acetonemagazine.org
Nuove ricette

I migliori abbinamenti di ciambelle e birra a Los Angeles

I migliori abbinamenti di ciambelle e birra a Los Angeles



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Avventurati oltre il classico abbinamento caffè e ciambella

Ciambelle e birra sono l'abbinamento perfetto.

Quando pensi a una bevanda per accompagnare una ciambella, cosa ti viene in mente? Caffè certamente. Forse latte. Ma che dire della birra? La combinazione di birra artigianale e ciambelle dolci è un modo decadente per esplorare come interagiscono birra e cibo. Sia attraverso l'acidità, l'alcol, l'effervescenza o l'amarezza del luppolo, le fette di birra attraverso oli e grassi per rinfrescare il palato in preparazione del prossimo boccone. E con i birrifici locali a pochi isolati di distanza da alcuni dei migliori negozi di ciambelle di Los Angeles, ci sono molte opportunità per dedicarsi alla sperimentazione.

L'ingresso facile nell'equazione birra-più-ciambella è andare al naso con una birra al caffè. Caffè e ciambelle sono una combinazione comoda ed è difficile sbagliare. Per avventurarsi oltre il territorio dei principianti, ecco alcuni suggerimenti per abbinamenti ciambella e birra.

Tre Weavers Brewing e Randy's Donuts

Il punto di partenza per ogni abbinamento è considerare l'intensità del cibo e della birra. Le ciambelle sono sia ricche che dolci e non sottili quando si tratta di sapore. Quindi questo non è il momento per una birra delicata. Per resistere al rivestimento in bocca e alle confezioni zuccherate, avrai bisogno di una bevanda audace. Le offerte più alcoliche e più amare come la doppia IPA Three Weavers Brewing Knotty o Midnight Flight imperial stout sono scelte migliori rispetto alle offerte più leggere che potrebbero andare perse dopo un morso di ciambella. La maestra di birra di Three Weavers, Alexandra Nowell, suggerisce di provare Midnight Flight insieme a una frittella di mele da Randy's (che si trova a solo un paio di isolati dalla sala di degustazione di Inglewood). È una combinazione che funziona perché i sapori di caffè e cioccolato della birra dai malti scuri creano un ponte dalla birra alla ciambella. E l'amarezza della birra contrasta nettamente con ogni morso zuccherino. Con quasi il 10% di alcol e considerevolmente amaro, nemmeno una frittella di mele pesanti sopraffarà il volo di mezzanotte. Randy's Donuts, 805 West Manchester Blvd., Inglewood, (310) 645-4707, randysdonuts.com; Three Weavers Brewery - 1031 W. Manchester Blvd., Suite A, Inglewood, (310) 400-5830, www.threeweavers.la.


Cosa bere con quel Twinkie fritto? Prova questi consigli su vino e birra per l'O.C. Equo

Fran Gitsham è abituata a rispondere alle domande sul vino all'Orange County Fair, ma c'è una domanda da parte dei frequentatori assetati che sente più spesso.

La sua risposta è sempre la stessa.

"Qual è il vino migliore?" Gitsham, un membro del consiglio di amministrazione della Orange County Wine Society, ha chiesto con un sorriso timido. “È il vino che ti piace di più.”

In piedi di fronte a un cestino pieno di dozzine di varietà - dal rosé agli zinfandel - l'obiettivo dei membri della OC Wine Society è aiutare i visitatori della fiera - intenditori e principianti - a trovare il loro naso per il vino.

Alcuni vini sono più popolari di altri per i frequentatori di fiere che cercano rifugio dal sole estivo all'interno di The Courtyard, che è gestito dai membri del consiglio della società del vino durante la fiera. Molti scappano nel patio coperto per sorseggiare un fresco pino grigio, riesling o spumante. Altri cercano vini premiati dalla competizione enologica commerciale dell'anno.

Ma che dire di chi vuole sapere quale vino abbinare alle creazioni culinarie non convenzionali che trova in fiera?

Sara Yeoman e altri membri della società del vino hanno preso in considerazione questa domanda la scorsa estate mentre stavano pensando a cosa mangiare a pranzo.

"Abbiamo iniziato a mettere insieme un elenco di cibi giusti che piacciono a tutti e quale vino vorremmo bere con loro", ha detto. "È semplicemente cresciuto da lì."

Sabato, Yeoman e il collega Ed Reyes, membro della società del vino, terranno il primo di due seminari su come abbinare il vino al cibo trovato in fiera. Il secondo seminario si terrà il 5 agosto.

"Molto del cibo che puoi trovare in fiera, come il petto di manzo e il barbecue, sono comunque cose che fai a casa", ha detto Yeoman. "Vorremmo educare le persone a selezionare i vini e abbinarli ai piatti che preparano durante il resto dell'anno".

Peter Neptune, un maestro sommelier e presidente della Neptune School of Wine di Costa Mesa, ha alcuni consigli per selezionare un vitigno per completare anche il cibo da fiera più non ortodosso.

La prima regola empirica: abbinare il livello di dolcezza del cibo alla dolcezza del vino.

"Se hai un Twinkie o Oreo fritto, generalmente vuoi abbinarlo a un vino che ha lo stesso livello di zucchero o più", ha detto. “I cibi fritti generalmente si sposano bene con i vini che hanno un'elevata acidità. Aiuta a tagliare il grasso.”

Un pino grigio starebbe bene con un piatto come i calamari fritti. Per i dolci fritti, Nettuno consiglia un riesling tedesco, che vanta un sapore più dolce.

Per un dessert fritto con cioccolato, è il momento di prendere un porto, un vino dolce fortificato che è in genere più alto contenuto di alcol rispetto alla maggior parte delle altre varietà. Un porto rubino ha in genere un denso sapore di bacche simile a una marmellata, mentre un porto di colore fulvo ha più note di caramello e noce, secondo Nettuno.

Per il bevitore prudente, Nettuno suggerisce un rosato secco. Il sapore leggero e croccante è perfetto per una calda giornata estiva e si abbina bene a una varietà di cibi, ha detto.

"I rosé secchi hanno davvero preso d'assalto l'America", ha detto Nettuno. “Sono estremamente versatili con il cibo. Quasi non puoi sbagliare con uno. "

Tacchino gigante o cosce di maiale avvolte nella pancetta, che Nettuno chiama affettuosamente "cibo da cavernicoli", si abbinano bene a un vino rosso corposo come uno shiraz australiano, un malbec argentino o una miscela californiana, ha detto.

Quei vini, ha detto, hanno un sacco di spezie e sapore che possono resistere all'audacia della carne alla brace.

"Il mondo del vino è come un mondo di lingue", ha detto Nettuno. "Non aver paura di imparare, fare domande o provare qualcosa di nuovo."

Per coloro che preferiscono una birra rinfrescante a una buona annata, gli stand della Orange County Fair offrono una selezione di oltre 100 birre. Con così tante opzioni per la schiuma, può essere difficile per i clienti selezionarne solo una.

Cassandra Cornell, che trascorre le sue giornate versando birre artigianali al Plaza Stage, studia costantemente il suo prodotto.

I clienti che sborsano $ 9,50 per una piccola birra artigianale e $ 12 per una grande si aspettano che lei conosca le sue IPA dalle sue stout.

Ma ammette di aver provato solo una manciata delle robuste offerte della fiera. Quindi si assegna i compiti.

Prende appunti sull'alcol di una birra in volume e sulla sua IBU - unità internazionale di amaro, che misura l'amarezza di una birra - e trasmette tali informazioni ai clienti.

"Chiediamo loro che tipo di birra bevono in genere, cosa gli piace e poi facciamo una raccomandazione basata su questo", ha detto Cornell.

Ma quale birra berrebbe qualcuno con un Twinkie fritto o una gigantesca coscia di maiale alla brace?

The Brewers Assn., gruppo commerciale no profit per birrai e appassionati di birra, consiglia di abbinare la forza di una birra alla robustezza del cibo e di trovare armonie nei loro sapori. Il cibo dai sapori forti richiede una birra decisa, mentre i piatti delicati funzionano meglio con stili meno aggressivi.

"Le combinazioni spesso funzionano meglio quando condividono alcuni sapori o elementi aromatici comuni", ha scritto l'associazione in una guida pubblicata sul suo sito web.

I cibi fritti, che sono più comunemente consumati in fiera, possono abbinarsi bene con le Pale Ale o le India Pale Ale, che hanno un forte profilo di luppolo. Il luppolo conferisce alla birra il suo sapore amaro, che può tagliare la ricchezza del cibo.

Per coloro le cui papille gustative si rannicchiano al pensiero di un IPA, Nettuno suggerisce di andare con una lager croccante, come una pilsner.

Le birre rosse in genere hanno un sapore più aggressivo e maltato che può resistere a una varietà di cibi, dalla cucina piccante a un tipico hamburger.

Gli appassionati di birra scura, che preferiscono il corpo pieno e i sapori audaci di porter, brown ale e stout, troveranno un buon abbinamento con carne alla brace o salsicce, ha detto Nettuno. Queste birre in genere si abbinano bene anche a dessert al cioccolato decadenti.

Ma alla fine di una lunga giornata in fiera, la bevanda migliore è quella che si può gustare all'ombra in buona compagnia, dicono i frequentatori della fiera.

In una recente visita, le amiche Cathy Meschuk e Cathy Ruiz, entrambe di Huntington Beach, hanno sorseggiato bicchieri di pinot nero e cabernet sauvignon condividendo un lotto di mini ciambelle spolverate di zucchero alla cannella al The Courtyard.

"Se è affollato, puoi condividere un tavolo e conoscere altre persone", ha detto Ruiz. "Questo è il nostro posto preferito in fiera."

SE VAI

Che cosa: Seminari di abbinamento cibo e vino fieristici

Quando: 15:00 Sabato e 5 agosto

In cui si: The Courtyard, Orange County Fair, 88 Fair Drive, Costa Mesa


Cosa bere con quel Twinkie fritto? Prova questi consigli su vino e birra per l'O.C. Equo

Fran Gitsham è abituata a rispondere alle domande sul vino all'Orange County Fair, ma c'è una domanda da parte dei frequentatori assetati che sente più spesso.

La sua risposta è sempre la stessa.

"Qual è il vino migliore?" Gitsham, un membro del consiglio di amministrazione della Orange County Wine Society, ha chiesto con un sorriso timido. “È il vino che ti piace di più.”

In piedi di fronte a un cestino pieno di dozzine di varietà - dal rosé agli zinfandel - l'obiettivo dei membri della OC Wine Society è aiutare i visitatori della fiera - intenditori e principianti - a trovare il loro naso per il vino.

Alcuni vini sono più popolari di altri per i frequentatori di fiere che cercano rifugio dal sole estivo all'interno di The Courtyard, che è gestito dai membri del consiglio della società del vino durante la fiera. Molti scappano nel patio coperto per sorseggiare un fresco pino grigio, riesling o spumante. Altri cercano vini premiati dalla competizione enologica commerciale dell'anno.

Ma che dire di chi vuole sapere quale vino abbinare alle creazioni culinarie non convenzionali che trova in fiera?

Sara Yeoman e altri membri della società del vino hanno preso in considerazione questa domanda la scorsa estate mentre stavano pensando a cosa mangiare a pranzo.

"Abbiamo iniziato a mettere insieme un elenco di cibi giusti che piacciono a tutti e quale vino vorremmo bere con loro", ha detto. "È semplicemente cresciuto da lì."

Sabato, Yeoman e il collega Ed Reyes, membro della società del vino, terranno il primo di due seminari su come abbinare il vino al cibo trovato in fiera. Il secondo seminario si terrà il 5 agosto.

"Molto del cibo che puoi trovare in fiera, come il petto di manzo e il barbecue, sono comunque cose che fai a casa", ha detto Yeoman. "Vorremmo educare le persone a selezionare i vini e abbinarli ai piatti che preparano durante il resto dell'anno".

Peter Neptune, un maestro sommelier e presidente della Neptune School of Wine di Costa Mesa, ha alcuni suggerimenti per selezionare un vitigno per completare anche il cibo da fiera più non ortodosso.

La prima regola empirica: abbinare il livello di dolcezza del cibo alla dolcezza del vino.

"Se hai un Twinkie o Oreo fritto, generalmente vuoi abbinarlo a un vino che ha lo stesso livello di zucchero o più", ha detto. “I cibi fritti generalmente si sposano bene con i vini che hanno un'elevata acidità. Aiuta a tagliare il grasso.”

Un pino grigio starebbe bene con un piatto come i calamari fritti. Per i dolci fritti, Nettuno consiglia un riesling tedesco, che vanta un sapore più dolce.

Per un dessert fritto con cioccolato, è il momento di prendere un porto, un vino dolce fortificato che è in genere più alto contenuto di alcol rispetto alla maggior parte delle altre varietà. Un porto rubino ha in genere un denso sapore di bacche simile a una marmellata, mentre un porto di colore fulvo ha più note di caramello e noce, secondo Nettuno.

Per il bevitore prudente, Nettuno suggerisce un rosato secco. Il sapore leggero e croccante è perfetto per una calda giornata estiva e si abbina bene a una varietà di cibi, ha detto.

"I rosé secchi hanno davvero preso d'assalto l'America", ha detto Nettuno. “Sono estremamente versatili con il cibo. Quasi non puoi sbagliare con uno. "

Tacchino gigante o cosce di maiale avvolte nella pancetta, che Nettuno chiama affettuosamente "cibo da cavernicoli", si abbinano bene a un vino rosso corposo come uno shiraz australiano, un malbec argentino o una miscela californiana, ha detto.

Quei vini, ha detto, hanno un sacco di spezie e sapore che possono resistere all'audacia della carne alla brace.

"Il mondo del vino è come un mondo di lingue", ha detto Nettuno. "Non aver paura di imparare, fare domande o provare qualcosa di nuovo."

Per coloro che preferiscono una birra rinfrescante a una buona annata, gli stand della Orange County Fair offrono una selezione di oltre 100 birre. Con così tante opzioni per la schiuma, può essere difficile per i clienti selezionarne solo una.

Cassandra Cornell, che trascorre le sue giornate versando birre artigianali al Plaza Stage, studia costantemente il suo prodotto.

I clienti che sborsano $ 9,50 per una piccola birra artigianale e $ 12 per una grande si aspettano che lei conosca le sue IPA dalle sue stout.

Ma ammette di aver provato solo una manciata delle robuste offerte della fiera. Quindi si assegna i compiti.

Prende appunti sull'alcol di una birra in volume e sulla sua IBU - unità internazionale di amaro, che misura l'amarezza di una birra - e trasmette tali informazioni ai clienti.

"Chiediamo loro che tipo di birra bevono in genere, cosa gli piace e poi facciamo una raccomandazione basata su questo", ha detto Cornell.

Ma quale birra berrebbe qualcuno con un Twinkie fritto o una gigantesca coscia di maiale alla brace?

The Brewers Assn., gruppo commerciale no profit per birrai e appassionati di birra, consiglia di abbinare la forza di una birra alla robustezza del cibo e di trovare armonie nei loro sapori. Il cibo dai sapori forti richiede una birra decisa, mentre i piatti delicati funzionano meglio con stili meno aggressivi.

"Le combinazioni spesso funzionano meglio quando condividono alcuni sapori o elementi aromatici comuni", ha scritto l'associazione in una guida pubblicata sul suo sito web.

I cibi fritti, che sono più comunemente consumati in fiera, possono abbinarsi bene con le Pale Ale o le India Pale Ale, che hanno un forte profilo di luppolo. Il luppolo conferisce alla birra il suo sapore amaro, che può tagliare la ricchezza del cibo.

Per coloro le cui papille gustative si rannicchiano al pensiero di un IPA, Nettuno suggerisce di andare con una lager croccante, come una pilsner.

Le birre rosse in genere hanno un sapore più aggressivo e maltato che può resistere a una varietà di cibi, dalla cucina piccante a un tipico hamburger.

Gli appassionati di birra scura, che preferiscono il corpo pieno e i sapori audaci di porter, brown ale e stout, troveranno un buon abbinamento con carne alla brace o salsicce, ha detto Nettuno. Queste birre in genere si abbinano bene anche a dessert al cioccolato decadenti.

Ma alla fine di una lunga giornata in fiera, la bevanda migliore è quella che si può gustare all'ombra in buona compagnia, dicono i frequentatori della fiera.

In una recente visita, le amiche Cathy Meschuk e Cathy Ruiz, entrambe di Huntington Beach, hanno sorseggiato bicchieri di pinot nero e cabernet sauvignon condividendo un lotto di mini ciambelle spolverate di zucchero alla cannella al The Courtyard.

"Se è affollato, puoi condividere un tavolo e conoscere altre persone", ha detto Ruiz. "Questo è il nostro posto preferito in fiera."

SE VAI

Che cosa: Seminari di abbinamento cibo e vino fieristici

Quando: 15:00 Sabato e 5 agosto

In cui si: The Courtyard, Orange County Fair, 88 Fair Drive, Costa Mesa


Cosa bere con quel Twinkie fritto? Prova questi consigli su vino e birra per l'O.C. Equo

Fran Gitsham è abituata a rispondere alle domande sul vino all'Orange County Fair, ma c'è una domanda da parte dei frequentatori assetati che sente più spesso.

La sua risposta è sempre la stessa.

"Qual è il vino migliore?" Gitsham, un membro del consiglio di amministrazione della Orange County Wine Society, ha chiesto con un sorriso timido. “È il vino che ti piace di più.”

In piedi di fronte a un cestino pieno di dozzine di varietà - dal rosé agli zinfandel - l'obiettivo dei membri della OC Wine Society è aiutare i visitatori della fiera - intenditori e principianti - a trovare il loro naso per il vino.

Alcuni vini sono più popolari di altri per i frequentatori di fiere che cercano rifugio dal sole estivo all'interno di The Courtyard, che è gestito dai membri del consiglio della società del vino durante la fiera. Molti scappano nel patio coperto per sorseggiare un fresco pino grigio, riesling o spumante. Altri cercano vini premiati dalla competizione enologica commerciale dell'anno.

Ma che dire di chi vuole sapere quale vino abbinare alle creazioni culinarie non convenzionali che trova in fiera?

Sara Yeoman e altri membri della società del vino hanno preso in considerazione questa domanda la scorsa estate mentre stavano pensando a cosa mangiare a pranzo.

"Abbiamo iniziato a mettere insieme un elenco di cibi giusti che piacciono a tutti e quale vino vorremmo bere con loro", ha detto. "È semplicemente cresciuto da lì."

Sabato, Yeoman e il collega Ed Reyes, membro della società del vino, terranno il primo di due seminari su come abbinare il vino al cibo trovato in fiera. Il secondo seminario si terrà il 5 agosto.

"Molto del cibo che puoi trovare in fiera, come il petto di manzo e il barbecue, sono comunque cose che fai a casa", ha detto Yeoman. "Vorremmo educare le persone a selezionare i vini e abbinarli ai piatti che preparano durante il resto dell'anno".

Peter Neptune, un maestro sommelier e presidente della Neptune School of Wine di Costa Mesa, ha alcuni suggerimenti per selezionare un vitigno per completare anche il cibo da fiera più non ortodosso.

La prima regola empirica: abbinare il livello di dolcezza del cibo alla dolcezza del vino.

"Se hai un Twinkie o Oreo fritto, generalmente vuoi abbinarlo a un vino che ha lo stesso livello di zucchero o più", ha detto. “I cibi fritti generalmente si sposano bene con i vini che hanno un'elevata acidità. Aiuta a tagliare il grasso.”

Un pino grigio starebbe bene con un piatto come i calamari fritti. Per i dolci fritti, Nettuno consiglia un riesling tedesco, che vanta un sapore più dolce.

Per un dessert fritto con cioccolato, è il momento di prendere un porto, un vino dolce fortificato che è in genere più alto contenuto di alcol rispetto alla maggior parte delle altre varietà. Un porto rubino ha in genere un denso sapore di bacche simile a una marmellata, mentre un porto di colore fulvo ha più note di caramello e noce, secondo Nettuno.

Per il bevitore prudente, Nettuno suggerisce un rosato secco. Il sapore leggero e croccante è perfetto per una calda giornata estiva e si abbina bene a una varietà di cibi, ha detto.

"I rosé secchi hanno davvero preso d'assalto l'America", ha detto Nettuno. “Sono estremamente versatili con il cibo. Quasi non puoi sbagliare con uno. "

Tacchino gigante o cosce di maiale avvolte nella pancetta, che Nettuno chiama affettuosamente "cibo da cavernicoli", si abbinano bene a un vino rosso corposo come uno shiraz australiano, un malbec argentino o una miscela californiana, ha detto.

Quei vini, ha detto, hanno un sacco di spezie e sapore che possono resistere all'audacia della carne alla brace.

"Il mondo del vino è come un mondo di lingue", ha detto Nettuno. "Non aver paura di imparare, fare domande o provare qualcosa di nuovo."

Per coloro che preferiscono una birra rinfrescante a una buona annata, gli stand della Orange County Fair offrono una selezione di oltre 100 birre. Con così tante opzioni per la schiuma, può essere difficile per i clienti selezionarne solo una.

Cassandra Cornell, che trascorre le sue giornate versando birre artigianali al Plaza Stage, studia costantemente il suo prodotto.

I clienti che sborsano $ 9,50 per una piccola birra artigianale e $ 12 per una grande si aspettano che lei conosca le sue IPA dalle sue stout.

Ma ammette di aver provato solo una manciata delle robuste offerte della fiera. Quindi si assegna i compiti.

Prende appunti sull'alcol di una birra in volume e sulla sua IBU - unità internazionale di amaro, che misura l'amarezza di una birra - e trasmette tali informazioni ai clienti.

"Chiediamo loro che tipo di birra bevono in genere, cosa gli piace e poi facciamo una raccomandazione basata su questo", ha detto Cornell.

Ma quale birra berrebbe qualcuno con un Twinkie fritto o una gigantesca coscia di maiale alla brace?

The Brewers Assn., gruppo commerciale no profit per birrai e appassionati di birra, consiglia di abbinare la forza di una birra alla robustezza del cibo e di trovare armonie nei loro sapori. Il cibo dai sapori forti richiede una birra decisa, mentre i piatti delicati funzionano meglio con stili meno aggressivi.

"Le combinazioni spesso funzionano meglio quando condividono alcuni sapori o elementi aromatici comuni", ha scritto l'associazione in una guida pubblicata sul suo sito web.

I cibi fritti, che sono più comunemente consumati in fiera, possono abbinarsi bene con le Pale Ale o le India Pale Ale, che hanno un forte profilo di luppolo. Il luppolo conferisce alla birra il suo sapore amaro, che può tagliare la ricchezza del cibo.

Per coloro le cui papille gustative si rannicchiano al pensiero di un IPA, Nettuno suggerisce di andare con una lager croccante, come una pilsner.

Le birre rosse in genere hanno un sapore più aggressivo e maltato che può resistere a una varietà di cibi, dalla cucina piccante a un tipico hamburger.

Gli appassionati di birra scura, che preferiscono il corpo pieno e i sapori audaci di porter, brown ale e stout, troveranno un buon abbinamento con carne alla brace o salsicce, ha detto Nettuno. Queste birre in genere si abbinano bene anche a dessert al cioccolato decadenti.

Ma alla fine di una lunga giornata in fiera, la bevanda migliore è quella che si può gustare all'ombra in buona compagnia, dicono i frequentatori della fiera.

In una recente visita, le amiche Cathy Meschuk e Cathy Ruiz, entrambe di Huntington Beach, hanno sorseggiato bicchieri di pinot nero e cabernet sauvignon condividendo un lotto di mini ciambelle spolverate di zucchero alla cannella al The Courtyard.

"Se è affollato, puoi condividere un tavolo e conoscere altre persone", ha detto Ruiz. "Questo è il nostro posto preferito in fiera."

SE VAI

Che cosa: Seminari di abbinamento cibo e vino fieristici

Quando: 15:00 Sabato e 5 agosto

In cui si: The Courtyard, Orange County Fair, 88 Fair Drive, Costa Mesa


Cosa bere con quel Twinkie fritto? Prova questi consigli su vino e birra per l'O.C. Equo

Fran Gitsham è abituata a rispondere alle domande sul vino all'Orange County Fair, ma c'è una domanda da parte dei frequentatori assetati che sente più spesso.

La sua risposta è sempre la stessa.

"Qual è il vino migliore?" Gitsham, un membro del consiglio di amministrazione della Orange County Wine Society, ha chiesto con un sorriso timido. “È il vino che ti piace di più.”

In piedi di fronte a un cestino pieno di dozzine di varietà - dal rosé agli zinfandel - l'obiettivo dei membri della OC Wine Society è aiutare i visitatori della fiera - intenditori e principianti - a trovare il loro naso per il vino.

Alcuni vini sono più popolari di altri per i frequentatori di fiere che cercano rifugio dal sole estivo all'interno di The Courtyard, che è gestito dai membri del consiglio della società del vino durante la fiera. Molti scappano nel patio coperto per sorseggiare un fresco pino grigio, riesling o spumante. Altri cercano vini premiati dalla competizione enologica commerciale dell'anno.

Ma che dire di chi vuole sapere quale vino abbinare alle creazioni culinarie non convenzionali che trova in fiera?

Sara Yeoman e altri membri della società del vino hanno preso in considerazione questa domanda la scorsa estate mentre stavano pensando a cosa mangiare a pranzo.

"Abbiamo iniziato a mettere insieme un elenco di cibi giusti che piacciono a tutti e quale vino vorremmo bere con loro", ha detto. "È semplicemente cresciuto da lì."

Sabato, Yeoman e il collega Ed Reyes, membro della società del vino, terranno il primo di due seminari su come abbinare il vino al cibo trovato in fiera. Il secondo seminario si terrà il 5 agosto.

"Molto del cibo che puoi trovare in fiera, come il petto di manzo e il barbecue, sono comunque cose che fai a casa", ha detto Yeoman. "Vorremmo educare le persone a selezionare i vini e abbinarli ai piatti che preparano durante il resto dell'anno".

Peter Neptune, un maestro sommelier e presidente della Neptune School of Wine di Costa Mesa, ha alcuni suggerimenti per selezionare un vitigno per completare anche il cibo da fiera più non ortodosso.

La prima regola empirica: abbinare il livello di dolcezza del cibo alla dolcezza del vino.

"Se hai un Twinkie o Oreo fritto, generalmente vuoi abbinarlo a un vino che ha lo stesso livello di zucchero o più", ha detto. “I cibi fritti generalmente si sposano bene con i vini che hanno un'elevata acidità. Aiuta a tagliare il grasso.”

Un pino grigio starebbe bene con un piatto come i calamari fritti. Per i dolci fritti, Nettuno consiglia un riesling tedesco, che vanta un sapore più dolce.

Per un dessert fritto con cioccolato, è il momento di prendere un porto, un vino dolce fortificato che è in genere più alto contenuto di alcol rispetto alla maggior parte delle altre varietà. Un porto rubino ha in genere un denso sapore di bacche simile a una marmellata, mentre un porto di colore fulvo ha più note di caramello e noce, secondo Nettuno.

Per il bevitore prudente, Nettuno suggerisce un rosato secco. Il sapore leggero e croccante è perfetto per una calda giornata estiva e si abbina bene a una varietà di cibi, ha detto.

"I rosé secchi hanno davvero preso d'assalto l'America", ha detto Nettuno. “Sono estremamente versatili con il cibo. Quasi non puoi sbagliare con uno. "

Tacchino gigante o cosce di maiale avvolte nella pancetta, che Nettuno chiama affettuosamente "cibo da cavernicoli", si abbinano bene a un vino rosso corposo come uno shiraz australiano, un malbec argentino o una miscela californiana, ha detto.

Quei vini, ha detto, hanno un sacco di spezie e sapore che possono resistere all'audacia della carne alla brace.

"Il mondo del vino è come un mondo di lingue", ha detto Nettuno. "Non aver paura di imparare, fare domande o provare qualcosa di nuovo."

Per coloro che preferiscono una birra rinfrescante a una buona annata, gli stand della Orange County Fair offrono una selezione di oltre 100 birre. Con così tante opzioni per la schiuma, può essere difficile per i clienti selezionarne solo una.

Cassandra Cornell, che trascorre le sue giornate versando birre artigianali al Plaza Stage, studia costantemente il suo prodotto.

I clienti che sborsano $ 9,50 per una piccola birra artigianale e $ 12 per una grande si aspettano che lei conosca le sue IPA dalle sue stout.

Ma ammette di aver provato solo una manciata delle robuste offerte della fiera. Quindi si assegna i compiti.

Prende appunti sull'alcol di una birra in volume e sulla sua IBU - unità internazionale di amaro, che misura l'amarezza di una birra - e trasmette tali informazioni ai clienti.

"Chiediamo loro che tipo di birra bevono in genere, cosa gli piace e poi facciamo una raccomandazione basata su questo", ha detto Cornell.

Ma quale birra berrebbe qualcuno con un Twinkie fritto o una gigantesca coscia di maiale alla brace?

The Brewers Assn., gruppo commerciale no profit per birrai e appassionati di birra, consiglia di abbinare la forza di una birra alla robustezza del cibo e di trovare armonie nei loro sapori. Il cibo dai sapori forti richiede una birra decisa, mentre i piatti delicati funzionano meglio con stili meno aggressivi.

"Le combinazioni spesso funzionano meglio quando condividono alcuni sapori o elementi aromatici comuni", ha scritto l'associazione in una guida pubblicata sul suo sito web.

I cibi fritti, che sono più comunemente consumati in fiera, possono abbinarsi bene con le Pale Ale o le India Pale Ale, che hanno un forte profilo di luppolo. Il luppolo conferisce alla birra il suo sapore amaro, che può tagliare la ricchezza del cibo.

Per coloro le cui papille gustative si rannicchiano al pensiero di un IPA, Nettuno suggerisce di andare con una birra chiara, come una pilsner.

Le birre rosse in genere hanno un sapore più aggressivo e maltato che può resistere a una varietà di cibi, dalla cucina piccante a un tipico hamburger.

Gli appassionati di birra scura, che preferiscono il corpo pieno e i sapori audaci di porter, brown ale e stout, troveranno un buon abbinamento con carne alla brace o salsicce, ha detto Nettuno. Queste birre in genere si abbinano bene anche a dessert al cioccolato decadenti.

Ma alla fine di una lunga giornata in fiera, la bevanda migliore è quella che si può gustare all'ombra in buona compagnia, dicono i frequentatori della fiera.

In una recente visita, le amiche Cathy Meschuk e Cathy Ruiz, entrambe di Huntington Beach, hanno sorseggiato bicchieri di pinot nero e cabernet sauvignon condividendo un lotto di mini ciambelle spolverate di zucchero alla cannella al The Courtyard.

"Se è affollato, puoi condividere un tavolo e conoscere altre persone", ha detto Ruiz. "Questo è il nostro posto preferito in fiera."

SE VAI

Che cosa: Seminari di abbinamento cibo e vino fieristici

Quando: 15:00 Sabato e 5 agosto

In cui si: The Courtyard, Orange County Fair, 88 Fair Drive, Costa Mesa


Cosa bere con quel Twinkie fritto? Prova questi consigli su vino e birra per l'O.C. Equo

Fran Gitsham è abituata a rispondere alle domande sul vino all'Orange County Fair, ma c'è una domanda da parte dei frequentatori assetati che sente più spesso.

La sua risposta è sempre la stessa.

"Qual è il vino migliore?" Gitsham, un membro del consiglio di amministrazione della Orange County Wine Society, ha chiesto con un sorriso timido. “È il vino che ti piace di più.”

In piedi di fronte a un cestino pieno di dozzine di varietà - dal rosé agli zinfandel - l'obiettivo dei membri della OC Wine Society è aiutare i visitatori della fiera - intenditori e principianti - a trovare il loro naso per il vino.

Alcuni vini sono più popolari di altri per i frequentatori di fiere che cercano rifugio dal sole estivo all'interno di The Courtyard, che è gestito dai membri del consiglio della società del vino durante la fiera. Molti scappano nel patio coperto per sorseggiare un fresco pino grigio, riesling o spumante. Altri cercano vini premiati dalla competizione enologica commerciale dell'anno.

Ma che dire di chi vuole sapere quale vino abbinare alle creazioni culinarie non convenzionali che trova in fiera?

Sara Yeoman e altri membri della società del vino hanno preso in considerazione questa domanda la scorsa estate mentre stavano pensando a cosa mangiare a pranzo.

"Abbiamo iniziato a mettere insieme un elenco di cibi giusti che piacciono a tutti e quale vino vorremmo bere con loro", ha detto. "È semplicemente cresciuto da lì."

Sabato, Yeoman e il collega Ed Reyes, membro della società del vino, terranno il primo di due seminari su come abbinare il vino al cibo trovato in fiera. Il secondo seminario si terrà il 5 agosto.

"Molto del cibo che puoi trovare in fiera, come il petto di manzo e il barbecue, sono comunque cose che fai a casa", ha detto Yeoman. "Vorremmo educare le persone a selezionare i vini e abbinarli ai piatti che preparano durante il resto dell'anno".

Peter Neptune, un maestro sommelier e presidente della Neptune School of Wine di Costa Mesa, ha alcuni consigli per selezionare un vitigno per completare anche il cibo da fiera più non ortodosso.

La prima regola empirica: abbinare il livello di dolcezza del cibo alla dolcezza del vino.

"Se hai un Twinkie o Oreo fritto, generalmente vuoi abbinarlo a un vino che ha lo stesso livello di zucchero o più", ha detto. “I cibi fritti generalmente si sposano bene con i vini che hanno un'elevata acidità. Aiuta a tagliare il grasso.”

Un pino grigio starebbe bene con un piatto come i calamari fritti. Per i dolci fritti, Nettuno consiglia un riesling tedesco, che vanta un sapore più dolce.

Per un dessert fritto con cioccolato, è il momento di prendere un porto, un vino dolce fortificato che è tipicamente più alto contenuto di alcol rispetto alla maggior parte delle altre varietà. Un porto rubino ha in genere un denso sapore di bacche simile a una marmellata, mentre un porto di colore fulvo ha più note di caramello e noce, secondo Nettuno.

Per il bevitore prudente, Nettuno suggerisce un rosato secco. The light, crisp flavor is perfect for a hot summer day and matches well with a variety of foods, he said.

“Dry rosés have really taken America by storm,” Neptune said. “They’re extremely versatile with food. You almost can’t go wrong with one.”

Giant turkey or pork legs wrapped in bacon, which Neptune affectionately calls “cave-man food,” pair well with a full-bodied red wine such as an Australian shiraz, an Argentine malbec or a California blend, he said.

Those wines, he said, have a lot of spice and flavor that can stand up to the boldness of barbecued meat.

“The world of wine is like a world of languages,” Neptune said. “Don’t be afraid to learn, ask questions or try something new.”

For those who prefer a refreshing brew to a fine vintage, stands at the Orange County Fair offer a selection of more than 100 beers. With so many options for suds, it can be overwhelming for customers to select just one.

Cassandra Cornell, who spends her days pouring craft brews at the Plaza Stage, is constantly studying her product.

Customers shelling out $9.50 for a small craft beer and $12 for a large expect her to know her IPAs from her stouts.

But she admits she’s tried only a handful of the fair’s robust offerings. So she assigns herself homework.

She takes notes about a beer’s alcohol by volume and its IBU — international bitterness unit, which gauges a beer’s bitterness — and relays that information to customers.

“We ask them what type of beer they typically drink, what they like about it and then we make a recommendation based on that,” Cornell said.

But what brew would someone drink with a deep-fried Twinkie or a gigantic barbecued pork leg?

The Brewers Assn., a not-for-profit trade group for brewers and beer enthusiasts, recommends matching the strength of a beer with the robustness of the food and finding harmonies in their flavors. Food with strong flavors demand an assertive beer, while delicate dishes work best with less-aggressive styles.

“Combinations often work best when they share some common flavor or aroma elements,” the association wrote in a guide posted on its website.

Fried foods, which are most commonly consumed at the fair, may pair well with pale ales or India pale ales, which have a strong hop profile. Hops give beer its bitter flavor, which can cut through the richness of food.

For those whose taste buds cower at the thought of an IPA, Neptune suggests going with a crisp lager, like a pilsner.

Red ales typically have a more aggressive, malty flavor that can stand up to a variety of food, from spicy cuisine to a typical burger.

Dark-beer aficionados, who prefer the full body and bold flavors of porters, brown ales and stouts, would find a good match with barbecued meat or sausages, Neptune said. Those beers also typically pair well with decadent chocolate desserts.

But at the end of a long day at the fair, the best beverage is one that can be enjoyed in the shade with good company, fairgoers say.

On a recent visit, friends Cathy Meschuk and Cathy Ruiz, both of Huntington Beach, sipped glasses of pinot noir and cabernet sauvignon while sharing a batch of mini doughnuts dusted with cinnamon sugar in The Courtyard.

“If it’s crowded, you can share a table and get to know other people,” Ruiz said. “This is our favorite spot at the fair.”

IF YOU GO

What: Fair Food & Wine Pairing seminars

Quando: 3 p.m. Saturday and Aug. 5

In cui si: The Courtyard, Orange County Fair, 88 Fair Drive, Costa Mesa


What to drink with that deep-fried Twinkie? Try these wine and beer tips for the O.C. Equo

Fran Gitsham is used to answering questions about wine at the Orange County Fair, but there’s one query from thirsty fairgoers she hears most often.

Her answer is always the same.

“What’s the best wine?” Gitsham, an Orange County Wine Society board member, asked with a coy smile. “It’s the wine you like best.”

Standing in front of a bin full of dozens of varietals — from rosé to zinfandels — OC Wine Society members’ goal is to help fair visitors — connoisseurs and novices alike — find their nose for vino.

Some wines are more popular than others for fairgoers seeking refuge from the summer sun inside The Courtyard, which is managed by wine society board members during the fair. Many escape to the covered patio area to sip a crisp, chilled pino grigio, riesling or sparkling wine. Others seek out award-winning wines from the year’s commercial wine competition.

But what about those who want to know what wine to pair with the unconventional culinary creations they find at the fair?

Sara Yeoman and other wine society members considered that question last summer as they were contemplating what to eat for lunch.

“We started to put together a list of fair foods we all like and what wine we’d want to drink with them,” she said. “It just grew from there.”

On Saturday, Yeoman and fellow wine society member Ed Reyes will host the first of two seminars on how to pair wine with food found at the fair. The second seminar will be held Aug. 5.

“A lot of the food you can get at the fair, like beef brisket and barbecue, are things you make at home anyway,” Yeoman said. “We’d like to educate people about selecting wines and pairing them with dishes they make the rest of the year.”

Peter Neptune, a master sommelier and president of Neptune School of Wine in Costa Mesa, has a few tips for selecting a varietal to complement even the most unorthodox fair food.

The first rule of thumb: Match the sweetness level in the food to the sweetness of the wine.

“If you have a deep-fried Twinkie or Oreo, you generally want to match it with a wine that has the same level of sugar or more,” he said. “Fried foods generally go well with wines that have high acidity. It helps cut through the fat.”

A pino grigio would pair well with a dish like fried calamari. For sweet fried desserts, Neptune recommends a German riesling, which boasts a sweeter flavor.

For a deep-fried dessert with chocolate, it’s time to grab a port, a sweet fortified wine that is typically higher in alcohol content than most other varietals. A ruby port typically has a dense, jam-like berry flavor, while a tawny-colored port has more notes of caramel and nut, according to Neptune.

For the cautious wine drinker, Neptune suggests a dry rosé. The light, crisp flavor is perfect for a hot summer day and matches well with a variety of foods, he said.

“Dry rosés have really taken America by storm,” Neptune said. “They’re extremely versatile with food. You almost can’t go wrong with one.”

Giant turkey or pork legs wrapped in bacon, which Neptune affectionately calls “cave-man food,” pair well with a full-bodied red wine such as an Australian shiraz, an Argentine malbec or a California blend, he said.

Those wines, he said, have a lot of spice and flavor that can stand up to the boldness of barbecued meat.

“The world of wine is like a world of languages,” Neptune said. “Don’t be afraid to learn, ask questions or try something new.”

For those who prefer a refreshing brew to a fine vintage, stands at the Orange County Fair offer a selection of more than 100 beers. With so many options for suds, it can be overwhelming for customers to select just one.

Cassandra Cornell, who spends her days pouring craft brews at the Plaza Stage, is constantly studying her product.

Customers shelling out $9.50 for a small craft beer and $12 for a large expect her to know her IPAs from her stouts.

But she admits she’s tried only a handful of the fair’s robust offerings. So she assigns herself homework.

She takes notes about a beer’s alcohol by volume and its IBU — international bitterness unit, which gauges a beer’s bitterness — and relays that information to customers.

“We ask them what type of beer they typically drink, what they like about it and then we make a recommendation based on that,” Cornell said.

But what brew would someone drink with a deep-fried Twinkie or a gigantic barbecued pork leg?

The Brewers Assn., a not-for-profit trade group for brewers and beer enthusiasts, recommends matching the strength of a beer with the robustness of the food and finding harmonies in their flavors. Food with strong flavors demand an assertive beer, while delicate dishes work best with less-aggressive styles.

“Combinations often work best when they share some common flavor or aroma elements,” the association wrote in a guide posted on its website.

Fried foods, which are most commonly consumed at the fair, may pair well with pale ales or India pale ales, which have a strong hop profile. Hops give beer its bitter flavor, which can cut through the richness of food.

For those whose taste buds cower at the thought of an IPA, Neptune suggests going with a crisp lager, like a pilsner.

Red ales typically have a more aggressive, malty flavor that can stand up to a variety of food, from spicy cuisine to a typical burger.

Dark-beer aficionados, who prefer the full body and bold flavors of porters, brown ales and stouts, would find a good match with barbecued meat or sausages, Neptune said. Those beers also typically pair well with decadent chocolate desserts.

But at the end of a long day at the fair, the best beverage is one that can be enjoyed in the shade with good company, fairgoers say.

On a recent visit, friends Cathy Meschuk and Cathy Ruiz, both of Huntington Beach, sipped glasses of pinot noir and cabernet sauvignon while sharing a batch of mini doughnuts dusted with cinnamon sugar in The Courtyard.

“If it’s crowded, you can share a table and get to know other people,” Ruiz said. “This is our favorite spot at the fair.”

IF YOU GO

What: Fair Food & Wine Pairing seminars

Quando: 3 p.m. Saturday and Aug. 5

In cui si: The Courtyard, Orange County Fair, 88 Fair Drive, Costa Mesa


What to drink with that deep-fried Twinkie? Try these wine and beer tips for the O.C. Equo

Fran Gitsham is used to answering questions about wine at the Orange County Fair, but there’s one query from thirsty fairgoers she hears most often.

Her answer is always the same.

“What’s the best wine?” Gitsham, an Orange County Wine Society board member, asked with a coy smile. “It’s the wine you like best.”

Standing in front of a bin full of dozens of varietals — from rosé to zinfandels — OC Wine Society members’ goal is to help fair visitors — connoisseurs and novices alike — find their nose for vino.

Some wines are more popular than others for fairgoers seeking refuge from the summer sun inside The Courtyard, which is managed by wine society board members during the fair. Many escape to the covered patio area to sip a crisp, chilled pino grigio, riesling or sparkling wine. Others seek out award-winning wines from the year’s commercial wine competition.

But what about those who want to know what wine to pair with the unconventional culinary creations they find at the fair?

Sara Yeoman and other wine society members considered that question last summer as they were contemplating what to eat for lunch.

“We started to put together a list of fair foods we all like and what wine we’d want to drink with them,” she said. “It just grew from there.”

On Saturday, Yeoman and fellow wine society member Ed Reyes will host the first of two seminars on how to pair wine with food found at the fair. The second seminar will be held Aug. 5.

“A lot of the food you can get at the fair, like beef brisket and barbecue, are things you make at home anyway,” Yeoman said. “We’d like to educate people about selecting wines and pairing them with dishes they make the rest of the year.”

Peter Neptune, a master sommelier and president of Neptune School of Wine in Costa Mesa, has a few tips for selecting a varietal to complement even the most unorthodox fair food.

The first rule of thumb: Match the sweetness level in the food to the sweetness of the wine.

“If you have a deep-fried Twinkie or Oreo, you generally want to match it with a wine that has the same level of sugar or more,” he said. “Fried foods generally go well with wines that have high acidity. It helps cut through the fat.”

A pino grigio would pair well with a dish like fried calamari. For sweet fried desserts, Neptune recommends a German riesling, which boasts a sweeter flavor.

For a deep-fried dessert with chocolate, it’s time to grab a port, a sweet fortified wine that is typically higher in alcohol content than most other varietals. A ruby port typically has a dense, jam-like berry flavor, while a tawny-colored port has more notes of caramel and nut, according to Neptune.

For the cautious wine drinker, Neptune suggests a dry rosé. The light, crisp flavor is perfect for a hot summer day and matches well with a variety of foods, he said.

“Dry rosés have really taken America by storm,” Neptune said. “They’re extremely versatile with food. You almost can’t go wrong with one.”

Giant turkey or pork legs wrapped in bacon, which Neptune affectionately calls “cave-man food,” pair well with a full-bodied red wine such as an Australian shiraz, an Argentine malbec or a California blend, he said.

Those wines, he said, have a lot of spice and flavor that can stand up to the boldness of barbecued meat.

“The world of wine is like a world of languages,” Neptune said. “Don’t be afraid to learn, ask questions or try something new.”

For those who prefer a refreshing brew to a fine vintage, stands at the Orange County Fair offer a selection of more than 100 beers. With so many options for suds, it can be overwhelming for customers to select just one.

Cassandra Cornell, who spends her days pouring craft brews at the Plaza Stage, is constantly studying her product.

Customers shelling out $9.50 for a small craft beer and $12 for a large expect her to know her IPAs from her stouts.

But she admits she’s tried only a handful of the fair’s robust offerings. So she assigns herself homework.

She takes notes about a beer’s alcohol by volume and its IBU — international bitterness unit, which gauges a beer’s bitterness — and relays that information to customers.

“We ask them what type of beer they typically drink, what they like about it and then we make a recommendation based on that,” Cornell said.

But what brew would someone drink with a deep-fried Twinkie or a gigantic barbecued pork leg?

The Brewers Assn., a not-for-profit trade group for brewers and beer enthusiasts, recommends matching the strength of a beer with the robustness of the food and finding harmonies in their flavors. Food with strong flavors demand an assertive beer, while delicate dishes work best with less-aggressive styles.

“Combinations often work best when they share some common flavor or aroma elements,” the association wrote in a guide posted on its website.

Fried foods, which are most commonly consumed at the fair, may pair well with pale ales or India pale ales, which have a strong hop profile. Hops give beer its bitter flavor, which can cut through the richness of food.

For those whose taste buds cower at the thought of an IPA, Neptune suggests going with a crisp lager, like a pilsner.

Red ales typically have a more aggressive, malty flavor that can stand up to a variety of food, from spicy cuisine to a typical burger.

Dark-beer aficionados, who prefer the full body and bold flavors of porters, brown ales and stouts, would find a good match with barbecued meat or sausages, Neptune said. Those beers also typically pair well with decadent chocolate desserts.

But at the end of a long day at the fair, the best beverage is one that can be enjoyed in the shade with good company, fairgoers say.

On a recent visit, friends Cathy Meschuk and Cathy Ruiz, both of Huntington Beach, sipped glasses of pinot noir and cabernet sauvignon while sharing a batch of mini doughnuts dusted with cinnamon sugar in The Courtyard.

“If it’s crowded, you can share a table and get to know other people,” Ruiz said. “This is our favorite spot at the fair.”

IF YOU GO

What: Fair Food & Wine Pairing seminars

Quando: 3 p.m. Saturday and Aug. 5

In cui si: The Courtyard, Orange County Fair, 88 Fair Drive, Costa Mesa


What to drink with that deep-fried Twinkie? Try these wine and beer tips for the O.C. Equo

Fran Gitsham is used to answering questions about wine at the Orange County Fair, but there’s one query from thirsty fairgoers she hears most often.

Her answer is always the same.

“What’s the best wine?” Gitsham, an Orange County Wine Society board member, asked with a coy smile. “It’s the wine you like best.”

Standing in front of a bin full of dozens of varietals — from rosé to zinfandels — OC Wine Society members’ goal is to help fair visitors — connoisseurs and novices alike — find their nose for vino.

Some wines are more popular than others for fairgoers seeking refuge from the summer sun inside The Courtyard, which is managed by wine society board members during the fair. Many escape to the covered patio area to sip a crisp, chilled pino grigio, riesling or sparkling wine. Others seek out award-winning wines from the year’s commercial wine competition.

But what about those who want to know what wine to pair with the unconventional culinary creations they find at the fair?

Sara Yeoman and other wine society members considered that question last summer as they were contemplating what to eat for lunch.

“We started to put together a list of fair foods we all like and what wine we’d want to drink with them,” she said. “It just grew from there.”

On Saturday, Yeoman and fellow wine society member Ed Reyes will host the first of two seminars on how to pair wine with food found at the fair. The second seminar will be held Aug. 5.

“A lot of the food you can get at the fair, like beef brisket and barbecue, are things you make at home anyway,” Yeoman said. “We’d like to educate people about selecting wines and pairing them with dishes they make the rest of the year.”

Peter Neptune, a master sommelier and president of Neptune School of Wine in Costa Mesa, has a few tips for selecting a varietal to complement even the most unorthodox fair food.

The first rule of thumb: Match the sweetness level in the food to the sweetness of the wine.

“If you have a deep-fried Twinkie or Oreo, you generally want to match it with a wine that has the same level of sugar or more,” he said. “Fried foods generally go well with wines that have high acidity. It helps cut through the fat.”

A pino grigio would pair well with a dish like fried calamari. For sweet fried desserts, Neptune recommends a German riesling, which boasts a sweeter flavor.

For a deep-fried dessert with chocolate, it’s time to grab a port, a sweet fortified wine that is typically higher in alcohol content than most other varietals. A ruby port typically has a dense, jam-like berry flavor, while a tawny-colored port has more notes of caramel and nut, according to Neptune.

For the cautious wine drinker, Neptune suggests a dry rosé. The light, crisp flavor is perfect for a hot summer day and matches well with a variety of foods, he said.

“Dry rosés have really taken America by storm,” Neptune said. “They’re extremely versatile with food. You almost can’t go wrong with one.”

Giant turkey or pork legs wrapped in bacon, which Neptune affectionately calls “cave-man food,” pair well with a full-bodied red wine such as an Australian shiraz, an Argentine malbec or a California blend, he said.

Those wines, he said, have a lot of spice and flavor that can stand up to the boldness of barbecued meat.

“The world of wine is like a world of languages,” Neptune said. “Don’t be afraid to learn, ask questions or try something new.”

For those who prefer a refreshing brew to a fine vintage, stands at the Orange County Fair offer a selection of more than 100 beers. With so many options for suds, it can be overwhelming for customers to select just one.

Cassandra Cornell, who spends her days pouring craft brews at the Plaza Stage, is constantly studying her product.

Customers shelling out $9.50 for a small craft beer and $12 for a large expect her to know her IPAs from her stouts.

But she admits she’s tried only a handful of the fair’s robust offerings. So she assigns herself homework.

She takes notes about a beer’s alcohol by volume and its IBU — international bitterness unit, which gauges a beer’s bitterness — and relays that information to customers.

“We ask them what type of beer they typically drink, what they like about it and then we make a recommendation based on that,” Cornell said.

But what brew would someone drink with a deep-fried Twinkie or a gigantic barbecued pork leg?

The Brewers Assn., a not-for-profit trade group for brewers and beer enthusiasts, recommends matching the strength of a beer with the robustness of the food and finding harmonies in their flavors. Food with strong flavors demand an assertive beer, while delicate dishes work best with less-aggressive styles.

“Combinations often work best when they share some common flavor or aroma elements,” the association wrote in a guide posted on its website.

Fried foods, which are most commonly consumed at the fair, may pair well with pale ales or India pale ales, which have a strong hop profile. Hops give beer its bitter flavor, which can cut through the richness of food.

For those whose taste buds cower at the thought of an IPA, Neptune suggests going with a crisp lager, like a pilsner.

Red ales typically have a more aggressive, malty flavor that can stand up to a variety of food, from spicy cuisine to a typical burger.

Dark-beer aficionados, who prefer the full body and bold flavors of porters, brown ales and stouts, would find a good match with barbecued meat or sausages, Neptune said. Those beers also typically pair well with decadent chocolate desserts.

But at the end of a long day at the fair, the best beverage is one that can be enjoyed in the shade with good company, fairgoers say.

On a recent visit, friends Cathy Meschuk and Cathy Ruiz, both of Huntington Beach, sipped glasses of pinot noir and cabernet sauvignon while sharing a batch of mini doughnuts dusted with cinnamon sugar in The Courtyard.

“If it’s crowded, you can share a table and get to know other people,” Ruiz said. “This is our favorite spot at the fair.”

IF YOU GO

What: Fair Food & Wine Pairing seminars

Quando: 3 p.m. Saturday and Aug. 5

In cui si: The Courtyard, Orange County Fair, 88 Fair Drive, Costa Mesa


What to drink with that deep-fried Twinkie? Try these wine and beer tips for the O.C. Equo

Fran Gitsham is used to answering questions about wine at the Orange County Fair, but there’s one query from thirsty fairgoers she hears most often.

Her answer is always the same.

“What’s the best wine?” Gitsham, an Orange County Wine Society board member, asked with a coy smile. “It’s the wine you like best.”

Standing in front of a bin full of dozens of varietals — from rosé to zinfandels — OC Wine Society members’ goal is to help fair visitors — connoisseurs and novices alike — find their nose for vino.

Some wines are more popular than others for fairgoers seeking refuge from the summer sun inside The Courtyard, which is managed by wine society board members during the fair. Many escape to the covered patio area to sip a crisp, chilled pino grigio, riesling or sparkling wine. Others seek out award-winning wines from the year’s commercial wine competition.

But what about those who want to know what wine to pair with the unconventional culinary creations they find at the fair?

Sara Yeoman and other wine society members considered that question last summer as they were contemplating what to eat for lunch.

“We started to put together a list of fair foods we all like and what wine we’d want to drink with them,” she said. “It just grew from there.”

On Saturday, Yeoman and fellow wine society member Ed Reyes will host the first of two seminars on how to pair wine with food found at the fair. The second seminar will be held Aug. 5.

“A lot of the food you can get at the fair, like beef brisket and barbecue, are things you make at home anyway,” Yeoman said. “We’d like to educate people about selecting wines and pairing them with dishes they make the rest of the year.”

Peter Neptune, a master sommelier and president of Neptune School of Wine in Costa Mesa, has a few tips for selecting a varietal to complement even the most unorthodox fair food.

The first rule of thumb: Match the sweetness level in the food to the sweetness of the wine.

“If you have a deep-fried Twinkie or Oreo, you generally want to match it with a wine that has the same level of sugar or more,” he said. “Fried foods generally go well with wines that have high acidity. It helps cut through the fat.”

A pino grigio would pair well with a dish like fried calamari. For sweet fried desserts, Neptune recommends a German riesling, which boasts a sweeter flavor.

For a deep-fried dessert with chocolate, it’s time to grab a port, a sweet fortified wine that is typically higher in alcohol content than most other varietals. A ruby port typically has a dense, jam-like berry flavor, while a tawny-colored port has more notes of caramel and nut, according to Neptune.

For the cautious wine drinker, Neptune suggests a dry rosé. The light, crisp flavor is perfect for a hot summer day and matches well with a variety of foods, he said.

“Dry rosés have really taken America by storm,” Neptune said. “They’re extremely versatile with food. You almost can’t go wrong with one.”

Giant turkey or pork legs wrapped in bacon, which Neptune affectionately calls “cave-man food,” pair well with a full-bodied red wine such as an Australian shiraz, an Argentine malbec or a California blend, he said.

Those wines, he said, have a lot of spice and flavor that can stand up to the boldness of barbecued meat.

“The world of wine is like a world of languages,” Neptune said. “Don’t be afraid to learn, ask questions or try something new.”

For those who prefer a refreshing brew to a fine vintage, stands at the Orange County Fair offer a selection of more than 100 beers. With so many options for suds, it can be overwhelming for customers to select just one.

Cassandra Cornell, who spends her days pouring craft brews at the Plaza Stage, is constantly studying her product.

Customers shelling out $9.50 for a small craft beer and $12 for a large expect her to know her IPAs from her stouts.

But she admits she’s tried only a handful of the fair’s robust offerings. So she assigns herself homework.

She takes notes about a beer’s alcohol by volume and its IBU — international bitterness unit, which gauges a beer’s bitterness — and relays that information to customers.

“We ask them what type of beer they typically drink, what they like about it and then we make a recommendation based on that,” Cornell said.

But what brew would someone drink with a deep-fried Twinkie or a gigantic barbecued pork leg?

The Brewers Assn., a not-for-profit trade group for brewers and beer enthusiasts, recommends matching the strength of a beer with the robustness of the food and finding harmonies in their flavors. Food with strong flavors demand an assertive beer, while delicate dishes work best with less-aggressive styles.

“Combinations often work best when they share some common flavor or aroma elements,” the association wrote in a guide posted on its website.

Fried foods, which are most commonly consumed at the fair, may pair well with pale ales or India pale ales, which have a strong hop profile. Hops give beer its bitter flavor, which can cut through the richness of food.

For those whose taste buds cower at the thought of an IPA, Neptune suggests going with a crisp lager, like a pilsner.

Red ales typically have a more aggressive, malty flavor that can stand up to a variety of food, from spicy cuisine to a typical burger.

Dark-beer aficionados, who prefer the full body and bold flavors of porters, brown ales and stouts, would find a good match with barbecued meat or sausages, Neptune said. Those beers also typically pair well with decadent chocolate desserts.

But at the end of a long day at the fair, the best beverage is one that can be enjoyed in the shade with good company, fairgoers say.

On a recent visit, friends Cathy Meschuk and Cathy Ruiz, both of Huntington Beach, sipped glasses of pinot noir and cabernet sauvignon while sharing a batch of mini doughnuts dusted with cinnamon sugar in The Courtyard.

“If it’s crowded, you can share a table and get to know other people,” Ruiz said. “This is our favorite spot at the fair.”

IF YOU GO

What: Fair Food & Wine Pairing seminars

Quando: 3 p.m. Saturday and Aug. 5

In cui si: The Courtyard, Orange County Fair, 88 Fair Drive, Costa Mesa


What to drink with that deep-fried Twinkie? Try these wine and beer tips for the O.C. Equo

Fran Gitsham is used to answering questions about wine at the Orange County Fair, but there’s one query from thirsty fairgoers she hears most often.

Her answer is always the same.

“What’s the best wine?” Gitsham, an Orange County Wine Society board member, asked with a coy smile. “It’s the wine you like best.”

Standing in front of a bin full of dozens of varietals — from rosé to zinfandels — OC Wine Society members’ goal is to help fair visitors — connoisseurs and novices alike — find their nose for vino.

Some wines are more popular than others for fairgoers seeking refuge from the summer sun inside The Courtyard, which is managed by wine society board members during the fair. Many escape to the covered patio area to sip a crisp, chilled pino grigio, riesling or sparkling wine. Others seek out award-winning wines from the year’s commercial wine competition.

But what about those who want to know what wine to pair with the unconventional culinary creations they find at the fair?

Sara Yeoman and other wine society members considered that question last summer as they were contemplating what to eat for lunch.

“We started to put together a list of fair foods we all like and what wine we’d want to drink with them,” she said. “It just grew from there.”

On Saturday, Yeoman and fellow wine society member Ed Reyes will host the first of two seminars on how to pair wine with food found at the fair. The second seminar will be held Aug. 5.

“A lot of the food you can get at the fair, like beef brisket and barbecue, are things you make at home anyway,” Yeoman said. “We’d like to educate people about selecting wines and pairing them with dishes they make the rest of the year.”

Peter Neptune, a master sommelier and president of Neptune School of Wine in Costa Mesa, has a few tips for selecting a varietal to complement even the most unorthodox fair food.

The first rule of thumb: Match the sweetness level in the food to the sweetness of the wine.

“If you have a deep-fried Twinkie or Oreo, you generally want to match it with a wine that has the same level of sugar or more,” he said. “Fried foods generally go well with wines that have high acidity. It helps cut through the fat.”

A pino grigio would pair well with a dish like fried calamari. For sweet fried desserts, Neptune recommends a German riesling, which boasts a sweeter flavor.

For a deep-fried dessert with chocolate, it’s time to grab a port, a sweet fortified wine that is typically higher in alcohol content than most other varietals. A ruby port typically has a dense, jam-like berry flavor, while a tawny-colored port has more notes of caramel and nut, according to Neptune.

For the cautious wine drinker, Neptune suggests a dry rosé. The light, crisp flavor is perfect for a hot summer day and matches well with a variety of foods, he said.

“Dry rosés have really taken America by storm,” Neptune said. “They’re extremely versatile with food. You almost can’t go wrong with one.”

Giant turkey or pork legs wrapped in bacon, which Neptune affectionately calls “cave-man food,” pair well with a full-bodied red wine such as an Australian shiraz, an Argentine malbec or a California blend, he said.

Those wines, he said, have a lot of spice and flavor that can stand up to the boldness of barbecued meat.

“The world of wine is like a world of languages,” Neptune said. “Don’t be afraid to learn, ask questions or try something new.”

For those who prefer a refreshing brew to a fine vintage, stands at the Orange County Fair offer a selection of more than 100 beers. With so many options for suds, it can be overwhelming for customers to select just one.

Cassandra Cornell, who spends her days pouring craft brews at the Plaza Stage, is constantly studying her product.

Customers shelling out $9.50 for a small craft beer and $12 for a large expect her to know her IPAs from her stouts.

But she admits she’s tried only a handful of the fair’s robust offerings. So she assigns herself homework.

She takes notes about a beer’s alcohol by volume and its IBU — international bitterness unit, which gauges a beer’s bitterness — and relays that information to customers.

“We ask them what type of beer they typically drink, what they like about it and then we make a recommendation based on that,” Cornell said.

But what brew would someone drink with a deep-fried Twinkie or a gigantic barbecued pork leg?

The Brewers Assn., a not-for-profit trade group for brewers and beer enthusiasts, recommends matching the strength of a beer with the robustness of the food and finding harmonies in their flavors. Food with strong flavors demand an assertive beer, while delicate dishes work best with less-aggressive styles.

“Combinations often work best when they share some common flavor or aroma elements,” the association wrote in a guide posted on its website.

Fried foods, which are most commonly consumed at the fair, may pair well with pale ales or India pale ales, which have a strong hop profile. Hops give beer its bitter flavor, which can cut through the richness of food.

For those whose taste buds cower at the thought of an IPA, Neptune suggests going with a crisp lager, like a pilsner.

Red ales typically have a more aggressive, malty flavor that can stand up to a variety of food, from spicy cuisine to a typical burger.

Dark-beer aficionados, who prefer the full body and bold flavors of porters, brown ales and stouts, would find a good match with barbecued meat or sausages, Neptune said. Those beers also typically pair well with decadent chocolate desserts.

But at the end of a long day at the fair, the best beverage is one that can be enjoyed in the shade with good company, fairgoers say.

On a recent visit, friends Cathy Meschuk and Cathy Ruiz, both of Huntington Beach, sipped glasses of pinot noir and cabernet sauvignon while sharing a batch of mini doughnuts dusted with cinnamon sugar in The Courtyard.

“If it’s crowded, you can share a table and get to know other people,” Ruiz said. “This is our favorite spot at the fair.”

IF YOU GO

What: Fair Food & Wine Pairing seminars

Quando: 3 p.m. Saturday and Aug. 5

In cui si: The Courtyard, Orange County Fair, 88 Fair Drive, Costa Mesa


Guarda il video: SKÅL! Food pairing: come abbinare cibo e birra - parte 12