acetonemagazine.org
Nuove ricette

Starbucks aprirà la Reserve Roastery in Italia l'anno prossimo

Starbucks aprirà la Reserve Roastery in Italia l'anno prossimo



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Lo spazio di vendita di 25.000 piedi quadrati ospiterà caffè di riserva in piccoli lotti

pio3 / Shutterstock

Percassi, licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, aprirà più sedi nel corso del 2018 dopo l'apertura della Roastery.

Questa settimana, Starbucks non solo ha debuttato con il suo nuovi drink primaverili, ma ha anche annunciato che entrerà nel mercato italiano del caffè con una nuova torrefazione Riserva in Piazza Cordusio a Milano.

Questa posizione sarà la prima Starbucks Apertura della torrefazione in Europa, Medio Oriente e Africa e la quinta al mondo, secondo l'azienda.

“Ci è voluto del tempo per trovarlo, ma una volta attraversato l'ex edificio dell'ufficio postale, sapevo che sarebbe stato il luogo perfetto per onorare l'arte del caffè e rendere omaggio alla cultura unicamente italiana in cui verrà servito ", ha dichiarato in una nota Howard Schultz, presidente e amministratore delegato di Starbucks.

"Questo negozio sarà il culmine di un mio grande sogno - 34 anni di lavoro - di tornare a Milano con una delle esperienze di vendita al dettaglio più coinvolgenti e magiche al mondo".

L'espansione dell'azienda ha anche ricevuto un cenno di approvazione dal sindaco di Milano Giuseppe Sala.

"Starbucks è un marchio famoso in tutto il mondo", ha affermato. “La sua presenza in città è per noi un'ulteriore conferma dell'importante attrattività di Milano sulla scala imprenditoriale”.


Benvenuto! Starbucks intende aprire in un paese dove il caffè è vita

La catena di caffè ha detto mercoledì che aprirà quello che definisce un "santuario del caffè" a Milano il prossimo anno.

Starbucks aprire una torrefazione in Italia è un grosso problema.

Per uno, sarà la prima delle sedi di fascia alta dell'azienda in Europa.

In secondo luogo, il CEO di Starbucks Howard Schultz ha inizialmente tratto ispirazione per la sua catena di caffetterie dopo aver visitato l'Italia negli anni '80.

"Strategicamente, non è il mercato più grande del mondo, ma è il mercato più importante per me personalmente e per l'azienda", ha detto Schultz a Bloomberg. "Perché? Perché gli italiani padroneggiavano il caffè molto prima di Starbucks."

Gli italiani hanno la loro cultura del caffè, e la loro lingua è decisamente diversa da quella degli americani.

Ad esempio, un barista italiano potrebbe darti uno sguardo divertente se provi a ordinare un espresso perché laggiù è solo un termine tecnico e non una bevanda vera e propria.

E se chiedi un cappuccino, preparati a ricevere un bicchiere di latte, perché è quello che hai ordinato.

Invece, dovrai ordinare un caffè latte se desideri la versione americana, un latte macchiato.

Quindi Starbucks potrebbe aver bisogno di riorganizzare il suo menu per adattarsi agli amanti del caffè italiani. E potrebbe non essere necessario rifornire quelle iconiche tazze portatili. Molti italiani bevono caffè fino a otto volte al giorno, ma raramente lo fanno durante gli spostamenti.

Dopo aver aperto la sua Milano Reserve Roastery nel 2018, il licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, Percassi, aprirà una serie di punti vendita Starbucks regolari nella città italiana. Un comunicato stampa di Starbucks afferma che "ogni nuovo negozio sarà progettato e curato con attenzione per rispettare la comunità locale e il contesto milanese unico".


Benvenuto! Starbucks intende aprire in un paese dove il caffè è vita

La catena di caffè ha detto mercoledì che aprirà quello che definisce un "santuario del caffè" a Milano il prossimo anno.

Starbucks aprire una torrefazione in Italia è un grosso problema.

Per uno, sarà la prima delle sedi di fascia alta dell'azienda in Europa.

In secondo luogo, il CEO di Starbucks Howard Schultz ha inizialmente tratto ispirazione per la sua catena di caffetterie dopo aver visitato l'Italia negli anni '80.

"Strategicamente, non è il mercato più grande del mondo, ma è il mercato più importante per me personalmente e per l'azienda", ha detto Schultz a Bloomberg. "Perché? Perché gli italiani padroneggiavano il caffè molto prima di Starbucks."

Gli italiani hanno la loro cultura del caffè, e la loro lingua è decisamente diversa da quella degli americani.

Ad esempio, un barista italiano potrebbe darti uno sguardo divertente se provi a ordinare un espresso perché laggiù è solo un termine tecnico e non una bevanda vera e propria.

E se chiedi un cappuccino, preparati a ricevere un bicchiere di latte, perché è quello che hai ordinato.

Invece, dovrai ordinare un caffè latte se desideri la versione americana, un latte macchiato.

Quindi Starbucks potrebbe aver bisogno di riorganizzare il suo menu per adattarsi agli amanti del caffè italiani. E potrebbe non essere necessario rifornire quelle iconiche tazze portatili. Molti italiani bevono caffè fino a otto volte al giorno, ma raramente lo fanno durante gli spostamenti.

Dopo aver aperto la sua Milano Reserve Roastery nel 2018, il licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, Percassi, aprirà una serie di punti vendita Starbucks regolari nella città italiana. Un comunicato stampa di Starbucks afferma che "ogni nuovo negozio sarà progettato e curato con attenzione per rispettare la comunità locale e il contesto milanese unico".


Benvenuto! Starbucks intende aprire in un paese dove il caffè è vita

La catena di caffè ha detto mercoledì che aprirà quello che definisce un "santuario del caffè" a Milano il prossimo anno.

Starbucks aprire una torrefazione in Italia è un grosso problema.

Per uno, sarà la prima delle sedi di fascia alta dell'azienda in Europa.

In secondo luogo, il CEO di Starbucks Howard Schultz ha inizialmente tratto ispirazione per la sua catena di caffetterie dopo aver visitato l'Italia negli anni '80.

"Strategicamente, non è il mercato più grande del mondo, ma è il mercato più importante per me personalmente e per l'azienda", ha detto Schultz a Bloomberg. "Perché? Perché gli italiani padroneggiavano il caffè molto prima di Starbucks."

Gli italiani hanno la loro cultura del caffè, e la loro lingua è decisamente diversa da quella degli americani.

Ad esempio, un barista italiano potrebbe darti uno sguardo divertente se provi a ordinare un espresso perché laggiù è solo un termine tecnico e non una bevanda vera e propria.

E se chiedi un cappuccino, preparati a ricevere un bicchiere di latte, perché è quello che hai ordinato.

Invece, dovrai ordinare un caffè latte se desideri la versione americana, un latte macchiato.

Quindi Starbucks potrebbe aver bisogno di riorganizzare il suo menu per adattarsi agli amanti del caffè italiani. E potrebbe non essere necessario rifornire quelle iconiche tazze portatili. Molti italiani bevono caffè fino a otto volte al giorno, ma raramente lo fanno durante gli spostamenti.

Dopo aver aperto la sua Milano Reserve Roastery nel 2018, il licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, Percassi, aprirà una serie di punti vendita Starbucks regolari nella città italiana. Un comunicato stampa di Starbucks afferma che "ogni nuovo negozio sarà progettato e curato con attenzione per rispettare la comunità locale e il contesto milanese unico".


Benvenuto! Starbucks intende aprire in un paese dove il caffè è vita

La catena di caffè ha detto mercoledì che aprirà quello che definisce un "santuario del caffè" a Milano il prossimo anno.

Starbucks aprire una torrefazione in Italia è un grosso problema.

Per uno, sarà la prima delle sedi di fascia alta dell'azienda in Europa.

In secondo luogo, il CEO di Starbucks Howard Schultz ha inizialmente tratto ispirazione per la sua catena di caffetterie dopo aver visitato l'Italia negli anni '80.

"Strategicamente, non è il mercato più grande del mondo, ma è il mercato più importante per me personalmente e per l'azienda", ha detto Schultz a Bloomberg. "Perché? Perché gli italiani padroneggiavano il caffè molto prima di Starbucks."

Gli italiani hanno la loro cultura del caffè, e la loro lingua è decisamente diversa da quella degli americani.

Ad esempio, un barista italiano potrebbe darti un aspetto divertente se provi a ordinare un espresso perché laggiù è solo un termine tecnico e non una bevanda vera e propria.

E se chiedi un cappuccino, preparati a ricevere un bicchiere di latte, perché è quello che hai ordinato.

Invece, dovrai ordinare un caffè latte se desideri la versione americana, un latte macchiato.

Quindi Starbucks potrebbe aver bisogno di riorganizzare il suo menu per adattarsi agli amanti del caffè italiani. E potrebbe non essere necessario rifornire quelle iconiche tazze portatili. Molti italiani bevono caffè fino a otto volte al giorno, ma raramente lo fanno durante gli spostamenti.

Dopo aver aperto la sua Milano Reserve Roastery nel 2018, il licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, Percassi, aprirà una serie di punti vendita Starbucks regolari nella città italiana. Un comunicato stampa di Starbucks afferma che "ogni nuovo negozio sarà progettato e curato con attenzione per rispettare la comunità locale e il contesto milanese unico".


Benvenuto! Starbucks intende aprire in un paese dove il caffè è vita

La catena di caffè ha detto mercoledì che aprirà quello che definisce un "santuario del caffè" a Milano il prossimo anno.

Starbucks aprire una torrefazione in Italia è un grosso problema.

Per uno, sarà la prima delle sedi di fascia alta dell'azienda in Europa.

In secondo luogo, il CEO di Starbucks Howard Schultz ha inizialmente tratto ispirazione per la sua catena di caffetterie dopo aver visitato l'Italia negli anni '80.

"Strategicamente, non è il mercato più grande del mondo, ma è il mercato più importante per me personalmente e per l'azienda", ha detto Schultz a Bloomberg. "Perché? Perché gli italiani padroneggiavano il caffè molto prima di Starbucks."

Gli italiani hanno la loro cultura del caffè, e la loro lingua è decisamente diversa da quella degli americani.

Ad esempio, un barista italiano potrebbe darti un aspetto divertente se provi a ordinare un espresso perché laggiù è solo un termine tecnico e non una bevanda vera e propria.

E se chiedi un cappuccino, preparati a ricevere un bicchiere di latte, perché è quello che hai ordinato.

Invece, dovrai ordinare un caffè latte se desideri la versione americana, un latte macchiato.

Quindi Starbucks potrebbe aver bisogno di riorganizzare il suo menu per adattarsi agli amanti del caffè italiani. E potrebbe non essere necessario rifornire quelle iconiche tazze portatili. Molti italiani bevono caffè fino a otto volte al giorno, ma raramente lo fanno durante gli spostamenti.

Dopo aver aperto la sua Milano Reserve Roastery nel 2018, il licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, Percassi, aprirà una serie di punti vendita Starbucks regolari nella città italiana. Un comunicato stampa di Starbucks afferma che "ogni nuovo negozio sarà progettato e curato con attenzione per rispettare la comunità locale e il contesto milanese unico".


Benvenuto! Starbucks intende aprire in un paese dove il caffè è vita

La catena di caffè ha detto mercoledì che aprirà quello che definisce un "santuario del caffè" a Milano il prossimo anno.

Starbucks aprire una torrefazione in Italia è un grosso problema.

Per uno, sarà la prima delle sedi di fascia alta dell'azienda in Europa.

In secondo luogo, il CEO di Starbucks Howard Schultz ha inizialmente tratto ispirazione per la sua catena di caffetterie dopo aver visitato l'Italia negli anni '80.

"Strategicamente, non è il mercato più grande del mondo, ma è il mercato più importante per me personalmente e per l'azienda", ha detto Schultz a Bloomberg. "Perché? Perché gli italiani padroneggiavano il caffè molto prima di Starbucks."

Gli italiani hanno la loro cultura del caffè, e la loro lingua è decisamente diversa da quella degli americani.

Ad esempio, un barista italiano potrebbe darti un aspetto divertente se provi a ordinare un espresso perché laggiù è solo un termine tecnico e non una bevanda vera e propria.

E se chiedi un cappuccino, preparati a ricevere un bicchiere di latte, perché è quello che hai ordinato.

Invece, dovrai ordinare un caffè latte se desideri la versione americana, un latte macchiato.

Quindi Starbucks potrebbe aver bisogno di riorganizzare il suo menu per adattarsi agli amanti del caffè italiani. E potrebbe non essere necessario rifornire quelle iconiche tazze portatili. Molti italiani bevono caffè fino a otto volte al giorno, ma raramente lo fanno durante gli spostamenti.

Dopo aver aperto la sua Milano Reserve Roastery nel 2018, il licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, Percassi, aprirà una serie di punti vendita Starbucks regolari nella città italiana. Un comunicato stampa di Starbucks afferma che "ogni nuovo negozio sarà progettato e curato con attenzione per rispettare la comunità locale e il contesto milanese unico".


Benvenuto! Starbucks intende aprire in un paese dove il caffè è vita

La catena di caffè ha detto mercoledì che aprirà quello che definisce un "santuario del caffè" a Milano il prossimo anno.

Starbucks aprire una torrefazione in Italia è un grosso problema.

Per uno, sarà la prima delle sedi di fascia alta dell'azienda in Europa.

In secondo luogo, il CEO di Starbucks Howard Schultz ha inizialmente tratto ispirazione per la sua catena di caffetterie dopo aver visitato l'Italia negli anni '80.

"Strategicamente, non è il mercato più grande del mondo, ma è il mercato più importante per me personalmente e per l'azienda", ha detto Schultz a Bloomberg. "Perché? Perché gli italiani padroneggiavano il caffè molto prima di Starbucks."

Gli italiani hanno la loro cultura del caffè, e la loro lingua è decisamente diversa da quella degli americani.

Ad esempio, un barista italiano potrebbe darti un aspetto divertente se provi a ordinare un espresso perché laggiù è solo un termine tecnico e non una bevanda vera e propria.

E se chiedi un latte macchiato, preparati a ricevere un bicchiere di latte, perché è quello che hai ordinato.

Invece, dovrai ordinare un caffè latte se desideri la versione americana, un latte macchiato.

Quindi Starbucks potrebbe aver bisogno di riorganizzare il suo menu per adattarsi agli amanti del caffè italiani. E potrebbe non essere necessario rifornire quelle iconiche tazze portatili. Molti italiani bevono caffè fino a otto volte al giorno, ma raramente lo fanno durante gli spostamenti.

Dopo aver aperto la sua Milano Reserve Roastery nel 2018, il licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, Percassi, aprirà una serie di punti vendita Starbucks regolari nella città italiana. Un comunicato stampa di Starbucks afferma che "ogni nuovo negozio sarà progettato e curato con attenzione per rispettare la comunità locale e il contesto milanese unico".


Benvenuto! Starbucks intende aprire in un paese dove il caffè è vita

La catena di caffè ha detto mercoledì che aprirà quello che definisce un "santuario del caffè" a Milano il prossimo anno.

Starbucks aprire una torrefazione in Italia è un grosso problema.

Per uno, sarà la prima delle sedi di fascia alta dell'azienda in Europa.

In secondo luogo, il CEO di Starbucks Howard Schultz ha inizialmente tratto ispirazione per la sua catena di caffetterie dopo aver visitato l'Italia negli anni '80.

"Strategicamente, non è il mercato più grande del mondo, ma è il mercato più importante per me personalmente e per l'azienda", ha detto Schultz a Bloomberg. "Perché? Perché gli italiani padroneggiavano il caffè molto prima di Starbucks."

Gli italiani hanno la loro cultura del caffè, e la loro lingua è decisamente diversa da quella degli americani.

Ad esempio, un barista italiano potrebbe darti uno sguardo divertente se provi a ordinare un espresso perché laggiù è solo un termine tecnico e non una bevanda vera e propria.

E se chiedi un cappuccino, preparati a ricevere un bicchiere di latte, perché è quello che hai ordinato.

Invece, dovrai ordinare un caffè latte se desideri la versione americana, un latte macchiato.

Quindi Starbucks potrebbe aver bisogno di riorganizzare il suo menu per adattarsi agli amanti del caffè italiani. E potrebbe non essere necessario rifornire quelle iconiche tazze portatili. Molti italiani bevono caffè fino a otto volte al giorno, ma raramente lo fanno durante gli spostamenti.

Dopo aver aperto la sua Milano Reserve Roastery nel 2018, il licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, Percassi, aprirà una serie di punti vendita Starbucks regolari nella città italiana. Un comunicato stampa di Starbucks afferma che "ogni nuovo negozio sarà progettato e curato con attenzione per rispettare la comunità locale e il contesto milanese unico".


Benvenuto! Starbucks intende aprire in un paese dove il caffè è vita

La catena di caffè ha detto mercoledì che aprirà quello che definisce un "santuario del caffè" a Milano il prossimo anno.

Starbucks aprire una torrefazione in Italia è un grosso problema.

Per uno, sarà la prima delle sedi di fascia alta dell'azienda in Europa.

In secondo luogo, il CEO di Starbucks Howard Schultz ha inizialmente tratto ispirazione per la sua catena di caffetterie dopo aver visitato l'Italia negli anni '80.

"Strategicamente, non è il mercato più grande del mondo, ma è il mercato più importante per me personalmente e per l'azienda", ha detto Schultz a Bloomberg. "Perché? Perché gli italiani padroneggiavano il caffè molto prima di Starbucks."

Gli italiani hanno la loro cultura del caffè, e la loro lingua è decisamente diversa da quella degli americani.

Ad esempio, un barista italiano potrebbe darti un aspetto divertente se provi a ordinare un espresso perché laggiù è solo un termine tecnico e non una bevanda vera e propria.

E se chiedi un cappuccino, preparati a ricevere un bicchiere di latte, perché è quello che hai ordinato.

Invece, dovrai ordinare un caffè latte se desideri la versione americana, un latte macchiato.

Quindi Starbucks potrebbe aver bisogno di riorganizzare il suo menu per adattarsi agli amanti del caffè italiani. E potrebbe non essere necessario rifornire quelle iconiche tazze portatili. Molti italiani bevono caffè fino a otto volte al giorno, ma raramente lo fanno durante gli spostamenti.

Dopo aver aperto la sua Milano Reserve Roastery nel 2018, il licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, Percassi, aprirà una serie di punti vendita Starbucks regolari nella città italiana. Un comunicato stampa di Starbucks afferma che "ogni nuovo negozio sarà progettato e curato con attenzione per rispettare la comunità locale e il contesto milanese unico".


Benvenuto! Starbucks intende aprire in un paese dove il caffè è vita

La catena di caffè ha detto mercoledì che aprirà quello che definisce un "santuario del caffè" a Milano il prossimo anno.

Starbucks aprire una torrefazione in Italia è un grosso problema.

Per uno, sarà la prima delle sedi di fascia alta dell'azienda in Europa.

In secondo luogo, il CEO di Starbucks Howard Schultz ha inizialmente tratto ispirazione per la sua catena di caffetterie dopo aver visitato l'Italia negli anni '80.

"Strategicamente, non è il mercato più grande del mondo, ma è il mercato più importante per me personalmente e per l'azienda", ha detto Schultz a Bloomberg. "Perché? Perché gli italiani padroneggiavano il caffè molto prima di Starbucks."

Gli italiani hanno la loro cultura del caffè, e la loro lingua è decisamente diversa da quella degli americani.

Ad esempio, un barista italiano potrebbe darti un aspetto divertente se provi a ordinare un espresso perché laggiù è solo un termine tecnico e non una bevanda vera e propria.

E se chiedi un cappuccino, preparati a ricevere un bicchiere di latte, perché è quello che hai ordinato.

Invece, dovrai ordinare un caffè latte se desideri la versione americana, un latte macchiato.

Quindi Starbucks potrebbe aver bisogno di riorganizzare il suo menu per adattarsi agli amanti del caffè italiani. E potrebbe non essere necessario rifornire quelle iconiche tazze portatili. Molti italiani bevono caffè fino a otto volte al giorno, ma raramente lo fanno durante gli spostamenti.

Dopo aver aperto la sua Milano Reserve Roastery nel 2018, il licenziatario italiano e partner commerciale di Starbucks, Percassi, aprirà una serie di punti vendita Starbucks regolari nella città italiana. Un comunicato stampa di Starbucks afferma che "ogni nuovo negozio sarà progettato e curato con attenzione per rispettare la comunità locale e il contesto milanese unico".


Guarda il video: Inside Italys Only Starbucks