acetonemagazine.org
Nuove ricette

Tabasco ora produce il proprio marchio di salsa piccante Sriracha

Tabasco ora produce il proprio marchio di salsa piccante Sriracha



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Il famoso produttore di salsa piccante Tabasco ha tranquillamente lanciato la propria versione della salsa piccante Sriracha di Huy Fong

Il re originale della salsa piccante sta ottenendo un vantaggio nella competizione sriracha! Sicuramente non ci dispiacerebbe fare un test di assaggio fianco a fianco.

La concorrenza tra i marchi di salsa piccante si sta davvero surriscaldando. La salsa Huy Fong Sriracha ha conquistato il mondo con i prodotti di Popcorn a hamburger e maccheroni e formaggio essere spalmato nella roba. E ora Tabasco sta cercando di ottenere un vantaggio sulla concorrenza. Tabasco ha tranquillamente ha lanciato il proprio bottiglia di salsa piccante Sriracha, disponibile solo sul loro sito Web per $ 4,99 per bottiglia da 15 once, o quasi il doppio della salsa originale.

La descrizione di Tabasco Sriracha è decisamente un po' sfacciato: "La salsa Sriracha premium è composta solo da ingredienti di altissima qualità per creare un'autentica salsa di peperoncino tailandese dal marchio che ha creato la salsa al pepe nel 1868"

Stranamente, anche se Huy Fong, il creatore dell'originale salsa Sriracha, è stato molto nelle notizie mentre l'azienda si prepara per un possibile trasloco di fabbrica, il Tabasco Sriracha è stato lanciato senza alcuno sfarzo o circostanza. Secondo Grub Street, Huy Fong direbbe solo che il prodotto è un articolo in edizione limitata.

Huy Fong purtroppo non può marchiare il nome Sriracha perché deriva dal nome Si Racha, città della Thailandia.

Joanna Fantozzi è Associate Editor di The Daily Meal. Seguila su Twitter @Giovanna Fantozzi


Sriracha o tabasco? Le unità di calore Scoville delle 10 salse piccanti più comuni

Mettiamo alla prova le salse piccanti più popolari per scoprire quali sono le più piccanti. Allora, cosa brucia di più? Sriracha o Cholula? Tabasco o Frank?

Ti sei mai chiesto come si confrontano i marchi di salsa piccante più comuni rispetto alle versioni EXTREME meno conosciute quando si tratta di calore? Grazie alla scala di Scoville, che misura il "piccante" o "piccante" di peperoni o salse, ora abbiamo un modo semplice per scoprirlo.

La salsa più piccante del mondo (chiamata Blair's 16 Million Reserve) arriva a 16.000.000 di Scoville Heat Units (o SHU). Per riferimento, un peperoncino jalapeño ha da 3.500 a 10.000 SHU, un peperoncino di Cayenna ha da 30.000 a 50.000 SHU e un peperoncino habanero ha da 100.000 a 350.000 SHU.

Ora che ci viene l'acquolina in bocca, basta quanto è caldo è la "salsa piccante" che è nella tua dispensa in questo momento? Ecco le classifiche di calore per 10 delle salse piccanti più popolari in America.


La storia della sriracha, la salsa piccante che ha travolto il paese

Ma nonostante qualsiasi presunto cambiamento al sapore del marchio o ai peperoni originali, la maggior parte dei follower sembrava sostenere Huy Fong.

"questa [sic] è probabilmente una delle aziende più trasparenti che io abbia mai visto [sic] grazie a @huyfongfoods per averlo mantenuto piccante in tutti questi anni! tanto amore", ha scritto un devoto.

"Hanno smesso di produrlo per l'HF. Questo è il loro male. Stavano facendo soldi e hanno smesso di produrre? Di chi è la colpa? (Loro) come sei responsabile per i danni? @huyfongfoods Portali nelle loro tombe e assicurati che non tornino mai. E continua a preparare quell'ottima salsa per il prossimo secolo", ha scritto un altro.

Per rendere le cose ancora più accese, la nuova salsa autoprodotta di Underwood Ranches è registrata con il marchio "The Pepper Makes the Product". A gennaio, il marchio ha pubblicato su Twitter il suo nuovo condimento con una didascalia un po' passiva e aggressiva.

“Il pepe fa il prodotto”™ I nostri peperoni sono gli ingredienti chiave dei nostri prodotti piccanti. Da jalapeños e cascabellas a serranos e anaheims - 100% coltivato in California nei nostri ranch nelle contee di Ventura e Kern. Senza il pepe di Underwood, è solo un altro condimento. #sriracha pic.twitter.com/0F0ga0ypMP

— Underwood Ranches (@URanches) 11 gennaio 2019

"Senza il pepe di Underwood, è solo un altro condimento. #sriracha", ha detto il tweet.

Bene, brucia andando giù.

Un rappresentante per Underwood Ranches non era immediatamente disponibile per un commento. Per quanto riguarda la causa e le informazioni sul nuovo fornitore di peperoni di Huy Fong, un portavoce della società ha indirizzato la richiesta di TODAY Food agli avvocati della ditta Myers, Widders, Gibson, Jones & Feingold, LLP, che non è stato possibile raggiungere mercoledì pomeriggio.

Erica Chayes Wida è una giornalista pluripremiata, scrittrice di cibo ed editrice di ricette che ha diretto un giornale locale prima di entrare a far parte del team freelance di TODAY. Madre di due figli, ama cantare, collezionare vecchi vinili e, naturalmente, cucinare. Erica è sempre alla ricerca in tutto il mondo per trovare il miglior croissant al prosciutto e formaggio e le idee migliori su una pentola di salsa di pasta frizzante. Il suo lavoro è stato presentato su BBC Travel, Saveur, Martha Stewart Living e PopSugar. Seguici su Instagram.


Il tanto atteso New Orleans East Hospital aprirà a giugno

La barriera linguistica delle famiglie immigrate ostacola l'istruzione

Riapre lo storico teatro Carver a Tremé

AVERY ISLAND, La. — C'è una baracca di guardia alla fine della strada rialzata che conduce alla distesa simile a una piantagione dell'impero McIlhenny Tabasco Brand Pepper Sauce qui nel bayou. Paghi un pedaggio di $ 1 e la guardia apre il cancello.

All'interno c'è una piacevole distesa di verde, dominata dallo stabilimento in cui la McIlhenny Company ha originato la sua famosa salsa piccante nel 1868 e da dove il prodotto detiene ancora una quota del 19% del mercato di $ 1,1 miliardi in quella che l'industria chiama formalmente "salsa piccante a base di peperoncino peperoni."

Ma non tutto è sicuro come indicherebbe l'impostazione protetta e remota. McIlhenny, che ha sempre dominato il business, vede gli intrusi sulla scena mentre la salsa piccante diventa più trendy. Cammina lungo la corsia di un supermercato per le prove. Accanto ai display della familiare bottiglia dal tappo verde di McIlhenny con il suo sigillo di diamante ci sono i parvenu realizzati da concorrenti di boutique di tutto il paese, con nomi accattivanti come Slap Ya Mama, Pain is Good e Hillbilly Hot Sauce.

La salsa al pepe di marca Tabasco di McIlhenny è la zuppa di pomodoro Campbell del regno. E in alcuni ambienti, non è così di moda.

"Penso che saranno sempre in giro, ma hanno una vera concorrenza", ha detto Jeff Grant, un turista di West Linn, Oregon, che l'altra sera stava visitando un bar di degustazione di salsa piccante a New Orleans. "Se avrò compagnia, non metterò Tabasco sul tavolo".

Janie e Jeff Grant dell'Oregon provano le salse piccanti con le tortilla chips al Pepper Palace, un negozio di salse piccanti nel quartiere francese. Yoohyun Jung | Istituto NYT

Il fatto che ci siano cose come i bar per la degustazione di salse calde dice molto sulla concorrenza che la salsa Tabasco di marca McIlhenny ha dovuto affrontare mentre la salsa piccante si fa strada in più cucine e su più tavoli.

Al Pepper Palace, nel quartiere francese di New Orleans, l'idea è semplice: prendi una patatina, prova una salsa. Susan McNall, la proprietaria, ha detto che lei e suo marito sapevano che l'attività avrebbe avuto successo quando hanno aperto 25 anni fa.

"Penso che le persone vogliano avere sapore nel loro cibo, quando sei abbastanza audace da metterlo là fuori", ha detto.

Oltre a Tabasco, gli altri marchi leader sono Frank's RedHot, prodotto dal conglomerato Reckitt Benckiser che possiede il marchio francese Foods Huy Fong Foods, i produttori della Sriracha Hot Chili Sauce e Texas Pete, prodotto da TW Garner Food. Insieme, i quattro marchi costituiscono il 38,9% dell'industria della salsa piccante, secondo IBISWorld, un gruppo di ricerche di mercato. Ma Tapatio, un marchio a conduzione familiare, sta iniziando a guadagnare quote di mercato. Dave's Gourmet è anche visto come una salsa "di nicchia" emergente.

Il rapporto afferma che il mercato ha registrato un tasso di crescita annuo del 3,6% negli ultimi cinque anni, che può essere in parte attribuito all'aumento della popolazione immigrata e alla diversificazione dei gusti. In quel periodo di cinque anni, "sia i ristoranti che i supermercati si sono adattati ai loro gusti in continua evoluzione offrendo più opzioni di cucina etnica, molte delle quali si affidano alla salsa piccante per i loro sapori distintivi", ha affermato IBISWorld, osservando che le crescenti popolazioni ispaniche e asiatiche hanno " assistito questa tendenza”.

"I produttori di salsa piccante sono stati a malapena bruciati dalla recessione a causa della vasta gamma di prodotti a prezzi accessibili del settore", afferma il rapporto, definendo la salsa piccante "un lusso accessibile".

Christian Ortiz, senior brand manager di RedHot di Frank, afferma che la sua attività non si preoccupa dei nuovi arrivati. "Per tenerci al passo e in punta di piedi, accogliamo con favore la concorrenza", ha affermato Ortiz.

Randy Clemens, scrittore di cibo e autore di "The Sriracha Cookbook: 50"Rooster Sauce" Recipes that Pack a Punch", ha affermato che molti nuovi marchi di salsa piccante sono di natura boutique e non posizionati per grandi sforzi di mercato. Ma la sriracha, una salsa piccante generica che contiene peperoncini, zucchero e aglio, si è fatta così strada nel mercato che McIlhenny ora produce la sua salsa sriracha, insieme al familiare Tabasco.

"Penso che la gente si aspetti che abbiano tutti esattamente lo stesso sapore", ha detto il signor Clemens delle varie varietà. “Non dovrebbero aspettarselo. Penso che se vogliono ottenere l'originale, prendano l'originale".

L'originale, ovviamente, è la salsa prodotta sui 2.200 acri di Avery Island, dove l'azienda imbottiglia i suoi prodotti e fa visite guidate del suo stabilimento.

L'azienda a conduzione familiare è notoriamente privata e una portavoce ha affermato che i funzionari dell'azienda non erano immediatamente disponibili per un commento.

La catena di montaggio presso lo stabilimento Tabasco di Avery Island in New Iberia, La. Tabasco è il principale produttore di salsa piccante negli Stati Uniti. Yoohyun Jung | Istituto NYT

I concorrenti che entrano nel mercato in genere non hanno un'isola su cui lavorare. La salsa piccante è composta da peperoni piccanti e la produzione su larga scala può causare problemi quando i vicini si lamentano dei fumi. Ad esempio, i residenti nelle vicinanze hanno presentato una petizione per chiudere una fabbrica di Sriracha gestita da Huy Fong Foods a Irwindale, in California, ma un tribunale ha affermato che l'impianto potrebbe continuare utilizzando filtri dell'aria migliori.

Qualunque cosa, la salsa piccante ha fan accaniti. Al bar degustazione Pepper Palace di New Orleans, il signor Grant, il turista dell'Oregon, ha detto: "Amo lo sriracha".

"Ne ho comprato mezza cassa per non rimanere senza."

E qualunque siano le pressioni della concorrenza, il mondo della salsa piccante è ancora incentrato qui ad Avery Island.

"Se non fosse per il signor McIlhenny, nessuno di noi sarebbe dove siamo", ha detto la signora McNall nel suo negozio di degustazione nel quartiere francese. "Sono contento che abbia pensato all'idea."


Ecco cosa c'è di sbagliato nel tabasco che rilascia una salsa Sriracha

Sei un purista o un pragmatico? Reazioni a La nuova salsa piccante Sriracha di Tabasco hanno diviso le teste calde in due campi.

Da un lato, i lealisti:

Conosciamo tutti l'unico vero #Sriracha. Ciò non ha impedito agli imitatori di provare a entrare nel trambusto della salsa piccante: http://t.co/eDwDipIwnb

— Uomo asiatico arrabbiato (@angryasianman) 28 maggio 2014

E dall'altro, i tipi più è meglio è:

Questo non è il primo pretendente al trono di Huy Fong Foods. Secondo VOLTA, Trader Joe's vende la propria salsa Sriracha e marchi come Subway hanno prodotti al gusto di Sriracha. Ma il motivo principale per cui Tabasco sgomita nell'azione suscita una tale risposta emotiva è dovuto a una cosa: un problema di immagine.

Huy Fong Foods rappresenta il sogno americano.ꃚvid Tran, un rifugiato della guerra del Vietnam, ha fondato l'azienda a Los Angeles nel 1980. Il LA Times riporta la seguente storia di origine:਍opo essersi stabilito in America, Tran non riusciva a trovare né un lavoro né una salsa piccante che gli piacesse. E così ha fatto il suo a mano, in un secchio, e ha iniziato a venderlo da un furgone.

Huy Fong Foods rappresenta il sogno americano.

Come molti luminari imprenditori prima di lui, ha incontrato resistenza. La gente gli diceva che il suo prodotto era troppo piccante per i palati americani, e gli consigliava di addolcirlo o attenuarlo con una base di pomodoro. Ma Tran ha tenuto duro con la frase immortale: “Ht la salsa dovrebbe essere calda… Non facciamo maionese qui.” E il resto è storia.

Chi può resistere a una storia da stracci a ricchi di un immigrato laborioso che ha superato le avversità e ha creato un condimento di culto? L'uomo ha anche chiamato la sua azienda dopo la nave mercantile che lo ha portato fuori dal Vietnam e nella leggenda culinaria. È il tipo di racconto edificante che è appena stato realizzato per Hollywood (o fatto per essere trasformato in un documentario).

La storia di Tabasco è meno sentimentale, ma ha una forte eredità. Nel 1860,ꃭmund McIlhenny ha iniziato a imbottigliare la salsa hot sullਊvery Island in Louisiana, dove viene prodotta ancora oggi. E secondo il sito web di Tabasco, l'attuale presidente del consiglio di amministrazione e amministratore delegato è un discendente diretto del fondatore dell'azienda, il settimo McIlhenny a portare avanti l'eredità.

La storia di Tabasco è meno sentimentale, ma ha una forte eredità.

Ma pochi pensano a Tabasco come a un'azienda familiare radicata a livello locale, perché è semplicemente troppo grande. La salsa piccante più venduta nel paese ha incassato 200 milioni di dollari l'anno scorso, secondo i rapporti Bloomberge rivendica il 19% della quota di mercato. È etichettato in 22 lingue e venduto in 165 paesi ed è presente su ogni tavolo da pranzo a cui ti sei mai seduto. È onnipresente, è aziendale, è il Golia delle salse piccanti. E nessuno entra mai in empatia con il gigante biblico.

Anche la tempistica dell'incursione di Tabasco a Sriracha è interessante. Il nuovo stabilimento di Huy Fong Foods a Irwindale, in California, è stato dichiarato un fastidio pubblico dai funzionari locali a causa del forte odore di peperoncino che emana da esso. VOLTA riferisce che una causa è attualmente in corso nei tribunali, e c'è la possibilità che la fabbrica debba chiudere o trasferirsi, il che potrebbe significare una carenza di Sriracha sugli scaffali dei supermercati.

Tabasco è in grado di capitalizzare su quel seguito di culto solo perché Huy Fong Foods non può brevettare il nome Sriracha.

Dal punto di vista aziendale, questo è un momento privilegiato per Tabasco per piombare e catturare parte di quella quota di mercato di Sriracha. Dal punto di vista delle pubbliche relazioni, tuttavia, si presenta come opportunista e predatore. Srirachaꃺndom sorto intorno al gallo Tabasco è in grado di capitalizzare su quel culto solo perché Huy Fong Foods non può brevettare il nome Sriracha (che deriva da una città in Thailandia). In breve, Tabasco non se lo è guadagnato. E forse lo sanno, ed è per questo che sono stati così silenziosi sulla nuova versione del prodotto.


Tabasco Company presenta il suo Sriracha

Il problema con la creazione di un prodotto incredibilmente popolare è che il tuo successo alla fine attirerà i concorrenti. E a volte quei concorrenti si avventano proprio quando sei più debole.

È il caso del produttore di salsa piccante Sriracha Huy Fong Foods, che è impegnato in una battaglia con i funzionari locali a Irwindale, in California, per gli odori nocivi del peperoncino che presumibilmente emanano dalla sua nuova fabbrica lì. C'è una causa nei tribunali e persino la possibilità che la fabbrica possa essere dichiarata un fastidio pubblico, che potrebbe costringerla a chiudere o trasferirsi. Sono stati mesi bui per un'azienda che ha iniziato come un'umile piccola impresa nel 1980 prima di diventare una centrale elettrica di produzione alimentare che, secondo il proprietario David Tran, ha generato entrate per 80 milioni di dollari nel 2013.

Tra il tumulto di Irwindale e lo spettro della salsa Sriracha che scompare dagli scaffali dei supermercati, l'azienda dietro l'onnipresente salsa Tabasco ha svelato la sua salsa chili Sriracha Thai che è ora in vendita sul sito web dell'azienda. Settimana di lavoro suggerito che questo potrebbe accadere in una storia l'anno scorso New York magazine conferma oggi la notizia.

La mossa della McIlhenny Co. con sede in Louisiana non dovrebbe sorprendere, data la popolarità esplosiva di Sriracha di Huy Fong Foods, che ha generato un'industria a domicilio di ramificazioni legate alla “Rooster Sauce” che vanno da un libro di cucina a un cibo festival alle custodie per iPhone. Mentre Tran proteggeva legalmente l'aspetto della salsa di gallo — con la sua bottiglia trasparente, la stampa bianca e il caratteristico top verde —, non poteva registrare il nome Sriracha perché derivava da una città della Thailandia, secondo il L.A. Volte, consentendo a concorrenti come McIlhenny di balzare.

Ciò che è doppiamente preoccupante per Tran è che ha aperto la sua nuova fabbrica di Irwindale proprio perché la domanda per la sua salsa Sriracha era aumentata in modo così drammatico. Ma quella decisione ha solo portato ulteriori complicazioni commerciali e un'apertura per altri a conquistare quote di mercato.

"Sanno che ci sarà una domanda sostenibile e si stanno attrezzando per soddisfarla, quindi diventano il marchio noto", afferma Darren Tristano, consulente dell'industria alimentare con l'azienda Technomic.

Questa non è la prima volta che un concorrente tratta per competere con Huy Fong Foods. Trader Joe's vende anche una salsa Sriracha e molti altri marchi alimentari hanno introdotto prodotti al gusto di Sriracha, tra cui Subway.

Ma la minaccia di McIlhenny sembra più potente: Tabasco, che si trova sui tavoli dei ristoranti di tutto il paese, è la salsa piccante più venduta sul mercato americano.

Ciò che può determinare il vincitore finale nella corte dell'opinione dei consumatori è il prezzo. Una bottiglia da 17 once di Sriracha costa circa $ 3 - $ 4 nella maggior parte dei supermercati, circa la metà del costo del prodotto di McIlhenny. Ma la competizione è solo all'inizio e non c'è alcuna garanzia che Huy Fong Foods vincerà alla fine.

"Hanno un seguito e sanno che è 8217 in base al logo e alla forma della bottiglia", afferma Tristano. &ldquoHanno la forza e l'opportunità di crescere, ma non significa che un concorrente abbia vinto entrare e provare a fare un prezzo più basso.&rdquo


Salsa piccante allo scoiattolo ninja

La salsa piccante Ninja Squirrel è la versione Whole Foods della famosa salsa piccante Sriracha, ed è la decima più popolare, secondo Instacart. La salsa è stata creata da Derek Sarno, Senior Global Chef di Whole Foods. Ciò che distingue questa versione dai suoi colleghi contendenti è il suo sapore all'aglio, che non è sopraffatto dal calore dei suoi tre ingredienti principali: purea di jalapeño rosso, purea di peperoncino rosso e polvere di peperoncino habanero.


10 usi per la salsa di peperoncino piccante Sriracha

Probabilmente hai sentito parlare della salsa Sriracha (see-ra-chaa) negli ultimi tempi. La popolarità di questo condimento piccante sta facendo il giro del mondo. Questa salsa di peperoncino rosso brillante leggermente fermentata è composta da jalapenos rossi, aceto, aglio, zucchero e sale. Il vero Sriracha prende il nome dalla città di Si Racha nell'est della Thailandia, dove viene utilizzato per accompagnare i piatti di pesce. Il popolare Huy Fong La "salsa di gallo" che si può trovare in vendita anche nei supermercati australiani in questi giorni, è in realtà un prodotto americano realizzato in California dall'immigrato vietnamita David Tran.

In termini di sapore, la sriracha è una sorta di salsa tabasco ben calda, con note di fondo di dolcezza, acidità e anche un leggero funky. Confeziona un pugno luminoso ed è vivacemente rosso.

Generalmente lo sriracha viene utilizzato come condimento di accompagnamento per esaltare il sapore di noodles da zuppa, noodles fritti e una salsa per cibi fritti. Ma con una popolarità esplosiva negli ultimi anni, lo sriracha viene utilizzato per una vasta gamma di piatti, da una marinata di ala di pollo incisiva a un ingrediente per cocktail.

Puoi prendere una bottiglia del marchio sriracha con coperchio verde Huy Fong nella maggior parte dei negozi di alimentari asiatici e in molti supermercati. A casa mia abbiamo sempre una bottiglia di sriracha, e gli schizzi di essa vanno nei piatti di tutti i giorni. L'ho trovato un ottimo modo per introdurre i sapori piccanti al mio figlio maggiore. È passato dal pianto e dal minimo assaggio di qualcosa di delicato come la paprika, agli esigenti bignè al curry e alla zuppa di laksa, il che rende molto orgogliosa sua nonna malese.


Soffocare il cibo in Sriracha è ancora più malsano che mangiare ketchup

Se hai un'affinità per i cibi piccanti, lo Sriracha è probabilmente un condimento fondamentale nella tua dieta.

Ho sempre considerato Sriracha il Khaleesi dei condimenti.

Perché siamo realisti, la salsa sfrigolante contiene chiaramente una sorta di poteri magici del drago che trasformano istantaneamente i tuoi spuntini di merda in un dono infuocato degli dei del cibo.

Tuttavia, questa salsa piccante paradisiaca potrebbe non essere salutare come pensavi inizialmente.

Sembra che la salsa di gallo ci abbia tradito per tutto questo dannato tempo facendoci pensare che sia un condimento salutare, quando in realtà questa salsa subdola è in realtà piena di una tonnellata di zucchero e sale.

E qui pensavo fossimo amici, Sriracha. SMDH.

Se capovolgi quella bottiglia rossa e dai un'occhiata all'etichetta nutrizionale sul retro, troverai un elenco di ingredienti che includono peperoncino, zucchero, sale, aglio, aceto distillato, sorbato di potassio, bisolfito di sodio e gomma di xantham.

Dopo il peperoncino, lo zucchero e il sale sono gli ingredienti più diffusi in questa salsa.

Sriracha contiene infatti circa 1 grammo di zucchero e 100 milligrammi di sodio per cucchiaino.

Per metterlo in prospettiva, il ketchup contiene circa la stessa quantità di zucchero (1,2 grammi per cucchiaino) e metà del sodio (51 milligrammi) di Sriracha.

Quindi sì, odio dirtelo, ma non ti sei fatto un favore scambiando il ketchup con questa salsa piccante.

La sriracha contiene anche più zucchero per cucchiaino rispetto alla salsa marinara, che in genere ottiene un brutto colpo per essere notoriamente ricca di zucchero.

Anche senape al miele - sì, qualcosa con la parola miele nel suo dannato nome! — è un'opzione più salutare dello Sriracha perché questo condimento dolce non ha zucchero e contiene solo 57 milligrammi di sodio per cucchiaino.

Ora, quando realizzi in modo inquietante che tutti noi soffochiamo il nostro cibo in Sriracha invece di attenerci alla pietosa porzione raccomandata di 1 cucchiaino da tè piccolo, le cose iniziano a peggiorare le nostre abitudini alimentari "sane".

Se non sei ancora convinto che Sriracha sia una salsa satanica determinata a sabotare la tua dieta, Sweetgreen ha persino bocciato Sriracha, insieme a BACON, dal suo menu salutare a maggio.

Tuttavia, questa brutta notizia non significa che il tuo mondo debba improvvisamente diventare blando e noioso.

Puoi semplicemente aggiungere un po' di pepe alla tua vita sostituendo il tuo Sriracha con una salutare salsa fatta in casa o un delizioso tocco di salsa Tabasco.

Puoi anche aggiungere un pizzico di pepe di Caienna al tuo cibo o cospargere i tuoi snack con peperoncini secchi per aggiungere un tocco di sapore alla tua cucina.


Ho mangiato peperoncino scorpione crudo e ho contribuito a preparare il tabasco, la nuova salsa più piccante di sempre

Spoiler: mangiare peperoni scorpioni crudi non è per i deboli di cuore.

Faccio scivolare giù la mia maschera e prendo quella che indossavo per tenere fuori dai polmoni il vapore che induce la tosse della capsaicina aerosolizzata e esamino con mano i pezzi rosso scintillanti di peperone scorpione &ldquomash&rdquo che tengo sul polpastrello del mio dito indice.

Indicando il purè, uno degli esperti salsiere di Tabasco scuote la testa e dice: "C'è del fuoco proprio lì". Scuote ancora un po' la testa e si allontana da me, come se non approvasse quello che sto per fare.

Sono in piedi su un pavimento di cemento in uno degli edifici per la produzione di salse del campus di Tabasco, che si trova ad Avery Island, in Louisiana, a circa due ore a ovest di New Orleans. Accanto a me c'è John Simmons, un membro di sesta generazione della famiglia McIlhenny che ha fondato Tabasco sull'isola di Avery nel 1868, con in mano una pallina di poltiglia di peperoni scorpioni.

Simmons è sulla trentina e supervisiona l'agricoltura e la produzione di salse in piccoli lotti per Tabasco. Pochi minuti prima, ho aiutato lui e altri due dipendenti di Tabasco a caricare il &ldquoliquiverter e il mulino che usano per preparare la loro nuova salsa allo scorpione, la salsa più piccante che Tabasco abbia mai prodotto. (E con "aiutato" intendo dire che ho guardato da una distanza di sicurezza.)

Un peperone Scorpion ha 2 milioni di unità Scoville

Scorpion Sauce arriva a circa 30.000 unità Scoville, rendendolo esponenzialmente più caldo del Tabasco originale, che arriva da qualche parte tra 2.500 e 5.000 SHU. Insieme allo scorpion mash&mdash, che è pezzi tritati di peperoni scorpioni di Trinidad mescolati con sale che registra circa 100.000 unità Scoville e la salsa, la breve lista di ingredienti include guava e ananas tagliato grossolanamente. Assenti dalla ricetta è capsaicina supplementare e mdash, l'irritante naturale nei peperoncini piccanti che dà loro la loro bruciatura in bocca.

"Chiunque può fare il calore e chiunque può fare una salsa di base e poi aggiungerla alla capsaicina cruda", mi dice Simmons. &ldquoQuello che vogliamo fare è utilizzare solo la capsaicina naturale di uno dei peperoncini più piccanti del pianeta e poi utilizzare altri ingredienti naturali per esaltare il sapore del peperone scorpione.&rdquo

Tornato nella stanza di preparazione della salsa, mi sono chinato sulla vasca di poltiglia di scorpione e ho tirato indietro brevemente la maschera per annusare. Aveva un'ambrosia dolce e tropicale che era sia floreale che fruttata e l'equivalente olfattivo di un arcobaleno. Era facile capire perché gli animali (e gli umani) sarebbero stati tentati di mangiare questi peperoni e perché avrebbero dovuto imballare quantità così folli di fuoco naturale per scoraggiare i mammiferi affamati. (Simmons menziona che un altro membro della famiglia McIlhenny, biologo di elefanti in Africa, ha guidato l'azienda verso il peperoncino scorpione perché lo ha usato con successo per impedire agli elefanti di mangiare le colture locali.)

Ora guardo Simmons intingere un dito nella poltiglia che tiene in mano. Ne tira fuori un pezzo più o meno delle stesse dimensioni del mio, e poi mi sorride. "Stai per vivere un'esperienza sensoriale completa", dice.

Non sono sicuro di cosa mi aspettassi. Dolore, soprattutto. Ma le prime sensazioni sono piacevoli. Il mosto è inaspettatamente delizioso e una bomba di sapore salato che ha il sapore dei frutti esotici più freschi del mondo è stato distillato fino alle loro essenze, mescolato insieme e gocciolato sulla punta e sui lati della mia lingua. Ma il piacere non dura a lungo.

C'è quella scena in Indiana Jones e l'ultima crociata in cui il vecchio beve da quello che pensa sia il Santo Graal, ma poi si rende conto che si sbagliava e che è davvero fottuto. Sono sicuro che la mia faccia sia esattamente così mentre il peperone scorpione inizia ad affondare le sue zanne nella mia lingua.

&ldquoOK,&rdquo dico, i miei occhi cominciano a lacrimare. &ldquoOK. OK.&rdquo Il calore sta diventando più intenso ogni secondo, e la mia gola e le mie narici improvvisamente bruciano come se avessi sniffato l'acido della batteria.

Passa un minuto intero e mi sembra di salire sulle montagne russe con gli occhi bendati, non ho idea di quando smetterà di salire e scenderà. Come se mi leggesse nel pensiero, dice Simmons, "Sto ancora accelerando". Annuisco d'accordo, ma ho paura di parlare perché potrebbe peggiorare le cose.

Passa qualche secondo in più e Simmons dice altre cose che non capisco perché il mio cervello e il mio corpo hanno a che fare con preoccupazioni più urgenti. L'ustione ora sta bruciando e la mia bocca sta producendo così tanta saliva che mi sento come se potessi vomitare. I miei occhi e il mio naso stanno correndo, e sto ansimando e ingoiando aria anche se non aiuta. Ci vuole tutto quello che ho per non accucciarmi, abbracciarmi le ginocchia e iniziare a sbavare per terra. Ho sogni deliranti di aprire un litro di latte e versarmelo in faccia.

Ma i minuti passano e lentamente mi rendo conto che il caldo si è stabilizzato. L'ustione si attenua gradualmente e le zanne del pepe si districano lentamente dalle mie papille gustative. In totale, ho mangiato circa un frammento di unghia del purè di scorpione.

Non ironicamente, Simmons mi chiede come mi è piaciuto. Ho la sensazione che sia uno di questi ragazzi a cui piace l'ustione del peperoncino che fa aumentare la frequenza cardiaca. (Ha gestito il suo morso di poltiglia con molto più equilibrio di quanto potessi raccogliere.)

"All'inizio era delizioso", gli dico. &ldquoMe lo aspettavo.&rdquo

Annuisce d'accordo, e poi parla del suo amore per mettere salse piccanti su alcuni cibi inaspettati (almeno per me). "La mia preferita è la nostra salsa habanero con gelato alla vaniglia", dice. &ldquoE' ottimo anche con quasi tutta la frutta fresca&mdashstuff come melone e ananas.&rdquo

Insieme lasciamo l'edificio dove viene prodotta la salsa Scorpion di Tabasco e le sue altre salse in piccoli lotti e saliamo nel pick-up di Simmons. Mentre guidiamo verso un'altra sezione del campus dell'azienda, gli chiedo come sia stata fondata Tabasco qui sull'isola di Avery, che in realtà non è affatto un'isola ma un'enorme cupola di sale ricoperta di flora autoctona. &ldquoEdmund McIlhenny viveva qui con i suoceri e sappiamo che iniziò a vendere commercialmente la salsa nel 1868.&rdquo

Simmons dice che Edmund, il suo lontano parente, si era trasferito ad Avery Island dalla sua nativa Maryland, e che era "la versione del 1860 di un buongustaio". Ma molto sulla storia delle origini di Edmund e Tabasco rimane ammantata di mistero. "In realtà abbiamo un archivista e uno storico che ha trascorso un'enorme quantità di tempo a esaminarlo", afferma Simmons. "Ma non è disposto a dichiarare molto in modo definitivo fino a quando non può dimostrarlo, quindi in realtà non abbiamo molto tamponato."

Pochi minuti dopo scendiamo dal camion ed entriamo in un edificio che Simmons chiama "il magazzino delle botti". Questo non è un termine improprio. Entrando nell'enorme edificio, vedo file e file di quelli che sembrano barili di whisky. Devono essercene centinaia sparsi sul pavimento centrale dello spazio del magazzino, e impilati su entrambi i lati ce ne sono altre migliaia.

Simmons conferma che questi sono effettivamente barili di whisky riproposti che vengono acquistati nuovi e usati per invecchiare la poltiglia di pepe usata nella salsa rossa tipica di Tabasco. Ogni goccia di salsa Tabasco è fatta sull'isola di Avery, dice, e ogni goccia è fatta con peperoni invecchiati in botti per tre anni. Deve ripeterlo un paio di volte prima che lo capisca.

&ldquoOgni bottiglia di Tabasco che ho avuto è invecchiata in botte per tre anni?&rdquo

Lui ride. "Non molte persone lo sanno", dice. &ldquoMa questo è davvero il segreto della salsa Tabasco.&rdquo

Considerando l'attuale ossessione dell'industria alimentare e delle bevande per l'invecchiamento in botte, dico a Simmons che è scioccante per me che Tabasco stia elogiando il suo programma di barili nelle pubblicità o sulla sua famosa etichetta. Alza le spalle e dice: &ldquoParla con gli addetti al marketing di questo&mdashche non sono io.&rdquo

Usa un martello pesante per rimuovere le doghe da due barili e un dashone contenente la poltiglia di pepe tabasco giovane e l'altra poltiglia di tre anni. Egli nota che il mash&mdash giovane oltre ad essere di un vibrante colore scarlatto, in contrasto con l'aspetto bruciato del mash&mdash invecchiato, ha aromi di frutta appena tagliata come pere e mele. Il mosto invecchiato profuma di datteri fermentati, uva e conserve.

&ldquoQuanti barili ci sono qui?&rdquo gli chiedo.

"Sedicimila, più o meno", dice. &ldquoE ce ne sono 48.000 nel grande magazzino.&rdquo

C'è un magazzino più grande? Camminiamo verso un edificio adiacente che fa impallidire il primo. È impilato a sei barili con l'invecchiamento della poltiglia di pepe. "Di tanto in tanto arrivano auditor che chiedono di vedere un singolo barile", mi dice Simmons. &ldquoA volte è lì dentro, ma devono vederlo, quindi dobbiamo accoglierli.&rdquo Ride.

Chiedo se tutti questi barili contengono purè per la salsa rossa di Tabasco. Simmons mi dice di sì, ma alcuni contenitori di plastica nelle vicinanze contengono jalapeño e poltiglia di pepe habanero da usare in alcune delle loro altre salse.

Simmons e io passiamo un po' più di tempo a visitare le strutture di Tabasco, compreso l'impianto di imbottigliamento e il laboratorio in cui ogni lotto di salsa viene testato per garantire che i suoi componenti siano adeguatamente bilanciati. (When we stop by the lab, they&rsquore about halfway through testing the scorpion sauce I watched Simmons and his coworkers make. So far it&rsquos dead on.) Throughout my tour, we pause to chitchat with dozens of Tabasco employees, all of whom seem to know Simmons personally and are clearly proud of where they work and the sauces they make.

Toward the end of my visit, I ask Simmons about the hot sauce business. I can&rsquot get him to dish about any of Tabasco&rsquos competitors, but he does hint that he thinks hot sauces are best when they don&rsquot overpower foods. He says he likes a sauce that adds heat&mdashsomething conspicuously absent from many so-called &ldquohot sauces&rdquo&mdashbut that also heighten and complement the natural taste of foods without masking them.

Tabasco is celebrating its 150th anniversary this year. And to survive (and thrive) for a century and a half, the company has embraced innovation.

Along with its eight widely available sauces and its Scorpion Sauce, Tabasco is currently developing a handful of new offerings&mdasha few of which I dribbled onto gumbo at Tabasco&rsquos open-to-the-public restaurant on Avery Island. (One sauce in particular&mdasha &ldquoroasted&rdquo sauce&mdashwas a smoky, complex stunner, and I urged Simmons to get that bad boy into grocery stores as soon as possible.)

But even many of Tabasco&rsquos new offerings contain a bit of their original red sauce.

&ldquoYou know, Tabasco red sauce is three things&mdashit&rsquos tabasco peppers, salt and vinegar,&rdquo Simmons says. He tells me this product&rsquos simplicity and quality guide everything the company does.

&ldquoThat&rsquos our north star, and we always know where it points us,&rdquo he says.


Fermented Hot Sauce

Most recently, I’ve experimented with fermenting my hot sauces, which provides both the raw-food nutritive qualities as well as the probiotics associated with fermented foods. While I love that hot sauce has now become something healthy to have, the truth is that I’m chasing the dragon here. Fermented hot sauces have increased the heat because they are little more than peppers, salt, garlic (optional), and water.

  1. It begins with a brine. This is a mixture of 1 cup of purified water to ½ tbsp of sea salt. I double these amounts because I use a lot of hot sauce, but this ratio gives a brine of adequate salinity for fermenting successfully. The brine is heated such that the salt dissolves into the water, and that is allowed to cool (to avoid killing the beneficial bacteria) before adding to the peppers.
  2. I make fermented hot sauce in a quart-sized Mason jar. I dice the peppers into very small chunks, filling the jar a little over halfway with them. (The smaller the chunks, the more concentrated the peppers.) Thinly sliced cloves of garlic (2) provided a little more flavour. Once the brine is cooled, it’s poured over the diced peppers.
    3. The mouth of the jar is covered with breathable fabric to keep bugs out but allow air in, and the hot sauce is fermented on the kitchen counter, out of direct sun, for at least three days. After the first day, if things are going well, it should start to bubble. I stir it twice a day during this process.
    4. The fermented mixture is then liquified in a blender or food processor. The remaining bits of pepper can be strained out to make a water-y sauce, a la Tabasco, or I prefer to keep the bits of pepper around for a creamier sauce and additional heat.

Though the ingredient list for the fermented hot sauce is significantly shorter (something that usually excites me), fermentation has the magic ability not only to preserve natural and add probiotic health benefits but also enrich the complexity of flavour. Admittedly, I’m “high” on this hot sauce right now because my last batch has scared everyone else away, leaving it all to me, but for those who are ready for such things, it definitely has more than just Scoville points. It’s tasty stuff.


Guarda il video: How the Tabasco Factory Makes 700,000 Bottles of Hot Sauce Per Day Dan Does