acetonemagazine.org
Nuove ricette

Presentazione di 10 alimenti che possono essere biocarburanti

Presentazione di 10 alimenti che possono essere biocarburanti



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Mele

Anche se potresti non versare una bottiglia di sidro di mele nel serbatoio del gas, gli scienziati hanno scoperto anni fa che il fruttosio di frutti come mele e arance, secondo la BBC, potrebbe essere utilizzato per produrre un tipo di biocarburante che potrebbe avere emissioni anche inferiori rispetto all'etanolo a base di mais.

Pokeberry

Sebbene le bacche debbano essere cotte per essere commestibili, le verdure dell'erba vengono spesso trasformate in un piatto meridionale chiamato insalata di poke, che genera persino il Poke Salad Festival in Louisiana. Lo scorso maggio, Alternative Energy ha riferito che un team della Wake Forest University stava usando la tintura delle bacche per fare celle solari che può essere convertito in una fonte di energia.

Funghi

Mentre gli enzimi nei funghi possono creare energia in modo simile allo zucchero, un paio di anni fa, l'Autorità per le biomasse ha riferito di ricercatori danesi estrarre il genoma del fungo. Sembra che il vecchio fungo champignon normale possa migliorare i biocarburanti di tipo etanolo scomponendo i materiali in zuccheri. Ciò significa che "i funghi potrebbero molto probabilmente portarti in un diverso tipo di viaggio rispetto a uno allucinogeno".

Pollo

Può sembrare che l'industria energetica stia entrando nella tendenza delle frattaglie, ma usare interiora di pollo, sangue e persino piume (alias farina di pollo) per creare fertilizzanti è una pratica secolare. Ora, secondo il New York Times, l'Università del Nevada è conversione del biodiesel dal grasso bollito della farina di pollo.

Nocciole

Quella tazza di caffè alla nocciola mattutina potrebbe presto fare di più che alimentarti. Oltre a estrarre il biodiesel dall'olio nei fondi di caffè, gli scienziati hanno scoperto che le nocciole sono anche una fonte legittima di olio. Inoltre, Extension.org segnala che il le prospettive sono promettenti a causa dell'elevata resa e dei vari composti presenti in natura nell'olio di nocciola. Suono delizioso.

Olio di palma

Uno degli oli vegetali che stanno diventando biocarburanti di nuova generazione, l'olio di palma è anche un ingrediente onnipresente negli alimenti trasformati, dal cioccolato Cadbury ai cracker Cheez-It. Sfortunatamente, c'è stato un aspetto negativo di questa fonte di energia rinnovabile: il Le foreste pluviali del sud-est asiatico vengono minate per l'olio di palma, una questione ambientale per gli automobilisti europei che già utilizzano questo biodiesel.

Ravanello selvatico

Il biodiesel derivato dal ravanello selvatico ha già test motore superato, secondo Southeast Farm Press, ma non è esattamente commestibile a meno che tu non sia un'ape da miele. Quindi, in sostanza, fa parte della nostra catena alimentare, ma principalmente è conosciuta come un'erba a rapida diffusione che gli agricoltori usano come coltura di copertura con semi che hanno un'alta concentrazione di olio, rendendola praticabile come fonte facilmente rinnovabile.

Piselli spezzati

Due cose che potresti non sapere: il North Dakota è un produttore leader negli Stati Uniti di piselli secchi, come quelli usati nella zuppa di piselli spezzati, e che il raccolto ricco di amido può essere utilizzato per produrre etanolo, come il mais. E mentre questi tipi di biocarburanti potrebbero un giorno superare i combustibili fossili, La North Dakota State University ammette, "I prezzi del mais dovrebbero aumentare di oltre il 20% prima che i piselli raggiungano il pareggio".

Latticini

Non sai cosa fare con quel burro rancido? Potrebbe essere facilmente trasformato in biodiesel, come dimostrato da un ingegnere dell'USDA che ha parlato con il New York Times in agosto. La lezione da trarre non è che gli scienziati trasformeranno il nostro amato formaggio e latte in carburante, ma piuttosto che il processo può essere utilizzato con tutti i tipi di rifiuti agricoli e industriali.

Patate

Collegare una... patata? In realtà, scienziati dell'Università Ebraica di Gerusalemme stanno infatti usando patate per alimentare le batterie. Sebbene sia dubbio che le patate siano più preziose per far funzionare i nostri motori piuttosto che essere schiacciate o fritte, comprendere i "poteri nascosti" di qualcosa di così universalmente disponibile come una patata sarà fondamentale per lo sviluppo di biocarburanti.


10 migliori colture per la produzione di biocarburanti

Il biocarburante è un tipo di combustibile che viene prodotto dalla biomassa (ovvero da piante e materiale animale). A differenza dei combustibili fossili che richiedono tempo per formarsi a causa del lento processo geologico, i biocarburanti sono facilmente disponibili e possono essere prodotti da altre fonti oltre a piante come i rifiuti industriali di origine biologica. Inoltre, il biocarburante è una fonte di energia più pulita rispetto ai combustibili fossili e rilascia meno inquinanti e gas serra. Esistono due categorie principali di biocarburante, biodiesel e bioalcol. Il bioalcol è creato dalla degradazione batterica dell'amido nelle piante mentre il biodiesel è derivato dall'olio già disponibile in tali piante. Di seguito alcune delle principali colture per la produzione di biocarburanti

Il mais è considerato la principale fonte di biocarburante a base di etanolo. Il mais è ricco di zucchero che è la principale fonte di etanolo. Il mais ricco di zucchero viene trasformato in etanolo attraverso un processo di fermentazione simile alla produzione della birra. I chicchi vengono prima macinati e poi mescolati con acqua tiepida e lievito. I chicchi vengono utilizzati perché rende il processo di fermentazione più economico rispetto a quando viene utilizzata un'intera pianta di mais. Il lievito fa fermentare la miscela e produce etanolo. L'etanolo risultante viene quindi miscelato con benzina per l'uso nei motori delle automobili. L'etanolo prodotto dal mais rilascia meno ossido di azoto, monossido di carbonio e zolfo, riducendo così lo smog nelle città.


10 migliori colture per la produzione di biocarburanti

Il biocarburante è un tipo di combustibile prodotto dalla biomassa (ovvero da piante e materiale animale). A differenza dei combustibili fossili che richiedono tempo per formarsi a causa del lento processo geologico, i biocarburanti sono facilmente disponibili e possono essere prodotti da altre fonti oltre a piante come i rifiuti industriali di origine biologica. Inoltre, il biocarburante è una fonte di energia più pulita rispetto ai combustibili fossili e rilascia meno inquinanti e gas serra. Esistono due categorie principali di biocarburante, biodiesel e bioalcol. Il bioalcol è creato dalla degradazione batterica dell'amido nelle piante mentre il biodiesel è derivato dall'olio già disponibile in tali piante. Di seguito alcune delle principali colture per la produzione di biocarburanti

Il mais è considerato la principale fonte di biocarburante a base di etanolo. Il mais è ricco di zucchero che è la principale fonte di etanolo. Il mais ricco di zucchero viene trasformato in etanolo attraverso un processo di fermentazione simile alla produzione della birra. I chicchi vengono prima macinati e poi mescolati con acqua tiepida e lievito. I chicchi vengono utilizzati perché rende il processo di fermentazione più economico rispetto a quando viene utilizzata un'intera pianta di mais. Il lievito fa fermentare la miscela e produce etanolo. L'etanolo risultante viene quindi miscelato con benzina per l'uso nei motori delle automobili. L'etanolo prodotto dal mais rilascia meno ossido di azoto, monossido di carbonio e zolfo, riducendo così lo smog nelle città.


10 migliori colture per la produzione di biocarburanti

Il biocarburante è un tipo di combustibile prodotto dalla biomassa (ovvero da piante e materiale animale). A differenza dei combustibili fossili che richiedono tempo per formarsi a causa del lento processo geologico, i biocarburanti sono facilmente disponibili e possono essere prodotti da altre fonti oltre a piante come i rifiuti industriali di origine biologica. Inoltre, il biocarburante è una fonte di energia più pulita rispetto ai combustibili fossili e rilascia meno inquinanti e gas serra. Esistono due categorie principali di biocarburante, biodiesel e bioalcol. Il bioalcol è creato dalla degradazione batterica dell'amido nelle piante mentre il biodiesel è derivato dall'olio già disponibile in tali piante. Di seguito alcune delle principali colture per la produzione di biocarburanti

Il mais è considerato la principale fonte di biocarburante a base di etanolo. Il mais è ricco di zucchero che è la principale fonte di etanolo. Il mais ricco di zucchero viene trasformato in etanolo attraverso un processo di fermentazione simile alla produzione della birra. I chicchi vengono prima macinati e poi mescolati con acqua tiepida e lievito. I chicchi vengono utilizzati perché rende il processo di fermentazione più economico rispetto a quando viene utilizzata un'intera pianta di mais. Il lievito fa fermentare la miscela e produce etanolo. L'etanolo risultante viene quindi miscelato con benzina per l'uso nei motori delle automobili. L'etanolo prodotto dal mais rilascia meno ossido di azoto, monossido di carbonio e zolfo, riducendo così lo smog nelle città.


10 migliori colture per la produzione di biocarburanti

Il biocarburante è un tipo di combustibile prodotto dalla biomassa (ovvero da piante e materiale animale). A differenza dei combustibili fossili che richiedono tempo per formarsi a causa del lento processo geologico, i biocarburanti sono facilmente disponibili e possono essere prodotti da altre fonti oltre a piante come i rifiuti industriali di origine biologica. Inoltre, il biocarburante è una fonte di energia più pulita rispetto ai combustibili fossili e rilascia meno inquinanti e gas serra. Esistono due categorie principali di biocarburante, biodiesel e bioalcol. Il bioalcol è creato dalla degradazione batterica dell'amido nelle piante mentre il biodiesel è derivato dall'olio già disponibile in tali piante. Di seguito alcune delle principali colture per la produzione di biocarburanti

Il mais è considerato la principale fonte di biocarburante a base di etanolo. Il mais è ricco di zucchero che è la principale fonte di etanolo. Il mais ricco di zucchero viene trasformato in etanolo attraverso un processo di fermentazione simile alla produzione della birra. I chicchi vengono prima macinati e poi mescolati con acqua tiepida e lievito. I chicchi vengono utilizzati perché rende il processo di fermentazione più economico rispetto a quando viene utilizzata un'intera pianta di mais. Il lievito fa fermentare la miscela e produce etanolo. L'etanolo risultante viene quindi miscelato con benzina per l'uso nei motori delle automobili. L'etanolo prodotto dal mais rilascia meno ossido di azoto, monossido di carbonio e zolfo, riducendo così lo smog nelle città.


10 migliori colture per la produzione di biocarburanti

Il biocarburante è un tipo di combustibile che viene prodotto dalla biomassa (ovvero da piante e materiale animale). A differenza dei combustibili fossili che richiedono tempo per formarsi a causa del lento processo geologico, i biocarburanti sono facilmente disponibili e possono essere prodotti da altre fonti oltre a piante come i rifiuti industriali di origine biologica. Inoltre, il biocarburante è una fonte di energia più pulita rispetto ai combustibili fossili e rilascia meno inquinanti e gas serra. Esistono due categorie principali di biocarburante, biodiesel e bioalcol. Il bioalcol è creato dalla degradazione batterica dell'amido nelle piante mentre il biodiesel è derivato dall'olio già disponibile in tali piante. Di seguito alcune delle principali colture per la produzione di biocarburanti

Il mais è considerato la principale fonte di biocarburante a base di etanolo. Il mais è ricco di zucchero che è la principale fonte di etanolo. Il mais ricco di zucchero viene trasformato in etanolo attraverso un processo di fermentazione simile alla produzione della birra. I chicchi vengono prima macinati e poi mescolati con acqua tiepida e lievito. I chicchi vengono utilizzati perché rende il processo di fermentazione più economico rispetto a quando viene utilizzata un'intera pianta di mais. Il lievito fa fermentare la miscela e produce etanolo. L'etanolo risultante viene quindi miscelato con benzina per l'uso nei motori delle automobili. L'etanolo prodotto dal mais rilascia meno ossido di azoto, monossido di carbonio e zolfo, riducendo così lo smog nelle città.


10 migliori colture per la produzione di biocarburanti

Il biocarburante è un tipo di combustibile che viene prodotto dalla biomassa (ovvero da piante e materiale animale). A differenza dei combustibili fossili che richiedono tempo per formarsi a causa del lento processo geologico, i biocarburanti sono facilmente disponibili e possono essere prodotti da altre fonti oltre a piante come i rifiuti industriali di origine biologica. Inoltre, il biocarburante è una fonte di energia più pulita rispetto ai combustibili fossili e rilascia meno inquinanti e gas serra. Esistono due categorie principali di biocarburante, biodiesel e bioalcol. Il bioalcol è creato dalla degradazione batterica dell'amido nelle piante mentre il biodiesel è derivato dall'olio già disponibile in tali piante. Di seguito alcune delle principali colture per la produzione di biocarburanti

Il mais è considerato la principale fonte di biocarburante a base di etanolo. Il mais è ricco di zucchero che è la principale fonte di etanolo. Il mais ricco di zucchero viene trasformato in etanolo attraverso un processo di fermentazione simile alla produzione della birra. I chicchi vengono prima macinati e poi mescolati con acqua tiepida e lievito. I chicchi vengono utilizzati perché rende il processo di fermentazione più economico rispetto a quando viene utilizzata un'intera pianta di mais. Il lievito fa fermentare la miscela e produce etanolo. L'etanolo risultante viene quindi miscelato con benzina per l'uso nei motori delle automobili. L'etanolo prodotto dal mais rilascia meno ossido di azoto, monossido di carbonio e zolfo, riducendo così lo smog nelle città.


10 migliori colture per la produzione di biocarburanti

Il biocarburante è un tipo di combustibile che viene prodotto dalla biomassa (ovvero da piante e materiale animale). A differenza dei combustibili fossili che richiedono tempo per formarsi a causa del lento processo geologico, i biocarburanti sono facilmente disponibili e possono essere prodotti da altre fonti oltre a piante come i rifiuti industriali di origine biologica. Inoltre, il biocarburante è una fonte di energia più pulita rispetto ai combustibili fossili e rilascia meno inquinanti e gas serra. Esistono due categorie principali di biocarburante, biodiesel e bioalcol. Il bioalcol è creato dalla degradazione batterica dell'amido nelle piante mentre il biodiesel è derivato dall'olio già disponibile in tali piante. Di seguito alcune delle principali colture per la produzione di biocarburanti

Il mais è considerato la principale fonte di biocarburante a base di etanolo. Il mais è ricco di zucchero che è la principale fonte di etanolo. Il mais ricco di zucchero viene trasformato in etanolo attraverso un processo di fermentazione simile alla produzione della birra. I chicchi vengono prima macinati e poi mescolati con acqua tiepida e lievito. I chicchi vengono utilizzati perché rende il processo di fermentazione più economico rispetto a quando viene utilizzata un'intera pianta di mais. Il lievito fa fermentare la miscela e produce etanolo. L'etanolo risultante viene quindi miscelato con benzina per l'uso nei motori delle automobili. L'etanolo prodotto dal mais rilascia meno ossido di azoto, monossido di carbonio e zolfo, riducendo così lo smog nelle città.


10 migliori colture per la produzione di biocarburanti

Il biocarburante è un tipo di combustibile prodotto dalla biomassa (ovvero da piante e materiale animale). A differenza dei combustibili fossili che richiedono tempo per formarsi a causa del lento processo geologico, i biocarburanti sono facilmente disponibili e possono essere prodotti da altre fonti oltre a piante come i rifiuti industriali di origine biologica. Inoltre, il biocarburante è una fonte di energia più pulita rispetto ai combustibili fossili e rilascia meno inquinanti e gas serra. Esistono due categorie principali di biocarburante, biodiesel e bioalcol. Il bioalcol è creato dalla degradazione batterica dell'amido nelle piante mentre il biodiesel è derivato dall'olio già disponibile in tali piante. Di seguito alcune delle principali colture per la produzione di biocarburanti

Il mais è considerato la principale fonte di biocarburante a base di etanolo. Il mais è ricco di zucchero che è la principale fonte di etanolo. Il mais ricco di zucchero viene trasformato in etanolo attraverso un processo di fermentazione simile alla produzione della birra. I chicchi vengono prima macinati e poi mescolati con acqua tiepida e lievito. I chicchi vengono utilizzati perché rende il processo di fermentazione più economico rispetto a quando viene utilizzata un'intera pianta di mais. Il lievito fa fermentare la miscela e produce etanolo. L'etanolo risultante viene quindi miscelato con benzina per l'uso nei motori delle automobili. L'etanolo prodotto dal mais rilascia meno ossido di azoto, monossido di carbonio e zolfo, riducendo così lo smog nelle città.


10 migliori colture per la produzione di biocarburanti

Il biocarburante è un tipo di combustibile prodotto dalla biomassa (ovvero da piante e materiale animale). A differenza dei combustibili fossili che richiedono tempo per formarsi a causa del lento processo geologico, i biocarburanti sono facilmente disponibili e possono essere prodotti da altre fonti oltre a piante come i rifiuti industriali di origine biologica. Inoltre, il biocarburante è una fonte di energia più pulita rispetto ai combustibili fossili e rilascia meno inquinanti e gas serra. Esistono due categorie principali di biocarburante, biodiesel e bioalcol. Il bioalcol è creato dalla degradazione batterica dell'amido nelle piante mentre il biodiesel è derivato dall'olio già disponibile in tali piante. Di seguito alcune delle principali colture per la produzione di biocarburanti

Il mais è considerato la principale fonte di biocarburante a base di etanolo. Il mais è ricco di zucchero che è la principale fonte di etanolo. Il mais ricco di zucchero viene trasformato in etanolo attraverso un processo di fermentazione simile alla produzione della birra. I chicchi vengono prima macinati e poi mescolati con acqua tiepida e lievito. I chicchi vengono utilizzati perché rende il processo di fermentazione più economico rispetto a quando viene utilizzata un'intera pianta di mais. Il lievito fa fermentare la miscela e produce etanolo. L'etanolo risultante viene quindi miscelato con benzina per l'uso nei motori delle automobili. L'etanolo prodotto dal mais rilascia meno ossido di azoto, monossido di carbonio e zolfo, riducendo così lo smog nelle città.


10 migliori colture per la produzione di biocarburanti

Il biocarburante è un tipo di combustibile che viene prodotto dalla biomassa (cioè da piante e materiale animale). A differenza dei combustibili fossili che richiedono tempo per formarsi a causa del lento processo geologico, i biocarburanti sono facilmente disponibili e possono essere prodotti da altre fonti oltre a piante come i rifiuti industriali di origine biologica. Inoltre, il biocarburante è una fonte di energia più pulita rispetto ai combustibili fossili e rilascia meno inquinanti e gas serra. Esistono due categorie principali di biocarburante, biodiesel e bioalcol. Il bioalcol è creato dalla degradazione batterica dell'amido nelle piante mentre il biodiesel è derivato dall'olio già disponibile in tali piante. Di seguito alcune delle principali colture per la produzione di biocarburanti

Il mais è considerato la principale fonte di biocarburante a base di etanolo. Il mais è ricco di zucchero che è la principale fonte di etanolo. Il mais ricco di zucchero viene trasformato in etanolo attraverso un processo di fermentazione simile alla produzione della birra. I chicchi vengono prima macinati e poi mescolati con acqua tiepida e lievito. I chicchi vengono utilizzati perché rende il processo di fermentazione più economico rispetto a quando viene utilizzata un'intera pianta di mais. Il lievito fa fermentare la miscela e produce etanolo. L'etanolo risultante viene quindi miscelato con benzina per l'uso nei motori delle automobili. L'etanolo prodotto dal mais rilascia meno ossido di azoto, monossido di carbonio e zolfo, riducendo così lo smog nelle città.