a good time. But it wasn't always pizza and prizes for this music-loving mouse.

Apparently Chuck E. Cheese is an orphan who hosts birthday parties for children because he never knew his own birthday and is desperately seeking to compensate for a lost childhood. This is the official company lore. Full dark guys. https://t.co/xTUve3TDga

— Julian Sanchez (@normative) August 19, 2019

Someone on Twitter recently shed some light on Mr. Cheese's history, revealing that he grew up in an orphanage. Triste. But even sadder? Young Chuck loved celebrating Altro kids' birthdays growing up because — get the tissues ready — he never knew his own.

BuzzFeed later confirmed that the story is indeed true, and unearthed a digital copy of a children's book called "The Story of Chuck E. Cheese" on the restaurant's website. A Chuck E. Cheese representative later confirmed to TODAY Food that the brand first published the story to its website around 2012, so it hasn't been around since the chain's inception in the late 1970s.

The story opens by explaining that a young mouse named Chuck grew up in an orphanage called St. Marinara's, thus setting the stage for his pizza-loving personality to develop. Readers also learn that Chuck E. Cheese — whose middle name is actually Entertainment — always loved the song "Happy Birthday," yet he had never heard it sung to himself.

However, with so many kids around the orphanage, the little mouse had a lot of opportunities to celebrate with other kids, and he came to truly love birthday parties.

Then Chuck E. Cheese grew up and had to leave the orphanage because adults can't live with kids. More sadness. He moved to New York City to be around a lot of people but he still "felt lonely." To spice things up, he started secretly living in a pizza parlor. He loved the music and the delicious aroma of pizza, but couldn't hide for long.

Soon the owner, a man named Pasqually, found Chuck E. Cheese and tried to chase him away.

Nervous, the mouse began to sing and, lo and behold, his angelic voice blew the owner away.

"A mouse that can sing? My restaurant is saved! I'm a-gonna make you a star!" Pasqually said. He was so inspired by Chuck that he changed the name of his restaurant to "Chuck E. Cheese's, home of the world-famous singing mouse."

But there was still more sadness to come.

During Chuck's first performance, the audience booed him! But when he finally sang "Happy Birthday" to a lone child in the audience, the crowd perked up, and the rest is history.

The happy mouse went on to sing with several friends and he convinced Pasqually to incorporate games into the restaurant.

Relazionato

Food Does Chuck E. Cheese's recycle leftover pizza? Kid-friendly chain responds to myth

While we were all getting our game on and noshing on pizza, it turns out Chuck E. Cheese was hiding a pretty dark back personal story.

But all's well that ends well, and it's clear that Chuck's adversity just made him a better person, er, mouse-man.

"Today, Chuck E. Still loves birthday parties, pizza and music!" a Chuck E. Cheese representative said.


Guarda il video: Top 10 Extinct Chuck E Cheese Animatronic Characters u0026 History


Commenti:

  1. Evnissyen

    Frase impareggiabile, mi piace :)

  2. Talo

    Mi sembra che questo non sia del tutto accurato. Esistono diverse opinioni su questo argomento. E ogni persona con la propria visione del mondo ha la propria opinione.

  3. Kaison

    Secondo me non hai ragione. Posso difendere la posizione. Scrivimi in PM.

  4. Laureano

    positivo)))



Scrivi un messaggio