acetonemagazine.org
Nuove ricette

La nuova app HouseCall mette i fornitori di servizi domestici controllati nel palmo della tua mano

La nuova app HouseCall mette i fornitori di servizi domestici controllati nel palmo della tua mano



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Ormai è una vecchia barzelletta. La campagna "C'è un'app per quella" di Apple è finita da tempo e da allora lo slogan è diventato più di una dichiarazione di tutti i giorni. In effetti, ci sono così tante app utili là fuori che alcune si perdono nella confusione o rimangono intatte fino al giorno in cui vai a cercare un'app che può semplificarti la vita. Bene, San Diego, lascia che ti risparmi un po' di problemi (forse molti problemi in realtà, puoi ringraziarmi più tardi) e indicarti la direzione di HouseCall.

Sviluppato dalle menti precedentemente di Qualcomm, HouseCall è a metà tra Angie's List e la consegna della pizza, un'app che mette quasi ogni esigenza domestica nel palmo della tua mano. No, non ti consegnerà la spesa, ma cosa HouseCall volere fare è darti accesso a tutto, dalla riparazione di elettrodomestici a un fabbro. Molti dei servizi sono addirittura disponibili subito, con ETA che si aggirano intorno ai 30 minuti. Oppure, naturalmente, puoi seguire il percorso più tradizionale e fissare un appuntamento. Secondo HouseCall, ogni fornitore di servizi elencato è stato selezionato manualmente e invitato a essere incluso nell'app, assicurando che il meglio del gioco si presenti a portata di mano.

{start-jlvideo}1630,640.361{end-jlvideo}

"Abbiamo creato HouseCall perché abbiamo avuto lo stesso problema che ha ogni proprietario di casa: è difficile trovare un aiuto locale valido, affidabile", ha affermato Ian Heidt, CEO e co-fondatore di HouseCall. “HouseCall mette recensioni e prezzi in un unico punto e gli utenti sono tenuti aggiornati sullo stato di un lavoro dall'inizio alla fine. Stiamo portando semplicità e trasparenza nel mondo dei servizi a domicilio locali".

il processo è molto semplice. Scarica l'app, inserisci i dati di fatturazione e l'indirizzo, seleziona il servizio di cui hai bisogno e sei sulla buona strada. Di recente ho avuto il piacere di provare HouseCall, per vedere se l'app e il processo erano intuitivi come si potrebbe sperare. Non sono rimasto deluso.

{start-jlvideo}1630,600,321{end-jlvideo}event_location=###contact_name=###contact_phone=###contact_email=

In questo caso particolare, cercavo servizi di pulizia dei tappeti. Ho seguito il processo di configurazione, selezionato l'attività e scelto l'azienda in base alle valutazioni a stelle lasciate dai clienti precedenti. Poco dopo aver richiesto un appuntamento (circa tre minuti per l'esattezza), è arrivata una chiamata da un professionista amichevole di nome Chad Warner, il proprietario della Warner Carpet & Tile Cleaning. Abbiamo fissato l'orario e pochi giorni dopo il signor Warner e il suo assistente si sono presentati per pulire le tre stanze concordate.

Alla fine, l'azienda ha fatto un ottimo lavoro e quando è arrivato il momento di saldare il conto, Chad mi ha semplicemente passato il suo telefono per approvare il totale e basta. Nessun cambio di contanti, solo una semplice transazione digitale. Poco dopo HouseCall mi ha inviato un rapido avviso, chiedendomi di valutare il lavoro, chiudendo il cerchio del processo. Se stai pensando che suona un po' come Uber, avresti ragione; a quanto pare il manager di San Diego per la fiorente app di servizi auto è uno dei consulenti dell'azienda.

La cosa fantastica di HouseCall è che riempie davvero una lacuna. Prima che se ne andasse ho avuto una breve chiacchierata con il signor Warner, che non aveva altro che belle parole da dire sul programma. L'azienda si prende semplicemente una parte di ogni lavoro, a differenza della pubblicità a pagamento standard che può o meno portare a vendite. Inoltre, ora l'azienda di Chad è totalmente modernizzata, tutto grazie alla semplice registrazione come Pro con il programma. Un vero vantaggio per le parti su entrambi i lati della transazione.

Roland Ligtenberg, co-fondatore di HouseCall è stato recentemente citato dicendo: "La versione Pro di HouseCall consente ai professionisti del servizio a domicilio di prenotare più lavori fornendo loro gli strumenti mobili per farlo... offriamo opportunità in tempo reale ai nostri professionisti, organizziamo pianifica, genera fatture ed elabora i pagamenti in modo che possano concentrarsi sul completamento dei lavori e sulla soddisfazione degli utenti di HouseCall."

Così il gioco è fatto. Una nuova app brillante che rende molto più semplici le tipiche faccende domestiche e i mal di testa, il tutto a vantaggio delle piccole imprese. Lo userei di nuovo? Ci puoi contare.

Attualmente HouseCall è disponibile solo a San Diego, ma i creatori hanno grandi progetti e presto si espanderanno. I servizi attualmente offerti includono riparazione di elettrodomestici, tecnologia audio e TV, dettagli auto, pulizia della moquette, impianti elettrici, antincendio, allagamenti o muffe, pavimenti, servizi di garage, rimozione spazzatura, riscaldamento e aria condizionata, paesaggistica, idraulica, pittura, piscina, spa, sicurezza , solari, finestre e molto altro.

Pronto a provarlo? Scarica HouseCall dall'App Store.


I demoni dell'on-demand

I servizi on-demand e locali di oggi riguardano davvero il catering per i ricchi pigri, come affermato, o si tratta di un nuovo modo di prenotare servizi da fornitori locali soddisfacendo la domanda in modo più efficiente attraverso l'uso della geolocalizzazione e di software avanzato in grado di mappa dove sono i clienti, di cosa hanno bisogno e quando?

Direi che è probabile che sia il secondo, ma capisco anche le critiche qui.

Quando la vita è facile, anche le piccole cose sembrano più difficili. E questo è francamente piuttosto offensivo per quelli di noi che sanno com'è la vera lotta. Ma quando il tuo tempo è più prezioso dei tuoi soldi, vale la pena pagare per l'aiuto: qualcuno che pieghi il bucato, pulisca la casa, ti porti in giro e ti compri la spesa.

E, naturalmente, ci sono quelli che diffamano la nuova suite di app sostenendo che sono costruite da e per una sorta di insulsa élite — per i ragazzini della Silicon Valley che stanno cercando di mettere “mom” in forma di app perché non hanno mai imparato a separare i colori dai bianchi quando fanno il bucato, o perché preferiscono stare sull'iPhone piuttosto che parlare con le persone o guidare, o perché non riescono a capire quanto spesso rifornire la carta igienica.

In una certa misura, la critica è corretta. La maggior parte delle persone oggi non utilizza così tanti servizi on-demand da non poter funzionare senza un livello superiore per gestire tutti i loro comandi. Non hanno bisogno di un servizio che li aiuti ad appianare una vita già priva di attriti.

Davvero, chi? non vorrei piace avere quel problema? Oh, questo premere un pulsante è semplicemente estenuante! Jeeves, portami un martini!

Certamente non è in contatto con quante persone in questo paese vivono attualmente.

Un documentario che ho visto di recente su HBO chiamato “Paycheck to Paycheck” segue le vicende di una madre divorziata e ti permette di guardare mentre lavora fino alla morte tutto il giorno occupandosi degli anziani in una casa di cura e tuttavia sopravvive a malapena.

Negli Stati Uniti, afferma il film, 42 milioni di donne — una su tre — vivono in condizioni di povertà o sono in bilico. Più di 13 milioni sono madri di bambini piccoli. (Prima che la Silicon Valley costruisca un altro servizio di servitù su richiesta, dovrebbe essere necessario vedere il film.)

E nel complesso, nel 2013, 100 milioni di individui — quasi uno su tre americani— hanno ricevuto benefici da almeno uno degli oltre 80 programmi di welfare testati sul reddito che hanno fornito denaro, cibo, alloggio, cure mediche e servizi sociali mirati ai poveri. e americani a basso reddito.

Abbiamo combattuto la guerra contro la povertà per 50 anni e abbiamo a malapena intaccato, sostiene un think tank conservatore il cui obiettivo è dimostrare che i programmi del governo non funzionano.

La buona notizia, suppongo, è che il tasso di povertà negli Stati Uniti è appena sceso al 14,5% nel 2013, in calo rispetto al 15% dell'anno prima, secondo l'U.S. Census Bureau. "Questo è il primo calo statisticamente significativo della povertà dal 2006, quando era del 12,3%", scrive la CNN. Sfortunatamente, il numero delle persone in povertà rimane fermo a 45,3 milioni, aggiunge rapidamente il rapporto. La popolazione ha ampliato i posti di lavoro no.

Posso riferire: so cosa vuol dire lottare grazie a una situazione simile alla donna raffigurata in quel documentario della HBO, comprese le nuove sfide della genitorialità single. Come mi piacerebbe avere il lusso di preoccuparmi di tutti i diversi pulsanti che devo premere per assicurarmi che le mie faccende domestiche siano state completate! Se solo!

Ma ahimè, sono troppo povero per esternalizzare i compiti associati all'essere un adulto e vivere da solo senza entrate o risparmi in eccesso.

Non solo, ma vivo fuori dalla Valle – e fuori dalla città – quindi le cose che sono costruite e pubblicizzate come il “futuro dei servizi locali” non mi toccano davvero in questo momento. Almeno, a meno che non mi muova. O fino a quando non raggiungono la periferia e oltre, ovvero il 50% del mondo odierno.

Tuttavia, nonostante questa sorta di separazione da gran parte del movimento on-demand, sharing-economy, capisco che molto di ciò che viene offerto per la prima volta al cittadino più agiato potrebbe alla fine ricadere sull'uomo comune o sulla donna comune. (O almeno, questo è l'argomento.)

Mentre alcune cose si adatteranno solo ai centri urbani, altre potrebbero arrivare nelle piccole città/centro America.

Pertanto, non vedo l'ora che Uber faccia da babysitter. (Un Care.com su richiesta!)

O pet sitter. (Un DogVacay-on-demand in cui nessuno può rifiutare il tuo cane per non essersi comportato bene al meet-and-greet.)

Per ogni grembiule o placcato blu, sto aspettando le dozzine di 5 cene in un'ora che sicuramente seguiranno per rendere la pianificazione dei pasti più semplice, più efficiente e più incentrata sulla salute per il resto di noi.

Per ogni Shopular che ti aiuta a trovare le vendite di scarpe Macy's vicine, sicuramente un milione di Favados sbocceranno per mostrarti come uscire da un negozio di alimentari con cibo gratuito e articoli per la casa?

Per ogni progresso nel crowdfunding di gadget inutili, apprezzerò le campagne di crowdfunding (e controllate) per i proprietari di piccole imprese o per coloro che hanno bisogno di cure mediche.

La tecnologia, voglio ancora credere, non ha ancora completamente esaurito la classe media. Forse è stato pagato in eccesso per un minuto. Forse si è dimenticato di avere uno scopo più alto. O forse sarà sempre costruito prima per i fortunati, poi alla fine troverà la sua strada nelle mani di tutti gli altri.

Ma la tecnologia continuerà ad aumentare e migliorare la nostra vita quotidiana, continuo a sperare.

Questo è ciò che mi ha spinto a scriverne in primo luogo — l'era del Web 2.0 in cui ho visto servizi come Myspace e Facebook connettere amici a grandi distanze in cui Gmail ha improvvisamente creato e-mail in realtà lavoro in cui il software in scatola non era più in scatola, ma disponibile e semplificato in interfacce con lettere frizzanti che consentivano a chiunque di eseguire programmi nel cloud (prima ancora che lo chiamassimo così). Costruisci il tuo sito web, hanno detto i portatori di tecnologia. Pubblica le tue foto, scrivi il tuo blog. Impatto sugli altri. Condividi, partecipa, partecipa.

Certo, credere è più difficile di questi tempi. La tecnologia ha commesso degli errori. Beh, molti di loro.

Ci ha fornito i social media, quindi ha creato una visione del mondo ristretta in cui condividiamo sempre più clickbait scioccanti o informazioni completamente imprecise, quindi ci circondiamo di compagni di fede che pensano le stesse cose.

Ha preso il nostro lavoro, poi ci ha dato l'opportunità di essere “appaltatori indipendenti.”

Ci ha letteralmente svenduto, scambiando servizi gratuiti per i dati del nostro profilo e la privacy degli utenti.

Ha venduto i nostri dati e ci ha fornito annunci pubblicitari che seguono i navigatori di Internet spingendoci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno.

Ci avevano promesso macchine volanti che saremmo stati aggiunti alle mailing list.

Ci ha venduti al governo, un'entità che avrebbe dovuto avere molte più giuste ragioni per risucchiare i nostri dati come un gigantesco vuoto, intrufolandoli nei suoi magazzini nascosti.

E ora la tecnologia continua la sua ricerca per infiltrarsi in ogni aspetto della nostra vita. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo, il modo in cui lavoriamo in rete e il modo in cui lavoriamo, e oggi sta cambiando il modo in cui assumiamo altri che lavorano per noi. Le app mobili su richiesta sono più efficienti rispetto a fare clic su Google o Yelp, effettuare chiamate telefoniche, inviare e-mail o utilizzare un'app desktop o web. Loro sono letteralmente la domanda dei consumatori nel palmo della propria mano.

E se all'inizio fossero un po' ridicoli ed elitari?

Ha senso che le aziende attingano a tale domanda, quindi ricostruiscano i servizi tradizionali per offrire nuovi modi. La sfida per queste startup emergenti è assicurarsi che mentre sono così impegnate a "creare posti di lavoro" non stanno distruggendo il potenziale di carriera lungo la strada. (Per quel che vale, il diffamato vincitore di Disrupt Alfred offre ai suoi fattorini un impiego regolare e benefici una volta che lavorano 20 ore a settimana o più. Odi il concetto di servizi personali, se proprio devi, ma questo è almeno un miglioramento su come i concorrenti scelgono di gestire i loro libri paga.)

In realtà, si tratta di come vuoi guardare il mondo che la tecnologia sta costruendo. Sta trasformando i lavoratori altamente pagati in servitori poco pagati, su richiesta e senza volto? Ok, forse adesso lo è. Queste attività dureranno e si espanderanno quando i fondi si esauriranno? Ebbene, chi lo sa?

Costruisci qualcosa di diverso

Le startup "pigre", on demand e a gratificazione immediata non sono gli unici servizi che schiavizzano i disperati e gli oppressi, anche se è abbastanza facile immaginarlo come il loro vile obiettivo, soprattutto data la loro determinazione a disumanizzare i lavoratori che danno al loro software qualcosa (qualcuno) da automatizzare.

Esso è diritto di mettere in discussione la loro etica e il loro atteggiamento, ma la tecnologia stessa è irreprensibile. Non ti piacciono i maggiordomi a pulsante? Non costruirne uno, non usarlo. Costruisci il contrario.

Se puoi premere un pulsante per chiamare un'auto o un corriere, non puoi premere un pulsante anche per inviare aiuti? Puoi premere un pulsante per ricostruire una vita? (Penso di sì, avendo contribuito a raccogliere oltre 1.000 dollari per gli amici la cui casa è stata bruciata tramite un'app mobile di Tilt.) Non puoi premere un pulsante per finanziare le cure mediche di qualcuno? Piccola idea imprenditoriale? Soddisfare le esigenze di una classe?

Scopri come far funzionare il commercio mom-and-pop a pulsante. Il mercato come servizio di un contadino. Una cooperativa di genitori/babysitter in cui gli amici si pagano a vicenda quando accedono o si disconnettono da un elenco di disponibilità. Raccogli la lista dei desideri di un insegnante o il materiale scolastico per gli studenti i cui genitori stanno attraversando momenti difficili. Una formazione universitaria. Creare prestiti di quartiere e servizi di noleggio. Scambi di libri. Incontri di scambio. Tutor o formatori pulsanti. Insta-sitter. Salute mentale su richiesta. Controllo delle nascite a pulsante, piano B e preservativi in ​​abbonamento. Motori di ricerca di lavoro mobili passivi basati sulla posizione che ti inviano un ping quando sei vicino a un'azienda di assunzione (e anche al responsabile delle risorse umane). Raccolta fondi basata su notifiche push. Tocca per donare. Chiamate domiciliari in abbonamento (e convenienti).

Solo perché ha fallito prima, o anche ripetutamente, non significa che lo farà sempre. Riprova. Punta più in alto rispetto ai maggiordomi su richiesta.

Invece di trovare modi per trasformare la tecnologia in ciò che distrugge, rendila un abilitatore di bene. Ignora il rumore. Potrebbero dire che la Silicon Valley è senza idee, ma tu no.


I demoni dell'on-demand

I servizi on-demand e locali di oggi riguardano davvero il catering per i ricchi pigri, come affermato, o si tratta di un nuovo modo di prenotare servizi da fornitori locali soddisfacendo la domanda in modo più efficiente attraverso l'uso della geolocalizzazione e di software avanzato in grado di mappa dove sono i clienti, di cosa hanno bisogno e quando?

Direi che probabilmente è il secondo, ma capisco anche le critiche qui.

Quando la vita è facile, anche le piccole cose sembrano più difficili. E questo è francamente piuttosto offensivo per quelli di noi che sanno com'è la vera lotta. Ma quando il tuo tempo è più prezioso dei tuoi soldi, vale la pena pagare per l'aiuto: qualcuno che pieghi il bucato, pulisca la casa, ti porti in giro e ti compri la spesa.

E, naturalmente, ci sono quelli che diffamano la nuova suite di app sostenendo che sono costruite da e per una sorta di insulsa élite — per i ragazzini della Silicon Valley che stanno cercando di mettere “mom” in forma di app perché non hanno mai imparato a separare i colori dai bianchi quando fanno il bucato, o perché preferiscono stare sui loro iPhone piuttosto che parlare con le persone o guidare, o perché non riescono a capire quanto spesso rifornire la carta igienica.

In una certa misura, la critica è corretta. La maggior parte delle persone oggi non utilizza così tanti servizi on-demand da non poter funzionare senza un livello superiore per gestire tutti i loro comandi. Non hanno bisogno di un servizio che li aiuti ad appianare una vita già priva di attriti.

Davvero, chi? non vorrei piace avere quel problema? Oh, questo premere un pulsante è semplicemente estenuante! Jeeves, portami un martini!

Certamente non è in contatto con quante persone in questo paese vivono attualmente.

Un documentario che ho visto di recente su HBO chiamato “Paycheck to Paycheck” segue la storia di una madre divorziata e ti permette di guardare mentre lavora fino alla morte tutto il giorno occupandosi degli anziani in una casa di cura e tuttavia sopravvive a malapena.

Negli Stati Uniti, afferma il film, 42 milioni di donne — una su tre — vivono in condizioni di povertà o sono in bilico. Più di 13 milioni sono madri di bambini piccoli. (Prima che la Silicon Valley costruisca un altro servizio di servitù su richiesta, dovrebbe essere necessario vedere il film.)

E nel complesso, nel 2013, 100 milioni di persone — quasi un americano su tre — ha ricevuto benefici da almeno uno degli oltre 80 programmi di welfare testati sul reddito che hanno fornito denaro, cibo, alloggio, cure mediche e servizi sociali mirati ai poveri. e americani a basso reddito.

Abbiamo combattuto la guerra contro la povertà per 50 anni e abbiamo a malapena intaccato, sostiene un think tank conservatore il cui obiettivo è dimostrare che i programmi del governo non funzionano.

La buona notizia, suppongo, è che il tasso di povertà negli Stati Uniti è appena sceso al 14,5% nel 2013, in calo rispetto al 15% dell'anno prima, secondo l'U.S. Census Bureau. "Questo è il primo calo statisticamente significativo della povertà dal 2006, quando era del 12,3%", scrive la CNN. Sfortunatamente, il numero di persone in povertà rimane fermo a 45,3 milioni, aggiunge rapidamente il rapporto. La popolazione ha ampliato i posti di lavoro no.

Posso riferire: so cosa vuol dire lottare grazie a una situazione simile alla donna raffigurata in quel documentario della HBO, comprese le nuove sfide della genitorialità single.Come mi piacerebbe avere il lusso di preoccuparmi di tutti i diversi pulsanti che devo premere per assicurarmi che le mie faccende domestiche siano state completate! Se solo!

Ma ahimè, sono troppo povero per esternalizzare i compiti associati all'essere un adulto e vivere da solo senza entrate o risparmi in eccesso.

Non solo, ma vivo fuori dalla Valle – e fuori dalla città – quindi le cose che sono costruite e pubblicizzate come il “futuro dei servizi locali” non mi toccano davvero in questo momento. Almeno, a meno che non mi muova. O fino a quando non raggiungono la periferia e oltre, ovvero il 50% del mondo odierno.

Tuttavia, nonostante questa sorta di separazione da gran parte del movimento on-demand, sharing-economy, capisco che molto di ciò che viene offerto per la prima volta al cittadino più agiato potrebbe alla fine ricadere sull'uomo comune o sulla donna comune. (O almeno, questo è l'argomento.)

Mentre alcune cose si adatteranno solo ai centri urbani, altre potrebbero arrivare nelle piccole città/centro America.

Pertanto, non vedo l'ora che Uber faccia da babysitter. (Un Care.com su richiesta!)

O pet sitter. (Un DogVacay-on-demand in cui nessuno può rifiutare il tuo cane per non essersi comportato bene al meet-and-greet.)

Per ogni grembiule o placcato blu, sto aspettando le dozzine di 5 cene in un'ora che sicuramente seguiranno per rendere la pianificazione dei pasti più semplice, più efficiente e più incentrata sulla salute per il resto di noi.

Per ogni Shopular che ti aiuta a trovare le vendite di scarpe Macy's vicine, sicuramente un milione di Favados sbocceranno per mostrarti come uscire da un negozio di alimentari con cibo gratuito e articoli per la casa?

Per ogni progresso nel crowdfunding di gadget inutili, apprezzerò le campagne di crowdfunding (e controllate) per i proprietari di piccole imprese o per coloro che hanno bisogno di cure mediche.

La tecnologia, voglio ancora credere, non ha ancora completamente esaurito la classe media. Forse è stato pagato in eccesso per un minuto. Forse si è dimenticato di avere uno scopo più alto. O forse sarà sempre costruito prima per i fortunati, poi alla fine troverà la sua strada nelle mani di tutti gli altri.

Ma la tecnologia continuerà ad aumentare e migliorare la nostra vita quotidiana, continuo a sperare.

Questo è ciò che mi ha spinto a scriverne in primo luogo — l'era del Web 2.0 in cui ho visto servizi come Myspace e Facebook connettere amici a grandi distanze in cui Gmail ha improvvisamente creato e-mail in realtà lavoro in cui il software in scatola non era più in scatola, ma disponibile e semplificato in interfacce con lettere frizzanti che consentivano a chiunque di eseguire programmi nel cloud (prima ancora che lo chiamassimo così). Costruisci il tuo sito web, hanno detto i portatori di tecnologia. Pubblica le tue foto, scrivi il tuo blog. Impatto sugli altri. Condividi, partecipa, partecipa.

Certo, credere è più difficile di questi tempi. La tecnologia ha commesso degli errori. Beh, molti di loro.

Ci ha fornito i social media, quindi ha creato una visione del mondo ristretta in cui condividiamo sempre più clickbait scioccanti o informazioni completamente imprecise, quindi ci circondiamo di compagni di fede che pensano le stesse cose.

Ha preso il nostro lavoro, poi ci ha dato l'opportunità di essere “appaltatori indipendenti.”

Ci ha letteralmente svenduto, scambiando servizi gratuiti per i dati del nostro profilo e la privacy degli utenti.

Ha venduto i nostri dati e ci ha fornito annunci pubblicitari che seguono i navigatori di Internet spingendoci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno.

Ci avevano promesso macchine volanti che saremmo stati aggiunti alle mailing list.

Ci ha venduti al governo, un'entità che avrebbe dovuto avere molte più giuste ragioni per risucchiare i nostri dati come un gigantesco vuoto, intrufolandoli nei suoi magazzini nascosti.

E ora la tecnologia continua la sua ricerca per infiltrarsi in ogni aspetto della nostra vita. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo, il modo in cui lavoriamo in rete e il modo in cui lavoriamo, e oggi sta cambiando il modo in cui assumiamo altri che lavorano per noi. Le app mobili su richiesta sono più efficienti rispetto a fare clic su Google o Yelp, effettuare chiamate telefoniche, inviare e-mail o utilizzare un'app desktop o web. Loro sono letteralmente la domanda dei consumatori nel palmo della propria mano.

E se all'inizio fossero un po' ridicoli ed elitari?

Ha senso che le aziende attingano a tale domanda, quindi ricostruiscano i servizi tradizionali per offrire nuovi modi. La sfida per queste startup emergenti è assicurarsi che mentre sono così impegnate a "creare posti di lavoro" non stanno distruggendo il potenziale di carriera lungo la strada. (Per quel che vale, il diffamato vincitore di Disrupt Alfred offre ai suoi fattorini un impiego regolare e benefici una volta che lavorano 20 ore a settimana o più. Odi il concetto di servizi personali, se proprio devi, ma questo è almeno un miglioramento su come i concorrenti scelgono di gestire i loro libri paga.)

In realtà, si tratta di come vuoi guardare il mondo che la tecnologia sta costruendo. Sta trasformando i lavoratori altamente pagati in servitori poco pagati, su richiesta e senza volto? Ok, forse adesso lo è. Queste attività dureranno e si espanderanno quando i fondi si esauriranno? Ebbene, chi lo sa?

Costruisci qualcosa di diverso

Le startup "pigre", on demand e a gratificazione immediata non sono gli unici servizi che schiavizzano i disperati e gli oppressi, anche se è abbastanza facile immaginarlo come il loro vile obiettivo, soprattutto data la loro determinazione a disumanizzare i lavoratori che danno al loro software qualcosa (qualcuno) da automatizzare.

Esso è diritto di mettere in discussione la loro etica e il loro atteggiamento, ma la tecnologia stessa è irreprensibile. Non ti piacciono i maggiordomi a pulsante? Non costruirne uno, non usarlo. Costruisci il contrario.

Se puoi premere un pulsante per chiamare un'auto o un corriere, non puoi premere un pulsante anche per inviare aiuti? Puoi premere un pulsante per ricostruire una vita? (Penso di sì, avendo contribuito a raccogliere oltre 1.000 dollari per gli amici la cui casa è stata bruciata tramite un'app mobile di Tilt.) Non puoi premere un pulsante per finanziare le cure mediche di qualcuno? Piccola idea imprenditoriale? Soddisfare le esigenze di una classe?

Scopri come far funzionare il commercio mom-and-pop a pulsante. Il mercato come servizio di un contadino. Una cooperativa di genitori/babysitter in cui gli amici si pagano a vicenda quando accedono o si disconnettono da un elenco di disponibilità. Raccogli la lista dei desideri di un insegnante o il materiale scolastico per gli studenti i cui genitori stanno attraversando momenti difficili. Una formazione universitaria. Creare prestiti di quartiere e servizi di noleggio. Scambi di libri. Incontri di scambio. Tutor o formatori pulsanti. Insta-sitter. Salute mentale su richiesta. Controllo delle nascite a pulsante, piano B e preservativi in ​​abbonamento. Motori di ricerca di lavoro mobili passivi basati sulla posizione che ti inviano un ping quando sei vicino a un'azienda di assunzione (e anche al responsabile delle risorse umane). Raccolta fondi basata su notifiche push. Tocca per donare. Chiamate domiciliari in abbonamento (e convenienti).

Solo perché ha fallito prima, o anche ripetutamente, non significa che lo farà sempre. Riprova. Punta più in alto rispetto ai maggiordomi su richiesta.

Invece di trovare modi per trasformare la tecnologia in ciò che distrugge, rendila un abilitatore di bene. Ignora il rumore. Potrebbero dire che la Silicon Valley è senza idee, ma tu no.


I demoni dell'on-demand

I servizi on-demand e locali di oggi riguardano davvero il catering per i ricchi pigri, come affermato, o si tratta di un nuovo modo di prenotare servizi da fornitori locali soddisfacendo la domanda in modo più efficiente attraverso l'uso della geolocalizzazione e di software avanzato in grado di mappa dove sono i clienti, di cosa hanno bisogno e quando?

Direi che probabilmente è il secondo, ma capisco anche le critiche qui.

Quando la vita è facile, anche le piccole cose sembrano più difficili. E questo è francamente piuttosto offensivo per quelli di noi che sanno com'è la vera lotta. Ma quando il tuo tempo è più prezioso dei tuoi soldi, vale la pena pagare per l'aiuto: qualcuno che pieghi il bucato, pulisca la casa, ti porti in giro e ti compri la spesa.

E, naturalmente, ci sono quelli che diffamano la nuova suite di app sostenendo che sono costruite da e per una sorta di insulsa élite — per i ragazzini della Silicon Valley che stanno cercando di mettere “mom” in forma di app perché non hanno mai imparato a separare i colori dai bianchi quando fanno il bucato, o perché preferiscono stare sui loro iPhone piuttosto che parlare con le persone o guidare, o perché non riescono a capire quanto spesso rifornire la carta igienica.

In una certa misura, la critica è corretta. La maggior parte delle persone oggi non utilizza così tanti servizi on-demand da non poter funzionare senza un livello superiore per gestire tutti i loro comandi. Non hanno bisogno di un servizio che li aiuti ad appianare una vita già priva di attriti.

Davvero, chi? non vorrei piace avere quel problema? Oh, questo premere un pulsante è semplicemente estenuante! Jeeves, portami un martini!

Certamente non è in contatto con quante persone in questo paese vivono attualmente.

Un documentario che ho visto di recente su HBO chiamato “Paycheck to Paycheck” segue la storia di una madre divorziata e ti permette di guardare mentre lavora fino alla morte tutto il giorno occupandosi degli anziani in una casa di cura e tuttavia sopravvive a malapena.

Negli Stati Uniti, afferma il film, 42 milioni di donne — una su tre — vivono in condizioni di povertà o sono in bilico. Più di 13 milioni sono madri di bambini piccoli. (Prima che la Silicon Valley costruisca un altro servizio di servitù su richiesta, dovrebbe essere necessario vedere il film.)

E nel complesso, nel 2013, 100 milioni di persone — quasi un americano su tre — ha ricevuto benefici da almeno uno degli oltre 80 programmi di welfare testati sul reddito che hanno fornito denaro, cibo, alloggio, cure mediche e servizi sociali mirati ai poveri. e americani a basso reddito.

Abbiamo combattuto la guerra contro la povertà per 50 anni e abbiamo a malapena intaccato, sostiene un think tank conservatore il cui obiettivo è dimostrare che i programmi del governo non funzionano.

La buona notizia, suppongo, è che il tasso di povertà negli Stati Uniti è appena sceso al 14,5% nel 2013, in calo rispetto al 15% dell'anno prima, secondo l'U.S. Census Bureau. "Questo è il primo calo statisticamente significativo della povertà dal 2006, quando era del 12,3%", scrive la CNN. Sfortunatamente, il numero di persone in povertà rimane fermo a 45,3 milioni, aggiunge rapidamente il rapporto. La popolazione ha ampliato i posti di lavoro no.

Posso riferire: so cosa vuol dire lottare grazie a una situazione simile alla donna raffigurata in quel documentario della HBO, comprese le nuove sfide della genitorialità single. Come mi piacerebbe avere il lusso di preoccuparmi di tutti i diversi pulsanti che devo premere per assicurarmi che le mie faccende domestiche siano state completate! Se solo!

Ma ahimè, sono troppo povero per esternalizzare i compiti associati all'essere un adulto e vivere da solo senza entrate o risparmi in eccesso.

Non solo, ma vivo fuori dalla Valle – e fuori dalla città – quindi le cose che sono costruite e pubblicizzate come il “futuro dei servizi locali” non mi toccano davvero in questo momento. Almeno, a meno che non mi muova. O fino a quando non raggiungono la periferia e oltre, ovvero il 50% del mondo odierno.

Tuttavia, nonostante questa sorta di separazione da gran parte del movimento on-demand, sharing-economy, capisco che molto di ciò che viene offerto per la prima volta al cittadino più agiato potrebbe alla fine ricadere sull'uomo comune o sulla donna comune. (O almeno, questo è l'argomento.)

Mentre alcune cose si adatteranno solo ai centri urbani, altre potrebbero arrivare nelle piccole città/centro America.

Pertanto, non vedo l'ora che Uber faccia da babysitter. (Un Care.com su richiesta!)

O pet sitter. (Un DogVacay-on-demand in cui nessuno può rifiutare il tuo cane per non essersi comportato bene al meet-and-greet.)

Per ogni grembiule o placcato blu, sto aspettando le dozzine di 5 cene in un'ora che sicuramente seguiranno per rendere la pianificazione dei pasti più semplice, più efficiente e più incentrata sulla salute per il resto di noi.

Per ogni Shopular che ti aiuta a trovare le vendite di scarpe Macy's vicine, sicuramente un milione di Favados sbocceranno per mostrarti come uscire da un negozio di alimentari con cibo gratuito e articoli per la casa?

Per ogni progresso nel crowdfunding di gadget inutili, apprezzerò le campagne di crowdfunding (e controllate) per i proprietari di piccole imprese o per coloro che hanno bisogno di cure mediche.

La tecnologia, voglio ancora credere, non ha ancora completamente esaurito la classe media. Forse è stato pagato in eccesso per un minuto. Forse si è dimenticato di avere uno scopo più alto. O forse sarà sempre costruito prima per i fortunati, poi alla fine troverà la sua strada nelle mani di tutti gli altri.

Ma la tecnologia continuerà ad aumentare e migliorare la nostra vita quotidiana, continuo a sperare.

Questo è ciò che mi ha spinto a scriverne in primo luogo — l'era del Web 2.0 in cui ho visto servizi come Myspace e Facebook connettere amici a grandi distanze in cui Gmail ha improvvisamente creato e-mail in realtà lavoro in cui il software in scatola non era più in scatola, ma disponibile e semplificato in interfacce con lettere frizzanti che consentivano a chiunque di eseguire programmi nel cloud (prima ancora che lo chiamassimo così). Costruisci il tuo sito web, hanno detto i portatori di tecnologia. Pubblica le tue foto, scrivi il tuo blog. Impatto sugli altri. Condividi, partecipa, partecipa.

Certo, credere è più difficile di questi tempi. La tecnologia ha commesso degli errori. Beh, molti di loro.

Ci ha fornito i social media, quindi ha creato una visione del mondo ristretta in cui condividiamo sempre più clickbait scioccanti o informazioni completamente imprecise, quindi ci circondiamo di compagni di fede che pensano le stesse cose.

Ha preso il nostro lavoro, poi ci ha dato l'opportunità di essere “appaltatori indipendenti.”

Ci ha letteralmente svenduto, scambiando servizi gratuiti per i dati del nostro profilo e la privacy degli utenti.

Ha venduto i nostri dati e ci ha fornito annunci pubblicitari che seguono i navigatori di Internet spingendoci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno.

Ci avevano promesso macchine volanti che saremmo stati aggiunti alle mailing list.

Ci ha venduti al governo, un'entità che avrebbe dovuto avere molte più giuste ragioni per risucchiare i nostri dati come un gigantesco vuoto, intrufolandoli nei suoi magazzini nascosti.

E ora la tecnologia continua la sua ricerca per infiltrarsi in ogni aspetto della nostra vita. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo, il modo in cui lavoriamo in rete e il modo in cui lavoriamo, e oggi sta cambiando il modo in cui assumiamo altri che lavorano per noi. Le app mobili su richiesta sono più efficienti rispetto a fare clic su Google o Yelp, effettuare chiamate telefoniche, inviare e-mail o utilizzare un'app desktop o web. Loro sono letteralmente la domanda dei consumatori nel palmo della propria mano.

E se all'inizio fossero un po' ridicoli ed elitari?

Ha senso che le aziende attingano a tale domanda, quindi ricostruiscano i servizi tradizionali per offrire nuovi modi. La sfida per queste startup emergenti è assicurarsi che mentre sono così impegnate a "creare posti di lavoro" non stanno distruggendo il potenziale di carriera lungo la strada. (Per quel che vale, il diffamato vincitore di Disrupt Alfred offre ai suoi fattorini un impiego regolare e benefici una volta che lavorano 20 ore a settimana o più. Odi il concetto di servizi personali, se proprio devi, ma questo è almeno un miglioramento su come i concorrenti scelgono di gestire i loro libri paga.)

In realtà, si tratta di come vuoi guardare il mondo che la tecnologia sta costruendo. Sta trasformando i lavoratori altamente pagati in servitori poco pagati, su richiesta e senza volto? Ok, forse adesso lo è. Queste attività dureranno e si espanderanno quando i fondi si esauriranno? Ebbene, chi lo sa?

Costruisci qualcosa di diverso

Le startup "pigre", on demand e a gratificazione immediata non sono gli unici servizi che schiavizzano i disperati e gli oppressi, anche se è abbastanza facile immaginarlo come il loro vile obiettivo, soprattutto data la loro determinazione a disumanizzare i lavoratori che danno al loro software qualcosa (qualcuno) da automatizzare.

Esso è diritto di mettere in discussione la loro etica e il loro atteggiamento, ma la tecnologia stessa è irreprensibile. Non ti piacciono i maggiordomi a pulsante? Non costruirne uno, non usarlo. Costruisci il contrario.

Se puoi premere un pulsante per chiamare un'auto o un corriere, non puoi premere un pulsante anche per inviare aiuti? Puoi premere un pulsante per ricostruire una vita? (Penso di sì, avendo contribuito a raccogliere oltre 1.000 dollari per gli amici la cui casa è stata bruciata tramite un'app mobile di Tilt.) Non puoi premere un pulsante per finanziare le cure mediche di qualcuno? Piccola idea imprenditoriale? Soddisfare le esigenze di una classe?

Scopri come far funzionare il commercio mom-and-pop a pulsante. Il mercato come servizio di un contadino. Una cooperativa di genitori/babysitter in cui gli amici si pagano a vicenda quando accedono o si disconnettono da un elenco di disponibilità. Raccogli la lista dei desideri di un insegnante o il materiale scolastico per gli studenti i cui genitori stanno attraversando momenti difficili. Una formazione universitaria. Creare prestiti di quartiere e servizi di noleggio. Scambi di libri. Incontri di scambio. Tutor o formatori pulsanti. Insta-sitter. Salute mentale su richiesta. Controllo delle nascite a pulsante, piano B e preservativi in ​​abbonamento. Motori di ricerca di lavoro mobili passivi basati sulla posizione che ti inviano un ping quando sei vicino a un'azienda di assunzione (e anche al responsabile delle risorse umane). Raccolta fondi basata su notifiche push. Tocca per donare. Chiamate domiciliari in abbonamento (e convenienti).

Solo perché ha fallito prima, o anche ripetutamente, non significa che lo farà sempre. Riprova. Punta più in alto rispetto ai maggiordomi su richiesta.

Invece di trovare modi per trasformare la tecnologia in ciò che distrugge, rendila un abilitatore di bene. Ignora il rumore. Potrebbero dire che la Silicon Valley è senza idee, ma tu no.


I demoni dell'on-demand

I servizi on-demand e locali di oggi riguardano davvero il catering per i ricchi pigri, come affermato, o si tratta di un nuovo modo di prenotare servizi da fornitori locali soddisfacendo la domanda in modo più efficiente attraverso l'uso della geolocalizzazione e di software avanzato in grado di mappa dove sono i clienti, di cosa hanno bisogno e quando?

Direi che probabilmente è il secondo, ma capisco anche le critiche qui.

Quando la vita è facile, anche le piccole cose sembrano più difficili. E questo è francamente piuttosto offensivo per quelli di noi che sanno com'è la vera lotta. Ma quando il tuo tempo è più prezioso dei tuoi soldi, vale la pena pagare per l'aiuto: qualcuno che pieghi il bucato, pulisca la casa, ti porti in giro e ti compri la spesa.

E, naturalmente, ci sono quelli che diffamano la nuova suite di app sostenendo che sono costruite da e per una sorta di insulsa élite — per i ragazzini della Silicon Valley che stanno cercando di mettere “mom” in forma di app perché non hanno mai imparato a separare i colori dai bianchi quando fanno il bucato, o perché preferiscono stare sui loro iPhone piuttosto che parlare con le persone o guidare, o perché non riescono a capire quanto spesso rifornire la carta igienica.

In una certa misura, la critica è corretta.La maggior parte delle persone oggi non utilizza così tanti servizi on-demand da non poter funzionare senza un livello superiore per gestire tutti i loro comandi. Non hanno bisogno di un servizio che li aiuti ad appianare una vita già priva di attriti.

Davvero, chi? non vorrei piace avere quel problema? Oh, questo premere un pulsante è semplicemente estenuante! Jeeves, portami un martini!

Certamente non è in contatto con quante persone in questo paese vivono attualmente.

Un documentario che ho visto di recente su HBO chiamato “Paycheck to Paycheck” segue la storia di una madre divorziata e ti permette di guardare mentre lavora fino alla morte tutto il giorno occupandosi degli anziani in una casa di cura e tuttavia sopravvive a malapena.

Negli Stati Uniti, afferma il film, 42 milioni di donne — una su tre — vivono in condizioni di povertà o sono in bilico. Più di 13 milioni sono madri di bambini piccoli. (Prima che la Silicon Valley costruisca un altro servizio di servitù su richiesta, dovrebbe essere necessario vedere il film.)

E nel complesso, nel 2013, 100 milioni di persone — quasi un americano su tre — ha ricevuto benefici da almeno uno degli oltre 80 programmi di welfare testati sul reddito che hanno fornito denaro, cibo, alloggio, cure mediche e servizi sociali mirati ai poveri. e americani a basso reddito.

Abbiamo combattuto la guerra contro la povertà per 50 anni e abbiamo a malapena intaccato, sostiene un think tank conservatore il cui obiettivo è dimostrare che i programmi del governo non funzionano.

La buona notizia, suppongo, è che il tasso di povertà negli Stati Uniti è appena sceso al 14,5% nel 2013, in calo rispetto al 15% dell'anno prima, secondo l'U.S. Census Bureau. "Questo è il primo calo statisticamente significativo della povertà dal 2006, quando era del 12,3%", scrive la CNN. Sfortunatamente, il numero di persone in povertà rimane fermo a 45,3 milioni, aggiunge rapidamente il rapporto. La popolazione ha ampliato i posti di lavoro no.

Posso riferire: so cosa vuol dire lottare grazie a una situazione simile alla donna raffigurata in quel documentario della HBO, comprese le nuove sfide della genitorialità single. Come mi piacerebbe avere il lusso di preoccuparmi di tutti i diversi pulsanti che devo premere per assicurarmi che le mie faccende domestiche siano state completate! Se solo!

Ma ahimè, sono troppo povero per esternalizzare i compiti associati all'essere un adulto e vivere da solo senza entrate o risparmi in eccesso.

Non solo, ma vivo fuori dalla Valle – e fuori dalla città – quindi le cose che sono costruite e pubblicizzate come il “futuro dei servizi locali” non mi toccano davvero in questo momento. Almeno, a meno che non mi muova. O fino a quando non raggiungono la periferia e oltre, ovvero il 50% del mondo odierno.

Tuttavia, nonostante questa sorta di separazione da gran parte del movimento on-demand, sharing-economy, capisco che molto di ciò che viene offerto per la prima volta al cittadino più agiato potrebbe alla fine ricadere sull'uomo comune o sulla donna comune. (O almeno, questo è l'argomento.)

Mentre alcune cose si adatteranno solo ai centri urbani, altre potrebbero arrivare nelle piccole città/centro America.

Pertanto, non vedo l'ora che Uber faccia da babysitter. (Un Care.com su richiesta!)

O pet sitter. (Un DogVacay-on-demand in cui nessuno può rifiutare il tuo cane per non essersi comportato bene al meet-and-greet.)

Per ogni grembiule o placcato blu, sto aspettando le dozzine di 5 cene in un'ora che sicuramente seguiranno per rendere la pianificazione dei pasti più semplice, più efficiente e più incentrata sulla salute per il resto di noi.

Per ogni Shopular che ti aiuta a trovare le vendite di scarpe Macy's vicine, sicuramente un milione di Favados sbocceranno per mostrarti come uscire da un negozio di alimentari con cibo gratuito e articoli per la casa?

Per ogni progresso nel crowdfunding di gadget inutili, apprezzerò le campagne di crowdfunding (e controllate) per i proprietari di piccole imprese o per coloro che hanno bisogno di cure mediche.

La tecnologia, voglio ancora credere, non ha ancora completamente esaurito la classe media. Forse è stato pagato in eccesso per un minuto. Forse si è dimenticato di avere uno scopo più alto. O forse sarà sempre costruito prima per i fortunati, poi alla fine troverà la sua strada nelle mani di tutti gli altri.

Ma la tecnologia continuerà ad aumentare e migliorare la nostra vita quotidiana, continuo a sperare.

Questo è ciò che mi ha spinto a scriverne in primo luogo — l'era del Web 2.0 in cui ho visto servizi come Myspace e Facebook connettere amici a grandi distanze in cui Gmail ha improvvisamente creato e-mail in realtà lavoro in cui il software in scatola non era più in scatola, ma disponibile e semplificato in interfacce con lettere frizzanti che consentivano a chiunque di eseguire programmi nel cloud (prima ancora che lo chiamassimo così). Costruisci il tuo sito web, hanno detto i portatori di tecnologia. Pubblica le tue foto, scrivi il tuo blog. Impatto sugli altri. Condividi, partecipa, partecipa.

Certo, credere è più difficile di questi tempi. La tecnologia ha commesso degli errori. Beh, molti di loro.

Ci ha fornito i social media, quindi ha creato una visione del mondo ristretta in cui condividiamo sempre più clickbait scioccanti o informazioni completamente imprecise, quindi ci circondiamo di compagni di fede che pensano le stesse cose.

Ha preso il nostro lavoro, poi ci ha dato l'opportunità di essere “appaltatori indipendenti.”

Ci ha letteralmente svenduto, scambiando servizi gratuiti per i dati del nostro profilo e la privacy degli utenti.

Ha venduto i nostri dati e ci ha fornito annunci pubblicitari che seguono i navigatori di Internet spingendoci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno.

Ci avevano promesso macchine volanti che saremmo stati aggiunti alle mailing list.

Ci ha venduti al governo, un'entità che avrebbe dovuto avere molte più giuste ragioni per risucchiare i nostri dati come un gigantesco vuoto, intrufolandoli nei suoi magazzini nascosti.

E ora la tecnologia continua la sua ricerca per infiltrarsi in ogni aspetto della nostra vita. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo, il modo in cui lavoriamo in rete e il modo in cui lavoriamo, e oggi sta cambiando il modo in cui assumiamo altri che lavorano per noi. Le app mobili su richiesta sono più efficienti rispetto a fare clic su Google o Yelp, effettuare chiamate telefoniche, inviare e-mail o utilizzare un'app desktop o web. Loro sono letteralmente la domanda dei consumatori nel palmo della propria mano.

E se all'inizio fossero un po' ridicoli ed elitari?

Ha senso che le aziende attingano a tale domanda, quindi ricostruiscano i servizi tradizionali per offrire nuovi modi. La sfida per queste startup emergenti è assicurarsi che mentre sono così impegnate a "creare posti di lavoro" non stanno distruggendo il potenziale di carriera lungo la strada. (Per quel che vale, il diffamato vincitore di Disrupt Alfred offre ai suoi fattorini un impiego regolare e benefici una volta che lavorano 20 ore a settimana o più. Odi il concetto di servizi personali, se proprio devi, ma questo è almeno un miglioramento su come i concorrenti scelgono di gestire i loro libri paga.)

In realtà, si tratta di come vuoi guardare il mondo che la tecnologia sta costruendo. Sta trasformando i lavoratori altamente pagati in servitori poco pagati, su richiesta e senza volto? Ok, forse adesso lo è. Queste attività dureranno e si espanderanno quando i fondi si esauriranno? Ebbene, chi lo sa?

Costruisci qualcosa di diverso

Le startup "pigre", on demand e a gratificazione immediata non sono gli unici servizi che schiavizzano i disperati e gli oppressi, anche se è abbastanza facile immaginarlo come il loro vile obiettivo, soprattutto data la loro determinazione a disumanizzare i lavoratori che danno al loro software qualcosa (qualcuno) da automatizzare.

Esso è diritto di mettere in discussione la loro etica e il loro atteggiamento, ma la tecnologia stessa è irreprensibile. Non ti piacciono i maggiordomi a pulsante? Non costruirne uno, non usarlo. Costruisci il contrario.

Se puoi premere un pulsante per chiamare un'auto o un corriere, non puoi premere un pulsante anche per inviare aiuti? Puoi premere un pulsante per ricostruire una vita? (Penso di sì, avendo contribuito a raccogliere oltre 1.000 dollari per gli amici la cui casa è stata bruciata tramite un'app mobile di Tilt.) Non puoi premere un pulsante per finanziare le cure mediche di qualcuno? Piccola idea imprenditoriale? Soddisfare le esigenze di una classe?

Scopri come far funzionare il commercio mom-and-pop a pulsante. Il mercato come servizio di un contadino. Una cooperativa di genitori/babysitter in cui gli amici si pagano a vicenda quando accedono o si disconnettono da un elenco di disponibilità. Raccogli la lista dei desideri di un insegnante o il materiale scolastico per gli studenti i cui genitori stanno attraversando momenti difficili. Una formazione universitaria. Creare prestiti di quartiere e servizi di noleggio. Scambi di libri. Incontri di scambio. Tutor o formatori pulsanti. Insta-sitter. Salute mentale su richiesta. Controllo delle nascite a pulsante, piano B e preservativi in ​​abbonamento. Motori di ricerca di lavoro mobili passivi basati sulla posizione che ti inviano un ping quando sei vicino a un'azienda di assunzione (e anche al responsabile delle risorse umane). Raccolta fondi basata su notifiche push. Tocca per donare. Chiamate domiciliari in abbonamento (e convenienti).

Solo perché ha fallito prima, o anche ripetutamente, non significa che lo farà sempre. Riprova. Punta più in alto rispetto ai maggiordomi su richiesta.

Invece di trovare modi per trasformare la tecnologia in ciò che distrugge, rendila un abilitatore di bene. Ignora il rumore. Potrebbero dire che la Silicon Valley è senza idee, ma tu no.


I demoni dell'on-demand

I servizi on-demand e locali di oggi riguardano davvero il catering per i ricchi pigri, come affermato, o si tratta di un nuovo modo di prenotare servizi da fornitori locali soddisfacendo la domanda in modo più efficiente attraverso l'uso della geolocalizzazione e di software avanzato in grado di mappa dove sono i clienti, di cosa hanno bisogno e quando?

Direi che probabilmente è il secondo, ma capisco anche le critiche qui.

Quando la vita è facile, anche le piccole cose sembrano più difficili. E questo è francamente piuttosto offensivo per quelli di noi che sanno com'è la vera lotta. Ma quando il tuo tempo è più prezioso dei tuoi soldi, vale la pena pagare per l'aiuto: qualcuno che pieghi il bucato, pulisca la casa, ti porti in giro e ti compri la spesa.

E, naturalmente, ci sono quelli che diffamano la nuova suite di app sostenendo che sono costruite da e per una sorta di insulsa élite — per i ragazzini della Silicon Valley che stanno cercando di mettere “mom” in forma di app perché non hanno mai imparato a separare i colori dai bianchi quando fanno il bucato, o perché preferiscono stare sui loro iPhone piuttosto che parlare con le persone o guidare, o perché non riescono a capire quanto spesso rifornire la carta igienica.

In una certa misura, la critica è corretta. La maggior parte delle persone oggi non utilizza così tanti servizi on-demand da non poter funzionare senza un livello superiore per gestire tutti i loro comandi. Non hanno bisogno di un servizio che li aiuti ad appianare una vita già priva di attriti.

Davvero, chi? non vorrei piace avere quel problema? Oh, questo premere un pulsante è semplicemente estenuante! Jeeves, portami un martini!

Certamente non è in contatto con quante persone in questo paese vivono attualmente.

Un documentario che ho visto di recente su HBO chiamato “Paycheck to Paycheck” segue la storia di una madre divorziata e ti permette di guardare mentre lavora fino alla morte tutto il giorno occupandosi degli anziani in una casa di cura e tuttavia sopravvive a malapena.

Negli Stati Uniti, afferma il film, 42 milioni di donne — una su tre — vivono in condizioni di povertà o sono in bilico. Più di 13 milioni sono madri di bambini piccoli. (Prima che la Silicon Valley costruisca un altro servizio di servitù su richiesta, dovrebbe essere necessario vedere il film.)

E nel complesso, nel 2013, 100 milioni di persone — quasi un americano su tre — ha ricevuto benefici da almeno uno degli oltre 80 programmi di welfare testati sul reddito che hanno fornito denaro, cibo, alloggio, cure mediche e servizi sociali mirati ai poveri. e americani a basso reddito.

Abbiamo combattuto la guerra contro la povertà per 50 anni e abbiamo a malapena intaccato, sostiene un think tank conservatore il cui obiettivo è dimostrare che i programmi del governo non funzionano.

La buona notizia, suppongo, è che il tasso di povertà negli Stati Uniti è appena sceso al 14,5% nel 2013, in calo rispetto al 15% dell'anno prima, secondo l'U.S. Census Bureau. "Questo è il primo calo statisticamente significativo della povertà dal 2006, quando era del 12,3%", scrive la CNN. Sfortunatamente, il numero di persone in povertà rimane fermo a 45,3 milioni, aggiunge rapidamente il rapporto. La popolazione ha ampliato i posti di lavoro no.

Posso riferire: so cosa vuol dire lottare grazie a una situazione simile alla donna raffigurata in quel documentario della HBO, comprese le nuove sfide della genitorialità single. Come mi piacerebbe avere il lusso di preoccuparmi di tutti i diversi pulsanti che devo premere per assicurarmi che le mie faccende domestiche siano state completate! Se solo!

Ma ahimè, sono troppo povero per esternalizzare i compiti associati all'essere un adulto e vivere da solo senza entrate o risparmi in eccesso.

Non solo, ma vivo fuori dalla Valle – e fuori dalla città – quindi le cose che sono costruite e pubblicizzate come il “futuro dei servizi locali” non mi toccano davvero in questo momento. Almeno, a meno che non mi muova. O fino a quando non raggiungono la periferia e oltre, ovvero il 50% del mondo odierno.

Tuttavia, nonostante questa sorta di separazione da gran parte del movimento on-demand, sharing-economy, capisco che molto di ciò che viene offerto per la prima volta al cittadino più agiato potrebbe alla fine ricadere sull'uomo comune o sulla donna comune. (O almeno, questo è l'argomento.)

Mentre alcune cose si adatteranno solo ai centri urbani, altre potrebbero arrivare nelle piccole città/centro America.

Pertanto, non vedo l'ora che Uber faccia da babysitter. (Un Care.com su richiesta!)

O pet sitter. (Un DogVacay-on-demand in cui nessuno può rifiutare il tuo cane per non essersi comportato bene al meet-and-greet.)

Per ogni grembiule o placcato blu, sto aspettando le dozzine di 5 cene in un'ora che sicuramente seguiranno per rendere la pianificazione dei pasti più semplice, più efficiente e più incentrata sulla salute per il resto di noi.

Per ogni Shopular che ti aiuta a trovare le vendite di scarpe Macy's vicine, sicuramente un milione di Favados sbocceranno per mostrarti come uscire da un negozio di alimentari con cibo gratuito e articoli per la casa?

Per ogni progresso nel crowdfunding di gadget inutili, apprezzerò le campagne di crowdfunding (e controllate) per i proprietari di piccole imprese o per coloro che hanno bisogno di cure mediche.

La tecnologia, voglio ancora credere, non ha ancora completamente esaurito la classe media. Forse è stato pagato in eccesso per un minuto. Forse si è dimenticato di avere uno scopo più alto. O forse sarà sempre costruito prima per i fortunati, poi alla fine troverà la sua strada nelle mani di tutti gli altri.

Ma la tecnologia continuerà ad aumentare e migliorare la nostra vita quotidiana, continuo a sperare.

Questo è ciò che mi ha spinto a scriverne in primo luogo — l'era del Web 2.0 in cui ho visto servizi come Myspace e Facebook connettere amici a grandi distanze in cui Gmail ha improvvisamente creato e-mail in realtà lavoro in cui il software in scatola non era più in scatola, ma disponibile e semplificato in interfacce con lettere frizzanti che consentivano a chiunque di eseguire programmi nel cloud (prima ancora che lo chiamassimo così). Costruisci il tuo sito web, hanno detto i portatori di tecnologia. Pubblica le tue foto, scrivi il tuo blog. Impatto sugli altri. Condividi, partecipa, partecipa.

Certo, credere è più difficile di questi tempi. La tecnologia ha commesso degli errori. Beh, molti di loro.

Ci ha fornito i social media, quindi ha creato una visione del mondo ristretta in cui condividiamo sempre più clickbait scioccanti o informazioni completamente imprecise, quindi ci circondiamo di compagni di fede che pensano le stesse cose.

Ha preso il nostro lavoro, poi ci ha dato l'opportunità di essere “appaltatori indipendenti.”

Ci ha letteralmente svenduto, scambiando servizi gratuiti per i dati del nostro profilo e la privacy degli utenti.

Ha venduto i nostri dati e ci ha fornito annunci pubblicitari che seguono i navigatori di Internet spingendoci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno.

Ci avevano promesso macchine volanti che saremmo stati aggiunti alle mailing list.

Ci ha venduti al governo, un'entità che avrebbe dovuto avere molte più giuste ragioni per risucchiare i nostri dati come un gigantesco vuoto, intrufolandoli nei suoi magazzini nascosti.

E ora la tecnologia continua la sua ricerca per infiltrarsi in ogni aspetto della nostra vita. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo, il modo in cui lavoriamo in rete e il modo in cui lavoriamo, e oggi sta cambiando il modo in cui assumiamo altri che lavorano per noi. Le app mobili su richiesta sono più efficienti rispetto a fare clic su Google o Yelp, effettuare chiamate telefoniche, inviare e-mail o utilizzare un'app desktop o web. Loro sono letteralmente la domanda dei consumatori nel palmo della propria mano.

E se all'inizio fossero un po' ridicoli ed elitari?

Ha senso che le aziende attingano a tale domanda, quindi ricostruiscano i servizi tradizionali per offrire nuovi modi. La sfida per queste startup emergenti è assicurarsi che mentre sono così impegnate a "creare posti di lavoro" non stanno distruggendo il potenziale di carriera lungo la strada. (Per quel che vale, il diffamato vincitore di Disrupt Alfred offre ai suoi fattorini un impiego regolare e benefici una volta che lavorano 20 ore a settimana o più. Odi il concetto di servizi personali, se proprio devi, ma questo è almeno un miglioramento su come i concorrenti scelgono di gestire i loro libri paga.)

In realtà, si tratta di come vuoi guardare il mondo che la tecnologia sta costruendo. Sta trasformando i lavoratori altamente pagati in servitori poco pagati, su richiesta e senza volto? Ok, forse adesso lo è. Queste attività dureranno e si espanderanno quando i fondi si esauriranno? Ebbene, chi lo sa?

Costruisci qualcosa di diverso

Le startup "pigre", on demand e a gratificazione immediata non sono gli unici servizi che schiavizzano i disperati e gli oppressi, anche se è abbastanza facile immaginarlo come il loro vile obiettivo, soprattutto data la loro determinazione a disumanizzare i lavoratori che danno al loro software qualcosa (qualcuno) da automatizzare.

Esso è diritto di mettere in discussione la loro etica e il loro atteggiamento, ma la tecnologia stessa è irreprensibile. Non ti piacciono i maggiordomi a pulsante? Non costruirne uno, non usarlo. Costruisci il contrario.

Se puoi premere un pulsante per chiamare un'auto o un corriere, non puoi premere un pulsante anche per inviare aiuti? Puoi premere un pulsante per ricostruire una vita? (Penso di sì, avendo contribuito a raccogliere oltre 1.000 dollari per gli amici la cui casa è stata bruciata tramite un'app mobile di Tilt.) Non puoi premere un pulsante per finanziare le cure mediche di qualcuno? Piccola idea imprenditoriale? Soddisfare le esigenze di una classe?

Scopri come far funzionare il commercio mom-and-pop a pulsante. Il mercato come servizio di un contadino. Una cooperativa di genitori/babysitter in cui gli amici si pagano a vicenda quando accedono o si disconnettono da un elenco di disponibilità. Raccogli la lista dei desideri di un insegnante o il materiale scolastico per gli studenti i cui genitori stanno attraversando momenti difficili. Una formazione universitaria.Creare prestiti di quartiere e servizi di noleggio. Scambi di libri. Incontri di scambio. Tutor o formatori pulsanti. Insta-sitter. Salute mentale su richiesta. Controllo delle nascite a pulsante, piano B e preservativi in ​​abbonamento. Motori di ricerca di lavoro mobili passivi basati sulla posizione che ti inviano un ping quando sei vicino a un'azienda di assunzione (e anche al responsabile delle risorse umane). Raccolta fondi basata su notifiche push. Tocca per donare. Chiamate domiciliari in abbonamento (e convenienti).

Solo perché ha fallito prima, o anche ripetutamente, non significa che lo farà sempre. Riprova. Punta più in alto rispetto ai maggiordomi su richiesta.

Invece di trovare modi per trasformare la tecnologia in ciò che distrugge, rendila un abilitatore di bene. Ignora il rumore. Potrebbero dire che la Silicon Valley è senza idee, ma tu no.


I demoni dell'on-demand

I servizi on-demand e locali di oggi riguardano davvero il catering per i ricchi pigri, come affermato, o si tratta di un nuovo modo di prenotare servizi da fornitori locali soddisfacendo la domanda in modo più efficiente attraverso l'uso della geolocalizzazione e di software avanzato in grado di mappa dove sono i clienti, di cosa hanno bisogno e quando?

Direi che probabilmente è il secondo, ma capisco anche le critiche qui.

Quando la vita è facile, anche le piccole cose sembrano più difficili. E questo è francamente piuttosto offensivo per quelli di noi che sanno com'è la vera lotta. Ma quando il tuo tempo è più prezioso dei tuoi soldi, vale la pena pagare per l'aiuto: qualcuno che pieghi il bucato, pulisca la casa, ti porti in giro e ti compri la spesa.

E, naturalmente, ci sono quelli che diffamano la nuova suite di app sostenendo che sono costruite da e per una sorta di insulsa élite — per i ragazzini della Silicon Valley che stanno cercando di mettere “mom” in forma di app perché non hanno mai imparato a separare i colori dai bianchi quando fanno il bucato, o perché preferiscono stare sui loro iPhone piuttosto che parlare con le persone o guidare, o perché non riescono a capire quanto spesso rifornire la carta igienica.

In una certa misura, la critica è corretta. La maggior parte delle persone oggi non utilizza così tanti servizi on-demand da non poter funzionare senza un livello superiore per gestire tutti i loro comandi. Non hanno bisogno di un servizio che li aiuti ad appianare una vita già priva di attriti.

Davvero, chi? non vorrei piace avere quel problema? Oh, questo premere un pulsante è semplicemente estenuante! Jeeves, portami un martini!

Certamente non è in contatto con quante persone in questo paese vivono attualmente.

Un documentario che ho visto di recente su HBO chiamato “Paycheck to Paycheck” segue la storia di una madre divorziata e ti permette di guardare mentre lavora fino alla morte tutto il giorno occupandosi degli anziani in una casa di cura e tuttavia sopravvive a malapena.

Negli Stati Uniti, afferma il film, 42 milioni di donne — una su tre — vivono in condizioni di povertà o sono in bilico. Più di 13 milioni sono madri di bambini piccoli. (Prima che la Silicon Valley costruisca un altro servizio di servitù su richiesta, dovrebbe essere necessario vedere il film.)

E nel complesso, nel 2013, 100 milioni di persone — quasi un americano su tre — ha ricevuto benefici da almeno uno degli oltre 80 programmi di welfare testati sul reddito che hanno fornito denaro, cibo, alloggio, cure mediche e servizi sociali mirati ai poveri. e americani a basso reddito.

Abbiamo combattuto la guerra contro la povertà per 50 anni e abbiamo a malapena intaccato, sostiene un think tank conservatore il cui obiettivo è dimostrare che i programmi del governo non funzionano.

La buona notizia, suppongo, è che il tasso di povertà negli Stati Uniti è appena sceso al 14,5% nel 2013, in calo rispetto al 15% dell'anno prima, secondo l'U.S. Census Bureau. "Questo è il primo calo statisticamente significativo della povertà dal 2006, quando era del 12,3%", scrive la CNN. Sfortunatamente, il numero di persone in povertà rimane fermo a 45,3 milioni, aggiunge rapidamente il rapporto. La popolazione ha ampliato i posti di lavoro no.

Posso riferire: so cosa vuol dire lottare grazie a una situazione simile alla donna raffigurata in quel documentario della HBO, comprese le nuove sfide della genitorialità single. Come mi piacerebbe avere il lusso di preoccuparmi di tutti i diversi pulsanti che devo premere per assicurarmi che le mie faccende domestiche siano state completate! Se solo!

Ma ahimè, sono troppo povero per esternalizzare i compiti associati all'essere un adulto e vivere da solo senza entrate o risparmi in eccesso.

Non solo, ma vivo fuori dalla Valle – e fuori dalla città – quindi le cose che sono costruite e pubblicizzate come il “futuro dei servizi locali” non mi toccano davvero in questo momento. Almeno, a meno che non mi muova. O fino a quando non raggiungono la periferia e oltre, ovvero il 50% del mondo odierno.

Tuttavia, nonostante questa sorta di separazione da gran parte del movimento on-demand, sharing-economy, capisco che molto di ciò che viene offerto per la prima volta al cittadino più agiato potrebbe alla fine ricadere sull'uomo comune o sulla donna comune. (O almeno, questo è l'argomento.)

Mentre alcune cose si adatteranno solo ai centri urbani, altre potrebbero arrivare nelle piccole città/centro America.

Pertanto, non vedo l'ora che Uber faccia da babysitter. (Un Care.com su richiesta!)

O pet sitter. (Un DogVacay-on-demand in cui nessuno può rifiutare il tuo cane per non essersi comportato bene al meet-and-greet.)

Per ogni grembiule o placcato blu, sto aspettando le dozzine di 5 cene in un'ora che sicuramente seguiranno per rendere la pianificazione dei pasti più semplice, più efficiente e più incentrata sulla salute per il resto di noi.

Per ogni Shopular che ti aiuta a trovare le vendite di scarpe Macy's vicine, sicuramente un milione di Favados sbocceranno per mostrarti come uscire da un negozio di alimentari con cibo gratuito e articoli per la casa?

Per ogni progresso nel crowdfunding di gadget inutili, apprezzerò le campagne di crowdfunding (e controllate) per i proprietari di piccole imprese o per coloro che hanno bisogno di cure mediche.

La tecnologia, voglio ancora credere, non ha ancora completamente esaurito la classe media. Forse è stato pagato in eccesso per un minuto. Forse si è dimenticato di avere uno scopo più alto. O forse sarà sempre costruito prima per i fortunati, poi alla fine troverà la sua strada nelle mani di tutti gli altri.

Ma la tecnologia continuerà ad aumentare e migliorare la nostra vita quotidiana, continuo a sperare.

Questo è ciò che mi ha spinto a scriverne in primo luogo — l'era del Web 2.0 in cui ho visto servizi come Myspace e Facebook connettere amici a grandi distanze in cui Gmail ha improvvisamente creato e-mail in realtà lavoro in cui il software in scatola non era più in scatola, ma disponibile e semplificato in interfacce con lettere frizzanti che consentivano a chiunque di eseguire programmi nel cloud (prima ancora che lo chiamassimo così). Costruisci il tuo sito web, hanno detto i portatori di tecnologia. Pubblica le tue foto, scrivi il tuo blog. Impatto sugli altri. Condividi, partecipa, partecipa.

Certo, credere è più difficile di questi tempi. La tecnologia ha commesso degli errori. Beh, molti di loro.

Ci ha fornito i social media, quindi ha creato una visione del mondo ristretta in cui condividiamo sempre più clickbait scioccanti o informazioni completamente imprecise, quindi ci circondiamo di compagni di fede che pensano le stesse cose.

Ha preso il nostro lavoro, poi ci ha dato l'opportunità di essere “appaltatori indipendenti.”

Ci ha letteralmente svenduto, scambiando servizi gratuiti per i dati del nostro profilo e la privacy degli utenti.

Ha venduto i nostri dati e ci ha fornito annunci pubblicitari che seguono i navigatori di Internet spingendoci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno.

Ci avevano promesso macchine volanti che saremmo stati aggiunti alle mailing list.

Ci ha venduti al governo, un'entità che avrebbe dovuto avere molte più giuste ragioni per risucchiare i nostri dati come un gigantesco vuoto, intrufolandoli nei suoi magazzini nascosti.

E ora la tecnologia continua la sua ricerca per infiltrarsi in ogni aspetto della nostra vita. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo, il modo in cui lavoriamo in rete e il modo in cui lavoriamo, e oggi sta cambiando il modo in cui assumiamo altri che lavorano per noi. Le app mobili su richiesta sono più efficienti rispetto a fare clic su Google o Yelp, effettuare chiamate telefoniche, inviare e-mail o utilizzare un'app desktop o web. Loro sono letteralmente la domanda dei consumatori nel palmo della propria mano.

E se all'inizio fossero un po' ridicoli ed elitari?

Ha senso che le aziende attingano a tale domanda, quindi ricostruiscano i servizi tradizionali per offrire nuovi modi. La sfida per queste startup emergenti è assicurarsi che mentre sono così impegnate a "creare posti di lavoro" non stanno distruggendo il potenziale di carriera lungo la strada. (Per quel che vale, il diffamato vincitore di Disrupt Alfred offre ai suoi fattorini un impiego regolare e benefici una volta che lavorano 20 ore a settimana o più. Odi il concetto di servizi personali, se proprio devi, ma questo è almeno un miglioramento su come i concorrenti scelgono di gestire i loro libri paga.)

In realtà, si tratta di come vuoi guardare il mondo che la tecnologia sta costruendo. Sta trasformando i lavoratori altamente pagati in servitori poco pagati, su richiesta e senza volto? Ok, forse adesso lo è. Queste attività dureranno e si espanderanno quando i fondi si esauriranno? Ebbene, chi lo sa?

Costruisci qualcosa di diverso

Le startup "pigre", on demand e a gratificazione immediata non sono gli unici servizi che schiavizzano i disperati e gli oppressi, anche se è abbastanza facile immaginarlo come il loro vile obiettivo, soprattutto data la loro determinazione a disumanizzare i lavoratori che danno al loro software qualcosa (qualcuno) da automatizzare.

Esso è diritto di mettere in discussione la loro etica e il loro atteggiamento, ma la tecnologia stessa è irreprensibile. Non ti piacciono i maggiordomi a pulsante? Non costruirne uno, non usarlo. Costruisci il contrario.

Se puoi premere un pulsante per chiamare un'auto o un corriere, non puoi premere un pulsante anche per inviare aiuti? Puoi premere un pulsante per ricostruire una vita? (Penso di sì, avendo contribuito a raccogliere oltre 1.000 dollari per gli amici la cui casa è stata bruciata tramite un'app mobile di Tilt.) Non puoi premere un pulsante per finanziare le cure mediche di qualcuno? Piccola idea imprenditoriale? Soddisfare le esigenze di una classe?

Scopri come far funzionare il commercio mom-and-pop a pulsante. Il mercato come servizio di un contadino. Una cooperativa di genitori/babysitter in cui gli amici si pagano a vicenda quando accedono o si disconnettono da un elenco di disponibilità. Raccogli la lista dei desideri di un insegnante o il materiale scolastico per gli studenti i cui genitori stanno attraversando momenti difficili. Una formazione universitaria. Creare prestiti di quartiere e servizi di noleggio. Scambi di libri. Incontri di scambio. Tutor o formatori pulsanti. Insta-sitter. Salute mentale su richiesta. Controllo delle nascite a pulsante, piano B e preservativi in ​​abbonamento. Motori di ricerca di lavoro mobili passivi basati sulla posizione che ti inviano un ping quando sei vicino a un'azienda di assunzione (e anche al responsabile delle risorse umane). Raccolta fondi basata su notifiche push. Tocca per donare. Chiamate domiciliari in abbonamento (e convenienti).

Solo perché ha fallito prima, o anche ripetutamente, non significa che lo farà sempre. Riprova. Punta più in alto rispetto ai maggiordomi su richiesta.

Invece di trovare modi per trasformare la tecnologia in ciò che distrugge, rendila un abilitatore di bene. Ignora il rumore. Potrebbero dire che la Silicon Valley è senza idee, ma tu no.


I demoni dell'on-demand

I servizi on-demand e locali di oggi riguardano davvero il catering per i ricchi pigri, come affermato, o si tratta di un nuovo modo di prenotare servizi da fornitori locali soddisfacendo la domanda in modo più efficiente attraverso l'uso della geolocalizzazione e di software avanzato in grado di mappa dove sono i clienti, di cosa hanno bisogno e quando?

Direi che probabilmente è il secondo, ma capisco anche le critiche qui.

Quando la vita è facile, anche le piccole cose sembrano più difficili. E questo è francamente piuttosto offensivo per quelli di noi che sanno com'è la vera lotta. Ma quando il tuo tempo è più prezioso dei tuoi soldi, vale la pena pagare per l'aiuto: qualcuno che pieghi il bucato, pulisca la casa, ti porti in giro e ti compri la spesa.

E, naturalmente, ci sono quelli che diffamano la nuova suite di app sostenendo che sono costruite da e per una sorta di insulsa élite — per i ragazzini della Silicon Valley che stanno cercando di mettere “mom” in forma di app perché non hanno mai imparato a separare i colori dai bianchi quando fanno il bucato, o perché preferiscono stare sui loro iPhone piuttosto che parlare con le persone o guidare, o perché non riescono a capire quanto spesso rifornire la carta igienica.

In una certa misura, la critica è corretta. La maggior parte delle persone oggi non utilizza così tanti servizi on-demand da non poter funzionare senza un livello superiore per gestire tutti i loro comandi. Non hanno bisogno di un servizio che li aiuti ad appianare una vita già priva di attriti.

Davvero, chi? non vorrei piace avere quel problema? Oh, questo premere un pulsante è semplicemente estenuante! Jeeves, portami un martini!

Certamente non è in contatto con quante persone in questo paese vivono attualmente.

Un documentario che ho visto di recente su HBO chiamato “Paycheck to Paycheck” segue la storia di una madre divorziata e ti permette di guardare mentre lavora fino alla morte tutto il giorno occupandosi degli anziani in una casa di cura e tuttavia sopravvive a malapena.

Negli Stati Uniti, afferma il film, 42 milioni di donne — una su tre — vivono in condizioni di povertà o sono in bilico. Più di 13 milioni sono madri di bambini piccoli. (Prima che la Silicon Valley costruisca un altro servizio di servitù su richiesta, dovrebbe essere necessario vedere il film.)

E nel complesso, nel 2013, 100 milioni di persone — quasi un americano su tre — ha ricevuto benefici da almeno uno degli oltre 80 programmi di welfare testati sul reddito che hanno fornito denaro, cibo, alloggio, cure mediche e servizi sociali mirati ai poveri. e americani a basso reddito.

Abbiamo combattuto la guerra contro la povertà per 50 anni e abbiamo a malapena intaccato, sostiene un think tank conservatore il cui obiettivo è dimostrare che i programmi del governo non funzionano.

La buona notizia, suppongo, è che il tasso di povertà negli Stati Uniti è appena sceso al 14,5% nel 2013, in calo rispetto al 15% dell'anno prima, secondo l'U.S. Census Bureau. "Questo è il primo calo statisticamente significativo della povertà dal 2006, quando era del 12,3%", scrive la CNN. Sfortunatamente, il numero di persone in povertà rimane fermo a 45,3 milioni, aggiunge rapidamente il rapporto. La popolazione ha ampliato i posti di lavoro no.

Posso riferire: so cosa vuol dire lottare grazie a una situazione simile alla donna raffigurata in quel documentario della HBO, comprese le nuove sfide della genitorialità single. Come mi piacerebbe avere il lusso di preoccuparmi di tutti i diversi pulsanti che devo premere per assicurarmi che le mie faccende domestiche siano state completate! Se solo!

Ma ahimè, sono troppo povero per esternalizzare i compiti associati all'essere un adulto e vivere da solo senza entrate o risparmi in eccesso.

Non solo, ma vivo fuori dalla Valle – e fuori dalla città – quindi le cose che sono costruite e pubblicizzate come il “futuro dei servizi locali” non mi toccano davvero in questo momento. Almeno, a meno che non mi muova. O fino a quando non raggiungono la periferia e oltre, ovvero il 50% del mondo odierno.

Tuttavia, nonostante questa sorta di separazione da gran parte del movimento on-demand, sharing-economy, capisco che molto di ciò che viene offerto per la prima volta al cittadino più agiato potrebbe alla fine ricadere sull'uomo comune o sulla donna comune. (O almeno, questo è l'argomento.)

Mentre alcune cose si adatteranno solo ai centri urbani, altre potrebbero arrivare nelle piccole città/centro America.

Pertanto, non vedo l'ora che Uber faccia da babysitter. (Un Care.com su richiesta!)

O pet sitter. (Un DogVacay-on-demand in cui nessuno può rifiutare il tuo cane per non essersi comportato bene al meet-and-greet.)

Per ogni grembiule o placcato blu, sto aspettando le dozzine di 5 cene in un'ora che sicuramente seguiranno per rendere la pianificazione dei pasti più semplice, più efficiente e più incentrata sulla salute per il resto di noi.

Per ogni Shopular che ti aiuta a trovare le vendite di scarpe Macy's vicine, sicuramente un milione di Favados sbocceranno per mostrarti come uscire da un negozio di alimentari con cibo gratuito e articoli per la casa?

Per ogni progresso nel crowdfunding di gadget inutili, apprezzerò le campagne di crowdfunding (e controllate) per i proprietari di piccole imprese o per coloro che hanno bisogno di cure mediche.

La tecnologia, voglio ancora credere, non ha ancora completamente esaurito la classe media. Forse è stato pagato in eccesso per un minuto. Forse si è dimenticato di avere uno scopo più alto. O forse sarà sempre costruito prima per i fortunati, poi alla fine troverà la sua strada nelle mani di tutti gli altri.

Ma la tecnologia continuerà ad aumentare e migliorare la nostra vita quotidiana, continuo a sperare.

Questo è ciò che mi ha spinto a scriverne in primo luogo — l'era del Web 2.0 in cui ho visto servizi come Myspace e Facebook connettere amici a grandi distanze in cui Gmail ha improvvisamente creato e-mail in realtà lavoro in cui il software in scatola non era più in scatola, ma disponibile e semplificato in interfacce con lettere frizzanti che consentivano a chiunque di eseguire programmi nel cloud (prima ancora che lo chiamassimo così). Costruisci il tuo sito web, hanno detto i portatori di tecnologia. Pubblica le tue foto, scrivi il tuo blog. Impatto sugli altri. Condividi, partecipa, partecipa.

Certo, credere è più difficile di questi tempi. La tecnologia ha commesso degli errori. Beh, molti di loro.

Ci ha fornito i social media, quindi ha creato una visione del mondo ristretta in cui condividiamo sempre più clickbait scioccanti o informazioni completamente imprecise, quindi ci circondiamo di compagni di fede che pensano le stesse cose.

Ha preso il nostro lavoro, poi ci ha dato l'opportunità di essere “appaltatori indipendenti.”

Ci ha letteralmente svenduto, scambiando servizi gratuiti per i dati del nostro profilo e la privacy degli utenti.

Ha venduto i nostri dati e ci ha fornito annunci pubblicitari che seguono i navigatori di Internet spingendoci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno.

Ci avevano promesso macchine volanti che saremmo stati aggiunti alle mailing list.

Ci ha venduti al governo, un'entità che avrebbe dovuto avere molte più giuste ragioni per risucchiare i nostri dati come un gigantesco vuoto, intrufolandoli nei suoi magazzini nascosti.

E ora la tecnologia continua la sua ricerca per infiltrarsi in ogni aspetto della nostra vita. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo, il modo in cui lavoriamo in rete e il modo in cui lavoriamo, e oggi sta cambiando il modo in cui assumiamo altri che lavorano per noi. Le app mobili su richiesta sono più efficienti rispetto a fare clic su Google o Yelp, effettuare chiamate telefoniche, inviare e-mail o utilizzare un'app desktop o web. Loro sono letteralmente la domanda dei consumatori nel palmo della propria mano.

E se all'inizio fossero un po' ridicoli ed elitari?

Ha senso che le aziende attingano a tale domanda, quindi ricostruiscano i servizi tradizionali per offrire nuovi modi.La sfida per queste startup emergenti è assicurarsi che mentre sono così impegnate a "creare posti di lavoro" non stanno distruggendo il potenziale di carriera lungo la strada. (Per quel che vale, il diffamato vincitore di Disrupt Alfred offre ai suoi fattorini un impiego regolare e benefici una volta che lavorano 20 ore a settimana o più. Odi il concetto di servizi personali, se proprio devi, ma questo è almeno un miglioramento su come i concorrenti scelgono di gestire i loro libri paga.)

In realtà, si tratta di come vuoi guardare il mondo che la tecnologia sta costruendo. Sta trasformando i lavoratori altamente pagati in servitori poco pagati, su richiesta e senza volto? Ok, forse adesso lo è. Queste attività dureranno e si espanderanno quando i fondi si esauriranno? Ebbene, chi lo sa?

Costruisci qualcosa di diverso

Le startup "pigre", on demand e a gratificazione immediata non sono gli unici servizi che schiavizzano i disperati e gli oppressi, anche se è abbastanza facile immaginarlo come il loro vile obiettivo, soprattutto data la loro determinazione a disumanizzare i lavoratori che danno al loro software qualcosa (qualcuno) da automatizzare.

Esso è diritto di mettere in discussione la loro etica e il loro atteggiamento, ma la tecnologia stessa è irreprensibile. Non ti piacciono i maggiordomi a pulsante? Non costruirne uno, non usarlo. Costruisci il contrario.

Se puoi premere un pulsante per chiamare un'auto o un corriere, non puoi premere un pulsante anche per inviare aiuti? Puoi premere un pulsante per ricostruire una vita? (Penso di sì, avendo contribuito a raccogliere oltre 1.000 dollari per gli amici la cui casa è stata bruciata tramite un'app mobile di Tilt.) Non puoi premere un pulsante per finanziare le cure mediche di qualcuno? Piccola idea imprenditoriale? Soddisfare le esigenze di una classe?

Scopri come far funzionare il commercio mom-and-pop a pulsante. Il mercato come servizio di un contadino. Una cooperativa di genitori/babysitter in cui gli amici si pagano a vicenda quando accedono o si disconnettono da un elenco di disponibilità. Raccogli la lista dei desideri di un insegnante o il materiale scolastico per gli studenti i cui genitori stanno attraversando momenti difficili. Una formazione universitaria. Creare prestiti di quartiere e servizi di noleggio. Scambi di libri. Incontri di scambio. Tutor o formatori pulsanti. Insta-sitter. Salute mentale su richiesta. Controllo delle nascite a pulsante, piano B e preservativi in ​​abbonamento. Motori di ricerca di lavoro mobili passivi basati sulla posizione che ti inviano un ping quando sei vicino a un'azienda di assunzione (e anche al responsabile delle risorse umane). Raccolta fondi basata su notifiche push. Tocca per donare. Chiamate domiciliari in abbonamento (e convenienti).

Solo perché ha fallito prima, o anche ripetutamente, non significa che lo farà sempre. Riprova. Punta più in alto rispetto ai maggiordomi su richiesta.

Invece di trovare modi per trasformare la tecnologia in ciò che distrugge, rendila un abilitatore di bene. Ignora il rumore. Potrebbero dire che la Silicon Valley è senza idee, ma tu no.


I demoni dell'on-demand

I servizi on-demand e locali di oggi riguardano davvero il catering per i ricchi pigri, come affermato, o si tratta di un nuovo modo di prenotare servizi da fornitori locali soddisfacendo la domanda in modo più efficiente attraverso l'uso della geolocalizzazione e di software avanzato in grado di mappa dove sono i clienti, di cosa hanno bisogno e quando?

Direi che probabilmente è il secondo, ma capisco anche le critiche qui.

Quando la vita è facile, anche le piccole cose sembrano più difficili. E questo è francamente piuttosto offensivo per quelli di noi che sanno com'è la vera lotta. Ma quando il tuo tempo è più prezioso dei tuoi soldi, vale la pena pagare per l'aiuto: qualcuno che pieghi il bucato, pulisca la casa, ti porti in giro e ti compri la spesa.

E, naturalmente, ci sono quelli che diffamano la nuova suite di app sostenendo che sono costruite da e per una sorta di insulsa élite — per i ragazzini della Silicon Valley che stanno cercando di mettere “mom” in forma di app perché non hanno mai imparato a separare i colori dai bianchi quando fanno il bucato, o perché preferiscono stare sui loro iPhone piuttosto che parlare con le persone o guidare, o perché non riescono a capire quanto spesso rifornire la carta igienica.

In una certa misura, la critica è corretta. La maggior parte delle persone oggi non utilizza così tanti servizi on-demand da non poter funzionare senza un livello superiore per gestire tutti i loro comandi. Non hanno bisogno di un servizio che li aiuti ad appianare una vita già priva di attriti.

Davvero, chi? non vorrei piace avere quel problema? Oh, questo premere un pulsante è semplicemente estenuante! Jeeves, portami un martini!

Certamente non è in contatto con quante persone in questo paese vivono attualmente.

Un documentario che ho visto di recente su HBO chiamato “Paycheck to Paycheck” segue la storia di una madre divorziata e ti permette di guardare mentre lavora fino alla morte tutto il giorno occupandosi degli anziani in una casa di cura e tuttavia sopravvive a malapena.

Negli Stati Uniti, afferma il film, 42 milioni di donne — una su tre — vivono in condizioni di povertà o sono in bilico. Più di 13 milioni sono madri di bambini piccoli. (Prima che la Silicon Valley costruisca un altro servizio di servitù su richiesta, dovrebbe essere necessario vedere il film.)

E nel complesso, nel 2013, 100 milioni di persone — quasi un americano su tre — ha ricevuto benefici da almeno uno degli oltre 80 programmi di welfare testati sul reddito che hanno fornito denaro, cibo, alloggio, cure mediche e servizi sociali mirati ai poveri. e americani a basso reddito.

Abbiamo combattuto la guerra contro la povertà per 50 anni e abbiamo a malapena intaccato, sostiene un think tank conservatore il cui obiettivo è dimostrare che i programmi del governo non funzionano.

La buona notizia, suppongo, è che il tasso di povertà negli Stati Uniti è appena sceso al 14,5% nel 2013, in calo rispetto al 15% dell'anno prima, secondo l'U.S. Census Bureau. "Questo è il primo calo statisticamente significativo della povertà dal 2006, quando era del 12,3%", scrive la CNN. Sfortunatamente, il numero di persone in povertà rimane fermo a 45,3 milioni, aggiunge rapidamente il rapporto. La popolazione ha ampliato i posti di lavoro no.

Posso riferire: so cosa vuol dire lottare grazie a una situazione simile alla donna raffigurata in quel documentario della HBO, comprese le nuove sfide della genitorialità single. Come mi piacerebbe avere il lusso di preoccuparmi di tutti i diversi pulsanti che devo premere per assicurarmi che le mie faccende domestiche siano state completate! Se solo!

Ma ahimè, sono troppo povero per esternalizzare i compiti associati all'essere un adulto e vivere da solo senza entrate o risparmi in eccesso.

Non solo, ma vivo fuori dalla Valle – e fuori dalla città – quindi le cose che sono costruite e pubblicizzate come il “futuro dei servizi locali” non mi toccano davvero in questo momento. Almeno, a meno che non mi muova. O fino a quando non raggiungono la periferia e oltre, ovvero il 50% del mondo odierno.

Tuttavia, nonostante questa sorta di separazione da gran parte del movimento on-demand, sharing-economy, capisco che molto di ciò che viene offerto per la prima volta al cittadino più agiato potrebbe alla fine ricadere sull'uomo comune o sulla donna comune. (O almeno, questo è l'argomento.)

Mentre alcune cose si adatteranno solo ai centri urbani, altre potrebbero arrivare nelle piccole città/centro America.

Pertanto, non vedo l'ora che Uber faccia da babysitter. (Un Care.com su richiesta!)

O pet sitter. (Un DogVacay-on-demand in cui nessuno può rifiutare il tuo cane per non essersi comportato bene al meet-and-greet.)

Per ogni grembiule o placcato blu, sto aspettando le dozzine di 5 cene in un'ora che sicuramente seguiranno per rendere la pianificazione dei pasti più semplice, più efficiente e più incentrata sulla salute per il resto di noi.

Per ogni Shopular che ti aiuta a trovare le vendite di scarpe Macy's vicine, sicuramente un milione di Favados sbocceranno per mostrarti come uscire da un negozio di alimentari con cibo gratuito e articoli per la casa?

Per ogni progresso nel crowdfunding di gadget inutili, apprezzerò le campagne di crowdfunding (e controllate) per i proprietari di piccole imprese o per coloro che hanno bisogno di cure mediche.

La tecnologia, voglio ancora credere, non ha ancora completamente esaurito la classe media. Forse è stato pagato in eccesso per un minuto. Forse si è dimenticato di avere uno scopo più alto. O forse sarà sempre costruito prima per i fortunati, poi alla fine troverà la sua strada nelle mani di tutti gli altri.

Ma la tecnologia continuerà ad aumentare e migliorare la nostra vita quotidiana, continuo a sperare.

Questo è ciò che mi ha spinto a scriverne in primo luogo — l'era del Web 2.0 in cui ho visto servizi come Myspace e Facebook connettere amici a grandi distanze in cui Gmail ha improvvisamente creato e-mail in realtà lavoro in cui il software in scatola non era più in scatola, ma disponibile e semplificato in interfacce con lettere frizzanti che consentivano a chiunque di eseguire programmi nel cloud (prima ancora che lo chiamassimo così). Costruisci il tuo sito web, hanno detto i portatori di tecnologia. Pubblica le tue foto, scrivi il tuo blog. Impatto sugli altri. Condividi, partecipa, partecipa.

Certo, credere è più difficile di questi tempi. La tecnologia ha commesso degli errori. Beh, molti di loro.

Ci ha fornito i social media, quindi ha creato una visione del mondo ristretta in cui condividiamo sempre più clickbait scioccanti o informazioni completamente imprecise, quindi ci circondiamo di compagni di fede che pensano le stesse cose.

Ha preso il nostro lavoro, poi ci ha dato l'opportunità di essere “appaltatori indipendenti.”

Ci ha letteralmente svenduto, scambiando servizi gratuiti per i dati del nostro profilo e la privacy degli utenti.

Ha venduto i nostri dati e ci ha fornito annunci pubblicitari che seguono i navigatori di Internet spingendoci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno.

Ci avevano promesso macchine volanti che saremmo stati aggiunti alle mailing list.

Ci ha venduti al governo, un'entità che avrebbe dovuto avere molte più giuste ragioni per risucchiare i nostri dati come un gigantesco vuoto, intrufolandoli nei suoi magazzini nascosti.

E ora la tecnologia continua la sua ricerca per infiltrarsi in ogni aspetto della nostra vita. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo, il modo in cui lavoriamo in rete e il modo in cui lavoriamo, e oggi sta cambiando il modo in cui assumiamo altri che lavorano per noi. Le app mobili su richiesta sono più efficienti rispetto a fare clic su Google o Yelp, effettuare chiamate telefoniche, inviare e-mail o utilizzare un'app desktop o web. Loro sono letteralmente la domanda dei consumatori nel palmo della propria mano.

E se all'inizio fossero un po' ridicoli ed elitari?

Ha senso che le aziende attingano a tale domanda, quindi ricostruiscano i servizi tradizionali per offrire nuovi modi. La sfida per queste startup emergenti è assicurarsi che mentre sono così impegnate a "creare posti di lavoro" non stanno distruggendo il potenziale di carriera lungo la strada. (Per quel che vale, il diffamato vincitore di Disrupt Alfred offre ai suoi fattorini un impiego regolare e benefici una volta che lavorano 20 ore a settimana o più. Odi il concetto di servizi personali, se proprio devi, ma questo è almeno un miglioramento su come i concorrenti scelgono di gestire i loro libri paga.)

In realtà, si tratta di come vuoi guardare il mondo che la tecnologia sta costruendo. Sta trasformando i lavoratori altamente pagati in servitori poco pagati, su richiesta e senza volto? Ok, forse adesso lo è. Queste attività dureranno e si espanderanno quando i fondi si esauriranno? Ebbene, chi lo sa?

Costruisci qualcosa di diverso

Le startup "pigre", on demand e a gratificazione immediata non sono gli unici servizi che schiavizzano i disperati e gli oppressi, anche se è abbastanza facile immaginarlo come il loro vile obiettivo, soprattutto data la loro determinazione a disumanizzare i lavoratori che danno al loro software qualcosa (qualcuno) da automatizzare.

Esso è diritto di mettere in discussione la loro etica e il loro atteggiamento, ma la tecnologia stessa è irreprensibile. Non ti piacciono i maggiordomi a pulsante? Non costruirne uno, non usarlo. Costruisci il contrario.

Se puoi premere un pulsante per chiamare un'auto o un corriere, non puoi premere un pulsante anche per inviare aiuti? Puoi premere un pulsante per ricostruire una vita? (Penso di sì, avendo contribuito a raccogliere oltre 1.000 dollari per gli amici la cui casa è stata bruciata tramite un'app mobile di Tilt.) Non puoi premere un pulsante per finanziare le cure mediche di qualcuno? Piccola idea imprenditoriale? Soddisfare le esigenze di una classe?

Scopri come far funzionare il commercio mom-and-pop a pulsante. Il mercato come servizio di un contadino. Una cooperativa di genitori/babysitter in cui gli amici si pagano a vicenda quando accedono o si disconnettono da un elenco di disponibilità. Raccogli la lista dei desideri di un insegnante o il materiale scolastico per gli studenti i cui genitori stanno attraversando momenti difficili. Una formazione universitaria. Creare prestiti di quartiere e servizi di noleggio. Scambi di libri. Incontri di scambio. Tutor o formatori pulsanti. Insta-sitter. Salute mentale su richiesta. Controllo delle nascite a pulsante, piano B e preservativi in ​​abbonamento. Motori di ricerca di lavoro mobili passivi basati sulla posizione che ti inviano un ping quando sei vicino a un'azienda di assunzione (e anche al responsabile delle risorse umane). Raccolta fondi basata su notifiche push. Tocca per donare. Chiamate domiciliari in abbonamento (e convenienti).

Solo perché ha fallito prima, o anche ripetutamente, non significa che lo farà sempre. Riprova. Punta più in alto rispetto ai maggiordomi su richiesta.

Invece di trovare modi per trasformare la tecnologia in ciò che distrugge, rendila un abilitatore di bene. Ignora il rumore. Potrebbero dire che la Silicon Valley è senza idee, ma tu no.


I demoni dell'on-demand

I servizi on-demand e locali di oggi riguardano davvero il catering per i ricchi pigri, come affermato, o si tratta di un nuovo modo di prenotare servizi da fornitori locali soddisfacendo la domanda in modo più efficiente attraverso l'uso della geolocalizzazione e di software avanzato in grado di mappa dove sono i clienti, di cosa hanno bisogno e quando?

Direi che probabilmente è il secondo, ma capisco anche le critiche qui.

Quando la vita è facile, anche le piccole cose sembrano più difficili. E questo è francamente piuttosto offensivo per quelli di noi che sanno com'è la vera lotta. Ma quando il tuo tempo è più prezioso dei tuoi soldi, vale la pena pagare per l'aiuto: qualcuno che pieghi il bucato, pulisca la casa, ti porti in giro e ti compri la spesa.

E, naturalmente, ci sono quelli che diffamano la nuova suite di app sostenendo che sono costruite da e per una sorta di insulsa élite — per i ragazzini della Silicon Valley che stanno cercando di mettere “mom” in forma di app perché non hanno mai imparato a separare i colori dai bianchi quando fanno il bucato, o perché preferiscono stare sui loro iPhone piuttosto che parlare con le persone o guidare, o perché non riescono a capire quanto spesso rifornire la carta igienica.

In una certa misura, la critica è corretta. La maggior parte delle persone oggi non utilizza così tanti servizi on-demand da non poter funzionare senza un livello superiore per gestire tutti i loro comandi. Non hanno bisogno di un servizio che li aiuti ad appianare una vita già priva di attriti.

Davvero, chi? non vorrei piace avere quel problema? Oh, questo premere un pulsante è semplicemente estenuante! Jeeves, portami un martini!

Certamente non è in contatto con quante persone in questo paese vivono attualmente.

Un documentario che ho visto di recente su HBO chiamato “Paycheck to Paycheck” segue la storia di una madre divorziata e ti permette di guardare mentre lavora fino alla morte tutto il giorno occupandosi degli anziani in una casa di cura e tuttavia sopravvive a malapena.

Negli Stati Uniti, afferma il film, 42 milioni di donne — una su tre — vivono in condizioni di povertà o sono in bilico. Più di 13 milioni sono madri di bambini piccoli. (Prima che la Silicon Valley costruisca un altro servizio di servitù su richiesta, dovrebbe essere necessario vedere il film.)

E nel complesso, nel 2013, 100 milioni di persone — quasi un americano su tre — ha ricevuto benefici da almeno uno degli oltre 80 programmi di welfare testati sul reddito che hanno fornito denaro, cibo, alloggio, cure mediche e servizi sociali mirati ai poveri. e americani a basso reddito.

Abbiamo combattuto la guerra contro la povertà per 50 anni e abbiamo a malapena intaccato, sostiene un think tank conservatore il cui obiettivo è dimostrare che i programmi del governo non funzionano.

La buona notizia, suppongo, è che il tasso di povertà negli Stati Uniti è appena sceso al 14,5% nel 2013, in calo rispetto al 15% dell'anno prima, secondo l'U.S. Census Bureau. "Questo è il primo calo statisticamente significativo della povertà dal 2006, quando era del 12,3%", scrive la CNN. Sfortunatamente, il numero di persone in povertà rimane fermo a 45,3 milioni, aggiunge rapidamente il rapporto. La popolazione ha ampliato i posti di lavoro no.

Posso riferire: so cosa vuol dire lottare grazie a una situazione simile alla donna raffigurata in quel documentario della HBO, comprese le nuove sfide della genitorialità single. Come mi piacerebbe avere il lusso di preoccuparmi di tutti i diversi pulsanti che devo premere per assicurarmi che le mie faccende domestiche siano state completate! Se solo!

Ma ahimè, sono troppo povero per esternalizzare i compiti associati all'essere un adulto e vivere da solo senza entrate o risparmi in eccesso.

Non solo, ma vivo fuori dalla Valle – e fuori dalla città – quindi le cose che sono costruite e pubblicizzate come il “futuro dei servizi locali” non mi toccano davvero in questo momento. Almeno, a meno che non mi muova. O fino a quando non raggiungono la periferia e oltre, ovvero il 50% del mondo odierno.

Tuttavia, nonostante questa sorta di separazione da gran parte del movimento on-demand, sharing-economy, capisco che molto di ciò che viene offerto per la prima volta al cittadino più agiato potrebbe alla fine ricadere sull'uomo comune o sulla donna comune. (O almeno, questo è l'argomento.)

Mentre alcune cose si adatteranno solo ai centri urbani, altre potrebbero arrivare nelle piccole città/centro America.

Pertanto, non vedo l'ora che Uber faccia da babysitter. (Un Care.com su richiesta!)

O pet sitter. (Un DogVacay-on-demand in cui nessuno può rifiutare il tuo cane per non essersi comportato bene al meet-and-greet.)

Per ogni grembiule o placcato blu, sto aspettando le dozzine di 5 cene in un'ora che sicuramente seguiranno per rendere la pianificazione dei pasti più semplice, più efficiente e più incentrata sulla salute per il resto di noi.

Per ogni Shopular che ti aiuta a trovare le vendite di scarpe Macy's vicine, sicuramente un milione di Favados sbocceranno per mostrarti come uscire da un negozio di alimentari con cibo gratuito e articoli per la casa?

Per ogni progresso nel crowdfunding di gadget inutili, apprezzerò le campagne di crowdfunding (e controllate) per i proprietari di piccole imprese o per coloro che hanno bisogno di cure mediche.

La tecnologia, voglio ancora credere, non ha ancora completamente esaurito la classe media. Forse è stato pagato in eccesso per un minuto. Forse si è dimenticato di avere uno scopo più alto. O forse sarà sempre costruito prima per i fortunati, poi alla fine troverà la sua strada nelle mani di tutti gli altri.

Ma la tecnologia continuerà ad aumentare e migliorare la nostra vita quotidiana, continuo a sperare.

Questo è ciò che mi ha spinto a scriverne in primo luogo — l'era del Web 2.0 in cui ho visto servizi come Myspace e Facebook connettere amici a grandi distanze in cui Gmail ha improvvisamente creato e-mail in realtà lavoro in cui il software in scatola non era più in scatola, ma disponibile e semplificato in interfacce con lettere frizzanti che consentivano a chiunque di eseguire programmi nel cloud (prima ancora che lo chiamassimo così). Costruisci il tuo sito web, hanno detto i portatori di tecnologia. Pubblica le tue foto, scrivi il tuo blog. Impatto sugli altri. Condividi, partecipa, partecipa.

Certo, credere è più difficile di questi tempi. La tecnologia ha commesso degli errori. Beh, molti di loro.

Ci ha fornito i social media, quindi ha creato una visione del mondo ristretta in cui condividiamo sempre più clickbait scioccanti o informazioni completamente imprecise, quindi ci circondiamo di compagni di fede che pensano le stesse cose.

Ha preso il nostro lavoro, poi ci ha dato l'opportunità di essere “appaltatori indipendenti.”

Ci ha letteralmente svenduto, scambiando servizi gratuiti per i dati del nostro profilo e la privacy degli utenti.

Ha venduto i nostri dati e ci ha fornito annunci pubblicitari che seguono i navigatori di Internet spingendoci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno.

Ci avevano promesso macchine volanti che saremmo stati aggiunti alle mailing list.

Ci ha venduti al governo, un'entità che avrebbe dovuto avere molte più giuste ragioni per risucchiare i nostri dati come un gigantesco vuoto, intrufolandoli nei suoi magazzini nascosti.

E ora la tecnologia continua la sua ricerca per infiltrarsi in ogni aspetto della nostra vita. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo, il modo in cui lavoriamo in rete e il modo in cui lavoriamo, e oggi sta cambiando il modo in cui assumiamo altri che lavorano per noi. Le app mobili su richiesta sono più efficienti rispetto a fare clic su Google o Yelp, effettuare chiamate telefoniche, inviare e-mail o utilizzare un'app desktop o web. Loro sono letteralmente la domanda dei consumatori nel palmo della propria mano.

E se all'inizio fossero un po' ridicoli ed elitari?

Ha senso che le aziende attingano a tale domanda, quindi ricostruiscano i servizi tradizionali per offrire nuovi modi. La sfida per queste startup emergenti è assicurarsi che mentre sono così impegnate a "creare posti di lavoro" non stanno distruggendo il potenziale di carriera lungo la strada. (Per quel che vale, il diffamato vincitore di Disrupt Alfred offre ai suoi fattorini un impiego regolare e benefici una volta che lavorano 20 ore a settimana o più. Odi il concetto di servizi personali, se proprio devi, ma questo è almeno un miglioramento su come i concorrenti scelgono di gestire i loro libri paga.)

In realtà, si tratta di come vuoi guardare il mondo che la tecnologia sta costruendo. Sta trasformando i lavoratori altamente pagati in servitori poco pagati, su richiesta e senza volto? Ok, forse adesso lo è. Queste attività dureranno e si espanderanno quando i fondi si esauriranno? Ebbene, chi lo sa?

Costruisci qualcosa di diverso

Le startup "pigre", on demand e a gratificazione immediata non sono gli unici servizi che schiavizzano i disperati e gli oppressi, anche se è abbastanza facile immaginarlo come il loro vile obiettivo, soprattutto data la loro determinazione a disumanizzare i lavoratori che danno al loro software qualcosa (qualcuno) da automatizzare.

Esso è diritto di mettere in discussione la loro etica e il loro atteggiamento, ma la tecnologia stessa è irreprensibile. Non ti piacciono i maggiordomi a pulsante? Non costruirne uno, non usarlo. Costruisci il contrario.

Se puoi premere un pulsante per chiamare un'auto o un corriere, non puoi premere un pulsante anche per inviare aiuti? Puoi premere un pulsante per ricostruire una vita? (Penso di sì, avendo contribuito a raccogliere oltre 1.000 dollari per gli amici la cui casa è stata bruciata tramite un'app mobile di Tilt.) Non puoi premere un pulsante per finanziare le cure mediche di qualcuno? Piccola idea imprenditoriale? Soddisfare le esigenze di una classe?

Scopri come far funzionare il commercio mom-and-pop a pulsante. Il mercato come servizio di un contadino. Una cooperativa di genitori/babysitter in cui gli amici si pagano a vicenda quando accedono o si disconnettono da un elenco di disponibilità. Raccogli la lista dei desideri di un insegnante o il materiale scolastico per gli studenti i cui genitori stanno attraversando momenti difficili. Una formazione universitaria. Creare prestiti di quartiere e servizi di noleggio. Scambi di libri. Incontri di scambio. Tutor o formatori pulsanti. Insta-sitter. Salute mentale su richiesta. Controllo delle nascite a pulsante, piano B e preservativi in ​​abbonamento. Motori di ricerca di lavoro mobili passivi basati sulla posizione che ti inviano un ping quando sei vicino a un'azienda di assunzione (e anche al responsabile delle risorse umane). Raccolta fondi basata su notifiche push. Tocca per donare. Chiamate domiciliari in abbonamento (e convenienti).

Solo perché ha fallito prima, o anche ripetutamente, non significa che lo farà sempre. Riprova. Punta più in alto rispetto ai maggiordomi su richiesta.

Invece di trovare modi per trasformare la tecnologia in ciò che distrugge, rendila un abilitatore di bene. Ignora il rumore. Potrebbero dire che la Silicon Valley è senza idee, ma tu no.


I demoni dell'on-demand

I servizi on-demand e locali di oggi riguardano davvero il catering per i ricchi pigri, come affermato, o si tratta di un nuovo modo di prenotare servizi da fornitori locali soddisfacendo la domanda in modo più efficiente attraverso l'uso della geolocalizzazione e di software avanzato in grado di mappa dove sono i clienti, di cosa hanno bisogno e quando?

Direi che probabilmente è il secondo, ma capisco anche le critiche qui.

Quando la vita è facile, anche le piccole cose sembrano più difficili. E questo è francamente piuttosto offensivo per quelli di noi che sanno com'è la vera lotta. Ma quando il tuo tempo è più prezioso dei tuoi soldi, vale la pena pagare per l'aiuto: qualcuno che pieghi il bucato, pulisca la casa, ti porti in giro e ti compri la spesa.

E, naturalmente, ci sono quelli che diffamano la nuova suite di app sostenendo che sono costruite da e per una sorta di insulsa élite — per i ragazzini della Silicon Valley che stanno cercando di mettere “mom” in forma di app perché non hanno mai imparato a separare i colori dai bianchi quando fanno il bucato, o perché preferiscono stare sui loro iPhone piuttosto che parlare con le persone o guidare, o perché non riescono a capire quanto spesso rifornire la carta igienica.

In una certa misura, la critica è corretta. La maggior parte delle persone oggi non utilizza così tanti servizi on-demand da non poter funzionare senza un livello superiore per gestire tutti i loro comandi. Non hanno bisogno di un servizio che li aiuti ad appianare una vita già priva di attriti.

Davvero, chi? non vorrei piace avere quel problema? Oh, questo premere un pulsante è semplicemente estenuante! Jeeves, portami un martini!

Certamente non è in contatto con quante persone in questo paese vivono attualmente.

Un documentario che ho visto di recente su HBO chiamato “Paycheck to Paycheck” segue la storia di una madre divorziata e ti permette di guardare mentre lavora fino alla morte tutto il giorno occupandosi degli anziani in una casa di cura e tuttavia sopravvive a malapena.

Negli Stati Uniti, afferma il film, 42 milioni di donne — una su tre — vivono in condizioni di povertà o sono in bilico. Più di 13 milioni sono madri di bambini piccoli. (Prima che la Silicon Valley costruisca un altro servizio di servitù su richiesta, dovrebbe essere necessario vedere il film.)

E nel complesso, nel 2013, 100 milioni di persone — quasi un americano su tre — ha ricevuto benefici da almeno uno degli oltre 80 programmi di welfare testati sul reddito che hanno fornito denaro, cibo, alloggio, cure mediche e servizi sociali mirati ai poveri. e americani a basso reddito.

Abbiamo combattuto la guerra contro la povertà per 50 anni e abbiamo a malapena intaccato, sostiene un think tank conservatore il cui obiettivo è dimostrare che i programmi del governo non funzionano.

La buona notizia, suppongo, è che il tasso di povertà negli Stati Uniti è appena sceso al 14,5% nel 2013, in calo rispetto al 15% dell'anno prima, secondo l'U.S. Census Bureau. "Questo è il primo calo statisticamente significativo della povertà dal 2006, quando era del 12,3%", scrive la CNN. Sfortunatamente, il numero di persone in povertà rimane fermo a 45,3 milioni, aggiunge rapidamente il rapporto. La popolazione ha ampliato i posti di lavoro no.

Posso riferire: so cosa vuol dire lottare grazie a una situazione simile alla donna raffigurata in quel documentario della HBO, comprese le nuove sfide della genitorialità single. Come mi piacerebbe avere il lusso di preoccuparmi di tutti i diversi pulsanti che devo premere per assicurarmi che le mie faccende domestiche siano state completate! Se solo!

Ma ahimè, sono troppo povero per esternalizzare i compiti associati all'essere un adulto e vivere da solo senza entrate o risparmi in eccesso.

Non solo, ma vivo fuori dalla Valle – e fuori dalla città – quindi le cose che sono costruite e pubblicizzate come il “futuro dei servizi locali” non mi toccano davvero in questo momento. Almeno, a meno che non mi muova. O fino a quando non raggiungono la periferia e oltre, ovvero il 50% del mondo odierno.

Tuttavia, nonostante questa sorta di separazione da gran parte del movimento on-demand, sharing-economy, capisco che molto di ciò che viene offerto per la prima volta al cittadino più agiato potrebbe alla fine ricadere sull'uomo comune o sulla donna comune. (O almeno, questo è l'argomento.)

Mentre alcune cose si adatteranno solo ai centri urbani, altre potrebbero arrivare nelle piccole città/centro America.

Pertanto, non vedo l'ora che Uber faccia da babysitter. (Un Care.com su richiesta!)

O pet sitter. (Un DogVacay-on-demand in cui nessuno può rifiutare il tuo cane per non essersi comportato bene al meet-and-greet.)

Per ogni grembiule o placcato blu, sto aspettando le dozzine di 5 cene in un'ora che sicuramente seguiranno per rendere la pianificazione dei pasti più semplice, più efficiente e più incentrata sulla salute per il resto di noi.

Per ogni Shopular che ti aiuta a trovare le vendite di scarpe Macy's vicine, sicuramente un milione di Favados sbocceranno per mostrarti come uscire da un negozio di alimentari con cibo gratuito e articoli per la casa?

Per ogni progresso nel crowdfunding di gadget inutili, apprezzerò le campagne di crowdfunding (e controllate) per i proprietari di piccole imprese o per coloro che hanno bisogno di cure mediche.

La tecnologia, voglio ancora credere, non ha ancora completamente esaurito la classe media. Forse è stato pagato in eccesso per un minuto. Forse si è dimenticato di avere uno scopo più alto. O forse sarà sempre costruito prima per i fortunati, poi alla fine troverà la sua strada nelle mani di tutti gli altri.

Ma la tecnologia continuerà ad aumentare e migliorare la nostra vita quotidiana, continuo a sperare.

Questo è ciò che mi ha spinto a scriverne in primo luogo — l'era del Web 2.0 in cui ho visto servizi come Myspace e Facebook connettere amici a grandi distanze in cui Gmail ha improvvisamente creato e-mail in realtà lavoro in cui il software in scatola non era più in scatola, ma disponibile e semplificato in interfacce con lettere frizzanti che consentivano a chiunque di eseguire programmi nel cloud (prima ancora che lo chiamassimo così). Costruisci il tuo sito web, hanno detto i portatori di tecnologia. Pubblica le tue foto, scrivi il tuo blog. Impatto sugli altri. Condividi, partecipa, partecipa.

Certo, credere è più difficile di questi tempi. La tecnologia ha commesso degli errori. Beh, molti di loro.

Ci ha fornito i social media, quindi ha creato una visione del mondo ristretta in cui condividiamo sempre più clickbait scioccanti o informazioni completamente imprecise, quindi ci circondiamo di compagni di fede che pensano le stesse cose.

Ha preso il nostro lavoro, poi ci ha dato l'opportunità di essere “appaltatori indipendenti.”

Ci ha letteralmente svenduto, scambiando servizi gratuiti per i dati del nostro profilo e la privacy degli utenti.

Ha venduto i nostri dati e ci ha fornito annunci pubblicitari che seguono i navigatori di Internet spingendoci a comprare cose di cui non abbiamo bisogno.

Ci avevano promesso macchine volanti che saremmo stati aggiunti alle mailing list.

Ci ha venduti al governo, un'entità che avrebbe dovuto avere molte più giuste ragioni per risucchiare i nostri dati come un gigantesco vuoto, intrufolandoli nei suoi magazzini nascosti.

E ora la tecnologia continua la sua ricerca per infiltrarsi in ogni aspetto della nostra vita. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo, il modo in cui lavoriamo in rete e il modo in cui lavoriamo, e oggi sta cambiando il modo in cui assumiamo altri che lavorano per noi. Le app mobili su richiesta sono più efficienti rispetto a fare clic su Google o Yelp, effettuare chiamate telefoniche, inviare e-mail o utilizzare un'app desktop o web. Loro sono letteralmente la domanda dei consumatori nel palmo della propria mano.

E se all'inizio fossero un po' ridicoli ed elitari?

Ha senso che le aziende attingano a tale domanda, quindi ricostruiscano i servizi tradizionali per offrire nuovi modi. La sfida per queste startup emergenti è assicurarsi che mentre sono così impegnate a "creare posti di lavoro" non stanno distruggendo il potenziale di carriera lungo la strada. (Per quel che vale, il diffamato vincitore di Disrupt Alfred offre ai suoi fattorini un impiego regolare e benefici una volta che lavorano 20 ore a settimana o più. Odi il concetto di servizi personali, se proprio devi, ma questo è almeno un miglioramento su come i concorrenti scelgono di gestire i loro libri paga.)

In realtà, si tratta di come vuoi guardare il mondo che la tecnologia sta costruendo. Sta trasformando i lavoratori altamente pagati in servitori poco pagati, su richiesta e senza volto? Ok, forse adesso lo è. Queste attività dureranno e si espanderanno quando i fondi si esauriranno? Ebbene, chi lo sa?

Costruisci qualcosa di diverso

Le startup "pigre", on demand e a gratificazione immediata non sono gli unici servizi che schiavizzano i disperati e gli oppressi, anche se è abbastanza facile immaginarlo come il loro vile obiettivo, soprattutto data la loro determinazione a disumanizzare i lavoratori che danno al loro software qualcosa (qualcuno) da automatizzare.

Esso è diritto di mettere in discussione la loro etica e il loro atteggiamento, ma la tecnologia stessa è irreprensibile. Non ti piacciono i maggiordomi a pulsante? Non costruirne uno, non usarlo. Costruisci il contrario.

Se puoi premere un pulsante per chiamare un'auto o un corriere, non puoi premere un pulsante anche per inviare aiuti? Puoi premere un pulsante per ricostruire una vita? (Penso di sì, avendo contribuito a raccogliere oltre 1.000 dollari per gli amici la cui casa è stata bruciata tramite un'app mobile di Tilt.) Non puoi premere un pulsante per finanziare le cure mediche di qualcuno? Piccola idea imprenditoriale? Soddisfare le esigenze di una classe?

Scopri come far funzionare il commercio mom-and-pop a pulsante. Il mercato come servizio di un contadino. Una cooperativa di genitori/babysitter in cui gli amici si pagano a vicenda quando accedono o si disconnettono da un elenco di disponibilità. Raccogli la lista dei desideri di un insegnante o il materiale scolastico per gli studenti i cui genitori stanno attraversando momenti difficili. Una formazione universitaria. Creare prestiti di quartiere e servizi di noleggio. Scambi di libri. Incontri di scambio. Tutor o formatori pulsanti. Insta-sitter. Salute mentale su richiesta. Controllo delle nascite a pulsante, piano B e preservativi in ​​abbonamento. Motori di ricerca di lavoro mobili passivi basati sulla posizione che ti inviano un ping quando sei vicino a un'azienda di assunzione (e anche al responsabile delle risorse umane). Raccolta fondi basata su notifiche push. Tocca per donare. Chiamate domiciliari in abbonamento (e convenienti).

Solo perché ha fallito prima, o anche ripetutamente, non significa che lo farà sempre. Riprova. Punta più in alto rispetto ai maggiordomi su richiesta.

Invece di trovare modi per trasformare la tecnologia in ciò che distrugge, rendila un abilitatore di bene. Ignora il rumore. Potrebbero dire che la Silicon Valley è senza idee, ma tu no.


Guarda il video: Housecall Pro - Your Business, Simplified